(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Rerum italicarum scriptores : raccolta degli storici italiani dal cinquecento al millecinquecento"

Digitized by the Internet Archive 

in 2011 with funding from 

University of Toronto 



http://www.archive.org/details/p1rerumitalicaru26card 



RERUM ITALICARUM 



SCRIPTORES 



RERUM ITALICARUM SCRIPTORES 



RACCOLTA 



DEGLI 



STORICI ITALIANI 

dal cinquecento al millecinquecento 



ORDINATA 



DA 



L. A. MURATORI 

+ + + 

NUOVA EDIZIONE R IVEDUTA AMPLIATA E CORRETTA 

CON LA DIREZIONE 
DI 

GIOSUÈ CARDUCCI e VITTORIO FIORINI 
TOMO VENTESIMOSESTO 



♦VC-FAC::^ 




KOTYPa 



CITTA DI CASTELLO 

COI TIPI DELLA CASA ED ITRICE S. LAPI 




NOV 1 5 1349 
15103 



[Il tomo Ventesimosesto della edizione originale ha il titolo: "Rerum Italicarum Scri- 
ptores | ab anno aerae christianae millesimo \ ad millesimum sexcentesimum \ quorum 
potissima pars \ nunc primum in lucem prodit \ ex Florentinarum bibliotecarum codici- 
bus | tomus I „ e la nota tipografica : Florentiae. MDCCXXXXVIII. Ex Tipographia 
Petri Cajetani Viviani. Superiorum permissu. Il tomo è in f.°; ha pp. x, colonne 1144: 
forma il primo volume degli Additamenta di Giuseppe Maria Tartini], 






FRANCISCO 

CAESARI 

ROMANORVM IMPERATORI 

MAGNO PIO CLEMENTI 

SEMPER AVGVSTO 

QVOD AVCTA SERVATAQVE 

IN IPSO BELLORVM ARDORE 

ETRVRIAE SVAE TR ANQVILLITATE 

RESTITVTIS LITERIS ARTIBVS 

COMMERCIO TERRA MARIUVE PROPAGATO 

VIRTVTVM SVARVM PRAEBEAT MONVMENTA 

RERVM ITALICARVM SCRIPTORIBVS 

PRIMVM FLORENTINAÈ COLLECTIONIS VOLVMEN 

NOMINI MAIESTATICHE EIVS DICATISSIMVS 

IOSEPH MARIA TART1NIVS 
CONSECRAT 



g — 



LECTOR1 BENEVOLO 




uantum utilitatis publice, privatimque adferat rerum olim gestarum Histo- 
rias in lucem edere, nemini prorsus ignotum putamus. Nam ut hoc pluries 
luce clarius est demonstratum, ita nuper validissimis argumentis idem 
confirmarunt illustres ingenio viri, qui magno apparatu, sed majori Reipublicae litterarie 
plausu, Rerum ltalicarum Scriptores, Palatinorum Mediolanensium Sociorum expensis, in 
unum corpus redactos, publici juris fecerunt. Cujus quidem amplissimi Operis Syllogen 
hanc nostram veluti Appendicem necessario habendam existimamus, cum praesertim ad 
ea quoque tempora descendat, quorum nulla ibidem Historia reperitur. Atque adeo illud 
est verum nil magis nobis curae fuisse, quam Operis laudati perfectionem, ut Scriptorum 
quorumdam fragmenta referre satis habuerimus, ne actum agere videremur eadem rursus 
hic Opera inserendo, neve ea relinquere cogeremur, quae illic desiderabantur, quaeque 
admodum utilia, et necessaria doctorum hominum judicio censebantur. Quicquid sit tan- 
dem, illud asserere nullo modo veremur, nos scilicet prò virili parte adlaborasse, ut 
quam fideliter verba omnia, prout in Codicibus jacebant, exscriberentur, eandemque ob 
causam 0(pàX/LiaT(x non pauca intacta reliquisse, quae vel Auctorum inscitia, vel veterum 
amanuensium incuria efFuderat. Idque eo Consilio fecimus, ne fallaci interdum conje- 
ctura decepti, absque ulla Codicum auctoritate manum temere scriptis veteribus ad- 
moveremus, pejoraque forsan ea loca redderemus, atque obscuriora, quam ut Lector, 
qui alioquin facile mederetur, ulla umquam ratione posset corrigere. 

Reliquum notitias illas, quas de Auctoribus a me prolatis colligere potui, singulis 
adjeci. Varias Historiis ipsis adnotationes adposui, quae vel Historiarum incerta facta, 
vel Chronologiae plurimos errores corrigerent, ac in propriam lucem historiae veri- 
tatem conlocarent. 



PG- 
403 



Habebis itaque editionem pulcherrimam, ac Sociorum Palatinorum ei non absimi- 
lem; et scias si aliqua errata hic offendes, chalcographorum negligentia evenisse; me 
vero plurimis distractum curis tanto operi nimium incumbere interdum non potuisse, 
interdum vero incumbenti non eandem semper animi praesentiam fuisse. 

Denique tandem oro, obtestorque te, Lector humanissime, ut si aliqua insignia 
monumenta medii aevi Historiam inlustrantia in tuis Cimeliis habes, velis significare, 
et transmittere, ut in sequentibus Voluminibus ea possim publico bono proferre, atque 
ita literariam Rempublicam Scriptoribus locupletissimis exornare. Grato quidem animo 
qui reconditas patefaciet Historias prosequar, nomen ipsius in Opere commendabo; 
Typographus vero aliquo saltem modo gratitudinem suam illi testabitur. Vale. 



/7 ventesimo sesto volume dell' edizione originale {-primo degli Additamenta di G. M. Tortini) 
conteneva: 



Excerpta ex Historia Sozomeni Pistoriensis ab an- 
no CIDI ad annum CIOCCLXXXXIV nunc primum 
tenebris eruta e Manuscripto Codice membranaceo 
Bibliothecae Canonicorum Regularium Lateranensiutn 
S. Bartholomaeì Faesularum. Partem alteram habes in 
Tomo XVIII, sed in ordine XVI editionis Mediola- 
nensis, cura, et studio Sociorum Palatinorum . p. i 

Excerpta ex Matthaei Palmerii Florentini Libro de 
temporibus ab anno MCCLXXXXIV ad annum 
MCCCCXLVIU ex Ms. Codice Bibliothecae S. Ma- 
riae Carmeli Florentiae p. 209 

Matthaei Palmerii Pisani Opus de temporibus suis ab 
anno MCCCCXLIX ad annum MCCCCLXXXII ex 
Ms. Codice Bibliothecae S. Mariae Carmeli. p. 235 

S. Gregorii Papae VIL Epistolae aliquot Hstoricae ex 
Ms. Codice D. Dominici Mariae Mannt. . . p. 279 



Croniche della città di Pisa dall'anno della sua edi- 
ficazione al MCCCCVI, del dottore Bernardo Ma- 
rangone Pisano, tratte per la prima volta in luce 
da un testo a penna del sig. Vincenzio Coletti p. 407 

Fragmenta Fulginatis Historiae ab a. MCLXXXXVHI 
usque ad MCCCCXL, auctoribus Bonaventura Bene- 
venuti, ac Petruccio de Unctis Fulginatensibus ex 
CI. Viri Lud. Ant. Muratorii Antiquitatum Italica- 
rum Tomo IV, adjectis Notis doctiss. Viror. Justi- 
niani Pagliarini Fulginatis, et Dominici Mariae 
Manni Fiorentini p. 843 

Istoria della città di Chiusi in Toscana dall'anno 
DCCCCXXXVI al MDXCV di messer Jacomo Gori 
da Senalonga per la prima volta venuta in luce 
dall' esemplare Ms. della Libreria pubblica Maglia- 
bechiana p. 875 



m 



RERUM ITALICARUM SCRIPTORES 



RACCOLTA 



DEGLI 



STORICI ITALIANI 



dal cinquecento al millecinquecento 



ORDINATA 



DA 



L. A MURATORI 

i x x 

/ / / 

NUOVA EDIZIONE RIVEDUTA AMPLIATA E CORRETTA 

CON LA DIREZIONE 

DI 

GIOSUÈ CARDUCCI e VITTORIO FIORINI 

TOMO XXVI (Tartini) - P. I 

(MATTHEI palmerii 
LIBER DE TEMPORIBUS) 




CITTA DI CASTELLO 

COI TIPI DELLA CASA EDITRICE S. LAPI 



M ATTHEI 
P A L M E R I I 



Liber de Temporibus 

[AA. 1-1448] 



A CURA 



DI 



GINO SCARAMELLA 



Seguono in Appendice: 

Matthei Palmerii A?males (AA. 1429 -1474) 
comunemente noti sotto il nome di Hi storia fio- 
rentina. 



V 



CITTA DI CASTELLO 

COI TIPI DELLA CASA EDITRICE S. LAPI 



Cominciato a stampare nel mese di gennaio dell'anno 1906 



PROPRIETÀ LETTERARIA 



PREFAZIONE 



T. XXVI CTartini, I), p. i — A. 



Il De Temporibus di Matteo Palmieri è un quadro cronografico dei prin- 
cipali avvenimenti dall'era volgare fino al 1448. 
Come resulta dal titolo e dalla prefazione il Nostro si curò quasi unica- 
mente di determinare i tempora cioè le date dei fatti più notevoli, cui accenna assai 
5 brevemente. Seguì in questo l'esempio autorevolissimo di Eusebio, di San Girolamo J , 
dei continuatori di lui 2 ; esempio che era stato ripreso da Isidoro di Siviglia 3 e da 
Beda 4 e poi, nel secolo XI, da Ermanno Augiense 5 , da Mariano Scoto 6 , da Eccardo 7 
e Sigiberto di Gemblours 8 , ma, dopo di loro, non era stato ulteriormente seguito. 
Non eran certo mancati dopo il Mille pazienti e faragginosi compilatori di notizie 
10 storiche: più celebre di tutti Vincenzo di Beauvais 9 ; ma costoro pur seguendo al- 
l'ingrosso l'ordine cronologico, non si erano affaticati a determinare volta per volta 
o a render più perspicua la data dei fatti che esponevano. A loro premeva soltanto 
di raccogliere il numero maggiore di notizie per accrescere la mole dell'opera e 
conseguire così, a quanto credevano, più grande lode. Del legame cronologico si 
15 curavano fino a un certo punto. 

V'era stato poi chi, partendosi da quei magri cataloghi d'imperatori e pontefici, 
dei quali abbonda la storiografia medio-evale 10 , aveva sotto il nome di ciascuno di essi 
registrati gli avvenimenti più importanti dei singoli regni o pontificati. 11 più noto, 
Martin Polono n , usò in una compilazione di questo genere una meccanicità quasi 



1 Eusebius, Chronicorum canonum liber : Hieronymi 
versio ; ediz. Schoene, Berlino, Weidmann, 1866. 

2 Vedili tutti in MM. GG. HH, Auctores Antiquis- 
simi, tomi IX e XI. 

5 3 IsiDORIS IUNIORIS EPISCOPI HlSPALENSIS, ChrO- 

nica mazora, MM. GG. HH, AA., XI, p. 424 sgg. 

4 Bedae, Chronica mazora, MM. GG. HH., AA., 
XIII, p. 247 sgg. 

5 Herimanni Augiensis (vulgo Ermanno Contrat- 
10 to), Chronicon, MM. GG. HH., SS., V, p. 74 sgg. 

6 Mariani Scotti, Chronicon, ibid., p. 495 sgg. 



7 Ekkeardi Uraugiensis, Chronicon universale, 
MM. GG. HH., SS., VI, p. 33 sgg. 

8 Sigeberti Gemblacensis, Chron., ibid., p. 300 sgg. 

9 Vincentii Bellovacensis, Speculum historiaU. 15 
Ebbi sott'occhio l'edizione di Ermanno Liechtestein, 
Venetiis, 1494. 

10 Molti furono pubblicati nei MM. GG. HH., più 
specialmente in SS., XIII, XXII, XXIV, XXXI. 

11 Martini Oppaviensis, Chronicon ponti ficum et 20 
imperatorum romanorum, in MM. GG. HH, SS., XXII, 

P- 39 8 s Sg- 



IV PREFAZIONE 



infantile; in una pagina i nomi degli imperatori, nella pagina di fianco quelli dei pon- 
tefici, e al disotto di ogni nome un numero di righe bianche corrispondente a quello 
degli anni che avevano governato; le linee eran poi riempite con gli accenni a tanti 
fatti quanti bastavano a colmare lo spazio vuoto *. Gli imitatori di Martino, per 
esempio Tolomeo da Lucca 2 , mantennero la divisione per regni o per papati ; ma 5 
la narrazione dei fatti relativi a ciascuno di essi non fu da loro limitata da nessun 
calcolo di spazio. Così si accrebbe il numero delle notizie, divenne più completo il 
racconto, ma il lettore non era posto in grado di determinare l'anno preciso di cia- 
scun avvenimento e doveva contentarsi di conoscere il periodo nel quale era avvenuto. 

Nel secolo XIV torna in onore una maggiore esattezza nella determinazione ero- 10 
nologica degli avvenimenti ; questi anche in molti scrittori italiani sono esposti per 
anni; ma si tratta sempre di scrittori regionali o cittadini, che con la menzione di 
fatti estranei badavano solo a render più interessante l'esposizione delle vicende della 
loro patria. Il pensiero di scrivere una vera e propria storia universale divisa per 
anni venne pel primo, come avremo occasione di ripetere appresso 3 , a Sozomeno 15 
di Pistoia 4 . In ogni modo, come per gli scrittori regionali, anche per lui la divisione 
cronologica ha un'importanza secondaria; se ne serve solo come criterio per l'ag- 
gruppamento delle notizie più disparate; più che le date, gli interessano i fatti; ha 
intenti annalistici, più che cronografici. 

Eppure col progredire e col divulgarsi della cultura si doveva sentir la man- 20 
canza di un'opera, che ponesse d'accordo i vari computi (anni del mondo, di Cristo, 
degli imperatori, dei papi) usati fino ad allora per fissare nel tempo gli avvenimenti e 
desse modo di conoscere a bella prima in qual anno di ciascuna di queste ere fosse 
accaduto un dato fatto; un'opera insomma del genere di quelle di San Gerolamo e 
di Sigiberto 5 , nella quale la narrazione fosse ridotta ai minimi termini e la determi- 25 
nazione cronologica avesse il primo posto. 

Il Palmieri si rese conto di tale mancanza, e per supplirvi compilò il De Tempo- 
ribus* a Utile fore duxi — così s'esprime nella Prefazione 6 — de fidelioribus historicis 
u et pontificum imperatorumque chirographis et privilegiis illustriora quaedam erigere..., 
" cimi intentionis meae nequaquam sii historiam conscribere, quod immensum quidem 30 
u foret opus, sed tempora rerum solum annotare... . A Christi vero nativitate usque 
u ad nostrani aetatem, quae secuta erunt tempora per singulos prosequar annos, 
u unicuique anno si quid memoria dignum gestum erit breviter adscribens. Initium 
" praeterea ponam summorum -pontificum ac etiam imperatorum et caesarum et suc- 
a cessiones eorum; nec non alìorum regum quibus gentibus et quando quantoque regna- 35 



1 Ibid., p. 381 sg. p. 5 sgg. (anni 1001-1294): dal Muratori nel voi. XVI 

2 Ptolomaei Lucensis, Historia Ecclesiastica, in dei RR. IL SS., p. 1093 sgg. (anni 1362-1410); dal 
Muratori, RR. IL SS., XI, p. 753 sgg. prof. Guido Zaccagnini in questa ristampa della Rac- io 

3 Cf. p. vii sgg. colta Muratoriana, tomo XVI, parte 1, Città di 

4 Sozomeni presbytiìri pistorieksis, Chronicoti Castello, 1908 (anni 1411-1455). 
universale. Fu pubblicato parzialmente dal Tartini nel 5 Op. cit. a note 1 e 8. 
voi. I degli Additamtnta ai RR. IL SS. del Muratori, 6 Vedi p. 5, 1. 34. 



l'KKKAZIONli 



" verini; quando quae ciani fuerint conditele urbes , et quibus aetatibus vita vel scientia 
"vel gestis viri illustres extiterint. Nec sol uni nostrae salutis annos signabo ; veruni 
a etiani mundi annos -per decadas demonstrabo } ut clarius quo gesta sint tempore di- 
" scernatur „. E perchè tra tante indicazioni non avesse a nascere confusione u hane 
5 u potissimam distinctionem servano, ut numerorum tramites, qui per vicinitatem nimiani 
a pene misti sunt, distinctione rubei coloris a nigro separentur, quae distinctio ita pc.r- 
tt petua procedat, ut numerus qui erit in -principio minio fi guratus subsequatur in fine m. 
tt Quo facto manifestila quaeque dignoscentur „. E nel timore che questa distinctio 
temporum, che era stata il suo unico intento e gli era costata tanta fatica, non ve- 
lo nisse alterata da poco coscienziosi copisti raccomanda: u Rogo igitur iìlum, qui ali- 
a quando hunc librum transcribet, ut diligeìiter eodem servato ordine transcribat „. 

La stesura dell'opera corrisponde perfettamente ai criteri indicati nella prefazione. 
In ciascuna linea a sinistra in nero l'anno di Cristo, in rosso il nome del pontefice 
o l'anno del suo pontificato, a destra in rosso il nome o l'anno di regno degli impe- 
15 ratori e, dal 320 al 976, anche quelli degli imperatori d'Oriente scritti però in nero; 
da ultimo, ogni dieci anni, Panno del mondo; in mezzo della riga brevissime notizie 
relative a ogni singolo anno, ma, quando il Palmieri non ritrovò alcun avvenimento 
degno di menzione, lo spazio rimane vuoto: per effetto di questa accurata disposizione 
più della nozione dei fatti salta all'occhio del lettore la loro determinazione cronologica. 
20 Così congegnata l'opera riesci facilissima a consultarsi; e per questo ed anche 

perchè non troppo voluminosa ebbe ai suoi tempi fortuna rara per un lavoro di tal 
genere. Come diremo l , per tutto il secolo XV se ne moltiplicarono i codici, e alla 
line del secolo e nella prima metà del seguente le edizioni. Esclusivamente questa 
sua fortuna conferisce anche oggi al De Temporibus una notevole importanza. Poiché 
25 il suo valore intrinseco è nullo: niente avrebbe da apprendere lo studioso da un 
elenco di date per lo più errate, o di fatti o molto noti o poco importanti o mai 
avvenuti, scelti senza criteri determinati, compendiati inesattamente in un latino me- 
diocre o addirittura scorretto. Ma ove si consideri che quasi tutti gli storici della 
seconda metà del secolo XV e quelli del XVI pel computo cronologico degli avve- 
30 nimenti meno vicini a loro si fondarono sulle fatiche del buon speziale fiorentino, 
ove si pensi che solo tenendo presente il De Temporibus possono spiegarsi curiosi 
scambi di data, strane fusioni o riavvicinamenti di fatti disparati, o sdoppiamenti di 
un unico evento, di cui son pieni gli scrittori di quei secoli, risulterà evidente il valore 
della compilazione palmeriana rispetto alla storiografia della fine del Medio-evo e 
35 dell'inizio dell'età moderna. 

Tutte queste ragioni mi hanno indotto a pubblicare integralmente l'opera di cui 
il Tartini nella sua continuazione alla silloge muratoriana aveva accolto solo la parte 
posteriore nel 1294. Quando ne intrapresi l'edizione speravo di poterne determinare 

1 Vedi p. xxi sgg. 



VI PREFAZIONE 



completamente le fonti dirette ed indirette e di spiegarne il sistema cronologico; 
avrei dato in tal modo una chiara idea della cronografia medioevale così oscura e 
controversa, avrei rilevata la ragione di errori universalmente accettati per qualche 
secolo e fin qui inesplicabili. Invece nel licenziare alle stampe la prefazione, otto 
anni dopo la pubblicazione del testo, debbo con rammarico confessare a me stesso, 5 
che solo in parte son riuscito nell'intento prefissomi. Troppi anelli della catena, che 
congiunge le fonti primitive al Palmieri, sono ancor sconosciuti, se pur non sono 
andati distrutti; troppi dei molteplici elementi, che sia pur in via indiretta contribui- 
rono alla formazione del De Tempo?'ibus, non possono essere neanche approssimati- 
vamente determinati. In molti casi si può constatare nello scritto del Palmieri la 10 
presenza di notizie errate o svisate, si possono registrare computi cronologici diversi 
da tutti quelli fin qui noti, ma non è possibile determinarne le ragioni o la derivazione. 
Con tutto ciò non mi pento d'aver intrapreso il lavoro; son riuscito a spiegare 
molti errori di fatto o di data peculiari al nostro autore, di molte incongruenze cro- 
nologiche ho trovato il motivo. Ed anche quando la ricerca è stata infruttuosa, 15 
quando date e fatti non rinvennero conferma o spiegazione in nessuna delle opere 
anteriori fin qui conosciute, non può dirsi che tal esito negativo a nulla sia giovato: 
che anzi da tal risultato può trarsi la conclusione, che il De Temporibus riassume 
fonti preziose per la storia della cronografia medioevale a noi ignote; che quindi ne 
supplisce la mancanza e può essere anche oggi utile a quanti coltivano tali studi, 20 
come ai suoi tempi lo fu a tutti coloro che si interessavano degli avvenimenti del- 
l'oscuro Medio-evo. 

11 Palmieri nella prefazione accenna vagamente alle sue fonti: " Utile fore duxi 
" de fidelioribus historicis et pontificum imperatorumque privilegiis atque chirographis 
a illustriora quaedam eligere „. Ma tale accenno è troppo indeterminato, perchè possa 25 
trarsene alcuna conclusione. Né ci danno maggior lume i due soli passi dell'opera, 
in cui si fa il nome di due scrittori donde deriverebbero le notizie in essi contenute. 
Così nulla ci dice il nome di Dazio, arcivescovo di Milano, sulla cui autorità al- 
l'anno 539 vien fatta menzione d'un' immane carestia; poiché tal nome è ricordato a 
proposito di quella carestia dal Liber Pontificalis (Silverius, 100) x , e da Paolo Diacono 30' 
(ffist. Roui., XV, 1 8) 2 e dai molti, che prima del Palmieri attinsero allo storico 
langobardo. E neanche la menzione di Sigiberto all'anno 783 prova che il Palmieri 
abbia veduto la sua cronaca; anzi quel passo mostra manifestamente, che egli lo cita 
di seconda mano da Vincenzo Bellovacense o da un suo compilatore. La notizia 
riguarda il ritrovamento a Costantinopoli di un'iscrizione annunziante la resurrezione 35 
di Cristo, che secondo V Historia Miscelici, libro XXV, 9 3 , sarebbe stata scolpita su 



1 Tenni presente l'edizione del Duchesne, Paris, 3 Landolfi Sagacis, Bistorta, ediz. Crivellucci. in 5 
1SS6 e 1892. Fonti per la storia d'Italia. Roma, 1912 e 

2 Per V Historia Romana di Paolo mi servii del- 1913, 2 volumi, 
l'edizione dei MM. GG. HH., AA., II. 



PREFAZIONE vii 



un'arca lapìdea contenente il cadavere d'un giovane; Sigiberto (ad a. 782, p. 335) 
ripete il fatto, ma cambia arca in aurea) Vincenzo Bellovacense (libro XXIII, 172) 
riferisce, e lo dichiara, le parole di Sigiberto, ma per ristabilire il senso muta il lapidea 
in lamina e legge lamina aurea, forma accettata dal Palmieri, che rivela così d'aver 
5 attinto direttamente o indirettamente da Vincenzo e non dal monaco gemblacense. 

Manca adunque nel De Temporibus qualunque indicazione esplicita, dalla quale 
si possano senz'altro rilevare le sue fonti. 

In mancanza di indicazioni dirette abbiamo rivolta senz'altro la nostra attenzione 
alle compilazioni storiche più vicine al Palmieri e prima di tutte all'opera di un erudito 

10 pistoiese che fu suo maestro, al Chronicon universale di Sozomeno da Pistoia l . I 
due scritti per una certa loro analogia formale (nell'uno e nell'altro gli avvenimenti 
sono registrati per anni) eran già stati riavvicinati dai Tartini, che nel primo volume 
dei suoi Additamenta alla raccolta muratoriana, volendo dare alla luce una specie di 
sommario storico dal 1000 in poi, pubblicava, egli per primo, quella parte dello scatto 

15 sozomeniano che dall'inizio del secolo XI va fino all'anno 1294; poi, visto che il 
codice del Chronicon da lui seguito non andava oltre quest'anno, ristampava di se- 
guito il tratto del De Temporibus posteriore a quella data. 

Però chi voglia determinare esattamente i rapporti che corrono fra le due opere 
(rapporti notevolissimi, come ebbe ad affermare lo stesso Tartini 2 ), deve notare prima 

20 di tutto, che esse ebbero nella mente dei loro autori intenti affatto diversi. Se, come 
abbiamo già detto 3 , il Palmieri volle limitarsi a pubblicare un quadro cronografico di 
facile consultazione (cum intentionis meae nequaquam sii historiam conscribere, qtwd 
ìmmensum foret opus, sed tempora rerum solum adnotare quo manìfestius sìngula co- 
gnoscantur 4 ) il Sozomeno manifesta esplicitamente nella prefazione 5 l'intendimento 



1 Sozomeni pistoriensis, Chronicon universale cit. anteriore al 1362 (cf. Introduzione cit., p. xxvii, 25 

Che Matteo fosse scolaro del canonico pistoiese attesta nota 3). A questo riguardo adunque le conclusioni, cui 

il Dati (Prefazione alla Città di Vita del Palmieri, son giunto, sono del tutto indipendenti dalle ricerche 

Laurenziano, XL, 58: cf. Banmni, Catalogo, V, 80) t dello Zaccagnini: io le ho desunte in parte da varie 

5 vedi anche Messeri, Matteo Palmieri cittadino di Firenze, notizie riguardanti i mss. sozomeniani sparse nelle me- 

in Archivio storico italiano, serie 5% vo 1. XIII morie su ricordate, in parte dall'esame diretto di tutto 30 

p. 268. Circa l'opera del Sozomeno molte notizie ho, il Chronicon sull'esemplare esistente all'Ambrosiana (C, 

rilevato, tra gli altri da: Zaccaria, Bibliotheca Pisto- 165 a e b). 
riensis, Torino, 1752, p. 29 sgg.: Ciampi Sebastiano, 2 II Tartini nella sua Prefazione al De Tem- 

io Notizie del canonico Sozomeno, Pisa, 18 io: Zaccagnini, poribus (vedila ristampata a p. xliii) dice d'aver trala- 

Uno storico umanista pistoiese, in Studi di lettera- sciato il tratto dell'opera anteriore al 1294 per la sua 35 

tura italiana, diretti da Percopo e Zingarelli, somiglianza con la compilazione del Sozomeno: sog- 

vol. II, p. 209 sgg. ; e specialmente dall' Intr oduzione giunge, senza dimostrarlo perchè già fin troppo noto (!), che 

premessa dallo stesso Zaccagnini all'ultima parte del i due autori conobbero l'uno l'opera dell'altro. 

15 Chronicon pubblicata in questa nuova edizione della ^ Cf. p. ìv. 

Raccolta muratoriana (Città di Castello, 1908, * Prefazione, p. 5, 1. 26. 40 
voi. XVI, parte 1). L'egregio prof. Zaccagnini ritenne 5 Fu pubblicata parzialmente dal Muratori (Pre- 
inutile (ed in ciò sono stato e sono perfettamente d'ac- fazione agli Excerpta del Sozomeno, RR. II. SS., 
cordo con lui) la pubblicazione dell' intera opera e si voi. XVI, riprodotta dallo Zaccagnini. ediz. cit., p. xlix). 

20 limitò a darne alla luce la parte più interessante, con- La trascrisse anche il Ciampi, op. cit., p. 19, ma omise 

temporanea all'autore, e fino ad oggi allatto sconosciuta. qualche periodo e ne alterò il senso con una punteggia- 45 

Per tal ragione egli, come era naturale, non si preoc- tura errata. Mercè la gentilezza del comm. Guido Biagi 

cupo di determinare il processo di formazione, il modo potei ottenere un'ottima riproduzione delle due carte 

e la data di pubblicazione e sopratutto le fonti del tratto del cod. Laurenziano-Fiesolano 152, che la contengono. 



Vili 



PREFAZIONE 



di comporre una vera e propria storia universale sia pur suddividendo la materia per 
anni: "Scripturus ab orbe condito usque ad nostra tempora quaeque mihi digna me- 
" morata videbantur, tam brevitcr quam tanta res dici potest „ egli era certo che 
il suo poco pregevole {satis tenuem) lavoro non sarebbe apprezzato dai dotti " cum 
" illa assumere ausus sim, que tantum ingeniis eruditissimis atque paucissimis concessa 5 
tt sunt. Quibus (doctis) pace eorum sic respondendum arbitror : cum animadverti hanc 
" cronicam, ne dicam historiam describere, non eam talem existimavi ut in bibliotecis 
tf dignam putarem reponendam foreque legendam „; pure la scrisse per non vivere in 
ozio: u hinc est quod supra vires meas hoc difficile opus assumpsi „; non rincresca 
perciò a quelli, cui la sua opera non sarà utile, se egli ricercò gli antichi esempi 10 
come norma della vita sua e di quanti come lui " rerum imperiti .... facillime dila- 
u buntur in fraude „. Non discuto della sincerità delle dichiarazioni del canonico pi- 
stoiese circa al valore della sua compilazione 1 ; noto solo che da esse resulta chia- 
ramente la sua intenzione di mettere insieme una vera hlstoria, dalla quale invece 
rifugge il pensiero del Palmieri. 15 

E utile anche prima di procedere a un confronto dei due scritti raccogliere i 
dati rimastici sulla data e sul modo di pubblicazione dell'uno e dell'altro di essi. 

Non sappiamo quando il Palmieri si accinse a scrivere il De Temporibus. E 
certo però che lo terminò dopo la metà d'ottobre 1448 (alla fine dell'opera registra 
la notizia del ricupero di Lodi da parte di Milanesi avvenuto in quei giorni) e nello 20 
scorcio dello stesso anno lo rese di pubblica ragione, tanto che il 22 decembre An- 
tonio di Mario, notissimo amanuense fiorentino 2 , finiva di trascriverne dall'originale 
una copia che ancor ci rimane ed ha servito di base a questa edizione 8 . Non mi 
parrebbe poi improbabile l'ipotesi che la composizione dell'opera sia stata intrapresa 
dopo il 1446: infatti negli anni immediatamente precedenti il Palmieri fu molto oc- 25 
cupato in uffici pubblici intrinseci ed estrinseci affidatigli dalla Signoria ligia ai Medici 4 
e non ebbe neppur agio di registrare in una specie di cronaca messa insieme per 
proprio conto gli avvenimenti più notevoli, che invece narra per disteso dopo il 1446 5 . 

Il Sozomeno invece attese a raccogliere i materiali pel suo Chronicon fin dal 1 432 6 ; 



1 Per quanto il Da Bisticci ( Vite di uomini illustri, 
ediz. Frati, voi. II, p. 216, Bologna, 1893) ci attesti, che 
terminata l'opera non si curava darne copia, dubito assai 
della sincerità delle espressioni del Sozomeno. Infatti 
5 tutta la prima parte della prefazione non è che un cen- 
tone di parole e frasi tolte dai primi capitoli della Ca- 
tilinaria e del Giugurtino*, e la modestia, di cui qui si 
fa sfoggio, è stranamente contraddetta dalle parole con 
le quali lo stesso autore offriva a Vespasiano da Bisticci 

io il primo volume dell'opera: " Esto ergo immortalis, ut 
" ita dixerim : dummodo haec mea scripta, satis inepte prò 
" ingenioli mei facilitate prolata, tu etiam permanebis ! „ 
Tale lettera già pubblicata dal Fabricius (Bibl. lat. me- 
diae et infimae aetatis, VI, p. 200), conosciuta dal Tartini 

15 (P re f az i o ne al Chronicon del Sozomeno, riprodotta 



in Zaccagnini, ediz. cit., p. xxxvm), edita nuovamente 
dal Bandini ( Catalogo leopoldino-laurenziano , voi. Ili, 
p. 96), si legge anche in Zaccagnini cit., p. xl, nota 2. 

2 Trascrisse anche il voi. I del Chronicon del Sozo- 
meno ( Vaticano-Latino ig6g; cf. Zaccagnini cit., p. xxxvm, 20 
nota 2) e, per conto dei Medici, le Storie fiorentine del 
Bruni (Laurenziano , LXV, 5*, cf. E. Santini, Leonardo 
Bruni Aretino etc, in Annali della Scuola Nor- 
male di Pisa, voi. XXII, 1910, p. 8). 

3 È il cod. della NazionaU Fiorentina, Conventi sop- 25 
pressi, 263S. Cf. p. xxiv. 

4 Messeri, op. cit., p. 278 sgg. 

5 Alludo agli Annales pubblicati da me di seguito 
al De Temporibus. Cf. p. 151 sgg. 

6 Cf. Zaccagnini, Introduzione cit., p. xxxvil. 30 



PREFAZIONE 



IX 



terminatolo a con grandissima dirKcultà e con grande lunghezza di tempo „, cominciò 
ad emendarlo 1 coli' intenzione di cavarne due grandi volumi l'uno fino a Giulio 
Cesare, l'altro tino ai suoi giorni 2 . Era arrivato con la redazione definitiva fino ai 
tempi di papa Celestino V, quando per sollecitazione di Vespasiano da Bisticci si 
5 decise "a darne copia „ cioè a pubblicarla 9 . Da prima, certo non dopo il 1456 ma 
probabilmente qualche anno avanti 4 , vide la luce il primo volume 5 ; poi, vivo ancora 
l'autore, la prima parte del secondo volume fino al 1294 6 . In quanto all'ultima 
parte dell'opera (seconda del secondo volume) lo stesso Vespasiano ci dice, che il So- 
zomeno " l'ordinò; non restava che ad emendarla e riducerla in ordine; questa non 
10 "la potè finire perchè prevenuto dalla morte „ 7 ; sì che, quando egli morì nel 1458, 
ne esisteva un solo esemplare condotto fino al 1455, ma non completamente limato, 
che egli lasciò insieme con gli altri suoi libri alla città natale 8 . 



1 Da Bisticci, loc. cit. 

1 u Erunt preterea duo volumina primum usque 
" ad C. Caesarem et secundum a C. Caesare usque ad 
" nostrani aetatem „. Sozomeno, Prefazione cit. Che 
5 il Sozomeno ponesse ad effetto questa sua intenzione è 
dimostrato: i°) dal giungere proprio fino a Giulio 
Cesare il primo tomo degli esemplari migliori (il Lau- 
renziano-Fie solano 152, V 'Ambrosiano C, 165 a, il Vati- 
cano 1969, quello del Canonico de Ram nella biblioteca 

io di Lowcn) : 2°) dalle parole con le quali incomincia il 
secondo volume: " Caii Iulii Caesaris gesta in praece- 
" denti primo volumine satis explicata sunt. Nunc in 
" hoc secundo volumine restat manifestandum, quae 
" post Pompeii fugam egerit eie. „: 3 ) dal terminare 

15 il Vaticano 7272, che contiene la parte del Chronicon 
dal 1334 al 1455 (vale a dire l'ultimo tratto della parte 
lasciata inedita dal Sozomeno) con la dicitura : * Finis 
" secundi voluminis Chronicae Sozomeni etc. „\ tale di- 
citura corrisponde del resto all'indicazione impressa 

20 più recentemente sulla costola del ms. : "Sozomeni, 
" Chronicon, tomo II, parte u „ dalla quale rileviamo che 
del voi. II esisteva una prima parte ora perduta di ben 
410 carte (la numerazione della seconda parte inco- 
mincia appunto col n. CCCCXI) che doveva trattare 

25 degli avvenimenti da Cesare al 1334, e che il volume 
nel suo complesso si estendeva da Cesare fino ai tempi 
dello scrittore. Osservo infine che questa divisione del- 
l'opera in due volumi, l'ultimo dei quali necessaria- 
mente fu suddiviso in due parti, l'ima resa nota dal 

30 suo autore prima della morte, l'altra conosciuta dopo, 
non contraddice minimamente a una diversa divisione 
in tomi, fatta, trattandosi di opera assai voluminosa, 
unicamente per comodo dei copisti o dei legatori. 

:ì Da Bisticci, loc. cit. Del resto nessuno dei mss. 

35 da noi posseduto, se si eccettui il Vaticano 7272 va oltre 
al 1294: e nel ms. Restiano, di cui si servì il Muratori 
e che doveva essere una specie d'estratto abbastanza 
tardo dell'opera, all'anno 1294 era notato: "Finis totius 
* repoliti a Sozomeno presbitero usque ad annum 129$ „ 

40 (cf. Muratori, Prefazione, ristampa, p. li). 

4 Infatti il Vaticano 1969 fu scritto in quell'anno ; 
(cf. Zaccagnini, op. cit., p. xxxviii, nota 2). Ripeto che 
dallo Zaccagnini, dall'opuscolo del Ciampi e dal Ca- 



45 



5° 



55 



60 



talogo del Bandini ho desunto tutte le notizie relative 
ai mss. sozomeniani. 

5 Che il primo volume sia uscito separatamente 
lo prova l'averlo il Sozomeno accompagnato con ap- 
posita lettera di dedica a Vespasiano da Bisticci, nella 
quale non si parla del volume seguente: " Haud te.... 
" silentio praeterire in huius primi voluminis calce mihi 
" non est consilium „. Si spiega così anche, come al- 
cune copie dell'opera (la Chigiana e la Vaticana 1969) 
non vadano oltre il primo volume. 

6 Infatti il secondo volume dell'esemplare Mediceo- 
Fiesolano 153, ha annotazioni autografe del Sozomeno 
(Zaccagnini, op. cit., p. xt., nota 1); il codice scritto 
per commissione di Cosimo dei Medici (cf. Da Bisticci, 
Vite cit., Ili, p. 52) fu nel 1466 regalato dal figlio Piero 
alla Badìa di Fiesole. 

7 Da Bisticci, op. cit., II, p. 216 cit. 

8 Lo Zaccagnini {op. cit., p. xxxix) riprendendo 
l'ipotesi dello Zaccaria {op. cit., p. 43, nota 14) sup- 
pone che il Sozomeno lasciasse l'ultima parte della sua 
opera in quaderni sciolti (lo Zaccaria crede addirittura 
in schedis). L' ipotesi e contraddetta dall'essere la ma- 
teria degli anni 1410-1455, edita recentemente dallo 
stesso Zaccagnini da un codice derivante direttamente 
dall'originale, ben ordinata e distribuita per anni con 
postille marginali, che accennano ai vari argomenti 
trattati: tale ordine non vi si sarebbe verificato, se il 7° 
manoscritto da cui deriva l'apografo seguito dallo Zac- 
cagnini fosse stato un accozzo posteriore di fogli o 
quaderni sparsi. Osserva lo Zaccagnini (pag. cit., nota 3), 
che gli operai di San Iacopo avevano avuto due anni 
dopo la morte del Sozomeno 1' incarico di ligare et con- 75 
glutinare i volumi di lui, ma qui evidentemente conglu- 
tinare significa riunire in uno stesso luogo, e ligare mu- 
nir di catene per assicurare i libri ai tavoli ed evitarne 

la dispersione: così aveva disposto nel suo testamento 
lo stesso Sozomeno : poni et ligari voluit in quodam loco 
communi et acto ad studendtirn, cum vellet .... ipso tali 
loco omnes ligati circum et ordinati (Zaccagnini, op. cit., 
p. xlviii) ; e così si provvide se gli stessi operai di 
San Iacopo nel compilare l' inventario dei libri del So- 
zomeno esistenti nella libreria del Palazzo dei Priori 
li dichiarano incatenati in dieta bibliotheca (Zaccaria, op. 



65 



So 



ss 



X 



PREFAZIONE 



In conclusione le due opere ebbero intenti diversi; sì che i loro autori potevano 
rimanere nella convinzione di fare opera originale, anche attingendo ampiamente l'uno 
dall'altro. Dell'opera sozomeniana il Palmieri, quando scrisse il De Temporibus, co- 
nosceva con ogni probabilità il tratto che va tino al papato di Celestino V, non 
quello riguardante gli avvenimenti posteriori; mentre il Sozomeno nel redigere defi- 5 
nitivamente quest'ultima parte si trovò in condizione di usufruire della compilazione 
del Palmieri, di cui del resto possedeva un esemplare l . 

Da un confronto minuzioso delle due opere per gli anni 1-1294 si può dedurre 
un continuo rapporto di dipendenza del Palmieri dal Sozomeno. Anzitutto solo ven- 
titré notizie del Palmieri, tra molte centinaia, non sono registrate o lo sono in ma- IO 
niera sostanzialmente disforme nel Sozomeno, mentre questi ha un numero stragrande 
di notizie, di cui non si trova traccia nel Palmieri. Potrebbe però supporsi, che il 
Sozomeno abbia usato del Palmieri come fonte intercalando il materiale tratto da lui 
in quello attinto da altri autori. Ma anche tale ipotesi cade, se si consideri che nel 
Palmieri le notizie si trovano in forma più succinta che nel Sozomeno, ed è più na- 15 
turale pensare ad un processo di riassunto che ad uno di amplificazione: così al 1274 
e al 1276 il Sozomeno registra due notizie di storia fiorentina narrandole per disteso 
e traducendole alla lettera dal Villani (V, 6 e 7); il Palmieri accenna ai due fatti in 
poche parole. Altrove invece il Palmieri riunisce sotto un solo anno dati disseminati 
nel Sozomeno in diversi punti e arriva talvolta a ricucire insieme espressioni usate 20 
dal Sozomeno a qualche distanza; per es. nel 1162 i due scrittori parlano della fine 
dell'assedio di Milano, durato longo tempore secondo il Sozomeno, septem annos secondo 
il Palmieri; questa maggior determinazione del Palmieri si spiega rileggendo un'altra 

notizia posta dal Sozomeno al 1158 e taciuta dal Palmieri : " Federicus Mediola- 

u num obsidere coepit contivuis septem annis „.; il Palmieri non ha fatto che riassu- 25 
mere in uno due passi diversi del Sozomeno. Non abbondo in esempi inutili; mi 
contento per dimostrare ancor più evidentemente la mia affermazione di altre due ci- 
tazioni. Nel 325 il Palmieri dà una cervellotica notizia riguardante un Paolo Tebeo 



IO 



cit., p. 38), e se un atto del 1505 parlando di cinque 
dei volumi appartenuti al Canonico pistoiese (la Cro- 
naca pistoiese del Manetti, la Storia fiorentina del Bruni, 
il De Temporibus del Palmieri, e il Chronicon sozomeniano) 
dice che " ve n'erano quattro con le catene e uno senza 
"catene,, {Ricordo sincrono, in Ciampi, op. cit., p. 23). 
Fu e vero osservato, che mentre nel 147 1 e nel 1474 
l'opera era in quattro volumi o tomi che dir si voglia 
(Zaccagnini, p. xxxix) e nel 1484 in tre parti (Ciampi, 
p. 23), nel 1460 gli operai di San Iacopo nell'in- 
ventario su ricordato registravano solo due parti del 
Chronicon (Zaccaria, p. 42): tale contraddizione fece 
pensare alla formazione posteriore di altri due volumi 
coi fogli sparsi rinvenuti nel riordinare la biblioteca: 
ma anche questo argomento cade se si rifletta, che nel 
catalogo del 1460 risulta mancante non la fine, ma il 
principio dell'opera, e precisamente tutto il tratto che 



va dalla creazione del mondo al 4983 (216 a. C. e 553 
di Roma) e che corrisponde a tutta la materia del Fab- 
broniano Pistoiese, n. 312 e comprende quasi tutti gli 20 
avvenimenti posti del Sozomeno nel primo volume - , per 
conseguenza, con ogni verosimiglianza le due parti del 
Chronicon segnalate dagli operai, l'ima con l' indicazione 
"Prima pars historie domini Sozomeni usque ab anno 
" mundi 4983 „, l'altra con le parole iniziali (Nonagesi- 25 
mum antiurti agenti} e le finali (primi volnminis opus), 
corrispondevano alla parte edita e a quella inedita del 
secondo volume ; e i tomi del Chronicon posseduti dalla 
Signoria pistoiese da due divennero quattro solo quando 
essa si procurò in qualche modo un esemplare della 30 
parte mancante. 

1 Inventario dei libri del Sozomeno cit.. in Zacca- 
ria, op. cit., p. 42. 



PREFAZIONE 



XI 



a vir mirae beatitudinis „. Donde la trasse? Evidentemente dal Sozomeno, che in que- 
st'anno registra, riportando tal quali le parole di san Girolamo, la morte di sant'An- 
tonio monaco u solitus multa de Paulo quodam Thebeo mirae beatitudinis viro referre 
Al 1002 il Palmieri e il Sozomeno parlano della morte di Ugo di Toscana (che an< 
5 per loro, come già pel Villani (IV, 2), era marchese di Brandeburgo) avvenuta a fi- 
stola; evidentemente solo il Sozomeno, pistoiese e sempre pronto a registrare nel suo 
Chronicon notizie relative alla sua patria \ poteva seguire questa versione che con- 
traddice a quella del Villani per cui il Marchese muore a Firenze; e il Palmieri deve 
averla appresa da lui. Senza alcun dubbio adunque per gli anni 1-1294 il Sozomeno 

10 è fonte quasi esclusiva del Palmieri. 

A diverso resultato sono venuto pel tratto posteriore o almeno per gli anni 1362- 
1455, pei quali mi è stato possibile confrontare le due opere 2 . 

Per gli anni 1362-1410 il Palmieri ha in complesso cinquantadue notizie; di queste 
tredici (riguardanti Niccolò Acciaioli, 1366, Santa Brigida di Svezia, 1367, Carlo IV, 

15 1370, Paolo geometra, 1372, il Petrarca, 1374, il Boccaccio, 1375, Ladislao, redi 
Napoli, 1385, Sigismondo, re d'Ungheria, 1386, il costo d'una guerra di Firenze 
con Gian Galeazzo Visconti, 1391, un Niccolò medico, 1397, l'elezione di Roberto a 
imperatore, 1400, Tamerlano, 1402, l'occupazione francese di Genova, 1403, un Paolo 
cretese, 1 404) mancano nel Sozomeno, che registra la maggior parte delle rimanenti, 

20 ora con maggior ampiezza, ora più succintamente, spesso con diversità di particolari. 
Le poche somiglianze si spiegano con l'uso di identiche fonti, la //istoria fiorentina 
e il Rerum, in Italia suo tempore gestarum commentar ius del Bruni 3 ; ma evidente- 
mente ciascuno dei due scrittori le consultò per suo conto. Infatti in alcuni passi il 
Palmieri modifica assai la dicitura dell'umanista aretino pur riferendone il senso, mentre 

25 il Sozomeno trascrive alla lettera; altrove invece il Palmieri desume dal Bruni notizie 
tralasciate dal Sozomeno, o ne riporta le parole più fedelmente. Cito tre esempi : 



Bruni, Comm., XIX, 920. 

Literae quoque per huius belli 
[del Visconti contro i Fiorentini] in- 

30 tcrcapedines mirabile quantum per 
Italiani increvere, accedente tum pri- 
mum cognitione litterarum graeca- 
rum,quaescptingentisiam annisapud 
nostros homines desierant esse in 

35 usu. Retulit autem graecam disci- 
plinam ad nos Chrysoloras Bizan- 
tius, vir domi nobilis ac literarum 
graecarum peritissimus. 



Sozomeno, XVI, 1168. 

Literae Graecae per id tempus 
UJPPI per Italiani increvere, acce- 
dente tunc primum cognitione lite- 
rarum graecarum, quae septingentis 
iam annis apud nostros homines 
desierant esse in usu. Retulit autem 
Graecam disciplinam in Etruriam 
Manuel Chysolora Byzantius, vir do- 
mi nobilis et litterarum graecarum 
peritissimus. 



Palmieri, ad a. 1398. 

Grvsaloras Bisantius disciplinam 
graecarum litterarum in Italiani ret- 
tulit. quae per septingentos iam an- 
nos apud nostros homines in usu 
non habebatur. 



1 Cf. Zaccagnini, Prefazione cit., p. xxxii. son dovuto limitare a confrontare il De Temporibus coi 5 

2 Tutti i mss. sozomeniani si arrestano al 1293, tratti del Chronicon editi dal Muratori (1363-1410) e 
tranne il Vaticano 7372 che comprende gli anni 1334- dallo Zaccagnini (1411-1455). 

1455. Non mi è stato però possibile consultarlo e mi 3 II Commentario è edito nel voi. XIX dei RR. II- 



XII 



PREFAZIONE 



Qui il Sozomeno è più vicino alla fonte di quel che lo sia il Palmieri. 

Invece all'anno 1391 il Palmieri riporta dal Bruni {H istoria fiorentina, libro X, 
voi. in, p. 151) una notizia sulla somma spesa dai Fiorentini per combattere Gian 
Galeazzo Visconti, notizia che manca in Sozomeno. 

Infine circa la pestilenza del 1400 i tre autori si esprimono così: 5 



Bruni, Comm., XIX, 920-921. Sozomeno, XVI, 1170. 



....Fugerunt itaque cives popu- 
lariter, Bononiam plurimi demigran- 
tes, et tamen in vacua desertaquc 
urbe supra triginta hominum millia 
pestis absumpsit. 



.... Fugerunt itaque cives Fioren- 
tini et multi Tusci populariter Bo- 
noniam demigrantes. Et tamen di- 
midia pars hominum universaliter 
pestem diem obiit. 



Palmieri, ad a. 1400. 

Florentia in vacua pene urbe, e 
qua cives magno effugerant numero, 
supra triginta hominum milia ab- 
sumpsit lues. 



10 



In questo caso il Palmieri ha molti particolari del Bruni mancanti nel Sozomeno. 

Concludendo il Palmieri e il Sozomeno pel tratto 1362-1410, pur avendo alcune 
notizie comuni derivate dal Bruni, sono indipendenti tra loro. 

Venendo adesso agli anni 1411-1448 riscontriamo nei due autori molte differenze; 15 
ma oltre a due notizie comuni sul Concilio di Costanza (1414) e sull'abdicazione 
di Giovanni XXIII (1415), che il Palmieri e il Sozomeno desunsero ciascuno per conto 
proprio dal Bruni {Comm., XIX, 929), ne abbiamo varie altre riportate con le iden- 
tiche parole; sei di esse su Filippo Scolari (Palmieri, ad a. 1416, Sozomeno, ediz. 
Zaccagnini, 7, 35) l , su una pestilenza a Firenze (Palmieri, ad a. 1417, Sozomeno, 20 
8, 9), sulle porte del Ghiberti (Palmieri, ad a. 1421, Sozomeno, 10, 5), sull'estensione 
del fiorino fiorentino (Palmieri, ad a. 1422, Sozomeno, 10, 36), sull'espugnazione di 
Brescia (Palmieri, ad a. 1426, Sozomeno, 16, 25), su una eclissi (Palmieri ad a. 1430, 
Sozomeno, 19, 1) sono tradotte alla lettera dal Boninsegni 2 ; di varie altre, su una 
sconfitta navale di Filippo Maria Visconti (Palmieri, ad a. 1431, Sozomeno, 20, 12), 25 
sulla struttura della cupola di Santa Maria del Fiore (Palmieri, ad a. 1436, Sozo- 
meno, 23, 27), su Niccolò Euboico e Ambrogio Traversari (Palmieri, ad a. 1439, 
Sozomeno, 31, 7 e 14), sulla presa di Verona (Palmieri, ibid., Sozomeno, 28, 20), sul 
re Ranieri a Firenze (Palmieri, ad a. 1442, Sozomeno, 36, 31), sulla battaglia di Varna 
(Palmieri, ad a. 1444, Sozomeno, 38, 14), e su vari avvenimenti del 1448 (Palmieri, 30 



IO 



SS., p. 913 sgg. Dell' n'istoria ho seguito il testo pub- 
blicato di fronte alla traduzione dell'Acciaioli (Firenze, 
Le Monnier, 1878) non essendo ancor completo quello 
approntato dal prof. Santini per questa Raccolta. Lo 
Zaccagnini ha dimostrato la dipendenza del Sozomeno 
dalle due opere del Bruni (Pref. cit., pp. xxx e xxxiv) : 
vedremo, come anche il Palmieri se ne servì ampiamente. 
1 Lo Zaccagnini (p. 7, nota 8) aveva supposto, che 
il Sozomeno avesse attinto questa notizia dal Bonin- 
contri (Annales, in Muratori, RR. II. SS., XXI, p. 9 
sgg.), che egli ritiene fonte importantissima dello storico 
pistoiese (cf. Prefazione cit.. p. xxxv, e note al testo 
passim) e persino del Commentario del Bruni (p. xxxvi). 



Ma ora il Bollea ha dimostrato (Per l'edizione delle opere 
storiche di Lorenzo Bonincontri , in Archivio murato- 1 5 
ria no, 191 1, fase, io , 5S0) che il Bonincontri stese 
l'opera durante la sua dimora a Napoli, tra il 1450 e 
il 1475, anzi dopo avervi soggiornato qualche tempo e 
composto il De Ortu regum Neapolitanorum , quando cioè 
e il Bruni e il Sozomeno erano già morti. La notizia del 20 
Bonincontri su Filippo Scolari è evidentemente un rias- 
sunto di quella data dal Palmieri sulla fede del Bonin- 
segni (Storie della città di Firenze 1410-1460, p. 13): lo 
scrittore sanminiatcse infatti usa spesso il De Temporibus 
allo stesso modo che si serve del Commentario del Bruni. 25 
2 Boninsegni, op. cit., pp. 12, 17, 18, 27, 30. 



PREFAZIONE 



XIII 



ad a., Sozomeno, 40, 28 sgg.) non possiamo determinare la fonte. Qui però la coin- 
cidenza non può essere casuale ; non è possibile, per cs., che i due traducendo il 
Boninsegni, abbiano usato proprio le stesse parole latine: uno dei due deve aver 
copiato dall'altro. Noi però escludiamo la derivazione del Palmieri dal Sozomeno; 
5 sarebbe anzitutto strano, che egli, dopo aver abbandonata pei fatti del secolo XIV la 
guida del Sozomeno cesi fedelmente seguita negli anni anteriori, la riprendesse ad un 
tratto e solo per poche notizie; d'altra parte con ogni probabilità la stesura dell'ul- 
timo tratto del Chronicon, come abbiamo veduto più sopra, seguì e non precedette 
quella del De Temporibus ; infine, ed è questo argomento decisivo, i particolari del 
10 riacquisto di Verona operato da Francesco Sforza (an. 1439) riportati dal Palmieri e 
dal Sozomeno e assai diversi da quelli offertici da altri storici 1 corrispondono com- 
pletamente a quelli riferiti dal Palmieri in un'opera originale ed anteriore, gli Anna- 
les, che noi pubblichiamo di seguito al De Temporibus: 



Palm., Ann., p. 145, 44. 

15 . ...Nicolaus Piccinus per sc- 

ditionem evocatus Veronam festinans 
noctuque per arcem receptus civitate 
potitur. Quod, postquam Francisco 
Sforza nuntiatur, statim accellerans 

20 Veronam.... immisus est tertia die 
postquam hostis inreperat. Varie 
acriterque deinde pugnatimi est ab 
hora diei xx a usque ad septimam 
noctis, qua quidem hora inimicus 

25 superatus excessit. 



Palm., De Temf., ad a. 1439. 

.... Nicolaus Piccininus. . . . cum 
Veronam per proditionem evo- 
catus fuisset, intempcsta nocte ma- 
ximis equitum peditumque copiis 
urbem illam ingressus ottinuit, quam 
tertia die Franciscus, Sfortiae filius, 
comes et Venetorum Florentinorum- 
que exercitus dux, tanta vi elatique 
animi praestantia recuperavit, ut 
singularis memoriae facinus habitus 
sit, ab ottava praesertim diei ad 
septimam noctis horam atrocis pu- 
gnae impetu intra urbem enixius 
perdurante. 



Soz., Cnron.f 28, 23. 

....Nicolaus Piccininus cum 
Veronam per proditionem evocatus 
fuisset, intempesta nocte maximis 
equitum peditumque copiis urbem 
Veronam obtinuit; quam tertia die 
Franciscus Sfortia, comes et Vene- 
torum Florentinorumque exercitus 
dux, tanti (?) vi elatique animi prae- 
stantia recuperavit, ut singulari me- 
moria fdignum] facinus habitum sit : 
ab octava praesertim diei usque ad 
septimam noctis horam atrocis pu- 
gne impetu intra urbem enixus Ni- 
colaum Piccininum cum suo exercitu 
extra urbem fugavit. 



30 II confronto delle ultime righe del Palmieri e del Sozomeno dimostrerebbe del resto 
da solo, che il Sozomeno fraintende e trascrive guastandolo il testo del Palmieri e che 
perciò ne deriva. Evidentemente nell'ultima parte del suo lavoro, composta dopo 
la pubblicazione del De Temporibus, il Sozomeno sfruttò l'opera del suo discepolo, 
come questi nella prima parte della sua compilazione si era per lo più limitato a 

35 copiare o a riassumere quella del suo maestro 2 . 

Rimane così acquisito che il Palmieri deriva quasi interamente dal Sozomeno per 
gli anni 1-1294, non ne dipende dal 1294 in poi. Ma qual è la provenienza di quel 
tanto di materiale sozomeniano, che è entrato a far parte del De Temporibus? Ri- 
feriremo sommariamente i resultati delle nostre indagini in proposito per potere a 



1 Questa ha notato anche lo Zaccagnini, p. 28, mostrarlo nella sue prefazione al De Temporibtis (cf. 
nota 5. più avanti): " Eorum cnim alterutri alterius scripta 5 

2 Qualche cosa di simile aveva affermato senza di- " haud ignota fuisse constat „. 



XIV PREFAZIONE 



tempo opportuno esprimere il nostro giudizio sul valore delle notizie riferite dal Pal- 
mieri sulla fede del Sozomeno. 

Fino all'anno 456 il Sozomeno segue fedelmente san Girolamo e Prospero Aqui- 
tanio, dei quali egli tenne presenti manoscritti adulterati da numerose interpolazioni, 
quelle cioè riportate nelle edizioni meno recenti, per es. dal Pontac l , e quelle, che in 5 
calce a Prospero registra il Mommsen desumendole da manoscritti fiorentini 2 ; ag- 
giunge però (se pure non le trovò interpolate in qualche codice a noi sconosciuto) 
alcune notizie che risalgono, se riguardano imperatori, a Svetonio o agli Scriptores 
llistoriae Augustae o a Eutropio, se si riferiscono a santi o a padri della Chiesa o a 
vicende ecclesiastiche, ai De viris ittustribus dello stesso san Gerolamo o all' /Ustoria 10 
ecclesiastica di Rufino; altri dati sul regno di Gerusalemme son desunti da Giuseppe 
Flavio, uno su Adriano (ad a. 123) da Aulo Gellio (III, 16), due sulla Britannia 
(ad aa. 184 e 416) da Beda (Ckron., 331 e 473, M.M., AA., XIII, pp. 288 e 301), 
due sui Goti (ad aa. 304 e 316) da Iordanes (Getica, XXI, 110 e 111, MM., AA., 
V, p. 86); infine due passi, che parlano di san Zanobi e del poeta fiorentino Clau- 15 
diano sono stati ispirati certamente da una fonte fiorentina. 

Dopo il 456, il Sozomeno abbandona le fonti vetuste usate fino ad allora, e segue 
pedissequamente uno di quei centoni storici, di cui si hanno numerosi esempi a partire 
dal secolo XII. Anzi poiché in un passo egli riproduce un errore di Vincenzo di Bau- 
vais 3 , dubitammo da prima che egli si fosse servito proprio dello Speculimi historiale. 20 
Ma qualche divergenza sostanziale tra i due autori e notevoli diversità nelle liste di 
imperatori, di regnanti, di pontefici ci ha fatto escludere una derivazione diretta. Ab- 
biamo allora cercato di rintracciare qualche opera, che pur riportando le notizie del 
Bellovacense, le modificasse talvòlta col sussidio di altre fonti, per es. di Martino 
Polono e di qualche scrittore dell'Italia Meridionale, dai quali certamente sono de- 25 
sunti dati del Chronicon sozomeniano mancanti nello Speculimi. La nostra atten- 
zione si è fermata sul Mare historiarum di un trecentista, Giovanni da Colonna, 
che attinge appunto, oltre che da Vincenzo, da Martino, da Gotfredo di Viterbo 4 , 
da Romualdo Salernitano 5 e da qualche altro non ben determinato. Non abbiamo 
potuto procedere a un ratFronto completo, perchè del Mare historiarum sono editi, 30 
oltre a qualche brano relativo alla storia di Francia 6 , solo pochi passi, nei quali lo 
scrittore si distacca dalle sue fonti ed ha tìsonomia propria 7 . Ma appunto uno di 
questi tratti, che parafrasa una notizia di Vippone sulla seconda discesa di Corrado II 



1 Burdigalae, 1604-, fu riprodotta nel voi. VITI XXII, 107-307; da quest'opera furori desunte indiret- io 

dell'edizione Vallarsi (Venezia, 1769) e nella prima edi- tamente molte notizie del Sozomeno. 
zionc del voi. XXVII della Patrol. Lai. del Migne. 5 Romoaldus Archiiìpiscopus salernitanus, Chro- 

- MM., AA., IX, pp. 49S-499. nicon, MM,, SS., XIX, 387-461. 

3 È il passo relativo al ritrovamento a Costanti- 6 Vedili In Recueil des historiens des Gaules et de 
nopoli di una iscrizione annuiiziante il ritorno di Cri- la France del Bouquet, voi. XXIII, pp. 107-124. 15 
sto (ad a. 782), di cui abbiamo parlato a p. visg. : tale 7 Son pubblicati dal Waitz, in MM., SS., XXIV, 
passo e identico nel Palmieri e nel Sozomeno. pp. 269-2S4. Dalla Prefazione del Waitz, pp. 266-269, 

4 Gotifredus VlTBRBiENSlS, Panteon, MM., SS., ho desunto i dati relativi alle fonti. 



PREFAZIONE 



XV 



in Italia in modo assai diverso da Vincenzo di Beauvais, coincide notevolmente con 
le espressioni usate dal Sozomeno allo stesso proposito: 



Wiponis, Vita Chuon- 
radi im-p. ( MM. 
5 SS., XI, 271). 

Item eodem tempore 
magna et jnodernis tempo- 
ribus inaudita confusio fa- 
cta est Italiac propter co- 

10 niurationes, quae faciebat 
populus contra principes. 
Coniuraverantenim omnes 
valvasores Italiae et gre- 
garii milites contra domi- 

15 nos suos et omnesniinores 
contra maiores, ut non pa- 
terentur aliquid sibi inul- 
tum accidere a dominis 
suis supra voluntatem ipso- 

20 rum .... 



Vinc.Bell.,XXX,17. 



Corradus impcrator Ita- 
liani adiit ut rcbellionem 
meditantes debellaret. Et 
quia omnes Langobardi co- 
niuraverant, ut non pate- 
rentur quemlibet dominum, 
qui aliud quod ipsi vellcnt 
contra se ageret. 



Giov. Colonna, VII, 
3, MM. SS., XXIV, 

p. 72. 

.... Longinardorum ri- 
bellavit. C'oniuraveranf. 
omnes fcresuperioris Lom- 
bardiac urbes in hoc, ut 
libertatis sue memores nul- 
lum super se regnare pa- 
terentur. Quo audito im- 
perator magna cum exerci- 
tu in Italiani venit etc. 



Soz., RR. //. SS., 
Tartini T, ad a. 
1309. 

Corradus impcrator, 
n essct in Germania, 
pars magna Ligurie et \ - 
netie libertatis sue memo- 
res nullum super se regnar, 
patiebantur. Ipse impera - 
tor hoc audicns magno 
cum exercitu in Italiani 
venit. 



Perciò l'ipotesi che il Sozomeno derivi dal Colonna appare verosimile; e diviene più 
che probabile, quando si pensi, che il Mare historiarum era conosciuto nel sec. XV 
Firenze, tanto che l' usò Sant'Antonino per la sua Cronaca 1 e che tra i libri posse- 
duti dal Sozomeno v'era proprio un " Mare storiarum in bombicinis copertum corio 

25 " rubeo sign. 113 „ 2 . Non va escluso però, che il Sozomeno abbia tenuta davanti 
agli occhi qualche altra fonte, specie per le notizie riguardanti Firenze; a ragione lo 
Zaccagnini accenna alle Storie del Bruni 3 , che il Pistoiese seguì — cito un solo caso 
— nelle considerazioni sulla ricostruzione di Firenze da parte di Carlo Magno (ad 
a. 801) 4 . 

30 Non resta ora se non indicare le fonti del Palmieri, nei luoghi ove questi diffe- 

risce dal Sozomeno, 

Incominciamo dai 23 passi anteriori al 1294, e con una constatazione assai cu- 
riosa ed interessante. Tre notizie su monumenti romani sono prese di pianta da tre 
iscrizioni romane, di cui ebbe conoscenza il Poggio, e probabilmente pervennero al 

35 Palmieri per mezzo di Ciriaco di Ancona, che aveva trascritte le tre epigrafi a Roma 
dalle sillogi del Poggio e da quella Signoriliana 6 . L'umanesimo dava già i suoi 



1 lbid., p. 268. * Ciriaco d'Ancona fu a Firenze dal 1439 al 1441. 

8 Inventario dei libri del Sozomeno cit., in Zacca- Vi scrisse il suo Itinerario, e poco prima aveva pub- 

ria, op. cit., p. 42. blicati i suoi Commentari contenenti tra le altre le iscri- 

3 Zaccagnini, Prefazione cit., p. xxx. zioni romane da lui raccolte in Roma nel 14.34 e nel 

4 Sulla dilìerenza tra il Bruni e il Villani circa 1432-1433, alcune trascritte dai monumenti, altre dalle 
questa pretesa ricostruzione e sulla sua importanza cf. sillogi Signoriliana e Poggiana. Cf. per tutto questo 
SANTINI^ Leonardo Bruni etc. cit., p. 36 sgg. C. I. L., III, xxii-xxin : VI, xr.-XLi. 



io 



XVI 



PREFAZIONE 



frutti; persino il buon speziale fiorentino s' interessava alle prime esplorazioni archeo- 
logiche del suo tempo! Ecco i passi del Palmieri a fronte del testo delle epigrafi 
quale fu trascritto dal Bracciolini e con alcune delle varianti Signoriliane : 



Palm., ad a. 44. 

Claudius aquas ex fontibus, qui vocantur Cerulcus 
et Curtius, a miliario xlv et rivum Anienis a miliario 
lxvii opere lapideo in urbem perduxit. 



Palm., ad a. 75. 

Vespasianus.... Romae aquas Curtiam et Ceru- 
leam a divo Claudio perductas et postea dilapsas urbi 
rcstituit. 



Poggio, Syll., n. 39 (in C. T. L., VI, p. xxxiv). 

ti. claudius drusi f. aug. | ,. v aquas curtiam | et cae- 
ruleam ex fontibus qui vo | cabantur caeruleus et curtius 
a miliario xxxxv item anienem novam a miliario lxii | 
sua impensa in urbem preducendos curavit. 

La silloge Signoriliana n. 8 (ibid., p. xvui) ha lxvii in luogo 
di sui. L'iscrizione integra in C. I. L., VI., n. 1256. 

Poggio, Syll., n. 4 (ibid.). 

Imp. Caesar Vespasianus aug. | .... aquas cur- 
tiam | et caeruleam perductas a divo clau | dio et postea 
intermissas dilapsa | sque per annos novcm sua | impensa 
urbi restituit. 

L'iscrizione integra in C. I. L., VI, 1257. 



10 



15 



Palm., ad a. 222. 

Arcus Celemontani vetustate collapsi Komae re- 
staurantur. 



Poggio, Syll., n. 58 (ibid., p. xxxvi). 

imp. caes. ... 1. septimius severus.... imp. m. aurelius 
antoninus pius. ... arcus caelimontanos plurifariam ve- 
tustate collapsos et conruptos a solo sua pecunia resti- 20 
tuerunt. 

La silloge Signoriliana n. n (loc. cit.) invece di restituerunt 
ha restauraverunt. L'iscrizione ricostruita criticamente sugli apo- 
grafi in C. I. L., VI, n. 1259. 

Altri particolari il Nostro ha tratto da storici antichi: così Giuseppe Flavio (VII, 25 
5-7) gli ha suggerito la menzione degli ornamenti del tempio di Gerusalemme tra- 
sferiti a Roma (ad a. 74); in Rufino {Hist. eccl., 3, 26) egli ritrovò una notizia 
su Menandro Mago (ad a. 98); in Orosio (VII, 38) o in Zosimo (V, 37, 4-6) una 
sulla morte di Stilicone e di Eucherio (ad a. 413). Pel Medio evo si servì del Li- 
ber Pontifecalis (LXXXVI e LXXXVII, voi. I, p. 371 sg., 383, ediz. Duchesne) 30 
a proposito d'una contrastata elezione papale (ad a. 687) e dell'invio dell'esarca Teo- 
filatto in Italia (ad a. 702); dello stesso Liber (CXLIX, voi. II, p. 270) circa la triplice 
elezione papale del 1045; infine di Tolomeo da Lucca (lib. XXI, cap. 8) pei contrasti 
tra Ottone IV e Innocenzo III. Non possiamo però asseverare, che egli compulsasse 
direttamente queste fonti; e tanto meno possiamo dire donde rilevasse altre dodici 35 
notizie mancanti in Sozomeno o da questo riportate in maniera tutta diversa l . 



1 Esse riguardano : i° la morte di Germanico, figlio 
adottivo di Tiberio riferita al 25 d. C. : 2° la morte di 
Origene (ad a. 255): 3 il martirio di san Pancrazio 
posto nel 25S, anziché nel 304: 4' un' invasione di bar- 
bari (agrestium turba) in Persia (?) (ad a. 267) : 5 una 
nuova occupazione della Sicilia da parte dei Saraceni (?) 
(ad a. 899): 6° una campagna vittoriosa contro i Greci 
di Ottone II, di cui Sozomeno non ricorda se non una 
irreparabile sconfitta (ad a. 983): 7 la morte di Rug- 



gero II e la successione di Guglielmo I di Sicilia (ad io 
a. 1154); 8° un tentativo infelice di Federico Barbarossa 
su Roma frustrato da una pestilenza (ad a. 1167): il Sozo- 
meno invece parla dell'espulsione di Federico da Roma 
per opera dei cittadini (ad a. 1 167) ; 9 un' eclissi : io la 
lotta tra i figli del Saladino e Safandino suo fratello 15 
(ad a. 1194): H° Sant'Antonio da Padova (ad a. 1231); 
12° la spedizione di Federico II contro l' Italia setten- 
trionale (ad a. 1237). Inoltre al 955 il Palmieri, parlando 



PREFAZIONE 



XVII 



Dopo il 1294 l'attenzione del Palmieri si sofferma sulle Cronache dei tre Villani, 
che gli offrono abbondante materiale, e dai quali egli spigola, condensa, traduce. 
Esemplificare mi sembra superfluo: chi scorra le Cronache e il De Temporibus fino 
al 1363, può convincersi, che tutti i fatti mentovati dal Palmieri, eccettuatine pochi 
5 di cui non ho saputo determinare la fonte diretta l , corrispondono ad uno o più ca- 
pitoli dei Villani ristretti in poche righe 2 . 

Quando i Villani gli vengono a mancare, il Nostro ricorre alle Storie e al Com- 
mentario del Bruni; e da Leonardo, che scrive in latino, il Palmieri prende a pre- 
stito non solo una buona metà delle notizie registrate nel De Temporibus fino al 
10 14 IO 3 , ma molte espressioni, che riporta tal quale, o modifica leggermente, o ricuce 
insieme se nell'originale sono a qualche riga di distanza. Già raffrontando questa 
parte dell'opera del Palmieri col Chronicon del Sozomeno ho riportato qualche 
esempio della sua derivazione diretta dall'umanista di Arezzo 4 ; ad abundantiam ne 
voglio citare due altri anche per chiarire come egli elabora le fonti da cui attinge: 



15 



20 



25 



Palm., ad a. 1378. 

Gregorius pontifex intollerabili vesicae dolori Ro- 
mae* interiit circiter kalendas Aprilis. 

Palm., ad a. 1383. 

Ungariae proceres gubernationem Reginae aequo 
animo non ferentes, Carolum, Apuliae regem, evocarunt, 
qui in Ungariam profectus communi principum popu- 
lorumque favore regiam coronam accepit et proximis 
inde diebus Reginae dolo est interfectus. 



dell'incoronazione a imperatore di Ottone I ha un'os- 
servazione tutta personale sull'usurpazione del titolo 
imperiale da parte dei Re di Germania. 

1 Ecco i passi: ad aa. 1299, notizia III; 1300, no- 
S tizia II; 1304, notizia I; 1305, notizia I; 1310, notizia I; 

1314, notizia II e IV; 1316, notizia IV; 1321, notizia II; 
1335; 1327, notizia II; 1355, notizia III. 

2 Scelgo a caso gli anni 1328-1337 e indico a fianco 
di ciascuna notizia del Palmieri i corrispondenti capi- 
io toli di Gio. Villani: 

Palm., ad a. 1328, notizia I Gio. Vill., lib. X, ce. 84-85 



IS 



20 



25 



1328 


n 


II 


1328 


Tt 


III 


1329 


n 


I 


1329 


n 


II 


1330 


■ 


I 


1330 


n 


II 


1330 


lì 


III 


1331 


n 




1332 


n 




1333 


n 




1334 


n 


I 


1334 


n 


II 


1334 


n 


III 


1336 


n 


I 


1336 


1» 


II 


1337 


n 





X 
X 
X 

X 
X 
X 
X 

X 
X 

XI 
XI 
XI 
XI 
XI 
XI 
XI 



86 

89 

131 

141 

14S 

157 

160 

ce. 166, 169, 171 
e. 172 

1 

12 

18 

19-20 

49 
12 

67 



Bruni, Hist. fior : fof., lib. Vili, voi. ri, p. 554. 

Gregorius.... circiter calendas aprilis octavo et 
septuagesimo anno supra mille et trecentos intolerabilì 
vesicae dolore interiit. 

Bruni, lib. IX, voi. in, pp. 76-78. 

Eodem anno Carolus in Hungariam profectus est, 
vocantibus proceribus eius regni, quod ncque guberna- 
tionem reginae, neque filiarum recipiebant . . . . : quo cum 
tandem pervenisset favore principum populorumque rex 
constituitur. Sed paucis post coronationem diebus dolo 
Reginae .... Interiit. 

3 Ecco i passi del Bruni, dai quali il Palmieri 
tolse notizie : 



Bruni, Hist., lib. Vili, voi. II, p 
» „ Vili 

n ti » IX 

. IX 



Bruni, 

n 
» 
it 



» - IX 

n » IX 

. » ix 

. . IX 

■ „ ix 

. n X 

n „ XI 

n - XI 

■ * XII 
Commetti., p. 

■ P- 



498 

11 P- 554 

in p. 16 

ni pp. 52-56 

ili p. 60 

ni p. 64 

in p. 70 

IH pp. 72-74 

HI pp. 76-78 



III p. 

Ili p. 

III p. 

HI p. 

Ili p. 



108 
150 
188 
194 
272 



919 

920 
p. 919 
pp. 920-921 

pp. 921-922 e 924 
p. 925 
p. 926 
p. 926 
p. 927 



Palm., ad a. 1365, 3° 
„ „1378 not. I 

» n 1381 

„ 1. 1382 „ I 

. 1382 „ II 

n 1383 35 

n 1384 

» 1385 n I 

n 1385 . II 

n 1390 » II 

, I39I « II 40 

, 1392 

„ 1393 

„ 1402 , II 

Palm., ad a. 1395, 

„ 1398 45 

» J 399 

„ „ 1401 not. I 

1 1405 

n H° 6 » lI 

„ H07 5° 

» n 1408 . II 

» 1409 „ II 



Altri fatti d'indole molto generale il Palmieri potè 
desumere dal Bruni senza che possa indicarsene con 
esattezza il passo. Tali quelle riguardanti gli argo- 55 

( Vedi noia 4 a pag. seg.) 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1. — B, 



XVIII 



PREFAZIONE 



Qualche volta poi egli mischia particolari o frasi del Bruni con notizie desunte 
d'altra fonte. Così (ad a. 1378) egli ci dice, che Urbano VI " natura inquietus et inhu- 
manus „ incarcerò e fece uccidere sei cardinali; "et patres dolentes Pontificem contuma- 
u ceni delegisse ab eo recessere et Fundis conventu facto, Clementem elegere etc. „; ora 
il Bruni, che tace della prigionia e della morte dei Cardinali, descrive Urbano " na- 5 
u tura inquieta et dura, nulla humanitatate, contumax „ sì che i Padri u apud Fundos 
" conveiitu facto „, lo deposero 1 . 

Di questi particolari diversi dal Bruni e di altre notizie del De Temporibus, tra 
il 1363 e il 14 10, mancanti sia nelle Storie, sia nei Commentari 1 , al pari di quelle 
degli anni 1294-1363 non riferite dai Villani, non ci è dato indicare la derivazione; 10 
senza dubbio però ci attestano l'esistenza di un'operetta ora perduta, che doveva 
contenere curiose notizie riguardanti il secolo XIV. Da essa il Palmieri trasse, senza 
dubbio, gli accenni relativi a due dottori in medicina, Gentile di Foligno e Dino del 
Garbo (ad a. 1323), al giurista Bartolo da Sassoferrato (ad a. 1355), a un Paolo geo- 
metra (ad a. 1372), a un Paolus Cretensis, disputator suttilis (ad a. 1404); da essa 15 
ebbe notizia di un pellegrinaggio di Santa Brigida di Svezia a Roma (ad a. 1367); 
in essa trovò l'aneddoto su Bonifacio Vili che chiamò i Fiorentini quinto elemento 
(tale aneddoto prima del Palmieri (ad a. 1300) era stato registrato solo in un tardo 
codice del secolo XIV e fugacemente accennato dal Pucci 3 ) e la falsa notizia di 
una condanna pronunziata nel 1299 da questo Pontefice contro i Fraticelli, suggerita 20 
forse dal confuso ricordo di una bolla da lui pubblicata due anni avanti contro i Biz- 
zocchi degli Abruzzi 4 e di quella spedita nei 1317 da Giovanni XXII contro i Fra- 
ticelli 5 ; e non è improbabile, che dalla stessa fonte il Palmieri abbia avuto conoscenza 
della parziale rinuncia al potere dell'imperatore Carlo IV a favore di suo figlio Ven- 
ceslao (ad a. 1370) e della deposizione di quest'ultimo (ad a. 1400), e forse anche 25 
dei progressi di Tamerlano e della sua vittoria sui Turchi (ad a. 1402). 

Infine dal 1411 al 1430 il Palmieri si limita a tradurre alla lettera notizie del 
Buoninsegni 6 , eccezion fatta per la menzione del Concilio di Costanza (ad a. 1414) 



IO 



!5 



menti seguenti : Inizio della guerra degli Otto Santi 
(ad a. 1375). Morte di Carlo IV (ad a. 1378). Il Duca 
di Baviera assoldato dai Fiorentini (ad a. 1390). Ve- 
nuta del Duca d'Armagnac (ad a. 1391). Discesa del- 
l' imperatore Roberto (ad a. 1401). Morte di Gian Ga- 
leazzo Visconti (ad a. 1402). Conquista di Pisa (a. 1406). 
4 (J>. XVII) Cf. p. xi sg. 

1 L'influenza del Bruni e insieme quella di alcuni 
altri autori si fa sentire anche nei seguenti altri luo- 
ghi del De Temporibus: ad a. 1370 e ad a. 1400, noti- 
zia in. 

2 Do l'elenco di queste notizie: ad aa. 1366: 1367: 
*3 6 9ì J 37 2 ; !374; I37 6 ; !37 8 > notizia V e VI; 1385, no- 
tizia III: 1386: 1390, notizia I: 1397; 1403, notizia le 
III; 1403; 1404. 

3 La leggenda su Bonifacio VIII e i Fiorentini 



quinto elemento e riferita per la prima volta con gran 
copia di particolari da un fra Tedaldo de Casa, che 
nel 1384 la trascriveva in fine ad un codice contenente 
varie epistole del Petrarca, l'attuale Laurenziano XXII 20 
sin., Vili: fu stampata dal Mehus, Vita Ambrosii Traver- 
sarti, p. ccxxxiv e dal Bandini, Catalogo, IV, coli. 194-195. 
Il Pucci (Centiloquio , 91, 35) dice di Firenze: "Ben fé 
* chi la chiamò quinto elemento „. Devo queste notizie 
alla squisita gentilezza del senatore Isidoro Del Lungo, 25 
cui rendo le dovute grazie. 

* Bolla "Incrementum Catholicae fidei „ del 7 mag- 
gio 1297 in Potthast, Regesta Pontificum, II, 1961. 

5 Bolla " Sancta Romana et Universalis Ecclesia „ 
del 2S decembre 13 17. Cf. Kirchenlexìcon dell' He r gè n- 30 
rother e Kaulen alla voce Fraticelli. 

6 Storie della città di Firenze cit. Cf. p. XII. 



PREFAZIONE 



XIX 



desunta dal Bruni (Com/u., 919); per gli ultimi diciotto anni si vale di ricordi per- 
sonali, parte dei quali egli aveva già affidati ai suoi Annales l . 

Le minute indagini da noi compiute sulle fonti del De Temporibus dimostrano 

quanto fin da principio abbiamo asserito sullo scarso valore delle notizie in esso con- 

5 tenute: desunte tutte di seconda mano da opere dispara tissime, esse, quando non sono 

addirittura false, non corrispondono quasi mai esattamente alla realtà. L'opera quindi 

non può interessare come fonte storica, ma solo come testimonianza delle cognizioni 

storiche del sec. XV, o, in qualche caso, come reliquia di altre compilazioni perdute. 

Per simili ragioni richiamano l'attenzione dello studioso i dati cronologici dell'opera 

10 anteriori al 1292; che per i fatti posteriori il Palmieri si limita a trascrivere le date 

delle sue fonti che sono in genere esatte perchè contemporanee agli avvenimenti 

narrati 2 . Con quali criteri il Palmieri, o piuttosto il Sozomeno da lui pedissequamente 

seguito, classificò sotto i singoli anni le notizie dal I al XIII secolo dell'era volgare? 

Una risposta esatta ed esauriente non son riuscito a dare. Posso solo affermare, 

15 che il Palmieri, senza seguire un sistema cronologico determinato, si valse anche per 

le date di più fonti contraddicentesi tra loro, e spesso, quando dei fatti conosceva 

solo approssimativamente il periodo nel quale erano avvenuti, li registrò a casaccio 

in uno qualsiasi degli anni di quel periodo 3 . E certo però, che egli anche per il 

computo degli anni usò fonti diverse da quelle fino a noi pervenute, o per lo meno, 

20 di quelle fin qui pubblicate ; sì che lo studioso di cronografia medioevale non potrà 

trascurare l'opera da noi novellamente edita, qualora voglia rendersi ragione completa 

dei computi usati nel Medio evo. 

A rendegli più lieve l'opera non credo inutile registrare alcune conclusioni sicure, 
alle quali son giunto, mentre cercavo — e pur troppo con scarso resultato — di spie- 
25 gare le contraddizioni cronologiche del Palmieri e le sue differenze dai cronografi 
a lui anteriori: 

I. Le date fino al 448 corrispondono con lievi differenze (al massimo di tre 

anni) a quelle di San Gerolamo e di Prospero; gli errori si spiegano in parte col 

fatto, che San Girolamo fa corrispondere l'anno della nascita di Cristo al 2015 ab Abr. 

30 (752 di Roma) con un anticipazione di due anni sul computo comune; in parte con 



IO 



1 Si noti, che il Palmieri incominciò a scrivere 
gli Annales nel 1432 rifacendosi dal 1429. Per la de- 
rivazione di alcune notizie del De Temporibus da quelle 
degli Annales cf. p. xm. 

2 Solo quando la sua fonte registra un avveni- 
mento senza indicazione di tempo, il Palmieri lo re- 
gistra un po' a caso. Così due notizie del Bruni {Comm., 
919 e 920) sull'estendersi delle milizie mercenarie e della 
cultura greca alla fine del secolo XIV {circa hoc temptis) 
sono senza nessuna speciale ragione registrate sotto gli 



anni 1395 e 139S; così, venuta meno al Palmieri la scorta 
annalistica del Villani, egli attribuisce al 1365 anziché 
al 1368 la venuta in Italia di Carlo IV e Urbano V. 

3 Le conclusioni, cui son pervenuto son dimostrate 
dalle osservazioni consecutive. Per la registrazione ar- 
bitraria di molte notizie sotto i singoli anni di un 
determinato periodo, vedi ad esempio le notizie gene- 
riche sugli imperatori romani aggiunte a quelle del 
Chronicon di San Gerolamo desumendole da Svetonio 
e dagli Scriptores historiae augustae. 



15 



20 



XX PREFAZIONE 



spostamenti di date contenuti nel codice di San Girolamo consultato dal Palmieri o 
dal Sozomeno, codice dal quale derivano anche numerosissime interpolazioni; in parte 
col procedimento usato spesso dal Palmieri di riunire sotto uno stesso anno fatti re- 
gistrati dalle sue fonti sotto anni diversi. Solo poche notizie aggiunte dall'uno o 
dall'altro dei due compilatori quattrocentisti sono datate a caso; così le tre relative 5 
ad acquedotti o monumenti romani (ad aa. 44, 75, 222) e le due riguardanti Trogo 
Pompeo (ad a. 1221) e il martirio di San Pancrazio (ad a. 258!). 

II. Il catalogo dei papi presenta differenze notevoli da tutti quelli, che ho po- 
tuto riscontrare, ed anche da Martino Polono, del quale pure il nostro direttamente 

ò indirettamente ebbe conoscenza. Prima del 276 il catalogo del Palmieri (che esclude 10 
esplicitamente tra Clemente ed Evaristo l'esistenza di un Anacleto ammesso da Mar- 
tino) differisce assai dai computi cronologici universalmente accettati; da quel punto 
al 575 anticipa di tre, due, un anno; al contrario dal 617 al 637 ritarda di tre anni, 
che egli poi compensa con l'inserzione di un papa Bonifacio (637-641), non regi- 
strato da nessun catalogo, non menzionato da alcuna redazio?ie del Liber Pontificalis . 15 
La lista riprende regolarmente fino all'888; solo il suo autore come Martino, crede 
che Sergio II e non Sergio IV sia stato il papa Os porci, e dall' 852 all' 855 anno- 
vera il pontificato della papessa Giovanna. Dopo l'896 Martino è fedelmente seguito 
per i secoli X e XI, con tutti i suoi errori e le sue inesattezze. Dalla fine del se- 
colo XI in poi invece le date del Palmieri coincidono con quelle universalmente am- 20 
messe (salvo talora la differenza di un anno dovuta probabilmente alla diversità tra 
il computo fiorentino ab Incarnatane e quello a Nativitate), eccezion fatta per gli 
anni 1253-1255, nei quali il Nostro — e non sappiamo spiegare il perchè — dà er- 
roneamente vacante la cattedra pontificia. 

III. Nel catalogo degl'imperatori romani anteriori al 476 si notano diversità 25 
notevoli da quello di Martino Polono; costui per esempio distingue gli imperatori 
orientali dagli occidentali da Teodosio in poi, mentre il Palmieri inizia tale distin- 
zione da Costantino; similmente vi sono molte differenze di data. Altrettanto può 
dirsi per gli imperatori d'oriente, che il Palmieri enumera fino al 970 desumendoli 

da Sigiberto, che alla sua volta li aveva derivati da Mariano Scoto. Per i sacri ro- 30 
mani imperatori invece il monaco oppaviense e lo speziale fiorentino han molti punti 
di contatto: nei due si riscontrano identici errori nella cronologia dei Berengari 
(quattro nell'uno e nell'altro) e di Ottone I e II; in ogni modo anche qui le diffe- 
renze non mancano. 

IV. Gli avvenimenti relativi ai Visigoti, desunti, certo di seconda mano, da Isi- 35 
doro di Siviglia, son registrati un po' a caso, certo per l'imperfetta conoscenza della 
complicatissima cronologia isidoriana. 



PREFAZIONE XXI 



3 



V. Nel Palmieri (e anche nella sua fonte, il Sozomeno) la cronologia dei primi 
re langobardi, che tutti gli altri scrittori lasciano indeterminata, è fissata con ostentata 
precisione. Per quanto tale determinazione sia del tutto fantastica, essa può interes- 
sare chi si occupi di proposito di tali ricerche. 

VI. Tutte le notizie posteriori al 448 han date abbastanza esatte; anche quando 
sono errate, lo sono di tre a quattro anni al massimo. Spostamenti maggiori si ri- 
scontrano solo nel periodo degli Ottoni e furono causati dall'avere fìssati erroneamente 
i limiti dei loro regni. 

Tali le osservazioni, che mi furono suggerite dall'attento esame del più noto e 
10 sfruttato tra i quadri cronografici del secolo XV. 

La fama che ebbe il De Temporibus nei tempi più vicini alla sua compilazione e 
nel secolo seguente è attestata da numerose testimonianze già raccolte dallo Zeno l , 
riportate anche nella prefazione del Tartini 2 . Ricordo tra le altre quella di Bartolom- 
meo Scala, che chiamò il Palmieri " scriptor accuratissimum temporum„ 3 e l'altra di 

15 Paolo Cortese, dal quale viene attribuita gran lode al nostro Matteo per la sua fatica: 
" Conservatis temporum ordinibus, multorum annorum memoriam breviter et accurate 
u complexus est „ 4 . 

La fortuna dell'opera è anche comprovata dall'averla un erudito pisano, Matteo 
Palmieri, proseguita fino al 1482 5 , e del largo stuolo di manoscritti, che si propa- 

20 garono ovunque. a È stata quest'opera ed è di grandissima reputazione, essendone 
u fatte infinite copie in modo che elle vanno per tutto il mondo „. Così Vespasiano 
da Bisticci 6 , che, da buon editore, giudicava l' importanza dal suo successo librario. 
E delle infinite co-pie scritte quasi tutte nel secolo XV soprawanza tal numero, che 
sarebbe molto arduo, se non impossibile, rintracciarle tutte e formarne una lista com- 

25 pietà. D'altra parte non ebbi necessita di sobbarcarmi a questa fatica, perchè, come 

dirò tra breve, ho ritenuto sufficiente per questa edizione l'esame di tre codici fiorentini. 

Sì che, solo come riprova della diffusione dello scritto del Palmieri, mi limiterò a 

dare la semplice indicazione degli altri manoscritti di cui ebbi notizia diretta o indiretta: 

La Nazionale Fiorentina ne possiede quattro: Fondo princ, I I-I I 1-8 5 {già 

30 Strozz. 281) ; Magi. XIII, 5/ e XXI r I, 25 {già Strozz. 375) ; fondo Gino Capp07ii } 285. 
La Laurenziana ne contiene sei: Pluteo LXV, 4.4 e 47; LXXXIX inf. 



1 Zeno, Dissertazioni Vossiane, tomo I, Venezia, famosis civibus.... aliique fere syncroni 
1753, p. 112 (pubblicate anche in Giornale dei 1 et- scriptores de Florentinorum litteratura, io 
terati, voi. X, 1712, p. 464 sgg.). Firenze, 1847. 

2 Cf. più avanti. 5 Matthiae Palmerii Pisani, Opus de temporibus 

3 Bartholomaei Scalae, De historia Florentinorum suis, edito anche dal Tartini di seguito al De Tempo- 
quae extant, Romae, 1677, libro IV, p. 114. ribus del nostro Palmieri. 

4 Pauli Cortesii, De hominibus doctis, in P h i- « Da Bisticci, Vite cit.: Matteo Palmieri, voi. II, 15 
lippi Villani liber de civitatis Florentiae p. 218. 



XXII 



PREFAZIONE 



(Gaddiand), 14' e 14'; Conventi soppressi, Carmine 515 \ ora 133 (servì per l'ediz. 
Tartini) ; Ashburn. 1284 I z 3^° rosso. 

Sette si trovano nella Vaticana: Palatini 817, 819, 826; Latini 20/5, 2016; 
Urbinate 382 e 455', Cristina di Svezia 2034. 

Due ne ha la Marciana di Venezia (Latini X, 74 e 75); uno la Biblioteca 5 
della Fraternità di Santa Maria d'Arezzo (n. 63), uno la Biblioteca di Mo- 
naco (Latini 733$). 

Non basta : il Montfaucon \ che vide molti dei codici fiorentini 2 , parla anche di 
copie esistenti a Roma (Santa Croce in Gerusalemme), a Venezia (Giustinian), a Pa- 
dova (Museo Pignori), a Parigi (Biblioteca regia, n. 5233) e a Besancon (San Vin- 10 
cenzo); lo Zeno ricorda un manoscritto della Paulina di Lipsia e un altro di mons. 
Giusto Fontanini 3 . Il Pottast 4 alla sua volta oltre all' esemplare della Nazionale 
Parigina n. 4295-27 (forse quello già ricordato dal Montfaucon) e a un altro della 
Biblioteca Urbinate di Roma n. 606 (?), ne cita altri quattro (Oxford, Magdalen Col- 
lege, n. 184 | 1448; Dresda, Biblioteca reale, n. 49; Madrid, Biblioteca reale, F. 28 15 
f. 1; Berlino, Biblioteca reale, Lat. fol. 195). 

Né mancano le traduzioni (Nazionale Fiorentina, Magi. XXIII, 78 ; La u- 
renziana, Ashburn. 559 \ 688 rosso; Madrid, Biblioteca reale T 85 6 ) e degli 
excerpta in latino (Nazionale Fiorentina, Magi. XXII, 27 (già Strozz. 792); 
Laurenziana, LXXX IX inf. (Gaddiand), 45; Casanatense, B- V- 34, §88 ; F o r- 20 
teguerriana di Pistoia, /86; Marciana, Latino, fondo antico 402 6 ) ed anche 
in volgare (Marciana, Latino, X, 236). 

Inoltre, appena l'uso della stampa cominciò a diffondersi, la parte del De Tempo- 
ribus, che riguarda gli avvenimenti posteriori al 447 di Cristo, fu impressa di seguito al 
quadro cronografico di Eusebio nella redazione latina di San Girolamo, e varie edizioni 25 
si susseguirono l'una all'altra. La prima fu pubblicata a Milano verso il 1475 coi tipi 
di Filippo Lavagna a cura di Bonino Mambrizio 7 ; una seconda nel 1483 a Venezia 8 ; 
due videro la luce a Parigi presso Enrico Stefano nel 1 5 1 2 e nel 1 5 1 8 9 ; quattro a Ba- 
silea, nel 1529 e nel 1536, editore Enrico Pietro 10 , e in fine nel 1559 11 e nel 1579 12 . 



IO 



iS 



1 M0NTFAU90N, Bibliotheca bibliothecarum manuscri- 
ptorum, Parigi, 1739, pp. 194, 484, 487, 756, 1189. 

2 Montfauc/on, op. ci/., p. 417 e Diarìum italicum, 
Parigi, 1702, p. 373. 

3 Zeno, op. ci/., p. 109. 

4 Pottast, Biblioteca historica medio aevi, p. 891. 

5 Quest'ultima è ricordata dal Pottast, loc. cit.: 
lo Zeno {op. cit., p. 118) ne cita una in pergamena pos- 
seduta da Bernardo Trevisan. 

6 Un frammento da Clemente V a Eugenio IV 
scritto di seguito al Pomarium di Riccobaldo Ferrarese 
possedevano i Padri Francescani della Vigna a Vene- 
zia (Zeno, op. cit., p. 123). 

7 Sulle edizioni del De Temporibus cf. anche Zeno, 
op. cit., p. no. Su questa del Mombrizio vedi Hain, 
Repertorium bibliographicum , e i supplementi del Copin- 



ger e del Reichling al n. 6716; tutti la credono stam- 
pata verso il 1475. Certo nella copia posseduta dalla 
Palatina di Parma {Incunaboli n. 498) all'anno 1444 è 
notata a penna la notizia della nascita di Galeazzo 20 
Maria Sforza, comes et dux noster. Il libro dunque era 
stampato e messo in circolazione prima del 1476, anno 
della morte dello Sforza. 

8 Hain, op. cit., n. 6617. Anche di questa possiede 
copia la Palatina Parmense {Incunaboli n. 3S^)- 25 

9 Panzer, Annales typographici , VII, p. 564, n. 553, 
e Vili, p. 48, n. 1019. 

10 Panzer, op. cit., VI, p. 272, n. 754? p. 315, n. 1083. 

11 È citata dallo Zeno, loc. cit. 

12 La vidi nella Nazionale di Firenze. Porta il 30 
titolo : Eusebii opera omnia cum addiiionibus Hieronymi , 
Prosperi, Palmeriorum et anonimi usque ad annum IS7°. 



PREFAZIONE 



XXIII 



Tanta copia di esemplari manoscritti e a stampa dell'opera del Palmieri, ci dice 
da sola quanto essa fu apprezzata e ricercata dagli studiosi dei secoli XV e XVI, 
i quali dovettero sentire il bisogno di consultarla molto di frequente, senza dubbio 
per servirsi dei dati e delle notizie in esse contenute ed accoglierli nei loro lavori. 
5 È quindi spiegabile, che di uno scritto tanto noto e tanto sfruttato per quasi due 
secoli, mi sia sembrato utile dare una nuova edizione priva delle lacune e delle mende, 
che abbondano nelle impressioni precedenti, non esclusa quella del Tartini l . 

Il numero rilevante dei manoscritti, di cui ebbi notizia, e il pensiero di andar a 
ricercare gli altri esistenti " per tutto il mondo „ (per ripetere l'espressione del Da 

10 Bisticci) mi avrebbe forse distolto dal curare questa ristampa del De Temporibus, se 
per buona fortuna non mi fossi imbattuto in tre codici fiorentini, che da soli mi han 
dato modo di ristabilire il testo dell'opera nella sua genuina lezione senza bisogno di 
ricorrere ad altri. Di questi codici due sono apografi; l'altro con tutta probabilità 
è la copia offerta dal Palmieri a Piero dei Medici, cui aveva dedicata l'opera 2 . 

15 Quest'ultimo è il Laurenziano LXV, 45 (Bandini, Catalogo, II, 765); è un 

membranaceo del secolo XV, mm. 295 X 205, scrittura calligrafica, di e. 98 n. n. 
Ha rubriche azzurre e rosse, qualche miniatura nelle iniziali, è scritto in rosso e nero 
secondo le istruzioni del Palmieri 3 . Termina a e. 94 r con la dicitura: u Laus sit 
n et honor et gloria omnipotenti in aeterno „, seguite immediatamente dalla segnatura 

20 originale , " Liber Petri de Medicis Cos. fil. „ comune agli altri codici di costui. 1 la 
frequenti liture e correzioni diligentissime di mano diversa. Legatura del secolo XVI 
comune agli altri mss. Mediceo-Laurenziani. Se si pensi che necessariamente il Pal- 
mieri deve aver offerto un esemplare dell'opera al Medici, cui l'aveva indirizzata, se 
si consideri, che nei due cataloghi dei libri del figlio di Cosimo compilati nel 1456 

25 e nel 1465 4 si fa menzione di una sola copia del De Temporibus u di lettere an- 
" tiche „ 5 , proprio come il ms. in questione, se si rifletta che il Palmieri, scrupoloso 
dell'esattezza delle trascrizioni al punto di raccomandare a chi avrebbe copiato la 
sua compilazione una collazione diligente con l'originale, soleva egli stesso rivedere, 
correggere ed emendare le copie dei propri lavori (aveva riveduto il manoscritto del 



IO 



1 Nelle edizioni dei secoli XV e XVI sono omessi gli 
anni 1-447 *• * n quella del Tartini tutta la parte anteriore 
al 1294. Le prime- sono piene di errori e di spostamenti 
di notizie da un anno all'altro: lo stesso Tartini, che 
seguì un discreto manoscritto fiorentino, più volte per 
migliorare la forma alterò la dicitura originale (cf. anche 
la chiusa della Prefazione pubblicata più innanzi). 

2 Vedi la dedica a p. 3. 

3 Cf. la Prefazione, p. 5, 11. 10-15. 

4 Furon pubblicati rispettivamente dal Piccolo- 
mini in Archivio storico italiano, serie 3*, 
voi. XXI, p. 106, e dal Muntz (Les collections des Mrdicis 
au XV e siècU, Paris, 18SS, p. 115 sgg.). 



5 Nel catalogo del 1456 sotto l' indicazione Rosso 
Storie e menzionato: De Tetnporibus di Mateo Palmieri T S 
di ledere antiche ?ium.... (Piccolomint, op. cit., p. 109, 
n. 55): in quelle del 1465 nei libri di Storia e pure re- 
gistrato : De Temporibus Matei Palmerii licteris antiquis, 
coperta rubea. Invece nel 1490 la libreria medicea pri- 
vata possedeva due copie del De Te?nporibus entrambe 20 
membranacee (cf. Inventario della libreria medicea privata 
compilato nel 1495, edito pure dal Piccolomini in Ar- 
chivio storico italiano, serie cit., voi. XX, 
p. 70: i due mss. portano i numeri 478 e 509): un altro 
esemplare dell'opera si era dunque aggiunto al primo 25 
dopo il 1465. 



XXIV PREFAZIONE 



De Captlvitate Pisarum offerto a Neri di Gino Capponi \ a quel modo, che egli 
più tardi corresse di suo pugno un codice della Città di Vita ora conservato nella 
Magliabechiana 2 ) si può concludere senz'altro che l'attuale Laurenziano LXV, 45 è 
l'esemplare di dedica presentato o inviato dall'A. al Medici- 
Dei due apografi, l'uno si trova adesso nella Nazionale di Firenze (Conventi 5 
soppressi, 263S); è un membranaceo del secolo XV, mm. 315 X 218, scrittura calli- 
grafica, che potrebbe giudicarsi identica a quella del codice precedentemente ricordato; 
conta e. 95 recentemente numerate. Ha esso pure rubriche azzurre e rosse, qualche 
iniziale miniata; è scritto in rosso e nero; abbondano le liture e le correzioni della 
stessa mano che rivide il Laurenziano LXV, 45. In fine a e. 95 r il copista aggiunse 10 
l' indicazione : " Antonius Marii filius, rlorentinus civis atque notarius, transcripsit Flo- 
" rentie ob originali xi kal. januarii MCCCXLVIII. Valeas qui legis „ . Segue di 
mano del secolo XVI : " Hic liber est Congregationis Sanctae Iustinae Ordinis Sancti 
" Benedicti deputatus Monasterius Abbatiae Florentinae (sic) ff . Dello stesso carattere 
si risconti-ano in fondo alla e. 1 le parole: "Hic liber est monasterii sanctae Mariae 15 
"Abbatiae Florentinae „ seguite da quest'altre scritte nel secolo XVII: " Mattheus 
tt Palmerius. De Temporibus. Inter codices designatur n. 4 7 „ . Legatura in assi e 
pelle. Il manoscritto fu veduto dal Montfaucon (Diarium Italicum cit., 373). 

Il terzo ms., il Laurenziano LXV, 46 (Bandini, Catalogo, II, 766) è pure del 
secolo XV, ma cartaceo; misura mm. 285 X 220; ha e. 79 non numerate ad eccezione 20 
dell'ultima; è scritto correntemente in rosso e nero. Porta infine l'avvertenza: 
" Exaravit Leonardus Dathus manu propria ab exemplari primo atque originali anno 
" 1448 „. E dunque una copia dell'autografo stesa, forse per proprio conto, da Leo- 
nardo Dati, letterato di qualche fama, intimo del Palmieri, del quale intessè la bio- 
grafia e commentò la Città di Vita 3 . Il manoscritto ha la solita legatura dei Lau- 25 
renziani Medicei. 

In quanto al valore dei tre codici, che indicheremo rispettivamente con le iniziali 
M, A, D, va notato che le loro varianti riguardano quasi tutte la grafia delle parole, 
perchè nel rimanente, salvo rarissime eccezioni, tutti e tre coincidono. 

Senza dubbio M ed A han maggior valore, perchè sono corretti dal Palmieri, 30 
che in alcuni punti tolse errori sfuggiti al copista, in altri emendò o sostituì addirit- 
tura il testo originale. L'uno e l'altro del resto rispecchiano l'incertezza dell' A. 
nella trascrizione delle parole; la dittongazione non è uniforme, spesso è errata; l'as- 
similazione o dissimilazione delle consonanti nelle parole composte non obbedisce a 
leggi fisse; i nomi propri sono spesso riportati in forma diversa a poche pagine di 35 



1 Cf. Matthei Palmerii, De Captivitate Pisarum cipale, II, li. 41 (Mazzatinti, Inventari, voi. Vili). Il 
liber a cura di G. Scaramella, nella nuova edizione codice reca l'avvertenza: "Copiato di mia mano oggi 
della Raccolta muratoriana, tomo XIX, par- "questo dì primo di marzo 1465 di mano di me Nic- 

te ii, Città di Castello, 1904, Prefazione, pp. xxi " cholò di Francesco Corsi di su quello di Macteo Pai- IO 

5 e xxii. , " mieri e decto Macteo me lo corresse poi „. 

2 Biblioteca Nazionale di Firenze, Fondo Prin- 3 Dati, Prefazione alla Città di Vita cit. 



PREFAZIONE 



XXV 



distanza; non solo, ma persino nelle correzioni il Palmieri non usò sempre criteri 
identici: tolse un errore in una pagina e non si avvide di errori simili nelle carte 
vicine; oppure corresse uno dei codici e non pensò ad eliminare lo sbaglio nell'altro; 
gli sfuggirono persino errori grossolani od omissioni di data. In ogni modo i due 
5 codici ci danno un testo che molto si avvicina anche nella grafia all'originale rive- 
duto e corretto secondo le intenzioni del suo autore. 

D invece è dovuto ad un copista intelligente, che nel trascrivere usa la grafia a 
lui abituale non curandosi di quelle dell'autografo. L'ho ciò non ostante tenuto 
presente in questa edizione per il fatto che molte varianti di questo codice corrispon- 

10 dono alle correzioni apportate dal Palmieri ai due precedenti. Ciò può dipendere 
da due diverse cause: o il Palmieri nel rivedere M ed A tenne presente D } o egli, 
correggendo i due manoecritti, emendò anche l'originale e solo in seguito lo prestò 
al Dati per fargliene trarre copia. In un caso e nell'altro la testimonianza di D ci 
riesce utile ogni qualvolta si riscontrano divergenze tra M ed A. 

15 Nella presente edizione pur seguendo M, codice di dedica, ogni qualvolta il Pal- 

mieri ha apportato una correzione o in M o in A o in entrambi ho preferito la 
forma emendata alla primitiva, correggendo per analogia le forme simili lasciate in- 
tatte dall'autore in altri punti dell'opera. Non ho tenuto invece questo criterio ri- 
guardo alle dittongazioni, e alle assimilazioni e dissimilazioni di consonanti; ho voluto 

20 che il testo da me offerto rispecchiasse in questo l'incertezza del Palmieri; ogni qual 
volta poi i due codici non sono concordi ho preferito, caso per caso, la forma cor- 
retta all'errata. Per i nomi propri scritti promiscuamente con grafia diversa ho pre- 
scelto costantemente quella più conforme all' uso comune : se poi M scrive sempre uno 
stesso nome in maniera diversa da A } mi sono attenuto a quello dei due manoscritti 

25 che coincide con D. Ho infine sostituito A ad M, e D ad M ed A, in pochi 
casi di manifesti errori ed omissioni del copista sfuggiti alla diligente revisione del- 
l'autore l . 



IO 



l S 



1 Debbo confessare che talvolta inavvertitamente 
mi sono discostato dai criteri prefissimi. Avverta dun- 
que l'intelligenza del lettore: 

i° Ogni volta, che ho accettata una forma non 
dittongata di M in luogo della dittongata di A, deve 
preferirsi quest'ultima : al contrario devono sopprimersi 
i dittonghi, se questi si trovano solo in D. 

2° Ho usato alternativamente le forme : Britan- 
nici e Brittannia, Britanni e Brittanni, Britones e Britto- 
nes, Calistus e Callistus, Lamgobardi e Longobardi, Asia 
e Asya, Loctharius e Loctarius, Gaius e Caius, Sycilia e 
Sicilia; si preferiscano le seconde alle prime, perchè 
usate più frequentemente da M ed A. 

3° Quante volte ho usato triumphum e i suoi 
derivati, dannum e i suoi derivati, si sostituiscano le 
forme tryumphum e dammim, secondo la correzione ap- 
portata in più luoghi dal Palmieri in M e A ; per la 



stessa ragione deve leggersi ovunque otto e Ottavia, e 
non octo e octavus, come ho lasciato in qualche luogo. 

4° A p. 7 si legga Hairahae in luogo di Abrahae 20 
e Habrahee ; a p. io, 1. 2i sacrum in luogo di sachrum. 
Infatti non solo A ha le prime forme, ma lo stesso M 
(per es., 40, 19 e 62, 39) segua tale grafia. 

5° Le forme Policarpus (22, 3), Hierapolitanus (22, 
19), Charras (25, 9), Cyliciam (28, 5), Flammineo (93, 29), .25 
Murone (113, 7) proprie di M si sostituiscano rispetti- 
vamente con Policarpus , HieropoUtanits , Carras, Ciliciam, 
Flamineo, Murrone comuni ad A e D. 

E già che sono a parlare di sostituzioni, desidero 
ricordare al lettore anche qui la Errata corrige posta in 30 
fine al volume per gli errori di stampa (leggerissimi 
invero, sì che il lettore non avrebbe difficoltà a cor- 
reggerli di per sé) che sono sfuggiti a me o al tipografo 
nella stampa del testo. 



XXVI 



PREFAZIONE 



* 
* * 



Diciamo adesso dell'opera del Palmieri, che per primi pubblichiamo in appen- 
dice al De Temporibus. Tale scritto conosciuto più comunemente sotto il nome di 
Historia Fiorentina, datogli dallo Strozzi che ne possedette il manoscritto \ deve 
invece intitolarsi Annales, secondo l'intenzione del suo autore 2 , che lo compose, per 5 
uso proprio più che per vantaggio altrui, a più riprese dal 1432 al 1474 3 . Il Pal- 
mieri vi registrò i fatti più notevoli di Firenze e d'Italia dal 1429 al 1474; lo stese 
in latino fino al 1445; lo seguitò poi in italiano, riprendendo l'uso del latino nel 1464, 
e definitivamente nel 1467. 

Gli Annales eran già noti a qualche studioso; alcuni passi anzi eran già editi. Lo 10 
Zeno 4 descriveva l'opera, per informazione avutane dal canonico Salvini, riportandone 
l'Introduzione. Dopo di lui Agenore Gelli, nel suo studio sull'esilio di Cosimo 
di Medici, ricordava lo scritto del Palmieri citandone due passi sugli istigatori della 
guerra di Lucca e sulla morte di Niccolò da Tolentino 5 . Infine anche il Messeri 
esaminò il testo palmeriano; ma per quanto egli stesso abbia messo in rilievo il va- 15 
lore storico di vari tratti, citandone alcuni, riportandone per intiero altri, a chiarimento 
non solo della biografia del Palmieri, ma delle vicende fiorentine di quegli anni 6 , 
non si pronunciò troppo favorevolmente riguardo all'importanza degli Annales: a Non 
a credo, egli scrive, che questo scritto del Palmieri abbia grande valore storico tanto 
" da meritare la pubblicazione per la stampa. Generalmente parlando infatti non vi 20 
u si trovano notizie nuove, ma sibbene il racconto di soliti fatti, che altri storici e 
u cronistri pure ci han dato a conoscere 7 „ . 

Io sono d'opinione un po' diversa. Certamente come opera letteraria gli Annales 
non sarebbero degni di vedere la luce: il latino scorretto delle prime e delle ultime 
pagine dell'opera rivela tutt'al più la buona volontà dello speziale fiorentino di avvici- 25 



1 Cf. p. xxxv. 

2 " Quod antiqua licentia Annales vocitabo „ ; così 
nella dichiarazione che il Palmieri premise all'opera 
(vedi p. 133). Il Palmieri soggiunge che egli scrive per 

5 potere rievocare, quando gli torni utile, i fatti contem- 
poranei (" si aliquando vel minima publice Florentie 
" gesta mihi opus fuerint, que mea etate contingerint, 
" ipsc vel partim vel omnia ex his commentariis su- 
"merepossim; ... . cum hoc solum animi mihi sit, cum 
io " opus fuerit aut voluero, que mea etate publice gesta 
" erunt excipere ex his litteris posse „) o se non altro 
per esercizio stilistico (" quod si minime accidet, tamen 
" scribendi cura me aliquid iuvabit„). 

3 * Que bello paceve vel domi vel extra urbem 
15 "gesta erunt in dies litteris excipiam. Sic interdum eve- 

" niet, ut rei principium significem, cuius intueri finem 
" minime adhuc possit „ (iòid.). Che gli Annales siano 
stati scritti a più riprese, come suppose anche il Mes- 
seri, op. cit., p. 284, ce lo attestano pure le frequenti 
20 mutazioni d'inchiostro e di carattere dell'originale da 
noi posseduto (cf. p. xxxvn), le quali ci permettono di 



determinare con sufficiente precisione il tempo di com- 
posizione delle singole parti dell'opera. 

4 Zeno, op. cit., p. 122. Le notizie dello Zeno ser- 
virono al padre Giulio de Negri e al Benvenuti {Quadri 3 5 
storici fiorentini. Matteo Palmieri, Firenze, 1887, p. 53), 
che non videro l'opera in questione. 

5 L'esilio di Cosimo del Medici, in Archivio sto- 
rico italiano, serie 4% voi. X, 1882, pp. 34, nota 2 ; 

64, nota 1; 91, nota 5; i passi da lui riportati si tro- 3° 
vano a pp. 132, 11-17 e 141, 1-3 della presente edizione. 

6 II Messeri {op. cit.) a p. 283 trascrive il tratto 
relativo all' ingresso di Federico III a Firenze (cf. pp. 162, 
42-163. J0 di questa edizione); a p. 304, alcuni periodi 
riguardanti la congiura contro Piero dei Medici del 1466 35 
(cf. pp. 183, 20-28; 184, 13-17) e a p. 310, altri su una 
lega italica del 1468 (cf. p. 188, 1-12); riporta pure 
qualche frase circa uffici sostenuti dal Palmieri (pp. 274, 
287, 294: cf. pp. 139, 26-28; 164, 25-30; 175, 32-34); infine 

a pp. 306 e 309, riassume le trattative per la lega italica 40 
suddetta (cf. pp. 184, 23-185, 6 e 187, 24-37). 

7 Messeri, op. cit., p. 359. 



PREFAZIONE XXVII 



narsi agli antichi modelli, non ostante la sua imperfetta conoscenza della grammatica e 
del lessico; e la parte scritta in italiano manca affatto d'eleganza e d'efficacia. Ma, come 
opera storica, lo scritto può riuscire assai utile, specialmente avuto riguardo allo scarso 
numero e al valore limitato delle fonti fiorentine contemporanee. Molta parte delle 
5 vicende di Firenze durante il secolo XV ci è nota nei loro particolari per i documenti, 
di cui i ricercatori, da Ammirato il giovane in poi, si servirono per supplire alle lacune 
dei cronisti ; documenti ufficiali, che non ci rivelano il retroscena degli avvenimenti e 
nulla ci dicono delle impressioni dei contemporanei, quali invece possono risultare dalla 
lettura degli scrittori del tempo l . Orbene a Firenze dal 1420 in poi non abbiamo nar- 

10 razioni complesse e abbastanza obbiettive, come quelle dei Villani, dello Stefani, del 
Minerbetti. Due degli scrittori più importanti, Leonardo Bruni 2 e Neri Capponi 3 , 
mirano a mettere in luce la parte che essi ebbero negli avvenimenti di quell'epoca; 
il Cavalcanti, in quella sua storia faragginosa 4 , altera la verità, affogando i fatti da 
lui narrati tra interminabili riflessioni per nulla serene, pieno come è d'atra bile pei 

15 Medici nella prima parte dell'opera scritta nel carcere delle Stinche, inopinatamente 
favorevole invece a quella famiglia nelle Seconde Storie; del resto il Bruni non pro- 
cedette oltre il 1440, il Cavalcanti si arrestò al 1447, il Capponi al 1456. Le Histo- 
riae -populì fiorentini del Poggio 5 compilate frettolosamente negli ultimi anni della 
sua vita, dal 1455 al 1458, non contengono se non un'esposizione enfatica delle guerre 

20 esterne della repubblica dal 1350 al 1455, imitazione liviana di gusto discutibile. 
Giovanni di Iacopo Morelli 6 e Filippo di Cino e Alamanno di Filippo Rinuccini 7 
si limitarono ad inserire nei ricordi famigliari qualche eco della vita pubblica. Al- 
cune pagine scritte dal Cambi 8 sulla fede, spesso con le parole di testimoni oculari, 
riescono interessanti, ma trattano saltuariamente di fatti avvenuti a distanza di tempo 

25 l'uno dall'altro, né ci presentano un quadro generale della storia fiorentina di quegli 
anni 9 ; né più esaurienti sono i dati che possiamo desumere per gli anni posteriori 
al 1448 dagli Annali del Fonzio 10 . Rimane lo scritto del Boninsegni u , che l'autore 



1 La quasi totale mancanza di storici fiorentini il primo di questi scrittori morì nel 1462,11'altro nel 1499. ao 
nella seconda metà del secolo XV fu notata anche dal 8 Cambi, Istorie, voi. I dal 70 a. C. al 1459 in 

Perrens, Hisioire de Florence depuis la domination des Me- Delizie cit., voi. XX. 

dicis, Paris, 1888, voi. I, p. 180, nota 2. 9 II Cambi visse dal 145S al 1535; e, a rao' d'in- 

5 2 Rerum in Italia.... commentarius cit. troduzione premise alla sua opera iniziata nel 1480 

3 Commentari , in Muratori, RR. II. SS., XV 111, molte notizie, anteriori " tratte, da un libro antico e da 35 
p. 1157 sgg. " darvi buona fede, perche le dette cose scritte le riscon- 

4 Cavalcanti Giovanni, Storia fiorentina , Firenze, " trai con altri libri „ (voi. II in Delizie, voi. XXI, p. 1). 
1838, 3 volumi. Alcune di esse sono desunte da relazioni di testimoni 

io 5 Edite anche dal Muratori, RR. II. SS., XX, oculari, come mi propongo di dimostrare in un breve 

p. 157. studio che vedrà presto la luce: son perciò assai im- 30 

6 Giovanni di Iacopo Morelli, Ricordi, in Deli- portanti per quanto frammentarie. 

zie degli Eruditi Toscani, voi. XIX. Il Morelli morì 10 Fon tius, Annales suorum temporum {1448-1483) nel 

nel 1439. Una cronaca di un Leonardo Morelli pubbli- volume Phil i pp i Villani Liber de civitatis 

l 5 cata di seguito non ha per noi alcun valore, perchè Fiorentine famosis civibus et e. cit., p. 153 

Leonardo nacque nel 1475. sgg. Il Fonzio nato nel 1445 fu presente a molti degli 35 

7 Filippo di Cino Rinuccini, Ricordi storici, 1398- avvenimenti da lui narrati. 

1460 ; Alamanno di Filippo Rinuccini, Ricordi storici , ll Buoninsegni, Istorie della città di Firenze 1410- 

1461-1491, che furono edite insieme a Firenze nel 1840; 1460 cit. 



XXVIII PREFAZIONE 



volle pomposamente chiamare Istorie della citta di Firenze, ma al quale come os- 
servò giustamente il Landini dandole alla luce u credo che più tosto si convenisse 
"il nome di memorie che di istorie „. Sono una serqua di notizie slegate poste 
l'una dopo l'altra dal 1410 al 1460, che di troppe cose tacciono e fan desiderare 
che qualche altra fonte le completi. A quest' ufficio, io credo, suppliscono assai bene 5 
gli Annales, che aggiungono a quel che possiamo rilevare dagli scrittori contempo- 
ranei molti particolari, e quel che più importa veridici, come si può desumere dal 
confronto di alcune notizie che si leggono nel solo Palmieri con qualche documento 
venuto alla luce per opera di ricercatori dei secoli seguenti. Si può concludere anzi, 
che nella massima parte di casi il nostro non fece che trascrivere o sunteggiare docu- 10 
menti autentici facilmente accessibili a lui tanto versato nei vari uffici della Repubblica. 
Quante notizie mancanti negli scrittori del secolo XV gli studiosi potranno 
trovare negli Annales, come alcune di queste notizie derivino da documenti poste- 
riormente pubblicati e attestino della veridicità di altre fin qui del tutto sconosciute, 
potrà vedere chi ci segua in un rapido sguardo al contenuto della cronaca del Palmieri. 15 

Nel 1432 il Palmieri intraprese a scrivere i suoi Annales rifacendosi dal 1429, 
parlando della ribellione di Volterra, dell'impresa di Lucca e delle guerre susseguitene 
fino al giugno 1431 (pp. 131-134). Nella sua narrazione, qui come altrove si tro- 
vano riuniti particolari sparsi in molti scrittori, ed altri che il Fabroni \ il Guasti 2 , 
F. Pellegrini 3 , il Gelli 4 , il Mucciaccia e A. Pellegrini 5 , la signora Masetti Bencini 6 20 
desunsero da documenti, trattando delle vicende di questi anni, per es. quelli sull'am- 
basceria spedita dal Guinigi a Firenze appena si vide inopinatamente assalito, o sulle 
trattative per la condotta di Niccolò da Tolentino. Da un passo del Nostro, parti- 
giano fedele dei Medici, risulta che anche questa famiglia insieme con tutte le altre 
della plutocrazia fiorentina volle la guerra contro Lucca; infatti tra gli istigatori del- 25 
l'intrapresa egli registra non solo Rinaldo degli Albizzi e Neri Capponi, ma anche 
Puccio Pucci, una creatura di Cosimo, e così smentisce l'accusa, che le fazioni av- 
verse si palleggiavano a vicenda, che ciascuna di esse avesse voluta a dispetto delle 
altre e a proprio vantaggio la rottura col Guinigi. Col giugno 1431 la narrazione 
rimane interrotta ed è ripresa col maggio dell'anno seguente: qui una fazione di truppe 30 
mercenarie fiorentine contro quelle senesi e milanesi svoltasi tra Pontedera e Montopoli, 
accennata a mala pena o fugacemente trattata dagli altri scrittori, è pomposamente 



1 Fabroni, Vite Magni Cosmi Medici, Pisa, 17S9. di A. Crivcllucci, III, 229-261, an. 1904; A. Pellegrini, io 

- Illustrazioni alle Commissioni di Rinaldo degli Tre anni di guerra tra Firenze e Lucca, 1430-1433, in 

Albizti, voi. HI; Documenti di storia italiana, voi. ILI, Studi e documenti di storia e d i r i 1 1 o, voi. IX, 

Firenze. 1S98, p. 179 sgg. 
5 3 Pellegrini Francesco, Sulla repubblica fioren- 6 Masetti-Bencini Ida, Neri Capponi — note bio- 

tina a tempo di Cosimo il vecchio, Pisa, 1SS9. grafiche — ; Vita politica di Neri Capponi; La battaglia 15 

4 Gelli Agenore, op. cit. d'Anghiari, in Rivista delle Biblioteche e de- 

5 F. Muciaccia e A. Pellegrini, Documenti reta- gli Archivi, voi. XVI, an. 1905. nn. 6-12; voi. XX, 
tivì alla caduta di Paolo Guinigi, in Studi storici 1909, nn. 1-4; voi. XVIII, 1907, nn. 7-8. 



PREFAZIONE XXIX 



descritta con gran lusso di particolari (pp. 134-136); si parla poi (pp. 137-138) della 
venuta in Toscana di Sigismondo di Lussemburgo, della sua dimora a Lucca e a 
Siena, e di trattative svoltesi tra lui e i Fiorentini, che apprendiamo per la prima 
volta dal Nostro. 
5 A questo punto il racconto subisce una nuova interruzione; poiché il Palmieri 

riprendendo la penna nel 1435 l salta a pie pari al settembre del 1434; prudente- 
mente egli tace dell'esilio di Cosimo dei Medici per celebrarne il trionfo (pp. 138-140); 
così mercè sua sappiamo qualche cosa di nuovo sul tentativo del partito degli Albizzi 
per ostacolare il richiamo degli avversari e sull'operato della Balìa dei 300, di cui 

10 il Palmieri fece parte: apprendiamo per es. non solo qualche nuovo nome di condan- 
nato, ma che fu spostata anche per gli anni seguenti l'estrazione dei Priori dal 28 ago- 
sto, data nefasta per i torbidi avvenuti in quel giorno per due anni consecutivi, al 
giorno precedente. Subito dopo (pp. 140-141) alle notizie interne, riguardanti per 
lo più congiure contro il nuovo stato di cose, cominciano a intrecciarsi altre riguar- 

15 danti la politica esterna di Firenze; così vengono riportati integralmente i patti d' un'al- 
leanza con Venezia taciuti dalle altre fonti; amico agli uomini di governo il Palmieri 
era iniziato anche ai segreti della diplomazia fiorentina e se ne giovava nello sten- 
dere le sue memorie. 

Dal 1435 il carattere del codice si conserva uniforme fino al termine del 1440; 

20 ma forse sarebbe arrischiato il supporre che il Palmieri abbia vergato in una sol volta 
le numerose carte dedicate a questi anni (pp. 141-150); se pur non le ha stese tutte 
insieme sulla scorta di appunti presi a poco a poco, del genere di quelli concernenti il 
1439 (p. 146 nota) da lui scritti in fine al codice che contiene gli Annales. Le guerre 
o per meglio dire le guerriglie, che afflissero l'Italia in quegli anni sono narrate in 

25 modo poco dissimile dagli altri cronisti; ma è descritta più efficacemente la libera- 
zione dei due castelli di Sarzana e di Barga avvenuta nel 1436 e le pratiche della 
Signoria fiorentina per la loro salvezza. Nel 1439 troviamo qualche nuovo accenno 
ai personaggi, che presero parte al famoso Concilio, alla guerra in Lombardia e so- 
prattutto alle vicende di Verona persa e ripresa dallo Sforza: si ha l'impressione che 

30 l'autore abbia avuto dinanzi qualche lettera che informava il governo di Firenze del- 
l'accaduto. Per l'anno 1440 la narrazione risente dello spavento grandissimo provato 
dai Fiorentini per la scorreria del Piccinino in Toscana troncata dalla vittoria d'An- 
ghiari; e, quel che è più, si avvantaggia in qualche punto su quella stessa di Neri Cap- 
poni, che pur tanta parte si ebbe in quella campagna: la perdita di Modigliana, lo 

35 stato pietoso delle campagne depredate, le discussioni avvenute in seno alla Signoria, 
son ben lumeggiate dal Nostro, che sorvola quasi sulla battaglia d'Anghiari e sulla 



1 Come abbiamo avvertito sopra, l'anno di coni- dell'ultima di una serie di notizie scritte con lo stesso 5 

posizione dei singoli brani si può determinare tenendo inchiostro e con carattere uniforme ci autorizza a rife- 

conto delle variazioni d'inchiostro e di foggia di scrit- rire a quel tempo la stesura di tutte le altre della stessa 

tura frequentissime nell'autografo degli Annales ; la data serie. 



XXX PREFAZIONE 



sommisione del Conte di Pioppi, come se non volesse troppo insistere sulle beneme- 
renze del Capponi, la cui popolarità poteva recar danno alla supremazia medicea. 

Dal 1440 al 1446 v'è una lacuna; solo qualche cenno di avvenimenti non fio- 
rentini (pp. 150-151), che non occupano neanche un'intera carta del codice. Ma 
col 1446, in cui il Palmieri abbandona l'uso del latino per quello del volgare, co- 5 
mincia la parte più interessante dell'opera. Fino al 1454 l'inchiostro e la foggia di 
scrittura cambiano almeno due volte l'anno; l'autore scrive sotto l'immediata impres- 
sione dei fatti, e si mostra informato minutamente non solo dei casi cittadini, ma degli 
avvenimenti svoltisi al di fuori, delle pratiche diplomatiche, delle vicende guerresche. 

Le trattative con Filippo Maria Visconti (pp. 151-152) sono riferite per lungo e 10 
per largo; sono sunteggiate lettere da lui spedite ai Fiorentini, e l'accoglienza da lui 
fatta agli ambasciatori di Venezia e di Firenze è narrata ben diversamente da quel 
che conoscevamo fin qui; il Duca avvertiva " che non era in termine di udirgli in 
" que' dì, e che conoscendogli cittadini reputati e intendenti nelle loro città, sanza 
u e quali dette città riceveano impedimento, non volea desson disaggio alle loro città 15 
a e pertanto partissono con prontezza, acciò non seguisse a dette loro città mag- 
tt giore danno. Mossi da questo partirono e con sospetto e disagio studiorno imfino in 
" su quello di Bergamo „ (p. 152). Altro che la dignitosa risposta attribuita dall' Am- 
mirato all'oratore fiorentino Puccio Pucci, che pregato dal Duca di attendere ad es- 
sere ricevuto in un giorno ritenuto favorevole dagli astrologi, avrebbe poi rifiutato sde- 20 
gnosamente l'udienza dicendo " che se era venuto il punto del Duca non era già 
" venuto il suo! 1 „. 

Anche la guerra intrapresa tra Firenze, Venezia e il Visconti, dopo la rottura 
delle trattative diplomatiche (pp. 152-155), sembra narrata sulla scorta di avvisi ri- 
cevuti dalla Repubblica fiorentina; si vedano le relazioni sui vari combattimenti in 25 
Lombardia e gli annunzi della morte del Duca registrati man mano che pervenivano 
da diverse parti; u A dì 15 di agosto venne lettera da Neri Capponi e Bernardo 
u Giugni ... ; a dì 17 da loro detti vennono lettere ... ; a dì 18 venne lettera di Gie- 
" nova, e di Lunigiana, e da Pontriemoli .... „ ; tutta la corrispondenza di palazzo in- 
somma è messa a profitto dal Palmieri. 30 

Lo stesso si deve dire pel periodo consecutivo alla fine del Visconti. Le diffi- 
coltà per Firenze andavano allora sempre aumentando: Alfonso d'Aragona tentava 
per due volte una spedizione in Toscana, aiutato ben presto da Venezia in odio allo 
Sforza, cui la protezione di Cosimo dei Medici facilitava il possesso di Milano, 
mentre Firenze e lo Sforza attiravano contro il Reame Renato d'Angiò; solo la no- 35 
tizia della caduta di Constantinopoli e la pace di Lodi posero fine a tante agitazioni. 
I cronisti conosciuti fino ad oggi non illuminavano completamente questo periodo 
neanche per le parte riguardante Firenze, né bastavano a far luce completa i docu- 



1 Ammirato, Istorie fiorentine, lib. XXII (voi. VII, p. 361, ediz. Firenze, Marchini e Becherini, 1836). 



PREFAZIONE XXXI 



menti editi dal Dejardins l o in appendice alla Vita di Alfonso del Da Bisticci- in- 
torno alle relazioni tra la Francia, l'Aragonese e la Repubblica fiorentina; per trarsi 
d'impaccio il Perrens sfruttò la copiosa raccolta di carte sforzesche conservate nella 
Nazionale di Parigi 3 , e il Rossi, per seguire passo passo i rapporti tra Alfonso d' Ara- 
5 gona, i Fiorentini e i Veneziani 4 , si valse delle carte degli Archivi di Firenze, di 
Siena, di Venezia e di quello vaticano: gli Annales aggiungono moltissimo alla nar- 
razione degli altri cronisti e son degni di fede, perchè buona parte delle notizie loro 
peculiari trovano la più completa conferma nei documenti sopra ricordati, che alla 
loro volta ricevono dalle parole dello speziale fiorentino un efficace commento. 

10 Negli anni in questione la nostra cronaca parla successivamente dell'avvicinarsi 

del Re di Napoli, di un ambasciata fiorentina al Re esposta per disteso, del cam- 
peggiare di Alfonso nella Maremma fino alla sua partenza, e, contemporaneamente, 
della vittoria di Caravaggio e dei primi approcci con la Francia per la discesa di Re- 
nato in Italia. I propositi dello Sforza d' impadronirsi di Milano gli alienarono i 

15 Veneziani, donde nuove pratiche della Serenissima e del re Alfonso con i Fioren- 
tini per attirarli a loro; il Nostro (che accenna anche al giubileo del 1450 e solo 
fra tutti parla di una intromissione della Repubblica negli affari di Lunigiana) ci dà 
conto ad una ad una di tutte le ambascerie corse in proposito senza costrutto, perchè 
i due alleati visti i Fiorentini irriducibili espulsero i mercanti fiorentini dai loro stati. 

20 Riarde la guerra, le forze aragonesi invadono di nuovo la Toscana, e intanto 

non cessano i maneggi tra i vari stati, principalmente con la Francia, che acconsente 
alla fine ad inviare Renato: nessun particolare sfugge al Palmieri, non solo spettatore, 
ma anche attore di questi avvenimenti per i numerosi incarichi affidatigli dal Comune 
fiorentino 5 ; e poiché egli riporta quasi testualmente l'istruzione data agli oratori spe- 

25 diti in Francia nel settembre 1452 6 , non abbiamo ragione di ritenere meno esatte 
tutte le altre notizie relative alle mosse aragonesi nell' Italia centrale e alle innume- 
revoli pratiche tenute dai Fiorentini cogli altri potentati amici e nemici (persino col 
Re d'Ungheria!) o coi capitani di ventura, anche quando esse non sono confermate 
da nessun'altra fonte. 

30 Cadeva frattanto Costantinopoli ; e, a quanto sappiamo dagli Annales , ne giunge- 

vano notizie a Firenze per più lettere e per ambasciate del Re di Cipro e dell'Im- 
peratore spodestato; il Papa allora incitava gli stati italiani alla pace e si aprirono 
negoziati a Roma, cui parteciparono per i Fiorentini Bernardo Giugni e Giovannozzo 
Pitti. Su questi negoziati il Palmieri si dilunga assai, con intento evidentemente 



• l Desjardins, Negotiations dìplomatiques de la Frati- di Caravaggio (1448-1450), in Archivio storico i t a- 

ce avec la Toscane, voi. I, Paris, 1S59. 1 i ano, serie 5 a , voi. XXXIV, 1904, pp. 158-1S0; Venezia, io 

2 Vedili in Archivio storico italiano, se- il Re di Napoli, Firenze e Francesco Sforza (1450-1451). in 
rie i a , voi. IV, parte 1, p. 417 sgg. Nuovo archivio veneto, tomo X, parte 1, 1905, 

3 Perrens, op. cit., voi. I, note passim, e special- pp. 5-47 , tomo X, parte 11, pp. 2S1-371. 
mente capp. Ili e IV, p. 94 sgg. Messeri, op. cit., p. 2S6 sg. 

* Rossi Luigi, La guerra in Toscana dell'anno 1447- L'istruzione e trascritta in Fabroni, op. cit., 15 

1448, Firenze, 1903; Firenze e Venezia dopo la battaglia p. 300, doc. 107, e in Desjardins, op. cit., p. 76. 



XXXII PREFAZIONE 



polemico, per dimostrare che sebbene i Fiorentini avessero insistito per ottenere 
qualche modificazione ai patti proposti da Niccolò V il giorno di Natale del 1453, 
la colpa del mancato accordo era stata del Papa: u fu chi stimò al Papa non avere 
u appetito la pace, parendo l'avesse avuta in luògo che, avendola pronuntiata, ciascuna 
tt delle parti retificava, benché non fusse stata in tutto secondo sua intenzione „ (p. 172). 5 
Era una risposta alle accuse rivolte dalla voce pubblica ai Dieci di Balìa ligi ai Medici, 
accuse confermate, a quanto attesta il Da Bisticci *, dal Giugni e dal Pitti, di non aver 
voluta una pace già stabilita e di aver inviato a Roma un terzo oratore, Otto Nic- 
colini, proprio per guastarla. Con buona pace del Palmieri e di Neri Capponi, uno 
dei Dieci, che accennando all'accusa la ritorge anch'egli sul Papa 2 , non ci sembrano 10 
sufficienti le loro difese; dal prolisso racconto del Nostro, come del resto da quello 
del Boninsegni 3 , si rileva che i reggitori di Firenze dilazionarono con mille pretesti 
una conclusione desiderata da tutto il popolo, mentre con energia preparavano la 
guerra accogliendo con gran feste le milizie angioine destinate a combattere il Reame. 
Ma, se non altro, le pagine degli Annales ci fan conoscere fin nei più minuti dettagli lo 15 
svolgersi delle trattative fallite; i Fiorentini d'altra parte non rimpiansero per lungo 
tempo il mancato accordo, perchè quasi subito si concludevano la pace di Lodi e 
una lega italica, che chiudevano una guerra più che trentennale dannosissima, se non 
altro, alle finanze fiorentine. 

Mentre duravano gli approcci per la lega italica, mentovati essi pure con gran 20 
cura dal Palmieri (pp. 172-175 passini), gli sguardi dei nostri potentati eran volti 
alla Penisola balcanica, e il nostro cronista registra una lettera dell'Imperatore ecci- 
tante ad una confederazione contro i Turchi (p. 174) e più lettere di Venezia, quali 
annunzianti accordi tra i Turchi e i Veneziani (p. 172), quali vittorie degli infedeli 
in Serbia (p. 174), ed una celebrante una vittoria cristiana presso Belgrado (p. 176). 25 
Nel parlare di queste lettere il Palmieri ebbe certamente sotto gli occhi gli originali, 
come potrebbe rilevare chiunque riscontrasse le espressioni del Nostro con la copia 
dell'ultima lettera esistente in un ms. del secolo XV di provenienza fiorentina con- 
servato nella Biblioteca Palatina di Parma 4 . In tale manoscritto la lettera è seguita 
da una descrizione in latino di un violentissimo nubifragio, che devastò il territorio 30 
fiorentino nel 1456, del quale parlano ampiamente il Boninsegni 6 e il Cambi, che 
trascrive la relazione compilata su ricordi personali e su un libretto di Giovanni Ru- 
cellai da un contemporaneo, Matteo Rinaldi e . Questo temporale descrive di scienza 
propria anche il Palmieri (pp. 176-177), sempre pronto a tener conto di fenomeni 
meteorologici e astronomici (pp. 174-176 passini) 1 . 35 



1 Da Bisticci, op. cit., Bernardo Giugni, voi. Ili, baldo Farnese, i Mirabilia del Poggio, varie pagine sulle 
pp. 198-301. vicende francesi del secolo XV e su viaggi di esplora- 

2 Capponi Neri, op. cit., p. 12 14. zione nell'India ecc. 

3 Boninsegni, op. cit., p. 108. 5 Boninsegni, op. cit., p. 116. 10 
5 * Ms. parmense, n. 331. È uno zibaldone storico- 6 Cambi, op. cit., XX, p. 339. 

geografico, che contiene anche il Pomarium di Ricco- 7 Nello stesso codice, che contiene gli Annales il 



PREFAZIONI. XXX1H 



Dal 1456 al 14oO gli A?ivales (pp. 176-181) si occupano di avvenimenti italiani 
già molto noti ; di nuovo non troviamo che un incidente tra Napoli e Firenze per 
rifacimenti di danni imposti dal Re a favore di un suo fido, Fusciarra, e di Pietro 
Gambacorta, già signore di Bagno di Romagna; di interessante una notizia, espunta 
5 poi prudentemente dal Palmieri, sulla deposizione del Foscari: tt Fu notissimo dii 
u mesere Francesco era di bonissimo sentimento intano alla sua morte „ (p. 178), e 
qualche particolare sui contrasti tra Pio II e gli ambasciatori francesi nella dieta di 
Mantova ; risulta pure dal Nostro la condotta ambigua di Firenze nella lotta tra Gio- 
vanni d'Angiò e Ferdinando d'Aragona pel reame di Napoli; la Signoria dava buone 

10 parole ad entrambi, parteggiando in cuor suo pel primo; nulla invece ci dicono gli 
Annaìes dei mutamenti operatisi nel governo fiorentino dal 1457 al 14o8. 

Non sappiamo per quale ragione il Palmieri abbia trascurato la sua cronaca nei 
cinque anni seguenti; in meno di due carte scritte in fretta si sbriga delle vicende 
anteriori al 1466 senza mai dir nulla della sua città (pp. 18 1-1 8^). 

15 11 Messeri, nel trattare delia vita pubblica del Nostro e della parte che ebbe negli 

avvenimenti fiorentini del 14Ó6 e nella guerra italica da quelli provocata, ebbe modo 
di mettere in rilievo l'importanza degli Annaìes per la storia del 1466-1467 (pp. 183- 
188) ', ne è il caso qui di ripetere quanto fu scritto da altri: basterà ricordare, che 
dalla cronaca da noi esaminata resulta l'accordo preventivo del Pitti e dei suoi com- 

20 pagni con alcuni fuorusciti fiorentini radunati negli stati degli Estensi, e la politica 
insidiosa di Venezia e del Papa a danno di Firenze. 

Ci avviciniamo al termine degli Annaìes. Menzionate brevemente poche vicende 
del 1468 (p. 188), il Palmieri tratta di nuovi contrasti e nuove guerriglie tra i pote- 
stati italiani ; il timore dei progressi dei Turchi, che il Nostro conosce attraverso let- 

25 tere spedite da Napoli alla Signoria fiorentina, portò alla rinnovazione della lega 
del 1455. Chi vorrà studiare nel suo insieme la storia italiana del 1469-1470 troverà 
nel Nostro (pp. 188-191) qualche notizia nuova. Ma ormai il buon Matteo risen- 
tiva il peso dell'età e ciò non ostante i suoi cittadini continuavano a valersi di lui 
per incarichi di fiducia in casa e fuori' 2 ; non dobbiamo dunque stupirci se gli av- 

30 venimenti del quadriennio 1471-1474 (pp. 191-192) sono esposti contale concisione 
di particolari da non aggiungere nulla quasi alle cognizioni già da noi possedute. E 
col 1474, l'anno precedente a quello della morte del Palmieri 3 , si chiudono gli Annaìes. 
Questi hanno oltre tutto il pregio di rivelarci qualche nuovo aspetto della vita fio- 
rentina del secolo XV. Qua (p. 137) è dipinta una processione affollata di popolo; 

35 là (p. 162 sgg.) l'ingresso di Federico III, accolto lietamente dopo una serie di pra- 
tiche durate più d' un anno, e ripartito poi in fretta (pel timore che alcuni Ungheresi 
non gli prendessero un nipote da lui tenuto in stretta custodia) lasciando assai delusi 



Palmieri segnò anno per anno dal 143S al 1447 notizie ' Messeri, op. cit., pp. 303-310. 

sommarie sull'andamento delle stagioni e dei raccolti. 3 Op. cit., p. 313 sgg. 

Son quelle che pubblichiamo da p. 193 a 194. 2 Op. cit., p. 317. 

T. XXVI (Tartini, I) p. i — C. 



XXXIV PREFAZIONE 



sul suo conto i Fiorentivi: " Nel tempo stette in Firenze all'andare e al tornare stette 
"con poca reputazione...; e mostrò essere misero e avaro principe togliendo ogni 
u vile dono e deziando, chieggicndo cose di poca stima colla sua propria persona: 
" mercatava insino e guarnelli a soldi el braccio. E mai si sentì donasse alcuna cosa 
" a persona, e portossene alcune cosette aparecchiate per sua onoranza, in modo mon- 5 
tt strò essere misero e vantaggioso „ (p. 114) 1 . Altrove si parla di un gran passag- 
gio di pellegrini, fonte di guadagno per i commercianti di Firenze (p. 160) o di una 
specie di torneo in piazza Santa Croce combattuto dalla compagnia di Roberto da 
Sanseverino (p. 189). Poche pagine d'altre opere infine contribuiscono alla conoscenza 
della storia del costume come quelle dedicate alla processione di San Giovanni del 1454 10 
(pp. 172-173): per tutta la giornata continuarono a sfilare nella piazza edifici, seguiti 
ciascuno da una brigata, che al cospetto dei Signori, salita sul proprio edificio, faceva 
rappresentazione di un qualche episodio della storia sacra. 

E poi quale acume rivela il Palmieri nelle sue osservazioni, quale profonda co- 
noscenza dei tempi e degli uomini! Come lo colpisce il vedere il popolo fiorentino, 15 
abitualmente scettico, seguire in massa con indicibile fervore l'immagine della Ma- 
donna dell' Impruneta " Hec ideo annotavi, quia raro a nostro populo et maxime ab 
a hominibus hos suppliciorum concursus efriciuntur „ (p. 137). Si trattava di quel po' 
di ascetismo, che era insito nell'animo dei fiorentini più gaudenti e si ridestava a 
tempo e a luogo specialmente nell'ora del pericolo. Non per nulla Lorenzo dei Me- 20 
dici scriveva pel popolo, insieme con i canti carnascialeschi, laudi e sacre rappre- 
sentazioni; non per nulla il Savonarola potè, senza sforzo apparente, rendere severa 
come un convento la gioiosa citta atterrita dalla discesa dei Francesi in Italia. 

Scorriamo qualche pagina, veniamo alla devastazione portata dal Piccinino al 
Mugello senza che Firenze lo potesse impedire. Eppure le milizie non mancavano 25 
* ad tutelam sui agri certe satis, si consuetudo temporum non officeret „. Sfido io! 
Gli assoldati da Firenze badano solo a conservare la vita, concordi coi nemici nel de- 
predare i contadini inermi; in caso disperato si danno prigionieri e sono riscattati o 
scambiati, ma per lo più non venivano alle mani con un av\ ersario, " nisi de preda 
a esset contentio . . . ; qui erat imbecillior superatus relieta preda inoifensus ibat„. Che 30 
più? Se un nemico era imprigionato da qualche contadino, aspettava tranquillamente 
che un soldato di parte fiorentina venisse a liberarlo previa metà del bottino (pp. 147- 
148). Come più efficacemente potevano dipingersi i danni delle compagnie di ventura? 

Né più tranquillo, almeno negli ultimi anni, era il Palmieri pel futuro destino di 
Italia. Le continue discordie lo impensierivano, anche perchè dissimulate da atti di 35 
apparente amicizia. Alla line del 1472 registrando un nuovo matrimonio tra gli Ara- 
gonesi di Napoli e gli Sforza esclamava: " Et fuerunt simul alfìnitate iuncti tales 



1 Osservo, che nel Palmieri troviamo particolari mora di lui in questa città (pp. 162-164), e i rapporti 
mancanti negli altri storici circa le pratiche dell' Im- dei Fiorentini col nipote dopoché egli fu liberato dalla 
peratore per la sua venuta in Firenze (p. 163), la di- tutela dello zio (p. 166). 



PREFAZIONE XXXV 



" principes per iìlios, sorores atque nepotcs. Deus bene vertati „ (p. 192). Clic Dio 
ce la mandi buona! Presentiva forse il Palmieri, che proprio tali matrimoni avreb- 
bero accresciuto l'odio tra Napoli e Milano? Parrebbe: sorretto come era da quel 
senno pratico che aveva acquistato nell'esercizio di tante pubbliche cariche, e che ap- 
5 pare più volte anche nelle pagine degli Annales. 

Il codice, che contiene gli Annales appartenne al senatore Carlo Strozzi (ms. 
in folio, n. 283) e attualmente si trova nella Magliabe chiana con la segnatura XXV, 
511; è un cartaceo di cm. 25X20, del secolo XV, con legatura originale in per- 
gamena. Consta adesso di 82 carte, numerate recentemente in lapis. 

10 Nel resto della prima carta si legge di mano dello Strozzi: N. 283, //istoria 

fiorentina di Matteo di Marco Palmieri ) e l'originale \ ab anno 1432 ad 1474 I d e ? 
sen. re Carlo di Tommaso Strozzi \ 1670; ed a lapis di mano del Targioni: XXV- 
Palmer io - f or san autografili. Son bianche le ce. 1 v, 2, 3 r. A tergo della e. 3, 
chi ha vergato il codice ha scritto capovolgendo il registro quanto segue: 

15 u 190 MCCCCXXVIII 

a Richordo di danari chaverò di bottecha per chose di fuori chominciando a dì primo 
u novembre : 

"a dì 2 di novenbre per dare a Zanobi di Mariotto vettura per vino L. 4 
a a dì 6 di novenbre die ad Antonio di Ciuto per vettura di vino L. 6 s. 8 

20 "a dì 16 die ad un manovale L. 1 „ ; 

e più tardi cancellando le frasi precedenti ha aggiunto: 

" Porcellana homo quippe rusticitatis Venetie predicator erat circumforaneus et 
u assidue monebat vulgus ad religionis timorem, invehebat maxime contra vendentes 
" ementesque per festos dies. Contrastabant qui mercaturam et crebras venditiones 

25 " exercent, asserentes civitatem portuosam varie et undique frequentata si ne commo- 

" ditate continue vendentium stare non posse. Respondit ille: Inhumanum esset ad- 

" venas necessariis prohibere. Mortale est praeceptum contemnere. In cantate igitur 

" vende et non ad lucrum, sed in beneficentiam par pari in die testo concede „. 

tt Quercus et pirus in eodem agello propinqui iuxta viam in eodem aggere vicini 

30 tf decreverant. Quercus exoleta iam putrida et nodoso corti ce marcida erat et fetidis 
u habunda formicis. Pirus contra luxuriante fronde nitebat, suavis incurvata copia 
u fructus. Pretereuntes, intacta quercus, pirum fractim dilacerabantur fructus carpentes. 
tt Dixit itaque ad quercum pirus: Quam male comparatum est, ut tu tot referta ma- 
tf lignitatibus tua in pace quiescis, ipsa vero aspectu decora, gustu rìulcissima et mea 

35 u largitate utilis et benefica tot percussionibus lacerata miserabiliterque destructa langue- 
tt scam. Respondit quercus: Adhuc malam huius seculi ignoras consuetudinem? Qui 
a melius agunt, hi peius recipiunt „ . 

Seguono altre 5 carte bianche ; rimane poi traccia di 7 carte tagliate. Alla e. 9 in- 
cominciano orli Annales che continuano senza interruzione fino alla e. 69. Queste 61 



XXXVI PREFAZIONE 



carte furono contraddistinte da chi scrisse il codice coi numeri 25-85; e a tale nu- 
merazione originale non mancano richiami nel contesto stesso della cronaca: per es. 
a e. 56 r (72 ant. num.), parlandosi della gita di Pio II a Mantova è notato: " se- 
a gue a e. 7J „ ; e a e. 57 (73 ant. num.) è scritto: "Venuto Pio II a Mantova, 
a come appare a e. J2 n ; più in là a e. 67 (83 ant. num.) si ricordano le leghe strette 5 
a Venezia e a Napoli nel 1454 e si aggiunge in guanto a e. 68 (52 nuova num.), 
ove appunto si trovano menzionate tali paci. Con la e. 69 r (85 ant. num.) cessano 
gli Annales; e nel verso è scritto di mano del secolo XVI: 

" Questo libro è di Marcho e di Bartholomeo frategli et figliuoli d'Antonio Pal- 
a mieri da Rasoio, ciptadini fiorentini, e composto per Matheo di Marcho Palmieri; e 10 
a sritto (sic) per me Matheo di Nicho del Chiaro, i quale libro l' acattai da Marcho per 
" leggere venerdì a dì xxi° di maggio 1501 per parechi giorni e chosì prometto rendere. 

Recedant vetera et nova sint omnia 
ed e si sia di chi si vuole l'affanno 

chi ariva male s'abbi il danno. 15 

Non haver nel huomo incostante 
Che non si fonda in su virtù divina 
Donde -procedano l'opere sante. 
Superbia non è altro cke volere 
s Parere e sopra tutto esser tenuto 20 

Et quel che non e vuoisi tenere „. 

Le ce. 70-73 son bianche e numerate originalmente coi num. 94-97. Le ce. 74- 
79 portano anche i num. 98-103 ma di mano del secolo XVII o XVIII; di queste 
la e. 74 è bianca; la e. 75 reca pochi ricordi in volgare relativi all'anno 1439, da 
noi editi in nota a p. 146; la e. 76 è bianca; nelle ce. 77 e 78 sono notizie riguar- 25 
danti il tempo e i raccolti degli anni 1438-1447, da noi trascritte di seguito agli 
Annales (pp. 192-194); a e. 79 una serie di massime (intitolate Sententie ad civilita- 
tenì), distinte per argomenti (De liberiate., De potentia, De pace et bello. De seditione, 
De bello. De multitudine, De ocio, De temperantia, De pace et Victoria, De bono pub- 
blico, De pudicitia, De cupiditate, Contra lucrantes in rempublicam) estratte da Ci- 30 
cerone (Ad fam., De Leg., De O/f.), Sallustio, Livio e da una versione latina di 
Aristotele. Notizie politiche, metereologiche, sentenze, sono della stessa mano di chi 
vergò gli Annales. Infine le ce. 80 e 81 son bianche e non portan traccia di altra 
numerazione; l'ultima, la e. 82 era, originalmente distinta col num. 190; nel recto 
ha l'adagio: 35 

Aspecta, che l'aspectare non rincresce 
Alla cicogna quando aspecta pesce 

e nel verso la nota: " Nomi de primi ambasciadori vennono dal Borgo a Santo Se- 
polcro, poi fu presa la tenuta pe' Fiorentini — fu di aprile 1441: Francesco del- 
"■ l'Agi ne loro cancelliere; Antonio di Donderello e mercatante „ l'uno e l'altra 40 










J^/i 






*5> 



p-^ ; rt^ ,«*, U^ ^ ^S^^ 
f, . e*». ; e-4- , c*r* r Uo^ ^ju. Ams ^ ^ _ ^ ^ 

H* ^We , ^ ^ ^. ^ ^ ^ . 

tM*r>VV^V*- £oj\, Qy^ cH>o - g-^^^rJ^^ fj^e^/ 



w 



1; 



_*^. li..,. n~_A_ A V I, 













1-' 



l^fc-v^ ^ JP^Cr *<o Jfrlr*- uj>s/h> rf-Uv*- w>Urt*. jr-rifi • .^^ ^^ Ju%s 



* \ h^m. ili» 



Biblioteca Nazionale di Firenze: Codice Magliabechiano XXV, 511, e. 55 v (già e. 7/ v). 

Autografo degli "Annales, di Matteo Palmieri. 



PREFAZIONI-; 



XXXVII 



tracciati dal quattrocentista autore del codice; mentre una mano del secolo seguente 
aggiunse: "Al mio Francesco di Giovanni Buonsignori e chompagni, banchieri in 
" Roma deano avere fiorini 15 000 „. 

Come abbiamo detto sopra gli \nnales occupano le ce. 9-69 (già 25-85), scritte 
5 in modo che restano due larghi margini ai lati, nei quali dalla stessa mano che vergò 
il codice furono segnate numerose postille; solo due carte, la 52 r e la 60 r mancano 
dei margini. Nei margini stessi a e. 32 r e da e. 51 r a e. 55 v una mano del se- 
colo XVI, quello stesso che annotò la e. 69 v, aggiunse altre postille. La materia 
è distribuita per anni; al principio di ciascun anno è segnato nel mezzo della pagina 

10 il numero corrispondente, che viene ripetuto in testa alle pagine consecutive. 1 fre- 
quenti mutamenti d' inchiostro e anche delle leggere variazioni, che si riscontrano 
tratto tratto nella scrittura, attesterebbero di per sé, che l'opera è stata scritta a più 
riprese. Che poi i ricordi siano stati scritti currenti calamo, e non ricopiati da una 
bozza preesistente, ce lo rivelano le spessissime correzioni e le aggiunte fatte in fine 

15 dei capoversi o delle pagine ed anche — in mancanza d'altro spazio — nei margini 
da quello stesso che aveva scritto le singole notizie; costui d'altra parte più volte ha 
lasciato in bianco alcune righe od anche intere pagine con l'evidente intenzione di 
supplire in seguito alla materia mancante, intenzione talvolta tradotta in atto, tal 
altra no K Tutte queste peculiarità a (a prescindere anche dal fatto che la cronaca è 

20 inserita in un libro di ricordi vari, dall'annotazione cinquecentistica a e. 69 v, e dal- 
l' identità del carattere di questo codice con quello dei Ricordi autografi del Palmieri 
conservati nel R. Archivio di Stato di Firenze) attestano che noi ci troviamo in 
presenza dell'originale degli Annales. 
Pubblicandoli quindi: 

25 a) per i tratti scritti in latino abbiamo riprodotto fedelmente il ms. con le incer- 

tezze fonetiche, morfologiche, sintattiche derivanti dall'imperizia dell'autore; abbiamo 
perciò conservato alcuni scambi di consonanti (plublice -per publice, flegit -per fregit, 
contecti -per contempti etc); alcuni errori di declinazione (duci (ab l.) per duce, me- 
diolanense (id.) per mediolanensi, inermis (ab/. p7ur.) per inermibus etc.) o di coniu- 

30 gazione (gerebuntur per gerentur etc.) ; alcuni anacoluti ecc. Abbiamo solo corretto 
evidenti errori di disattenzione (fuerit in fuerint, ivasit in invasit, Niholaum in Nicho- 
laum etc.) e ridotto alla grafia comune l'uso dell'A iniziale, nel quale il Palmieri è 
poco sicuro (per es. scrive oste per hoste, habiit per abiit etc.) 8 , 

Nel trascrivere il testo italiano abbiamo seguito le norme prefissesi dal Gherardi 



1 Son totalmente bianche le ce. np, 12, \" t v, 18, 
19 r, 37 v\ bianche a metà 1' n r, 31 v, 56»; varie lacune 
si riscontrano negli anni 1446-1447, 145S, 1460-1463. 

2 Dal facsimile della e. 55» inserito in questa edi- 
zione il lettore potrà rendersi conto delle mutazioni 
frequenti d' inchiostro e di foggia di carattere, delle 
correzioni e delle aggiunte introdotte dall'autore in 
alcuni periodi posteriormente alla loro primitiva scrit- 



10 



tura : avrà esempio delle postille autografe e anche di 
una di queUe del secolo XVI. 

1 Mi son talvolta staccato da queste regole e per 
inavvertenza. E precisamente non ho corretto come avrei 
dovuto: et in eis, 132, 5; isdetn in idem, p. 140, 47; Fo- 
rum /ulti in Forum Livii, p. 114, 17; Cortonense agrum in 
Cortonensem agrum, p. 148, 47 : nostri in nostris, p. 149, 17. 15 
Ho invece sostituito senza necessità suscipere, susceptori- 



XXXVIII PREFAZIONE 



nel pubblicare, nel voi. VI dei Documenti di Storia Italiana, il Diario d'anonimo fio- 
rentino dall'anno 1358 al I38g 1 . 

Nelle note abbiamo registrato tutte le variazioni apportate all'originale ; abbiamo 
indicate le correzioni e le aggiunte introdotte dal Palmieri ; abbiamo rilevato tutte le 
variazioni d'inchiostro e di scrittura, utilissime per determinare la data di composi- 5 
zione delle singole parti; abbiamo in fine trascritte le postille di mano del secolo XVI. 

Le postille originali invece abbiamo riprodotte in margine; e pure in margine 
abbiamo posto le indicazioni di data al principio di ciascun anno, che nel ms. si tro- 
vano nel mezzo della pagina; in pochissimi casi in cui tale indicazione manca nel- 
l'originale, noi, senza trascurarla, l'abbiamo racchiusa tra parentesi quadra. 10 

* * 

E necessario, prima di prender licenza dal lettore, che esponga brevemente i cri- 
teri tenuti nel compilare gl'indici, dalla signora dott. Maria Melchiorri per quello 
alfabetico, da me per il cronologico. 

Alla dott. Melchiorri importa di far noto per mio mezzo, che ha riportato nell'in- 15 
dice le notizie tali quali si trovano nel De Temporibus senza curarsi di correggere 
gli innumerevoli errori di fatto contenuti in quest'opera: emendarli non solo sarebbe 
stata opera ardua e difficile, ma avrebbe ostacolata e non giovata l'opera dello stu- 
dioso. Giova tener presente che il De Temporibus in questa Raccolta deve figurare 
come esempio del modo nel quale nel secolo XV s'intendeva la storia e come attestato 20 
della coltura storica di quel tempo: ora il correggere tutte le notizie avrebbe fatto sì 
che negl'indici le notizie del Palmieri sarebbero quasi scomparse fra le innumerevoli 
correzioni. Sono stati invece rettificati quegli errori che non erano propri della col- 
tura comune di allora, ma sfuggirono, per molteplici ragioni, al Palmieri. Si è ba- 
dato invece con somma diligenza all'esattezza dei nomi e dei titoli, cercando di iden- 2 5 
tifìcare volta per volta le persone e i luoghi ai quali il Palmieri intese riferire le sin- 
gole notizie. Vicino alle notizie del De Temporibus non è stata posta alcuna data: 
il darle errate, come per lo più fa il Palmieri, sarebbe stato inutile ingombro, il cor- 
reggerle sorpassava il limite del lavoro del compilatore dell'indice alfabetico; del 
resto il lettore può trovare nell'ordine stesso, in cui le notizie sono date, una traccia 30 
d'ordine cronologico; per non dire che nel testo, a fianco di ciascuna notizia, è segnato 
dall'autore il numero dell'anno, a cui essa secondo lui si riferisce. L'indice degli 



bus a sucipere, suceptoribus , pp. 137, 13; 142, 10; publice, Gherardi. Debbo però notare che qua e là non ho 

fregit, hiems a plubice, flegit, hiens , pp. 134, 40; 144, 4 espunto, quando pur avrei dovuto, qualche h, e anche IO 

e 6; 149, 9; duce a duci, pp. 133, 41; 144, 5; un anaco- che ho lasciato in molti luoghi et per e. Errori veri 

luto a p. 145, 44; Iohannis a Hioannis, p. 189, 39 (cf. e propri di stampa non credo debbano lamentarsi nel 

5 Ihovannis, p. 192, 19). testo italiano, ove si eccettui de Re in luogo del Re a 

Per pochissimi altri errori di stampa che sono p. 157, 10; per di fuori invece di per dì, fuori ; n on in 

sfuggiti nel testo veda il lettore V Errata-corrige. luogo di non, p. 179, 8; e forse la collocazione di qual- 15 

1 Vedi le norme a p. 387 della Prefazione del che virgola. 



PREFAZIONE XXXIX 

Annales è stato invece compilato coi criteri comuni agli altri della Raccolta 
muratoriana : le notizie errate furono opportunamente corrette, a tutte se^ue la 
data loro. 

In quanto all'ordine dei singoli vocaboli, dato il gran numero di omonimi che 
5 dovevano essere registrati sotto il loro nome personale (e non sotto il loro eventuale 
cognome, soprannome ecc.) per rendere più facile la consultazione dell'indice sono 
stati adottati i criteri seguenti: Giunti con l'indice ad un determinato nome (per es. 
Giovanni) : a) in primo luogo è stato messo il richiamo a quei personaggi di quel 
tal nome, registrati invece sotto il loro cognome (per es. Giovanni, v. Acuto G. f Bar- 
io toli G. ecc.)', b) in secondo luogo son stati posti tutti coloro, che non ebbero alcun 
cognome o soprannome, né esercitarono alcuna carica (per es. Giovanni, figlio di 
Luigi IX ecc.); e) in terzo luogo tutti coloro che furono insigniti di qualche carica 
o dignità secondo l'ordine alfabetico della carica, senza tener conto dei loro sopran- 
nomi o titoli onorifici o di famiglia segnati tra parentesi subito dopo il nome, e se- 
tti gnando promiscuamente i papi e gli antipapi (per es. Giovanni {esarca); Giova/mi 
{Zimiscè) {imperatore); Giovanni {di Brienne) {imperatore); Giovanni Vili {Paleo- 
Io go) (imperatore); Giovanni IV (Paleologo) {marchese di Monferrato); Giovanni 
{antipapa) ; Giovanni I {papa) ecc.) ; fra più persone che ebbero lo stesso nome e 
la stessa dignità, furono registrati, prima per ordine cronologico quelli senza alcun 
20 numero progressivo, poi gli altri a seconda del loro numero; d) in quarto luogo tutti 
quelli che, pur non avendo ricoperto alcuna carica o dignità, son contraddistinti da 
qualche secondo nome, soprannome o nome di famiglia, secondo l'ordine alfabetico di 
queste voci dichiarative (per es. Giovanni Andrea; Giovanni Battista; Giovanni Da- 
masceno; Giovanni d'Angiò ecc.). Non è stato tenuto nessun conto, rispetto alla col- 
25 locazione, delV indicazione {santo) {santa) ecc. scritta di seguito ad alcuni singoli nomi. 
Si è abbondato nei richiami per agevolare ancor più le ricerche del consultatore. 

Nel preparare poi le schede per l'indice della Prefazione per mio consiglio 
non si è tenuto conto, né delle note, né della Introduzione del Tartini ristam- 
pata davanti alla presente edizione ; è parso pure inutile schedare le notizie degli An- 
30 nales riportate nella Prefazione a titolo di pura informazione ; né sono stati registrati 
nell'indice i nomi di quegli studiosi delle cui opere mi son valso (citandoli debita- 
mente volta per volta) per illustrare gli scritti palmeriani da me editi. 

All'indice cronologico del De Temporibus ho dedicato io stesso lunghe ed as- 
sidue cure. Non é stata cosa facile determinare le date degli avvenimenti a cui il 
35 Palmieri allude, svisandoli e deformandoli. Determinato prima esattamente il fatto a 
cui il Nostro voleva riferirsi, ho cercato di fissarlo nel tempo servendomi delle opere 
più opportune: ho evitato i compendi; sono risalito alle fonti prime e ai loro migliori 
commenti; ho seguito le migliori monografie, le più recenti storie letterarie ed eccle- 
siastiche, e così per molti avvenimenti ho fissato le date secondo i più recenti resultati 
40 della critica odierna» Spero di aver fatto in modo che il mio indice possa essere 



XL PREFAZIONE 



utile tuttora come prontuario di date stabilite rigorosamente, proprio come il De Te?n- 
poribus fu utile agli studiosi dei secoli XV e XVI. 

Mi si sono però talvolta presentati questi due casi: 1° la notizia del Palmieri 
corrisponde a quella di una determinata fonte, ma al di fuori di questa non trova 
conferma in nessun altro autore; 2° la notizia del Palmieri non si riscontra in nes- 5 
sun' altra opera, forse perchè deformata in modo da non permettere alcun confronto. 
Nel 1° caso, oltre a registrare sotto la data del Palmieri (come ho fatto del resto 
in tutti i casi di divergenza tra la data del Palmieri e quella vera) la notizia chiusa 
tra parentesi quadra, la ho riportata sotto la data della sua fonte, ponendo tra pa- 
rentesi il nome di quest'opera; questo caso si è verificato frequentemente nei primi 10 
secoli di Cristo in cui il Palmieri segue San Girolamo, da me indicato nell'indice con 
l'abbreviazione (Hier^). Nel 2° caso riferendo l'avvenimento alla data indicata dal 
Palmieri ho fatto seguire la notizia da un (i 3 .). Ogni qualvolta il Palmieri riporta i 
fatti diversamente dal comune li ho riferiti secondo che veramente avvennero, facendo 
seguire in parentesi la versione del Palmieri. Nell'indice cronologico degli Annales 15 
non mi sono discostato dalle norme fissate per le altre opere di questa raccolta. 

Possa la mia lunga fatica esser proficua ad alcuno. 

Pisa, 37 dicembre 1914. 

Gino Scaramella. 



Segue la prefazione, che il Tartini premise agli Excerpta ex Matthaei Palmerii fioren- 
tino libro. De Temporibus ab anno MCCXCIII usque ad annum MCCCCXLVIII ex manu- 
scripto codice Bibliothecae Sanctae Mariae Carmeli Florentiae da lui pubblicati. 



IN 
MATTHAEI PALMERII 

OPUS DE TEMPORIBUS 

PRAEFATIO 




Iatthaeus Palmerius primarius civis Florentinus, doctissimus vir ac disertissimus, quemadmodum 
hucusque ignotum fuit quo anno lucem adspexerit (id cnim an. circitcr 1405 factum esse non 
multis ab bine annis primus omnium deprehendi ') Ita unde huiusce Operis initium sumpserit 
J incompertum fuit, ac tenebris obvolutum, donec V. CI. Apostolus Zenus, quae de Palmcrii ope- 
ribus tradit Vossius ad trutinam revocans, multaque de illis, et eorum Auctoris vita scitu digna adiiciens. Pal- 
io merium ipsum, non, ut Vossius censuit, quem Justus Fontaninus nuperrime secutus est 2 ab anno Cristi 448 quo 
Prosperi Aquitanici Chronicon deficere existimatur, sed ut tempora omnia brevi, istructaque historia complecti- 
retur, a nascentis mundi origine Opus suum De Temporibus exorsum esse luculenter evicit. Quod quidem a 
Codice manuscripto nostro confirmatur, ubi Auctor in praefatione ait: Sumam itaque tempora ab Adam atque 
mundi principio ; Ma etc. suntma brevitate complectens usque ad Jesu Ckristi nativitate percurratn etc. A Christi vero 
15 nativitate usque ad nostram aetatem, quae secuta sunt tempora, per singulos prosequar annos, unicuique anno siquid 
memoria dignum gestum erit, breviter adscribens. Haec cum ita sint. nemini tamen aequum videbitur reos nos 
agere, quod amplissimum ab orbe condito ad annum 1294 historiae tractum resecaverimus, cum brevioribus spa- 
tiis interclusi virorum inlustrium vestigiis insistamus, et ea, quae Sozomenus aetate Palmerio suppar ad annum 
usque 1294 memoriae mandavit. iterimi obtrudere vereamur ; eorum enim alterutri alterius scripta haud ignota 
20 fuisse constati imo ex ore saltem alter alterum probe noverat, quod quidem ex iis sane multis, qui de Operibus 
Matthaei nostri, ac rebus gestis scripsere, ita evidenter elucet, ut idipsum nos probatum reddere supersedeamus, 
ne actum agere videamur. 

Enim vero quod ad Operis, ac vitae Palmerii exitum attinet, alterum an. 1448 exactum invenire est. alte- 
rane vero ultra vigesimum ac septimum ab ilio anno non productam Bartholomaei Fontii Annales, qui publicam 
25 aliquando lucem adspicere merentur, diserte bis verbis adserere animadverti :? : Anno 1475 Matthaeus Palmerius sep- 
tuagesimo aetatis anno Florentiae obt'it. Funus honorifice elatum est. Laudavit e suggestu insigni cum oratione Alamannus 
Rinuccinus in S. Petri Maioris aede. Id vero magis magisque ex continuatore Libri huius nostri De Temporibus 
confirmatur, dum eodem anno haec adnotat: Matthaeus Palmerius mense aprili Florentiae moritur, in cuius funere 
Alamannus Rinuccinus orationetn habuit , atque laurea insigniva. Ex hisce omnibus non unus Iacobus Gaddius tur- 
30 piter lapsus probatur, qui adscrit in Elogiographo Palmerium a Vicentio Beluacensi, quem etiam Episcopum Bel- 
lovacensem falso adpellat, laudari in Speculo Historico, cum sec. XIII floruerit Vincentius: verum etiam men- 
dacii arguuntur Jo. Trithemius, Genebrardus, aliique, quorum sententia est Palmerium damnatum esse, et crematum 
igni prope Cornam urbem, nomcn post hominum memoriam nunc primum auditum, seu mavis cum Philippo 
Bergomensi prope Cortonam, quod librum de Angelis scripserit, cuius doctrinam ejurare abnuerit, qui profecto 
35 idem est, ac liber inscriptus Vitae Civitas, Opus, ut Io. Matthaei Toscani verbis utar, ad instar Dantinae Cotnoediae, 
quod in eo quaedam Arianam pravitatem redolere viderentur , a Theologis merito damnatum. 

Nostrum ergo negotium fuit Opus hoc in lucem edere, tametsi alias formis excusum. Nam praeterquam- 
quod de exemplarium inopia merito queri possunt eruditi, illud nos ex Bibliotheca S. Mariae Carmeli Floren- 



pp. S6-S7 



1 Vide Efi/iem. Litterat. Eutopae Ioati. Angeli, tomo I, parte I, s In Eloq. Ita!., p. 602, edit. Yen . 

* In Ephem. Europae, loc. d. 



XLIV IN M. PALMERII OP1BUS DE TEMPORIBUS PRAEFATIO 

tiae produximus variis, et haud spernendis auctum correctionibus, et emendatum ; mirum quippe in modum fidem 
Scriptori conciliant. 

Plures docti viri Opus hoc suis laudibus exornarunt. Bartholomaeus Scala Palmerium concivem suuni 
scriptorem adcuratissitnum temporum vocat. Camillus Peregrinus junior quibusdam aliis praefert his verbis : Quibus 
sane peritius, sicut aetate prior, Matthaetts Palmerius in Chronico ad annutn 776 de Langobardorum imperio, et Ducati- 
bus hisce tribus, sic habet etc. Ut Bergomcnsis, Landlni, Guazzi, aliorumque laudes missas faciam, quas celeber 
Apostolus Zenus in Ephemeridibus Litteratorum Italiae indicavi t '. 

Religio mihi est Proeniium hic haud praetermittere, quo ad Petrum Medicem, cui eo seculo magni nominis 
viri lucubrationes suas certatim noncupabant, Opus hoc De Temporibus auctor inscripsit. 

Ad Petrum Cosmae F. Medicem etc. 



' Vide Ephem. Litter. Ita!., tomo X, art. x. * Segue il Proemio del Palm, che qui è riprodotto innanzi al testo. 



MATTHEI PALMERII 

LIBER DE TEMPORIBUS 



Muratori, Rcr. It. Scrif , Tomo XXVI (Tartini, I), parte i, foglio i 



A. ~ Biffi. Nazionale di Firenze : Conventi soppressi, 2638. 
D. =z Laurcnziano, LXV, 46. 
AI. r= Lanrenziano, LXV. 4". 



MATTI TEI PALMERII FLORENTINI LIBER DE TEMPORIBUS 
INCIPIT ET PRIMO PROAEMIUM AD PETRUM COSMA E EILIUM MEDICEM 




nimis nostris innatum esse constat ut praestantes ingenio viri, non solum suae 
aetatis, veruni etiam praeteriti quoque temporis res gestas scire desiderent. Laudo 
igitur te splendidissime Petre, qui in adulescentia tua facta egregia principimi 
atque populorum qui in Italia sunt, veluti domestica et ad tuam dignitatem perti- 
nenza, piene accurateque requiris. Et benemerito laudo, magis quia multis et maximis rebus 
impeditus nullum tibi relinquitur vacuum tempus et liberum, et tamen, occupata opera et im- 
pedito animo, res tantas suscipis quantas nullus alter qui cura vacet et negotio. In qua re prae- 
10 dare quidem agis. Quod tibi accidere potissimum reor, cum tua ammirabili animi virtute, 
tum exemplis atque praeceptis excellentissimi viri atque omni laude cumulati Cosmae patris 
tui, ad quem imitandum te vehementer hortor, ut par sis in cuiuscumque suae virtutis nobilissima 
laude. Ego in hoc tuo desiderio probatissimo opitulari tibi peramice cupiens, non solum Italiae 
res, quas puto domesticas et diligentiae tuae perabunde cognitas, verum universi orbis historias 
15 per singulos christianae salutis annos in hoc volumine contuli, idque ad te potissimum scripsi, 
putans quod, si aliquando vacare eius lectioni poteris, non tibi erit ingratum prolixas mul- 
tarum rerum historias brevi posse compendio sub manifesta temporum distinctione cognoscere. 



Explicit Proaemium. 



i. Matthci] M. Mattaei; D. Mathei — 2. proaemium] A. prohemium; in M. il segno ili dittongazione aggiunto 
- Cosmae] A. Cosmo — 3. Animis] iniziale miniata in M. ed A. — 7. piene] A. diligenter su litura — 8. nul- 
lum ... . tempus] D. cum nullum tibi vacuum relinquitur tempus - et] D. espunto — 9. negotio] D. negocio — io. am- 
mirabili] M. aggiunta interlineare — 12. in cuiuscumque] A. incuiuscumque; M. tra le due parole ha un segno di divi- 
sione — 14. diligentiae] in A. la sillaba li aggiunta 



INCIPIT PRAEFATIO LIBRI 




uaerenti mihi saepe numero, quibus temporibus, per quos et apud qu.is gentes 
res memoratu dignae gestae fuerint ac illustrium praeterea virorum aeìates et 
tempora quibus excelluerint et in quo genere vitae longe magis nota ea visa 
sunt, quae ante adventum Christi salvatoris nostri fuerunt, quam quae post 
Christianorum salutem subsecuta sunt tempora, clarissimi quippe viri, qui tunc 
fuerunt, tanta suis temporibus accuratissimis scripturis infuderunt lumina, ut nobis post tot 
temporum decursa tempora illa longe clariora reddantur, quam quae parentum nostrorum aetate 
sunt facta. 

10 Post nostri Salvatoris adventum Romanorum imperio continuo declinante gentilitatis scri- 

ptores una defecerunt. Nostri vero viri christianissimi tunc novae religionis fundatores exem- 
plis atque miraculis, quae omnipotentis Dei nomine faciebant, iacere primitivae ecclesiae fonda- 
menta conabantur, de huius quidem se culi rebus nihil curabant. Si qui eorum sacris scripturis 
operam impendebant, institutionem tantum christianae religionis procurabant, historias veruni 

15 caeterarum rerum non attingebant, nisi si aliquid intercidisset quod suae narrationis splendi - 
diorem sensum efficeret. Hinc est quod usque ad sacratissimos ecclesiae Dei doctores Augu- 
stinum et Hieronimum et alios qui circa ea tempora floruerunt probe quaedam scripta re- 
periuntur, quae illorum temporum facta illustrant. Quae postea secuta sunt tempora pe- 
nitus pene occulta atque obliterata sunt et obscuritate in'scitiaque summersa, adeo ut, si quae 

20 res memoria dignae scriptae illis temporibus inveniantur, tot sint inspersae auctoribus tanta 
prolixitate nugarum parvissimarumque rerum narrationibus circumfusae ac opinionum varie- 
tate suspensae, ut longe perdifficile atque arduum sit et multi temporis lectionem diligen- 
tiamque requirat, si voles aliquid quod excellat excerpere et cognitioni memoriaeque mandare. 
Quae cum ita sint, utile fore duxi de ridelioribus historicis et pontificum imperatorumque 

25 privilegiis atque chirografis illustri ora quaedam eligere et uni opuscolo curiosissime inserere. 
Veruni cum intentionis meae nequaquam sit historiam conscribere, quod immensum quippe 
foret opus, sed tempora rerum solum annotare, ut manifestius singula cognoscantur, scribendi 
ordinem primum quam breviter demonstrabo. Sumam itaque tempora ab Adam atque mundi 
principio illaque sub genere summa brevitate complectens usque ad Iesu Christi nativitatem 

30 praecurram ; non ut aliquas illorum temporum res gestas scribam, cum ab illustrioribus histo- 



2. Quaerenti] M. ed A. hanno l'iniziale miniata — 3. res memoratu] D. res gestae (espunto) memoratu — 
5. ante] in D. aggiunta interlineare - Christi] in AI. su litura; A. Xpi — 1?. ecclesiae] in M. le prime due lettere su 
litttra: A. eclesiae — t6. ecclesiae] in M. il secondo e aggiunto interlineare di diversa mano; A. eclesiae — 19. sum- 
mersa] D. submersa — 20. inspersae] A. insperse — 28. sumam] D. summam 



MATTHEI PALMERII 



C. 2 Z> 



ricis ita diligenter scriptae sint, ut quasi ante oculos positae dignoscantur, sed ne ignoret huius 
opuscoli lector, quo mundi anno natus sit Christus, a quo Christiani suae salutis initium et 
suorum temporum annos denumerant. A Christi vero nativitate usque ad nostrani aetatem, 
quae secuta sunt tempora per singulos prosequar annos, unicuique anno si quid memoria di- 
gnum gestum erit breviter adscribens. Initium praeterea ponam summorum pontirìcum, ac etiam 5 
imperatorum et Caesarum, et successiones eorum: nec non aliorum regum quibus gentibus 
et quando quantoque regnaverint; quando quaedam fuerint conditae urbes; et quibus aetati- 
bus vita vel scientia vel gestis viri il'lustres extiterint. Nec solum nostrae salutis annos si- 
gnabo, veruni etiam mundi annos per decadas demonstrabo, ut clarius quo singula gesta sint 
tempore discernantur. Et ne in multiplici variarum rerum scriptura ordines confundatur 10 
liane potissimum distinctionem servabo, ut numerorum tramites, qui per vicinitatem nimiam 
pene misti sunt, distinctione rubri coloris a nigro separentur, quae distinctio ita perpetua pro- 
cedat, ut numerus qui erit in principio minio riguratus subsequatur in finera. Quo facto 
manifestius, ut arbitror, quaeque dignoscentur. Rogo igitur illum, qui aliquando hunc librum 
transcribet, ut diligenter eodem servato ordine transcribat, et quod transcripserit ad exem- 15 
plaria conferat et emendet. 



Explicit Praefatio. 



3. denumerant] M. dinuraerant corretto in denumerant — 7. regnaverint] in M. aggiunto interlineare su iitura 
7-S. aetatibus] A. etatibus 



LIBER DE TEMPORIBUS 



INCIPIT LIBER DE TEMPORIBUS 



10 



15 



A principio mundi sive ab Adam primo hominum usque ad diluvium, quod 
factum est sub Noe, computantur anni 

A diluvio sub Noe usque ad nativitatem Abrahae numerantur anni 

De suprascriptis temporibus nulla reperitur historia, nisi apud Hebreos. 
Quae sequuntur tempora etiam gentilis historia continet incipiens a Nino, Beli 
riho, qui regnabat Assyriis, quando natus est Habraam. 

A nativitate Habraae ad eam repromissionem, quam fecit ei et semini suo 
Deus, interfuerunt anni 

A facta repromissione Habraae usque ad nativitatem Moysis colliguntur anni 

A nativitate Moysis ad egressum gentis hebraicae ex Egypto, cuius itineris 
ipse dux fuit, fuerunt anni 

Ab egressu gentis hebraicae ex Aegypto usque ad captivitatem Troyae nu- 
merantur anni 

A captivitate Troyae usque ad Romam conditam colliguntur anni ccccxxv, 
quibus temporibus regnaverunt in Italia Latinorum reges, quorum primus fuit 
Aeneas 

A condita autem Roma usque ad conditam Fluentiam, quae postea Floren- 
tia nuncupata est, quam romani milites a Lucio Siila Fesulas deducti condide- 
20 runt, computantur anni 

A condita vero Fluentia usque ad initium imperii Caii Iulii Caesaris, qui pri- 
mus Romanorum singulare obtinuit imperium, fuerunt anni 

Ab inito a Caio Iulio Caesare imperio usque ad nativitatem Iesu Christi, 
filii Dei, numerantur anni 

Nascente apud Bethleem Iudeae Iesu Christo, Dei filio, apud Romanos re- 
gnabat Ottavianus imperator secundus iam annis xlii 

Computantur omnes anni ab Adam et mundi principio usque ad nativita- 
tem Domini nostri Iesu Christi anni vcxcvinj, qui et primus annus christianae 
salutis numeratur 



25 



IICCXLll 
DCCCCXLIf 



LXXV 
CCCL 

LXXX 

CCCXXX 

CCCCXXV 

DCLXVII 
XLI 
XL VII 



<■• .?»• 



ve xc vi in 



2. A] miniato iti M.; le iniziali dei capoversi seguenti in rosso — 3. computantur] in M. /'m su litura di n 
— 4. sub] in A. aggiunta interlineare - ad nativitatem] in M. adnativitatem con segno di divisione - Abrahae] A. 
Habrahae; D. Habrae — 5. nisi] in M. aggiunta interlineare — 6. sequuntur] A. secuntur, in M. secuntur corretto 
in sequuntur - Nino] D. Nyno — 7. Habraam] A. D. Habraham — 8. Habraae] A. D. Habrahae — io. Habraae] 
A.D. Habrahae - Moysis] in M. /'s aggiunta di mano diversa — 13. Trojae] D. Troiae — 15. Troyae] D. Troiae — 
17. Aeneas] D. Eneas — 19. Siila] A. Svila — 23. imperio] in M. /'in su litura di n - ad nativitatem] M. ad- 
nativitatem con segno divisorio — 25. Bethleem] la sillaba thleem M. ed A. su litura - Christo Dei filio] M. su 
litura — 26. Ottavianus] D. Octavianus — 2S. et] in M. aggiunta interlineare 



e. 3v 



t. 4 r 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



MATTHEI PALMER1I 



2 
3 



5 
6 



7 

8 

9 

10 
11 

12 



13 
14 



15 



Jesus Christus, Jìlius Dei, in Bethleem Iudeae nascitur 
anno imperii Ottaviani Caesaris XLII' } mundi vero anno 
VCXCVIIIIy quo anno coepit Ckristianorum salus. 

Edicente Caesare Augusto prima descriptio census facta 
est per universum orbem Cyrino Syriae praesidente, in qua 
provincia Iuda Galanites in seditionem populos ortabatur, pes- 
simum fore suadens, si acquiescerent solvere tributa Romanis. 

Xistus p) r tagoricus philosophus agnoscitur. 

Augustus Tyberium et Agrippam in filios adoptavit. 

Herodes, cum Christi nativitatem magorum inditio co- 
gnovisset, universos in Bethleem parvulos iussit interfici. 

Ottavianus cibi minimi et vulgaris f uit : pisciculos tantum 
minutos et caseum bubulum vel virides ficus uvasve duracinas 
cum pane appetebat. Nec amplius ter in cena bibere solitus 
erat et profuso in aqua frigida pane prò potione utebatur. 

Arthenodorus tharsensis, stoicus philosophus, qui de tran- 
quillitate animi doctissime scripsit, clarus habetur. 

Asinius Pollio, insignis orator, lxxx aetatis suae anno 
moritur. 

Herodes morbo intercutis et scaturientibus toto corpore 
vermibus miserabiliter et digne moritur. 

Archelaus in locum Herodis ab Augusto substituitur et 
Iudeorum principatum tenuit annis vili. 

Fames ingens Romae, ob quam ingentes inopum turbae 
abire urbe sunt iussae. 

Tyberius Caesar Dalmatas Sarmatasque in romanam rede- 
git potestatem. 

Marcus Verius Flaccus grammaticus insignis habetur. 

Athenienses res novas contra Romanos molientes oppri- 
muntur, auctoribus seditionis occisis. 

Jesus Christus in medio doctorum disputai mirantibus illis 
eo, quod resistere sapientiac suae non poterant. 

Messala Corvinus, scriptor historicus, postquam per bien- 
nium memoriam amiserat, ulcere ilii circa sacram spinarti nato, 
inedia moritur suae aetatis anno lxx. 

Censu Romae agitato, inventa sunt hominum nonagies et 
tercentena et sexaginta milia. 

Sotius, philosophus alexandrinus, Senecae praeceptor, cla- 
rus habetur. 

Archelao in Viennam, Galliae urbem, relegato, Iudeorum 
principatum tenet Herodes tetrarcha annis xxiiu. 

Solis facta defectio. 



LAA. 1-15] 



Impe- 
ra torum 



AA. M. 



Nascente Christo 
apud Romanos 
regnabat Ot- 
tavianus imp. 
secundus iam 
aa. 3U.II 
XLII 



XLTTI 
XLTHI 

XLV 



XL VI 
XL VII 



XL Vili 

xl vini 

L 

LI 
LII 

LUI 



LIIII 
LV 



LVI 



10 



ver. 



15 



20 



25 



30 



veex 



35 



40 



45 



4. Bethleem] M. Mura; A. Bettheleem con t ed e espunti — 5. Ot+aviani] D. Octaviani — 9. ortabatur] A. hor- 
tabatur — 14. Bethleem] M. A. litiira — 19. Tharsensis] D. Tarsensis — 23. toto] A. to toto — 28. iussae] A. iusse 
— 37. amiserat] A. ammiserat — 41. tercentena] D. trecenta — 42. Sotius] D. Socius - praeceptor] M. D. preceptor 



[AA. 15-33] 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 
chri- 

stianae 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



16 



17 

18 

19 



20 

21 
22 

23 



24 

25 
26 

27 

28 
29 
30 



31 



32 
33 



Ottavianus Augustus lxxvi aetatis suae anno Athelle in 
Campania moritur sepeliturque Romae in Campo Martio. 

Tyberius quasi coactus et querens miseram et onerosam 
iniungi sibi servitutem imperium recepit. 

Caius Asinius orator, Asinii Pollionis fìlius, a Tyberio 
necatur. 



Tyberius dominus a quodam appellatus edixit, ne amplius 
se cum contumelia nominaret. 

Livius, romanarum historiarum scriptor, Patavi moritur. 

Ovidius poeta in exilio moritur et iuxta opidum Thomos 
sepelitur. 

Germanicus Caesar de Parthis tryumphat. 

Tredecim urbes terremotu conciderunt, quas Eusebius 
nominat. 

Fenestella, carminum et historiarum scriptor, moritur. 

Tyberius multos reges ad se amice vocatos retinuit. 

Mazacam, nobilissimam Cappadociae civitatem, Caesa- 
ream appellari Tyberius iussit. 

Pompeij theatrum incensum. 

Tyberius Drusum consortem regni facit, qui sequenti anno 
veneno periit. 

Germanicus Tyberii per adoptionem fìlius veneno necatur. 

Philippus tetrarcha Peneadem civitatem Caesaream Phi- 
lippi vocavit. 

Pontius Pilatus procurator Iudeae a Tyberio mittitur. 

Herodes in Galilea Tyberiadem condidit civitatem. 

Iohannes, fìlius Zachariae, in deserto predicans Christum,? 
fìlium Dei, adesse ostendit, et ad se venientem in lordane 
fluvio baptizavit. 

Jesus Chrislus, Dei -fìlius, salularcm viam in -populos -pre- 
dicans, miracula, quae in cvangeliis scripla sitnt, facit. 

Iohannes Baptista, domini nostri Iesu Christi praecursor, 
iussu Herodis, Herodis fìlii, decollatur, Herodiadis filia a ma- 
tre praemonita ipsius Iohannis caput postulante. 

Jesus C/irislus disci-pulos suos divinis imbuens sacramentis, 
ut universis gentibus conversionem ad Deum nunlieni, im-pcrat. 

Jesus Chrisius, fìlius Dei, secundum frofhclias, quae de co 
■praelocutae fucrant, a Iudeis crucifigilur et icriia die rcsitr- 
rexit a mortuis. 




lmf>JlI.-TsB\L- 

RIUSar/. XXIII 

I 



II 
III 

ri li 



e. 4V 



VI 

VII 



Vili 



vini 
x 

XI 
XII 

XIII 

XIUI 

XV 



XVI 






XVII 



X \ 'III 



e. 5' 



trc.Y.vv 



i. Athelle] M. A. t su lilura — 2. sepeliturque] M. A. 1 su liiura — 4. querens] D. quaerens — 9. ap- 
pellatus] in M. il pruno p aggiunta marginale — 13. sepelitur] M. A. 1 su lilura — 14. tryumphat] M. A. v su 
liiura d'i — 18. reges] M. aggiunta interlineare — 21. Pompeij] M. j agg. di mano diversa — 27. Philippus] />. 
Phylippus - Peneadem] A. Paeneadem — 27-2S. Philippi] D. Phylippi — 32. oslendit] M. A. su litura — 36. Chris1i| 
M. litura; A. Kpc - praecursor] M. pcursor col p su litura — 37. Herodis fili I] D. otnm. — 3S. praemonita] M.I'. 
premonita — 42. crucifigitur] M. A. crucifiggitur ; in M. il g rsfunto 



10 



MATTHEI PALMER1I 



[AA. 33-38] 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



e. $v 



34 



35 



36 



e. òr 



37 



38 



Solis facta defectio et tenebrae super universam terram 
diei hora sexta usque ad horam nonam. 

Bythinia terremotu concussa est et in urbe Nycena aedes 
plurime corruerunt. 

Pilatus Iudeae procurationem gerens nocte intempesta 
opertas imagines Caesaris Hierusolimam intulit et in tempio 
collocavit. Quae res postridie cognita grandem inter Iudeos 
suscitavit tumultum, quasi profanatas leges suas viderent ; cuius 
rei causa ad Pilatum proni corruerunt, deprecantes ut ima- 
gines tollerentur. Tunc Pilatus, armatis prius militibus, truci- 
daturum se omnes esse dixit, nisi imagines recepissent. Iudei 
quasi ex uno Consilio ad mortem praeparati,' nudatas illicos 
cervices ad recipiendos ictus omnes proni paraverunt vocife- 
rantes se potius interfici velie quam sacram legem. Qua ob- 
stinatione motus Pilatus statuas iussit auferri. Haec tamen 
turbarum et seditionis prima causa apud Iudeos fuit. 

Hierosolimorum ecclesiae primus episcopus ab apostolis 
ordinatur Iacobus, frater Domini. 

Stephanus lapidatur. 

Saulus ad Christum converti tur. 

Pilatus sachrum thesaurum, quem Iudei corbonam vocant, 
in aqueductum expendens, per quem a trecentis aqua indu- 
cenda erat, secundae seditionis praebuit semina. 

Agabus per prophetiae spiritum significat famem magnam 
futuram in universo orbe terrarum, quae facta est sub Claudio. 

Iacobus, frater Iohannis apostoli, iubente Herode rege, 
capite truncatus occiditur. 

Petrus apostolus ab Herode in carcere trusus et vinctus 
catenis duabus mirabiliter ab angelo liberatur. 

Herodes, veste indutus regia et prò tribunali sedens, dum 
populo contionatur, ab angelo percussus et a verminibus statim 
corrosus interiit, ut in apostolorum actibus Lucas scribit. Io- 
sephus vero, vernaculus Iudeorum scriptor, Agrippam regem, 
Aristobolis, fìlii maioris Herodis, rilium et Herodis, qui regna- 
bat in Calcide, fratrem, alteriusque Herodis, qui decollavit 
Iohannem,' ex fratre nepotem, tali morte perisse scribit anno 
aetatis suae liiii imperii vero Claudii Caesaris anno tertio. 

Persius Flaccus, satyricus poeta, Volaterris nascitur. 

Agrippas, accusator Herodis tethrarche, Romam prof ectus 
in vincula a Tyberio connicitur, eo quod publice deum pre- 
catus fuisset, uti mortuo statim Tyberio Caium cunctorum do- 
minum videret. 

Pilato de Christianorum dogmate ad Tyberium referente, 
Tyberius inter caetera sacra Christianorum sacra recipienda 



Impe- 
ratorum 



AA. M. 



XVIIII 
XX 

XXI 



10 



15 



20 



25 



>0 



XXII 



XXIII 



35 



40 



3. Nycena] A. Nicena — 6. imagines] A. ymagines - Hierusolimam] A. Hyrusolimam — 7. grandem] D. 
grandes — 8. tumultum] D. tumultus, /'s su litnra — 17. Hierosolimorum] A. Hierusolimorum ; in A/, il primo o 
su Ut tira di u - ecclesiae] A. eclesiae; M. il primo e aggiunto — ZI. sachrum] A. D. sacrum — 22. aqueductum j 
A. aquaeductum - a] A. omm.; M. aggiunta interlineare — 29. catenis] A. cathenis — 31. contionatur] il/, conti- 
natur — 32. actibus] U. aggiunta interlineare — 32-33. Ioscphus] D. Iosophus — 38. Volaterris] olat in M. e A. 
su litnra — 39. tethrarche] D. tethrarchae — 40. connicitur] I), coniicitur — 41. Caium] A. Gaium 



[AA. 38-44] 



LIBER DE TEMPORIBUS 



11 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



10 



30 
40 



15 



20 



41 



25 



50 



42 



35 43 



40 



44 



etiam censuit et accusatoribus Christianorum comminatus est 
mortem. 

Petrus apostolus antiochienam ecclesiam fundavit ibique 
cathedram adeptus sedit annis septem et inde profectus est 
Romam. 

Multi senatorum et equitum romanorum necantur. 

Tyberius Romam rediens, cum in Campaniam devenissct, 
vi morbi superante in lucullana villa moritur xvn kalendas 
aprilis, aetatis suae anno lxxviii. 



Gaius Agrippam vinculis absolutum regem Iudeorum facit. 

Gaius semet ipsum inter deos refert. 

Philo, insignis scriptor, apud Alexandriam claret, qui in ma- 
gna Iudeorum seditione et clade legationem ad Caium suscepit. 

Herodes Romam ad Caium venit, petens regni honore 
donari, sed Agrippas eum secutus fecit, ut Caius illum vehe- 
menter increparet et perpetuo dannaret exilio, post quae eius 
tetrarchia Agrippas potitur. 

Mattheus in Iudea evangelium primus scribit. 

Pontius Pilatus in multas incidens calamitates propria se 
manu interficit. 

Gaius Petronio, Syriae praefecto, praecepit, ut statuas suas 
in Hierosolimis inter alios deos sub nomine Iovis Optimi Maxi- 
mi consacraret, quod Iudei maxima obstinatione negaverunt. 

Toto orbe romano, sicut Philo scribit et Iosephus, prae- 
ter quam in sinagogis Iudeorum, statuae, imagines et arae Gaij 
Cesaris consecratae. 

Gaius multos nobiles iussit interrici. 

Gaius sorores suas, quibus stuprum intulerat, insularum 
exilio condemnavit. 

Gaius a protectoribus suis in palatio occiditur aetatis suae 
anno xxviiu. 

Claudius nimios honores recusavit adeo se civilem et pa- 
rem gerens, ut et praenomine imperatoris abstineret et au- 
ctoritate senatus non solum in publicis uteretur, sed in pri- 
vatis quoque ius publicum a consulibus peteret. Cognitioni- 
bus vero et iudiciis magistratuum velut unus e collegis fre- 
quenter interfuit et domestica ni'mia sublata pompa veluti 
honoratus civis transegit, quibus officiis amoris favorisque plu- 
rimum brevi tempore conquisivit. 



Impe- 
ratorum 



AA. M. 



/>«/. ////. - «.A 

ius Gai. i.n i 
i..\ , un. Ili, min 

vini. 

r 



u 



ni 



ini 

Imp. V. - Clau- 
dius, aa. xiii, 
>«>«. x. 



// 



e. 6 v 



vccxl 



e. 7 r 



i. etiamj D. omm. — 3. ecclesiam] A. eclesiam; in M. il primo e aggiunto posteriormente — 15. Caium suscepit] 
A. Gaium suscepit su Mura — 16. Caium] AI. A. Gaium — 17. Caiusj M. A. Gaius — 17-18. illum vehementer] D. vehe- 
menter illum - vehementer increparet] AI. su litura — 18. dannaret] D. damnaret: A. danaret — 23. suas] A. ag- 
giunta marginale - Hierosolimis] A. Hierusolimis: in AI. il primo o su litura di u — 25. consacraret] D. consecraret — 
5 37. imagines] A. ymagines - Gaij) A. Gaii ; in AI. j aggiunta posteriore — 35. honores] in D. precede favores espunto - 
adeo] in D. segue ut espunto — 36. ut et] A. aggiunta inter liticare - et] A. aggiunta intcrlìnmrc — 39-40. collegis frequenterj 
ALA. nel mezzo una litura — 40. nimia] AI. a 5« larga litura] A. nimi seguito da una litura; forse precedentemente nimira 



12 



MATTHEI PALMERII 



|AA. 44-51] 



e. 7i) 



AA. Sa!. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



45 



46 



Petrus afosi. 
n attorie Gali- 
leus, Chr. poni, 
primus ; sedit 
Romae aa. xxv, 
mw/.vn,</</.vui. 



// 



47 



48 



49 



50 
51 



/// 



//// 



VI 



vii 




Claudius aquas ex fontibus, qui vocantur Ce- 
ruleus et Curtius, a miliario xlv et rivum Anienis 
a miliario lxvti opere lapideo in urbem perduxit. 

Agrippas, Iudeorum rex, moritur aetatis suae 
anno Lini. 

Claudius regnum, quod Agrippas tenuerat, in 
provinciam redegit et in eius procurationem Ce- 
stium Festium misit, post quem Tyberius Alexander 
Cumanus et deinde Felix eandem provinciam rexere. 

Fames ingens in universo orbe, quam Agabus 
in toto orbe futuram praedixerat. 

Herodes, qui regnabat in Calcide, diem obiit 
et in eius regno Agrippas, Agrippe fìlius et eiusdem 
Herodis avunculus, a Claudio substituitur. 

Claudius de Britannis tryumphat et Orchadas 
insulas romano adicit imperio, in cuius gloriae me- 
moriam filium suum Britannicum appellavit. 

Claudius circa haec tempora Fuscinum lacum 
esiccavit, undecim annos triginta hominum milibus 
sine intermissione operantibus. 

Portum Hostiae Claudius extruxit dextra leva- 
que duobus quasi brachiis obiectis. 

Maria Virgo, Iesu Christi mater, ad filium in celum 
assumitur, ut quidam fuisse sibi revelatum scribunt. 

Clodius rethor Romae insignissime docet. 

Thracia in Romanorum provincia redigitur. 

Vespasianus, qui postea imperavit, a Claudio 
in Britanniam missus , vectam insulam Britannie a 
meridie proximam romano adicit imperio. 

Sub procuratore Iudeae Cumano in azimorum 
diebus tanta est Hierusolimis orta seditio ut in porta- 
rum exitu populu corruente xxx Iudeorum perierint. 

Palemo vicentinus grammaticus Romae clarus 
habetur. 

Caput heresium omnium et diabolice pravitatis 
in Christianos initium a Simone quodam samari- 
tano, magicis artibus et opere demonum sublevato, 
hoc tempore coepit. 

Fames adeo ingens in Grecia, ut modius ven- 
deretur dragmis sex. 



/// 



//// 



V 



VI 



VII 



Vili 



Villi 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



4. Romae] M. Rome — li. Tyberius] M. Tiberius — 12. et] M. aggiunta interlineare — 13. in universo 
orbe] D. per universum orbem — 15. qui] A. Utura — 18. tryumphat] M. A. y li tur a di i — 19. adicit] A. adiecit 
20. Britannicum] A. Brittannicum — 26. celum] D. coelum — 27. assumitur] A. assummitur — 31. Britanniam] A. 
Brittanniam - missus.... Brittannie] Z>. omm. - Britannie] A. Brittannie — 34. Hierusolimis] D. Hierosolimis — 
35. perierint] D. corruerint — 38. heresium] M. A. ium su Utura — 39. Simone] D. Symone — 41. coepit] A. cepit 
— 42. Grecia] A. D. Graecia 



10 



15 



20 



25 



50 



35 



40 



45 



[AA. 51-63J 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



52 



53 



54 



55 



56 

57 

58 



63 



Vili 



vini 



x 



XI 



XII 



XIII 



XIIII 



59 


XV 


60 


XVI 


61 


XVII 


62 


XVIII 



XVIIII 



Tres simul soles apparuerunt. 

Marcus ea, quae Romae Petrus predicaverat 
colligens, suum evangelium in Italia scripsit et in 
Aegypto eadem praedicavit et apud Alexandriam 
primam ecclesiam constituit. 

Dyonisius Ariopagita prestabilis olim philoso- 
phus claret, qui a Paulo apostolo baptizatus' divina 
studia ita coluit, ut caelos quoque penetraret et 
quae super caelos sunt ineffabili ordine egregie 
conscriberet. 

Claudius Felicem procuratorem Iudeae mittit, 
apud quem Paulus apostolus accusatus in defensio- 
nem sui perora t. 

Philippus, apostolus Chrìsti, apud Hieropolim, 
Asyae civitatem, dum evangelium populo nuntiaret, 
cruci affìxus lapidibus opprimitur. 

Multi in Iudea extiterunt, qui populum vana 
persuasione deciperent, inter quos Aegyptius qui- 
dam pseudo-propheta, qui pluribus sibi associave- 
rat, in ipso magnarum rerum conatu ab exercitu 
Felicis opprimitur. 

Claudius in palatio moritur suae aetatis anno 

LXIIII. 

Seditio apud Caesaream Palestinae orta magnam 
Iudeorum multitudinem perdidit. 

Felici in gubernatione Iudeae succedit Festus, 
apud quem, presente Agrippa rege, superioris Agrip- 
pe regis filio, Paulus apostolus suae religionis ratio- 
nes exponens vinctus mittitur Romam. 

Probus, grammaticorum eruditissimus, Romae 
agnoscitur. 

Statius Surculus tolosanus in Gallia rethoricam 
docet. 

Ingens terremotus Romae. Et solis facta de- 
fectio. 

Nero ilgrippinam, matrem suam, et sororem 
patris interficit. 

Nero in Christianos primam persecutionem 
movet. 

Nero Romae citaristas publice superat. 

Nero retibus piscabatur aureis, quae purpureis 
funibus extrahebat. 

Festo, gubernatori Iudeae, succedit Albinus. 

Iacobus, frater Domini, qui cognominatus est 



13 



Impera- 
torum 



AA. M. 



x 



XI 



XII 



XIII 



XIIII 



"fi- 


VI. - 


Ne 


RO, 


aa. 


XIII 


vtm. 


Vili 




I 







// 



~ccl 



e. Sr 



III 



mi 



VI 



VII 



e. Sv 



Vcclìt 



i. simul] M. simul simul; il secondo esp7into — 4. Aegypto] D. Egipto — 5. ecclesiam] M. D. il / rimo e ag- 
gìtmto — 7. baptizatus] D. omm. — 14. apostolus] D. seguono espunte le parole accusatus in defensionem - Hiero- 
polim] D. Hierosopolim — 15. Asjae] D. Asiae — 18. Aegyptius! D. Egiptius — 2S. presente] A. praesente — 
28-39. Agrippe] D. Agrippae — 33. rethoricam] D. rhetoricain — 41. citaristas] D. cytaristas 



14 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontitìcum 



64 
65 



66 



or 



67 



68 



69 



70 



XX 
XXT 



XXII 



XXIII 



XXIV 



XXV 



XXVI 



MATTHEI PALMERII 



iustus, a Iudeis lapidibus opprimitur, post quem 
Hierosolimorum ecclesiae prefuit Simeon. 

Ante mensam Neronis fulmen cecidit. 

Alexandrinae ecclesiae post Marcum evange- 
listam praesidet Ammianus annis xxn. 

Persius volaterranus, satyricus poeta, moritur 
aetatis suae anno xxviiii. 

Marcus Anneus Lucanus cordubensis poeta in 
pisoniana coniuratione deprehensus, brachium ad 
secundas venas medico prebuit et emanante sanguine 
animam expira vit. 

Nero, ut similitudinem Troyae ardentis vide- 
ret, magnam partem romanae urbis iussit incendi. 

Albino, procuratori Iudeae, succedit Cestius 
Florus, sub quo Iudei contra Romanos bellum ges- 
sere, in quo apud Caesaream Palestine supra vi- 
crinti hominum milia caesa sunt. 

Iunius Anneus Seneca, declamator egregius,' 
dum a Nerone duceretur, propria se manu interficit. 

Coctio rege defuncto, Alpes Coctiae in provin- 
ciam rediguntur. 

Multi nobilium iussu Neronis sunt interfecti. 

Nero rursus cytaristas et tragedos superans co- 
ronatur. 

Lucius Anneus Seneca cordubensis, praeceptor 
Neronis et patruus Lucani poetae, venarum inci- 
sione et hausto veneno periit. 

Nero iterum cytaristas et tragedos superans 
coronatur. 

Nero plures insignes viros et Ottaviam, uxorem 
suam, interficit. 

Cornutus philosophus, praeceptor Persii, in 
exilium mittitur. 

Contra Iudeos, qui Cestii Fiori avaritiam non 
ferentes rebellabant, mittitur Vespasianus, qui pro- 
spere pugnans variis praeliis Iudeos superat et plu- 
rimas eorum urbes capit. 

Nero persecutionem in christianos facit, in qua 
Petrus et Paulus gloriose necantur. 

Musonius et Plutarchus philosophi insignes ha- 
bentur. 

Flavius Iosephus, scriptor historicus et belli Iu- 
deorum dux, cum a Romanis interficiendus esset, 



[AA. 63-70] 



Impera- 
torum 



AA. M. 



Vili 

vini 



x 



xr 



XII 



XIII 



10 



15 



20 



25 



30 



XIIII 



35 



40 



2. Hierosolimorum] A. Hierusolimorum ; in XI. il primo o su litura di u - ecclesiae] M. A. il primo e aggiunto 
- prefuit] A. praefuit — 4. ecclesiae] M. il primo e aggiunto — 6. Volaterranus] M. il primo a aggiunta interli- 
neare; A. olaterr su litura — 12. Troyae] D. Troiae — 17. caesa] M. A. il secondo a su litura; D. cesa — 18. An- 
neus] M. Anneius — 30. Ottaviam] D. Octaviani — 40. philosophi] M. philosofi — 42. Iosephus] D. Iosophus 



10 



15 



20 



30 



40 



[AA. 70-78] 

A A. Sai. 

chri- 

stianae 



LEBER DE TEMPORIBUS 



15 



71 



72 



73 



74 
75 

76 
77 

78 



Pont. II. • Li- 

nus, aa. xi, 

»«>». in, dd. 

XIII. 



// 



/// 



IIII 



VI 
VII 

Vili 



Vespasiano, qui contra Iudeos bellum gerebat, pre- 
nuntiat de morte Neronis et eius imperio, cuius rei 
gratia vitam dono accepit. 



Nero in suburbano liberti sui propria se manu 
interficit anno aetatis suae xxxn et in eo Augusto- 
rum familia consumata est. 

Marcus Fabius Quintilianus, rethor insignis, 
Romam a Galba deducitur. 

Galba vii imperii mense in foro capite truncatur. 

Otto tertio imperii mense propria manu occubuit. 

Antiochiae il episcopus ordinatur Ignatius. 

Vespasianus duobus praeliis superatus Iudeos 
ad muros compulit. 

Vitellius ottavo imperii sui mense a ducibus 
Vespasiani occisus in Tiberim proicitur. 



Vespasianus in Iudea ab exercitu imperator 
appellatus, bellum Tito filio commendans, Romam 
per Alexandriam proficiscitur. 

Titus, Vespasiani filius, capta Iudea in his azi- 
morum pasce diebus, in quibus Iudei Salvatorem 
crucifixerant, Hierosolimam subvertit, et tantam in 
ea urbe multitudinem invenit, ut supra sexies cen- 
tena hominum milia interfecerit. Et Iosephus, fide- 
lissimus ludeorum auctor, undecies centena homi- 
num milia publice venundata fuisse scribit. 

Ornamenta templi Romam delata et in templum 
Pacis reposita. 

Vespasianus plurimas per totum orbem civitates 
restaurava et Romae aquasCurtiametCeruleam a di- 
vo Claudio perductas et postea dilapsas urbi restituit. 

Vespasianus Capitolium aedificare est orsus. 

Serapio philosophus et orator agnoscitur. 

Achaia, Licia, Rhodus, Bizantium, Samus, Tra- 
cia et Cilicia, quae libere et sub regibus amicis 
fuerant, Romanorum provinciae fìunt. 

Colossus erectus est habens altitudinis pedes cvn. 



Impera- 

torum 



AA. M. 



//«/•. VII.-V,K\. 

iìa, mm. vii. 



I 

Imp. Vili. • O 
tuo, mm. ni 

Imp. VI III- Vi. 

TKLLIUS, mm. 
Vili. 



Imp. X. - Vi-. 

Sl'ASIANUS, aa. 
villi, mm. X, 
dd. xxii. 

/ 



// 



III 

ini 

v 
vi 

VII 






tcclxx 



e. io r 



16. II] D. primus — 20. Tiberini] D. Tyberim — 23. rec/vv] M. omm. — 26. Iudea] in D. seguono espunte 
le parole ab exercitu imperator appellatus — ■ 27. pasce] D. pascae — 28. Hierosolimam] A. Hierusolimam ; M. la 
prima a su litura — 30. milia] D. millia - Iosephus] D. losophus — 41. libere] D. liberae - regibus amicis] D. 
amicis regibus 



e, il r 



16 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 78-90] 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



79 



80 
81 



82 



83 



84 
85 



86 



87 



88 



89 



90 



Villi 



X 
XI 



Pont. III. - Cle- 
tus, aa. xii. 



I 



II 



/// 



VI 



VII 



Vili 



Villi 



Quintus Ascodius Pedianus, scriptor historicus, 
clarus habetur. 

Galianus, celeberrimi nominis rethor, in Gallia 
docet. 

Tres civitates CVpri terremotai conciderunt. 

Lues ingens Romae, in qua per multos dies 
decem milia fere mortuorum hominum in publicum 
die singulo referuntur. 

Pars maxima nobilitatis romanae morbo periit. 

Vespasianus circa Sabinos in villa propria mo- 
ritur suae aetatis anno lxviiii. 

Titus latine et graece disertissimus fuit et' 
tante bonitatis, ut quodam die recordatus in cena 
se nihil illa die cuiquam praestitisse : Amicos, inquit, 
hodie perdidi. 

Mons Vesuvius tantum emisit incendium, ut 
regriones vicinas et urbes cum hominibus exureret. 

Titus in dedicatione amphiteatri, quod Romae 
aedincaverat, quinque milia ferarum occidit. 

Titus morbo periit in ea villa, in qua pater, 
pridie idus septembris aetatis suae anno xli. 



Decreto senatus Titus inter deos refertur. 

Domitianus quotidie secretam quietem consue- 
vit sumere, in qua nihil aliud curabat nisi muscas 
stilo praeacuto cornigere. 

Tres virgines vestales ob struprum Romae sub- 
fosse. 

Abilius alexandrinae ecclesiae secundus con- 
stituitur episcopus annis tredecim. 

Domitianus adeo arrogans in appetendo gloriam 
fuit, ut et Capitolio rursus incenso et pluribus am- 
plissimis aedificiis quaedam restituens omnia suo tan- 
tum titulo sine ulla pristini auctoris memoria signaret. 

Domitianus se adorari et deum appellari iussit 
et sermonibus ac scriptis omnibus hoc principium 
indixit: Dominus et deus noster Domi'tianus sic fieri 
iubet. Statuas praeterea in Capitolio non nisi aureas 
et argenteas sibi poni permisit ac ponderis certi. 

Nassamones et Daces a Romanis vieti. 

Domitiani praecepto duo menses aliter appellan- 
tur : september germanicus, ottober vero domitianus. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



Vili 



vini 



Imf. XI. - Ti 
TUS, aa. il 
mm. li. 

I 



/7 



Imp. XII. - Do 

MITIANUS TUi 

frater iunior, 
aa. xv, mm. v 

I 

II 



III 



10 



l'cctwx 



lo 



20 



25 



//// 



vi 



30 



OD 



VII 



40 



3. rethor] D. rhetor — 7. milia] D. millia — 14. cena] D. caena — 21. morbo] A. Iti/tra — 29-30. subfosse] 
D. subfossae — 31. ecclesiae] M. A. il frimo e aggiunto — 34-35- amplissimis] M. ss su litnra — 35. aedificiis] M. e 
corr. in ae — 43. praecepto] M. precepto 



1AA. 90-100] 



LIBER DE TEMPORIBUS 



10 



15 



20 



30 



35 



40 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 


91 


X 


92 


XI 


93 


xii 

Pont. un. . 

CLEMENS, aa. 

\ un, min . n, 

dd. X. 


94 


/ 


95 


II 


96 


III 


97 


un 


98 


V 


99 


VI 


100 


VII 



Quintilianus ex Hispania Calagoritanus Romae 
salarium e fisco accepit et publicam scolam ter.ens 
claruit. 

Domitianus plurimos nobilium in exilium mit- 
tit et quosdam occidit. 

Domitianus raathematicos romana urbe pepulit. 

Multa opera Romae publice aedificate. 



Domitianus de Dacis et Germanis tryumphavit. 

Domitianus prohibuit vites in urbibus seri. 

Flavius Iosephus vigesimum librum antiquita- 
tum his temporibus scribit. 

Domitianus Christianos persequitur et plurimi 
prò Xristi nomine martyrio coronantur. 

Domitianus hereditates alienissimas in sese con- 
vertebat uno solo stante qui diceret audisse se ex 
defuncto cum viveret heredem sibi Cesarem esse. 

Apollonius Thianeus et Eufrates insignes phi- 
losophi habentur. 

Menander magus, Simonis magi discipulus, qui 
se salvatorem esse dicebat et ad hominum salutem' 
e celo missum, quam plurimos per Antiochiam at- 
que Samariam per magicam artem decepit. 

Domitianus omnes qui de genere Davit erant 
interfici iubet, ut nullus regno Iudeorum reliquus 
superesset. 

Iohannes apostolus in Pathmo insula religatus 
Apocalipsim videt. 

Domitianus in palatio occisus est et ignobili- 
ter atque contumeliose inde absportatus anno aeta- 
tis xxxv. 

Clipei et imagines eius passim ubique per Ro- 
mani in terram sunt deiectae et a populo per igno- 
miniam publice conculcate. 

Senatus decrevit ubique Domitiani titulos eraden- 
dosetomnem memoriam eius penitus abolendam esse 
parique decreto omnia, quae fecerat in irritum dedu- 
xit, unde multi quos expulerat de exilio sunt reversi. 

Iohannes apostolus exilio solutus Ephesum se- 
cessit et deinde in Asia suum evangelium scribit. 



Irapera- 
torum 



17 



A A. M. 



Vili 

Villi 
X 



XI 
XII 



XIII 

xml 
xv 



XI I 



Imp. XIII. - 
Xerva , a. i 
m n. mi. 

/ 






7. RomaeJ 31. e coir, in ac — io. tryumphavit] AI. A. i corr. in y — 11. in] M. A. aggiunta marginale — 12. Io- 
sephus] D. Iosophus — 10-1S. Domitianus... . esse] M. A. su Mura di carattere diverso da quello dei colici, correzione 
della stessa mano; vi 31. heredem.... esse aggiunta marginale ; t'/t A. viveret.... esse aggiunta marginale — 23. celo] 
D. cacio — 25. Davit] D. David — 2S. religatus] D. relcgatus — 35-29. Domitianus.... videt] .1/. litura — 
27-29. Superesset.... videt] A. litura: superesset aggiunta marginile — 31. absportatus] 31. A. b aggtunt 
32. imagines] A. ymagines — 35. conculcate] D. conculcatae 



T. XXVI (Tartini, 1), p. 1 - 2. 



18 



MATTHEI PALMERII 



IAA. 100-115] 



AA. Sai. 










chri- 
stianae 


Pontificum 


Nerva Traianum Agrippinae adoptavit in iìlium 


Impera- 
torum 


AA. M. 














et post parum morbo periit Ortis Salustianis annum 










agens l,xxii. 


Imp. XIIII. ■ 

TRAIANUS,'"'. 
XVIII. 




101 


vili 


Decreto senatus Nerva inter deos relatus est. 


I 




102 


\ un 

Pont, V- Eva- 

EUSTUS, •ni. 
Villi. 


Iohannes apostolus usque ad haec tempora 
vixit. 

Hoc loco quidam Anacletum in pontirlcem an- 
numerant. 


II 


vece 


103 


/ 


Iuvenalis aquinas, satyricus poeta, Romae eru- 
ditur. 


III 




104 


II 


Traianus de Dachis et Scytis triumphat. 


mi 




105 


III 


Traianus, victis pluribus Asyae provinciis, in 
Rubro mari classem tenuit instituens ut per Indie 
tìnes praedarentur. 


V 




106 


ini 


Papias Iryeropolitanus et Policarpus smirneus, 
Iohannis apostoli quondam discipuli, insignes haben- 
tur episcopi. 


VI 




107 


V 


Romae aurea domus incendio conflagravit. 


VII 




108 


VI 


Terremotu quattuor urbes Asiae subversae et 
in Grecia duae. 


Vili 




109 


VII 


Traianus in Christianos persecutionem movet. 


vini 




110 


Vili 


Simon, filius Cleophae, qui in Hierosolimis epi- 
scopatum tenebat crucifigitur, cui succedit Iustus. 

Ignatius, antiochenae ecclesiae episcopus, Ro- 
mam deductus bestiis traditur, post quem episco- 
patum tenuit Hiero. 


X 




111 


\ un 

Poni. VI. - A- 

LEXANDER,a</. 
X. mm. in. dd. 


Plinio secundo, cuiusdam provinciae rectori, re- 
scripsit Traianus Christianos inquirendos non esse 
eo quod apud eos nil mali inveniretur praeter obsti- 
nationem quandam sacrificandi cuidam Christo deo, 
oblatos tamen puniendos. 


XI 




112 


/ 


Plinius secundus novocomensis orator et hi- 
sto'ricus claret. 


XII 


~vcccx 


113 


II 


Pantheon Romae fulmine concrematur. 


XIII 




114 


III 


Post Iustum hierosolimitane ecclesiae episco- 
patum suscepit Zacheus. 


XIIII 




115 


ini 


Traianus Armaeniam, Assyriam et Messopota- 
miam fecit provincias. 


XV 





10 



15 



20 



25 



30 



OJ 



10 



2. Ortis] D. hortis — 9-10. annumerant] A. anumerant — 14. victis] M. aggiunta interlineare - Asyae] D. Asiac 

— 17. et] A. omm. — 24. Hierosolimis] A. Ilierusolimis ; D. Hierosolomis; M. il primo o su litura èli u — 36. ec- 
clesiae] M. A. il fri »10 e aggiunto — 31-32. obstinationemj A. ostinationem — 32. cuidam] in M. segue un e espunto 

— 39. hierosolimitane] A. hierusolimitane: D. dittongato ; AI. il primo o su litura di u - ecclesiae] M. A. il primo e 
aggiunto — 41. Traianus] A. Trayanus - Armaeniam J I). Armeniam 5 



[AA. 116-131] 

AA. Sai. 

chri- Pontificum 
stianae 



LIBER DE TEMPORIBUS 



19 



116 
117 

118 
119 



120 
121 



122 

123 

124 
125 

126 
127 
128 

129 
130 
131 



V 

VI 

VII 
Vili 



vini 
x 



Pouf. VII. - Si. 

STUSi 'ta. X. 
I 



II 



III 



IIII 



VI 

VII 

Vili 

\ -n ir 
x 



Terremotus Antiochiam pene surruit civitatem. 

Iudeis rebellantibus infinita pene eorum milia 
interficiuntur. 

Lisias Quietus, eo quod cura exercitu prospere 
adversus Iudeos dimicasset, procurator Iudeae a 
Traiano decernitur. 

Salaminam urbem Cypri, interfectis in ea gen- 
tilibus, subvertere Iudei. 

Traianus tertium et sexagesimum agens annum 
periit et eius ossa intra urbem in foro sunt recondita. 

Hadrianus Alexandriam a Romanis subversam 
publicis restauravit expensis. 

Hadrianus Iudeos capit secundo contra Roma- 
nos rebellantes. 

Hadrianus reliquias tributorum urbibus relaxa- 
vit et eorum debitores liberos fecit, cartis publice 
incensis. 

Plutarchus Cheroneus et Sextus et Agatobulus 
et Cenomaus philosophi insignes habentur. 

Bellum contra Sauromatas geritur. 

Nicomedia terremotu ruit et Nicenae urbis pars 
plurima eversa est, ad quarum restaurationem Ha- 
drianus de publico est largitus impensas. 

Hadrianus in Libiam, quae a Iudeis vastata fue- 
rat, colonias misit. 

Hadrianus Atheniensibus leges petentibus ex 
Draconis Solonisque ac reli quorum libris iura com- 
posuit. 

Hadrianus, requisitis veterum philosophorum et 
medicorum sententiis, undecimo mense partimi hu- 
manum aedi posse decrevit. 

Quadratus, apostolorum discipulus, et Aristides 
atheniensis libros prò Christiana religione compo- 
sitos Hadriano dedere. 

Hadrianus Minutio Fundano, Asiae procon siili, 
scribit Christianos sine obiectu criminum non esse 
damnandos. 

Hadrianus novas leges composuit et observari 
iussit. 

Hadrianus pater patriae appellatur et uxor eius 
Augusta. 

Caesarea Palestinae terremotu ruit. 



lmpera- 
torum 



AA. M. 



XVI 

. \ l II 

XVIII 

un 



Vi'. - IIa- 
drianUS, aa. 

XXI. 



// 



ni 



un 



v 



VI 



VII 



Vili 



vini 



XI 

XII 



■ 



■ccck\ 



i. surruit] D. subruit — 7. urbem] A. aggiunta interlineare — 9. annum] in M. V a. raddopfìato post 
mente — 13. expensis] D. pensis preceduto da litura — i/. eorum] M. rum sa litura — if. Sistus] D. Xistus — 
23. Nicenae] D. Nycenae — 39. damnandos] A. dannandos 



m 



M VTTHEI r MMÌ'KII 



[AA. 1ÒJ-117| 






A \ 


ittneum 




\. 










ia i 




L35 




136 


i 




i 


138 




139 


Vi 


l LO 




l U 


\ 


i u 


N - 
tilt. 


i ia 










/. 




s 


i vi 





Vgrippas adversus Basilidern prò nostra re'li- 
rione conscrìbìt. 

Hadrianua toto orbe romano plura aedificìa 
: curavit 

Favorinuset Polemo insìgnes rethoreshabentur. 

[udei ersi Palestìnam depopulati sunt, 

- eaxn provinciam Tyonio Rutto, cui ad op- 
primendum [udeoa HadrianuB mlail exercìtum. 

Quadragesimale ielunium a Telephoro per hoc 
tempua primo institutum ac praeceptum quidam 
scribunt 

ChrÌ8tiani nolentes ludeia contra Romanoa au- 
jcilium \cwc crude liter necantur. 

Finis belli iudaicii quod in Palestina gerebatur, 
■ quo oppressi Unici prohibiti sunt Hierosolimam 
ingredi. 

Cessantibua [udeìa primus es gentibus Hìero- 
solimia praefuit Marcus. 

rladrianus Lucium Auivlium Veruna adopta 
et Cesarem fecit, quare ludi public! celebrati sunt 
et pecunia est soluta militibus. 

Helya ab Helyo Adriano in Ludea condita 

rladrianus morbo .-ninno intercutis apud Baìas 
moritur sexagenario maior a 



Galienus medicua hia temporibus clarui 

Antonimi* pater patriae appellatur. 
[Vogua Pompeius, qui graecas et totius orbia 
ttorìaa conscripsit, clarus habetur. 
lus'.iuus philosophus librum pio Christiana reli- 
q one conscriptum imperatori tradidi 

intonino provinciaa defendere et non debel- 

G tiiit. 

Valentìnus heretìcua agnoscitur. 

rauruS] platonicae sectae philosophus, clarus 
habetur. 

incìtum est a Pio, ut resurrectio dominica die 



Impera- 

torum 



A A. M. 



XtlI 

xim 

\ i 



\ I IH 



v i ;/// 



\ \ 

\ \ 



- ii 
\ . 

NI 5 ^%om<-» 
• cnm 
- •• -i.« .1» 
E Urrà 
.1.1. Cent. 



/// 
//// 

V 
Vìi 






io 



15 



20 






30 






OO 



40 



] :\ <•«#•. - ■'■■•.•.] A. HI rima 

ioj : . cl&ruit] .(. 



|AA. 147-1661 



LIBER DE TEMPOR1B1 



21 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



IO 



20 



25 



30 



148 

149 

150 

151 

152 
153 
154 
155 

156 

157 

158 
159 



160 
161 



162 
163 



35 164 



165 



165 



Pontificum 



/// 



//// 



VI 

VII 
Vili 

vini 

x 



XI 

Pont. XI. • Ani 

CETUS, aa 
X 1 1 II . 

I 



II 

in 



ini 
v 



VI 
VII 



vili 



vrrir 



dominion celebrotur, quod a pìuribus postea ponti- 
Scìbua contìrmatum est. 

Mesomedes cretensia musicus et poeta a^no- 
scitur. 

Arrianus philosophus commedensis et Maximus 
tyrius cognoscuntnr. 

Apollonius stoycus, natione chalcidicus. et Ba- 
silides scythopolitanus phylosophi illustres habentur. 

Antonimia Numae Pompilio ob honestatem 
comparatus. 

Crescens cynicus philosophus agnoscitur. 

Iustinus philosophus ob confessio;ìem christiani 
nominis interfìcitur. 



Policarpus Romana veniens multos ab heretico 
errore per hujus Aniceti tempora correxit. 

Antoninus suo patrimonio opulentissimus pro- 
prias opes amicis libéralissime tribuit, aerarium vero 
publicum ditissimum reddidit. 

Antoninus tantae equitatis fuit, ut p'urimae 
r.ationes, depositis armi-, suae solum sententiae pa- 
ruerint. 

Antoninus apud Lorium villam suam moritur, 
cum iam vixisset annis Lxxrr. 



Imnera- 
torum 



Mellitus, sardensis episcopus, nobilis inter chri- 
stianos scriptores habetur. 

Egysippns, qui a passione Christi usque ad suam 
aetatem aecclesiasiicam scripsit historiam, Romani 
venit. 

Voloij'esus, rex Parthorum, vicinas sibi roma- 
n.' 1 .^ provincias depopulatus est. 

Fronto ir.signis orator habetur, qui Marcum 
A loninum Ve rum latinas litteras docuit. 



AA. M. 



vili 



vini 



XI 

XII 

xnr 

xmr 

\\v 

XVI 
XVII 

xv in 

XVI III 



XX 
XXI 



XXII 
XXIII 



Imf. XVII. ■ 
Marcus An 
toni.nls Ve 
rcs cum Lucio 
W Ceomio 
imodo, qui 
et Aanttmi :■■• 

ctus ut aa 
xv:. 



II 



III 






e. 14 v 



fere/:- 



e tjr 



7. Apollonitts] M. A. il p ra ■> e l esfunto - Stovcus] A. S' - chalcidicus] D. chalcvdlcus - 

M. agguata interlineare — 7-8. Builides] /'. Casylides — 9. Numae] M. A. il dittongo su — 30. vixisset] 

M. siila' <: et su litura; D, scrive vixiss: — 33. Ceonio] D. Coevo — an] D. ;. ai; . àmia 
interlineare — 3S. aecrlesìasficam] D. ecclesiasticam; M.A, il /rime e ajrj,ii> 



22 



MATTI JLK1 PALMERII 



|AA. 107-182| 



e. 15 V 



AA. Sa). 

chri- 
stianac 


Fontificum 


107 


XI 


168 


XII 


169 


XIII 


170 


\rin 




Pont. XII. - So- 
11 ì R aa. vini. 


171 


/ 


172 


II 


173 


ni 


174 


un 


175 


V 


176 


vr 


177 


VII 


178 


Vili 


179 


vini 




Pont. XIII. . 



180 
181 
182 



Eleutiìri US, 
aa. xvi 

/ 



II 



III 



Seleucia, Asyae urbs, cum trecentis milibus ho- 
minum a Romanis capta. 

Lucius Caesar de Partis tryumphavit. 

Persecutione in Christianos orta, Polycarpus, et 
Pyonius fecere martyrium et in Gallia plurimi prò 
Christo sunt interfecti. 

Lues multas provincias et romanae urbis par- 
tem vexavit. 

Romani contra Germanos, Marcomannos, Qua- 
dos, Sarmatas et Daces dimicant. 

Lucius imperator inter Concordiam et Altinum 
apoplexi moritur sedens cum fratre in vehiculo. 

Teophilus, antiochienus episcopus, cuius plura 
ingenii extant opera, clarus habetur. 

Dionisius, Corinthiorum episcopus, Christi fidem 
eleganter in populos docet. 

Apollinarius, hieropolitanus episcopus, insignis 
habetur. 

Pestilentia ingens per totum orbem fuit, in qua 
Romanorum exercitus pene deletus est. 

Pertinaci, Romanorum duci, et exercitui, qui 
cum eo in Quadorum regione pugnabat, siti labo- 
rantibus pluviam divinitus missam ferunt Christia- 
norum militum precationibus. 

Bardasanes in Messopotamia clarus efficitur, 
qui, postquam multos hereticos elegantissime con- 
futarat, novam et ipse heresim condidit et Antonino 
imperatori famosissimum de fato librum conscripsit. 

i\pollonius, qui contra Montanum hereticum 
scripsit, insignis habetur. 

Atticusplatonicae sectae philosophus agnoscitur. 

Antoninus filium suum Commodum consortem 
regni facit. 

Antoninus victoriam adeptus una cum filio 
tr}nimphavit. 

Antoninus et Commodus imperatores pecuniam 
fisco debitam provinciis dimiserunt et debitorum 
tabulas in medio urbis Romae foro incendi praece- 
perunt. 

Commodus a senatu Augustus est app*ellatus. 



Impera- 
torum 


AA. M. 


UH 




V 


# 


VI 




VII 




Vili 




1 77// 


vccclxv 


X 




XI 




XII 




xn r 




XIIII 




XV 




XVI 




XVII 




XVIII 




XVIIII 





10 



15 



20 



25 



30 






40 



1. Asvj>e] D. Asiae — 4. tryumphavit] M. A. y su Mura — 5. Polycarpus] A. D. Policarpus — 6. Gallia] in A. 
sciite u» p espunto — 19. hieropolitanus] A. hierapolitanus; D. hierapolitus — 33. Atticus] D. Acticus - platonicae 
sectae] M. senza dittongo — 35. Antoninus] M. aggiunge il secondo n - Commodum] M. D. Conmodum — 38. tryum- 
phavit] M. A. su Mura — 30. Commoclus] il/. D. Conmodus — 41. pracceperunt| M. precepcrunt — 43. Commodus] 
M. D. Conmodus - est] D. omm. 



15 



20 



25 



|AA. 182-1971 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



OD 



40 



183 
184 



10 

185 

186 

187 

188 

189 

190 

191 

192 
193 
194 

30 195 



19o 



197 



HIT 
V 



VI 
VII 

vrii 
vini 

X 

XI 

XII 

XIII 

XIIII 

XV 

XVI 



Pont. XIIII. - 

Victor, aa.x. 



II 



Smirna, urbs Asyae, terremoti! ruit, ad cuius 
restaurationem decemnalis tributorum immunitas 
data est. 

Antonius in Pannonia morbo periit. 

Commodus de Germanis tryumphavit. 

Lucius, Brittaniae rex, Eleuterium pontificem 
baptisma postulavit, quod cum accipisset Britanni 
quoque fidem Christi una susceperunt et usque ad 
Dioclitiani tempora invio] atam servaverunt. 

Hyeroneus, episcopus lugdunensis, insignis ha- 
betur. 

Coramodus septembrem mensem suo nomine 
appellavit. 

Commodus cum gradiatoribus in amphiteatro 
dimicavit. 

Commodus hostis humani generis ob impieta- 
tem est appellatus. 

Apollonius, urbis senator, lecto senatui insigni 
volumine, quod de Christi fide composuerat, capite 
ob Christi fidem truncatus est. 

Capitolium fulmine ictum una cum bibliotheca 
et convicinis aedibus concrematur. 

Commodus, colossi capite sublato, suae ymagi- 
nis caput iussit imponi. 

Serapio antiochienus ordinatur episcopus. 

Commodus multos nobilium iussit interfici. 

Incendio Romae facto, plurimae edes solo coe- 
quantur. 

Commodus strangulatur in domo Vestiliani. 

Pertinax septuagenario maior imperare iussus 
se invitum regnare testatus est. 

Pertinax sexto imperii sui mense Iuliani iu- 
risconsulti scelere in palatio occiditur, 

Iulianus imperium usurpare conatur, verum ab 
omnibus derelictus et auctoritate senatus privatus 
a Severo iuxta Milvium pontem occiditur. 

Severus in honorem Pertinacis, quem Iulianus 
interfecerat, Pertinacem se cognominari iussit. 
Clemens, alexandrinae ecclesiae presbiter, et 



Impera- 
torum 



23 



AA. M. 



Imp. XVI li. - 

C O MMO UUS, 

aa, xm. 

/ 

II 



ni 

ITU 
V 
VI 
VII 

VIII 

vini 
x 

XI 
XII 



xm 

Imp. X Villi. ■ 
lli-.i-ius Per- 
tinax, mm.vi 



/ó, 



\'rcc\c 



Imp. XX. - Se- 
verus, a a. 

XVIII. 
I 



IT 



e. ib v 



t. Asyae] D. Asiae — 6. tryumphavit] M. A. y su ììtura — 8. baptisma] M. A. su litura il secondo a — 
14. appellavit] A, apellavit — 15. gradiatoribus] D. gladiatoribus — ■ 19. senatui] aggiunta intc lineare hi A. - 
23. convicinis | A. ha con aggiunto - aedibus] M, aggiunto il segno di dittongazione — 24. ymaginis] D. imaginis 
— 2S. edes] D. aedes — 35. [uliani] in M. ripetuto ed espunto — 43. ecclesiae] fi imo e aggiunto in J/. A. 



24 



MATTI IE1 PALMERI1 



|AA. 197-2151 



17 r 



AA. Sai. 




chri- 


Pontificum 


stianae 




198 


/// 


199 


IIII 


200 


V 


201 


VI 


202 


VII 


203 


Vili 


204 


Villi 


205 


X 



206 

207 
208 

209 

210 
211 

212 
213 

214 
215 



Pont. XV. - Ze- 
FISINUS, aa. 

XVII. 

I 



II 
III 

IIII 
V 

VI 

VII 
VIII 

vini 
x 



Panthenus stoycus in disputatone dogmatis nostri 
disertissimi habentur. 

Candidius christianorum disputator cautissimus 
notus efficitur. 

Narcissus, Hierosolimorum episcopus, Theophi- 
lus caesariensis et Baccillus corinthius, Asyae pro- 
vinciae episcopi, insignes habentur. 

Victor et plurimi ecclesiarum pastores, quid 
eis de celebratione pascae probabile videretur, lit- 
teris ediderunt. 

Iudaicum et sarmaticum bellum resumptum. 

Severus Parthos, Adiabenos et Arabes supe- 
ravit. 

Thermae severianae Antiochiae et Romae, Se- 
vero imperatore, sunt factae. 

Severo imperante, toto orbe romano multa ae- 
dificia reparantur. 

Ammonius, christiani dogmatis philosophus, et 
Origenis praeceptor claret. 

Persecutione in christianos mota, multi mar- 
tyrio coronantur, inter quos Leonides, Origenis 
pater, prò Christiana religione gloriose necatur. 

Clemens, alexandrinae ecclesiae presbiter, mul- 
ta nostri dogmatis conscribit. 

Musanus philosophus agnoscitur. 

Clodius Albinus, qui se in Gallia Caesarem fe- 
cerat, apud Lugdunium interficitur. 

Severus, ut receptas apud Britannos provincias 
a barbarorum incursione custodiret valium per 
cxxxu passuum a mari ad mare deduxit. 

Tertullianus afer omnium ecclesiarum sermone 
caelebratur. 

Hoc tempore sancitum est a Zefirino ut omnes 
homines aetate discreta Eucharestiae sacramentum 
in Pascha susciperent. 

Origenes Alexandriae studiis eruditur. 

Severus in Brittania moritur. 

Antoninus, Severi filius, fuit et cognominatus 

Caracalla a vestis genere, quod Romae erogaverat. 

Alexander apud Hierosolimam episcopus con- 



Irape a- 
torum 



AA. M. 



Ili 

UH 

v 
vi 

VII 
Vili 

vini 
x 



10 



vcrcc 



15 



XI 

XII 
XIII 

XIIII 

XV 

XVI 

XVII 
XVIII 

Imp. XXI. - An 
tonius Cara 
cai.]. a, an . vi 

I 

II 



20 



25 



50 



35 



-,'cccex 



40 



5. Hierosolimorum] A. Hicrusolimorum; M. il primo su Mura di u — 6. corinth'us] D. corintius - Asvae] 
M. D. Asiae — 8. ecclesiarum] Ì71 M. aggiunto il primo e — 9. pascae] M. D. pasce — io. ediderunt] M. I). aedide- 
lunt — 18. christiani] AI. A. su Mura - philosophus] A. su Mura — 24. ecclesiae] il primo e aggiunto in M. — 
26. philosophus] M. A. su Utura — 32. Afer] A. Affer - ecclesiarum] M. A il /rimo e aggiunto — 43. Hierosoli- 
mam] A. H ; erusolimam: M. il primo o correzione di u 



|AA. 215-231J 

ÀÀ. Sai. 

chri- Pontificum 
stianae 



LIBER DE TEMPORIBUS 



10 



15 



20 



25 



35 



216 


XI 


217 


XII 


218 


XIII 


219 


XIIII 



220 



221 



222 



223 
224 



30 225 



226 



227 



228 

229 
40- 230 

231 



XV 



XVI 



XVII 



Pont. XVI. 
Ca lli s tus, 
aa. v. 
I 

II 



III 



IIII 



Pont. XVII. ■ 
Urbanus, aa, 
vini. 



/77 



IIII 



stitutus, vivente adhuc Narcisso praecessore suo, 
cum eo pariter ecclesiam regit. 

Antonius Romae thermas sui nominis aeditì- 
cavit. 

Antoninus libidinis impatientia novercam suam 
Iuliam uxorem duxit. 

Antoninus annum agens xliii et adversus Par- 
thos bellum parans apud Carras interficitur. 

Macrinus, praefecturam praetorii gerens, impe- 
rator factus primo anno imperii sui in Archelaide 
est interfectus. 



Marcus Aurelius Antoninus, Antonini Cara- 
calle, ut putatur, filius et Heliogaboli templi sacer- 
dos, impudicissimae vitae fuit. 

Arcus Celem ontani vetustate collapsi Romae 
restaurantur. 

Heliogaboli templum Romae aedificatum. 

In Palestina urbs Nicopolis condita est, quae 
prius dicebatur Emaus. 

Iulius Africanus, temporum scriptor, clarus ha- 
betur. 

Marcus Aurelius Antoninus tumultu militari 
Romae una cum matre sua occiditur. 

Alexander Xerxem, regem Persarum, glorio- 
sissime vicit. 

Berillus, bostraniensis episcopus, nefanda quae- 
dam de divinitate Christi asseverans, contra Ori- 
genem acutissime disputavit. 

Bostrenus, insignis scriptor, in Arabia claret. 

Ulpianus, iurisconsultus Alexandri assessor, in- 
signissimus habetur. 

Thermae alexandrinae Romae aedificatae. 

Gemianus, presbiter antiochienus, et Hvpolitus 
clari scriptores habentur. 

Zenus Antiochiae ordinatur episcopus. 



Impera- 
torum 



25 



AA. M. 



/// 



VI 



Imp.XXII.-UK 

CKINUS, o. I. 



http, XXIII. ■ 
Marcus au- 
relius Anto- 
ninus, aa. mi 

I 



ri 



in 
un 



http. XXIIII. - 
Alexandkr, 
aa. xiii. 

I 



II 



III 

un 

v 
vi 

VII 



•ccccvx 



e. iSr 



2. ecclesiam] in M. il primo e aggi/ nto — 4-5. aedificavit] A. edificavit: in M. il segno di ditto ng azione ag- 
giunto — 9. Carras] A. D. Charras — zi, praefecturam] A. non dittongato — iS. impudlcissimej A. là sillaba di e 
su litura; originariamente impudentissime — 23. Romae aedificatum| in M. i segni di dittongar icu-- aggiunti — 
25. Africanus] A. AfYVicanus — 39. aedificatae] il p: imo segno di dittongazione aggiunto in M. 



26 



MATTI UH PALMER11 



[AA. 232-247| 



e. iS v 



e. io r 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 


Pontificum 


232 


V 


233 


VI 


234 


VII 


235 


Vili 


236 


i viri 




Pont. XVIII. - 
P O N T1ANUS, 

aa. v. 


237 


/ 


238 


II 


239 


III 


240 


TTTI 


241 


V 




Pont. X Villi. - 
Atherus , VI. 
uno. Post qutm 
XSTFavianus, 
aa. Xlll. 


242 


I 


243 


II 


244 


III 


245 


IIII 


246 


V 


247 


VI 



Origenes Alexandriae clarus habetur. 

Heracleas alexandrinae ecclesiae ordinatur epi- 
scopio. 

Alexander in refendo et clementiam et lauda- 
biliorem praeferebat modum et matrem suam Mam- 
mineam universo populo carissimam unica pietate 
diligebat, quibus rebus amabilior erat. 

Origenes de Alexandria ad Caesaream Pale- 
stinae transiit. 

Mamminea, imperatoris mater, doctrinam chri- 
stianam edoceri cupiens Origenem audire procuravit. 

Alexander tumultu militari non longe a Ma- 
guntia in Gallia occiditur. 

Maximinus primus fuit, qui sine auctorilate se- 
natus ex corpore militari ab exercitu imperator fuerit 
electus. 

Maximinus adversus Christianos persecutionem 
facit, in qua plurimi ecclesiarum sacerdotes mar- 
tyrii coronam susceperunt. 

Maximinus Aquileiae a Pupieno occiditur. 

Gordano Romam ingresso, Pispienus et Albi- 
nus, qui imperium arripuerant, in palatio occisi sunt. 



Gordanus admodum adolescens in Orientem 
contra Parthos est profectus. 



Gordanus, ingentibus praeliis adversus Parthos 
prospere gestis, cum victor reverteretur in patriam, 
fraude Philippi praefecti interfectus est et eius ossa 
Romam sunt relata. 



Philippus, primus omnium ex Romanis impera- 
toribus, christianus fuit. 

Conditae urbis Romae millesimus annus exple- 
j-us est, ob quam solemnitatem innumerabiles pene 



Impera- 
torum 



AA. M. 



Vili 
! '//// 

X 



XI 



XII 



XIII 



Imf.XXV.-MA- 
ximinus, aa, 
III. 

I 



II 



III 

Imp. XXVI. ■ 
Gordanus, 
aa. vi. 



/// 
//// 

V 
VI 



Imp. XXVII. - 

P NILI l'I- US, 

r«)«PiULIPl'0, 

/ilio suo, aa. VII. 



■Z'CCCCXW 



10 



15 



20 



25 



~crcc- / 



30 



35 



40 



2. ecclesiae] il /-rimo e aggiunto in AI ci A. — • 6. carissimam] M. carrissimam — 20. ecclesiarum] in M. 
ed A. il frimo e aggiunto — 22. Aquileiae] A. D. Aqnileae — 33. Gordanus] D. Gordianus — 24. Gordano] lì. 
Gordiano — 29. Gordanus] D. Gordianus — 33. Gordanus] D. Gordianus — 35. est| in A. aggiunta interlineare 
— 36. relata] in D. precede relata espunto — 41. Conditae] maiuscoletto rosso in HI, e A.; rosso in D. 



[AA. 247-2581 



LIBER DE TEMPORIBUS 



27 



10 



15 



20 



25 



AA. Sai. 




chri- 


Pontificum 


stianae 




248 


VII 


249 


Vili 


250 


1 7777 


251 


X 


252 


xr 


253 


XII 


254 


XIII 




Pont, xxi. - 




CORNELIUS, 




aa. II. 



255 



30 



256 



35 



40 257 



258 



// 



Poni. XXII. ■ 
Lucius, min. 
vi . Post quem 
XXIII Stefa- 
nus, aa. li. 



II 



bestiae in circo magno sunt interfectae et ludi thea- 
trales, tribus diebus et tribus noctibus populo per- 
vigilante, sunt celebrati. 

Theatrum Pompeii incensum. 

Philippus urbemnomìnis sui in Tracia construit. 

Dyonisius alexandrinae ecclesiae constituitur 
episcopus, qui in sacris scripturis clarus et in pa- 
tiendo prò Christi nomine fortissimus extitit. 

Philippus senior Veronae et Romae iunior a 
satellitibus Decii interlìciuntur. 

Decius, cum Philippos patrem et lìlium inter- 
ficere fecisset, eorum odio in Christianos persecu- 
tionem movet, in qua dyaconus Laurentius et Fa- 
vianus, romanae ecclesiae episcopus, et alii multi 
ob Christi confessionem martyrio coronantur. 

Alexander, hierosolimitanus episcopus, aetate 
gravis et miraculis clarus, inter martyrii tormenta 
expiravit. 

Antonius monacus nascitur in Aegypto. 

Decius cum tilio in Abrutio interlìcitur. 



Pestilentia ingens pene per orbem, quae in 
Alexandria et Aegypto maxime desevit. 

Inter Gothos et Romanos fedus iungitur. 

Origenes scientia et vita clarus obiit. 

Cornelius, romanae urbis episcopus, prò Christi 
nomine necatur. 



Gallus et Volosianus apud Forum Flammei in- 
terfecti sunt. 

Emilianus, qui tyrannidem invaserat, tertio men- 
se interficitur. 



Valerianus ab exercitu Augustus, Galienus a 
senatu Caesar appellatus est. 

Valerianus in Christianos persecutionem facit, 



Impera- 
torum 



AA. M. 



// 
/// 
//// 
V 



VI 
VII 



Imf. XX Vili. ■ 

Decius, a. i. 
min. in. 



. 



Imp.XXVIIII.- 
GallusWVo- 

LOSU NUS, 

Galli filiti*, 
aa. il, min. III. 



II 



Im/i.XXX.-YA- 

I.ERIANUS fi 

Galienus, aa. 
xv. 
I 



II 



e. ig v 



6. Traria] A. Thracìa - construit] A. litnra — ■ 7. ecclesiae] M.A. hanno il primo e aggiunto — 11. Philippus] 

A. Philipus - et] aggiunta interlineare in M. ed A. — 12. Decii] le due ultime lettere su litura in M. - interfi- 

ciuntur] M.A. su litura — 14-15- interficere] D. interfici correzione di interficcre — 17. ecclesiae] in M. il f rimo 

e aggiunto - multi] in M. precede in espunto — - :8. martyrio] D. martirio — 20. martyrii] D. mariirii — 22. mo- 

5 nacus] D. monachus — 25. Volosianus] in M. il sreonh o correzione di u — 29. obiit] I>. moritur 



28 



MATTI IE1 PALMERJI 



IAA. 258-275] 



AA. Sai. 

chri- 

stianac 



Pontificum 



r. 20 r 



259 
260 



261 


in 


262 


mi 


263 


V 


264 


VI 


265 


VII 



266 



267 
268 
269 



270 
271 

272 



273 



274 
275 



Pont. XXIIII. - 
SlSTUS II, aa, 

Vili. 

/ 



// 



Vili 



Pont. XXV. ■ 

D YONISI US 

aa. xv. 
I 

II 

III 



UH 

V 
VI 



VII 



VII/ 
Villi 



in qua Pancratius tredecimo suae vitae anno prò 
Christi nomine gloriosissime moritur. 

Cyprianus, cartaginensis episcopus, cuius in- 
genii praeclara extant volumina, martyrio coronatur. 

Valerianus Christianos persequens a Sapore, 
rege Persarum, capitur et apud eum miserabili ser- 
vitute consenescit. 

Postumius apud Gallos regnum invadit annis x. 

Sapor, Persarum rex, Syriam, Ciliciam et Cap- 
padociam depopulatur. 

Valeriano apud Persas capto, Galienus pacem 
Christianis reddidit. 

Germani Italiam ingressi Ravennani usque de- 
predantur. 

Alamanni, vastatis Gallis, in Italiam transiere. 

Gothi Graeciam, Macedoniam, Pontum Asiam- 
que depopulantur. 

Quadi et Sarmatae Pannonias occuparunt. 

Germanis Hispanias tenentibus, Terracone ex- 
pugnata est. 

Partili Messopotamiam tenentes Syriam incur- 
sarunt. 

Agrestium manus Persas depredatur. 

Palillus samosacenus novam heresim suscitavit. 

Imperio romano undique depredato, Postumius, 
Marius, Victorinus et Tetricus quattuordecim annis 
Gallias rexerunt. 

Galienus Mediolani occiditur. 

Claudius Gothos Illiricum Macedoniamque va- 
stantes superat, ob cuius victoriae gloriam clipeus 
ei in curia aureus et in Capitolio statua aurea col- 
locata est. 

Claudius Firmi moritur. 

Quintilius, Claudi] frater, a senatu Augustus ap- 
pellatus xvii imperii die Aquileiae occiditur. 

Superato Tetrico, Aurelianus Gallias recepit. 

Zenobia, quae occiso Odenato marito suo Orien- 
tis regebat imperium, haud longe ab Antiochia su- 
perata capitur. 



Impera- 
torum 



/// 



//// 



V 

VI 

VII 

Vili 

vini 

X 



AA. M. 



XI 

XII 

XIII 



xim 
xv 

Imp. XXXI. ■ 

Cl-AUDIUS, a, 
i, mm. vini. 
I 



II 



Imp. XXXII. ■ 

A URKMANUS. 

■ aa.v, min. mi, 






10 



fcccc/v 



15 



20 



25 



30 



TCCCclw 



40 



5. martyrio] D. martirio — io. Ciliciam] A. D. Cyliciam — 10-11. Cappadociam] D. Capadociam — 20-21. 
expugnata] in M. In sillaba ex su litura — 33. vcccclxx] M. A. cmm. — 39. imperii] A. inperii - Aquileiae] in M. 
•1 Jittongo s.i litura; A. D. Aquileac — 43. Antiochia] D. Anthioehia 



[AA. 276-287| 



L1BER de temporibus 



29 



10 



15 



20 



30 



40 



AA. Sai. 
chri- 


Pontificum 


stianae 




276 


X 


277 


xi 


278 


XII 


279 


XIII 


280 


XIIII 


281 


XV 




Pont. XXVI. - 




Felix, aa. iz, 




III IH. X. 


282 


I 


1 




283 


II 


284 


III 




Pont. XXVII. - 

EUT IA N U S , 
min. vili. Post 
quem XXVI II 
Gaianus, aa. 




Xii, min. mi. 
dd. vini. 


285 


/ 


286 


II 


287 


ni 



Aureliano^Romac tryumphante,i|Tetricus et Ze- 
nobia currum praccesserunt, e quibus Tetricus cor- 
rector postea Lucaniac fuit et Zenobia summo ho- 
nore Romae consenuit ab eaque Zenobia est non- 
cupata familia. 

Eusebius, laodicenus episcopus/insignis habetur. 

Aurelianus Romam fìrmioribus muris vallat. 

Aurelianus, cum adversum Christianos perse- 
cutionem movisset, iuxta eum fulmen ruit, nec 
multo post inter Constantinopolim et Heracleam 
occiditur. 



Gallias barbari iterum occuparunt. 



Probus Gallias ingenti virtute romano imperio 
restituit. 

Insana Manicheorum heresis in commune ho- 
mi num malum exoritur. 

Probus Saturninum et Proculum et Bonossum 
variis in locis imperium usurpantes oppressit. 

Probus Gallos et Pannonos vineas habere per- 
misit. 

Probus apud Sirmium Almeam montem et Au- 
reum apud Mesiam superiorem vineis conseruit et 
provincialibus colendas dedit. 



Probus apud Syrmium in turri quae vocatur 
ferrata occiditur. 



Carus, dum Sarmatas persequitur, nuntiato sibi 
Persarum tumultu, in Orientem cum exercitu profi- 
ciscitur et Parthos primum ac deinde Persas praelio 
fudit, eorumque regione vastata, su'per T}^grim ca- 
stra posuit, quo in loco fulmine ictus interiit. 

Numerianus insidiis Apri soceri sui occisus 
est, scelere post aliquot dies cadaveris fetore com- 
perto. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



/// 



ini 

v 



Tmp. XXXIII. - 

TACITDS, vini. 
v. Quo occino 
regnavit Puo- 

RIANUS,WH».1II. 

I 

Imp. XXXV. - 
I'hobus. a u. 
vi. vini. ii. 

I 

II 



III 



un 



vi 



Itufi. XXXVI. - 
Carus cum fi- 
liis Carin'O et 

N U MERI ANO, 



// 



vccccl\';\ 



i. Romae] in D. segue espunto imperante - tryumphante] y su litura in M. ed A. — 9. eum] D. omm. — 24. 
Pannonos] in M. e A. correzione di Pannonios — 33. Syrmium] A. Sirmium — 37. persequitur] l'i su litura in M. 
40. Tygrim| y correzione di i in A. 



30 



MATTHEI PALISI ERII 



|AA. 287-300] 



AA. Sai. 




chri- 


Pontificum 


stianae 




288 


III! 


280 


V 


290 


VI 


291 


VII 


292 


Vili 


293 


\ 'ini 


29-1 


X 


295 


XI 


290 


XII 


297 


XIII 




Pont. XXV un. • 




Maucilllinus, 




cu. veni. 


298 


/ 


299 


II 


300 


IH 



Carinus praelio victus apud Margum occidi- 



tur. 



Dioclitianus Aprum, Numeriani interfectorem, 
propria marni interlìcit. 

Dioclitianus Ilerculeum Maximianum consortem 
regni facit et in Galliam contra Amandum et Elia- 
num mittit. 

Carausiusin Brittannia et Achilleus in Aeg)^pto 
imperium occupantes variis praeliis superantur. 

Constantius, Claudii ex filia nepos, et Galerius 
Maximianus assumuntur in regnum. 

Narseus, Persarum rex, bellum in Oriente per- 
sequitur. 

Constantius in Gallia primo praelio supera- 
tus exercitum reparavit et lx Alamannornm inte- 
remit. 

Constantius et Galerius uxores suas repudiare 
sunt compulsi. 

Constantius privignam Herculei Theodoram 
uxorem accepit, ex qua sex filios Constantini fra- 
tres habuit. 

Galerius Valeriam, Dioclttiani filiam, uxorem 
duxit. 

Busiris adversus Romanos rebellans ad solum ' 
usque subvertitur. 

Caprorum et Basternanarum gentes in solum 
romanum translatae sunt. 

Dioclitianus adorari se ut deum fecit et pri- 
mus fuit, qui vestibus et calciamentis gemmas inserì 
iuberet, cum ante eum clamide tantum purpurea a 
privato habitu imperatores differrent. 

Alexandria cum omni Egipto a romana pote- 
state desciscens ottavo obsidionis mense a Diocli- 
tiano recipìtur, Egyptiis proscriptionibus exiliis 
atque suppliciis varie ubique vexatis. 

Alletus post Carausium Brittanniam tenet. 

Asclepiodus, praefectus praetorii, ' Brittannias 
recepit. 

Iuxta Lingonas a Constantio Caesare quadra- 
ginta milia Alexandrinoimm sunt caesa. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



Imp. XXX VII. - 
Dioclitianus 
aa. xx. 

/ 



// 



/// 



//// 



V 

VI 



VII 

VITI 

Villi 



X 



XI 

XII 

XIII 



vxd 



10 



15 



20 



25 



30 



OJ 



10 



7-S. Clianum] in M. le lettere Eli su li tur a — 9. Brittannia] lì. Britannia — 33. Egipto] A. Aegipto — 34. ot- 
tivo] A. D. octavo — 36. varie] aggiunta interlineare in M. — 38. Brittanniam] A. Britanniam — 40. Brittanias] 
A. Britannias — 42-43. quadraginta] AI. D. quadraglntia — 43. milia] I). millia 



lì) 



15 



20 



25 



50 



35 



40 



[AA. 301 


-310] 


AA. Sai. 
chri- 


Pontificum 


stianae 




301 


un 


302 


V 


303 


VI 


304 


vii 


305 


Vili 


306 


Villi 




Pontificum vaca- 
nti sedes, a. i, 




inni, vii. 


307 


/ 


308 


ir 




/'oh/. XXX. ■ 




EUSEBIUS 

min. vii. Post 
quem XXXI 

- MliLClADIÌS, 




aa. vi. 


309 


/ 


310 


II 



LIBER DE TEMPORIBUS 



31 



Persecutio adversus Christianos incipiens de- 
cem duravit annos, in quibus Sebaslianus, Candidus, 
Innocentius, Victor, Cosma, Damianus et plures alii 
invictissimi Christi martyres coronantur. 

Albanus martyrii constantia clarus in Brittannia 
occiditur. 

Maximianus, superato Narseo et uxore ac li- 
beris et sororibus eius captis, a Dioclitiano ingenti 
lionore recipitur. 

Termae Dioclitianae Romae factae. 

Gothi auxilia magna misere Romanis adversus 
Parthos bellantibus. 

Dioclitianus et Maximianus de Parthis trium- 
pliarunt, praecedentibus eorum currum Narsei co- 
niuge, liberis et sororibus eius cum omni praeda 
qua Parthos spoliaverant. 

Terremoti! bombili apud Tyrum et Sidonem ; 
multa opera conciderunt et innumerabilis populus 
est oppressus. 

Ecclesiae sunt subversae et nostrae religionis 
libri conbusti et pontiiices cessaverur.t. 

Dioclitianus Nicomediae, Maximianus Medio- 
lani purpuram deposuerunt. 



Galerius Iliricum, Asiam et Orientem, Constan- 
tius Italiam, Africam et Gallias regebat. 



Maximianus et Severus Galerio Caesares facti. 
Constantius, Constantini pater, xvini sui impe- 
rii anno in Brittannia moritur. 



Maxentius, Herculei Maximiani rilius, a praeto- 
rianis militibus Romae Augustus appellatur. 

Severus Caesar a Galerio Maximiano contrà 
Maxentium missus Ravennae interrìcitur. 




\///r 



XV 

.VI l 
XVII 

XVIII 



XVIIII 



XX 



I m/'. XXX Vili.- 
Galerius cum 
Constant io, 
aa. Il, mox cum 
Co N STANTI- 
no. aa. un. 



/ 



// 



Imp.XXXVIIII. 

Consta nti- 
nus ex Helena 
concubina ma- 
ire vatus re- 
gnavi t, aa. 
xxx. inni. x. 



/ 



vd 



e. 23 r 



3. Innocentius.... Damianus] in A. aggiunta interlineare — 4. martyres] IJ. martires — 5. martyrii] D. mar- 
tini — io. Termae.... factae] aggiunta di mano diversa non dittongata in Al. ed A. — 14. currum] M. curru — 
17. Sidonem] A. Sydonem — 20. Ecclesiae] il ir imo e aggiunto in .1/. e.l A. -- 21. conbusti] A. D. combusti 
22. 1] .1/. uno — 35. Brittannia] />. Dritannia 



32 



MATTI IIOI PALMERII 



|AA. 311-319J 



C. 23 V 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 




311 



312 



313 
314 



315 



316 



317 



318 
319 



/// 



//// 



V 



VI 



Poni. XXXII. - 

SlLVESTER,«a. 
XX. 

I 



II 



III 



un 

v 




Lycinnius a Galerio imperator est factus. 

Herculeus Maximianus eo quod dolum Con- 
stantino pararet fugiens Massiliae occiditur. 

Quirinus, episcopus scesianus, prò Christo glo- 
riose necatur, nam manuali mola ei ad collum li- 
gata e ponte praecipitatur in flumen et diu super 
aquam iacens cum spectantibus est colloculus mo- 
nens ne suo terrerentur exemplo et tandem vix 
orans, ut mergeretur, ottinuit. 

Galerius Maximianus xxiii sui imperii anno 
moritur. 

Lactantius Firmianus, vir omnium suo tempore 
eruditissimus, Crispum, Constantini fìliurn, latinas 
litteras docet. 



Maximianus in Christianos persecutionem fa- 
ciens, cum a Lycinnio puniendus esset, apud Tarsum 
moritur. 

Maxentius iuxta pontem Milvium a Con'stan- 
tino superatus occiditur. 

Constantinus adversus Lycinnium movet bel- 
lum. 

Gothi Constantino auxiliantur contra Lycin- 
nium. 

Dioclitianus haud procul Solonis in villae suae 
palatio moritur et solus privatus inter Deos re- 
fertur. 

Crispus et Constantinus, Constantini lìlii, et 
Lycinnius, adolescens Lycinnii Augusti rllius et Con- 
stantini ex sorore nepos, Cesares appellantur. 

Pax Christianis a Constantino redditur. Ipse 
vero non multo post, Silvestro pontifici quibusdam 
imperii insignibus traditis, Bizantium cum omni im- 
periali pompa proiiciscitur. Ibique principalem 
imperii sederti constituit, nam de caetero, qui illic 
imperabant vel universum tenuere imperium vel 
alio sibi adiuncto Romam illi Italiamque commit- 
tebant, donec consuetudine sequestratum est, ut 
illud orientale, hoc occidentale imperium voca- 
retur. 



// 



/// 



//// 
V 



VI 



VII 



Vili 



vini 
x 



lo 



15 



20 



J.D 



50 



ÒD 



40 



i. Lycinnius] A. D. Licinnius — 3. Massiliae] A. Maxiliac — 6. super] A. supra -- 9. ottinuit] A. D. obti- 
nuit — ■ 25. villae] M. ville — 26. moritur] D. omm. — 29. Ljcinnìi] A. Licinni — 30. Caesares] il/. Cesares — 

32. Christianis ;t Constantino] correzione di mano diversa in M. fino alla sillaba stari, in A. nel solo Cliristianis — 

33. pontifici] D. pontifici maxima — 34. Bizantium] A. Bixantium — 35. Ibique] segue in AI. u-i p espunto — 
36. illic] D. illhic — 38. alio sibi] cos- anche D., che fero corresse in altero simul 



[AA. 320-3311 



LIBER DE TEMPORIBUS 



33 



AA. Sa!. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



320 



VI 



10 



321 



322 



15 



20 



323 



324 



VII 



Vili 



lo 



30 



OJ 



330 



40 



331 



Villi 



X 



325 


XI 


326 


XII 


327 


XIII 


328 






XIIII 


329 


XV 



XVI 



XVII 



Arrius, quidam apud Alexandriam pre- 
sbiter, prava quaedam de Christi fide profe- 
rens, quibus ab aetcrna Dei patris sustantia 
iìlium separare conabatur, Arrianorum dogma 
ex'citat, a quo universalis Ecclesiae praevalida 
est subsecuta discordia. 

Lycinnius in Christianos persecutionem 
facit, in qua Basileus, Amasiae episcopus, 
martyrio coronatur. 

Sinodus episcoporum cccxviii ad coar- 
guendam Arrianorum perlìdiam in Nicenaurbe 
Bithiniae congregata multos hereticos omousu 
oppositione repressit. Et fuit sinodus prima, 
quia ante hoc tempus Christiani persecutiones 
patiebantur, nec eis publice congregari con- 
cedebatur potestas. 

Credo in unum Deum et reliqua iìdei sim- 
bolique niceni concili catholica publicavit Ec- 
clesia. 

Helena, Constantini mater, divinis monita 
visionibus beatissimum crucis lignum, in quo 
mundi salus pependit, apud Hierosolimam rep- 
perit. 

Paulus thebeus, vir mire beatitudinis, in 
heremo habetur. 

Constantinus, rìlius Constantini, Caesar 
factus. 

Lycinnius Thessalonice privatus occidi- 
tur. 

Nazarius rethor insignis habetur. 

Crispus, filius Constantini, et Lycinnius 
iunior, Constantini ex sorore nepos, crudelis- 
sime interficiuntur. 

Arnobius rethor in Africa clarus habe- 
tur. 

Constantinus Drepanam, Bithiniae civita- 
tem, instaurans ex vocabulo matris suae Hele- 
nopolim appellavit. 

Constantinus uxorem suam Faustam in- 
terficit. 



Imperatorum 



AA. M. 



Costantinus, sedevi ini 
perii Bizantiiim //.ih 
stulil ibique universum 
rexit imperium, <ui. xxi. 



XI 



XII 



XIII 



XIIII 



XV 



XVI 

XVII 

XVIII 

XVIIII 
XX 

XXI 



XXII 



I 



ir 



rn 



e. <?/ r 



~/vv 



[IH 



V 



VI 

VII 

Vili 

vini 

X 
XI 



e. 24 V 



Xll 



7. ecclesiae] in M. ad A. il primo e aggiunto — 11. martyrio] D. martirio — 12. Sinodus] 1>. Svnodus — 
13. Nicena] D. Nvcena — 15. sinodus] D. synodus — 17-18. publice.... potestas] D. potestas publice congregari 
concedebatur — 20. niceni] D. nyceni — 20-21. ecclesia] le prime quattro lettere su titnra in M. ; il primo e ag- 
giunto in A. — 34. Hierosolimam] A. liierusolimam; in M. il primo o correzione di u — 30. Lycinnius] A. /». 
5 Licinnius 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 - 3. 



34 



MATTIIEI PALMER1I 



|AA. 331-339] 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



332 



333 



334 



e. 25 r 



335 
336 



337 
338 
339 



XVIII 



XVI III 



XX 



Pont, xxxnr. - 

Marcus, nini. 
vm; (>ost queiii 

xxxi in, iu 

Lius, aa. xvi. 
I 



n 



in 



ini 



v 



Donatus agnoscìtur, a quo per Africani 
Donatiani. 

Zenobius, patre Luciano et matre Sophia, 
vi kalendas februarii Florentiae nascitur, qui po- 
stea eiusdem urbis episcopus miraculis claruit. 

Porfìrius, misso ad Constantinum insigni 
volumine, exilio liberatur. 

Iuvencus, natione hispanus, Evangelia et 
nonnulla ad sacramentorum ordinem pertinen- 
tia heroicis versibus decantavit. 

Athanasius alexandrinae ecclesiae ordi- 
natur episcopus, qui ab Arrianis statim per- 
secutus ad Constantinum refugit, ad quem 
xArriani quoque contra illum mittentes, cum 
in dies magis contenderent, Constantinus apud 
Haeliam concilium convocavit, cui iudicium 
de eorum controversia remisit. 

Constantinopolis dedicatur pene omnium 
urbium nuditate. 

Arrius ab exilio revocatus volumen, quod 
de sua fide conscripserat, Constantino impe- 
ratore donavit. 

Metrodorus philosophus agnoscìtur. 



Edicto Constantini gentilium tempia sub- 
versa sunt. 

Romani Gothos in Sarmatarum regione 
vicerunt. 

Pestilentia et fame innumerabilis pene 
multitudo in Syria atque Cilici a perii t. 

Constantinus, filius Constantini, in regnum 
assumitur. 

Sarmate dominos suos, quos Arcaragantes 
vocant, in romanum solum expulerunt. 

Calocerus res novas in Cypro moliens op- 
primitur. 

Trigfennalibus Constantini Dalmatius Cae- 
sar appellatur. 

Pater rethor Romae gloriosissime docet. 

Eumonia, Christiana virgo, in eloquentia 
claret. 

Eustachius, constantinopolitanus presbiter, 
agnoscìtur. 



Imperatorum 


XXIII 


xii r 


XXIIII 


xmi 


XXV 


XV 


XXVI 


XVI 


XXVII 


XVII 


XXVIII 


XVIII 


XXV1III 


XVIIII 


XXX 


XX 



AA. M. 



v/vvv 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



i. Donatus] in AI. la sillaba us 5« li tur a — li. ecclesiae] in M. ed A. il primo e aggiunta posteriore 
16. Haeliam] AI. la sillaba iam aggiunta interlineare — 21. conscripserat] ripetuto ed espunto in A. — 35. SarmateJ 
in M. l'r aggiunto - Arcaragantes J />. Archaragantes 



|AA. 340-346| 



AA. Sai 

chri- 

stianae 



340 



341 



10 



15 



342 

343 



20 



VII 



Vili 



i ini 



344 



25 



30 



345 



35 



346 



10 



X 



XI 



XII 



liber de temporibus 




Constantinus apud Nycomediam egrotans 
ab Eusebio, nycomedensi episcopo, baptizatur, 
nec multo post moritur aetatis suae anno xlvi, 
post quem liberi eius tres ex Cesaribus Augu- 
sti appellantur. 



Sapor, Persarum rex, Mesopotamia vastata, 
duos ferme menses Nisibim obsidet. 

Dalmatius Caesar, quem patruus Constan- 
tinus consortem regni reliquerat, factione Con- 
stantini patruelis interimitur. 

Iacobus nizibenus, qui cognominatus est 
iustus, apud Persas agnoscitur, ad cuius prae- 
ces urbs liberala est. 

Constantius Athanasium et omnes non 
suae partis episcopos persequitur. 

Constantinus bellum fratri inferens iuxta 
Aquileiam occiditur. 

Post mortem Constantini Constantius orien- 
tem, Constans vero occidentem regebat. 

Multae orientis urbes terraemotu concide- 
runt. 

Franci a Constante perdomiti et pax cum 
eis facta. 

Audens in Syria agnoscitur, a quo heresis 
audiana. 

Hermogenes, magister militiae, cum pre- 
cipiente Constantio et resistente populo epi- 
scopum Paulum Constantinopoli pellere co- 
naretur, tractus a populo interficitur. 

Macedonium artis plumariae in locum 
Pauli Arriani substituunt, a quo heresis ma- 
cedoniana. Paulus Arrianorum insidiis stran- 
gulatur. 

In orientali Ecclesia maxime de Christia- 
na fide suscitantur discordiae, quae palam 
et ubique irrepentes universalem Ecclesiam 
di'viserunt, in qua divisione alteri Arrianis, 
alteri Catholicis inherebant, propter quae in- 
ter se dissentientes episcopi et sacerdotes 
alteri a Constantio, alteri vero a Constante 



35 



Imperatorum 



AA. M. 



XXXI 



XXI 



//«/>. XL. - Constanti- 
nus, Constantius et 
Constans, Consimi- 
li ni filli, universum 
te intere intperium, aa. 

XXIIII. 



r 



// 



/// 



e. z.< v 



un 



vi 



ir 



in 



un 



v 



VI 



vdxl 



e. 2Ò r 



3. aetatis] M. D. etatis — 15-16. praeces] D. preces — 20. Aquileiam] D. Aquilegiam — 23. terraemotu] 
Ih terremotu — 37. ecclesia] il primo e aggiunto in M. r l A. — 39. ecclesiam] il primo e aggiunto in M. 
ed A. 



.36 



Ari. Sa!. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



Ì47 



3 48 



349 
350 



XIII 



XIIII 



XV 



XVI 



C. 20 V 



351 



352 



XVII 



Poni. XXXV. - 
I.IBERIUS, ao. 

xvii, mm. vili. 

I 



MATTI IKI PALMKRII 



suslenlabantur, sic inler se divisae civitates 
et populi crebrae seditiones et praelia ad 
necem usque et sanguinem commiltebanlur. 
Quapropter in Antiochia Syriae et Hieroso- 
limis, Sardicae vero in Illiricis, in Italia quo- 
que Mediolani atque xVrimini et in aliis pro- 
vinciis et civitatibus parvis temporum spa- 
tiis concilia'', celebrantur sicque totius orbis 
augebantur de Christiana fide discordiae, e 
quibus piurimae hereses et varia heresiar- 
charum dogmata multo tempore perdura- 
runt. 

Sapor, Persarum rex, Christianos perse- 
quitur. 

Athanasius Alexandriam revertitur. 

Durachium terraemotu corruit et tribus 
diebus ac noctibus Roma nutavit plurimaeque 
Campaniae urbes sunt versatae. 

Magnis rei publicae expensis in Seleucia 
Syriae portus effectus. 

Sapor, Persarum rex, rursus tribus men- 
sibus Nisibim obsidet. 

Eusebius, Caesareae Palestinae episcopus, 
qui ecclesiasticam scripsit historiam, clarus ha- 
betur. 

Eusebius, episcopus emesenus, Arrianae 
signifer factionis, multa et varia describit. 

Solis facta defectio. 

Bellum persicum, in quo haud dubiam vi- 
ctoriam militum stoliditate Romani perdide- 
runt. 

Arriani Hierusolimorum ecclesiam inva- 
sere. 



Liberio constituto pontifice, discordiae 
maxime in Ecclesiam Dei subsecuntur, nam, 
Liberio in exilium ob tìdem truso, Arriani Fe- 
licem quendam in pontilìcem elegere, qui post 
annum eiectus est; quia Liberius tedio exilii 



|AA. 346-352] 



Imperatorum 



AA. M. 



VII 



Vili 



Villi 



XI 



XII 



VII 



VII! 



Villi 



X 



XI 



XII 



10 



15 



20 



2D 



50 



vdl 



OJ 



i. sustentabantur \A. substeutabanlur - divisae] in D. precede diver espunto — 4. Quapropter] D. Quamo- 
brein — 5-6. Ilierosolimis] A. Hierusolimis; in M. il primo o ccrrczionr. di u — 7-8. spatiis] A. spaciis — io. he- 
reses] la desinenza su lilura in M. ed A.] in D. la parola e preceduta da una ccssatr.ra indecifratile — 17. ac] A. 
su litura — 21. Persarum] in D. segue un richiamo in margine con la parola Nysibim — 23. Palestinae] A. Palestine 
— 24. ecclesiasticam] il primo e aggiunto in M. ed A. — 30. Romani] su litura di mano diversa in M. ed A. — 
32. Hierusolimorum] D. Hicrosolimorum - ecclesiam] il primo e aggiunto in M. (il A, — 36. maxime] I>. maxi- 
mae - Ecclesiam] il primo e aggiunto in M. ed A. - subsecuntur] D. subsequuntur — 3S. elegere] AI. A. eligere 
corretto in elegere 



IAA. 352-361] 



LIBKR DE TEMPORIBUS 



37 



AA. Sai 

chri- 

stianae 



Pontifìcum 



353 



10 



354 
355 



15 



356 



357 



/7 



/// 
IIII 



20 



25 



VI 



358 



30 



VII 



359 



560 



VIII 



l 'UH 



40 



361 



X 



viclus in heretica pravitate subscrivens Ro- 
mani quasi viclor intravit. 

Magnetius imperium arripuit et Constans 
haud longe ab Hispania in castro, cui Melene 
nomen est, interfìcitur anno aetatis suae xxx, 
ob quam causam turbata republica Vetrania- 
nus Mursae, Nepo'ianus Romae imperatores 
sunt facti. 

Serapio, thimeus episcopus, illustris catho- 
licae iidei defensor habetur. 

Victorinus, natione afer, Romae retliori- 
cam docet. 

Romae populus adversus potentiores re- 
bellavit. 

Nepotiani caput pilo per urbem circum- 
latum et proscriptiones multae nobilium et 
caedes factae. 

Vetraniano apud Nayssum regium insi- 
gne detrahitur. 

Magnetius Mursae victus, in quo proelio 
romanae vires conciderunt. 

Gallus, Constantii patruelis, Caesar factus. 
Iudei a Gallo Caesare oppressi, multis eo- 
rum militibus interfectis et nonnullis eiusdem 
gentis civitatibus igni traditis. 

Syriae populis crucis signum maximo 
conspicientium terrore in orientali plaga ap- 
paruit. 

Magnetius Lugdunii propria se manu in- 
terficit. 

Decentius, frater eius, Caesar factus et ad 
tuendas Gallias missus apud Senones laqueo vi- 
tam explet. 

Gallus Caesar, eo quod ob egregiam in- 
dolem in suspitionem Constantio patrueli venis- 
set, occiditur. 

Donatus grammaticus, Hieronimi prae- 
ceptor, Romae insignis habetur. 

Victorinus rethor statuam in foro romano 
meruit. 

Iulianus, Galli frater, Mediolani Caesar 
appellatur. 

Antonius monacus centesimo sexto suae 
vitae expleto anno in heremo moritur. 



Imperatorum 



AA. M. 



XIII 



xnn 



xv 



xii r 



XIII] 



XV 



XVI 



XVII 



XVI 



XVII 



XVIII 



x vini 



XX 



XVIII 



XVIIII 



XX 



A'AV 



XXI 



4. Ilelene] D. Ilclenac — 7. Mursae] A. Murse — 9. Serapio] segue in A. AI. unalitura di n — 26. populis] 
A. populus — 27. in orientali] M. aggiunta interlineare — 20. Lugdunii] in A. il secondo i aggiunto — 37'4°- 
Donatus.... meruit] aggiunta posteriore in A. — 43. Antonius) viaiusrolctto rosso in A. — 44. expleto anno] A. 
su litura 



38 

AA. Sai. 

chri- 
stianae 



M ATTUISI PALMKRII 



Pontificum 



36: 



363 



364 



365 



365 



XI 



XII 



XIII 



XIIII 



XV 



367 



C. 2$ r 



XVI 



Hilarius, episcopus pitavensis, libros de 
nostra religione componit. 

Liberius pontifex in exilium mittitur. 

Iulianus Caesar magnas Alamannorum co- 
pias' apud Argentarium, Galliarum opidum, op- 
pressit. 

Constantio Romam ingresso, Andreae apo- 
stoli et Lucae evangelistae ossa miro favore ex- 
cepta Constantinopolim translata. 

Nycomedia terremotu eversa vicinis ur- 
bibus ex parte vexatis, Gratianus, qui postea 
imperavit, nascitur. 

Costantinopoli ecclesia maxima dedi- 
catur. 

Constantius Mopsocrenis inter Ciliciam 
Cappadociamque moritur anno aetatis suae 

XLV. 



Iulianus alliciens magis quam impellens 
multos ex Christianis ad sacrifìcandum idolis 
convertit. 

Arrianis ab alexandrinis ecclesiis pulsis, 
Athanasius Alexandriam revertitur. 

Iulianus in Persas profectus et a quodam 
simulato perfuga ad deserta loca perductus, 
cum fame et siti exercitum perdidisset, dum 
inconsultius erraret, a quodam hostium milite 
occiditur. 

Iovianus, necessitate coactus, Nisibim et 
magnam Messopotamiae partem Sapori, regi 
Persarum, tradidit. 

Sinodus Antiochiae celebratur. 

Iovianus odore prunarum, quas nimias 
adoleri iusserat, suffocatur anno aetatis suae 
xxxiiii ;' post quem Valentinianus, tribunus scu- 
tariorum, Augustus apud Niceam appellatur, 
qui fratrem suum Valentem Constantinopoli 
in communionem regni assumit. 



|AA. 361-367J 




XXII 



XXIII 



XXI III 



xxir 



XXIII 



XXIIII 



Imp. XLI. - Iulianus 
universum iniferinm te- 
nuit a. I, nini. VII. 



II 



vdl* 



II 



Imp. XLII. - Iovianus 

qui et in Oriente 1III , 
nini, vili 

/ 



10 



15 



20 



20 



>0 



I. pitavensis] in M. ed A. aggiunta interlineare — io. Nycomedia] D. Nicomedia — 13. ecclesia] in M. ed 
A. il primo e aggiunto — - 15. Constantius] la desinenza su litura in M. — 20. christianis] AI. su li tura — 33. Si- 
nodus] D. Synodus — 37. Niceam] D. Nyceam 



|AA. 358-3731 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontifìcum 



5 368 



369 



10 



15 



S70 



20 



25 



371 



50 



372 



35 



373 



40 



XVII 



XV III 



Pont. XXX VI. - 
DAMASUS, aa. 
XVIII. 



// 



III 



mi 



Valentinianus severus et parcus nimium 
fuit; et ideo quidam eum crudelem et ava- 
rum interpretabantur. 

Terremotu per totum orbem facto mare 
littus egreditur et S} r ciliae multarumque insula- 
rum urbes et innumerabiles populos oppressit. 

Procopius, qui apud Constantii ìopolim ty- 
rannidem invaserat, in Frigia occiditur et suae 
partis plurim caesi proscriptive sunt. 

Damaso constituto pontifice, Ursinus quo- 
que a quibusdam constituitur, quamobrem se- 
ditiones cohortae sunt et crudelissimae inter- 
fectiones diversi sexus perpetratae. 

Basilius, magnus caesariensis episcopus, 
in Cappadocia claret. Gregorius Nazanzenus 
contubernalis discipline auditor cum Basilio 
eruditur. 

Valens ab Eudoxio, Arrianorum episcopo, 
bap'tizatus catholicos persequitur. 

Gratianus, Valentiniani fìlius, Ambianis im- 
perator est factus. 

Apud Constantinopolim mire magnitudi- 
nis decidens grando nonnullos homines inte- 
remit. 

Apud Trabates lana caelo pluviae mixta 
defluxit. 

Nicea, quae saepe antea corruerat, ter- 
remotu funditus eversa est, et in Sicilia et 
nonnullis aliis insulis simili modo clades sunt 
illatae. 

Libanius, antiochienus rethor, insignis ha- 
betur. 

Harthanaricus, Gothorum rex, Christianos 
persequens, plurimos eorum interficit et reli- 
quos de propriis sedibus in romanum solum 
expellit. 

Zenobius a Damaso Florentinorum episco- 
pus ordinatur et totius Tusciae metropolitanus 
constituitur. 



39 



Imperatorum 



AA. M. 



Imp.XLUI. 
- Valen- 
tinianus, 

aa. xii. 



// 



/// 



IIII 



In Oriente V 
r e g tinvit 
V A I. li N S 
Va te n t i- 
/i in ni fra- 
ter , aa . 
XIII, vini. 
Vili. 

I 



II 



III 



ini 



vi 



e . zS -v 



vdlxx 



VI 



S. severus.... nimium] A. nimium severus et parcus — 9. Syciliae] A. D. Siciliae — 17. cohortae] A. coorte 
- crudelissimae] AI. crudelissime — 21. discipline] D. disciplinae — 24. catholicos persequitur] su Udirà in M. ed 
A. — 30. caelo] D. celo — 35. illatae] A. illate 



40 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontifìcum 



37-1 



375 



376 



V 



VI 



VII 



ZQr 



377 



Vili 



378 
379 



C. 2QV 



Villi 



X 



MATTHKI PALMKR1I 



|AA. 374-379] 



Eusebius, vercellensis episcopus, mori- 



tur. 



Athanasius, alexandrinae urbis episcopus, 
diem obiit, cui successit Petrus et Petro Ti- 
motheus. 

Valentinus res novas moliens, antequam 
tyrannidem invaderet, in Britiannia opprimi- 
tur. 

Didimus alexandrinus luminibus orba- 
tus multa nostri dogmatis per notarios com- 
mentatur. 

Valentinianus pulchritudine Iustinae cap- 
tus et illam uxori, quam habebat, superindu- 
cere cupiens, legem prodidit, ut quisque duas 
firme' uxores habere posset asseverans popu- 
losas inde maxime fore gentes. 

Eunomiana heresis Constantinopoli exo- 
ritur. 

Cum sacrum Iohannis Baptistae caput, 
quod macedoniani monaci Hierosolimis dela- 
tum in Sicilia servabant, Valentis iussu Con- 
stantinopolim portaretur, firmato non longe Cai- 
chiedona in vico Cosalai miraculose quo por- 
tabatur ferculo, et constituta in eius honorem 
ecclesia, eodem in loco reconditur et sacris 
virginibus in custodiam datur. 

Xaxones Romanorum fines hostiliter in- 
gressi in Francorum regione a Valentiniani 
ducibus opprimuntur. 

Burgundionum lxxx ferme milia ex inte- 
riore Germania descendentes iuxta ripas Rhe- 
ni fluminis insederunt. 

Sarmathae Pan noni as vastaverunt. 

Ambrosio Mediolani constituto episcopo, 
omnis ad fidem rectam Italia convertitur. 

Valentinianus contra Sarmathas Panno- 
niam depredantes bellum parans subita san- 
guinis eruptione Brigitio moritur. 

Apolinarius laudicensis iactatione inge- 
nii quosdam errores pertinaciter asseverans 
heresim sui nominis suscitavit, quam Damasus, 
habito' Romae concilio, damnavit. 

Eutropius presbiter, vir eloquentia clarus, 
agnoscitur. 



Imperatorum 



AA. M. 



VII 



VIII 



Villi 



X 



XI 
XII 



VII 



Vili 



Villi 



XI 
XII 



IO 



15 



20 



25 



30 



Ó3 



40 



7. Britiannia] D. Britannia — 19. Baptistao] A. Baptisfc — 20. Hierosolimis] AI. A. Hierusolimis ; D. Ilio- 
rosomis — 25. ecclesia] il frinì e aggiunto in M. ed A. - et] aggiunta interlineare in AI. — 26. in] in AI. f re- 
cede la sillaba cu espunta — 30. milia] D. millia — 39. laudicensis] in AI. ed A. /'u su I-tura 
secondo e aggiunto in AI. 



41. heresim] il 



[AA. 379-384| 



LIBER DE TEMPORIBUS 



41 



AA. Sa'. 

chri- 

stianae 



Pontifìcum 



380 



10 381 



15 



20 



382 



XI 



XII 



25 



30 



383 



OD 



40 



384 



XIII 



XIIII 



XV 



Valens, data lege ut monaci militarcnt, no- 
lentes per tribunos iussit interfici. 

Alamannorum circiter xxx apud Argen- 
tariam, Galliarum opidum, ab exercitu Grada- 
rli strata. 

Gens Hunnorum Gothos vastat. 

Margharita, Theodosii patriarcae filia, de- 
votissima Christi virgo, martyrio coronatur. 

Lacrimabile bellum in Thracia, in quo 
romanae legiones usque ad internitionem ce- 
duntur a Gothis. Ipse vero imperator Va- 
lens saucius et ad cuiusdam villulae casam 
deportatus a barbari* simul cum domo com- 
buritur. 



Lamgobardi ab extremis Germaniae lini- 
bus Oceanique protinus litore Scandiaque in- 
sula magna multi tudine egressi et novarum 
sedium avidi, Ibore et Aione ducibus, Vnnda- 
los primum vicerunt. 

Sempronius vir apprime eruditus agno- 
scitur. 

Theodosius summa felicitate multis atque 
ingentibus praeliis Gothos superat et e Tra- 
cia pellit. 

Priscillianus episcopus heresim sui no- 
minis condidit. 

Theodosius, cum Thessalonice aegrotaret, 
a Basilio eiusdem civitatis episcopo baptisma 
suscepit. 

Procurante Gratiano, eo quod Theodosius 
egrotaret, pax firmatur cum Gothis. 

Sinoduspatrum ci- apud Constantinopolim 
celebrata est contra Macedonium Spiritum 
Sanctum Deum esse negantem. 

Martinus, Turinorum episcopus, multorum 
sermone celebratur. 




Imp.XLIlII. 

- (/RATI \- 
N US cum 
Valenti- 
ni \ xofra- 
tre tuo 
puero, aa. 
vili. 



// 



/// 



XI il 



xml 



In Or te n te 
VI TnitO- 

D O S IU S, 

Theodosii, 
fi li us, aa. 
XVII 

I 



mi 



n 



in 



7/vvv 



e. 30 r 



6. tribunos] D. tribunum — 8. opidum] I). oppidum — n. patriarcae] D. patriarchae — 12. martj-rio] D. 

martirio — 13. Thracia] D. Tracia — 14. romanae] M. romane — 17-1S. barbaris] in M. la fri 11: 1 sillabasti litura 

— 22. Lamgobardi] D. Langobardi — 23. Oceanique] D. Occeanique - litore] A. D. littore - Scandiaque] in I). 

con segno di vichi imo ti margine Scandavia — 24. egressi] D. ingressi — 25. sedium] D. seditionum — 29. summa] 

§ A. $■< litura — 30. e] aggiwita interlineare in M. — 35. baptisma] /'a finale su litura in Al. 



42 



M ATTI I RI PALMERII 



[AA. 385-396] 



AA. Sai 

chri- 
stianae 



Pontilìcum 



385 



386 



XVI 



XVII 



387 



e 30 v 



XVIII 

. xxxvn. 

- Sekitius 

aa. XIIII. 



338 

389 

390 
391 



392 
393 



394 



395 



396 



/ 



II 

III 
IIII 



V 
VI 



VII 



viri 



vini 



Aithanaricus, rex Gothorum, xv die quo 
fuerat susceptus apud Constantinopolim occi- 
ditur. 

Gregorius, nazanzenus episcopus, vir sua 
aetate eloquentissimus et Tlieronimi prece- 
ptor, obiit. 

Archadius, Theodosii imperatorisfìlius, Au- 
gustus appellatur. 

Petronius, bononiensis episcopus, vir stu- 
diis et sanctitate clarus, moritur. 

Honorius, Theodosii iìlius, nascitur. 

Maximus per militum seditionem in Brit- 
tannia imperator est factus, a quo non multo 
post Gratianus superatus et fugiens Lugdunii 
captus occiditur. 

Maximus Victorem filium suum consor- 
tem regni facit. 



Hieronimus presbiter toto iam mundo cla- 
rus in Bethleem habitabat studio suo univer- 
sali Ecclesiae serviens. 

Sinodus burdegalensis in qua Prisciliani- 
ste damnantur. 

Maximus tyrannus a Valentiano et Theo- 
dosio imperatoribus non longe ab Aquileia 
indumentis regiis spoliatus capite damnatur, 
cuius filius Victor ab Arbogaste, militum ma- 
gistro, eodem anno in Gallia est interfectus. 

Lamgobardi, eorum ducibus defunctis,pri- 
mum sibi regem creaverunt Agelmumdum, Aio- 
nis filium, qui regnavit annis xxxin. 

Theodosius venerabile Johannis Baptistae 
caput ex vico Cosalai Constantinopolim depor- 
tans septimo ab urbe lapide in basilica, quam ma- 
gno sumpta in eius honorem erexerat, recondit. 

Valentinianus apud Viennam laqueo periit. 

Arbogastes, magister militiae, Eugenium 
in Galliis imperare facit. 



Ruffinus, aquilegiensis ecclesiae presbiter, 




VI 



VII 



VIII 



Inip. XL V. 
- Valen- 
tinianus 
solus, aa. 
Vili. 

/ 



// 



III 

IIII 



V 
VI 



VII 



Vili 



Imp.XL VI.- 

llONOKIUS 

Tli eoJosii 
filius, aa. 

XXXI. 

I 



IIII 



V 



VI 



VII 



Vili 

vini 
x 



XI 
XII 



XIII 



XIIII 



XV 



10 



15 



20 



25 



30 



dxc 



35 



40 



45 



5. Ilicronimi] D. Hicronjmi — 15. Lugdunii] Vultimo i aggiunto in M. — 22. Bethleem habitabat] su litura in 
M. r.i A. — 23. ecclesiae] il /rimo e aggiunto in A. — 33. Lamgobardi] A. D. Langobardi — 45. ecclesiae] */ 

primo e aggiunto in A. 



[AA. 396-4081 



L1BER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



397 



398 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



399 

400 

401 

402 
403 
404 

405 

406 

407 
408 



X 



XI 



XII 



XIII 



XIIII 

Poni. XXXV1U, 
- Anastasius, 
a a. ini, dd. 

XXII. 

I 



II 



III 



un 



Pont, xxxrx. - 
Innocentius 

(/17. xim. 

I 



II 



777" 



qui de graeco in latinum multos christianorum 
libros' transtulit, floret. 

Iohannes anacorita clarus habetur, qui 
ornatus prophetiae gratia Thcodosium victo- 
rem adversus Eugenium, cui movebat bellum, 
praedixit. 

Theodosius Eugenium tvrannum vincit et 
perimit. 

Augustinus, beati Ambrosii discipulus, 
multa facundia doctrinaque excellens, Hyppo- 
ne regio in Africa episcopus ordinatur. 

Claudianusflorentinus poeta notus habetur. 

Theodosius imperator Mediolani moritur. 



Orosius, hispanus presbiter, vir eloquens 
et historiarum cognitor, claret. 

Evagrius, incredibilis abstinentiae mona- 
chus et in sacris litteris eruditus, apud Egy- 
ptios habetur insignis. 



Eutropius eunuchus, qui consulatum Ro- 
mae inerat, honore et vita privatur. 

Gothi, Alarico et Radagaso ducibus, per 
Pannoniam et Sirmium Italiani ingressi. 

Theophilus, alexandrinus episcopus, illu- 
stris habetur, qui adversum Origenem grande 
volumen' scripsit. 

Adversus Gothos magna utriusque partis 
clade pugnatum est. 

Epyphanius episcopus, qui usque ad suam 
aetatem contra omnes hereticos scripsit, Sala- 
minae floret. 

Iohannes damascenus per haec tempora 
claruit. 

Radagasus cum ducentis Gothorum mi- 
libus in fesulanis montibus superatus et ca- 
ptus est, ducente exercitum Stilicone Honorii 
duce. 



Imperatorum 



43 

AA. M. 



// 



/// 



//// 



VI 



VII 



Vili 



vini 



XI 

XII 

XIII 



XV] 



XVII 



In Oriente 
VII Ar- 
cua D IUS, 
Theodosii 
filitis, aa. 
XIII. 

I 



II 



<-. 31 r 



III 



un 



v 



VI 



VII 



vdc 



e. 31 v 



VIII 

Villi 
X 



g. Ambrosii] segue in D. una cancellatura indecifrahi'e — 12. florentinus] aggiunta interlineare in M. - floren- 
tinus.... habetur] su litura di mano diversa in A. — 19. Evagrius] A. Enagrius — 28. Sirmium] D. Syrmium 
— 31. volumen] in M, segue un s espunto — 36-37. Salaminae] A. Salamine — 42. exercitum] M. exercitu - Sti- 
licone] D. Stvlicone 



44 



MATTI I HI PALMKRII 



|AA. 409-410| 



32 r 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



409 
410 



411 



412 



413 



414 



415 



416 



IV 
V 



VI 



VII 



Vili 



I 'UH 



A' 



XI 




Vandali et Alani, traiecto Rheno, Gallias 



ingressi. 



Constanlinus ex infima militia ob solam 
speciem nominis in Brittannia tyrannus eflì- 
citur et ad Gallias transit. 

Iohannes cognomento Chrisostomus, con- 
stantinopolitanus episcopus, moritnr. 

Alaricus, post Radagasum Gothorum dux, 
concedente Honorio, ad eas Galliae partes, 
quibus Vandali Alaniqne imminebant, supra 
ducenta Gothorum milia ducere contendens, 
cum ad Pollentiam urbem devenisset, impro- 
viso impetu et contra fidem ab Honorianis 
invadi tur; maximaque utriusque partis strage 
victores tandem Gothi, obmisso in Galliam 
itinere, ira et Victoria tumentes per Italiani 
ruunt. 

Archadius imperator Constantinopoli mo- 
ritnr, 

Stilico, renovato esercita, Gothis oppo- 
nitur. 



Vandali Hispanias occuparunt. 

Stilico cum Eucherio, filio suo, ob suspi- 
tionem affectati regni Honorii iussu interri- 
ci tur. 

Attalus Romae imperator factus, qui mox 
privatus regno Gothis cessit. 

Roma, orbis quondam victrix, a Gothis, 
Alarico duce, capta et inextimabilis praeda ex 
urbe est exacta. 

Constantinus per Honorii duces apud Ale- 
ratense opidum capitur, Constante eius filio in 
Hispania iam interfecto. 

Alaricus, Gothorum rex, apud Cosentiam 
mori tur et eius cadaver, derivato Rasento amno, 
in medio alveo reconditur. 

Gothi, Athaulpho sibi rege constituto, de- 
predata iterum Roma, in Gallias abiere. 

Burgundiones partem Galliae Rheno vi- 
cinam ottinent. 

Pelagius brito dogma nominis sui contra 
gratiam Christi erigit et multos in suum erro- 
rem trahit. 



XIIII 



XV 



XVI 



XVII 



XVIII 



XVI III 



XX 



XXI 



XI 



XII 



xnr 



In Or. Vili 

T II E O D O- 

SIUS IUNIOR 

Ar eh ad i i 
filius, na. 

Xi-I. 

I 



li 



ITI 



UH 



V 



10 



15 



20 



•. v/cv 



25 



30 



35 



40 



45 



4. Brittannia] A. D. Britannia — S. Radagasum] in D. precede Radarigum espunto — ti. milia] D. millia — 
12. devenisset] In desinenza in M. su Hlur« di ent — 14. invaditur] su liturain AI. ed A. — 15. obmisso] D. omisso 
— 35. opidum] A. D. oppidum — 3S. amne] A. su li/urei — 43. ottinent] D. obtinent 





[AA. 41G 


-421J 


LII3ER DE TEMPORIBUS 






45 




AA. Sai. 

chri- 

stianae 


Pontificum 


Romani, qui Britannos tuebantur, cum 


Imperatorum 


AA. M. 




















eam insulam relinquere et ad defendendain 














ItaHam' redire cogerentur, a mari ad mare, 














ubi Severus valium fecerat, murura construere 








5 






curarunt. Veruni, non multo post Romano- 
rum recessionem, deserto a defensoribus muro, 
universa provincia crudeli more a barbaris 










417 


XII 


depredatur. 

Actalus Gothorum fretus praesidio impe- 


XXII 


VI 




10 






rium sumit in Gallis et sequenti anno a Go- 
this neglectus capitur et Constantio patritio 
off er tur. 










418 


XIII 


Athaulphus, suorum dolo vulneratus, in- 
teriit. 


XXIII 


VII 




15 






Segericus, Gothorum rex creatus, a suis 
mox interiìcitur. 

Vallia post Segericum Gothorum regnum 
invadit. 










410 


XIIII 


Vallia, pacem Ilonorii expetens, Placidiam, 


XXIIII 


Vili 




20 






Theodosii imperatoris filiam, quam Romae 
Gothi ceperant quamque Athaulphus coniugem 
habuerat, reddit eiusque nuptias Constantius 








25 


420 


Poni. XL. - Zo- 

SIMUS, «'. I 

min. vini. 
1 


promeretur. 

Honorius Romam triumphans ingreditur, 
praeeunte currum eius Actalo, quem mox in 
exilium ire lussi t. 


XXV 


Villi 






421 


II 


Concilio apud Cartaginem habito episco- 
porum ccxiiii, cuius decreta ad papam Zosi- 


XXVI 


X 




30 






mum sunt praelata, quibus probatis per totum 
mundum heresis pelagiana damnatur. 

Valentianus, Constantii et Placidiae filius, 
nascitur. 

Zenobius, Florentinorum episcopus, mori- 








35 


422 


l J oiil.XLr.-ìio- 
kikatius, aa, 
in, min. vili. 

dd. VI. 

/ 


tur vili Kalendas iunii aetatis suae anno xc. 

Constantius pacem fìrmat cum Vallia, data 
ei ad habitandum Aquitania et quibusdam ci- 


XXVII 


XI 


vdcxx 


40 






vitatibus contìnium provinciarum. 










423 


II 


Constantius ab Honorio in consortium re- 
gni assumitur et sequenti anno moritur. 

Hieronimus presbiter moritur aetatis suae 
anno xci priclie Kalendas ottobris. 


XXVIII 


XII 




45 


434 


III 




XXVIIII 


XIII 





<:. 32 v 



e 33 r 



19. PlacicL'amJ in A. segue un i espunto — 25. triumphans] D. tryuniphans — 28. Cartaginem] A. D. Car- 
thaginem — 43. Hieronimus] D. llieronymus - aetatlsj A. etatis — 44. ottobi-is] D. octobris 



46 



MATTI Itti PALMERII 



|AA. 425-432] 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 




125 



426 



427 



423 



//// 



Pont. XLII. - 
t BLBS Un l Si 
an. \ III. mm. 
\, dd. xvii. 



e. 33 v 



429 



430 



431 



432 



// 



/// 



//// 

V 
VI 



VII 



Exercitus ad Hispanias contra Vandalos 
mittitur. 

Bellum adversus Persas gestum, in quo 
Romani vicerunt. 

Placidia Augusta a frate Honorio pulsa 
ad Orientem cum Honoria et Valentiniano 
filiis proficiscitur. 



Langobardorum n regnavi t Lamisus, me- 
retricis filius, annis tribus. 

Honorius imperator moritur et regnum 
suum Iohannes occupat, Castino, ut putatur, iu- 
bente, qui exercitui praeerat. 



Theodosius Valentinianum, amitae suae 
filium, Caesarem facit et cum Augusta matre 
ad recipiendum occidentale mittit imperium. 

Placidia Augusta et Valentinianus, eius 
filius, Caesar mira felicitate Iohannem tyran- 
num opprimunt et regnum recipiunt. 

Castinus in exilium est actus, eo quod 
Iohanni favisset. 

Valentinianus decreto Theodosii Aucmstus 
est appellatus. 

Titus, diaconus Romae, pecuniam paupe- 
ribus distribuens interficitur. 

Langobardorumin regnavitLaba annis xl. 

Gens Vandalorum ab Hispaniis in Africani 
transit. 

Nestorius, constantinopolitanus episcopus, 
nefandum errorem in Ecclesiam Dei sullevare 
conatur predicans Christum ex Maria homi- 
nem tantum natum et divinitatem ob merita 
esse assecutum, cuius impietati Quirilli, ale- 
xandrini episcopi, et Caelestini papae repu- 
gnat auctoritas. 

Partem Galliarum propinquam Rheno 
Aetius comes armis recepit. 

Caelestinus Germanum, aut isidorensem 
episcopum, mittit, ut Brittannos pelagiana pra- 
vitate corruptos ad catholicam fidem redigat. 




XXX 



XXXI 



Imp.XL VII 

VA LÌ.NTI- 
NIANUS IU- 
NIOR cum 
matre Au- 
gusta, ai. 
XXX. 

I 



II 



III 

un 
v 



vi 



xinr 



XV 



XVI 



XVII' 



XVJH 

xvi ir t 
xx 



xxi 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



10 



vdcxxx 



18. amitae] M. amite — 34. Ecclesiam] il primo e aggiunto in ÀI. ci A. — 37. Quirilli] D. Cyrilli col C y su 
litura — 41. Aetius] A. Etius — 43. ut] A. su Unirà 



|AA. 433-443| 



L1BER DE TEMPORIBUS 



47 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



433 



434 



10 



435 



15 



435 

437 
438 



20 



25 



439 



440 



SU 



441 
442 



40 



443 



Vili 



Villi 



X 



Pout. XLin. - 

Si ì i i S ili, .;.;. 
Vili. 



/ 



// 



/// 



//// 



V 



VI 



VII 



Vili 



Augustinus, hipponensis episcopus, vir di- 
vina et humana eruditione excellentissimus, 
moritur v kalendas septembris in ipso dierum 
suorum line libris Iuliani respondens et gloriose 
in defensionem christianae gratiae perseverar. s. 

Apud Ephesum sinodus est congregata, 
in qua Nestoriani et Pelagiani damnantur. 

Ad Scotos in Christum credentes primus 
episcopus a Celestino missus est Palladius. 

Bonifatius ab Africa in Italiani navigans 
et magister militum factus Aetium praelio su- 
peravit et paucos post dies morbo periit. 



Iohannes monacus cognomento Cassianus 
Massiliae insignis et facundus scriptor habetur. 

Incendium Constantinopoli non parvam 
partem urbis absurapsit. 

Pax facta cum Vandalis, concessa eis ad 
habitandum Africae provinciae parte iuxta 
Ilipponem. 

Gundicarium, Burgundionum regem, cum 
populo ac stirpe sua Hunni deleverunt. 

Gothi pacem turbant et pleraque oppida 
suis sedibus vicina occupant. 

Bellum adversus Gothos, Hunnis auxilian- 
tibus, geritur. 

Gensericus, Vandalorum rex, nolens Ar- 
rianorum impietatem extollere variis terroribus 
episcopos nostros persequitur. 

Valentinianus Augustus Constantinopolim 
prorlciscitur et Theodosii filiam uxorem ac- 
cipit. 

Adversus Gothos in Gallia quaedam pro- 
spere gesta. 

Pugna anceps et lacrimabilis in Gallia cum 
Gothis, post quam facta est pax humilius quam 
unquam antea ipsi deposcentes. 

Carthago a Vandalis, Genserico rege, capta 
et hostili more usque ad sacra loca depreda- 
ta anno postquam Romanorum esse ceperat 

DLXXXIIII. 

Gensericus Siciliam graviter affligens ti- 
more Sebastiani, qui ab Hispania in Africam 
cum exercitu transierat, Carthaginem rediit. 




VII 



Vili 



I un 



X 



XI 



XII 



XIII 



XIIII 



XV 

XVI 



X VII 



XXI] 



XXIII 



XXIflI 



xxv 

XXVI 
XXVII 



XXVIII 



xx vini 



XXX 



XXXI 



XXXII 



e. 34 r 



■e desi 



C 34 » 



i. episcopus] ripetuto du volte in J/. ; il primo, espunto, era di carattere diverso su uh bianco lasciato dal copista 
— 6. sinodus] D. synodus — 7. Nestoriani] D. Nesthoriani — 9. a Celestino] aggiunta interlineare in A. — 17. ab- 
sumpsit] D. A. assumpsit — 23. oppida] A. opida — 33. Gallia] in M. il secondo 1 aggiunto — 36. humilius] D. omm. 



48 



MATTI IEI PALMERU 



|AA. 444-451] 



AA. Sai. 

chri- 
stiauae 



Pontificum 



444 



•115 



446 



'"• 35 r 



447 
448 



Pont. XLinr. - 
Leo, ,u. xxi 

min. II. 

/ 



// 



/// 



449 



450 



451 



IIII 
V 



VI 



VII 



Vili 



Theodosius bellum contra Vandalos mo- 
vet magna classe suos duces in Africani di- 
rigens qui, longis cunctationibus negotium dif- 
ferentes, Siciliae potius oneri quam Africae 
praesidio fuerunt. 

Hunnis Traciam Illiricumque vastantibus, 
exercitus qui in Sicilia morabatur ad defen- 
sionem orientalium partium revertitur. 

Pax a Valentiniano cum Genserico con- 
hrmatur et certis spatiis Africa inter utrum- 
que dividitur, 

Gensericus praecipuos suae gentis viros, 
partim ob conspirationem in se factam, par- 
tim ob suspitionem, crudelibus suppliciisexcru- 
cians, plus virium quam si bellum superaretur 
amisit. 

Manichieorum quam plurimi sectatores 
Leonis pontificis diligentia proditi sunt et, eo- 
rum codicibus publice conbustis, damnati. 

Terremoti! Roma concussa, primae non- 
nullae aedes conciderunt. 

Atthila, rex Hunnorum, Bablam fratem 
suum interimit et suo regno potitur. 

Euticiana heresis Constantinopoli exoritur, 
auctore Eutice presbitero, qui a Faviano, con- 
stantinopolitano episcopo, damnatus est. Ob 
quam damnationem, annuente Theodosio im- 
peratore, sinodus apud Ephesum indicitur, 
in qua, Dioscoro alexandrino episcopo pre- 
sidente, Eutices restituitur, Favianus vero dam- 
natur. 

Romani Gothis iuncti atrocissimum bel- 
lum cum Hunnis commiserunt in Galliis, in 
quo, superatis Hunnis, super clx ceduntur. 
Theodoricus quoque, Gothorum rex, in eo prae- 
lio occiditur, post quem Theodorismus in re- 
gnum suscipitur. 

Atthila, Hunnorum rex, in Pannoniis re- 
parato exercitu, Italiam invadit et Aquilegiam 
obsidet. 

Galli Brittanniam hostiliter ingressi igne 
et ferro omnia devastantes subegerunt. 




XVIII 



XVI ni 



xx 



xxi 



XXII 



XXXI li 



xxxnu 



XXXV 



XXXVI 
XXXVII 



10 



15 



20 



XXIII 



XXIIII 



XXV 



XXXVIII 



XXXVIII] 



XL 



25 



30 



35 



40 



il. spatiis] D. spaciis — io. superaretur] su liti.ra in A. — iS. Manichieorum] l'ultimo i aggiunti in M. - 
sectatores] D. settatores — 23. Atthila] A. Attila: lo stesso A in mar glie ha l'annotazione dì mano moderna: 
sin qui non è stampato — 27. damnatus] A. dannatus — 29. damnationem] A. dannationem - annuente] 
/). amnuentc — 30. sinodus] D. synodus — 31-32. damnatur] A. dannatur — 36-37. praelio] A. prelio — 39. At- 
thila] A. Attila 



[AA. 452-456] 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



452 



Villi 



5 453 



1(1 



15 



20 454 



25 



30 4f 



456 



05 



40 



X 



XI 



XII 



XIII 



LIBER DE TEMPORIBUS 



Theodosius iunior Constantinopoli mo- 



ritur. 



Terremotus assidui, cometae et signa va- 
ria apparucrunt in caelo. 

Atthila, post lontani obsidionem capta 
Aquilegia, Vicentiam, Veronam, Mediolanum 
atque' Ticinium pari terrore pervadit et multa 
opidanorum cede diripit. 

Exanimata itaque terribilissimo hoste pro- 
vincia et confugientibus undique ex convici- 
nis urbibus populis et per proximam paludem 
consistere atque latere conantibus in extrema 
pene Adriatici sinus ora, ubi intra paludem 
campus assurgebat, plurimi convenerunt, ibi- 
que esiccato quotidie de industria solo man- 
siones muniere, quas a communi provinciae, 
unde convenerant, vocabulo Venetias dixere. 

Sinodus chalchidonensis congregata epi- 
scoporum dc, in qua Eutices et Dioscorus, 
alexandrinus episcopus, damnantur, et omnia, 
quae in epliesina sinodo lirmarant, in irritum 
deducuntur. 

Atthilam post miserabilem Venetiae cla- 
dem a Leone pontiiice exoratum et ad sua 
regna reversum rursusque Italiani pervadere 
iactantem sanguis e nari bus fluens repente 
necavit. 

Etius patritius, vir bellicosissimus et At- 
thilae quondam terrori, suorum invidia accu- 
satus Valentiniani iussu intertìcitur. 

Valentinianus a suisRomae est interfectus. 

Maximus imperium occupat et Eudoxiam, 
Valentiniani quondam uxorem, per violentas 
nuptias sibi coniungit, ob quam causam Van'- 
dali ab Eudoxia provocati sub Gensirico re- 
ge Cartilagine Italiani advecti Romam intra- 
runt et dilaniatum Maximi corpus in Tybe- 
rim proiecerunt lxxvii die postquam regnum 
invaserat. Omniaque hostili more deinde de- 
predantes cum ingenti captivorum numero et 
cum Eudoxia, imperatoris uxore, in Africani 
remearunt. 



Imperatorum 



19 

AA. M. 



XXVI 



XXVII 



XXVIII 



XX] '//// 



XXX 



XL] 

1 ii Oriente 

I7///MAU- 
i ■ \\js, aa. 

\ n. 



II 



III 



JIII 



vdcl 



<■. 3.i ■>• 



r. sor 



2. Marcianus] D. Martianus — 6. Atthila] in A. l'h aggiunto — S. Ticinium] I). Tycinium — 21. damnanturl 
A. dannantur — 22. sinodo| D. synodo — 24. Atthilam] M. Attilam — 37-38. intrarunt| P ultima sillaha sit Zittirà 
in M. — 43. Africam] IK Affricam 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 — 4. 



50 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 457-469] 



e 30 v 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 


Gothi ingenti exercitu Hispaniam ingressi. 

Paulinus nolanae urbis episcopus piissi- 

raus habetur, qui, postquam sua bona in redi- 


Imperatorum 


AA. M. 


457 
458 
459 


XIIII 

XV 
XVI 


Imp.XLVIU 
- Maiora- 
n us apnd 
Ravennam 
re glia vii 
aa. UH. 

/ 
// 

/// 


V 

VI 

VII 




460 


XVII 


mendis captivis consumpserat, se se barbaris 
prò recuperando viduae filium in servitutem 
dedit. 

Maioranus occiditur. 


III/ 


In Oriente X 
Leo, aa. 

XVI. 




461 


XVIII 


Achiephalorum heresis sullevatur chalchi- 
donense impugnans concilium. 


R a ve una e 
ty r a illu- 
devi ttsur- 
favit Se- 
verus aa. 
ira. 


II 




462 
463 


XVIIII 
XX 


Biorgius, Alanorum rex, infesto exercitu 
Italiani ingreditur et non Ionge a Pergamo 


II 
III 


III 

mi 


vdclx 


464 


XXI 


superatus occiditur. 

Severus Romae diem obiit. 


un 


V 




465 


l'uni. I.XV. - 
IlarIUS, aa. 
VI. min. III. 
dd. x. 

I 


Servandus, Gallorum praefectus, regnum 
invadere tentans Anthemnii iussu in exilium 
agi tur. 


Anth e m - 
Nius Ro- 
mae regna- 
vitaa.im,' 

I 


VI 




466 


II 


Patritius romanus imperio inhians iubente 
Anthemnio capite truncatur. 

Genserico iterum in Italiani cum exercitu 
navigante, Basiliscus patritius illum navali 


II 


VII 




467 


III 


praelio superavit et redire Cartaginem com- 
pulit. 

Aspar patritius filium suum in Oriente 
Caesarem fecit; contra quem Leo, revocato e 
Sicilia victore exercitu, illum cum universa 
domo sua delevit. 


III 


VIII 




168 


un 


Anthemnius a Recimere patritio genero 
suo occiditur; ipse vero Recimer tres menses 


ini 


Villi 




469 


V 


post moritur. 

Olibius Placidiam, Valentiniani filiam, 
uxorem accipit. 

Olibius Gundivarium nepotem suum pa- 
tritium facit et paulo post diem obiit. 


Oliuius re- 
mila vii vivi. 
VII. 

/ 


X 





1(1 



15 



IO 



Jo 



50 



35 



40 



45 



16. Achiephalorum] D. Alchiephalorum — 16-17. Achiephalorum.... concilium] in M. su fitura; era sialo 
scrino fer errore l'avvenimento <irl 463 — 41. Olibius] M. Olvbius — 45. paulo] A. panilo- in M. P \x su Mura 



[A A. 469-4701 



L1BER DE TEMPORIBUS 



51 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 




•170 



10 



15 



20 



471 



.25 



30 



oo 



40 476 



VI 



Pont. XL VI. - 
SnirL icius, 
aa. xv. 



472 


ri 


473 


III 


474 


ini 


475 


V 



VI 



Langobardorum un rcgnat llildchoc, La- 
bae filius, annis un. 



Licerius a Nepotc patritio regno expul- 
sus in Dalmatiam proliciscitur et Salonensium 
episcopus ordinatur. 



Nepos patritius, intercedente Epifanio ti- 
ciniensi episcopo, cnm Enrico, Visigotorum 
rege, fedus facit. 

Nepos patritius, Nepotiani lilius, lvi sui 
regni die ab Horeste patritio privatur et Au- 
gustulus eiusdem Horestis filius in eius locum 
assumitur. 



Horestes patritius cum Genserico, Van- 
dalorum rege, fedus init. 

OdeacerTurcilongorum et Helurorum raa- 
ximis copiis Italiani ingreditur et Horestem 
patritium apud Ticinium superatum interficit, 
post cuius mortem Augustulus sponte purpu- 
ram deposuit et in privatum se modum recepit. 

Odeacer Italiani occupat et xini annos 
possi det, in quibus sibi et suis tertiam agro- 
rum partem divisit. 



Langobardorum v Godehoc annis xn. 

Leo moriens Leonem ex iìlia nepotem 
imperatorem reliquit, qui non multo post na- 
turae concedens patri suo Zenoni imperium 
concessit. 



Odeacer Filectheum, Rhugorum regem, in 
Germania superatum occidit et maxima praeda 



Imperatorum 



AA. M. 



LlCJtKXUS 

post O li- 
bi il m Ra- 
venna* ty- 
rannidivi 
invadit, a. 
I, mm, in. 



Neros /• a ■ 
tritius re- 
gntim i n- 
vadit, dd. 

un. 



>\ UG USTI/' 

lus in Oc- 
cidente ul- 
tima* r e - 
gitavi t, a. i, 



I M PBR 1U.M 
OCCIDliN- 
TALIS Dk 
FECIT, AA. 
CCCXXX. 

I 

2 

3 
4 



S 



XI 



XII 



XIII 
XIIII 
XV 
XVI 



In U rie n le 

XI Zi. .no, 
aa. xvil. 



>■. 37 i 



vdclmt 



e 37 V 



i. Langobardorum | A. Lanigobardorum — 11-12. ticiniensij D. tjciniensi — 13. fedus] A. D. faedus - 
20. patritius] AI. sic litura — 21. fedus] A. faedus — 23. Helurorum | A. Herulorum; D. Helurorum concilo in Hc- 
ruloruni — 24. Ticinium] 1). Tjcinium — 31. defecit] A. D. deficit — 33. Godehoc] D. Godeohoc 



52 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 476-491] 



-. ■ 



AA. Sai. 
chri- 


Pontilìcum 


stianae 




477 


VII 


478 


Vili 


479 


vini 


480 


X 


481 


XI 


482 


XII 


483 


XIII 


484 


XIIII 


485 


XV 




Pont. XL VII. - 
Felix II, mi. 
vini. 


486 


7 


487 


II 


488 


III 


489 


[[II 


490 


V 


491 


VI 



atque ingenti captivorum numero in Italiam 
revertìtur. 

Lanufobardi novarum sedium avidi Rhu- 
gorum regionem, eo quod fertilis et pene de- 
serta esset, sub Godehoc, eorum rege, occu- 
paverunt 

Velina Augusta socrus Zenonis per eius 
absentiam Basiliscum, fratrem suum, impera- 
torem appellavit, qui paulo post Marcum filium 
Caesarem fecit, sed rediens Zeno illos cum Ve- 
rina in Cappadociam expulit, ubi vitam liniere. 



Zeno imperator Theodoricum, Gothorum 
regem, iam antea apud se magno in honore 
habitum ad liberandum Italiani contra Odea- 
crem cum ingentibus copiis misit, a quibus 
Odeacris duces non procul Aquilegia super 
Sontium amnem post acerrimam pugnam pro- 
fligantur. 



Odeaccr plurimis praeliis a Gothis primo 
superatus et Ravennae triennio obsessus Theo- 
doricum tandem sotium dominationis recepit, 
a quo non multo post ad caenam invitatus 
occiditur. 

Theodoricus et Gothi, qui cum eo erant, 
contra imperatoris voluntatem sub diversos 
reges Italiam severiori dominio possederunt 
annis lxx. 

Langobardorum vi regnavit Daffon an- 
nis v. 

Fulgentius scientia et fide clarus habetur. 



Plurimi episcopi ab Arrianis in Africa exi- 
lio damnati in Sardiniam mittuntur. 

Langobardorum vii regnavit Tatus an- 
nis x. 

Theodoricus, ut sui regni vires stabiliret, 



Imperatorum 



AA M. 



7 


III 


S 


un 


9 


v 


IO 


\'[ 



>9 



JO 



II 


VII 


12 


Vili' 


'3 


vini 


J 4 


X 



15 


XI 


io 


XII 


n 


XIIJ 


iS 


XIIII 



XV 



XVI 



10 



15 



20 



"dcixxx 



25 



30 



35 



40 



iq. cluoes] /a sillaha du in AI. su litura — 27. sotium] A. sociutn 
rum — 44. stabiliret] A. stabilire 



34. Lancrob;irrìorum| M, Lamgobardo- 



|AA. 4<)1-L»10| 



LIBER de tkmi'orusus 



53 





AA. Sai. 














chri- 


Pontificum 




Imperatorum 


AA. M. 




stianae 




Audephledam, Francorum regis filiam, uxo- 


























rem duxit et principibus, qui cum eo erant, 














ex eadem stirpe uxores copulavit. 










492 


VII 


Zeno Constantinopoli vitam finit. 


21 


XVII 


vdclxc 


5 










In Ori e ìi te 












XII Ana- 














stasius, 














aa. XXVI. 






493 


vnr 


Tatus, Langobardorum rex, Herulos ad 
internitionem usque delevit, et Rodulphum 
eorum regem cepit atque interemit. 


22 


I 




10 


494 


vnrr 

Pont, xl vm. - 

GelasIus, aa. 
un, min. vini, 
JJ. XVI. 


Episcopi, qui in Africa catholicis prae- 
erant ec'clesiis a Trasimundo, Vandalorum re- 
ge, in Sardiniam iterimi relegantur. 


23 


II 




15 


495 


/ 




24 


III 






496 


II 


Manichei iterum Romae damnati et eo- 
rum codices publice conbusti. 


25 


ira 






497 


III 




26 


V 






498 


IIII 




27 


VI 




20 


499 


V 

Pont. XL Villi. 

- Anastasius 
II, aa. II. 




2S 


VII 




25 


500 


T 


Waccon Tatum patruum suum interimit et 
Langobardorum regnum invadit annis xvni; lue 
contra Gepidas bellum intulit et Suevos vicit. 

Hi otto Langobardorum reges ex eadem 
familia, quam Litiugos dicebant, fuerunt. 


29 


Vili 






501 


II 

Pont. L. - Si- 

MACUS.aa.XV, 
mm. vili. 




30 


Villi 






502 


I 


Discordiae in ecclesia ortae sunt, in qui- 


3i 


X 


vdec 


30 






bus pars sacerdotum Laurentium in pontifìcem 
elegit, cuius rei gratia Romani dividuntur et 
Ravennae corani Theodorico Consilio habito 
Simacus apostolica sede confìrmatur. 










503 


II 




32 


XI 




35 


504 


III 




33 


XII 






505 


IIII 




34 


XIII 






506 


V 




3S 


xml 






507 


VI 




36 


XV 






508 


VII 




37 


XVI 




40 


509 


Vili 




38 


XVII 






510 


vini 


Apud Cartaginem Olympium quondam 
episcopum arrianum in balneis sanctam trini- 
tatem blasphemantem tribus igneis iaculis an- 
gelo mittente visibiliter combustum ferunt. 


39 


XVIII 





C 31 v 



e sor 



16. Manichei] />. Manichici — 25. otto] D. odo — 28. Simacus] D. Symacus — 29. ecclesia] il primo e ag- 
giunto in A. — 30. in] A. omni. — 33. Simacus] D. Symacus - sede] in M, ripetuto ed espunto — 41. Cartaginem] 
£>. Carthaginem 



54 



MATTI IKi PALMKKI1 



AA. 511-527] 



e. 30 v 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 


511 


X 


512 


XI 


513 


XII 


514 


XIII 


515 


XIIII 



516 
517 

518 



510 
520 



521 



522 



523 

524 

525 



526 



527 



XV 

XVI 
Poni.LI.-Hov.- 

MISDA, a a. 
villi. 



// 
/// 



//// 



v 



vi 

VII 
Vili 



Villi 

Pont. LIT. - Io- 
HANNKS , aa. 
li, min. x. 

/ 





Imperatorum 


AA. M. 




* 


XV1III 






■/' 


XX 


vdCC v 


Boetius senatorius vir ob suspitionem af- 


42 


XXI 




fectatae libertatis a Theodorico exilio damna- 








tus moxque carcere trusus plura conscribit. 










•13 


XXII 




Theodoricus, qui in Italia dominabatur, 


44 


XXIII 




per haec tempora Siciliani cum adiacentibus 








insulis suo regno adiecit et Dalmatiam quoque 








sibi subditam fecit. 










45 


XXIIII 






4 6 


XXV 




Langobardorum vini Valtarius, Wacco- 


47 


XXVI 




nis ex filia nepos, regnavit annis vii. 
Anastasius fulmine ictus interiit. 




In Oriente 
XIII Iu- 

ST I N U S 

maior, aa. 
vini. 






4& 


I 




Vandalis post Trasimundum regnavit Hil- 


49 


II 




deri'cus eius filius ex Valentiniani imperatoris 








captiva filia genitus. 








Boetius iam pridem exilio revocatus et 


5o 


III 




praetorio praefectus Theodorici iussu simul 








cum Simaco senatore et cum aliis praestan- 








tibus viris interficitur. 








Theodoricus, Gothorum rex, qui in Italia 


Si 


un 


vtfcxx 


dominabatur Ravennae vitam finit. 








Athalaricus puer, Theodorici ex filia ne- 








pos, cum Amalasuentha matre in regno suc- 








cessit annis x. 










52 


V 




Brigida virgo poenitentia clara in Scotia 


53 


VI 




moritur. 








Antiochenae civitatis pars maxima terre- 


54 


VII 




motu corruit. 








Langobardorum x Audoinus annis xvnn. 








Hic fuit qui Gepidas vicit et Langobardos in 








Pannoniam duxit. 










55 


VIII 




Iustinus admodum senex, Iustiniano so- 


56 


Villi 




roris suae filio imperatore constituto, naturae 








concessit. 









10 



15 



20 



25 



35 



40 



4-5. daninntus] M. A. dannatus — 5. conscribit] A. transcribit — 25. Simaco] D. Symaco — 27. 'J'iioodoricus] 
A. Theodoricus — 30. Amalassuentha] D. Amalasuenta — 33. Brigida] D. Brisida — 36-37. terremotu] D. terraemotu 



|AA. 528-537 

AÀ. Sai 

chri- Pontificum 
stianae 



LIBER DE TEMPORIBUS 



55 



528 
520 



530 



10 



15 



531 



532 



20 



25 



30 



533 



534 



535 



536 



537 



35 



40 



// 
/// 



Pont. LUI. - 

Hit, vini. 1 1, 
dd. xiii. 



// 



/// 



IIII 



Pont. LIIII. - 

BON IP ATI US 

II, aa. il. 
I 



II 



Pont. L V. - 

IO ANN ES II, 

aa. il, mm, mi. 



TF 



Iohannes pontifex Ravennae carcere ma- 
ceralus interiit. 



Belisarius patritius de Persis triumphat 
Iu'stiniano imperatore iubente. 

Langobardi Pannoniam ingressi eam pro- 
vinciam habitarunt annis xlii. 

Iustinianus sparsas multis voluminibus an- 
tiquas Romanorum leges per haec tempora 
colligit et ad utilitatem renovatas sancit. 

Athalaricus, Gothorum rex, obiit aetatis 
anno xvin. Post quem Amalasuentha mater 
eius Theodatum consobrinum suum regni so- 
cium assumit, qui mox ut solus regnaret eam 
necare fecit et regnum tenuit annis v. 

Belisarius a Iustiniano in Africam cum 
exercitu missus Vandalorum gentem delevit. 



Benedictus monasterii Montis Casini abbas 
et regulator summa vitae continentia laudatur. 

Priscianus caesariensis, celeberrimi no- 
minis grammaticus, claret. 

Maurus beati Benedicti discipulus in Gal- 
lia ob vitae continentiam veneratur. 

Iustinianus per Mundum, sui exercitus 
ducem, Dalmatiam invadit et Salonas capit 
Gothosque praelio vincit, in qua Victoria Mun- 
dus ipse una cum filio occiditur. 

Ioannes Anthennium episcopum arria- 
num damnat. 

Belisarius, ad liberandam Italiani missus, 
Neapolim capit. 

Gothi, propter reginae mortem Theodato 
regi infensi ac nuper Belisarii Victoria con- 
turbati, seditioni militari Vutigidem sibi re- 
gem creavere, qui mox ut solus regnaret Theo- 
datum occidit et reginae rlliam uxorem ac re- 
gni sociam Ravennae assumit regnavitque an- 
nis quinque. 




57 

SS 



59 



6o 



6/ 



63 



64 



à5 



66 



In Or i e n te 
XI III Iu- 
stinianus, 
a, xxxvin, 

I 

ir 



in 



un 



v 



vi 



vrr 



vi ir 



vini 



X 



e. 40 r 



vdccftxv 



e. 40V 



S. triumphat] D. tryumphat — 13. tempora] M. su litura 
diversa — 36-37. Italiani.... Neapolim] in M, su litura 
in M. e A. 



29. ob.... veneratur] in M. su litura di mano 
40. Vutigidem] la desinenza su litura di mano diversa 



56 

AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



538 



530 



540 



e. 41 r 



541 



542 



Pont, L VI. 
A'.APITUS, a 



Poni. /, VII. - 
LlDERIUS II, 

ii i. i, trini, Ili, 

ad. xi. 

/ 



Pont. LVIII. - 

Vigilius, aa, 
XVII, min. VII. 

/ 



// 



/// 



543 



544 



un 



v 



MATTI Ila 1ALMKK11 



Vutigis cura Francis amicitiam contrahit. 

Belisarius Romam volente populo cum 
exercilu ingressus varia belli fortuna cum Vu- 
tigide saepe conflixit, adeo ut etiam ab eo 
Romae interdirai obsideretur enixius. 

Agapitus Constantinopolim ad Iustinia- 
num profectus interiit. 



Fames per Italiana adeo ingens, ut mem- 
bra humana comederentur, sicut scribit Da- 
tius Mediolanensium praesul. 

Mediolanenses ad Belisarium defecerunt. 

Liberius, quia Anthennium restituere no- 
luit, vel, ut alii scribunt, quia cum Gothis 
sentiret, exilio damnatus in Ponto periit. 

Theudebertus Francorum rex decem Bur- 
gundiorum milia in auxilium Gothorum misit.' 

Mediolanum a Gothis receptum ac pene 
subversum est, in qua vastitate supra triginta 
Mediolanensium civium milia interfecta fuisse 
traduntur. 

Theudebertus Francorum rex cum lxxx 
hominum milibus in Italiani transit et in Ci- 
teriori Gallia Gothorum ac Belisarii copias 
improviso impetu dissipat, mox cum pabuli 
penuria in varios langores continuo inciderent 
per eandem viam trans Alpes rediere. 

Belisarius Vutigidem apud Ravennani ca- 
pit et cum uxore et praecipuis Gothorum proce- 
ribus Constantinopolim ad Iustinianum adducit. 

Constantinopoli multos hominum pestis 
assumpsit. 

Gothi qui per Italiani remanserant absen- 
te Belisario in unum conveniunt et Udebadum 
primo, mox Aerarium vel ut alii scribunt Atha- 
ricum, iisque per seditionem infra biennium 
interfectis, Totilam sibi regem creaverunt. 

Florentia a Gothis obsessa, subsidio co- 
piarum quas Iustiniani duces Ravenna dedu- 
xerunt, liberatur. 



|AA. 538-5441 



Imperatorum 



AA. M. 



67 



OS 



69 



70 



7i 



73 



XI 



xi r 



XT.11 



XII 11 



XV 



XVI 



XVII 



10 



15 



20 



25 



30 



deal 



35 



40 



4-5. Vutigide] il de aggiunto dì mano diversa in M, ed A. — 13. Mediohinensium] ìa desinenza su litura in 
.1/. — 16. cum] A. ounn. — 18. Vigilius] A. Virgilius eolP r espunto — 31. Vutigideml la sillaba dem aggiunta di 
mano diversa in M. ed A. — 35. assumpsit] D. absumpsit — 3S. Aerarium] A. Erarium — 40. Totilam] D. Tothilam 



|AA. S44-5S8J 



LìI5I-;K DE TKMl'OKIBUS 



57 



AA. Sai 

chri- 

stianae 




IO 



15 



540 



20 



25 



30 



550 
551 

552 

553 

554 
555 



556 
557 



40 



558 



545 


VI 


546 


VII 


547 


Vili 


548 


vini 



XI 
XII 

XIII 

XIIII 

XV 

xv r 



XVII 
XVIII 



Pont. L Villi. - 
Pelagius,««. 

V. 



Langobardorum xi Albuinus, Audoini 
filius, annis xxxi. 

Totilas Neapolim capit. 

Belìsarius ad curam italici belli rursus a 
Iusti'niano deleclus in Italiani revertitur. 

Totilas Gothorum rex civitates Italiae 
multis cladibus direptionibusquc afllixit et ur- 
bem Romam infense ingressus eam diripuit in- 
cenditque et partem mnrorum evertit civesque 
varie iactavit et desolatam penitus ac sine ullo 
habitatore dereliquit, parique feritate Floren- 
tiae in Hetruria deseviit, quibus cladibus To- 
tilam flagellum Dei cognominatum accepimus. 

Herculanus, Perusinorum episcopus, ca- 
pitis abscissione a Gothis est interfectus. 

Mauros Africam infestantes per Iohannem 
praefectum suum Iustinianus compressit. 

Belìsarius Romam desertam occupat et 
incredibili celeritate munit. 

Beati Antonii monachi venerabile corpus 
divina revelatione repertum Alexandriam de- 
portatur. 

Belìsarius a Iustiniano ex Italia revocatus 
in Graeciam rediit. 

Totilas Romam recipit et eam reparare 
ac revocare cives studet. 

Contra Theodori vesaniam Constantino- 
poli' sinodus congregatur. 

Narses eunuchus a Iustiniano cum exer- 
citu in Italiani missus Totilam primum ac 
deinde Theiam, Gothorum reges, superat atque 
interimit et omnes Gothos Italia pellit eamque 
possidet annis xvn. 

Vigilius ob eandem, qua et praecessor suus, 
causam Constantinopolim primum ductus ac 
inde in exilium actus vitam finit. 

Iustinianus insigni magni tic entia templum 
aedifìcare Constantinopoli orsus est, quod grae- 
co vocabulo 'Ayuvjv awcp'jy^v nominavit. 




74 


xvin 


75 


xvnir 


7à 


XX 


77 


xx r 



7S 



79 

8o 

Si 
82 

ss 

84 



8S 
S6 



87 



XXII 



XXUI 

xxnn 

XXV 
XXVI 

xxvn 

XXVIII 



... 41 • 



XXVIIII 
XXX 



XXXI 



vdccl 



e. 4 ir 



3. Totilas] D. Tothilas — 13. deseviit] viit .-•« lìtura in A. — 33. eunuchus] D. heunucluis — 38"39- Vi- 
gilius.... causam] replicato ed espunto in D. — 44. 'ayuijv ao^ovjv] Così M. ed A\ D. omm. 



58 



MATTHK1 PALMER1J 



LAA. 559-573J 



AA. Sai, 

chri- 
stianae 



Pontificum 



559 



560 



561 


UH 


562 


V 




Pont. LX. - Io 




1IANNI-S III 




<m. XIII. 



e. 4»v 



563 



564 
565 



566 

567 
568 
569 



57(1 



C. 4 3 r 



571 

572 



// 



/// 



II 
ITI 



IIII 

V 

VI 

VII 



VII! 



573 



VIIIT 
X 



XI 



Cassiodorus monachus seculari divinaque 
scientia eruditus clarus habetur. 

Arator romanae ecclesiae subdiaconus 
Actus Apostolorum exametris versibus decan- 
tavit. 



Bucillinus, Gallorum dux, per Italiani in- 
festo vagans exercitu non longe a Tarento a 
Narsete superatus opprimitur. 

Maurus Benedicti discipulus bona senec- 
tute in Gallia quievit. 

Pestis in qua miserabili strage Italiae po- 
puli ac praecipue Ligures consternuntur. 

Iustinianus amens et stultus iam pridem 
factus in egrotationem tandem incidens in- 
teriit. 



Claudianus episcopus vir in sacris eloquiis 
eruditissimus nominatur. 



Narses a Sophia, Iustini uxore, cuius fue- 
rat eunuchus, ad pensa per iniuriam revocatus 
ingrateque ab administratione Italiae a Iustino 
remotus, commotus iniuria Langobardos e Pan- 
noniis in Italiam provocavit et ad profectio- 
nem triennio fere sollecitare non destitit. 

Igneae acies in caelo per Italiam visae 
sanguinem emanantes ac deinde pluribus die- 
bus continuatis imbribus tanta aquae vi auctus 
est Tiber, ut magna strage populi humiliora 
loca Romae submergeret et similiter in qui- 
busdam aliis civitatibus et locis contigit. 

Lewigildus, Gothorum rex, rebellantes 
Hi'spaniae civitates regionesque subegit. 

Longobardi ingenti multitudine cum filiis 
et uxoribus et aliis barbaris nationibus sub 
Alburno eorum rege Italiani per Sirmium in- 
gressi eam possederunt annis ccnii. 

Narses moritur et eius cadaver Constan- 
tinopolim deportatur. 



Iraperatorum 



88 
89 

90 
9i 

92 



93 
94 



95 

96 

97 
9 S 



99 



100 



/01 



102 



AA. M. 



XXXII 

XXXTII 

XXXIIII 
XXXV 

XXXVI 



XXXVII 
XXXVIII 



Viicc/x 



10 



15 



/» Oriente 
XV Iusti- 

NUSIUNIOK 

aa. XI. 



II 

III 

un 



vi 



VII 



20 



25 



30 






35 



'<tkclXK 40 



Vili 



45 



1. monachus] D. monacus — 3. Ecclesiae] il primo e aggiunte in M. el A. — io. Tarento] i'c su lìlura in A. 
— 35. Tiber] D. Tyber — 36. submergeret] A. suinmergeret — 41. Albuino] in D. ^'u sormontato da un o 



AA. 574-585] 

Pontificum 



LIBKR DI] TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



574 
575 



10 



576 



15 



577 



20 



25 



30 



578 
579 



580 

581 
582 

583 



35 



40 



584 



585 



XII 
XIII 



l'ou/.LXI.-Mu- 
NttWCTUs, aa, 
mi. 

I 



II 



III 
un 

Pont. LXII. ■ 
Pelagius II 
aa. il. 






//// 



VI 



Armeni ildem Christi publice receperunt. 

Venetia Galìiaque omnis cis Alpes a Lan- 
gobardis antea est possessa praeter Papiam; 
quae cum per triennium obsidionem substi- 
nuisset, hoc tandem anno deditur. 

Albuinus rex ab Alpibus in Etruriam et 
usque Ravennam Italiani adeptus dolo uxoris 
Veronae interficitur. 

Langobardorum xn regnavit Daphon an- 
no i mensibus vii. 

Iustinus Tiberium fìlium adoptavit et Au- 
gustum appellavit, nec multo post amens ef- 
fectus et pedum dolore gravatus interiit. 



Tiberius christianae bonitatis vir fuit et 
adeo in pauperes benefìcus, ut imperii thesau- 
ros larga eis manu exhiberet. 

Daphon diem obiit, post quem decem an- 
nos' Langobardi sine rege fuere, in quibus per 
varios duces omnem fere Italiani subegere, 
praeter urbem Romam, quam in huius gentis 
potestatem nunquam devenisse constat. 



Gothi bifariam divisi multa caede va- 
stantur. 

Langobardi Alpes transgressi in Galliam 
ruunt et magna exacta praeda ac ingenti ca- 
ptivorum numero in Italiani revertuntur. 

Tiberius Mauritium, generum suum, im- 
peratorem facit parumque post moriens bona 
pace quievit. 



Gregorius vir ingenii dignitatisque gratia 
auctoritate magna praeditus plura prò Chri- 
stiana religione conscribit. 

Mauritius Armenos et Persas per prae- 
fectos debellat. 



Imperatorum 



103 

104 



r°5 



ino 



ioy 
joS 



zog 
no 

XII 

112 



If.i 



114 



59 



AA. M. 



vini 

X 



XI 



In O rie il tt 
X VI T i 

nimus 

n I. VII. 



I 



II 
III 

ini 

v 
vi 

vii 



In Or. XVII 
Mauri 
tius, aa 

XX. 

I 



II 



e . 43 v 



'dcclvxx 



8. Veronae] M. Verone — 12. Tiberium] D. Tyberium 
Tybcrius — 33. Tiberius] D. Tyberius 



15. Tiberius] D. Tyberius — 16. Tiberius] D. 



60 



MATTilKl PALMHRII 



|AA. 530-b00| 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



586 
587 



e ■/■/ - 



588 
589 



590 



591 
592 
593 



594 



595 



e. 44 v 



596 

597 



598 
599 
600 



VII 
Vili 



Villi 
X 



XI 

Pont. LXIII. ■ 
Gregor i u s 
aa. xiiii. 

/ 

II 

III 



TITl 



VI 



VII 



Vili 
Villi 

X 



Longobardi regem sibi praetìciunt Autha- 
rim, Daphonis fìlium, qui Flavius dictus est, 
a quo Flavii deinde eorum reges sunt cogno- 
minati. Fuit hic rex xnr et regnavit an- 
nis vi. 



Longobardi Romam obsidentes assiduis 
imbribus turbinumque tempestatibus deterriti 
obsidionem dissolvunt et tanta est aquarum 
vis subsecuta ut innumerabilis pene hominum 
pecudumque multitudo per Italiani ac maxime 
Romae perierit. 

Cadaverum, sicuti putatur, corruptione 
pestis subsecuta est, in qua Pelagius moritur. 



Gothi ad unionem catholicae ridei redierunt. 

Langobardorum xiiii regnavit Agilulphus 
annis xxv. 

Praecedente maxima siccitate lucustarum 
agmina innumerabili multitudine subsecuntur, 
quae, quidquid in arvis virescebat depascen- 
tes, ingentem perltaliam famem biennio fecere. 

Cometes per mensem in caelo est visus. 

Patritius romanus primus Italiae exarchus 
contra Langobardos a romano populo creatus 
est, qui magistratus apud eos antea non fuit. 

Agilulphus cum Cacano Hunnorum rege 
pacem rlrmat, illam ipso per legatos e Pan- 
nonia postulante. 

Patritius exarchus moritur, cui successit 
Gallicinus, qui paulo post cum Langobardis 
pacem fecit. 

Agilulphus cum Theoderico, Francorum 
rege, pacem firmat. 

Maumectus, qui postea tanquam magnus 
Dei propheta leges Saracenis dedit, in Arabia 
nascitur. 



Britannia ad Cliristi fidem Gregorio pro- 
curante convertitur. 



Imperatorum 



TTJf 
TIÓ 



117 
u8 



III 

ini 



v 
vi 



AA. M. 



10 



ug 


VII 


J20 


vm 


121 


vini 


122 


X 


r *3 


XI 


124 


XII 


* 2 5 


XIII 


J2Ò 


XIIII 


127 


XV 


J2S 


XVI 


r*9 


XVII 



15 



VllfifiVC 



20 



2j 



30 



35 



40 



13. Romae] Rome A. — 15. in qua. . . . moritur] in A. aggiunta di mano diversa — 19. Catholicae] A. Catholice — 
23. subsecuntur] D, subseqiuintur — 26. Cometes] la desinenza su litura in Jif. ed A. - visus] la desinenza su litura 
in M. ed A. — 31. per] su litura in A. — 31-32. Pannonia postulante] M. su litura — 43. Britannia] A. Brittannia 



[AA. 601-6101 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



601 
602 



5 



603 



10 



604 



15 



20 



605 



25 



606 



30 



607 



35 



40 



608 



609 
610 



XI 

x/r 



XIII 



XIIII 



Pont. XLII1I. - 
Sa V1NIANUS, 
uà. II. 

I 



TI 



Pont. LX V. - 
Boni fatius 

III. min. vili. 



Pont. LXVI. - 

Bu N IFAT I US 

I III, aa. vii. 

/ 






LIBER DE TEMPORIBUS 



Gallicinus, Italiae exarchus, Agilulphi re- 
gia tiliam cum viro suo nomine Godescalco 
apud Parmam capit illosque Ravennam ducit, 
ob quam causam bellum cum Langobardis re- 
sumitur. 

Mauritius cum propter avaritiam in odium 
suorum devenisset militari seditione una cum 
uxore et liberis suis interlìcitur et Pliocas ab 
exercitu imperator creatur. 

Agilulphus, Langobardorum rex, contra 
Romanos pluribus in locis prospere pugnat et 
Mantuam et Cremonam capit. 

Francorum reges Theudepertus, Theude- 
ricus et Lottharius inter se debellantes multis 
suorum milibus interfectis provinciis suis ma- 
ximo detrimento fuere. 

Frumenti et vini egestas pene per orbem 
ac in Italia maxime. 

Romani et Longobardi pacem lìrmant, in 
qua Agilulphi regis filia a Romanis olim capta 
redditur. 

Agilulphus lilium suum Adoloaldum re- 
gem fecit eique Theudeperti Francorum regi 
tiliam uxorem tradit et cum Francis in per- 
petuum pacem reintegrat. 

Franci contra Saxones pugnantes magna 
suorum strage superantur. 

Consentiente Phoca institutum fuit, ut 
ecclesia romana caput esset ecclesiarum om- 
nium, cum prius constanti nopolitana id usur- 
pare tentavisset. 

Apud Pei-sas gravissima praelia excitan- 
tur, in quibus Romani superati nonnullas pro- 
vincias amisere. 

Cacanus, Hunnorum rex, per Pannoniam 
atque Illiricum magno exercitu collecto Italiani 



61 



Imperatorum 



130 

131 



'jj 



■W 



135 



13Ò 



137 



'3* 
'39 



AA. M. 



XVIII 

XVIII [ 



XX 



TnOr.XVUl 
P rio cas, 
aa. vili. 

I 



. dea 



li 



III 



un 



v 



VI 

VII 



'". t ' 



17. milibus] D. millibus — 21. Savinianus] AI. Savianianus : il primo a espunto — 25. Adoloaldum] la sil- 
laba lo aggitmta diversa in M. ed A. — 29. Saxones] D. Xaxones — 33. ecclesia] il primo e aggiunto in M. - ec- 
clesiarum] il primo e aggiunto in .1/. 



62 



MATTHEI PALMKR1I 



fAA. 610-623] 



•-. *:> ■ 



. 46 r 



AA. Sai. 




chri- 


Pontificum 


stianae 




611 


//// 


612 


V 


613 


VI 


614 


VII 




Pont, LXVII. - 




Deus uedit, 




aa. in. 


615 


I 


616 


II 


617 


III 




Pont. LXVIII. 




• KONIFATIUS 




V, aa. v. 


618 


/ 


619 


II 


620 


III 


621 


un 


622 


V 




Pont. LXVII II. 




IIONOBIUS.<J</. 




XIII. 


623 


/ 


624 


II 



ingreditur et praefectos quosdam Langobar- 
dorum superat atque capit. 

Phocas ab Ileraclio patritio occiditur. 



Sisebutus apud Gothos regnare est orsus. 

Cosdra, Persarum rex, Iudeam Romanis 
adimit, et Hierosolimam inde depredatus cum 
innumerabili captivorum multitudine Zacha- 
riam quoque eiusdem civitatis patriarcham 
ducens et sacratissimum crucis lignum in quo 
salus mundi pependerat secum portans in Per- 
sas revertitur. 



Sisebutus, Gothorum rex, plurimas Hispa- 
niae civitates, quae ad Romanos defecerant, 
recepit et Iudeos qui in suo regno morabantur 
gravioribus penis ad fidem Christi convertit. 



Theudeperto, Francorum rege, per sedi- 
tionem interfecto, magna in ea provincia sub- 
se cuntur bella. 

Langobardorum xv regnavit Adoloaldus, 
Agilulphi fìlius, et cum eo Theuthelinda mater 
sua annis x. 



Maumectus magnum se aeterni Dei pro- 
phetam dicens, multos Asiae atque Africae 
populos conmovi t, quos nova religione imbuens 
Saracenos ex Dei praecepto vocari dicebat, 
a Sara scilicet legitima uxore Habrahae, quasi 
legitimos divinae promissionis successores. 

Heraclius, devictis Persis, Zachariam pa- 



Imperatorum 


AA. M. 


140 


VJII 

In Oriente 
XV I III 

UbRACLlUS 

cum Con- 

STANTIN O 
jiliosuO,aa. 
\XVII1I.' 




14.1 


I 




142 


II 




143 


III 


vdcccx 


144 


un 




145 


V 




14Ó 


VI 




147 


VI] 




148 


Vili 




149 


vini 




i5o 


X 




151 


XI 


vdcccxx ' 


15- 


XII 




iS3 


XIII 





lo 



15 



20 



25 



ò() 



40 



7. Sisebutus] A. Sisebuthus — io. llierosolimamj A. llierusolimani; in AI. il f rimo o su litura dì u — 
11-12. Zachariam] il srcondo a su litura in AI. -— 21. penis] A. D. paenis — 24. Theudeperto] in M. il secondo e 
su litura — 25-26. subsecuntur] D. subsecuntur — 36. Asiae] A. Asyae — 39. legitima] M. legittima col primo t 
espunto - Habrahae] in Al. /'h aggiunto 40. legitimos] Al. legittimos col primo t espunto — 41. Zachariam] il 
secondo a su litura in Al. 



[AA. 624-640| 



LIBER DE TEMPORIBUS 



63 



lo 



15 



21) 



25 



30 



35 



40 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 


Pontificum 


triarcham recepit et crucem dominicam Hie- 


Impcratorum 


AA. M. 
















rosolimam reduxit; ob cuius solemnitatis me- 












moriam exaltatio crucis coepta est celebrare 








625 


III 




'54 


XIIII 




626 


UH 


Hisidorus hispalensis eplscopus, vir scien- 
tia clarus, floret. 


'55 


XV 




627 


V 




'5à 


XVJ 




628 


VI 


Kellum grave cum Saracenis geritur in 
Iudea, in qua timens Heraclius crucem domi- 
nicam Constantinopolim transtulit. 

Adoloaldo a Langobardis eiecto regnum 
eorum accepit Ariovaldus rex xvi annis xu. 


'57 


xvir 




629 


VII 




'58 


xvm 




630 


Vili 




'59 


xvim 




631 


Villi 




ióo 


XX 




632 


X 




JÓI 


XXI 


V(fccc.x\i 


633 


XI 




IÓ2 


XXII 




634 


XII 




/6j 


XXIII 




635 


XIII 
Pont.LXX. -Si> 

VERINUS, aa. 
II, 




164 


X XIIII 




636 


I 




Ià5 


XXV 




637 


li 

funi. LXXI. - 
liO N IPATIUS, 
<ta. [Ili, 


Maumectus moritur, post quem eius prin- 
cipatum iniit Calipha, cui successit Achaly, 
quo expulso regnavit Haly, con tra quem, eo 
quod superstitiosus esset, novum Calipham 
Egyptii sibi ducem creavere, quod in hodier- 
num observatur diem. 

Hic Bonifatius a quibusdam scriptoribus 
inter pontifices non numeratur et ideo nomini 
numerum non facit. 


166 


XXVI 




638 


/ 




167 


XXVII 




639 


II 


Saraceni ab Heraclio rebellantes Hieru- 
salem diripiunt et Antiochiam capiunt. 


16S 


XXVIII 




640 


ni 


Arabes Hormisda, Persarum rege pulso, 
Persas possederunt. 

Sisebutus, Gothorum rex, reliquas Hispa- 
niae civitates Romanis substulit, a quo tem- 
pore in Hispania deficit Romanorum imperium. 

Langobardorum xvn regnavit Rotharius 
annis xvi mensibus ini, qui Ardano dogmati 
inhaerens, duos in suis civitatibus volebat epi- 
scopos, unum arrianum, alterum vero catho- 
licum. 


róg 


XXVIIII 





e. 4Ò V 



1-2. llierosolimam] M. A. Hiernsoliinam — 11. Langobardis | il frù/io a su liiura in M. 
A, D. et mensibus - dogmati] su lìtura in il/, le lettere gm 



41. mensibus] 



64 



MATTHEI PALMERII 



| AA. 640-653] 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 




<■• 47' 



641 



642 



643 
644 
645 



646 



47 r 



653 



654 



II1I 
Pouf. I.XXII. ■ 

Ioli ANNI.S UH 
a. I, min. II. 



Poni. LXXUI. - 
Tubo do ku s, 

<J(f. vi. 

/ 

II 

III 



mi 



647 


V 


648 


VI 




/'oh/. LXX1I1I. 
- Martin us 
aa, vi. 


649 


/ 


650 


II 


651 


III 


652 


mi 



VI 



Heraclius aqua intercuti, qui hydropcsis' 
graece dicitur obiit. 



Constantinus a Martina noverca sua vc- 
neno perimitur, post quem Martina ipsa cum 
I leracleona iilio suo regnimi invadit annis 
duobus. 



Ileracleonas in exilium mittitur una cum 
matre sua Martina et regnimi resumit Con- 
stans Constantini lleraclii filii filius. 



Defuncto Hisautio Italiae exarcho Con- 
stans in eius locum mittit Theodorum cogno- 
mento Callyopa. 

Rhotarius Langobardorum rex suarum le- 
gum codices scribere fecit, quos edictum ap- 
pellavit, a quo tempore supra sine scripta lege 
Langobardi fuerant. 

CD 

Saraceni maximam Africae parlcm oc- 
cupane 



Concilium Romae celebratili - episcoporum 
ce, in quo Paulus constantinopolitanus epi- 
scopus hereticus declaratus damnatur. 

Constans propter Pauli damnationem Mar- 
tino pontifici et Theodoro exarcho infensus 
Theodorum revocat et in eius locum contra 
Martinum Olympium mittit, qui cum in Sici- 
liani devenisset interiit. 

Martinus in exilium ob damnationem Pauli 
a Constante missus paulo post moritur. 



Imperatorum 


AA. M. 




In Or i e nte 

XX Con- 






STANTXNUS 

lleraclii fi- 
lius solus, 






min. mi. 






In Or ic n te 

A'AVJIkRA- 






CLliOSAS 

cum Morti- 






ti a m ut re 






Sun, uà. li. 




JJO 


I 




iji 


II 

In Oriente 
XXII Con- 


VtlcCCCXl 




stans, aa. 


\ 




XXVII. 




H2 


I 




H3 


II 




*74 


III 




nS 


IMI 




nò 


V 




m 


VI 




*78 


VII 




179 


Vili 




180 


Villi 




1S1 


X 


vdcccl 


1&2 


XI 




183 


XI] 





10 



15 



20 



25 






30 



35 



40 






45 



1. hydropcsis] A. hidropesis — 24. Callyopa] D. Calyopa — 30. Africae] A. Aline 
tura in .1/. ni A. - dannatili - ] A. damnatur — 45. paulo] vi/. A. su litura 



38. declaratus | su /i- 






|AA. 651-0701 



LI BER DE TEMPORIBUS 



65 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



10 





Pont, LXXV. 
Eugunius, aa 
III. 


655 


r 


656 


n 


657 


ni 




Pont. LXX VI. ■ 
Vi talianus 

aa. xv. 


658 


/ 


659 


// 


660 


III 


661 


nii 



062 



15 



20 



663 


VI 


25 664 


VII 


665 


Vili 


666 


Villi 


667 


X 


668 


xr 


}0 669 


XII 



35 



670 



40 



V 



XIII 



Tlieodorus Callyopa iterimi exarchus Ita- 
liac a Constante mittitur. 



Langobardorum xvin regnavit Rhodoal- 
dus, Rliotarii lilius, annis v. 



Langobardorum xvini regnavit Ariper- 
thus annis vini. 

Constans in Italiani contra Langobardos 
navigans Tarentum applicuit et inde pedestri 
vadens itinere in agro beneventano cum Lan- 
gobardis conflixit et nonnullas civitates recepit 
Luceriamque ad solum subvertitit, inde vero 
cum confluentibus undique Langobardis parum 
prolìceret indutiae iiunt, per quas Romam in- 
gressus solemnia quaedam cum Vitaliano pe- 
regit, nec multo post reversus Tarentum in 
Siciliam mox inde navigavit. 



Constans adhuc in Sicilia de^ens non lon- 
gre a Siracusis in balneo a suis occiditur. 
Post cuius mortem Mexentius a militibus im- 
perator creatur, contra quem Constantinus, 
Constantis rilius, in Siciliam navigans, illum et 
patris sui interfectores interemit. 



Langobardorum xx regnavit Gundipertus 
anno uno mensibus tribus. Hic cum fratre 
suo' Bertario, qui Mediolanum tenebat, con- 
tendens, Grimoaldum Beneventanorum ducem 
cum exercitu accivit, a quo paulo post inter- 
fectus est et Bertarius in Pannoniam fugit. 



Imperatorum 


AA. M. 


iS.,. 


XOI 




rSj 


\ 1 1 1 1 




/So 


XV 




187 


XVI 




iSS 


XVII 




iSg 


XVIII 




igo 


X Villi 




191 


XX 


vdccclx 


192 


XXI 




193 


XXII 




194 


XXIII 




195 


XXIIII 




196 


XXV 




T97 


XXVI 




tqS 


xxvi r 

In Oriente 
XXIIICos- 

STANTINUS 

Co nslantis 

superiori* 
fili us, aa. 
XVII. 




'9) 


I 





e. 48r 



''. vS v 



1. Callyopa] in M. Po aggiunto; in I>. il / rimo 1 csftmto - Exarchus] /'h aggiunto in AI. — 12-13. Ariper- 
thus| D. Aipertlius — 15. Tarentum] in M. /'e su Mura — 21. Vitaliano] J>. Vitiliano — 33. creatur]/). creator 
ton ut u sopra Po — 36. xxm] aggiunta interlineare in M. 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 



66 

AA. Sai. 

chri- 

stianae 



ÌMATTHEI PALMERII 



[AA. 670-685] 



Pontifìcum 



671 


XIII1 


672 


XV 




Pont. LXXVJI. 




DliODATUS, 




.i.i. mi, mm.xi. 


673 


I 


674 


II 


675 


III 



676 



C. 40 r 



681 



682 



683 



684 



685 



//// 





Pont.LXXVlII. 

- Donus, aa. 
ni. 


677 


/ 


678 


II 


679 


III 




Pont.LXXVIIII. 
- Agato, aa, 
mi. 


680 


I 



II 



III 



ini 

Pont. LXXX. - 
Leo II, n. i 

/ 

Poni. LXXXI. . 
Benedic tus 
II, a. I. 

/ 



Grimoaldus vero xxi regnum occupavit an- 
nis vini. 

Constantinus Heraclium et Tiberium fra- 
tres suos in consortium regni accepit. 

Ticinium pestilentia primum fere depo- 
pulatum et tandem per annum derelictum est. 

Ignis maximo populorum terrore per de- 
cem dies in caelo emicuit. 

Saraceni Siciliani ingressi praeda onusti 
in Alexandriam rediere. 

Stella maximis radiis per tres menses ap- 
paruit. 



Grimoaldus, Langobardorum rex, Bene- 
venti moritur ob venenum malum, quod me- 
dici adhibuerant ad comprimendam sanguinis 
e brachio fluentis vini. 

Langobardorum xxn regnavit Garimbal- 
dus, Grimoaldi filius, mensibus tribus post quem 
xxrii regnavit Pertaritus solus annis vili, mox 
cum Iumiperto filio suo annis x. 

Ravennatum ecclesia olim rebellis ad obe- 
dientiam romanae sedis pie revertitur, Theo- 
doro eidem ecclesiae praesidente. 

Concilium apud Constantinopolim contra 
Macharium episcopum et prò ecclesiarum unio- 
ne celebratur, ad quos Agato doctos chri- 
stiani dogmatis viros misit. 

Pestilentia ingens Romae et per vicinas 
civitates desevit. 



Egyptiorum maxima multitudo Africam 
ingressa Cartaginem prius depopulatur mox 
illam pene diruit. 



Imperatorum 



AA. M. 



200 



?OI 



202 



203 
204 



205 



206 
207 
20S 



iog 



210 



211 



II 



III 



UH 

V 
VI 

VII 



VIII 

Villi 

X 

XI 



XII 



XIII 



.dccclw 



10 



15 



20 



25 



212 



2IA 



214. 



XIIII 



XV 



XVI 



30 



vdcccfyxx 



35 



40 



3. Tiberium] A. Tvberiuni — 5. Ticinium] D. Tyciniura — 22. adhibuerant] A. adhibuerant — 23. fluentis] 
preceduto da Mura in M. — 27. Pertartitus] A. D. Pertharitus — 28. ecclesia] il frimo e aggiunto in M. — 30. ec- 
clesiae] il primo e aggiunto in A. ed il/. — 32. ecclesiarum] il primo e aggiunto in A. ed M. - - 33-34. Christiani] 
il secondo i su litura in M. — 37. 1] A. uno — 41. Cartaginem] ' D. Carthaginem 



[AA. 686-703| 



LIBER DE TEMPORIBUS 



67 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



AA. Sai. 












chri- 


! Pontificum 




Imperatorum 


AA. M. 


stianae 














Pont.LXXXII.- 










IOHANNES V, 










686 


(l . I. 
I 

Poh/. LXXXIII. 
- Con<v«/«.xi. 


Conslantinus Constantinopoli moritur. 


*iS 


XVII 

In Oriente 
XXIII 1 1 1> 

STINIANUS 

Constant ini 

fi li US, 11 a X. 




687 


I 

roul.LXXXIJII. 
- Sergius, an. 


Exarchus Italiae post Theodorum consti- 
tuitur Iohannes. 

Teodorus et Pascalis per contentionem 
pontifices' sunt electi; veruni cum neuter al- 
teri cessisset, tertius eligitur Sergius, qui pon- 
tificatum tandem ottinuit. 


2IÓ 


I 




688 


I 


Pertaritus cum iam regnasset Langobar- 
dis annis vili Iunipertum tìlium suum con- 
sortem regni facit regnavitque cum ilio annis x. 


2iy 


II 




689 


II 


Iustinianus recepta Africa, quam Aegyptii 
occupaverant, cum illis pacem firmat. 


2X8 


III 




690 


III 




2IQ 


un 




691 


ini 




220 


V 




692 


V 




221 


VI 


vdcccxc 


693 


VI 


Beda venerabilis presbiter graeca latina- 
que lingua eruditus multa prò Christiana reli- 
gfione conscribens clarus habetur. 


222 


VII 




694 


VII 




223 


Vili 




695 


Vili 


Discordiae inter Iustinianum imperatorem 
et Sergium pontificem vigebant. 


22J. 


vini 




696 


vini 


Iustinianus a Leone imperio exutus in 
exilium in Pontum mittitur. 


225 


X 

In Oriente 
XXV Leo, 
aa. III. 




697 


X 

Pont.LXXXV,- 
Leo, a a. in. 


Leo a Romanis tantum in pontificem fuit 
electus et ideo nomini numerum non facit, 
quia quidam inter pontifices non computant. 


22Ò 


1 




698 


/ 


Langobardorum xxini Iumipertus solus an- 
nis XII. 


227 


II 




699 


II 




228 


III 

/>* Oriente 
XXVI Ti- 

BERIUS.im. 
VII. 




700 


III 

Pont. LXXXVI. 

lOHANNES VI, 
aa,m,mm.llil. 




22Q 


I 




701 


/ 




23O 


II 




702 


II 


Theophilatius in Italia exarchus venit. 


231 


III 


vdcccc 


703 


III 


Gisuulphus Langobardorum militum dux 


232 


un 





e. 4) v 



e. sor 



3. xxiiii] aggiunta interlineare in A. — S. neuter] D. neuter sottolineato — io. ottinuit] D. obtinuit — 12. 
Pertaritus] D. Pertharitus — 15. Aegyptii] A. Egiptii — 35. pontificem] su Mura in M. — 34. Langobardorum] 
A. Lamgobardorum 



OS 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 703-714] 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



704 



705 
706 



.yo v 



710 



711 



712 



713 



714 



Pont.LXXXVir. 

-IoiIANNISSVII, 
mi. III. 

/ 



ri 

in 





Pont i/i e u in 
LXXXVIII. • 




Sosimus, dJ. 




xx. Post quem 
LXXX Villi 




CONSTANTI- 




NUS, aa. VII. 


707 


/ 


708 


II 


709 


II/ 



rrn 



v 



vi 



VII 

Pont.XC. • Gre- 
GORIUS II, aa. 
XVII. 

I 



agrum beneventanum diripit et maximas per 
Campaniam agit praedas. 



Cum apud Casinum, ubi sacnim beati Be- 
nediciti corpus requiescebat vasta solitudo es- 
set, quidam e Gallia venientes eius et ger- 
manae suae Scolasticae corpora in Galliam 
secrete detulerunt. 

Iustinianus Tyberium timens e Ponto re- 
fugit ad Persarum regem a quo benigne ho- 
norificeque receptus sororem eius uxorem ac- 
cepit et eiusdem regis auxilio in regnum tan- 
dem restitutus regnavit annis vi. 



Romae tres annos duravit fames. 

Iustinianus per Theodorum patritium prae- 
fectum suum Ravennam obsidet. 

Langobardorum xxv Liuipertus, Iumi- 
perti filius, puer, cui pater Asprandum tutorem 
dederat, regnavit mensibus vili. 

Raimpertus, Gundiperti filius, Asprandum 
superat et Langobardorum regnum invadit et 
eodem anno moritur. 

Constantinus pontifex a Iustiniano evoca- 
tus Constantinopolim navigavit et parum ibi 
commoratus Romam revertitur. 

Langobardorum xxvn Aripertus, Raim- 
perti filius, annis xi. 

Pliilippus ab exercitu imperator in Ponto 
electus Iustinianum et filium suum Tyberium 
interimit. 



Anastasius Philippum in privatum redi- 
gens modum, imperium in sese transtulit. 



Imperatorum 






*33 


V 




1 


*34 


VI 


235 


VII 




In Oriente 
XXVII Iu- 




stinianus 
ilerum aa , 




VI. 


236 


I 


237 


ir 


23S 


in 


239 


ini 


240 


V 


241 


VI 




In Oriente 
XX VIII 

PlIILIPI'US 




aa. il. 


242 


I 


243 


II 



AA. M. 



10 



15 



:o 



25 



30 



vdccccx 



35 



40 



1. agrum] in A. segue agru espunto - maxi mas] la desinenza su litura in M. — 5. solitudo] la sillaba tu ag- 
giunta posteriore interlineare iti D. — 12-13. accepit] A'accaepit — 14. vi] D. sex — 26. Gumdiperti] A, Gun- 
diperti — ^34. Pliilippus] Ph su litura in AI; D. Phvlippus - imperator] Al. aggiunta interlineare — 36. interimit] 
il secondo i su litura in AI. ed A. — 38. Pliilippus] D. Phvlippus 



|AA. /1S-Y28J 



LIBKR DE TKMroKJIìUS 



69 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



715 

5 716 

717 



10 



718 



15 



719 



20 720 



721 



25 



30 



35 



40 727 
728 



// 

/// 
//// 



VI 



VII 



Vili 



722 


Villi 


723 


X 


724 


XI 


725 


XII 


726 


XIII 



XIIII 
XV 



Egidius scientia et sanctitate clarus ha- 
betur. 

Theodosius ab exercitu imperare iussus 
Anastasium expulit. 

Tyber immense adauctus ripas excessit 
arvaque diripuit et in romana urbe plures 
domos subvertit. 

Theodosius a Leone imperio depositus 
sacerdos efficitur et reliquum suae vitae tempus 
privata quiete peregit. 

Germani ad rectam Christi fidem conver- 
tuntur. 

Basilica beati Benedicti in Casino monte 
reaedificata est, Petronio civi brixiano pecu- 
nias conferente. 

Mauritae, qui per decem annos Hispanias 
ocupaverant, Gallias invadentes superantur et 
maxima eorum multitudo necatur a Gallis. 

Saraceni tribus annis Constantinopolim 
obsidere, pestilentia in civitate et in castris 
prevalente. 

Langobardorum xxviii Asprandus men- 
sibus in. Post quem Lymprandus eius filius 
regnavit annis xxi. 



Hac tempestate inter Pontificem et Impe- 
ratorem maxima discordia fuit, quam ob cau- 
sam contra Pontificem in Italiani missi sunt, 
primum Paulus exarchus, mox, eo interempto, 
in eius locum substituitur Euthitius. Sub quo 
divisa Italia varie pugnatum est: in quo bello 
Anthefarium, Langobardorum ducem, auxilia 
Pontifici praebuisse constat. 



Impera torum 



244 

245 
246 



-47 



248 



249 



250 



251 

252 



253 
254 

2SS 



256 
357 



AA. M. 



In Oriente 
XX Villi 

Aka sta- 

SlUSan. ili. 



II 
III 

In Or ien te 
XOTThko- 

DOSIUS,<?.I. 



In Orient e 
XXXI Leo, 

un. XXIIII. 



e. Si r 



ir 



111 



un 
v 



vi 
vii 

Vili 



vdccccxx 



Villi 
X 



r. JJV 



9. Tyber] A. Tiber — 11. domos] il secondo o 5« Mura in M. ed A. — 30. Hispanias] segue una Mura in M. 
ed A. — 24. obsidere] D. obsedere - in civitate] segno divisorio tra le due farole in M. ed A. — 25. prevalenti- 1 
A. D. praevalente — 28. Post quem] segno divisorio tra le due parole in 31. - Lymprandus | D. Limprandus 
34. in Italiani] segno divisorio tra le due parole in 31. — 36. Euthitius] V\\ aggiunto in A. — 37. varie] D. 

^ variar- 



7U 



MATTI 1E1 PALMER1I 



LAA. 729-750| 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



729 



740 
741 



742 



e . 52 r 



XVI 



730 


XVII 




Pont. XCI. - 

G REO ORI OS 

HI, aa. x, min. 

Vili. 


731 


/ 


732 


II 


733 


III 


734 


ini 


735 


V 



730 


Ì'I 


737 


VII 


738 


VIII 


739 


Villi 



X 
XI 



Pont. XCI/. - 

Z ACH ARIAS, 

aa. x. mm. Hi. 



743 


II 


744 


III 


745 


UH 


746 


V 


747 


VI 


748 


VII 


749 


Vili 


750 


vini 



Cometae duo mense ianuarii per xv dies 
in coelo visi, quorum unus solem praecedebat 
in mane, et alter sequebatur in vesperis. 



Limprandus, Langobardorum rex, Romani 
obsidet, quo timore Gregorius Carolum Pipini 
patrem ac Francorum regem in auxilium oravit. 

Leo imperator omnes sanctorum ymagines 
deponi comburique iussit. 

Sinodus Romae congregata episcoporum 
prope mille contre Leonem, qui ymagines com- 
buri fecerat. 

Pestilentia ingens, in qua supra ter cen- 
tena hominum milia Constantinopoli periere. 

Saraceni Cartagine moventes in Hispa- 
niam navigant et eius provinciae partem oc- 
cupane 



Langobardorum xxx Lachis annis vi. 



Imperatorum 



AA. M. 



358 



259 



2ÒO 
2ÓI 
2Ó2 
263 

264 



265 

2Ó6 

267 

26S 



269 
270 



271 



272 
273 
274 
275 
276 
277 
278 
279 



XI 



XII 



XIII 

XIIII 

XV 

XVI 

XVII 



XVIII 
XVIIII 

XX 

XXI 



XXII 
XXIII 



XXIIII 
InOr.XXXII 

CONST AN- 

tinus Leo- 
ni! fili us , 
aa. xxxv. 



II 

III 

un 

V 
VI 
VII 
VIII 



vdccccxxx 



10 



15 



20 



25 



■vdccccxl 



30 



35 



Lachim, Langobardorum regem, Romanis 
infestum Zacharia pontifex adeo persuasit ut 
relieto regno monacus efficeretur, cui Astul- 



1-2. duo visi.... quorum] le desinenze su litara in AI. ed A. — 2. unus solemj le desinenze su litura in 

M. ed A. — 3. alter] seguito da una litura in M. — II. Lymprandus] M. D. Limprandus — 15. ymagines] D. ima- 
gines — 19. qui] A. qui sanctorum: la seconda parola su litura col e aggiunto - ymagines] /'s aggiunta posteriore 
in M.; D. imagines — 23. milia] D. millia — 24. Cartagine] D. Cartilagine — 24-35. Hispaniam] A. Hyspaniam 
— 40. Lachim] /'m su litura in M. - regem] /'m su litura in M. — 41. infestum] Pm su litura in M. - Zacharias] 
il/. Zacharia col secondo a su litura; A. col secondo a 5« litura e Ps aggiunto - pontifex.... persuasit] in AI. le 
desinenze su litura 



40 



|AA. 750-707| 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



751 



752 
753 



10 



15 



754 



755 



750 



20 



25 



30 



35 



40 



707 



X 



Pont. XCUI. • 
Stephanus II, 
aa. v. 






III 



//// 



Pont, xcinr. ■ 

Paulus, aa. x. 



757 


I 


758 


II 


759 


III 


700 


un 


701 


V 


702 


VI 


703 


VII 


704 


Vili 


705 


vini 


700 


X 



Pont. XCV. - 
Constanti- 
nus, a. i. 



phus eius frater in regno successit annis vili. 
Pipinus apud Francos regnare orsus re- 



gnavit annis xvn. 



Astulphus, Langobardorum rex, Romanos 
sibi tributarios conatur efficere. Quam ob 
causam Stephanus pontifex in Galliam profe- 
ctus Pipini, Francorum regis, auxilium postu- 
lavit. 

Pipinus Italiani ingreditur et Langobar- 
dorum exercitum superat et Astulphum eorum 
regem Papiae obsidet. 

Constantinus omni scelere imbutus magus 
ac sachrilegus Christianos persequitur et san- 
ctorum ymagines deponi abolerique iubet. 

Deficiente sedulo in Oriente Romanorum 
imperio et Imperatore christianos persequen- 
te, Stephanus pontifex imperiales titulos ac 
dignitates Francorum regibus concessit et Pi- 
pinum suosque tantum a stirpe successores in 
eorum reges confirmavit, caeteris vero omni- 
bus interdixit. Cuius solempnitatis causa Bo- 
nifatius, maguntinus episcopus, autoritate apo- 
stolica functus illum consecravit et unxit et 
romani populi nomine patritium dixit. 



Astulpho fulgure perempto Langobardo- 
rum xxxn regnavit Desiderius in Italia eo- 
rum rex ultimus annis xviii. 



Constantìno per Constantini imperatoris 
favorem ex laico in pontificem absumpto, di- 
scor'diae in ecclesia Dei cohortae sunt, per 



71 



AA. M. 




281 
2S2 



?<?.? 



»84 



?8S 



vini 



x 

XI 



XII 



xi ir 



xi in 



vdccccl 



?gó 



286 


XV 


287 


XVI 


288 


XVII 


289 


XVIII 


290 


XVHII 


291 


XX 


292 


XXI 


293 


XXII 


294 


XXIII 


295 


XXIIII 



XXV 



C. S2V 



vdcccclx 



e 53 r 



15. sachrilegus] A. D. sacrilegus — 16. ymagines] A. D. ìmagines — 22. cateris.... omnibus] le desinenze su 
litura i?i M. ed A. — 23. solempnitatis] A. solennitatis; D. solemnitatis — 25. consecravit] /'e su litura in M. ed A. 
— 42. absumpto] A. D. assumpto — 43. ecclesia] M. eclesia - cohortae] il dittongo aggiunto in 31, manca in A. 



72 



MATTHKJ rALMliRJl 



|AA. V07-V70J 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



768 



769 


II 


770 


III 


771 


un 


772 


Pont. XC VII. - 

II ADRIANUS, 
aa. XXIIII. 

I 


773 


II 



e. 53 v 



774 
775 
776 



Pont. XCVI. - 
Stsphakcg 
III, aa. mi, 
mm. III. 

/ 



//// 

V 



quas a Romanis Philippus quidam alter eli- 
gitur pontifex, sed compositis mox rebus de- 
ponuntur ambo et Stephanus papatum iniit; 
unde quidam ex Romanis scriptoribus Con- 
stantinum inter pontifices non numerant. 



Sinodus Romae congregata omnia Con- 
stantini pontificis decreta institutaque irritavit. 

Mortuo Pipino, Francorum rege, Carolus 
eius fìlius, cui postea ex rebus gestis Magno 
fuit cognomen, eius regnimi accepit regnavit- 
que annis xlvii. 



Carolus Magnus Hunoldum, Aquitaniae re- 
gem, superat, et, eo expulso, suo regno potit ur 



Principium belli, quod Carolus Magnus 
contra Saxones per tres et triginta annos pro- 
spere gessit, cum interim per se et filios et 
praefectos ac duces suos contra Hunnos, Hi- 
spanos, Britannos, et in Italia quoque ac con- 
tra alias quasdam nationes felicissime debel- 
lare:. 



Carolus, Francorum rex, precibus Ha- 
driani pontificis evocatus et Italiani magno 
exercitu ingressus, Langobardos vicit et De- 
siderium, eorum regem, apud Ticinium obses- 
sum tandem capit, et cum uxore et liberis in 
Galliam ducit. Ob cuius rei celebritatem et 
gloriam Carolus ab Hadriano evocatore ma- 
gnifice laudatus est et amplissimis insignitus 
privilegiis et titulis. 

Regnaverunt in Italia Longobardi annis 
cciiii et illam fere totam possederunt praeter 
urbem Romani, quam in huius gentis potesta- 
tem nullo unquam tempore devenisse constat. 
Regia vero eorum apud Ticinium constituta, 
varios praeterea principatus per Italiani ha- 
bebant, quibus gentium suarum praeponebant 



Iraperatorum 



AA. M. 



297 



29S 

299 

300 



?02 



3°4 
3°S 



XXVJ 



XXVII 

XXVIII 

XXVIIII 



XXX 

xxxr 



XXXII 

XXXIII 

XXXIIII 



10 



15 



vJcccclxs 



20 



25 



30 



35 



40 



5. Inter Pontifices] M. su litura — 12. accepit] D. accaepit — 22. per se] segno divisorio tra le </;/-? parole 
in AI. ed A. — 25. felicissime] D. fasicissime — 31. Langobardos] A. Lamgobardos 7- 32. Ticinium] D. Tyci- 
nium — 42. Ticinium] Z>. Tycinium — 43. praeterea] IJ. preterea 



|/VA. 77b-78S| 

Pontifìcum 



L1BER DE TEMPORIBUS 






AA. Sai 

chri- 
stianae 






15 



20 



25 



30 



35 



777 


VI 


778 


VII 


779 


Vili 


780 


Villi 


781 


X 


782 


XI 


783 


XII 


784 


XIII 


785 


XIIII 


786 


XV 


787 


XVI 


788 


XVII 







duces, inter quos praecipui et per successiones 
observati sunt unus apud Forum Iulii in ipso 
Italiac ingressus, alius apud Spoletum in me- 
dia pene Italia, tertius Benevento ad inferio- 
re m Italiae partem regendam. 

Reversus de Italia Carolus adversus Sa- 
xones prosequitur bellum. 



Hac tempestate imperium fere nomine 
tantum vigebat, occupantibus id continuo in 
Oriente barbaris et Romani ab eo destituti' 
ad Gallos iam intuebantur. 

Carolus Augustam et Papilloniam nobilis- 
simas Hispaniae urbes vastat, eo quod eorum 
populi recipere Christi fidem noluissent. 



Carolus Italiani iterum ingressus contra 
Araisium, Beneventanorum ducem, Capuam 
usque progreditur. 

Scribit Singisbertus hoc anno apud Con- 
stantinopolim inventam fuisse auream laminam 
in qua scriptum erat: Christus nascetur de 
virgine Maria; et credo in eum; sub Constan- 
tino et Hyrene o sol iterum me videbis. 



Carolus contra Hunnos in Pannonia de- 
gentes bellum movet, quod maxima eorum 
strage otto annos gessit, quo tandem anno illisad 



Imperatorum 


AA. M. 


306 


XXXV 

In Oriente 
XXXIII 
Llo Con- 

Shlìltilli fi- 

lius,aa. v. 




3°7 


I 




308 


II 




309 


III 




310 


un 




311 


V 

In Ori ente 
XXXIIIJ 

CO NSTAN- 

tinus, pro- 
xiv! i Leonis 
filili», cum 
Hyrene ma- 
ire sua, aa, 
xvim. 


vdcccclxxx 


312 


r 




3*3 


n 




314 


in 




315 


un 




516 


V 




317 


VI 





e 54 r 



2. unus] il/, su Ut urei — 3. alius] AI. A. su litura — 4. tertius] l's su litura in M. - Benaventi] M. Bene- 
veneti col e espunto — ■ 14-15. nobilissimos] A. nobillssimos — 16. populi recipere] M. su litura — 33. xvmi] D. xvm 
— 35. Beneventanorum] le lettere &vzx\.t correzione posteriore in M. — 2S-31. D. a pie di paliti a in rosso riporta i l'ersi : 

Nascetur Xristus intactae ventre Mariae 
Atquc in eum ipse meo tempore credo Deum 
Jleque o sol iterum manifesta luce vi leòis 
Sub Constantino matreque Hirene sua. 

36. Hunnos] D. Humnos — 3S. otto] D. octo 



74 



MATTHEI PALMER!! 



IAA. 788-801J 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontifìcum 



e. 54 v 



789 
790 



791 

792 

793 
794 

795 
796 



e 55 



1^1 

798 
799 
800 
801 



XVIII 
XVIIII 



XX 



XXI 

XXII 
XXIII 



XXIIII 

Pont. XC Vili.. 
Leo III, aa , 
xx, ftim. li. 



// 

/// 
//// 
V 
VI 



internitionem pene deletis, ex eisdem quas olim 
victores Hunni ex variis' provinciis congesserant 
praedis suum exer citimi ditissimum reddidit. 

Andelgisius, Desiderii filius, qui ad Grae- 
cos confugerat, eorum functus auxilio in Ita- 
liani revertitur, ubi non multo post praelio 
superatus interiit. 

Sinodus Nicena congregatur episcoporum 
cccl, in qua sancitum est Spiritum Sanctum 
a patre filioque procedere et sanctorum yma- 
gines non esse delendas. 

Studium Parisiense, quod per multa postea 
secula floruit, principium habuit procurante 
Alcinno Caroli olim praeceptore. 

Constantinus Hyrenem matrem suam vio- 
lenter privans solus regnavit annis v. 

Constantinus multos nobilium oculis privat 
asseverans eos cum Hyrene matre sua coniu- 
rasse. 



Carolus basilicam Aquisgrani aedificans, 
ut peregregie insigniret opus, marmoreas co- 
lumnas et varii generis ornamenta Roma Ra- 
vennaque devehi fecit. 

Hyrenes Constantinum filium captum' ocu- 
lis privat et sola regnavit annis mi. 



Leone pontitìce a Romanis per iniuriam 
eiecto, Carolus Magnus in Italiani rediit ip- 
sumque in urbem dignitatemque restituit. Ca- 
rolus a Leone pontifice Augustus est appella- 
tus et obliteratum iam pene in Italia romanum 
imperium resumpsit, primusque post Augustu- 
lum apud Romanos imperavit annis xnn. 



Carolus recepto imperatorio nomine, cum 
in Galliam reverteretur, per Etruriam transiens 



Imperatorum 



AA. M. 



3'S 

3*9 



320 

321 

322 
323 

324 



326 



VII 
Vili 



Imp. 1 1 imiis 
fOstAugu- 
st ititi:» re- 
gnavit Ca- 
rolus co- 
gn oménto 
Magn ns, 
aa. xn II. 



Villi 



X 

XI 
XII 



XIII 



XIIII 



XV 



327 


XVI 


328 


XVII 


329 


XVIII 


330 


XVIIII 



In Oriente 
XXXVXy- 

CHIKPHO- 

Rlts, aa . 
VIII. 



10 



15 



vdccccxc 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



2. Hunni] A. D. Umni — 33. ymagincs] D. imagines — 15. secula] su litura in A. - floruit] ripetuto ed espunto 
in A/. — 16. Alcinno] D. Alcynno — 14. Carolus] in D. segue magnus espunto 



[AA. 801-8181 



LI BER DE TEMPORIBUS 



75 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 


802 


VII 


803 


Vili 


804 
805 


vini 

X 


806 


XI 


807 


XII 


808 


XIII 


809 


XIIII 


810 


XV 


811 


XVI 


812 


XVII 


813 


XVIII 


814 


XVIIII 


815 


XX 




Pont. XC Villi. 
- Stephanus 
ini, MM.vnx. 1 


816 


I 




Pont. X. - Pa- 
SCALis, aa. vii. 


817 


I 


818 


II 



in memoriam acceptae dignitatis Florentiam 
urbem magna ex parte desolatam reparavit 
urbanamque nobilitatem varie per vicina op- 
pida diffusam reduxit et nova insuper circum- 
ducere menia rnaiori ambitu procuravit. 

Carolus novas leges conscripsit, quas per 
universum imperium servari iussit. 



Finis belli quod Carolus contra Saxones 
gesserat, in quo tandem vieti Saxones Christi 
fidem, quam romana tenet ecclesia, receperunt. 

Solis facta defectio et ter eodem anno 
luna est obscurata. 



Locustae gregatim ex Africa volantes Ita- 
liani infestant. 



Carolus Magnus Ludovicum fìlium suum 
Augustum appellavit et successorem imperii 
esse voluit; ipse vero toto iam mundo clarus 
in palatio suo Aquisgrani bona senectute in 
pace quievit anno aetatis suae lxxii quinto 
februarii kalendas. 



Stephanus pontifex in Galliam profectus 
Ludovicum corona et imperialibus titulis in- 
signiva. 



Imperatorum 


AA. M. 


I 


I 


vi 


// 


II 




III 


III 




un 


un 




V 


V 




VI 


VI 




VII 


VII 




Vili 


Vili 

In Oriente 
XXXV 1 

SCAURA- 

tius, a. x 




vini 


I 

In Oriente 
XXXVU 
Michael, 
aa. li. 




X 


I 




XI 


II 

In Oriente 
XXXVIII 
l.KO,Z!ardi 
Jilius, a a. 

Vili. 


vi* 


XII 


I 




XIII 


II 




XIIII 


ni 




Imp.II.-I-.v- 

DOVIC US 
cum Loc ta- 
rio filio, 
aa. xxv. 






I 


mi 




// 


V 




III 


VI 





e. ssv 



e. jór 



i. acceptae] A. accepte; D. accaeptae — 4-5. circumducere menia] D. circumducere maenia — 13. Ecclesia] 
AI. Ecclesia — 22. Michael] A. Michahel — 23. Africa] A. Aurica — 36. februarii kalendas] D. kalendas februarii 
3S. Loctario] D. Loctario 



76 



MATTIIK1 PALMER!! 



|AA. 319-8J7J 



e. sb v 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 




Imperatorum 


AA. M. 


819 


III 


mi 


VII 




820 


nn 


Bernardum in Italia regnimi occupantem 
Ludovici duces superant atque interficiunt. 


V 


Vili 

In Oriente 
XXXV li II 

AI I (Il A ti. 
iunior, aa. 

vieti. 




821 


V 




VI 


I 




822 


VI 


Ludovicus Loctarium filium suum Italiae 
gubernatoreni mittit, qui a papa Pascale in 
Augustum coronatus est. 


VII 


II 


t'«'vv 


823 


VII 

Pont. CI. -Eu- 
genius II, aa. 
ili. 




VIII 


III 




824 


I 




vini 


un 




825 


TI 


In Gallia mirae magnitudinis decidens 
grande- pecora multa et nonnullos homines in- 
teremit. In qua tempestate glacies durissima 
pedum longitudine duodecim visa est e caelo 
cecidisse. 


X 


V 




826 


III 
Poni. CU. -Va- 

LENTINUS, dd. 

xl. Post quem 

G R E G O R IUS 
UH, aa. SVI.' 




XI 


VI 




827 


I 




XII 


VII 




828 


ri 




XIII 


Vili 




929 


ni 


Saraceni ex Africa in Italiani navigantes 
Romani ingrediuntur et sacra pretiosaque ec- 
clesiarum ornamenta cum ingenti caeterarum 
rerum praeda hostili more diripiunt. 


XIIII 


vini 

//; O rie n te 
XL Tiieo- 

l'IIILUS, 
aa. XV. 




830 


ini 




XV 


I 




831 


V 




XVI 


II 




832 


VI 




XVII 


III 


r/v.v.v 


833 


VII 


Ludovicus suorum fraude deceptus im- 
perio deponitur et captus Loctario fìlio suo, 
qui ex Italia redierat, in custodiam traditur. 
Verum eodem anno inter eos conventione fac- 
ta Ludovicus in imperium restituitur et Loc- 
tarius ad gubernandam Italiani regreditur. 


XVIII 


mi 




834 


Vili 




XVIIII 


V 




835 


vini 




XX 


VI 




836 


X 


Galli et Germani commemorationem om- 
nium sanctorum colere et observare ceperunt 
iubente Gregorio pontifice. 


XXI 


VII 




837 


XI 




XXII 


Vili 





10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



5. Michael] A. Michahel — 7. Loctarium] D. Loctharium — 8. papa Pascale] D. Pascale papa — 14. mirae] 
A. mire — 15. grando] r in M. su Mura — 24. Africa] A. Affrica — 25-26. ecclesiarum] M, eclesiarum — 27. 
hostili] AI. hostoli — 34. Loctario] A. Lothario: D. Locthario — 37-3S. Loctarius] A. D. Loctharius] — 41. et] 
M. A, su litura — 42= ceperunt] A. D. caeperunt 



[A A. 838-849 j 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



838 
839 
840 



IO 



XII 
XIII 

xrnr 



15 



841 
842 



21) 



25 



843 



844 



30 



845 



35 



846 

847 



40 



848 
849 



XV 
XVI 

Pont. CUU, 
Se rgius 
sia. ni. 



II, 



II 



III 



Pont. C V. - Leo 
IIII. aa. vili. 

/ 

ri 



in 
un 



Ludovicus imperator diem obiit, tres iìlios 
reliquens, Loctarium scilicet et Carolimi et 
Ludovicum, qui ob imperii et regni paterni 
divisionem inter se debellantes variis praeliis 
multa nominimi milia perdiderunt, ob quam 
causam eorum dimminutis viribus tandem con- 
venerunt, ut diviso imperio regnoque pa- 
terno Loctarius Imperium obtineret, Carolus 
in Gallia et Ludovicus in Germania regna- 
ret. 



Sergius, cimi prius Os porci vocaretur, pon- 
tificum primus fuit, qui proprium nomen mu- 
taverit, quod postea observatum ad nos usque 
perdurat. 

Loctarius coronam imperii insigne a Ser- 
gio pontifice recepit et Ludovico, filio suo, 
coronae quoque honorem tribui fecit. 

Brittones cum Gallis prospere pugnantes 
adeo inanimantur, ut saepius postea illos bel- 
lo repeterent. 



Afri iterum in Italiani transeunt et Ro- 
mani ingressi ingentem inde predam trahunt, 
qua domum navigantes a tempestate oppri- 
muntur. 



Alidulphus, Angliae rex, romanae eccle- 
siae devotissimus, tributariam fecit Pontifici 
provinciam suam, istituens ut ex singula domo 
singulis annis nummus solveretur argenteus. 

Apud Hostiam urbem cum Afris iterum 



77 




XXIII 

XXIIII 

XXV 



Imp. III. - 

L« C T A - 
HIUS SOlllS 

aa, x mox 
cum Ludo- 
vico filio, 
aa. v. 

I 

ir 



rrr 



un 



vini 
x 

XI 



XII 
XIII 



e. S7' 



V 



VI 

VII 



viri 
vini 



xmr 



XV 



In Oriente 
XL Mi- 
chael et 
The od o- 
kas, nu.xi 

I 



II 

III 



UH 

v 



■ivi 



e .57 v 



4. Loctarium] A. D. Loctharium — 5. Ludovicum] A. Lodovicum, con un u sopra il f rimo o — 7. milia] 
D. millia — 8. dimminutis] A. D. diminutis — 13. Loctarius] A. D. Loctharius; in A. /'h aggiunto — 24. Locta- 
rius] A. D. Loctharius — 25. Ludovico] A. Ludovico quoque — 26. quoque] ornili. A. - tribui | la finale su li tur a 
in M. ed A. — 27. Brittones | D. Brltones - prospere] M. litura — 33. ingentem | 1). va. - predam] A. D. praedam 



78 



MATTHEI PALMERII 



|AA. 849-866] 



AA. Sai, 

chri- 
stianae 



850 
851 



852 
853 



854 



855 



e. jSr 



865 
866 



Pontificum 



V 



VI 



VII 

Vili 

Poni. CVI. • Io- 
iiannks, aa. 
Il, min. III. 

I 



II 





Pont. CVII. - 




Benbdictus 




III, aa. in. 


856 


I 


857 


II 


858 


III 




Pont. CVIII. • 




NlCOLAl/S,a.X. 


859 


/ 


860 


II 


861 


III 


862 


ini 


863 


V 


864 


VI 



VII 



Vili 



in Italiani redeuntibus prospere pugnarunt Ro- 
mani. 

Loctarius Ludovicum filium suum con- 
sortem regni facit et simul regnaverunt annis v. 

Coloniae ex Sardinia Corsicaque ad Ho- 
stiam urbem deductae sunt deficientibus ibi 
propter inflictas clades habitatoribus. 



Fama est hunc Iohannem feminam fuisse 
et uni suo familiari tantum cognitam, qui eam 
complexus est, et gravis facta peperit papa 
existens, quare eam inter pontifices quidam 
non numerant et ideo nomini numerum non 
facit. 

Loctarius iam senex inter filios suos re- 
gnum divisit et Ludovicum imperatorem re- 
linquens monacus efficitur; in qua religione 
paulo post obiit. 



Brittanni ingenti numero Gallias ingressi 
cuncta fere depredantur. 



In Cisalpina Gallia plerique principes ob 
suspitionem necantur. 



Saraceni ex Africa in Italiana magna clas- 
se vecti Beneventanorum fìnes hostili more ag- 
grediuntur, quo terrore percitus Ludovicus 
Loctarium fratrem suum e Gallia convocavit, 
qui cum iam Placentiam devenisset subita et 
improvisa est morte peremptus. 

Auldalisius, Beneventanorum dux, iunctis 



Imperatorum 


AA. M. 


X 


VI 




XI 


VII 




XII 


Vili 


Tu 


XIII 


Villi 




XIIII 


X 




XV 


XI 


- 


Imp. un. ■ 

Lu D OVI- 
cus II, aa. 
XXI. 


In Oriente 
XLII Mi- 
chael so- 

ltlS,atr,Xlll. 




/ 


I 




ir 


II 




III 


III 




un 


un 




V 


V 




VI 
VII 


VI 

VII 


vita 


Vili 


Vili 




Villi 


Villi 




X 


X 




XI 


XI 





10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



4. regna veruntj il gna 5« litura in M. — 6. deductae] A. deducte — 12. suo] D. soli — 14. inter] D. ag- 
giunta interlineare — 17. Loctarius] D. Loctharius — 20. paulo] ALA. su litura — 24. Brittanni] A. Britanni 
— 25. fere depredantur] in M. fere de sono aggiunte interlineari di mano diversa; in A. il solo fere — 34. AfricaJ 
.1/. Affrica con un i espunto; A. Affrica — 37. Loctarium] M.D. Loctharium — 39. improvisa] /'im su litura 
in NI. - peremptus] il ptus 5« litura in M. — 41. Auldalisius] .1/. Audalisius - Beneventanorum] /'an aggiunta 
interlineare in D. 



[AA. 866-881] 



LIBER DE TEMPORIBUS 



79 



AA. Sai 

chri- 
stianae 




10 



15 



20 



867 
868 



869 
870 

871 



872 
873 

874 



25 



875 
876 



30 



35 



40 



45 



877 

878 
879 

880 
881 



Villi 

X 

Pont. C Villi.- 
Hadri ANI) s 
II, aa. v. 

/ 
II 

III 



UH 

V 
Pont. CX. - lo- 

IIANNES Vili , 

aa. v. 

/ 



III 



//// 

V 
VI 

VII 
Vili 



sibi Campanis et Lucanis atque Sannitibus, et 
vana Graecorum spe sullevatus, a Ludovico 
imperatore rebellans illius fines hostis ingre- 
ditur. Cui Ludovicus repugnans ipsum Be- 
neventi tandem obsidet, donec in dannorum re- 
fertionem pecuniam accipiens, obsidionem dis- 
solvit. Verum aliquan'to post Auldalisius per 
f raudem Imperatorem necare procurans, cum ab 
eodem armis repetitus esset, in Sardiniam fugit. 



Apud Brixiam Italiae civitatem tribus die- 
bus sanguis pluit. 

Locustae per universam fere Galliam se- 
getes et arbusta depascentes eos populos in 
miserandam famem deduxerunt. 



Beneventani Lucanos et Campanos sum- 
moventes ab Imperatore iterum rebellarunt, a 
quo post modum superati in eius auctoritatem 
consenserunt. 

Brittones, mortuo Salomone eorum rege, 
de regno inter se contendentes, a crebris Gal- 
liarum incursionibus cessaverunt. 



Carolus populum romanum et Iohannem 
pontificem pecunia corrumpens imperium obti- 
nuit. 

Carolus contra nepotes suos Ludovici, Ger- 
maniae regis, nuper defuncti filios bellum 
movet et eorum regnum occupare conatur. 

Saraceni Africae Siciliam amiserunt. 

Sinodus apud Trecham, Galliae civitatem, 
praesente Carolo imperatore celebratur. 

Iohannes Scotus, vir sublimitate ingenii 
peracutus, quaedam nostrae religionis accu- 
ratissime disputata conscribit. 

Boso apud Francos tyrannidem occupare 
conatur. 



Impcratorum 


AA. M. 


XII 


XII 




XIII 


XIII 




XIIII 


/;/ Oriente 
XLIIl Ca- 
SiLiUS, aa. 
XVII. 
I 




XV 


II 




XVI 


III 




XVII 


ini 


•vihtx 


XVIII 


V 




XVIIII 


VI 




XX 


VII 




XXI 


Vili 




http. v. - 
Carolus II 
cognomento 
Ca lvus , 
aa. VI. 






/ 


vini 




II 


X 




III 


XI 




ini 


XII 




V 


XIII 





e jSv 



e SQr 



2. sullevatus] D. sublevatus 
irritate] D. subtilitate 



23-24. summoventes] D. submoventes — 28. Brittones] M. Britones — 42. subii- 



80 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 882-893] 



e. jov 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 


882 


vini 


883 


X 


884 


Pont. CXI. • 
Mautinus II, 
a. i, mm. vili. 


885 


ri 




Pont. CXI/, - 
Ha uria nus 
III,(M,«»«. in. 


886 

887 
888 
889 


/ 

Pont. CXIII. - 
Stephanus V, 
aa. vi. 

I 

II 

ni 


890 


un 


891 


V 


892 
893 


VI 
Pont. CXIIII. - 
Form o sus, 
aa. vi. 

I 



Carolus ex Italia proliciscens in Galliam, 
veneno in Alpibus oppressus interiit. 

Iohannes pontifex Ludovicum Balbnm su- 
perioris Caroli filium et Francorum regem in 
imperatorem delegit, cuius electionis gratia 
conturbati Romani Iohannem custodiri ut cap- 
timi iubent, et Carolimi cognomento Grossum 
imperatorem eligunt simulque ambo impera- 
toris nomen tenuerunt annis duobus, donec 
assumpto veneno Ludovico Carolus solus re- 
gnavit annis duodecim. 



Fames ingens per universali! Italiani, in 
qua frumenti librae centum vendebantur auri 
dragmis quinque. 

Francis regnarunt Ludovicus et Carolus- 
mannus Ludovici Balbi ex concubina matre 
filii annis v. 

Normanni et Dani per Galliam ferro et 
igne savientes usque ad sacra loca universam 
provinciam depredantur. 



Carolus imperator post quam superioribus 
annis bella quaedam cum Pannonis gesserat ita 
animo et corpore debilitatus est, ut in priva- 
timi se redigens modum ab Arnulpho patruele 
aleretur. 

Francis regnavit Arnulphus, Carolimanni 
filius, anno i. 

Francis post Arnulphum regnavit Oddo, 
parisiensis comes, Roberti ducis filius, alienus 
a genere Caroli Magni annis xi. 

Neglecto a Carolo propter animi segni- 
tiem imperio, Landbertus in Italia apud Ra- 
vennani regnum occupat. 



Imperatorum 


AA. M. 


VI 


XIIII 


f/Vvv.v 


Imp. VI. - 
Carolus 
III coglio- 
ni e u t o 
Grossus, 






eia. XII. 






/ 


XV 




TI 


XVI 




III 


XVII 

In Oriente 
XL1II I 

Leo, aa, 
XVIII. 




IIII 


I 




V 


li 




VI 


in 




VII 


mi 




VIII 


V 




I IIII 


vi 




X 


VII 


vixc 


XI 


Vili 





1(1 



15 



Ju 



25 



30 



35 



40 



45 



io. assumpto] in M. il grimo s su Mura; in /). sormontato da un h — n. duodecim] AI. A. decerci — 32. Pan- 
nonisj la desinenza su litura in M. ed A. 



[AA. 894-900] 



\ABER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



894 



895 
890 



10 



897 


V 


898 


VI 




Pont. CXV. - 




BO N I FAT I US 




VI, dd. xv. 




Pont. ex vi. - 




Stbpha nus 




VI, a.l, nini. IH. 


899 


i 



15 



20 



25 



30 



900 
901 



902 



903 



35 



40 



// 



III 

mi 



Pont. CX VII. - 

R. O M A N U S , 

min. UH, .Pos/ 

</«# »« TlIEODO- 
RUS II, dd. XX, 
<7«o de fune to 
succedit lo- 
HANNBS Villi, 
aa. Il, ww. ni. 
/ 

II 



III 

Pont. CXX. - 

Dexedictu s 

UH, aa. Ili, 

?«;«. li. 



/ 



904 


II 


905 


III 




Pont. CXXI. - 




Liìo V, dd. 




XL. Post alieni 




Christof IIO- 




uus, min. vii. 


906 


/ 



81 




Remigius antisiodorensis divinarum scrip- 
turarum insignis commentator claret. 



Formosus a persequentibus iniuratus in 
sui tutelam Arnulphum in Italiani evocavit, a 
quo in pristinam dignitatem restitutus illum 
imperatoriis privilegiis insignivit et titulis. 



Stephanus Formoso, praedecessori suo, 
infensus contra eius concessiones atque de- 
creta concilium convocavit, in cuius presen- 
tiam delatum Formosi cadaver pontiticalibus 
primum exuit insignibus, deinde illud dilanians 
omnique afficiens dedecore manus eius proie- 
cit in Tiberini. 

Saraceni Africae iterum Siciliani occupa- 
runt. 



Francis post Oddonem regnavit Carolus 
cognomento Simplex, Ludovici Balbi filius, an- 
nis xxvi. 



Assyrii Armaeniam primo et deinde Cap- 
padociam invadentes usque ad Euxini Ponti 
littora praedas agunt. 



Arnulphus Maguntinos debellavit. 



Arnulphus gerens contra Normannos bel- 
lum interiit. 



XII 



Imp. VII. - 

A K N U L - 

l'iius, Ger- 
vianiae rex, 
aa, xii. 



/ 
TI 



III 
ITTI 



V 



VI 
VII 



Vili 



Villi 



X 
XI 



XII 



\mi 



X 

XI 



XLL 

xur 



xtin 



X\' 
XVI 



XVII 



XVIII 



hi Or ienle 
XLVCox- 
STANT1NUS 
cum Ale - 
xandro pa- 
t rito suo, 
aa. il. 



ir 

hi Or. XL VI 
Consta N- 
tinus so- 
lus, aa. 
xxxviiii. 
I 



e . óo r 



vtc 



e. 6o ''' 



33. Armaeniam | D. Armeniam — 35. praedas] A. predas — 43. Normannos] A. ha la sillaba Nor su litura coIVv interi. 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 — 6. 



82 



MATTHEI PALMERII 



|AA. 907-929| 



e. bi r 



e. bi v 



AA. Sai. 










******* - 


chri- 
stianae 


Pontificum 




Imperatorum 


AA. M. 




Poni. CXXIIT. - 


/»*/•. VII/. - 








Sergius III, 




L UDO VI- 








ao.vit,mtrt.mi. 




cus III, 






907 


I 


Post Arnulphum imperium confunditur, 
dolentibus Romanis atque universis Italiae po- 
pulis, quod in Germaniam translatum fuisset; 
quam ob rem nec a Romanis pontificeque in- 
signiti sunt transalpini imperatores usque ad 
primum Othonem et in Italia quidam Beren- 
garii imperium id temporis usurparunt. 


aa. vi. 
I 


n 




908 


II 




II 


in 




909 


III 


Berengarius primus imperium in Italia 
usurpat annis quatuor. 


III 


ira 




910 


un 




1III 


V 




911 


V 




V 


VI' 




912 


VI 


Conditae -urbis Florentiae annus millesi- 
mus computatur. 


VI 

/mp.V ////.- 

CORRADUS, 

aa. vìi. 


VII 


vie* 


913 


VII 

Pont. CXXIII1. - 
Ana STASI US 
III, aa. il, »»«»». li. 


Berengarius n in Italia imperat annis vini. 


/ 


Vili 




914 


I 


Saraceni Africae Apuliam occuparunt. 


// 


Villi 




915 


If 

Pont. CXXV. - 
Landò.»»»*. vii. 




/// 


X 




916 


/ 

Pont. CXXV/.- 

IOHANNBS X, 

aa. xill,»»»*. il. 




ini 


XI 




917 


I 


Pannoni vicinas regiones multis cladibus 
afficiunt. 


V 


XII 




918 


II 




VI 


XIII 




919 


III 


Iohannes pontifex Alberici, qui in agro 
piceno dominabatur, fretus auxilio Saracenos 
Apulia expulit. 


VII 

Imp. X. - 
Hbnricus, 
aa. xvm. 


XIIII 




920 


un 




/ 


XV 




921 


V 




II 


XVI 




922 


VI 


Ugo in Italia regnum occupat annis x. 


III 


XVII 


TtCXX 


923 


VII 




un 


XVIII 




924 


VIII 




V 


XVHI1 




925 


vini 


Pannoni ab Alberico in Romanos evocati 
Italiani intrarunt et in Etruriam usque cuncta 
depredati cum ingenti praeda domum rediere. 


VI 


XX 




926 


X 




VII 


xxr 




927 


XI 


Francis regnat Rodulphus, Burgundiae 
dux, annis duobus. 


Vili 


XXII 




928 


XII 




vini 


XXIII 




929 


XIII 


Francis regnat Ludovicus, Caroli Simpli- 
cis filius, annis xxvi. 

Post Iohannem alter Iohannes per sedi- 


X 


XXI III 





10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



8. Othonem] A. Otthonem — 9. usurparunt] M. su Htura — 22. Landò mensibus] in M. segno divisorio tra 
le due parole e /'ibus su litura, in A. il segno divisorio seguito da mens — 30. expulit] l'ex su li tur a in M. 
41. Rodulphus] A. Rododulphus col do espunto — 45. xxvi] D. 26 



|AA. 920-945] 



LI BER DE TEMPORIBUS 



83 



AA. Sai, 

chri- 
stianae 



Pontificum 



IO 



930 



031 
032 



033 



15 



034 
035 
036 



20 



25 



037 



038 
030 
040 



30 



35 



041 



042 



043 



044 



40 



045 



Pont. CXXVII.- 
Leo, VI, min, 
vii, dd. xv. 
I 

Pout.CXXVIIl. 
- Stxphan u s 

VII, aa. Il, 
min, II. 
/ 

II 



Pout.CXXVIJIl 

lOHANNBS XI, 

aa. v. 



// 

/// 

//// 



V 

Pont. CXXX. - 
Leo VII, aa, 
ni. 

/ 

ir 
ni 



Pont. CXXXI. - 
Stepii anu s 
Vili, aa. in. 
I 



II 



III 

Pont. CXXXII. ■ 
Martinus III 
aa. in. 

I 



II 



tioncm cligitur, qui mox eiectus est et Leo 
pontificatimi ottinuit. 



Berengarius ni in Italia imperium occu- 
pat annis vii. 

Saraceni ex Africa transfretantes Ge- 
nuam Italiae civitatem intrarunt et hostili more 
illam depredati et ingenti ditati praeda do- 
mum renavigant. 

Ugo, Burgundiae dux, contra Berengarium 
evocatus in Italiani transit et cum illuni su- 
perasset tres annos in Italiani praevaluit, post 
quos in Galliam rediens Loctarium, filium 
suum, Italiae regem reliquit. 



Loctarius in Italia regnat annis duobus. 

Sol per aliquot dies veluti sanguinem 
emanans apparuit; et statini repentinae plu- 
rimorum hominum infìrmitates et mortes sub- 
se cutae sunt. 

Berengarius un cum Alberto fìlio suo in 
Italia tyrannidem invadit annis xi. 

Berengarius Adalvidam Loctarii, Italiae 
quondam regis, uxorem ob regni suspitionem 
in carcere custodiri iubet. 



Otho contra Berengarium in Italiani est 
evocatus. 



■ 






Imperatorum 


AA. M. 


XI 


XXV 




xn 


X.WI 




XIII 


XXVII 


VtCSMX 


XIIII 


xx vm 




XV 


XXVIIII 




XVI 


XXX 




XVII 


XXX L 




XVIII 

Imp. XI. - 
O-tno. /felt- 
rici fili us, 
aa. xxx. 


XXXII 

xxxm 




// 


XXXIIII 




III 


XXXV 




un 


XXXVI 




V 


XXXVII 


vicxl 


VI 


XXXVIII 




VII 


XXXVUII 




Vili 


//; Oriente 
XL VII 
Consta N- 
tinus al- 
ter cum 
Komanofi- 
l io , a a . 

XVI. 

I 





<■. bz r 



2. ottinuit] A. optinuit — S. Berengarius] D. Berengharius — u. Africa] A. Affrica - transfretantes] il 
fr imo s aggitinto in M. — 14. renavigant] il re aggiunta interlineare di matto diversa in M. ■ — 20. Loctarium] .1/. 
Loctharium; D. Loctharium con P\\ aggiunto — 24. Loctarius] M. Lotharius; A. Lottharius; D. Loctharius — 
29-30. subsecutao] A. subsecute — 32. Loctarii] AI. Lotharii; A, D. Loctharii 



84 



MATTHEI PALMERII 



|AA. 940-962] 



C. 0_> V 



■-. 03 r 



AA. Sai. 










■* 


chri- 


Pontificum 




Imperatorum 


AA. M. 


stianae 




Fames in Gallia, in qua populi vel inhu- 








940 


in 


Villi 


II 








mano quoque cibo aegre sustentatur. 










'• ni. < xxxrri. 












- A i, a l'IT US 












II, aa. vii, mm. 












mi, 










947 


I 


Otho Italiani cura exercitu ingressus Be- 
rengarium apud Ticinium superat et Adalvi- 
dam carcere liberatam in matrimonium ac- 
cipit secumque in Germaniam ducit. 


X 


II! 




948 


II 




XI 


mr 




949 


III 




XII 


V 




950 


ini 




XIII 


VI 




951 


V 




XIIII 


VII 




952 


VI 


Berengarius graviter Italiani premens Ro- 
manos ad provocandum iterum Othonem com- 
niovit, qui potenti exercitu Italiani ingressus 
Berengarium superat et regno pellit. 


XV 


Vili 


vici 


953 


VII 

Poiit.cxxxrnr. 

- IOHANNES 
XII, aa. vili, 
mm. vii. 




XVI 


Villi 




954 


/ 




XVII 


X 




955 


II 


Francis regnat Loctarius, Ludovici filius, 
annis xxxn. 

Iohanne pontifice in omnem luxuriam dis- 
soluto, Otho a romanae ecclesiae patribus ur- 
bisque principibus evocatus, ut corruptos pon- 
tificis emendaret mores Romam proficiscitur, 
in qua urbe amplissimis honoribus usus coro- 
nam imperii suscepit. Et fuit primus, qui post 
translatum in Germaniam imperium imperiales 
titulos rite susciperet, quod postea observatum 
usque in praesens tempus Germani Pannonive 
imperii titulos usurpant. 


XVIII 


XI 




950 


III 




XVIII1 


XII 




957 


IIII 




XX 


XIII 




958 


V 


Circa haec tempora a Germania in Italiani 
singulis prope annis Otho frequentabat iter. 


XXI 


XIIII 




959 


VI 




XXII 


XV 




900 


VII 




XXIII 


XVI 

In Or i e ti te 
XL VIII 
Ny e ii i E- 

r HO RUS, 
aa X. 




901 


Vili 




XXIIII 


I 




902 


vini 


Iohannes ad honestam vitam saepius exhor- 
tatus cum de eius tandem emendatone despe- 
randum esset praesente Othone imperatore 
pontificali dignitate deponitur, post quam de- 
positionem discordiae ingentes de pontifice 
deligendo ortae sunt, Imperatore cum populo 
et patribus altercante; in qua contentione pri- 


XX\ " 


II 


Ttclx 



10 



15 



20 



25 



50 



35 



40 



45 



2. aegre] A. egre; in M. il segno di dittongazione agg. - sustentatur] 1). substentantur — 6. Ticinium] D. Tycinium 
— 2i. Loctarius] M. A. D. Loctharius — 22. xxxii] D. 32 — 23. luxuriam] M. su litura — 24. Ecclesiae] ile agg. in 
M.; A. accclesiac col e agg. — 31. Pannoni] in M. ed A. segue litura di i — 44. esset] D. foret 



■ 



[AA. 962-976J 



LIBER DE TEMPORIBUS 



85 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



AA. Sai. 










chri- 


Pontificum 




Imperatorum 


AA. M. 


stianae 




rao fuerat assumptus ab imperatore Leo ; mox, 




















eo remoto, assumitur a populo Benedictus; 












ipso quoque deposito Leo tandem papatum ot- 












tinuit anno uno mensibus quinque. 










Pont. CXXXV.- 












Beniìdictus V, 












min. in. Post 












quem CXXXVI 












Leo Vili, a. i. 












inni. V. 










963 


I 




XXVI 


III 




964 


n 

Pont.CXXXVU. 

- IOIIANNE S 

XIII, aa. vili 


Benedictus, qui fuerat pontifex, in exilio 
apud Saxones moritur. 


xxv ri 


ini 




965 


I 




XXVIII 


V 




966 


II 




XXVIIII 


VI 




967 


III 




XXX 

Imp. XII. - 
Otho II 
primiOtho- 
nis fili us, 

aa. XVii. 


VII 




968 


un 




/ 


vnr 




969 


V 


Iohannes pontifex a praefecto urbis cap- 
tus et aliquot dies in carcere custoditus in exi- 
lium tandem in Campaniam mittitur. 


II 


vini 




970 


VI 


Iohannes pontifex fretus Othonis auxilio 
Romam victor ingreditur et diversae factionis 
principes graviter punit. 

Iohannes ob remunerationem collati in se 
benefìcii Othonem, Othonis filium, Augustum 
appellavit. 


III 


X 

In Oriente 
XLVIII1 
Iohannes, 

aa. vr. 


• 


971 


VII 




un 


I 




972 


Vili 

Pont.CXXXVIH 
- Benedictus 
VI, a. i, min. 

VII. 




V 


II 


vt'c/w 


973 


I 




VI 


III 




974 


II 

Pont. CXXXIX. 
- Donus II, a. 
i, mm. vi. 


Benedictus in Adriani mole strangulatur. 


VII 


un 




975 


I 

Pont. CXL,- Bo- 

NIFATIUS VII, 

mm. II. 
Pont. QXLI. - 
Benedictus 
VII, aa. vili. 


Otho magno exercitu Italiani ingreditur. 


Vili 


V 




976 


/ 




vini 


VI 










In Orientem post Iohan- 










mm regnaverunt; Con- 










stali tinus ; Alexius ; Ma- 










nuhel; Manuhel, eittsfi- 










lius ; Androniitts ;Tsau- 










titis ; Basili ut ; A lexius ; 










Nicolatis ; Mortulphus ; 










Blandonius; Henri cus ; 










Petrus; et deinde Ro- 










bertus; quorum discerne- 








1 


re tempora 


non potiti. 





e. Ó3V 



3-4. ottinuit] D. obtinuit — 42. Manuhel] V\\ aggiunto in D. 



86 



MATTI 1KJ l'ALMKRll 



|AA. 977-994] 



e. óy r 



983 



984 



b4 v 



985 
986 
987 



988 



993 
994 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


P 


antificum 


977 




li 


978 




III 


979 




ini 


980 




V 


981 




VI 


982 




VII 



Vili 



Pont. CXLII. - 

IOIIANNES 
XIIII, «OH. Vili. 

I 



Pont. CXLII I,- 

IOIIANNESXV, 

mm. un. 



Pont. CXLIllI. 

- lOHANNES 

XVI, aa. x, 
mm. ini. 

/ 



/// 



//// 



989 


V 


990 


VI 


991 


VII 


992 


Vili 



Vili 
X 



Otho coronam, imperii insigne, a Benedicto 
suscepit. 



Otho contra Apulos et Calabros bellum movet 
eo, quod parere constantinopolitano imperatore non 
desisterent. 

Graeci comparato mercennario exercitu in Ita- 
liani contra Othonem transeunt et statim magna 
suorum strage superantur, quare Otho universam 
provinciam possidet et Beneventum, quod graecas 
sequebatur partes, capit. 

Iohannes quarto sui pontificati^ mense in Adria- 
ni mole reclusus et quatuor deinde menses inedia 
maceratus interiit. 



Otho imperator Romae diem obiit et in basi- 
lica sancti Petri honorato eximie funere sepellitur. 



Francis regnat Ludovicus, Loctariis uperioris 
iìlius, anno uno, post quem Carolus, eiusdem Lo- 
ctarii frater, annis ini. 

Statim assumpto in regnum Carolo Ugo cogno- 
mento Caputius ex genere comitum parisiensium 
contra eum rebellat et quattuor annos adivincem 
decertant. 

Grana tritici et pisciculos minutos ymbribus 
immistos pluisse in Gallia ferunt. 

Mortuo Carolo, Ugo cognomento Caputius re- 
gnum Francorum ottinuit regnavitque annis quatuor 
et finem habuerunt reges ex genere Caroli Magni. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



X 

XI 

XII 
XIII 
XIIII 
XV 



XVI 



XVII 



Imp. XIII. - O. 
tuo III secun- 
di Othonis fi- 
lius, aa. xvlii. 

II 
III 



un 



v 
vi 

VII 

viri 



vini 
x 



vitfxxx 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



vtexe 



40 



17. quatuor] In desinenza su Mura in A. — 20. Romae] aggiunta interlineare in M. ■ — 21. eximie] M, eximiac 
- sepellitur] D. sepelitur — 22. ini] A. D. in — 26. Loctarii] M.D. Loctharii — 27-28. Loctarii] M.A.D. Lo- 
etharii — 30. Ugo] M. Hugo con V\\ espunto — 34. ymbribus] D. imbribus — 35. immistos] In ultime lettere su 
litura in 31.; A. immixtos con un s sovrapposto a/Px; D. immixtos - pluisse] la prima sillaba su Ut ma in M. — 
37. Ugo] M. Hugo coli'h eraso — 38. ottinuit] D. obtinuit 



- 



|AA. 995-1011 1 



ÌAHEÌI DE TEMPORIBUS 



87 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 


Otho a Gregorio pontitìce coronam, imperii in- 


Impera- 
torum 


AA. M. 


995 


Pont. CXLV. - 
Gregorius V, 
a. i, mm. vili. 

I 


XI 




996 


II 


signe, suscepit. 

Francis regnat Robertus superioris Ugonis filius 


XII 




997 


Pont. CXL VI. - 

lOHANNKS 

XVII, a. I. 

/ 

Pont. CXL VII. 

SlLVESTER II, 

aa. mi. 


annis xxxuir. 

Ugo andeburgensis, Othonis prefectus, bona 
gratia Etruriam perhumaniter gubernat. 


XIII 




998 


I 




XIIII 




999 


II 




XV 




1000 


III 


Varia apparuerunt prodigia cometes in caelo 
est visus et terremotus fuit maximus. 


XVI 




1001 


ini 


Otho imperator Crescentem patritium Romae 


A VII 




1002 


Pont.CXLVIII. 

- lOH ANN li S 

XVIII, mm. v. 
Pont. CXLIX. 

- lOH A N N E S 

XVIIII, aa. 

mi, mm. vili. 

I 


principalum occupantem bellum superatum interimit. 
Ugo, Etruriae gubernator, Pistoni diem obiit. 


xvin 


vice 


1003 


II 




XVIIII 




1004 


III 


Henrico per electionem ad imperium assum- 
pto, primum institutum fuit ut in futurum non per 
sanguinis successionem duceretur imperium, sed 
proceres quidam in Germania principes una cum 
quibusdam Pannoniae principibus potestatem ha- 
berent imperatoris deligendi, quod usque in prae- 
sentem observatur diem. 


Imp. XIIII. - 

IIliNRICUS II, 
aa. XVIIII. 

I 




1005 


UH 


Arduinum imperium usurpantem Henricus su- 


// 




1006 


V 

Pont. CL.-Ser- 
GIUS UH, aa. 
III. 


peravit. 

Cometes in australi plaga emicuit. 


III 




1007 
1008 


/ 

II 


Fames et pestis miseranda fuit pene per orbem. 


ini 

V 




1009 


III 




VI 




1010 


Pont. CLI. - 

li E NEDICTUS 

Vili, aa. xi, 
mm. X. 1 




VII 




1011 


II 


Per huius Benedicti tempora maximum scisma 
in romana ecclesia fuit. 


Vili 





e. bs r 



e. b$ v 



4- Ugonis] AI. Hugonis — 5. xxxini] D. 34 — 6. 1] A. B. uno — 7. prefectus] D. praefectus — 12. come- 
tesi la desinenza su lilura in M. ed A. — 13. visus] la desinenza su iitura in M. ed A. - terremotus] A. terraemo- 
tus — 15. interimit] il secondo i su Iitura in M. ed D. — 19. Pistorii] D. Pisthorii — 31. Cometes] la desinenza 
su Iitura in M. ed A. — 33. Fames] la desinenza su lili<ra in AI. — 38. scisma] D. seysma 



ss 



MATT1IKI PALMKRli 



|AA. 1012-10J5| 



e. bbr 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Ponti fi cum 



1012 



1013 



1014 


V 


1015 


VI 


1016 


VII 


1017 


Vili 


1018 


Villi 


1019 


X 


1020 


XI 


1021 


XII 


1022 


Pont. CLII. - 

IOHANNBS XX, 

aa. xi. 

/ 



1023 



1024 



1025 
1026 

1027 
1028 
1029 
1030 

1031 

1032 



1033 



1034 
1035 



/// 



//// 



II 



III 



HIT 
V 

VI 

VII 
VIII 

vini 

X 



XI 
Pont. CL1II. - 

B INE DICTUS 
VlIII.ort. XIII, 
»/»;. in. 

I 



II 
III 



Ecclesia sepulcri domini nostri Iesu Christi ab 
infedelibus desolatur. 

Pannonos christianam religione publice rece- 
pisse quidam scribunl. 

Henricus coronam sumpsit imperii. 



Guido aretinus celeberrimi nomini» musicus 
claret. 



Ceno dux imperare volens repudiatur; quare 
biennio prorogatur electio Corradi, licet illuni Hen- 
ricus sibi successorem reliquisset. 

Robertus, Francorum rex, iam aetate confectus 
Ugonem fìlium suum consortem regni facit et cum 
eo regnat annis sex. 



Corradus Romani ingressus a Iohanne pontirìce 
in imperatore est unctus. 



Francis regnavit Henricus, Roberti superioris 
iilius, annis triginta. 

Corradus contra Pannonos et Dalmatas prospere 



gerit bellum. 



Corradus rebellantes Langobardos et per varia 
Italiae loca et maxime per Venetiam atque Emiliam 
passim et ubique depredantes repressit atque con- 
tri vit. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



X 

XI 
XII 

XIII 

XIIII 

XV 

XVI 

XVII 

XVIII 

XVIIII 

Vacat imjerium 
aa. II. 



Il 



http. XV. -Cor- 
radus II, aa. 

XV, min. V.' 

/ 

II 

III 

hit 
v 

VI 
VII 

Vili 



vini 



x 

XI 



vteex 



10 



Ttcr.w 



15 



20 



25 



30 



vtccxxx 



35 



40 



i. sepulcri] aggiunta interlineare in A. — 3. Pannonos] la desinenza su litura in M. ed A. — 18. Corradi] 
D. Conradi — 23. Corradus] D. Conradus — 26. Corradus] D. Conradus — 27. unctus] in M. ed A. precede litura 
di in — 32. triginta] A. xxx: D. 30 — 33. Corradus] D. Conradus - Pannonos] desinenza su litura in M. ed A. — 
3S. Corradus] D. Conradus - varia] desinenza su litura in M. ed A. 



|AA. 1030-1053| 



L1BKR Ì)K TEMPORIBUS 



89 



10 



15 



20 



25 



Ì0 



35 



40 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 


Pontifìcum 


1036 


IIII 


1037 


V 


1038 


VI 


1039 


VII 


1040 


Vili 


1041 


Villi 


1042 


X 


1043 


XI 


1044 


XII 


1045 


XIII 




Pont. CLIIII. - 

SlLV ESTER 

III, mm. il. 
Pont. CLV. - 
Gre go rius 

VI, (la. II. 


1046 


1 


1047 


II 




Pont. CLV/. - 
Clemens II, 
a. i. 


1048 


I 




Pont. CL VII. - 

Damasus II, 

>n. i. 
Pont. CL Vili. - 

Leo Villi, aa. 

v, mm. il. 


1049 


I 


1050 


II 


1051 


III 


1052 


ini 


1053 


V 



Andreas, Pannoniae rex, gravis senecta, con- 
sentiente Bebla eius fratre, Salonem lìlium suum 
regem facit; qui mox mortilo Andrea patre a La- 
dislao, Beblae filio, regno pellitur. 



Lanfrancus ticiniensis ecclesiasticae disciplinae 
haud sane ignobilis auctor in Gallia claret. 



Scisma et contentiones maximae in ecclesia Dei 
fuere, tribus pontiticibus uno tempore Romae di- 
scordantibus, propter quod universalis ecclesia dim- 
mìnuta invenitur et pontifices ab imperatore fuisse 
electi ; in qua discordia Theophilatus alius pontifex 
Iolianni sacerdoti pontilicatum vendidit. 

Pluribus de pontificatu contendentibus Henri- 
cus Romani ad componendas discordias profectus 
coronatur. 



Ecclesia sepulchri domini nostri Iesu Christi 
readilicata est constantinopolitano imperatore pro- 
curante. 



Concilium vercellense, in quo Berengarius tu- 
ronensis ecclesiastici cuiusdam novi auctor erroris 
damnatus est. 

Robertus Guiscardus e Gallia cum exercitu 



Impera- 
torum 


AA. M. 


XII 




XIII 




XIIII 




XV 




r,nf. X vi. - 

HenricusIII, 




mi, VII, inni. 




VI.' 




I 




II 




III 


viccxl 


ini 




V 




VI 




VII 




Vili 




vini 




X 




XI 




XII 




XIII 


vice/ 


XIIII 





e. 66 v 



e. Ò7 r 



12. ticiniensis] D. tveiniensis - ecclesiasticae] A. aecclesiasticae — 13. auctor] D. autor — 20. Scisma] M. 

/iiura di i - maximaej M. maxime - ecclesia] A. aecclesie — 22-23. dimrninuta] D. diminuta — 23. ab] su Mura 

in M. ed A. - imperatore] segue ima iitura di m in M. ed A. - fuisse] D. omm. — 2J. electi] /'i su li tur a in M. 

ed A. — 27-2S. profectus coronatur | in M. ed A. di mano diversa; su iitura in M, aggiunta marginale in A. — 

5 33. mense] in a precede anno espunto — 41. auctor| D. autor 



MO 



M ATTUISI PALMERI1 



LAA. 1053-1004] 



6;r 



AA. Sai, 

chri- 

stianae 



Pontifìcum 



1054 
1055 

1056 
1057 



1058 



1059 
1060 



1061 



1062 
1063 
1064 



Pont. CL Villi. 
-Victor II, o«, 
li, mm. vili. 

/ 

II 



III 
Pont. CLX. - 

StEPH A NUS 

Vllir, mm. x. 
I 



Pont. CLXI. - 
Ben kdICtus 
X, mm. vini. 



Pont. CLXI1. - 

NlCOLAUS II, 

liti. III. 



I 
II 



III 



Poni. CLXIII,- 

A L E X A NDER 

II, aa. xi, mm. 
VII. 

I 

II 

III 



profectus Apuliam ottinuit, fugatis ex ea provincia 
Graecis atque Afris, qui sub Italorum contentione 
illam possidebant. 



Sinodus Florentiae celebratur, in qua multi epi- 
scopi propter simoniam fornicationemve daranantur. 



Stephanus abbas fuit Montis Casini et deinde 
factus pontifex Florentiae diem obiit et in cathe- 
drali seppellitur ecclesia. 



Henricus adhuc infans Henricum patrem amisit 
et sub matris tutela regnare cepit. 

In electione huius Benedicti quidam praetio 
corrupti magnas dissensiones inter patres susci'ta- 
verant, qua propter de pontifice deligendo nova 
constitutio facta est, quam Nicolaus post assum- 
ptionem sui statim sancivit et observari decrevit. 

Robertus Guiscardus Siciliam ottinuit, pulsis 
ex ea Afris et illam fratri suo Roggerio donavit. 

Hic Nicolaus cum esset florentinae urbis epi- 
scopus bona vitae fama ad pontiticatum eligitur. 

Francis post Henricum regnavit Philippus, eius 
fìlius, vivente patre in regno assumptus regnavitque 
annis xlviiii. 

Monstrum feminino sexu in pago brittannico 
nascitur, quod ad integram provectum aetatem fe- 
runt infra umbelicum unitum, supra vero gemina- 
tum habens hominem. 



Fames ingens per orbem et lugubris pestis. 

In Cisalpina Gallia parmensis Episcopus in pon- 
tificem fuit electus, qui bis contra Alexandrum usque 
Romani profectus est armata vi; tandem interce- 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XV 
XVI 

XVII 



Imp. XVII. - 
HbnricusIIII 
tertii Henrici 
filius, an. i.. 



/ 



II 
III 



un 



v 

vi 

vii 



. 



10 



15 



20 



25 



50 



35 



vicclx 



40 



i. ottinuit] D. obtinuit — 6. Sinodus] I). Synodus — 7. simoniam] D. symoniam - damnantur] A. dan- 
nantur — 12. seppellitur] D. sepelitur - ecclesia] A. aecclesia] — 16. cepit] D. caepit — 19. dissensiones] il si 
su litura in M. — 19-30. suscitaverant] M. suscitaverat — 23. ottinuit] D. obtinuit — 27. vitae] A. vite — 29. 
post] in A. aggiunta interlineare — 32. feminino] Po su litura in M. - brittannico] A. britannico 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



[AA. 1005-1084J 

Pontificum 



LI BER DE TEMPORIBUS 



91 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



1065 


IIII 


1066 


V 


1067 


VI 


1068 


VII 


1069 


Vili 


1070 


Villi 


1071 


X 


1072 


XI 


1073 


XII 




Pont. CLX1III. 
- Greg o r i u s 
vii,00. xii, «k.i. 


1074 


/ 


1075 


II 


1076 


III 


1077 


un 


1078 


V 



1079 


VI 


1080 


VII 


1081 


Vili 


1082 


Villi 


1083 


X 


1084 


XI 



dente imperatore Ilenrico concilium Mantuae indi- 
citur, in quo' scismate composito Alexander con- 
firmatur. 



Cometes in caelo apparuit. 
Petrus Damianus et Petrus Alphonsus nomi- 
natissimi habentur. 

Florentinae urbis pomeria a ripis Arni fluminis 
ultra sacras Laurentii aedes per haec tempora per- 
petuo ambitu deducuntur. 



Iohannes Gualbertus, devotissimus Christi mo- 
nacus et religionis Vallis Umbrosae ordinator et 
princeps, miraculis clarus moritur. 



Mathildis comes nobilissima femina virtute et 
gestis clarissima habetur. 

Ob usurpationem alieni iuris tanta inter Impe- 
ratorem et Pontificem aucta est inimicitia ut Gre- 
gorius Henricum imperiali dignitate deponeret et 
Rodulphus in Germania novus imperator electus sit; 
sed non multo post apud Cann'usium oppidum con- 
ventione facta Henricus ad unionem ecclesiae re- 
versus imperium resumit. 

Gregorius pontifex constantinopolitanum impe- 
ratorem ecclesiae communione interdixit. 

Florentia ab Henrico obsessa in Pontificis ta- 
men partes perseverat. 

Gregorius conciliarem episcoporum congrega- 
tionem habuit, in qua quaedam constituens diver- 
sae partis episcopos privavit. 



Henricus imperator adversus Pontificem gerens 
bellum urbem capit et in Adriani mole Gregorium 
obsessum custodit, donec Gregoriani Roberti Gui- 
scardo qui in Apulia dominabatur, auxilio freti 
obsidentes abire Senas compulerunt. 



Impera- 
torum 



Vili 
Villi 
X 
XI 

XII 
XIII 



XIIII 

XV 

XVI 



XVII 

XVIII 

XVIIII 

XX 
XXI 



XXII 

XXIII 

XXIIII 



XXV 

XXVI 

XXVII 



AA. M. 



e. 63 f 



viccl\x 



68 -v 



vicclxnn 



2. scismate] la desinenza su litura in M. - composito] il co su litura in il/. — 6. Cometes] V es su litttra in 
M. ed A. - caelo] D. celo — 7. Alphonsus] il A. Alfonsus col? i sormontato da un ph — 16. umbrosae] A. um- 
orose — 36. dignitate] D. auctoritate — 28. Cannusium] D. Canusium — 29. ecclesiae] M. eclesiae — 32. eccle- 
siae] il/, eclesiae ; A. aecclosiae 



92 



MATTHEI PALMliRIJ 



e. ÒQr 



e. 6t)v 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 


1085 


XII 




Pont. CLXV. - 
Victor III, a. 

1, 1117«. vini. 


1086 


/ 


1087 


II 




Pont. CLXVI.- 
Urbanus II, 
aa. xil, m in. 

mi. 


1088 


I 


1089 


II 


1090 


III 


1091 


ini 


1092 


V 


1093 


VI 



1094 
1095 
1096 



1097 
1098 

1099 



1100 



VII 

Vili 

Villi 



X 
XI 

XII 



Pont. CXLVII. 
- Pascalis II, 
aa. xviii, mm. 
v. 




Carlusiensis ordinis initium. 

Victor hausto in sacro calice veneno interiit. 



Henricus Florentinos iterum obsidet, quia Pon- 
tifìcis partes fovere et sequi non desisterent. 

Anselmus canturiensis episcopus bonitate vitae 
et ingenii acumine in Anglia claret. 



Belzethus, Theucrorum rex, Graeciam ingenti 
armatorum ingredit numero, obsistentes superat, 
aliquot urbes expugnat et imperatore capto prò 
vili utitur mancipio. 



Christianorum principes a Petro heremita 
ignoto antea nomine contra Saracenos sullevati, in- 
genti multitudine, Gotthofredo Bullionio duce, Gal- 
lia moventes per Germanorum fines atque Panno- 
niam Bizantium vadunt ac inde, transmisso Helle- 
sponto, Niceam primo, mox Antiochiam et plurimas 
alias Saracenorum urbes capiunt. 

Cometes in occidentali plaga visus est. 

Cisterciensis religio caepta et primum eius 
cenobium fundatum. 

Hierosolima a nostris capitur duce Gotthofre- 
do, quem Christiani coronare volentes, ipse renuit 
asseverans nolle auream ferre coronam in ea urbe, 
in qua Christus spineam tulisset. 



Gotthofredus moritur post quem Hierosolimis 
regnavit Balduinus eius frater annis xviii, in qui- 
bus Aegyptios ter in prelio superavit, et Calipham 
eorum regem tandem interemit. 

Syracusis terremotu concussis, ecclesia maxima 
corruit et populi multitudinem oppressit. 



|AA. 1085-11 00 1 
AA. M. 



XXVIII 

XX VII II 
XXX 

XXXI 

XXXII 
XXXIII 

XXXIIII 

XXXV 

XXXVI 



XXXVII 
XXXVIII 
XXX VII II 



XL 
XLI 

XIII 



xirri 



10 



TICCXC. 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



3. Cartusiensis] il secondo s su litura in M. ed A. — 4. hausto] Ph aggiunto in M. — 5. CLXVI] in A. 
CLXXVI col secondo X espunto ■ — io. Canturiensis] le ultime sillabe su litura in HI. ed A. — 15. obsistentes] D. 
obsidentes — 21. sullevati] I). sublevati — 27. Cometes.... visus] le desinenze su litura in M. ed A. — 28. Ci- 
sterciensis] erci su litura in M. ed A. - caepta] M. A. cepta — 30. Hierosolima | M. A. Ilierusolima — 30-31. Got- 
thofredo] A. D. Gothofredo — 31. Christiani .... volentes] D. Christianis volentibus; le desinenze su correzione 

— 32. ipse] D. omm. auream ea] su litura in AI. — 36. Hierosolimis] MA. Hierusolimis — 3S. Aegyptios] D. 

Egyptios - 2)relio] D. praelio — 40. Syracusis.... concussis] iti A/, le desinenze su litui a — 41. oppressit] Ut 
in D. correzione di s 



[AA. 1101-1118] 



LIBER DE TEMPORIBUS 



93 





AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontificum 




1101 


II 




1102 


III 


5 




«1 




1103 


mi 




1104 


V 


10 


1105 


vi 




1106 


VII 




1107 


Vili 


15 


1108 


I -//// 




1109 


X 


20 


ino 


XI 




1111 


XII 



25 



30 



40 



1112 
1113 

1114 

1115 



1116 
1117 



1118 



XIII 

XIIII 

XV 

XVI 



XVII 
XVIII 



Corradus, Henrici imperatoris rilius, Fiorentine 
moritur. 

Ilenricus coronam imperii a Pascale sumit et 
non multo post illum cum multis ecclesiae prelatis 
capit et in carcere recludit, unde parum post libe- 
ratus evasit. 

Bernardus monacus claravallensis vita et do- 
ctrina insignis habetur. 

Florentiae concilium celebratur episcoporum 

CCCXLI. 



Pont.CLXVIII. 

Gelasius II, 
a. i. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



Ilenricus proximi Henrici iìlius fuit et cum 
imperium assumpsisset Henricum patrem nefando 
scelere carcere maceravit usque ad mortem. 

Francis post Philippum regnavit Ludovicus an- 
nis xxii. 

Henricus Italiani ingressus Romam venit, in 
qua urbe cum benigne et summo honore fuisset 
receptus paternum volens imitare exemplum Pasca- 
lem Romanorum pontiricem et universos ecclesiae 
praelatos per fraudem intercepit et eorum bona in 
suorum praedam convertit. 



In agro emiliano atque flamineo idibus iunii 
sanguis pluit. 

Veneti maximo exercitu in Dalmatiano navi- 
gant et Sibinitium depredantes nonnullas quoque 
capiunt urbes. 

Henricus in Italiani reversus Romam absente 
Pontifìce ingreditur ibique concedente populo et 
adversantibus patribus cum rite coronari non obti- 
neret Mauritium suae parti archiepiscopum evocavit 
et ab eo sibi imponi coronam iussit. 

Pascatis post Henrici discessum biduo postquam 
Romam redierat, moritur xv kalendas februarii. 



Persistente adhuc in Italia Henrico et pontifi- 



xi. mi 



XL I • 



A L I 7 
XL l 'Il 

XL I 111 

xLvirn 



Imo, XV HI. - 
Henricus V, 

aa. XX. 
I 



II 

III 
IIII 



VICCC 



V 

VI 
VII 

Vili 



x 



vi ce ex 



,-. ;o r 



XI 



i. Corradus] D. Conradus — 3. Pascale] /'e su litura in M. ed A. - 4. ecclesiae] A. aecclesiae - prelatis] 
D. praelatis — Sj monacus] A. monachus col/'h espunto — 24. Ecclesiae] in A. i' /rimo e aggiunta — 25. inter- 
cepit] D. inteivaepit — 29. flamineo] A. D. tlammineo — 31. maximo Dalmatian] D. in Dalmatian maximo 

exercitu — 32. depredantes] D. depraedantes — 36. ingreditur] in A. segue un b espunto — 38. archiepiscopum] 
S archi in A/, aggiunta marginale di mano diversa 



94 



MATTHEI PALMERII 



|AA. 1118-1130] 



e. 7t r 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



1119 

1120 
1121 

1122 



1123 
1124 



1125 



1126 
1127 



1128 
1129 

1130 



Pont. CLXrX. - 
Calistus II, 
aa. vi.' 

/ 



II 
III 



ini 



v 
vi 



Pont. CLXX. - 

ilONORIUS II, 

aa, v, mm, II. 



// 
III 



un 



v 

Pont. CLXXf. - 
Innocenti u s 
II, aa. XIII, 
min. vili.' 

I 



cis partes persequente Gelasius in Gallias refugit 
ibique statini vita functus interiit. 

Post mortem primi Balduini apud Hierosolimam 
regnavit Balduinus II, ex nostris rex tertius annis 
xin. Hic Gazim, Persarum regem, praelio victum 
interemit et Damascenorum Ascalonitarumque re- 
ges prostravit. 

Henricus Calisto pacem dedit et inde in Ger- 
maniam proficiscitur. 

Ignis immensus in orientali plaga circa auro- 
ram per sex horas flammas emisit, donec ex occi- 
dente adveniens turbo imbre copioso illuni extinxit. 

Balduinus defìcientibus sedulo Christianis ex 
Europa transfretatis multos Christi fideles ex trans 
Iordanem convocavit, quos simul cum suis Hieru- 
salem inhabitare fecit. 

Tyrum, florentissimam Phenicum urbem, chri- 
stiani caeperunt. 

Hiems in qua multa pecora hominesque f rigore 
magno periere et frugibus exustis miserabilis fames 
subsequitur. 

Ugo de Sancto Victore, insignis theologus, 
Parisii floret. 



Tyrum urbem maxima strage populi terremo- 
tus fere subvertit. 



Innocentius a Romanis Anacleto antipapae fa- 
ventibus pene destitutus in Galliam transit et a 
Francorum rege summo honore receptus duo con- 
cilia celebravit, in quibus conventione facta Locta- 
rius in Italiani transiens illum Romam in pristinam 
dignitatem reduxit, cuius beneficii merito coronam 
jmperii in eadem urbe suscepit. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



*» 



XII 

XIII 
XIIII 

XV 



XVI 

XVII 



XVIII 



XVIIII 



XX 



Intp. XVIIII. - 

LOCTARIUS II, 
aa. xi. 



/ 



II 



III 



5 



10 



VICCCKX 



15 



20 



25 



30 



40 



3. Hierosolimam] A. M. Hierusolimam — 13. donec] Po aggiunto in il/. — 16. transfretatis] le sillabe freta 
sic litura in il/, ed A. — 23. Hiems] A.D. Hiemps — 34. exustis] exhustis colPh espunto in il/.; exuxtis con un s 
sovrapposto al secondo x in D. — 27. Ugo] /'11 su litura in il/. — 28. Loctarhis] il/. A. Loctharius — 29. Tyrum] 
la desinenza su litura in M. ed A. - urbem] aggiunta interlineare di mano diversa in il/, ed A. — 29-30. terre- 
motus] /'s aggiunto in M. ; P. terraemotus — 35. antipapae] M. antipape — ■ 37-38. Loctarius] M. Lottharius; 
A. D. Loctharius — 40. in] segno in A. con un u espunto 



[AA. 1131-11471 



LIBER DE TEMPORIBUS 



95 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 


Pontifìcum 


1131 


II 


1132 


III 


1133 


un 


1134 


V 


1135 


VI 


1136 


VII 


1137 


Vili 


1138 


vini 


1139 


X 


1140 


XI 


1141 


XII 


1142 


XIII 


1143 


XIIII 




Pont. CLXXII- 
Celestinus II, 
mm, v,</</. xml. 

Pont. CLXXIH- 
Lucios II mm. 
xi, dd. un, 


1144 


I 




Pont. CLXXIII- 

EUGENIUS III, 

aa.viii.mm. vii, 
dd. xx. 


1145 


I 


1146 


II 


1147 


III 



Hierosolimitanorum mi regnavit Fulco, supe- 
rioris Balduini gener, annis xi. 

Francis regnat Ludovicus, precedentis Ludo- 
vici filius, annis xlviii. 

Egyptii sub variis ducibus Christianos Hieru- 
salem tenentes infestant et pluribus in locis per 
eorum urbes irrumpunt, qua propter reintegratur 
bellum, in quo nostri nonnullas urbes ceperunt et 
aliquas sibi tributarias fecerunt. 

Diuturnus et estuans calor in Gallia tantam 
siccitatem dedit, ut pluribus in locis terra fomite 
inmista maximo populorum terrore flammas emit- 
teret. 



Loctarius iter faciens in patriam Veronae mo- 
ritur. 

Ascalona maritima, Iudeae urbs, a Christianis 
capitur. 



Fulco, Hierosolimitanorum rex, dum leporem 
insequitur casu equi corruit; cui succedit ex no- 
stris rex v Balduinus III eiusdem Fulconis filius an- 
nis XXIIII. 



Messopotaniae populi ad Christi fidem maiori 
suorum hominum numero convertuntur. 



Ludovicus, Galliae rex, Corradum imperatorem 
movit et ingenti multitudine ad expugnationem 
sanctissimae terrae in Christianorum subsidium, 
quia sedulo ibi defecerant, transiere, verum, cum 



Impera- 
torum 


AA. M. 


ini 




V 


VtCCCXNX 


VI 




VII 




Vili 




Villi 




X 




XI 




Imf. XX - Cor- 
radus III, an. 
XIIII. 

I 




II 




III 




ini 


vicccrl 


V 




VI 




VII 




Vili 




\ ini 





7i ■ 



i. Hierosolimitanorum] M. Hierusolimitanorum — 2. annis xi] aggituita di mano diversa in M. — 3. prece- 
dentis] A. D. praecedentis — 6. variis ducibus] le desinenze su liiura in il/, ed A. — 9. ceperunt] A. D. caeperunt 

— 14. inmista] D. immixta — 18. Loctarius] il/. A. Lottharius; D. Loctliarius - Veronae] il/. A. Verone — 20. 
Corradus] D. Conradus — 21. Christianis] il/. A. su litura — 25. Hierosolimitanorum] il/. A. Hierusolimitanorum 

- leporem insequitur] 5« litura in il/. — 34. hominum] D. omm. — 39. Corradum] />. Conradum — 42. defecerant] 
di mano diversa su litura in il/. 



96 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 1147-1161] 



e. 72 r 



e. 72 v 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



1148 
1149 



1150 
1151 



1152 



1153 



1154 



1155 
1156 
1157 
1158 
1159 



1160 



1161 



//// 
V 



VI 
VII 



Vili 



\ I/Il 



Pont.CLXXV,- 

A NA ST AS1US 
HIT, a. i, min. 
V. 

I 

Pont. CLXXVI. 

- Hadrianus 
mi, aa. imi 

min. X. 



/ 
// 
/// 
//// 

V 



Pont.CLXXVII. 
- Alexander 

III, aa. xxii. 

/ 



// 



per Syriam temere vaderent, fame oppressi eodem 
anno domum rediere. 

Veneti subsidiariam quoque classem in Chri- 
stianorum favore misere. 

Roggerius, Apuliae et Siciliae rex, in Africani 
transiens, plures uvbes capit et earum regem sibi 
tributarium facit. 

Balduinus, Hierosolimitanorum rex, Egyptios at- 
que Babylonos superat, supra quinque eorum milibus 
interfectis. 



Alfonsus, Hispaniae rex, ab expugnati on e san- 
ctissimae terrae rediens moritur, cui successit San- 
tius eius filius maior et illi non multo post Fernan- 
dus frater, qui in Arabia prò Christi nomine bel- 
lando interiit et successit ei Alfonsus eius iìlius. 



Roggerio, Siciliae regis, succedit Guiglelmus. 



Federicus imperator Romae ab Hadriano co- 
ronatur. 

Spoletum a Federico pene desolatum. 

Crucis figura in luna publice est visa. 

Riccardus monacus, praestabilis doctrinae ho- 
mo, et sine ulla dubitatione acutissimus disputator 
Parisii clarus habetur. 



Alexander statini post assumptionem sui a Fe- 
derico persecutus refugit ad Francos, quam ob 
causam Federicus contra ipsum quatuor creavit 
falsos pontifices: Victorem scilicet primo, inox Pa- 
scalem, deinde Calistum et Innocentium. Qui om- 
nes bello quod auxiliantibus Francorum et Anglo- 
rum regibus in favorem veri Pontificis gestum est 
superati, una cum Imperatore quievcrunt. 

Alexandria inter Alpium radices urbemque 



Impera- 
torum 



AA. M. 



X 
XI 



XII 
XIII 



XIIII 

Imp. XXI. - 1 i> 
DERICUS I, aa. 
XXXVII. 



// 



/// 
//// 
V 
VI 

VII 



Vili 



\ 'ini 



K) 



vicccl 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



3. subsidiariam] Ps aggiunta vi M.; A. sussidiariam — 7. earum | /'a su litura in il/. — io. Hierosolimita- 
norum] M.A. Hierusolimitanorum — 11. Babylonos] le due ultime sillabe su titurn in M. ■ — 14. Federicus] D. 
Fredericus — 15. Hispaniae] A. Hvspaniae — 16-17. Santius] I). Sancius — 22. Guiglelmus] I). Uuiglielmus co/I' i 
aggiunto — 25. Federicus] A Fredericus — 27. Federico] D. Frcderico 35-36. Federico | /). l^rederico — 

37. Federicus] D. Fredericus 



[AA. 1161-11771 



LIBER DE TEMPORIBUS 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



AA. Sai. 
chri- 

stianae 



1162 



1163 
1164 



1165 
1166 



1167 



1168 



1169 



1170 
1171 



1172 

1173 

1174 
1175 
1176 

1177 



Pontifìcum 



/// 



//// 
V 



VI 
VII 



Vili 



vini 



x 



XI 
XII 



XIII 

xml 

XV 

XVI 

XVII 

XVIII 



Ticinium supra Tanarum amnem contra Ticinienses 
Imperatori faventes aedificata est et ab Alexandro 
pontifice nominata. 

Mediolanum a Federico captum magna ex 
parte subvertitur, postquam illud septem annos 
obsederat. 

Ludovicus, Galliae rex, sexagenarius et sine 
liberis, precepit universis sui regni populis et reli- 
giosis viris orare Deum, ut sibi filium concederet, 
et sequenti anno filius ei natus est, quem vocavit 
Philippum. 

Hierosolimitanorum vi regnavit Amaricus, Bai- 
duini frater, annis xn, et primo sui regni' anno Dar- 
gontem, Aegyptiorum ducem, in praelio divinitus 
super avit. 

Romam Federico obsidente, eius exercitus a 
pestilentia pene deletur. 

Corpora trium magorum, olim a Persarum re- 
gione Mediolanum translata, a Rodulpho, Colonien- 
sium archiepiscopo, Coloniam deportantur. 

Tres soles in occidente simul visi sunt nonis 
semptembris et post duas horas, deficientibus cae- 
teris, qui medius fuerat solus occidit; similique 
modo proximis annis tres lunae apparuerant. 

Terremotus circa hoc tempus pluribus annis 
nonnullasprovincias quassaruntet praecipue Syriam 
atque Siciliani, in quibus plurimae urbes nutarunt 
et quaedam maxima strage populi corruerunt. 

Petrus Lombardus, parisiensis episcopus, qui 
sententiarum librum edidit, clarus habetur. 

Saladinus Calypham aegyptium dominum suum 
interimit et suo regno potitur. 

Fiorentini Senenses ad Ascianum superant. 

Fiorentina urbs duobus incendiis magna ex 
parte concrematur. 

Alexander pontifex timens imperatorias vires 
Venetias refugit; qua propter Imperator armavit 
contra Venetos classem, cui praefecit Othonem fi- 




X 



XI 
XII 



XIII 
XIIII 



XV 



XVI 



XVII 



XVIII 

X vini 



XX 

XXI 

XXII 

XXIII 

XXIIII 

XXV 



vicccls 



e. 73 r 



viceclxx 



C 73 -o 



i. Ticinium] D. Tycinium - Ticinienses] D. Tycinienses — 2. aedificata] A. edificata — 4. Federico] D. Fre- 
derico — 14. Hierosolimitanorum] M. A. Hierusolimitanorum — 16. Aegyptiorum] A, D. Egyptiorum — 18. Federico] 
D. Frederico — 21. Rodulpho] A. Rodulfo — 22. archiepiscopo] in A. archi aggiunta interlineare — 26. apparuerant] 
in A. la desinenza su litura — 2S. Terremotus] D. Terraemotus — 29. quassarunt] A. la desinenza su litura — 
5 30. Siciliani] D. Cyliciam - plurimae] AI. plurima — 33. edidit] M. D. aedidit — 34. aegiptium] in M. f recede un 
do espunto; D. egiptium — 35. interimit] il secondo i su litura in M. — 40. imperatorias] il secondo a aggiunto in M. 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 — 7. 



e. 74' 



98 

AA. Sai. 

chri- 
stianae 



MATTHEI PALMER1I 



Pontifìcum 



1178 



1179 

1180 
1181 



1182 

1183 
1184 



1185 



1186 



1187 



XVII li 



XX 

XXI 
XXII 



Pont i fi e u m 

CLXXvirr. - 

LuTlusIII.aa 
mi, mm. ili. 



// 
/// 



//// 



Fon tifi cu m 
CLXXVIIII. - 
Urbanus III, 
aa. II. 



// 



lium suum et ad reposcendum Pontificem misit. Ve- 
runi Otho primo concursu navali praelio supera- 
tus et captus Venetias adducitur. 

Othone captivo, Imperatoris fìlio, procurante su- 
blatum scisma est et inter Imperatorem et Pontificem 
acta pax summo honore Venetum, quibus ad futu- 
ram rei memoriam Pontifex quaedam insignia per- 
petuo ferenda donavit. 

Hierosolimitanorum vii Balduinus ini regna- 
vit annis vi et fuit Amarici superioris regis filius. 

Francis regnat Philippus, Ludovici filius, an- 
nis XLIIII. 

Balduinus, Hierosolimitanorum rex, Saladinum, 
Aegyptiorum regem, non longe ab Ascalona supe- 
rava et in'fugam vertit. 



Petrus Commestor, qui scolasticam scripsit hi- 
storiam, floret. 

Balduinus lepra infectus uxorem non du'xit; 
qua re, cum vitae finem sibi imminere intellexisset, 
Sibillae sororis suae filium puerum, Balduinum et 
ipsum nomine, post sui mortem sub tutelam tripo- 
litani Comitis regnare iussit. Mortuo igitur seniore 
Balduino, et non multo post iuniore viam univer- 
sae carnis ingresso, Sibilla, eius mater, quae ad 
secundas transierat nuptias, Guidonem virum suum 
regnare procuravit. Guidone igitur regnum adepto 
inter eum tripolitanumque Comitem pernitiosa exo- 
ritur dissensio, in qua Comes Saladino adherens 
maximum detrimentum nostris comparavit. 

Federicus omnes Etruriae civitates agraria di- 
tione privat praeter Pistorium. 



Iohachim abbas, vir prophetico spiri tu plenus 
et in scientia sacrarum litterarum doctus, in Cala- 
bria floret. 

Saladinus per nostrorum discordias vires ade- 
ptus, post maximam Christianorum stragem tandem 



IAA. 1177-1187J 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XXVI 



XXVII 

XXVIII 
XXVIIII 



XXX 

XXXI 
XXXII 



10 



15 



viccclxw 



20 



XXXIII 



XXXIIII 



XXXV 



25 



• 



30 



35 



40 



9. Ilierosolimitanornm] il/. A. Hierusolimitanorum — 14. Hierosolimitanorum] MA. Hierusolimitanorum — 
15. Aegyptiorum] A. Egiptiorum; I). Egyptiorum — iS. Lutius] D. Lucius — 19. Commestor] D. Comestor — 
24. Sibillae] D. Sybillae — 24. puerum, Belduinum] su Utura in A. — 27-28. universae] M. universe — 2S. Sibilla] 
D. Sybilla — 34. Federicus] D. Fredericus — 34-35. ditione] su Utura di matto diversa in M. ed A. — 38. Ioha- 
chim] D. Iohachìn — 39. doctus] in AI. ed A. su Utura di mano diversa 



[AA. 1187-1195J 



LIBER DE TEMPORIBUS 



99 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



Pontificum 



1188 



1189 



1190 
1191 



1192 



1193 
1194 



1195 



Poni. CLXXX. - 
Greco ri us 
Vili, mm. il. 

Pont. CLXXXI. 
-ClemensIII, 
aa. Ili, MM. V. 
dei. xvi. 



// 



III 

//// 



Pont.CLXXXII. 
Celestin US 
Ill.aa. VI, mm. 
villi. 

/ 



/// 



//// 



hoc anno Hierosolimam recepit, quam urbem post 
Gotthofredum Chrisliani reges per otto et ottua- 
ginta annos nobilitata gloria possederant. 



Federicus imperator et Filippus, Francorum 
rex, et Ricchardus quoque rex anglicus una cum Cle- 
mente pontifice in subsidium atque recuperationem 
sacratissimae terrae convenere et hoc eodem anno 
exercitum navibus premisere. 

Florentinis ad decimum lapidem est restituta 
potestas. 

Federicus, cum iam Syriam teneret et quae in 
Christianorum subsidio oportuna videbantur prae- 
pararet, dum in flumine lavaretur, clausis vitae mea- 
tibus suffocatur. 



Philippus, Francorum rex, Brundusio movens 
in Syriam exercitum traducit et cum Ricchardo, 
Anglorum rege, castra coniungit simulque contra 
Saladinum prospere primo bellum gerunt. Mox 
discordantibus nostrorum regibus Philippus in Gal- 
liano est reversus. Ricchardus nihilominus presenti 
anno bellum strenue prosequitur; anno vero se- 
quenti et ipse quoque domum revertitur. 



Caelestinus xvi kalendas maij sua pontificali 
coronatione in pascali solemnitate celebrata, postri- 
die Henricum Romae coronavit. 

Solis facta defectio. 

Saladinus post longam persecutionem ac no- 
strorum cedes apud Damascum obiit et eius filii 
regnum inter se diviserunt. Qua propter Saphan- 
dinus, Saladini frater, gravatus eo quod nullam 
regni partem sibi Saladinus reliquisset, eiusdem 
tìlios regno pepulit et ipse solus in futurum re- 
gnavit. 

Henricus imperator Siciliani ottinet. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XXXVI 



e. 74 v 



XXX l II 



'mp. XXII. - 
Henricus VI, 
aa. x. 

I 
II 



III 



ini 
v 



vtecc ve 



C. 73 r 



VI 



i. Hierosolimam] M. ed A. Hierusolimam — 2. otto] D. octo — 2-3. ottuaginta] D. octuaginta — 7. Fe- 
dericus] D. Fredericus — S. Ricchardus] A. Richardus - quoque] aggiunta interlineare in A. — 11. premisere] 
A. D. praemìsere — 14. Federicus] D. Fredericus — 15. oportuna] D. opportuna — iS. vi] A. omm. — 20. Phi- 
lippus] A. Phvlinpus — 24. nostrorum] in A. su lìtura di nostris — 30. maij] il secondo i aggiunto in M. ed A. — 
40-41. regnavit] il vit tu litura in A. — 42. ottinet] D. obtinet 



100 



MATTHKI PALMER1I 



[AA 1196-1206] 



AA. Sai, 

chri- 
stianae 



Pontificum 



1196 



1197 
1198 



1199 



e. 75 v 



1200 



1201 
1202 



1203 

1204 
1205 
1206 



e. 70 r 



V 



VI 
VII 



Po ti t i f i e ri m 
CLXXXIII. - 
Innocenti u s 
III, aa. xviii. 

I 



II 



III 

un 



v 
vi 

VII 
Vili 



Fiorentini consulem elegerunt, qui ius diceret 
et cum publica potestate rempublicam gubernaret, 
quod per singulos annos usque ad Federici secun- 
di mortem observatum est. 

Exorta tempestatis vi lapides cum pluvia acqua 
e caelo ceciderunt. 

Henricus sussidiarium Christianis exercitum in 
Syriam mittit, qui proximo deinde anno mortuo Pa- 
normi Henrico revertitur; qua propter Christiani 
qui in Syria remanserant destituti, id reliquum domi- 
mi, quod ineaprovinciapossidebant,penitus amisere. 



Ricchardus, Angliae rex, telo cathapultae per- 
cussus obit, cui succedit Ioliannes eius frater. 



Discordia fuit de imperatore deligendo ; Otho'- 
ne Saxoniae duce a quibusdam electo et ab Inno- 
cenzo conformato; veruntamen in Germania Philip- 
pus ottinuit. 

Galli Venetis iuncti Constantinopolim capiunt et 
Alexium, Isaucis constantinopolitani quondam im- 
peratoris filium, imperatorem faciunt; qui mox a 
Graecis interfecto imperium iniit Balduinus Gallus ; 
quo procurante orientalis et romanae Ecclesiae unio 
confìrmatur. 

Tartari cum uxoribus et filiis ab Indiae mon- 
tibus egressi per vicinas provincias praedas agunt, 
quibus assueti Parthos deinde petunt et pari ter- 
rore Mediam, Assyriam, Persiam Armeniamque et 
Sarmathas non longo tempore pervadentes circa 
Maeotidis paludis littora sedes demum firmant. 

Per haec tempora Innocentius decretales com- 
posuit atque sancivit et observari iussit. 



Post Balduinum constantinopolitanum imperium 
tenuit Henricus, eius frater, annis xi. 

Franciscus, ordinis Minorum princeps, terrena 
despiciens secutus est Cristum. 

Dominicus, in Colagora Hispaniae pago natus 
et ordinis Predicatorum institutor et pater, clarus 
habetur. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



VII 



Vili 
vini 



X 



Imp. xxi u. - 

l'iIILIPPUS 

Henrici frater 
aa. vini. 






mi 

V 

vi 

VII 



10 



15 



20 



25 



vicc.ee 



30 



35 



40 



45 



i. elegerunt] il secondo e su litura in AI. ed A. — 3. Federici] D. Frederici — 7. sussidiarium] /'ss su litura 
in M. — 14. telo] D. taelo — 19-30. Innoccntio] la finale su litura in A. — 22. ottinuit] D. obtinuit — 23. Isaucis] 
A. Ysaucis — 29. praedas] A. predos — 42. Colagora] A. Calagora 




10 



15 



20 



25 



30 



40 



[AA. 1207-1219] 

Pontificum 



L1BER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 
chri- 

stianae 



1207 
1208 



1209 



1210 
1211 



1212 
1213 
1214 



1215 



1216 



1217 



1218 
1219 



Villi 
X 



XI 



XII 
XIII 



XIIII 

XV 
XVI 



XVII 



XVIII 

Pont i/i e u m 
CLXXXIIII. - 

HONORIUSlII, 

aa. x, nini. II. 



III 



Veneti Cretam et Coryntum capiunt. 

Philippus imperator a Palatino Comite interlì- 
citur. 

Otho Romae ab Innocentio coronatus statini 
cum Romanis pugnans urbe pellitur, et contra Pon- 
tificis voluntatem plura opida in Apulia capit Sici- 
liani quoque suae ditioni adicit; qua propter eodem 
anno habito Romae concilio imperio deponitur. 

Propter dissensionem deligendi imperatoris Ita- 
lici neque praecedentem Philippum, neque proxi- 
mum Othonem ad imperium ammittunt praeter id 
tantum temporis, quod inter coronationem et deposi- 
tionem Othonis interfuit; per reliquum vero eorun- 
dem imperatorum tempus vacasse imperium scribunt. 



Philippus, Gallie rex, Iohannem, Anglorum re- 
gem, et Othonem quondam imperatorem' apud Bei- 
gas superat. 

Sinodus lateranensis Hierosolimae recuperan- 
dae gratia celebratur episcoporum fece, in qua libri 
quidam abbatis Iohachim reprobantur. 



Honorius Petrum, altisiodorensem comitem, con- 
stantinopolitanum imperatorem coronavit; quem 
Theodorus in servitutem redigens usurpavit impe- 
rium. 

Honorius ordinem Praedicatorum confirmavit, 
beato Dominico procurante. 

Plerique christianorum principes prò Christiana 
religione contra Saracenos navigantes iuxta Achon 
magno exercitu convenere. 

Damiata a nostris capta prò recuperatione no- 
bilumi captivorum sequenti anno redditur. 



101 



Impera- 
torum 



AA. M. 



Vili 
Villi 



Imfi. XXIIJI. ■ 
< ) j no IMI, aa, 
ut. 



/ 






hnp.XXV. -Fe- 

DERICUS II, 

aa. XXXIII. 
I 

II 

III 



IIII 



VI 



VII 
VIII 



rtccccx 



e. 70 v 



8. opida] D. oppida — 9. ditioni] .<« Mura in M. ed A. — 12-13. Italici] D. Itali; in A. in margitte 
seguo I>er errore viccccx - proximum] le prime due sillabe su ìttura in A. — 14. ammittunt] D. admittunt — 18. 
xxxili] M. X; la rimanente cifra esisteva originalmente, fu tagliata nel legare - ■ 19. virceex] su litura in 31.; A. 



omm. - - 24. Sinodus] D. Sjnodus - Hierosolimae] M. D. Hierusolime — 26. Iohachim] D. Iohachin ■ 
stantinopolitanum] precedi una litura in M. ed A. — 36. christianorum] precede in M. un x espunto 



;i. con- 



102 



MATTHEI PALMER1I 



|AA. 1220-1235] 



e. 77r 



e. 77 v 



AA. Sai. 










chri- 
stianae 


Pontificum 


Federicus ab Honorio Romae inunctus impe- 


Impera- 
torum 


AA. M. 


1220 


ITU 


Villi 








riales titulos recepit et nihilominus ecclesiastica si- 










bi usurpans iura Honorium quoque persequitur et 










maxime inter eos vigent discordiae. 






1221 


V 


Dominicus, ordinis Praedicatorum primus, vita 
et scientia per omnia clarus moritur nonis augusti. 


X 




1222 


VI 




XI 


VÌCCCCXX 


1223 


VII 


Philippus, Galliae rex, moritur, cui succedit Lu- 
dovicus, eius filius, annis quattuor. 

Honorius religionem beati Francisi in kalen- 
das decembris confirmavit. 


XII 




1224 


Vili 


Iesus Christus, Dei filius, dilecto suo Francisco, 
viro beato, per obumbrationem apparens in memo- 
riam dominicae passionis sui sacratissimi corporis 
stigmata consimilibus pandentibus membris in beati 
Francisci corpus impressit. 


XIII 




1225 


Villi 




XI1II 




1226 


X 

Pont. CLXXXV. 
- Gregorius 
Villi, oa.xini, 
mm. III. 


Franciscus, ordinis Minorum princeps, Christi 
stigmatibus signatus et miraculis clarus, moritur quar- 
to nonas ottobris, et biennio post in cathalogo san- 
ctorum a Gregorio refertur. 


XV 




1227 


I 


Ludovicus, Francorum rex, moritur et succedit 
ei Ludovicus, eius filius, annum agens xnn regna- 
vitque annis xliii. 


XVI 




1228 


II 




XVII 




1229 


III 


Federicus adversus Gregorium inimicitias pro- 
se qui tur. 


XVIII 




1230 


IIII 




XVIIII 




1231 


V 


Antoninus, beati Francisci discipulus, Patavii 
moritur. 


XX 




1232 


VI 


Federicus Henricum filium suum propter su- 
spitionem affectati regni carcere maceravit. 


XXI 


v/cccc\-vx 


1233 


VII 




XXII 




1234 


Vili 


Federicus in Syriam transiens cum maximo Ae- 
gypti principe, quem Soldanum vocant, conventio- 
nes fecit, in quibus plura consensit Christianis inde- 
cora; post quae, consentiente Soldano, Hierusalem 
ingressus in ea urbe coronatur. 

Federicus in Italiani elephantum duxit. 


XXIII 




1235 


vini 


Fames in Gallia; in qua sextarium vendebatur 
auri dragmis duabus. 


XXIIII 





10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



i. Federicus] D. Fredericus — 2. ecclesiastica] AI. eclesiastica — 14. dominicae] A. dominice — 15. sti- 
gmata] D. stygmata — 19. stigmatibus] D. stygmatibus — 20. ottebris] D. octobris — 23. in] segue in D. una 
pagina bianca — 33. Federicus] D. Fredericus — 36. Federicus] D. Fredericus - Syriam] in M. precede un e espunto 
— 38. plura] D. omm. — 39. quae] il/, quem co//'m abraso — 41. Federicus] D. Fredericus - elephantum] la de- 
sinenza su litura in A.; elephantem 31. D. — 42. sextarium] la desinenza su Utura in A. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



|AA. 1236-1247| 


A A. Sai. 
chri- 


Pontificum 


stianae 




1236 


X 


1237 


XI 


1238 


XII 


1239 


XIII 


1240 


XIIII 




Po il t ific U VI 
CLXXXVI. - 
Celestini; s 
IIII, dd. xvii. 
Post queni va- 
cavit sedes a. 




I, mm. vini. 


1241 


/ 


1242 


II 




Ponti/i cu m 
CLXXXVI/. - 
Innocentius 
IIII, a a. xi, 




mm. III. 


1243 


I 


1244 


II 


1245 


III 


1246 


IIII 


1247 


V 







LIBER DE TEMPORIBUS 



103 



Accursus, nobilis famae iurisconsultus, floret. 

Federicus Mediolanum fere depopulatus est et 
per Cisalpinam Galliam omnia pene possedit preter 
Bononiam et Parmam. 

Sarmathae predarum avidi per Asiam debac- 
chantur. 

Solis facta defectio. 

Veneti Iohanni, constantinopolitano imperatori, 
pecuniam mutuantes, partem maximam Dominicae 
Crucis pignoris loco acceperunt, quam Ludovicus, 
Francorum rex, redimens Parisium transtulit. 



In Burgundia mons a monte dehiscens vallesque 
cohartans multa agricolarum hominum milia op- 
pressit. 

Sarmathae ingenti multitudine eorum fines egres- 
si caedibus primo ac rapinis Graeciae provincias 
invasere, mox inde per Pannoniam depredantes, in 
Germanos quasi fera nimborum procella feruntur et 
multis ac maximis cladibus illas provincias affi- 
ciunt. 



Federicus diu pontifices persecutus, cum maxi- 
mis calamitatibus romanam Sedem affecisset, tan- 
dem hoc anno ab Innocentio in lugdunensi con 
cilio damnatus est et imperatoria ac regia potestate 
depositus. 



Memellinus, potentissimus Afrorum rex, Hispa- 
niam ingressus Cristianos persequitur, qua propter 
Galli Hispanis iuncti illuni superant; ob cuius victo- 
riae gloriam eius vexillum Romam mittunt, et in ec- 
clesia sancti Petri suspendunt. 

Ludovicus, Francorum rex, copioso Christiano- 
rum exercitu et cum Roberto et Carolo fratribus 
contra Saracenos in Syriam navigavit. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XXV 
XXVI 



XXVII 
XXVIII 



xxv n n 



XXX 



XXXI 



XXXII 
XXXIII 



Posi deposti io- 
nevi Federici 
vacavìt impe- 
rium aa.xxvm. 

/ 
II 



viccccxl 



e. 78 r 



III 



i. Federicus] D. Fredericus — 6-7. debacchantur] A. debaccantur; D. debachantu r — io. pecuniam mutuan- 
tes] D. pecunia - dominicae] M. A. dominice — 15. 1] A. D. uno — 17. cohartans] A. coartans - milia] D. miJlia 
— 20. Graeciae] M. Grecie — 22. nimborum] D. nymborum — 2S. Federicus] D. Fredericus — 31. et] aggiunta 
interlineare in A. — 33. Federici] D. Frederici — 41. Ludovicus. . . . copioso] su Ut tir a i;i M. 



104 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 1248-1259] 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



e . 78 V 



1248 
1249 



1250 



1251 



e. 79 r 



1252 
1253 



1254 



1255 



1256 



1257 
1258 
1259 



VI 
VII 



Vili 



Villi 



X 
XI 



Po n tificalis se des 
vacavit aa. ri. 



/ 



II 

011 t i f i e u ìli 


cLXXxvnr.. 


Alexander 


IIII, a a. vi, 


ìtim. VI. 


I 


II 


III 


IIII 



Ludovicus Damiatam capit et, variis inde prae- 
liis cum Saracenis habitis, tandem superatur et capi- 
tur, prò cuius recuperatione Damiata redditur. 

Margarita regina, capto Ludovico viro suo, fi- 
lium apud Damiatam peperit, quem vocavit Trista- 
num. 

Federicus non effrenis modo ira, verum etiam 
rabie et crudelitate immanis contra fautores Pontifi- 
cis infense gerens bellum, postquam per Italiam et 
praecipue in Etruriam semina maximarum discordia- 
rum immisit, sub gravi censura Pontifìcis in Apulia 
apud opidum Florentinum moritur anno aetatis suae 

LVII. 

Post Federici mortem Fiorentini rempublicam 
reformantes duodecim antianos creavere. 

Corradus, Federici filius, e Germania profectus 
Apuliae regnum suscepit et proximo deinde anno 
moritur, veneno, uti creditur, extinctus, Manfredo 
fratre suo procurante. 

Manfredus, Federici quondam imperatoris ex 
concubina matre filius, Siciliae regnum ottinuit. 

Fiorentini Pisanis pacem dedere, in qua portus 
immunitatem et ponderibus et mensuris uti more ' 
fiorentino Pisani consenserunt. 

Genuenses Pisanis iuncti, armata classe, Ve- 
netias obsident et illorum naves atque littora depre- 
dantur. 



His temporibus principes Germaniae de impe- 
ratore deligendo contendentes bifariam dividentur, 
in qua divisione duos imperatores pluries elegerunt, 
quare neuter confirmatus interregnum adhuc aliquot 
annos prorogatur. 

Albertus Magnus Parisii insignis doctor habetur. 

Micchahel Paleologus, Graecorum imperator, 
fretus Genuensium auxilio, Constantipolim, quam no- 
vem et quinquaginta annis occupaverant Galli, re- 
cepit. 




AA. M. 



V 



VI 



VII 



Vili 

vini 



10 



15 



20 



viccccl 



X 



XI 



XII 



XIII 

XIIII 

XV 



25 









30 



40 



2. inde] D. omm. — 5. Margarita] D. Margharita — 8. Federicus] D. Fredericus — 11. in] M. su Htura - 
Etruriam] in M. Pm eraso — 13. opidum] D. oppidum — 15. Federici] D. Frederici — 17. Corradus] D. Con- 
radus - Federici] D. Frederici — 18. suscepit] D. suscepit — 22. Federici] D. Frederici — 32. ottinuit] D. obti- 
nuit — 29-30. depredantur] in D. segue tandem vieti recedunt — 40. Micchahel] D. Michael 



[AA. 1260-1267] 



LIBER DE TEMPORIBUS 



105 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



10 



15 



20 



25 



35 



Pontifìcum 



1260 



1261 



1262 



1263 



30 



1264 



1265 



40 



1266 



VI 

Pont ifi e u m 
CLXXXXVUII. 
Urbanus UH, 
aa. in, mm, I, 
dd. xml et inde 
vacavi* sedes 
mm. v. 

/ 



7/ 



III 



IIII 



Pont. CXC. ■ 
Clemens IIII 
ni, III, tnvi 
vini, dd. xxi 



I 



Manfredi regis copiae persequentes apostolice 
Sedis fautores cum Senensibus convenere, et Flo- 
rentinos, partes romani Pontificis defendentes, iuxta 
iluraen Arbiam miserabiliter superarunt. 

Mirabilis peregrinalo populorum, quae a Pe- 
rusinis incipiens, non solum Italiae populos, verum 
etiam exteros adeo commovit, ut longis agminibus 
crucem sequentes ad convicinas civitates, misericor- 
diam conclamantes 1 et pacem, supplices commearent. 

Alexander quosdam novos libellos, religiosos de 
elemosinis viventes salvari non posse dicentes, pe- 
ni tus reprobavit. 

Azolinus, Veronensium tyrannus, et Albertus 
eius frater, postquam per Italiani et praecipue apud 
Insubres et per Venetiam atque Emiliani crebras 
crudelitates et predas longo tempore exercuerant, 
in mala senectute necantur. 

Pannoni cum Boemmis de lìnibus contendentes 
atrox proelium commisere, in quo superati Pannoni 
tugam arripiunt, in qua supra xml eorum milia 
in flumine summerguntur. 




Bonaventura, insignis theologus et ordinis Mi- 
norum generalis ingenique gratia autoritate magna 
praeditus, clarus habetur. 

Urbanus, Siciliae regnum, quod a Manfredo 
occupabatur, Carolo, Ludovici regis Francorum 
fratri, concessit eumque in Italiani per legatos evo- 
cavit. 

Stella, quam cometen greci vocant, insigni ma- 
gnitudine supra tres menses apparuit, et eadem ipsa 
nocte qua Urbanus obiit extincta est. 

Bondogodar soldanus Christianos Syriae de- 
bellar. 

Dantes Aligherius Florentia nascitur. 



Manfredus non longe a Benevento a copiis 
Caroli superatus occiditur. 



XVI 



e. 7Q v 



XVII 



XVIII 



XV IIII 



XX 



XXI 



XXII 



vicccclx 



e Sor 



i. apostolice] D. apostolicae — 9. conclamantes] in M. precede con espunto — 13. tyrannus] in M. Py su 

litura — iS. Pannoni] in JSI. ed A. segue litura di i — 19. Pannoni] in AI. ed A. s*guc litura di i — 20. milia] 

D. millia — 21. summerguntur] A. sumerguntur; D. submergnntur — 27. generalis] D. omm. - gratia] in A. su 

litura — 30. Ludovici] il ci aggiunto in M. — 33. quam] D. quem correzione di quam - cometen] /'en su litura 

5 in 31. A. D. — 35. extincta] /'a su litura in A. — 38. Aligherius] A. Audigherius 



106 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



1267 



1268 



1269 



1270 



e. Sov 



1271 



1272 



1273 
1274 



1275 



e. Si r 



II 



TII 



IIII 



Pontificum vaca- 
vii sedes aa. il. 

I 



II 

Pont. CXCI. ■ 
Gregorius X, 
aa. IIII, 

I 



II 
III 



un 



MATTHEI PALMERII 



Bondogodar Armeniam hostili exercitu ingressus 
Christianos persequitur et eodem anno Antiochiam 
capit et habitatoribus inanitam pene delevit. 

Carolus Corradinum, Corradi filium et Federi- 
ci quondam imperatoris nepotem, in finibus albani 
agri superat fugientemque capit et securi per- 
cutit. 

Clemente Viterbii defuncto, propter discordiam 
Patrum, qui de successore non conveniebant, biennio 
vacavit sedes. 

Ludovicus, Francorum rex, augendae Christia- 
nitatis gratia, magna comparata classe, Cartaginem 
navigans primo adventu cum Saracenis prospere 
dimicavit, donec, morbo in exercitu praevalente, 
una cum Iohanne fìlio suo et nonnullis sui regni 
proceribus, Ludovicus interiit; post cuius mortem 
Carolus eius fra'ter eandem provinciam suscipiens, 
sussidiariam legionem in Africam deportavit. Verum 
cum vi pestilentiae coacti prosequi incepta non 
possent, quibusdam tantum conditionibus illis Sara- 
cenis impositis, rediere. 

Ludovico, Francorum regi, succedit Philippus 
eius fìlius annis xv. 



Gregorius post electionem sui e Syria revocatus 
hoc anno revertitur et Viterbii est inunctus. 

Ayto, Armeniae rex, moritur, cui succedit Li- 
vonius eius fìlius, sub quo Aegyptii Armeniam de- 
vastarunt. 



Sinodus lugdonensis Hierosolimae recuperan- 
dae gratia celebrata est; in qua de processione 
Spiritus Sancti cum romana Ecclesia Graeci conve- 
nerunt. 

Thomas Aquinas, ordinis Predicatorum insignis 
theologus et vir suae aetatis peracutus, obiit. 

Bondogodar Armeniam iterum infesto invadit 
exercitu et eam gentem infanda afficit strage ; post- 
quam onustum preda exercitum cum ducentis cap- 
tivorum hominum milibus in Aegyp'tum reduxit. 



|AA. 1267-1275] 



AA. M. 




XXIII 



XXIIII 



XXV 



XXVI 



XXVII 



XXVIII 



Imp. XXVI. - 

R.O DULPHUS, 

aa. XVIUI. 
I 

II 



III 






10 



15 



20 



25 






vicccclxx 



30 



35 



40 






3. ccpit] A. D. caepit — 4. Corradinum] D. Conradinnm — 4-5. Federici] D. Frederiei — 13. Cartaginem] A. D. 
Carthaginem — 19. sussidiariam] D. subsidiariam — 20. coacti] il secondo e su liiura in M. — 29. Ayto] Py su litura 
in M. ed A. — 30. Aegyptii] D. Egyptii — 34. Sinodus] D. Synodus - Hierosolimae recuperandae] M. A. Ilierusolime 
recuperande — 42. onustum] D. honustum coW\\ aggiunto — 43. milibus] D. millibus - in] in A. aggiunta interlineare 






10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



IAA. 1276-1284] 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



1276 



1277 



1278 

1279 
1280 

1281 
1282 



1283 



1284 



Pont, cxc/r. - 
Innocenti u s 
V, mm. vi. 

I 



p v u. cxcin. - 

Hadk i a n u s 
V, m. i, dd. 
vini. Posi 
quem CXCIIIJ 
IOIIANNES 
XXI, mm. vili, 
quo defunclo 
vacavit sedes 
mm. v. 



Pont. CXCV. - 

NlCOLAUS III, 

a a. Ili, m tu. 
villi, dd. xv et 

deinde vacavit 
sedes mm. v. 

I 



II 
III 

un 



Pont. CXC VI. ■ 
MartINUs UH, 
aa. mi, mm. n. 



II 



III 




Vicecomites, pulsis tyrannis veterioribus, me- 
diolanense dominium tenuere. 



Rodulfhus imperator Boemiae Regem atroci 
praelio superatimi capit, et veluti contemplimi at- 
que deiectum mancipium in vilissimis ofliciis ser- 
vire sibi compellit, magnoque dedecore afficit; post 
quae illum in regnum restituit et filiam suam uxorem 
illi dedit. 

Maria, principis Antiochiae filia, cui Hieroso- 
limae regnum debebatur, quod Ugo eius nepos oc- 
cupaverat, donavit id Carolo Siciliae regi. 



Bondogodar contra Assyrios bellans vulneratus 
et Damascum deportatus est, ubi post paucos dies 
migravit e vita et successit ei Melechsayth. 

Albertus Magnus, ratisponensis quondam epi- 
scopus, obiit. 

Sicilia e Carolo deficiens Petro Arragonensi' 
deditur. 

Tartari, Armenis iuncti, centum milia Babillo- 
num superant et multis eorum interfectis in fugam 
vertunt. 

Priores artium Florentiae creati et publicis ae- 
dibus primum inclusi, nec aliud quidquam quam 
de republica cogitare iussi sunt, qui magistratus ad 
nostrani usque aetatem in civitate summus perdurat. 

Martinus Petrum, Arragonensium regem, gravis- 
simis danmat censuris, eo quod Caroli regna de- 
bellaret. 

Genuenses iuxta Meloram navali praelio Pisa- 
nos superant, quo supra xvi sunt desiderati. 

Carolus, Apuliae rex, moritur et succedit ei Ca- 
rolus, eius filius, annis xxv. 



//// 



Vi 

Vii 
Vili 

vini 
x 



XI 



XII 



e. Si v 



vicccclxxx 



2-3. mediolanense] D. omm. — 13. quae] A. que — I3-16. Hìerosolime] il/. A. Hierusolime — 16. Ugo] pre- 
ceduto in M. da litura di h — 22. Damascum] precede in M. litura di in di ad — 27. Arragonensi] D. Arago- 
nensis — 30. milia] D. milita — 30-31. Babillonum] D. Babylonum — 36. in civitate summus] aggiunta interli- 
neare in A. 



108 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 1285-1294] 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontili cum 



1285 



e. 8lr 



1286 



1287 



1288 
1289 



1290 
1291 



Tart., 215 



r. 82 v 



1292 



1293 



1294 



//// 



Pont. CXCVII. 

- HONORIUS 
UH, a. 1, dd. 
li; et vacavi! 
deinde sedes 
mm. x. 

I 



II 



Pont. CXC Vili. 

- NlCOLAUS 

II II, aa. mi 
m. 1, dd. vili 

I 

II 



III 

un 



Pontificalis s e- 
des vacavit, aa . 
il, mm. in, dd. 
xvin. 



// 



III 

Pont.CXCVIIIl 

- Cklestinus 
V, mm. v. 



Philippus, Francorum rex, obiit et succedit ci 
Philippus, eius filius, cognominatus Pulcher annis 

XXVIIII. 

Petrus Arragonensis ex accepto in praelio cen- 
tra Gallos vulnere interiit. 



Honorius, pulso Guidone Feltrano, Flamineam 
recepit. 

Arragonenses Caroli regis classem in neapoli- 
tano litore superant. 



Tripolis civitas a Saracenis expugnata deprae- 
datur. 

Fiorentini maxima strage Arretinorum Gibel- 
linos in Casentiniati agro superant et munitissima 
eorum opida capiunt. 

Carolus, Caroli secundi Apuliae regis primo- 
genitus filius, ex hereditate materna Ungariae re- 
gnum accepit. 

Pluribus Christianorum milibus in Syria e Sa- 
racenis interfectis, reliqui omnes prae timore e 
provincia migrarunt. 

Melechsayth soldanus mortuus est et successit 
ei Seraph, qui Christianos etiam persequitur. 

In fine huius anni obiit Nicolaus pontifex. 



Initium belli, quod aliquot annis ingenti suorum 



detrimento Angli gessere cum Gallis. 



Fiorentini ecclesiam maximam aedificare caepe- 
runt, quam quadrato scultore marmore eximie ac ma- 
gnificentissime construxerunt. 

Caelestinus, propriae quieti atque saluti con- 
sulens, se abdicavit pontificatu quinto fere mense 
postquam fuerat assumptus. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XIII 



XIIII 
XV 



XVI 
XVII 



XVIII 
XVIIII 



Vacavit imp e- 
riunì a. I. 



Imp. XXVII. - 
Athaulphus, 



/ 



// 



10 



15 



20 



25 



30 



VICCCCXC 



35 



40 



4. Arragonensis] D, Aragonensi — 11. Arragonenses] D. Aragonenses • — 16-17. depraedatur] il dittongo ag- 
giunto in M. manca in A. — 19. opida] Z>. oppida — 24. milibus] D. millibus — 25. prae timore] segno divisorio 
tra le due parole in A.; pretimore in M. — 33. Athanlphus] D. Asthaulphus; in M. il t aggiunto — 38. ecclesiam] 
il primo e aggiunto in M. — 39. scultore] D. sculptore - eximie] il/, eximiac 



15 



20 



25 



30 



35 



[AA. 1295-1303| 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



109 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



10 



1205 

1206 
1297 

1208 



Pont. CC. - Iìo- 

NIPATIUS Vili, 

aa. vili, vim 
V\\\\,dd. xvll 

I 



li 
III 

mi 



1299 



1300 



1301 
1302 



■10 1303 



V 



VI 



VII 
Vili 



Villi 




Ludovicus, Francorum rex, qui augendae Chri- 
stianitatis gratia in Africa obiit, in Beatorum nume- 
ro a Bonifatio describitur. 

Fiorentini castella duo in valle superioris Arni 
condiderunt, Francum scilicet et Johanne.' 

Dinus Mugellanus utriusque iuris eruditissimus 
claret. 

Genuenses in Adriatico mari Venetos superant 
et septuaginta eorum naves captas Genuam dedu- 
cunt. 

Palatium fiorentini populi, quo Priores inha- 
bitant, aedificari est caeptum. 

Albertus, Rodulphi quondam imperatoris filius, 
Athaulphum imperatorem in praelio superatimi oc- 
cidit et decem annos imperium obtinuit. 

Florentinae urbis menia maiori ambitu, sicuti 
nunc existunt, fundari sunt caepta. 

Casanus, Tartarorum rex, Saracenos superat' et 
sepulchrum dominicum ottinet. 

Bonifatius heresim eorum, qui se fraticellos 
dicebant, damnavit et ubique persecutus est. 

Iubileus indicitur a Bonifatio pontifice. 

Celebrans adhuc Pontifex iubileum ' in publico 
praelatorum assessu contionavit et recensuit se eo 
anno xn legationes, quarum Florentinie xtiterant 
principes, a diversis mundi principibus accepisse 
et, legatorum inde nominibus atque familiis palam 
exhibitis, iniunxit: In gloriam igitur Fiorentini no- 
minis affirmo in gubernatione orbis terrarum Flo- 
rentinos aliud elementum fore. 

Cometes in caelo apparuit. 

Dantes Aligherius agnoscitur. 

Concitata apud Belgas multitudine, opifices et 
infimae conditiones homines a Francis defecerunt 
et domini provinciae facti ingentes regis Franco- 
rum copias superant et crudelissime interficiunt. 

Philippo, Francorum rege, procurante et pe- 
cunias conferente, Sarra Colummensis, praeparato 
satis magno armatorum hominum numero, Bonifa- 



/// 



//// 



V 

VI 



Imp. XXVIII. ■ 
Albe rt os 
aa, x. 



// 



/// 
//// 



Tart., 216 



e. 83 r 



Taiit., 217 



viti 



4. in Africa] I). omm. — 7. Johanne] in M. segue una litura di s — 11. septuaginta] A. Lxx — 14. aedificari] 
A. hedificari colPh espunto - caeptum] D. ceptum — 16. Athaulphum] D. Asthaulphum - imperatorem] M. aggiunta 
interlineare — 19. mcnia] D. maenia — 20. existunt] D. extant - caepta] il/, cepta - 22. ottinet] D. obtinet — 
26. celebrans] /'s 5« li tur a in M. ; prima celebrante - Pontifex] la desinenza su litura in M. - iubileum] la desinenza sa 
li tur a in M. — 27. assjsu contionavit] le desinenze su litura in M. - ctj su litura in M. — 34. Cometes] /'es litu- 
ra in .1/. ed A. — 35. Aligherius] D. Aldigherius — 41. Sarra] cosi A. con litura di e tra /'s e /'a: M. D. Scarra 



110 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 1303-1310J 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



e. Sjv 



1304 



1305 



1306 



e. 84 r 
Tart., 218 



1307 



1308 



1309 



1310 



roiu. e ci. - 

Bene dictus 
XI, mm. villi ; 
post quem va- 
ca vii sedes, 
mm. xl. 



// 



Poni. cai. - 

Clemens V , 
aa. vili, mm. 
X. dd. XV. 



// 



/// 



//// 



tium pontilicem, Ananiae consentiente populo, ca- 
pit et custodire iubet. Quam Pontificis iniuriam 
tertia die ananiensis popu'lus ad conscientiam re- 
versus non tulit, sed illum per tumultum libera vit. 
Qui Romam profectus et nimio dolore gravatus 
post parum in morbum incidens interiit. 



Franciscus Petrarcha, egregius poeta futurus, 
nascitur. 

Franci navali primo, mox etiam terrestri prae- 
lio cum Belgis pugnantes, multis utriusque partis 
interfectis milibus, non incruentam victoriam adepti 
sunt. Postquam, reparatis contìnuo copiis et ad 
dimicandum animis erectis, cum quisque suum even- 
tum formidaret, acceptam utrisque gentibus pacem 
consenserunt. 

Paleologus, constantinopolitanus imperator,mo- 
ritur et succedit ei Andronicus. 

Angli Scotos subigunt, qui sequenti anno re- 
gem sibi eligentes defecerunt. 



Clemens Arragonensium Regem in Sardiniae 
regem confirmavit. 

Fiorentini et Lucenses, unitis castris, Pistorium 
capiunt. 

Adoardus, Anglorum praestabilis famae rex, 
obit et suscipit regnum Adoardus, eius filius. 

Albertus imperator, cum Rhe'num transisset, 
navi descendens a nepote suo interficitur. 



Veneti Ferrariam occupant et ideo a Clemente 
pontifice interdicti sunt sacris, nec multo post bello 
superati illam amittunt. 

Rhodus in Christianorum potestatem devenit. 

Carolus ir, Apuliae rex, moritur, cui succedit 
Robertus, eius filius, annis xxxin. 

Bolis perpetua ardens per caelum dilabitur. 

Ioannes, Henrici imperatoris filius, Regis Boe- 
miae filiam uxorem accipit et regno, cuius illa 
fuerat heres, potitur. 

Henricus Italiam ingressus Mediolani coronatur. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



VI 



VII 



10 



15 



20 



Vili 



vmr 



x 



Tmp.XXVIIII.- 

H ENRICUS 
VII, aa. mi, 
mm. vili. 



/ 



II 



25 



30 



35 



40 



45 



14. milibus] D. millibus — 22. defecerunt] in D. segue di carattere diverso aggiunto posteriormente: prò tunc 
confestim vires resumentes convalescunt — 25. Arragonensium] D. Aragonensium — 29. famae] M. farne — 34. vii] 
M. vi sul V estremo margine; forse in origine vii tagliato nella legatura 



10 



15 



20 



25 



50 



So 



40 



IAA. 1311-1316] 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



111 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



1311 



1312 



1313 



1314 



1315 
1316 



VI 



VII 



VIII 



Villi 



Poiitificum sedta 
vacavitaa, n, 
mm. in, dd. 

XVII. 

I 

II 



Concilium viennense biennio celebratili - . 

Ludovicus, Caroli secundi regis Apuliae rìlius 
et tolosanus quondam episcopus, inter sanctos pon- 
ti lìce concedente refertur. 

Henricus, Romani ingressus, contra decus im- 
perii Laterani per contentionem coronatur, et in 
Florentinos inde versus ad salvianas aedes sub 
ipsis pene urbis menibus posuit castra. 

Henricus, Pisis novis comparatis copiis et cum 
Genuensibus Federicoque Siciliae rege conven- 
tionibus factis, contra Robertum, Apuliae regem, 
ire conten'dit, quo in itinere apud Buon con ventum 
morbo superante correctus interiit. 

De imperatore deligendo contentio facta est, 
in qua quidam Ludovicum, alii Federi cum elegere, 
quamobrem inter eos bellum exoritur duravitque 
annos otto, quo tandem anno Ludovicus ottinuit et 
solus regnavit annis xxnn. 

Tres simul lunae in caelo apparuerunt. 

Fulgor, quem cometen dicunt, tribus mensibus 
emicuit. 

Francis regn at Ludovicus, Philippi fìlius, annis ir. 



Ugucio Fagiolanus, Pisanorum Lucen'siumque 
tyrannus, Pisis vadens Lucam, eadem die ambabus 
illis urbibus excluditur. 

Castrucius, apud Lucenses ob illatam mortem 
mortis reus, populari factione e medio iudicio su- 
blatus, dominus civitatis efficitur. 

In pago vallis superi oris Arni, nomine Terraio, 
monstrum natum est habens duos pueros uno um- 
bellico ad invicem iunctos, cui ab uno latere et ge- 
nitalia erant membra et bina quoque pendebant in- 
valida crura, ab altero vero latere crus solum exi- 
bat non perfectum' vixitque diebus xl. 

Ludovico, Francorum rege, mortuo, succedit 
ei Iohannes eius filius puer diebus xx, post quem 
Philippus, Ludovici frater, annis v. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



/// 



//// 



Vaeavil impe- 
riunt a. i. 



«/. XXX. ■ 


Lu- 


DOVICUS 


mi, 


cognomini Ba- 


ve r tu s, 


a a. 


XXXII. 




I 




II 





vii* 



e. 84 v 



Tart., 219 



e. Sjr 



3. tolosanus] D. tholosanus — 7. Salvianas aedes] D. Salvianam aedem con due s sovrapposti ai due m — 
9. novis] aggiunta interlineare in M. — io. Federicoque] D. Fredericoque — 10-11. conventionibus] M. le prime 
due sillabe su litura — 13. Buonconventum] D. Bonconventum — 14. Vacavit. . . . 1] aggiunto posteriormente in M. - 
1] A. M. uno ■ — 16. Federicum] D. Fredericum - elegere] il secondo e in il/, litura di 1 — iS. otto] D. octo — 
5 21. comete;i] in A. l'n su litura; M. eometem — ■ 24. ini] A. omm. — 25. Baverius] A. Bavarius — 28. Ugucio] 
.1/. Uguccio] col primo e espunto; D. Uguccio — 29. eadem] in M. /'a 5« litura — 35-36« umbellico] D. umbelico 



112 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 1317-13281 



e Sjv 



Tart., 220 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



1317 
1318 

1319 
1320 

1321 



1322 



1323 



1324 



1325 

1326 
1327 



1328 



Poni. ceni. - 

lOUANNES 
XXII, a a . 
XVIII, MM.IIIZ. 

I 

II 



III 
un 

V 



VI 



VII 



Vili 



Villi 

X 

XI 



XII 



Genuenses dominium civitatis Roberto, Apu- 
liae regi, concesserunt. 

Castruciani belli adversus Florentinos princi- 
pium. 

Dantes Alighierius, florentinus poeta, Ravennae 
in exilio moritur aetatis suae anno lvi. 

Francis regnavit Carolus, praecedentis Philippi 
frater, annis vi. 

Supra triginta Syrorum equitum milia Arme- 
niam depredantes magnani Christianorum multitu- 
dinem in servitutem capiunt. 

Scoti Anglos ad bellum summoverunt, quaprop- 
ter Angli Scotiam temerarie ingressi plus quam 
viginti hominum milia inedia perdiderunt, post quam 
calamitatem Scoti iterum Angliam repetentes regias 
copias superarunt. 

Thomas Aquinas a Iohanne pontifice inter san- 
ctos relatus est. 

Iohannes pontifex Ludovicum, Bavariae ducem, 
ad imperium iam pridem delectum ecclesiae com- 
munione interdixit et variis ccnsuris pu'blice con- 
demnavit. 

Iohannes pontifex constitutiones fecit contra 
dicentes Christum et eius Apostolos nihil in hoc 
mundo possedisse, id erroneum censens et tanquam 
hereticum damnans qui idem confìrmaret. 

Gentilis Fulginas et Dinus Florentinus praesta- 
bilis sapientiae medici in Italia habentur. 

Ludovicus Romae, praeter Pontilìcis volunta- 
tem a Sarra Columnensi nulla solita solennitate 
servata coronatus, sua sententia Iohannem pon'tifi- 
cem privat et Petrum Corbariensem ordinis Mino- 
rum pontifìcem facit, a quo iterum imponi sibi co- 
ronam iubet et sibi invicem falsi suae dignitatis 
auctores fiunt. 

Francis regnat Philippus, trium praecedentium 
Regum patruelis frater annis xxin. 

Castrucius circa Pistorium undique vallo atque 
fossis cinctum, paucioribus insistentens copiis, intus 



Impera- 
torum 



AA. M. 



/// 

V 

VI 

VII 



Vili 



Villi 



XI 

XII 
XIII 



XIIII 



10 



vidxx 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



6. 1319.... vj aggiwito posteriormente in AI. — 7. 1320] correzione di 119 in M. - Castruciani] M. Ca- 
strucctani coi e espunto — 9. Alighierius] D. Audighierius — 13. triginta] D. xxx - milia] D. millia — 17. 1c- 
merarie] D. temere — iS. milia] D. millia - inedia] il/. A. inaedia — 2.1-26. condemnavit] A. condennavit — 30. 
hereticum] /'h aggiunto in A. - damnans] A. dannans — 35. Sarra] M. A. I). Scarra - Columnensi | A. Colunnensi 
— 41. Philippus] A. Phylippus — 43. Castrucius] AI. A. Castruccius 



[AA. 1329-1334J 



LIBER DE TEMPORIBUS 



113 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



10 1329 



XIII 



15 1330 



20 



25 1331 



1332 



30 1333 



1334 



35 



40 



XIIII 



XV 



XVI 



XVII 



XVIII 



simul extraque oppugnatis, tanta virtute industria- 
que praevaluit, ut in maximarum hostium copiarum 
oculis urbem illam mirabili fama potiretur. 

Castrucius et Galeactius Vicecomes ex contra- 
ete) ob nimium labe-rem in pistoriensi obsidione 
morbo e vita migrarunt. 

Petrus de Murrone, qui quondam pontifex Ce'- 
lestinus v dictus est, in catalogo Sanctorum descri- 
bitur. 

Pisani, qui post Castrucii mortem in Ludovici 
imperatoris potestatem devenerant, in libertatem se 
vindicarunt. 

Gherardinus Spinula genuensis suis privatis 
pecuniis Lucam urbem emit. 

Graeci Teucros invadentes ingens bellum ex- 
citarunt, quod proximis annis saepius renovatum est. 

Solis et lunae eodem anno facta defectio. 

Pisani Petrum Corbariensem, falsum pontifi- 
cem, quem imperator Ludovicus in Germaniam 
transiens Pisis reliquerant, capiunt et ad Iohannem 
pontificem Avinione rune degentem mittunt, apud 
; \ suum errorem confessus vitam suppliciter 
exoravit, donec triennio post honesto carcere asser- 
vatus interiit. 

Iohannes, Boemiae rex, Italiani ingressus Bri- 
xiam, Bergomum, Lucam, Parmam, Regium et Mu- 
tinam in suum arbitrium potestatemque accepit. 

Genuenses navali praelio Arragonenses supe- 
rant et eorum littora cupidissime depredantur. 

Arnus, continuis imbribus immense auctus, tres 
Florentiae pontes cum murorum urbis parte ac 
proximis fluvio aedificiis maximo civium ' terrore 
prostravit. 

Marmorea turris singulari praestantia splendi- 
dissimi operis ad Reparatae templum Florentiae 
fundari est cepta. 

Iohannes pontifex et Philippus, Francorum rex, 
una cum Venetis in Graecorum defensionem clas- 
sem armarunt, qua superatos Teucros represserunt. 

Iohannes pontifex aetatis suae anno xc pridie 
nonas decembris' Avinione moritur, relinquens in 
thesauris suis ingentem vim auri atque argenti, cuius 
recta computatio fuit aurearum dragmarum xxv, 
hoc est milies viginti quinque milia, quod scripsisse 



Impera- 
tori! m 



AA. M. 



XV 



XVI 



e. Sb r 



XVII 



XVIII 



XVIIII 



XX 



i ixxx 



e. 86 v 



Tart., 221 



4. Castrucius] D. Castruccius - Galeactius] D. Galeatius — 7. Murrone] A. D. Murone - quondam] D. quo- 
dam — 8. in] aggiunta interlineare in A. - catalogo] D. cathalogo — io. Castucii] D. Castruccii — 12. vindi- 
carunt | D. vendicarunt — 15. Teucros] D. Theucros — 25. Boemiae] M. Buemiae ; A. Boemiae con Po su cor- 
rezione ili u — 29. littora] D. litora — 34. praestantia] A. prestantia — 38. Graecorum] A. Grecorum — 39. Teu- 
cros] in D. soprascritta la parola rurchos — 44. milies] D. millies - milia] D. millia 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 — 8. 



e. 87 r 



e. 87 v 



114 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificura 



1335 
1336 



1337 
1338 
1339 



1340 



1341 



1342 



1343 
1344 

1345 



Pont. CC11II. ■ 
Benedictus 
XII, aa. VII. 

I 
II 



III 



UH 



VI 



VII 



Pont. CCV. 
Clkmisns VI, 
aa. XI. 

I 



II 
III 

IIII 



MATTHEI PALMER1I 



arduum quippe videtur; nec legitur aliis tempori- 
bus Ecclesia romana fuisse locupletior. 



Prima Venetum cum fiorentino populo societas 
f acta est adversus Mastinum, Veronensium tyrannum. 

Iottus, vir praeclarissimi in pittura ingenii, qui 
antiquatam iam longo tempore pingendi artem no- 
bilissimam reddidit, defunctus est. 

Cometes quattor menses apparuit et, antequam 
extinctus fuit, emicuit alter mensibus 11. 

Romani a Florentinis populares quasdam leges 
per legatos poposcerunt. 

Censu Florentiae agitato inventa sunt hominum 
intra urbem degentium xc. 

Decem Saracenorum milia ab Hispanis cesa et 
totidem capta. 

Cometes in caelo est visus. 

Franci ab Anglis superati decem eorum milia 
periere. 

Pestis Florentiae xvì urbanae multitudinis ex- 
tinxit et per agrum foeda strage deseviit. 

Luca, a Florentinis empta atque recepta, nono 
fere mense a Pisanis aufertur. 

Gualterius gallus, falsis titulis Athenarum dux, 
Florentiae tyrannidem decem menses ottinuit. 

Robertus, Apuliae rex, nullo sibi superstite fìlio 
moritur et Andream, Caroli fratris sui atque Un- 
o-ariae regis nepotem, cui Iohannam neptem uxo- 
rem dederat, post se regnare iubet, qui 
annis in. 



regnavit 



Christiani magna classe in Teucros vecti Smir- 
neum oppidum ottinuerunt, et magna deinde utrius- 
que gentis clade saepius pugnarunt. 

Andreas, Apuliae rex, laqueo necatus est, con- 
sentientibus agnatis eius regno inhiantibus ; post 
quem septem annos sub varia Principum concen- 
ti one regnum in armis fuit. 



[AA. 1334-1345] 
AA. M. 



Impera- 
torum 



XXI 
XXII 



XXIII 



xxi 11 r 



xxv 



10 



XXVI 



XXVII 






15 



20 



XXVIII 



25 



vidxl 



50 



XXVIIII 
XXX 

XXXI 



35 



40 



2. Ecclesia] il primo e aggiunto in M. — 7. Iottus] D. Ioctus — io. cometes] la desinenza su litura in M. 
ed A. - quattor] D. quatuor — 11. extinctus.... alter] le desinenze su litura in M. ed A. — 13. poposcerunt] il 
primo pò su litura in M. ed A. — 15. urbem] aggiunta interlineare in M. — 16. milia] D. millia - cesa] A. cacsa 

— 18. cometes.... visus] le desinenze su litura in M. ed A. — 19. decem eorum milia] D. ad decem millia — 
22. foeda] D. feda - deseviit] Z'it su litura in M. ed A. — 26. Gualterius] D. Vualterius — 34. in] M. su litura 

— 34-35. Smirneum] D. Smyrneum — 35. ottinuerunt] D. obtinuerunt — 39- septem] A. settem 






[AA. 1346-1351] 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



1346 



V 



1347 







1348 



15 



20 



1349 



VI 



VII 



25 



1350 



30 



1351 



35 



40 



vili 



Villi 



Fames ingens per universam Italiana, in qua 
mendicantium turbae' vel inhumano quoque cibo 
vix sustentate fuisse traduntur. 

Adoardus Anglorum rex, Philippum, Franco- 
rum regem, superat, in quo praelio supra vigiliti 
hominum milia periere. 

Igneus vapor magnitudine horribili, boreali 
movens regione, magno aspicientium terrore per 
caelum dilabitur, et quidam scribunt hoc eodem 
anno quasdam bestiolas multiplicato numero in 
Oriente e caelo cecidisse, quarum corruptio et 
foetor pestilentiam intulerunt. 

Lugubris et miseranda pestis pene per orbem, 
quae in Asia apud Indos incipiens passimque pro- 
vincias irrepens trium annorum spatio usque Brittan- 
nos ubique terrarum in omnes gentes deseviit, et 
hoc anno amplius sexaginta hominum milia Floren- 
tiae intra urbem absumpsit et per agrum cuncta 
prope deserta reliquit. 

Philippus, Francorum rex, viennensem princi- 
patum emit. 

Viliacum, Germaniae urbs, terremotu corruit 
et per Pannoniam atque Italiani nonnullae ' civita- 
tes nutarunt, in quibus aedificia quaedam funditus 
corruerunt. 

Philippus, Francorum rex, obiit et Iohannes 
lìlius eius in regno successit, postquem tres Caroli 
ab eo per successionem nati usque in praesentem 
diem id regnum possident. 

Pistorium Fiorentini receperunt. 

Iohannes Vicecomes, Mediolanensium praesul 
et eiusdem quoque civitatis tyrannus, in Florenti- 
nos bellum movet. 

Genuenses et Veneti maritimis inter se praeliis 
varie iactantur et adeo gravioribus incenduntur 
odiis, ut, qui pluries vicerint, pluries ipsi quoque 
vincerentur. Quibus in contentionibus Creta, Eu- 
boia, Thenedos et aliae quaedam insulae nec mi- 
nus convicina Venetiis littora vel capta sunt vel 
penitus depredata. 

Cometes sub ipso septentrione mense decem- 
bri apparuit, quo extincto graves ventorum estus 



115 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XXXII 



Imp.XXXr.-VlK 
ROLUSlIII, aa 
XXXII. 

/ 



Tart., 222 



II 



/// 



//77 



e. 83 r 



3. sustentate] A. substentate; D. substentatae — 4. Adoardus] D. Adohardus — io. eodem] AI. su litura — 

12. caelo] AI. celo — 16. spatio] D. spacio — 16-17. Brittannos] in A. un t aggiunto; D. Britannos — 17. deseviit] 

la desinenza su litura in AI.; A. desevit — iS. milia] D. "millia — 20. prope] AI. su litura — 23. terremotu] D. 

terraemotu — 25. aedificia] A. edificia — 31. receperunt] AI. A. su litura — 36. varie] A. variae — 41. depredata] 

5 D. depraedata — 42. Cometes] Pes su litura in AI. ed A. — 43. quo extincto] la desinenza su litura in M. ed A. 



116 



MATTHEI PALMERII 



AA. Sai, 

chri- 
stianae 



Pontificum 



1352 



e. SSv 
Tart., 223 



1353 



1354 



1355 



1356 



e. Sg- 



1357 
1358 



XI 



Pont. CC VI. - 
Innockntius 
VI, aa. x. 

/ 



// 



/// 



//// 



V 
VI 



sussecuti sunt et caelestis trabs priore ardente parte 
per caelum labi visa est. 

Ludovicus, Philippi tarentini principis filius, 
postquam contra Ludovicum, Pannoniae regem, 
Apuliae regnura ottinuit, Clementis pontificis nomi- 
ne Neapoli inunctus ' regiam potestatem accepit. 

Caelestis fiamma post solis occasum inter ze- 
phirum atque austrum latissime exerescens terribi- 
leque ostentans incendium tandem murmure magno 
per caelum ruit. 

Caelestis quoque fiamma longum prò se trahens 
extinctum limitem a septentrione in austrum repen- 
te fertur. 

Infinitus prope locustarum numerus in Africa 
Cyproque apparuit, quae herbarum simul et arbo- 
rum teneras depascentes frondes magnam frugum 
sterilitatem fecere. 

Solis facta defectio. 

Iohannes Vicecomes, Mediolanensium praesul 
et bellicosissimus tyrannus moritur. 

Carolus, Romae solemni celebratione inunctus, 
imperii coronam tranquillissime suscipit. 

Marinus Falieranus, Venetiarum dux, cum usur- 
pare sibi universam reipublicae licentiam quaesivis- 
set, securi percussus dignum suae vitae exitum in- 
venit. 

Bartholus de Saxoferrato, praestabilis civilium 
legum interpres et copiosissimus explanator, obiit 
aetatis suae anno lvt. 

Ludovicus, Pannoniae rex, Venetis bellum mo'- 
vet, in quo supra quadraginta armatorum equitum 
milibus in Italiani ductis, Tarvisium obsidet. 

Belgae, Germaniae fines ingressi, non longe a 
fìumine Rheno centum milia Bramanzonum supe- 
rant et praecipuas eorum urbes capiunt. 

In Hispania, et praecipue Sibiliae et Cordubae, 
plurima aedificia terremoti! conciderunt. 

Angli in pitiriensi agro Francos superant et 
Iohannem, eorum regem, cum Philippo fìlio capiunt. 

Ungariae rex Venetis pacem petentibus perhu- 
maniter assentitur. 



IAA. 1351-1358] 




VI 



vidi 



VII 



Vili 



vini 



x 



XI 
XII 



10 



15 



20 



25 



>0 



35 



40 



i. sussecuti] D. subsecuti - trabs] su litura in M. — 5. ottinuit] D. obtinuit — 15. prope] D. quoque; in 
M. precede un q espunto - Africa] A. Affrica — 17. depascentes frondes] D. frondes depascentes — 33. milibus] 
D. mUlibus - Tarvisium] la prima sillaba su litura in M. ed A. — 34. Belgae] A. Belge — 35. milia] D. millia 
— 37. et] D. omm. — 39. pitiriensi] D. Pytiricnsi 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



|AA. 1359-1377| 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



117 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



1359 



1360 
1361 



1362 



1363 



1364 
1365 



1366 



1367 



1368 
1369 
1370 



1371 
1372 
1373 
1374 

1375 



1376 
1377 



VII 



Vili 
Villi 



X 

Pont. CC VII. - 
Urbanus V, 

ila. vili. 
I 



ri 
ni 



mi 



vi 

VII 
Vili 



Pont. CC Vili. - 
Gregorius|XI, 
aa. VII, mm, v. 

/ 

II 

III 

ini 



vi 

VII 



Adoardus, Angliae rex, Ioliannem, Francorum 
regeru, liberum esse voluit, et quibusdam conditio- 
nibus illum dimisit; quibus non observatis, Adoar- 
dus ipse armatis supra cenlum et quinquaginta na- 
vibus ingentem exercitum in Galliam ducit et ma- 
gna clade illam provinciam afficit. 

Adoardus rex Parisium obsidet. 

Pisani contra Florentinos bellum resumpse- 
runt. 

Volaterrani in Florentinorum potestatem reclie- 
runt. 



Pisani in praelio capti ad spectaculum fioren- 
tini' populi quadraginta quatuor curribus per urbem 
devehuntur. 

Carolus imperator in Italiani revertitur et cum 
Urbano aliquibus rebus archane conpositis trans 
Alpes reduxit. 

Nicolaus Acciaiolus, eques florentinus et regni 
Apuliae nobilissimus gubernator, Neapoli moritur 
aetatis suae anno lvi. 

Brigida, devotissima Christi mulier et in regno 
Svetiae Neritiae princeps, Romam peregre profecta 
in Italia cognoscitur. 

Leonardus Brunus historicus Arretii nascitur. 

Carolus imperator iam aetate gravis propri ae 
consulens quieti Vincislaum filium suum natu gran- 
diorem Caesarem facit et successorem sibi in im- 
perio deligit. 



Paulus geometra Florentiae habetur insignis. 

Franciscus Petrarcha, egregii nominis poete, 
in patavini agri pago, qui Arquada dicitur, obiit. 

Principium belli, quod Fiorentini gessere cum 
Gregorio pontifice. 

Iohannes Boccaccius, vir ameni ingenii et la- 
tina patriaque facundia in scribendo Celebris, e vita 
migravit aetatis anno lxii. 



Impera- 
torum 


AA. M. 


XIII 




XIIII 




XV 




XVI 


ridi* 


XVII 




XVIII 




XVIIII 




XX 




XXI 




XXII 




XXIII 




XXIIII 




XXV 




XXVI 


vidhx 


XXVII 




XXVIII 




XXVIIII 




XXX 




XXXI 





Tart., 224 



e. Sov 



e. oo r 



19. archane] A. arcane — 23. aetatis] in M. il segno di ditt07ig azione aggiunto; A. etatis — 24. Brigida] D. 
Brisida — 29. propriae] A. proprie — 43. aetatis anno] A,M. etatis anno; D. anno aetatis suae 



118 



MATTHEI PALMER!! 



[AA. 1378-13851 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



1378 



Tart., 225 



Vili 



Pont. CC Villi. 

- UrB ANU S 

VI, aa. xi, mm. 
vili. 



e. gO v 



1379 
1380 
1381 



1382 



// 
/// 



//// 



1383 
1384 

1385 



V 
VI 

VII 



Gregorius pontifex intollerabili vesicae dolore 
Romae interiit circiter kalendas aprilis. 



Urbanus, natura inquietus et inhumanus in Pa- 
tres, sex simul cardinales Luceriae in carcere re- 
clusit et non multo post necari iussit. 

Patres dolentes Pontificem contumacem dele- 
gisse ab eo recessere et, Fundis conventu facto, Cle- 
mentem elegere sicque, duobus adsumptis' pontifici- 
bus, divisa est romana Ecclesia et principium ha- 
buit scisma, quod per novem et triginta duravit 
annos usque ad Martinum V Constantiae, sublata 
divisione, delectum. 

Infima et mercennaria plebs per discordias 
maiorum civium Florentiae sublevata honores civi- 
tatis sibi comedi postulavit, quibus seditionibus ci- 
vitas varie quassata maximum detrimentum suscepit. 

Carolus imperator humana functus vita deces- 
sit. 

Vincislaus, cum iam regnasset cum Carolo pa- 
tre annis otto,' regnavit solus annis xxn. 



Carolus, regio Francorum genere natus, ab Ur- 
bano pontifice ex Ungaria evocatus Ludovicique, 
Ungariae regis, copiis adiutus, in Italiam venit, re- 
gnum Apuliae ottinuit et Iohannam reginam, Cle- 
menti pontifici inherentem, interfici procuravit. 

Ludovicus, Andegaviae dux et Francorum re- 
gis frater, quinquaginta ferme et quinque Gallorum 
equitum milia in Italiam ducit et Apuliae regnum 
contra Carolum biennio debellat, quo demum anno 
peropportune Carolo interiit. 

Ludovicus, Ungariae rex, sine virili prole e 
vita migravit. 

Pestilentia Florentinos afflixit. 

Arretium in fiorentini populi potestatem de- 
venit. 

Galeatius mediolanensis Bernabovem, patruum 
suum, captum occidit, et eius potitus regno in Cite- 
riori Gallia potentissimus evadit. 



Ungariae proceres gubeniationem 



Reginae 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XXXII 



Imfi. XXXII. - 
Vincislaus, 
aa. xxir. 

I 

II 

III 



IlII 



vidlxx 



V 
VI 

VII 



10 



20 



30 



40 



i. vesicae] A. vesìce — io. adsumptis] in M. il d su ìilura; A. D. assumptis — 16. sublevata] A. sullevata 
— 22. otto] A. vm; D. octo — 31. Andegaviae] il primo e su litura in M. ed A. — 33. milia] D. milita — 34. 
debellat] segue in M. una litura di ur - quo] A. ni ìitnra — 39. Arretium] D. Aretium — 42. in] D. omm. 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



40 



45 



[AA. 1385-1395J 

Pontificum 



L1BER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



1386 

1387 
1383 
1389 



1390 



1391 



1392 



1393 



1394 
1395 



Vili 

Villi 

X 

XI 
Pont. CCX. • Bo- 

NIFATIUSVIIII, 
aa. xmi, mm. 

Villi. 



// 



/// 



//// 



V 
VI 



aequo animo non ferentes, Carolum, Apuliae regem, 
evocarunt, qui in Ungariam profectus ' communi 
principum populorumque favore regiam coronam 
accepit et proximis inde diebus Reginae dolo est 
interfectus. 

Ladislaus, predicti Caroli filius, in Apuliae re- 
gnum successit annis xxvtin. 

Sigismundus, qui postea imperavit, Ungariae 
regnum suscepit. 



Hoc anno in scismate eligitur Benedictus xin, 
qui post Clementem pontificatum tenuit annis xvnn. 

Principium belli, quod Galeactius mediolanen- 
sis duodecim annis cum Florentinis gessit. 

Stephanus, Bavariae dux, e Germania a Flo- 
rentinis conductus, in Italiani contra Mediolanen- 
sem magno exercitu venit, et nihil memorabile ge- 
rens in suam regionem revertitur. 

Iacobus, Armeniaci comes, acceptis Fiorentino- 
rum stipendiis ut Mediolanensi inferret bellum, ex 
Ulteriore Gallia ingentem exercitum in Citeriorem 
Galliam traducit, in qua provincia secus Alexan- 
driam statim profligatus interiit. 

Decies centena et ducenta sexaginta sex aurei ' 
nummi milia per sex tantum huius anni menses in 
mediolanensi bello a fiorentino populo expensa sunt 
et integre persoluta. 

Iacobus Appianensis, publicus Pisanorum scri- 
ba, qui multos annos secretissima queque in ea urbe 
tractaverat, Petrum Gambacurtam, civitatis princi- 
pem, interfecit et dominium sibi civitatis arripuit. 

Iohannes Acutus, eques brittannicus, dux aetatis 
suae cautissimus et longa militia magnam rei mili- 
taris gloriam per Italiani assecutus, Florentiae diem 
obiit. 

Italici generis homines circa hoc tempus arma 
resumpserunt et prò solventibus stipendia gerere 
bella ceperunt, cum superioribus temporibus per 
conductos externarum nationum equites bellare con- 
suevissent. 



119 




Vili 

vini 
x 

XI 



XII 



XIII 



XIIII 



XV 



XVI 
XVII 



e. gì r 



Tart., 226 



e. giv 



vidxc 



I. aequo] A. equo — 6. predicti] D. praedicti — 7. annis xxvuii] aggiunta posteriore in M. ed A. — 17. 
Galeactius] A. Galeazius; D. Galeatius — 25. ulteriore] A. D. ulteriori — 29. nummi] M. numi - milia] D. millia 
— 30. expensa] D. impcnsa — 36. brittannicus] D. brittanicus — 37. cautissimus] il primo u su Mura in A. — 
42. resumpserunt] le prime due sillabe su litura in il/. 



120 

ÀÀ. Sai. 

chri- 

stianae 



MATTHEI PALMKRH 



Pontificum 



1396 
1397 

1398 



C. Q2f 

Taht., 227 



1399 



VII 
Vili 

Villi 



X 



1400 



XI 



1401 



e. gav 



1402 



XII 



XIII 



Niccolus, eximii nominis medicus, Florentiae 
habetur doctissimus. 

Grysaloras bizantius disciplinam graecarum lit- 
terarum in Italiani retulit, quae per septingentos 
iam annos apud nostros homines in usu non habe- 
batur. 

. Mirabilis Dealbatorum peregrinatio, quae ex' 
Alpibus in Cisal'pinam Galliam progrediens usque 
ad extremas Italiae oras universos ubique populos 
apprehendit duravitque fere tris menses; in qui- 
bus praelonga populorum agmina vestibus induta 
albis supplici devotionis fervore ad vicinas civita- 
tes procedebant et universi misericordiam concla- 
mabant et pacem; tantaque tenuit animos religio, ut, 
qui simili veste non conspiciebatur, Deo rebelles et 
abhumana conversatione separandiessecenserentur. 

Florentiae in vacua pene urbe, e qua cives ma- 
gno effugerant numero, supra triginta hominum mi- 
lia absumpsit lues. 

Paulus Guinisius apud Lucenses dominium ci- 
vitatis arripuit. 

Vincislaus propter segnitiem atque lasciviam ab 
Electoribus est imperio depositus. Unde quidam 
hoc anno vacasse imperium scribunt, licet Rober- 
tus statim fuerit ad Imperium electum, sed non 
pariter ab omnibus et ubique receptus. 



Robertus imperator, a fiorentino populo gran- 
dem pecuniam accipiens, contra Galeactium, Medio- 
lanensium ducem, maximo exercitu in Italiani transit, 
et nulla memorabili gesta re trans Alpes revertitur, 

Cometes in caelo est visus. 

Galeactius, Mediolanensium dux, continuans 
adhuc per suos duces in Florentinos bellum, apud 
Marignanum, mediolanensis agri opidum, moritur. 

Tamburlanus, incredibilis potentiae imperator, 
moritur. Fuerat apud Tartaros natus humili loco 
et tantas vires adeptus, ut supra duodecies cen- 
tena hominum milia haberet in castris. Qua mul- 
titudine attritis bello Teucris, eorum Imperatorem 
catenis vinctum aureis currui, quo vehebatur, 3Ì 



[AA. 1396-1402] 




XVIII 
XVIIII 

XX 



XXI 



XXII 



Imp. XXXIII. - 
Rob BRT US 
Bavtrius, aa 

X. 



// 



10 



15 



20 



25 



30 



vide 



35 



40 



2. Niccolus] D. Nicolus — 4. Grysaloras] A. Grisaloras — 17. separandi] Pi su Htura in M. — 19-20. milia] 
D. millia — 31. Galeactium] A. D. Galeatium — 34. Cometes.... visus] le desinenze su li tura in M. ed A. — 
35. Galeactius] A. D. Galeatius — 37. opidum] D. oppidum — 39. Fuerat] segue in M. enim espunto — 41. milia] 
D. millia — 42. attritis bello] di mano diversa su litura in il/. 






[AA. 1402-1410J 

Pontificum 



LIBER DE TEMPORIBUS 



AA. Sai 

chri- 
stianae 



10 



1403 



1404 



1405 



15 



20 



1406 



25 



30 



1407 



1408 



35 



1409 



40 



1410 



XIIII 



XV 



Pont. CCXI. - 
Innocenti us 
VII, aa. li. 

/ 



// 



Pont, ccxir. • 
Gregorius 

XII, a ti. il, mm 
VII. 



II 



III 



Pont. CCXIJI. - 
Alexander 
V, mm. xi. 




triumphans adiunxerat. Armenios praeterea pro- 
straverat, subverterat Persas, destruxerat Egyptios, 
Damascum pene deleverat et quocumque eius tran- 
scenderat nomen sola fama, quasi fuisset missus a 
Deo, peccatorum ultor terribilis imminebat. 

Franci his temporibus Genuam aliquot annos 
possederunt. 

Paulus Cretensis, disputator suttilis, in Italia 



agnoscitur. 



Ladislaus, Apuliae rex, per amicitiae speciem 
Romam ingressus Romanos concitavit effecitque 
ut sumerent contra Pontificem arma, quibus 'in con- 
tentionibus undecim e primariis civibus per fauto- 
res Pontificis intercepti necantur. Post quae per- 
terrefactus Pontifex omni curialium turba Viterbium 
commigravit et commoratus est ibi aliquot menses, 
donec Romani, pluribus legationibus illum revo- 
cantes, dominationem quoque Urbis eidem reddi- 
derunt. 

Pisae bello et fame domitae in potestatem fio- 
rentini populi devenerunt. 



Gregorius prò unione Christian orum electus 
obligaverat se ad pontificatum deponendum, si Be- 
nedictus, qui pontificatum alterum in Gallia reti- 
nebat, se quoque abdicaret. 

Cohortantes igitur in principio sese et abdica- 
tionem mutuam offerentes, Saonam, in qua urbe 
convenirent, elegerunt. 

Sed in conveniendo se ad invicem illudentes 
maxima Christianorum incusatione maiorem divi- 
sionem concitarunt. 

Ladislaus rex per absentiam Pontificis Romam 
occupavit. 

Concilium ingens Pisis celebratur, in quo ac- 
cusati de collusione Pontifices ambo privantur et 
Alexander Cretensis ad pontificatum assumitur. 

Alexander Ludovico, Ludovici Andegavensis ' 
filio, regni Apuliae concessionem fecit. 

Fiorentini a Ladislao rege Cortonam emerunt 
urbem. 



/// 
//// 



vi 



VII 



Vili 



Tart., 221 

e. 03 r 



vini 



x 



e. g3 v 



i. triumphans] D. tryuraphans — 2. Egyptios] A. Aegiptios; D. Egiptios — 5. peccatorum] A, peccator 
11. speciem] spetiem — 13. sumerent] A. summerent — 14. undecim] D. xi 



122 



MATTHJÌl PALMERII 



[AA. 1411-1421] 



Tart., 229 



e. 04 r 



AA. Sai, 

chri- 
stianae 



1411 



1412 
1413 

1414 



1415 



1416 



1417 



1418 

1419 

1420 
1421 



Pontificum 



Pont. CCXXIII. 

• lOHANNBS 
XXIII .aa. mi. 
mm. x. 

I 



II 
III 

un 



Pontificum vaca- 
rti sedei, aa, 
il. mm. vi. 

I 



II 



Pont.CCXXV.- 
Martinus V, 
aa. XIII, mm. 
III. 



II 

/7/ 
//// 



Ladislaus rex a ducibus Iohannis pontificis in 
Regni linibus profligatus : Totius, inquit, Regni po- 
testatem hostis in manibus habet, si uti Victoria 
sciat. 

Niccolus medicus Florentiae moritur, grande 
relinquens opus, quod de omni medicina, veterio- 
ribus auctoribus exquisitis, ediderat. 

Ladislaus rex Romani iterum occupavit, Pon- 
tirlce cum universa curia Florentiam commigrato. 

Ladislaus rex Neapoli moritur et succedit ei 
Iohanna, soror eius, annis xxi. 

Leonardus Brunus Aristotelis Ethicorum libros 
per liaec tempora latinos facit, et decem et otto 
annos post Politicorum quoque libros transtulit. 

Concilium Constantiae celebrari ceptum, quod 
incredibili pene principum praelatorumque frequen- 
tia tres annos duravit. 

Ioliannes pontificatu se abdicavit. 

Gregorius, qui ante pisanum concilium fuerat 
pontifex, Constantiam misit et se legitime abdicavit. 

Benedictus quondam in Gallia pontifex, se pon- 
tificem pertinaciter asseverans, auctoritate concilii 
rursus improbatus damnatur. 

Philippus Scolarius, eques florentinus, apud Si- 
gismundum imperatorem honore et auctoritate pri- 
mus habetur. Hic copiarum dux atque imperator 
ab Imperatore factus, viginti amplius praeliis variis 
temporibus Sarmathas et Teucros in Christianos 
Europe ruentes superavit et propriis quiescere se- 
dibus compulit. 

Lues ingens, in qua super xvi hominum Flo- 
rentiae periere. 



Martinus in Italiani reversus biennio fere Flo- 
rentiae commoravit. 

Sigismundus imperator, mortuo Vincislao eius 
fratre, Boemiae regnum ottinuit. 

Valvae, in quibus inenarrabili sculti aeris ope- 
re Novi Testamenti historiae sunt, Florentiae ad 



Impera- 
torum 


AA. M. 


Imp.XXXIIII.- 

SlGISMUNDUS, 




aa. XXVII. 




I 




II 


vi'lcx 


III 




un 




V 




VI 




VII 




Vili 




vini 




X 




XI 





10 



15 



20 



25 



50 



OD 



40 



45 



5. hostis] aggiunta interlineare in M. — 7. Niccolus] D. Nicolus — 12. commigrato] D. profecto — 13-14- Ladi- 
slaus.... xxi] su ca/icellatura in D. — 16-17. decem et otto annos] di diversa mano su litura in M. ed A. — 16. otto] 
D. octo — 31. ab imperatore] aggiunta interlineare in A. — 33. Europe] D. Europae — 44. sculti] D. sculpti 



[AA. 1421-1430] 



ÌABEK DE TEMPORIBUS 



123 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



10 



15 



20 



25 



50 



35 



40 



Pontificum 



1422 



1423 
1424 



V 



VI 

VII 



1425 


Vili 


1426 


vini 


1427 


X 


1428 


XI 


1429 


XII 


1430 


XIII 



sacras Baptisterii aedes imponuntur; et aliae, in 
quibus acta Veteris Testamenti solido itidem aere 
relevantur, f abricari hoc anno sunt caeptae, utrarum- 
que scultor Laurentius fnit, statuariae quidem mi- 
rabilis artifex, qui historias veris persimillimas in 
illis effingens praestan'tissimum illustravit opus, quod 
non minori tamen spatio, quam quinquaginta anno- 
rum tempore, perfìnivit. 

Philippus, Mediolanensium dux, occupata Ge- 
nua urbe, magnum exercitum inter Forum Cornelii 
Liviique Forum, continebat et in ipsis Fiorentino- 
rum finibus terribilis imminebat. Quapropter su- 
scipitur adversus eum a fiorentino populo bellum, 
quod usque ad obitum eiusdem Ducis duravit, anriis 
scilicet supra xxv, infida tamen nonnumquam et 
insidiarum piena pace intercedente. 

Aureus nummus Florentiae extensus, quia lucri 
gratia quaedam aliae civitates illum extendentes suo 
signo figurabant. 

Braccius et Sfortia, peritissimi rei militaris du- 
ces, amici quondam in minoribus fuerant, poten- 
tiores inde per Italiani facti et de prioratu conten- 
dentes inimici fiunt. Amici tamen inimicive res 
magnas memorabilesque gessere. Tandem propter 
emulationem ad dimicandum vehementer irritati 
Sfortia in transitu Piscariae fluminis summersus 
periit; Braccius vero hoc eodem anno, cum Aqui- 
lani urbem ossideret, a copiis Pontificis superatus 
occiditur. 

Memorabilis pugna, in qua magnae equitum 
copiae adversus Mediolanensis exercitum a 'Flo- 
rentinis missae non longe a Zagonara sua stolidi- 
tate profligantur. 

Veneti, unita cum fiorentino populo societate, 
adversus Mediolanensem bellum suscipiunt. 

Brixia in Venetorum potestatem devenit, cuius 
deinde arx vi et machinis vix est expugnata. 

Pax facta est cum Mediolanensi, in qua Ber- 
gomum quoque Venetis concessit. 

Bellum lucense a Florentinis suscipitur. 

Solis facta defectio. 

Paulus Guinisius, qui Lucae dominabatur, dolo 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XII 



vidcxa 



e. g4 v 



T a ut., 230 



XIII 
XIIII 



e. qjr 



XV 

XVI 

XVII 

XVIII 

XVIIII 

XX 



i. sacras] D. sacram - aedes] D. aedem — 3. anno] su litu.ro. in M. - caeptae] D. ceptae — 4. scultor] D. sculptor — 
7. spatio] D. spacio - quinquaginta] /'a finale su litnra — 9. Philippus] il/. Philipus con segno divisorio tra l'i e il p — 
16-17. Infida. . . . intercedente] agg. di mano diversa in M. ed A. ; marginale in M. — 38. eodem] M. su litura — 35. unita] 
agg. interlineare in A. — 41. il/, ha qui tre righe bianche con segno di abrasura ; A. ire righe bianche ; D. una sola riga bianca 



124 



MATTHEI PALMERII 



[AA. 1430-1439] 



AA. Sai. 

chri- 

stianae 



Pontificum 



1431 



1432 



Pont. CCXVI.. 

EUGENIUSIIII, 
aa. XVI. 

/ 



e. 95 v 
Tart., 231 



1433 
1434 

1435 



1436 



// 



/// 



//// 



VI 



1437 



1438 



e. qbr 



1439 



VII 



Vili 



Villi 



suorum captus ad Mediolanensem deducitur et una 
cum filiis diuturno carcere maceratur. 



Mediolanensis classis Genuae comparata in ipso 
quoque Genuensium littore Venetis Florentinisque 
superantibus profligatur undecim navibus longis in 
fuga interceptis. 

Philippi mediolanensis supra tria equitum milia 
ab equitibus fiorentini populi sub Toporio, pisani 
agri opido, superata maiori ex parte capiuntur. 

Sigismundus imperator, Philippi mediolanensis 
potentia opibusque adiutus, in Italiani transit pa- 
rumque prospere deinde succedentibus rebus diu- 
turnis cunctationibus Romam tandem venit. In qua 
urbe ab Eugenio pontifice coronatus est; nec multo 
post Philippo evocatori infensus trans Alpes abivit. 

Cosma Medice Florentia pulso, vehemens in 
republica mutatio fuit. 

Cosma Medice Florentiam revocato, gubernatio 
civilis reipublicae reformata est et diversae factio- 
nis principes in exilium sunt acti. 

Genuenses duos Arragonensium reges non pro- 
cul Caieta navali praelio superatos capiunt et Me- 
diolanum ad Philippum ducunt, qui eos benigne 
suscipiens libéralissime dimisit. 

Genuenses liberationem inimicorum Regum in- 
digne ferentes Mediolanensis repulso iugo se in 
libertatem vendicarunt. 

Florentiae ecclesiam maximam, cuius testudo 
in terris singularis, Philippo fiorentino architecto 
curante, nullis sustentaculis absoluta est, Eugenius 
pontifex solemni pompa dedicavit. 

Sigismundus imperator diem obiit. 



Concilium Basileae congregatur lente tamen' 
et parva admodum frequentia auctoritateque nu- 
tritum, in quo post diutinam moram, privato demum 
Eugenio, Amadeus, Sebaudiae dux, ad pontificatum 
eligitur, quem Felicem UH vocarunt. 

Eugenius pontifex concilium Florentiae cele- 
bravi^ in quo Greci, eorum Imperatore presente, 
de processione Spiritus Sancti idem quod romana 
tenet Ecclesia consenserunt. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



XXI 



XXII 



XXIII 



XXIIII 



XXV 



vidcxxx 



10 



15 



20 



XXVI 



XXVII 

Imp. XXXV. - 
Albertus II, 
aa. il. 

I 



25 



50 



35 



/7 



40 



i. deducitur] A. perducitur — S. milia] D. millia — io. opido] D. oppido — 22. Arragonensium] D. Ara- 
gonensium — 23. Caieta] il C su litura in M. ed A. — 26. Genuenses liberationem] su litura in M. — 30. Fio- 
rentino] aggiunta interlineare in il/., D. omm. — 32. dedicavit] il cavit su litura in A. — 36. auctoritateque] D. 
auctoritate prius — 38. Sebaudiae] D. Sabbaudiae — 43. Ecclesia] il frimo e aggiunto in M. 



[AA. 1439-1444] 



LIBER DE TEMPORIBUS 



125 



AA. Sai 

chri- 
stianae 




10 



15 



20 



25 



30 



1440 



1441 



35 



1442 



40 



45 



1443 



1444 



X 



XI 



XII 



XIII 



XIIII 



Nicolaus Euboicus, latinae et graecae linguae 
atque elegantiae princeps laudatissimus habetur, qui 
frequenti concilio medius assistens, multis et eru- 
ditis viris audientibus, me quoque teste visente au- 
dienteque, disputantium verba atque sententias, tum 
graece, tum latine probatas mira celeritate ultro 
citroque in utraque lingua fìdelissime et summo or- 
li atu reddebat. 

Ambrosius, Ordinis camaldulensis generalis ab- 
bas, latinae grecaeque linguae accurate doctus et 
bonis omnibus disciplinis ornatus, in eo concilio 
clarus habetur. 

Armeni et Indi in fiorentino concilio cum ro- 
mana Ecclesia unitatem reintegrarunt. 

Nicolaus Piccininus, copiarum mediolanensis 
Dux, cum crebris tormentorum ictibus Brixiam op- 
pugnaret et Veronam per proditionem evocatus 
fuisset, intempesta nocte maximis' equitum pedi- 
tumque copiis urbem illam ingressus ottinuit, quam 
tertia die Franciscus, Sfortiae filius, comes et Ve- 
netorum Florentinorumque exercitus dux, tanta vi 
elatique animi praestantia recuperavit, ut singularis 
memoriae facinus habitum sit, ab ottava praesertim 
diei usque ad septimam noctis horam atrocis pu- 
gnae impetu intra urbem enixius perdurante. 

Piccininus apud Anglare a nostris superatus 
universum exercitum amisit et eius capta vexilla 
Florentiam sunt relata. 

Franciscus, Sfortiae filius, post multa egregia 
ac praeclara superior in gallico bello factus, ab ami- 
cis inimicisque pacis iungendae potestatem suscepit; 
parumque post, positis suo arbitratu conditionibus, 
pacem dedit, in qua Blancam, mediolanensis Ducis 
filiam, uxorem accepit et Cremonam atque Pontrie- 
molim nomine dotis possedit. 

Alfonsus, Arragonensium rex, post diuturnam 
obsidionem Neapolim capit et Apuliae regnum ob- 
tinet. 

Rainerius, ex regio Francorum genere ortus, 
qui in Apulia dominatus est, per Etruriam iter 
faci'ens Florentiam venit ac inde Pisas, unde mox 
in Narbonensem navigavit. 

Leonardus Brunus, historiographus Florentiae, 
moritur vii idus martii, aetatis suae anno lxxiiii. 

Triginta ferme Teucrorum milia inter Adrino- 



Impera- 
torum 



AA. M. 



hnp. XXXVI. ■ 
Federico III. 
a<i 



// 



III 



//// 



l'ART., 232 



e. gb v 



vi dati 



e 97 -r 



33. ab ottava] su litnra in AI.; D. ab octava — 37. Arragonensium] D. Aragonensium — 40. Rainerius] D. 
Raynerius — 42. ac] su Silura in A. — 46. ferme] in A. correzione di fere - milia] D. millia 



126 

AÀ. Sai. 

chri- 
stianae 



Pontificum 



Tart., 233 



1445 



1446 



e. 97 v 



1447 



Tart.. 234 



1448 



e. gSr 



XV 



XVI 



Poni. CCXVII. 
- Nicolai; s 
V, aa 

/ 



// 



MATTHEI PALMERI1 



polim Danubiumque a christianis sunt caesa. In 
qua pugna Wlasdislaus, Pannoniae rex, et Iulianus 
Caesarinus, diaconus cardinalis et in eo bello Pon- 
tificis praefectus, prò Christi nomine interierunt. 

Eugenius pontifex picenum agrum, quem Fran- 
ciscus, Sfortiae filius, per eiusdem Pontifìcis con- 
cessionem possederat, recepit. 

Veneti, unito suo et fiorentini populi equitatu, 
inter cremonensera atque mantuanuni agrum in 
ripis Padi fluminis magnas equitum Me'diolanensis 
copias profligarunt, posterisque diebus iacto super 
Adduam ponte et superati», quos tumultuarie hostis 
reparaverat, equitibus, usque ad menia urbis nullo 
penitus obviante mediolanensem agrum deprae- 
dantur. 

Eugenius Romae moritur vii kalendas martii. 

Philippus, Mediolanensium dux, v idus au'gu- 
sti apoplexia correptus, quatriduo post interiit. 

Veneti post Mediolanensis mortem Laudum et 
Placentiam occuparunt. 

Papia in Francisci, Sfortiae filli, potestatem de- 
venit. 

Alfonsus, Arragonensium et Apuliae ac Siciliae 
rex, nulla prius lacessitus iniuria Florentinis bellum 
movet et per volaterranum agrum et Inferi quoque 
Maris littora castella quaedam occupat. 

Franciscus, Sfortiae filius, Comes et exercitus 
Mediolanensium dux, Placentiam expugnavit et in 
suorum praedam convertit. 

Quarto kalendas septembris di'ei bora sexta 
solis est facta defectio. 

Alfonsus rex in obsidione Piombini, maritimi 
opidi, supra tres menses fatigatur; cum ex suis 
multos amisisset et caeteri labore et estu maxima 
ex parte languidi imminentem fiorentini populi exer- 
citum formidarent, obsidionem dissolvit et totum 
exercitum in romanum solum reduxit, unde, suorum 
quamplurimis egestate et militiae tedio properantius 
abeuntibus, Neapolim parum post ipse navigavit. 

Franciscus, Sfortiae filius, Mediolanensium co- 
piarum dux, Venetorum exercitum, in quo quin'de- 
cim ferme bellatorum erant milia, non lono-e a flu- 
mine Addua iuxta Claravagium opidum superat et 



[AA. 1444-1448] 



Impera- 
torum 



AA. M. 



VI 



VII 



Vili 



Villi 



10 



15 



vidcxlv 



20 



25 



30 



vidcxlvi 



35 



40 



io. magnas] A. magnis — 13. menia] D. moenia — 17. annis] in D. segue vili in nero — iS. vidcxlv] A.D. 
omm. — 22. Sfortiae] M. D. Sforziae — 24. Arragonensium] D. Aragonensium — 30. praedam] A. predam — 31. 
vidcxlvi] D. omm. — 34. opidi] D. oppidi — 43. milia] D. millia — 44. opidum] D. oppidmn 



[A. 1448J 



LIBER DE TEMPORIBUS 



127 



AA. Sai. 

chri- 
stianae 



10 




in fugam vertit; in qua pugna multi sunt capti, 
inter quos Amoraus Donatus, in castris a Venetis 
praefectus, et duces quidem copiarum cum publicis 
Venetorum vexillis capiuntur. 

Veneti Franciscum, Sfortiae filium, sibi recon- 
ciliant et in amicitiam recipiunt, pacatisque inter 
se rebus et terminatis finibus, donec Mediolanum 
in suum arbitrium potestatemque recipiat menstrua 
i Ili stipendia pollicentes. 

Mediolanenses Laudum receperunt. 

Mattiiei Palmerii florentini ad Petrum Medicem liber de Temporibus explicit. 
Laus sit et honor et gloria omnipotenti Deo in eternum. 



Impera- 
torum 



AA. M. 



5. Sfortiae] M. Sforziae — S-y. menstrua] la prima sillaba su lilura in M. — io. Mediolanenses. 
runt] omm. in M. che ha un lungo segno di abrasura — 12. Laus.... eternum] A. Laus Deo 



rceepe- 



APPENDICE 



T. XXVI (Tartini, I) p. i — 9. 



tns. — Biblioteca Nazionale di Firenze. Magliabechiano, XXV, 511 



[A. 1429] 



MATTHEI PALMERII ANNALKS 

CONOSCIUTI SOTTO IL NOMI; DI 

HI STORIA FLORENTINA 




e. g r 



MCCCCXXXII. 

um sit opere prctium sui tempori s res gestas oblivioni preripere et eas iideliter 

memorie mandare, ut sic per multas et varias rerum vices multa dignoscere ac 

providerc possimus, non indignum michi videtur meorum tempora facta, que 

memoratu digna videbuntur, quoque modo poterò deinceps prescribere. Sumam 

igitur MCCCCXXXII Christiane salutis annum, cuius initium viij aprilis kalendas apud nos 

10 habetur, quod tempus per annuos circuitus, dum Deus hoc prestabit, prosequar, quod, utcunque 
elaboratum erit, antiqua licentia annales vocitabo. In quibus ad meam solum notitiam levissima 
interdum apponam, non quia digna celebratione videantur, sed quia si aliquando vel minima 
publice Florentie gesta mihi opus fuerint, que mea etate contingerint, ipse vel partim vel 
omnia ex his commentariis sumere possim; quod si minime accidet, tamen scribendi cura me 

15 aliquid certe iuvabit. Et quia hac tempestate maximum bellum cum mediolanense Duce 
geritur, multa, que hoc in bello foris domique ac per universam Italiani gerebuntur, hic litteris 
apponam, ad quarum rerum notitiam presentis belli initium repetam, que belli causa, qui aucto- 
res, qui incepti comprobatores conficiatoresque fuerint. Non hec tamen, ut historiam enarrem, 
nam nimium quidem prolixum esset, si vellem omnia que ad historiam pertinent persequi. 

20 Non igitur regiones describam, non Consilia contentionesque enarrabo, non quod sapienter 
temerarieve gestum sit iudicabo, sed omnia hec sic attingam, ut satis per hec scire quid factum 
sit et quomodo; exhornare deinde verbis maioris sit diligentie eius, qui universam rem simul 
excogitare et disponere possit. Nam ego, ut iterum intentionem meam exponam, que bello 
paceve vel domi vel extra urbem gesta erunt in dies literis excipiam. Sic interdum eve- 

25 niet, ut rei principium significem, cuius intueri finem minime adhuc possit; et sic suo tem- 
pore eventus rerum reservabo, cum alio loco initium dixerim. In quibus rebus sat erit, si mihi 
ipsi satisfecero; cum hoc solum animi mihi sit, cum opus fuerit aut voluero, que mea etate 
publice gesta erunt excipere ex his literis posse. 

MCCCCXXVIIIJ . 

30 Anno Christiane salutis MCCCCXXVIIIJ idibus fere novembris, cum per universam Ita- 

liani pax esset, Vuloterrani a Florentinis temerarie defecerunt; cuius rei causam omnem in cerunt.' 
vulgum honestiores cives detulerunt et idem rei eventus brevi demonstravit. Nam cum hoc 



C. Q V 



12. vel] precede etiam espunto — 15. Duce] sovrapposto a bellum espunto — 17. rerum] segue cuius belli 
espunto - repetam] precede app. espunto - causa] segue s espunto — 20. quod] precede iudicabo espunto — 21. te- 
merarieve] correzione di temerarieque — 25. et] vis. e — 27. fuerit] segue qu espunto — 30. idibus fere novem- 
bris] aggiunta interlineare 



132 



MATTHEI PALMERII 



LAA. 1429-1430] 



Niccolò Porle- 
braccia Lucca, 



Andreas lunius. 



e. /or 



Florentie nuntiatur, statini castra in eos mittuntur et cum ipsis duo cives Renaldum Albizum 
et Pallantera Strotium, quibus cura omnis demandatur. Venientes igitur urbem obsiderunt; 
Voluterrani spe deterriti et quia dissidentibus primariis civibus id ceptum erat, post paucos 
dies in Florentinorum potestatem reddiderunt. De his varie apud magistratus consultum; tan- 
dem ei sublata est quedam potestas, quam in vicinos habebant, omnia alia inviolata reman- 5 
serunt. 

Post liane de voluntario hoste victoriam quidam cives, sive rei opportunitate, sive veteri 
invidia, sive quod sibi auctoritatem in bello vindicabant, privato iure Nicolaum Fortibrachium 
in lucense agrum cum maxima equitum et peditum manu demittunt. Qui huius incepti fue- 
rit auctor non satis ausim affirmare, verum consci] hi novem ferebantur: Raynaldus Albi- 10 
zus, Nerius Gini fìlius Capponius, Nerius Valorius, Puccius Antoni] filius.... Exercitus vero, 
post quam in Lucense devenit, vastare agros cepit et quedam primo tumultu castella impro- 
viso capiuntur. Bellum inceptum Florentinis post paucos dies nuntiatur ab his, qui vicina loca 
prò fiorentino populo gubernabant; rumor per civitatem vagatur, vulgus omne bene factum 
conclamat, pauci vero, quibus non erat hoc animi f erendi, minime putabantur. Interim lu- 15 
censis tirannus fiorentino populo literas mandat : dolet casum suum ; orat, ne f aveant inimicis 
suis, qui ei nefandum bellum indixere ; commemorat pacem in qua se populi fiorentini adhe- 
rentem effecerat. Nicholaus vero ductor exercitus non tarde literas suas subiungit, quibus 
se iustum bellum indississe dicit, quia pecuniam maximam, quam Braccio cognato suo fuerat 
pollicitus, reposcebat; ostendit se itidem ad omne, quod fiorentino placeat populo, esse pa- 20 
ratum ; castella que ceperat queque capturus erat omnia Florentinorum esse affirmat. Rectores 
vero, qui vicina loca Lucensium prò Florentinis regebant, omnes scribunt voluntariam datio- 
nem subditorum lucensis dominij, et inter alios Andreas lunius, clarus civis florentinus Pe- 
sciae oppidi rector, scripsit nec sibi sufficere omnes lecti pannos ad vexilla, que sibi posce- 
bantur, si a fiorentino populo dabatur suscipere posse oppida castella et cetera loca munita, 25 
que sua sponte dabant incole. Nec minus affirma'batur Pisanos, Pistorienses, Pesciatinos et 
ceteros Florentie populos paratissimos ad id bellum fore, id querere, optare et iam prope sua 
sponte inruere in Lucenses propter odium vicinitate susceptum. 

Priores, qui per hoc tempus magistratum habebant, de hac re publice consulunt. Consul- 
torum parum quidem varie sententie fuerunt ; nam omne vulgus et honestorum civium pars 30 
maxima, qui ab primis belli susceptoribus ambiti fuerant, bellum suscipiendum sine controver- 
sia affirmant; pauci vero, qui periculum iminentem timebant et dissuadebant invadere Lucen- 
ses, muneribus tiranni placati habebantùr et quasi fiorentino populo aversi. 



BcUum suscipi- 
tur. 

1430 



Inaquatur urbs. 



Accipitur tandem bellum et in lucensem agrum ducuntur copie, quibus Nicholaus For- 
tibrachius preficitur. Primum castella quedam capiunt et feliciter pugnant. Lucensis inde 35 
civitas obsidetur munitissimis castris. Cives se suaque extrenue tutantur et omnia aversa pati 
ferunt. Visa tandem Lucensium obstinatione, novo Consilio inito, Pippus architectus ad ina- 
quandam Lucensium urbem preficitur; fuerat autem hic huius rei inventor. Inceptum hoc 
fuit fine veris, et maximis hominum laboribus usque in hiemem tempus consumitur in aggeribus 
fossisque. Nil aliud hostile interim operatur, quo evenit ut, imperfecta re, tempus omne estivum 40 
preteriret. Interim mediolanensis Dux a Paulo Guinici, lucensi tiranno, advocatus ij m equitum 



3. quia dissidentibus] tra le due parole un per espunto — 9. Qui] orig. quis coll's espunto. — 9-10. fuerint — 10-11. 
Albizus] segue N. Fortebrac espunto — II. Nerius] ms. N. - Capponius] aggiunto in margine - filius] dopo questa parola 
una riga bianca nel ms. — 13. capiuntur] segue imperator espunto — 15. pauci] ripetuto due volle; la prima espunto 
— 16. ne faveant] tra le due parole un id espunto — 18. exercitus non] tra le due parole un ductor espunto — 
2i. ceperat] segue fiorentini populi e espunto - Rectores] ms. Retores — 25. sucipere — 27. populos] segue esse 
espunto - optare] precede id espunto — 28-29. susceptum. Priores] nel ms. una riga nella quale si leggono espunte 
le parole. : Consulitur igitur de hac re — 30. vulgus] segue be espunto — 31. suceptoribus — 32. qui] correzione di 
quibus — 32-33. Lucenses, muneribus] tra le due parole un ac espunto — 35. filiciter — 36. et] ms. e - pati] nel 
ms. patiuntur col ntur espunto — 3S. hic huius] tra le due farole un rei espunto — 39. et] ms. e 



[AA. 1430-1431] ANNALES 133 



mittit et pedites multos in auxilium Lucensium. Dux horum Franciscus comes erat. Adventu i i iscua co- 
eius primum, sublata opugnatione, Fiorentini in proximis locis, que natura munita videbantur, nit. 
considerunt. Comes vero in suburbanis castrum posuit et per aliquot dies velut Lucensium 
amicissimus stetit. Deinde spe congeste pecunie Pauli Guinici, quas innumeras fama predi- 
5 xerat, nec non etiam capiende urbis, Franciscus comes, uti a mediolanensi Duce commonitus 
erat, cum aliquibus civibus lucensibus convenit, eis liberam et popularem polb'cens civitatem; 
deinde Paulum Guinicem et iiij filios, qui urbis dominabantur, capti, cum summis diviziis Me- panfu». ca| 
diolanum mittuntur; per proximas deinde civitates longo omnes carcere macerantur. Lucenses e iov 
in urbe magistratus' conficiunt, subiecti tamen potentie mediolanensis Ducis eiusque nomine 

10 et militibus oppida et turres urbis servantes. Deinde a Lucensibus legati Florentiam veniunt 8 fbus mi»»i? 
poscuntque in amicitiam et collegam recipi, orantes ut popularem statum conservent; expulso 
tiranno, qui inimicus Florentinis fuerat, eos vero amicos esse. Paucis responsum accipiunt: 
omnia eis secunda fore, si a mediolanensi Duce innimicissimo eripiatur civitas; verum, dum 
suis pareant, inimicos esse fiorentini populi certum habeant. Post hec, sic stabilita re, Fran- 

15 ciscus comes, cum quam maximis potuit copiis, per pesciatinum agrum ad Stingnanum Bug- 
gianumque opida venit, et ea ostiliter invasit, cepit populavitque. Statim deinde sub menibus 
urbis rediit ibique commoratur. Omnibus his rebus vicini exercitus Florentinorum astabant 
multo maiori numero peditum equitumque et copia rerum omnium, que et ad victum et ad 
bellum pertinebant; que omnia contra crant hostibus. Et tamen discordia ductorum nihil 

20 impediebant hostes, quos certe sua preda fecissent, si vellent. Tandem cum Francisco comite Franciscus acce- 
conveniunt Fiorentini, et ille acceptis lx millia florenorum aureis recessit. Vacua deinde loca cessit. 
nostri suscipiunt, et parum sibi invicem confidentes exercitus parum urbem opprimunt. 

Non multo post Nicolaus Piccinus, ab eodem Duce missus, nostros superat, et adeo celeri- nùV venit."' 
ter pertinaciterque pugnat, ut ieme per pisanum agrum in voluterranum et deinde spe fraudis 

25 sibi pollicite Aretium usque devenit, multa devastans et oppida quedam suscipiens, et ma- 
xime que olim Pisanorum fuerant. Tandem detecta fraude Arre tini auctores morte multantur. conlàrant 1 . 
Et Nicholaus Piccinus spem maximam Senensibus offert, quorum spe ac auxilio pertransie- 
rat ; et tandem pollicens multa eff ecit ut aperte bellum f errent Florentinis. Ipse vero, sic e s n u Tciphint. " 
ordinata re, paucis relictis equitibus, in cremonensem agrum cum omni copia maximis itine- 

30 ribus rediit ad resistendum Venetorum copiis, que Mediolanensem premebant. Recessit idi- 
bus mai anno Christiane salutis MCCCCXXXJ . 1431 

Cause due fuerunt recessionis, prima Venetorum castra imminentia, altera mors summi cis'mors? 11 ' 
pontilìcis Martini quinti, qui xj° martii calendas nature concesserat. Post quem Eugenius Eicctio Eugeni, 
quartus pontirlcatum suscepit. Is Martinus, secreto Florentinis infestus, cum mediolanense 

35 Duce, cum Senensibus, cum Piombini Domino, cum Comite Urbini, ac per totam fere Ita- 
liani cum presidentibus omnibus in Florentinos coniuraverant adeo, ut non parva calamitas 
Florentinis evenisset, si non fuisset parvo spacio morte absumptus. Que omnia post eius 
mortem cognita sunt, et tamen Senenses et Piombinenses non se continuerunt. Igitur cum 
Nicholaus recessisset, parum suis militibus ' confidentes, quia in hostium adventu nihil ostile e. u r 

40 machinarant, eos commutare student. Itaque callide Nicholaum Talentinum, qui mediola- conducere Ta- 

1» • ■•• ... - . , ., .. .... lentinum tenta- 

nensi Duci mille equitibus mercede parebat, conducere mtendunt, existimantes ìnimicis- tur. 
simum exercitum infirmare suumque extrenuo imperatore et optimis militibus corroborare. 



1. et] vis. e - Aventu — 2. locis que] tra le due parole uti ip espunti — 3. Lucensium] aggiunta interlineare 
— 8. mittuntur] seguono le parole et ibi espunte — 9. nel margine superiore della pagina: f 1430 — 10-14. Deinde. . . . 
hec] aggiunta marginale con segno di richiamo — 16. invasit] il ms. ha ivasit — 17. Florentinorum] seguito da et 
espunto — 21. auris — 22. sucipiunt — 23. Nicolaus] il /ns. ha N. — 32. prima] precede alt espunto - Martini pon- 
tificis] ms. Mar. pon. — 36. in] precede co espunto - ut] segue d espunto — 39. cum] segue fl espunto - confidentes] 
nel margine supcriore della pagina f 1431 — 40. Nicholaum] ms. Niholaum — 41. Duci] ms. Duce - mercede] pre- 
ceduto da un pre espunto — 42. suumque] preceduto da un et espunto 



Michelettuscon 
ducitur. 



134 MATTHEI PALMERII [AA 1431-1432] 

Verum res non primum satis prospere processiti, nam in populari republica, in qua multis 
civibus res clara est, secretum aliquid esse haud facile potest; itaque suspicio Duci advenit, 
qui gratta tollende flaudis obsides a Talentino petiit ac per plurimos menses servavit. In- 
terim Fiorentini, sublata oportunitate conducendi eum, Michelettum, qui Bononie prò summo 
Pontifice olim bellum gesserat, conduxerunt. Hic Florentiam venit mcc equitibus ac sce- 5 
ptrum militie insigne suscepit. Deinde cum exercitu in agrum arretinum vadit et aliquas 
arces, quas Piccinus ceperat, recepit. Postea vero recedens in Pisanum agrum contendit ibique 
paucis obstantibus preter defensores meniarum aliqua castella superavit et maxime Trivium 
Marie castellum vi devicit; deinde ieme adveniente Pise periemavit. Tantum hec ab eo 
primo anno effecta. Per hoc tempus primum Nicholaus Fortebrachius a Florentinis disces- 10 
serat ad sua negotia perpetranda, parumque post Bernardinus ad Urbinum suos duxit et cum 
Comite affini suo se conduxit, et sic Florentinos linquunt; quod quidem utile fuit, quia minime 
dnctusT de se ad quidquid agendum confidebant. Dum hec geruntur Talentinus, iam cum Duce re- 

firmata re et obsides receptos habens, Florentie significat se paratum ad id quod olim tra- 
ctabantur; et sic confecta re, Mediolanensem linquit, et per Venetorum agros Bononiam deinde 15 
Rotti Geimenses. inter Imolam Froliviumque e onsedit, Eugenio pontifici favens. Inter hec Genuenses classem 
armarunt navium xxj, et itidem Fiorentini uniti cum Venetis armarunt adversus illos naves 
xviij, et die xxvnij a augusti non longe a Portufino prelium inter eos initum est, in quo su- 
perati Genuenses xj eorum naves capte sunt et una submersa, insignia eorum capta et capi- 
tanus etiam. Ramundus Mannellus, civis noster, ductor unius nostre longe navis grosse, summa 20 
fortitudine pugnans laudem summam reportavit. 

e \lii Tredecimo die ante iunij calendas decemviri designati fuerunt, qui bellum ducerent. Iis 

annuum magistratum datum fuit, cum olim sex menses ceteri tenuissent; et quia in ardua re 
probatissimis et fortissimis viris opus erat, sublatis per populum vetitis omnibus civibus adeundi 
magistratus, facultas data est qui xl, anno essent natu maiores. Fuerunt igitur delecti cives: 25 
Bartolommeus Ridolfus, Pierus Guicciardinus Luigi equitis filius, Alamannus Salviatus, Cosmus 
Medicus, Paulus Fortinus, Palla Stroza eques, Filippus Carduccius, Simon Bardus Bindelli 
filius, Antonius Mannuccius. Eorum magistratus initium ad iunij idus trahebatur, verum 
bellice rei imminens detrimentum et superioris decemviratus parva prudentia fecit ut desi- 

ptnm. 1 " gnandi exercendique idem fuerit dies. Per id tempus Senenses Linarium ostiliter expu- 30 

gnabant. Ab eo castello numptiatur dedisse se ostibus obsides pollicitosque esse castrum et 
omnia, si ad secundum ortum solis auxilium non detur; decemviri posterà die militum maxi- 
mam multitudinem undique per nuntios ad Linarium deduxerunt; sed cum venissent, oppidani 
se dederant hostibus ante noctem, qua milites infecta re per vicina oppida consederunt. 

p?um! s " " Senenses munito Linario x° iunij kalendas Gambassium ducunt exercitus. Oppidani sex 35 
dies crebis obpugnationibus resistunt; deinde crudelitatem hostium timentes, maxime quia in 
eos vitreatas catapultas intorxerant, castellum dederunt et, ne preda victorum essent, ij aureo- 
rum nummorum paciscuntur, prò quibus se suaque inviolata manxerunt. Senenses, accepto 
Gambassio, xl viros, quibus male confiderant, Senas duxerunt, ne rebellandi foret occasio. 
Dum hec geruntur, Florentie rumor plebem invaserat et publice dictitabant nobiliores, quibus 40 
e 13 v belli cura demandata erat, occurrere rebus aversis' noluisse. Sevitia preterea hostium exaspe- 

rabat animos, nam multos captivos crudeliter necaverant et formosiores feminas ex finibus 



i. republica] segue una cassatura — 6. aliquos — 7. arces] precede un castell espunto - Postea] preceduto da 
deinde espunto — 9. vi] correzione dì sui — 16. dopo la parola favens cambia inchiostro — 19. noves — 20. novis 

— 21. reportavit] qui termina la e. 11 r; le ce. Il V, 12 r, 12 v sono bianche nel ms. — 22. ducerent] scritto duce- 
renst colPs espunto; segue nec espunto - 1432] nel ms. nel mezzo della pagina — 23. menses] correzione di mensibus 

— 2S. Mannuccius] segue uno spazio bianco — 33. undique] segue de espunto - cum] segue ante espunto - venis- 
sent] il ms. venissent — 34. hostibus] segue in occaso solis espunto - qua] segue re espunto — 38. paciscuntur | su 
litura di dederunt — 40. plublice — 41. nel margine superiore della pagina: f 1432 



f A. 1432] ANNALES 135 



Florentinorum depredatas in lupanar Sene compegerant. Qua re Decemviri ex agro arrelino 
Nicholaum ductorem in hostium exercitus deduxerunt, et cum liis militum copiam maximam 
et externorum, quos conductos habebant, et cum iis alios, quos tumultuarie per omnem pro- 
vinciam suam convocaverant. Ilec multitudo omnis ad Bonicium Staggiamque et per vicina 
5 loca convenerunt, existimans sua tutari, senensem agrum commode invadere, et hostes, qui ad 
Linarium Gambassiumque erant, facile impedire. Senensium copiae iusta Cambassium, Bonicium 
versus, consedebant, in unum ex Lanario redacte, ut validiores essent. Interim Fiorentini Li- 
narium expugnant; Senensium milites obnixe id castellum tutantur, tandem die septimo ob- 
sessores, paratis scalis, balistis, scorpionibus defensores offendentes, vi et virtute militum 

10 menia ascenderunt; et sic recetto Linario omnia depopulantur et quasi a fundo eversum ca- 
stellum est; capti preterea omnes hostes ac servati sunt. Dum ad Linarium Fiorentini com- 
morabant xxxij triremes, Venetorum classis, in Portum Pisanum venit; quod Florentinis adeo n etor 
acceptum fuit, ut hortande multitudinis gratia publice ignibus civitas lustraretur. Verum mi- 
nime felix omen apparuit, nani eodem die Senensium copiae Eram, pisanum oppidum, op- Era captimi. 

15 pidanorum securitate quasi de improviso cepeioint. Castelli arx paulo post timiditate custodum 
datur hostibus nullum subsidium expectans, quod certe per Talentinum ex Linario dabatur, iam 
ibi expedita re. Sed cum accepisset amissam esse opidi arcem, vesper iam' diei esset, sub superati senen. 
Miniatem m proxima planitie versus Arnum numen cum exercitu consedit, ibique noctem mo- <-. 14* 
ratus statuit hostes invadere. Deinde Michelecto, qui apud Casciam opidum erat, suum ani- 

20 mum per numptium aperit monetque, ut proxima luce paratis cohortibus ad se veniat. Ipse 
vero, adveniente die, suos omnes struxit et acies octo coniìcit. Sic ordinatis suis Eram versus 
iter facit. Hostes, qui ad Eram oppidum erant, primo mane ex omni exercitu mille quingentos 
equites deligunt extrenuos et fortes, cum iis preterea pedites multos, eosque ad expugnandum 
Topilium oppidum ducunt. Ceteram omnem multitudinem ad Eram linquunt; imperant ut pre- 

25 senti animo Michelectum impediant, si ad succurrendum oppidum properaret. Deinde ad Topi- 
lium veniunt et id castellum vi superare parant, nescientes vicinitatem Talentini, licet eius ad- 
ventus acceperant; sed nullum preter oppidanos impedientem extimabant, ante quam adveniret, 
Topilium capere. Obsessio Talentino numptiatur. Ipse ex quibusdam equitibus, qui per vicina 
loca antea consederant, duas acies struxit, eisque precipit, ut primi prelium inirent, ne hostes 

.^0 nova castra vicina esse cognoscerent, et in agenda re, quo possent, in planitiem Arnum versus 
pugnam traducerent. Erant his ductores Ranerius Flosius et Cathabligha, qui mandata audacia 
summa spediunt. Talentinus deinde primum paucis equitibus collem ascendit, unde subposi- 
tam planitiem late speculari possit. Planum erat per duo milia passuum latum, eius longitudo 
in maximum spazium tracta et amplior Pisam versus; a dextera Arnum fluit; ex hac parte 

35 Era et inter Eram et Pisani Casciam oppida erant; a sinistra sunt niontes, qui quasi planum ex 
oriente ad flumen Arnum vergentes claudunt, preter quam qua fluit Arnus; Florentiam versus 
in monte ex sinistro latere Miniate munitum natura oppidum est; et in sinixtra parte non 
longe distans Topilium,' quod Senenses expugnabant opidum, est planitie vicinum. Talen- e i 4 v 
tinus, loca omnia habunde specta, ad suos rediit, et tres acies a sinixtra Topilium versus 

40 per arbusta et vepres asconse mittit, precipitque ut inito prelio, quando in planum omnes 
descenderint, ex ea parte invadant. Deinde tres acies in colle prò subsidio locat. Ipse vero 
duobus cohortibus incedit; premittit numptium, qui ad Michelettum festinet, signiiìcet rem 



2. ductorem] correzione di imperatorem ; segue ex Pisano Michaelem espunto — 6. in margine espunto: Linarium 
receptum — 8. expugnant] segue espunto: expugnantes perforalis meniis ab oppidanis intromittuntur, dum custodes 
senenses valide fastigia tutabantur et sic secunda die post amissum Gandassium Linarium recipitur senense — 
io. omnia] segue supra preda fecere espunto — 12. venuit — 13. aceptum - lustraretur] precede inlucesceret espunto 

— 14. Eram] precede una cassatura — 17. vesperque col que espunto - nel margine superiore della pagina: f 1432 

— 17. ploxima — 20. monetque] segue que espunto — 23. extrenuos] segue ac fo espunto — 25. Deinde | precede 
igitur p espunto — 29. prelium] precede bellum espunto — 33. latum] segue lo ngumque esp un to — 34. et.... versus] 
aggiunta marginale — 34"35- ex hac .... erant] aggiunta marginale — 38. nel margine superiore della pagina: f 1432 
42. cohortibus] segue propriis espunto - signiiìcet] precede nun espunto 



136 



MATTHEI PALMERII 



[A. 1432] 



e. 15 r 



inceptam et certam victoriam, si insperato a tergo hostes invadat. Interea Frosius et Cat- 
tabliga inierant prelium, uti eis preceptum fuerat, et summa fortitudine decertabant; verum 
hostium ingens atque electa copia undique eos acriter invadens superabat; nostri vero loco 
cedunt et, ut docti erant, uti vieti per proximam planitiem ad Arnum concurrunt. Hostes 
veluti per latum et liberum campum nullo timore vagantur et nostrorum plurimos capiunt, 5 
inter quos Catabligha, aciei unius ductor, captus fuit. Talentinus, ubi hostes in eum devenisse 
locum, quod cupiebat, inspexit, et adeo vagasse, ut suo loco atque ordini quasi nullus 
inesset, speraretque Michelettum suis copiis iam prope adesse, duas primas acies in ho- 
stes misit. Illi, novo adveniente prelio, fugatos linquunt, et acriter in novos hostes concurrunt. 
Iam commista re tres acies e sinistro eruunt, et paullo post tres ille, que in subsidio erant, ex 10 
colle discendunt, et sic undique maximo clamore concurritur. Bernardinus, Senensium ductor, 
timidus insperato bello sibi suisque non satis coniidit, tamen forte potius quain de industria 
certatur. Ductores circum circa versantur, laborantibus succurrunt, timidos excitant, fortes hor- 
tantur, et omnia provident. Tres horas iam prelium steterat, nec satis clarum, cui Victoria de- 
tur, cum Michelectus ex Cascia cis Arnum prò cui, ut Eram hostile oppidum et hostes vitaret, 15 
festino gressu mille equitibus succurrit, Arnum per vadum transiens ex destro latere in medios 
hostes irruit. Exinde nostros audacia iuvat, Senenses perterrefacit timor, novi equites iam fessos 
superant, Bernardinus et ceteri hostium ductores fugam corripiunt, et cum his fere omnes,' qui 
post novi exercitus ingressionem Eram versus remanserant, per vicina castella confugere, pre- 
terquam qui fessi longo prelio, aut capti ab inermis fuere, aut tantum commorarunt ut vesperi 20 
etiam a nostris late querentibus recepti sint. Pars maior exercitus, que inter Michelettum et 
Talentinum circumsepti fuerunt, ad unum omnes capiuntur, et sic perfecta re nostri victoriam 
reportarunt. Hoc prelium kalendis iuniis gestum est. In eo fuerunt Senensium exercitus 
in equitum et militum milia duo; totidem in nostro post Micheletti adventum, antea vero 
mille equites minus. Captivi consignati ductoribus sunt dcc os equites, milites vero pisanos et 25 
senenses ccl, et alios multos conducticios, qui minime annotantur, et insuper iis plurimos de 
transfugis per varia loca captivos ductos ferunt. Pugna hora diei tertia incepta usque ad 
occidente iam sole duravit. Deinde victores iuxta Arnum ad reficiendos exercitus castra lo- 
carunt. Eodem die Florentiae bene gesta re numptiatur, ab omnibus festus celebratur dies 
Captivi fugiunt. et immodice exultat vulgus. Posterà vero die equites centum ex captivis omnibus delecti in 30 
urbe data fide armati ducebantur; cum igitur ad Elsam fluvium venissent, fugam arripiunt 
rupta fide, sed statim a concurrentibus recepti in carcere apud Empolium castellum claudun- 
tur. Secundo deinde die parvo prelio Era oppidum recipitur. 

Dum hec in Tuscia geruntur Sigismundus imperator, qui superioribus temporibus a me- 
diolanense Duce convocatus per Togatam Galliam Parmam usque devenerat summa spe adeun- 35 
di Romam, ut coronam ceteraque imperij insignia sumeret, per Ligures Lucham venit. Sed 
cum accepit Senensium ac Mediolanensis copias superatas a Florentinis fuisse, irritum et va- 
mmi suum inceptum cognovit, et quasi a mediolanense Duce deceptum ac derelictum esse, 
cuius impulsu ex Liburnia venerat, in varias partes animus trahebatur. Nam sine Floren- 
tinorum consensu ire Romam non posse manifestum erat, quod inceptum tanti viri manchum 40 
et fractum summo dedecore confìrmabat.' Cum Florentinis vero et cum mimicissimo Duce 
convenire quidem difficile erat; cum Florentinis tamen non facile propter Venetorum anti- 
quum odium, quod Imperator servabat. Dubius igitur cum Lucensibus commorabat; eius vero 
legati Florentie erant aliud ante victoriam, aliud vero post postulantes. Tandem a Florentinis 
legatur Biagius Guasconius, qui ad Imperatorem celeri itinere contendit. 45 



Era receptui- 



Imperator in E 
truriam venit 



e. 15 v 



Biagius Guasco 
nins. 



5. nullo] precede se espunto — io. sinistro — 11. Senensium] segue imperator espunto — 14. prelium] pre- 
cede re espunto — 15. hostile] aggiunta interlineare con segno di richiamo — 18. nel margine superiore della pagina: 
f 1432 — 23. kalendis — 26-27. et.... ferunt] aggiunta interlineare — 41. nel margine superiore della pagina: 
f 1432 — 42. quidem] precede non espunto - difficile] correzione di facile — 43. Dubius] precede in espunto 



[A. 14321 ANNALES 137 



Per hoc tempus accidit, quod in rebus aversis inlcrdum accidere in populis solet, nam 
per tres dies ante fortunatam pugnarti ac de Senensibus victoriam, cum plebs summa caritate ! ,, ' !,'„t. Ll ' 
anone et imminentibus belli periculis premeretur, opere pretium ducitur suppliciis Deum 
placare. Itaque religiosis omnibus precipitur, ut urbem per decem dies ambiant atque prò 
5 salute civitatis intercedane similiterque omnem populum sequatur, et indicuntur ferie. In- 
cepta sunt hec irj° iunij kalendas et priraum quidem remisse; sed postquam ad tertium 
diem Victoria subsequuta fuit, tanta fides adhibita est purgationibus et supplicationibus talibus, 
ut in dies numerus augeretur; et tandem ad nonum diem adeo opinio creverat, ut fere rube- 
sceret, qui non sequeretur processum populi iubilantis variis imnis et salmis. Tandem beatissi- 

10 me Virginis figura, que apud ecclesiam Sancte Marie Imprunete pietà in tabula apprime a 
populo veneratur, variis supplicis et celebrationibus in urbem ducitur; et quia flequentia et 
concursus maximus erat, in Dominorum Platea iuxta palatii gladus missa celebratur, et tota fere 
civitas affuit, et secuta est religiosium glessus usque ad edem Felicis; homines primum, postea 
vero femine conclamantes auxilium Virginis fervore fere mirabili, et tandem urbe deambulata 

15 Trinitantis ponte ac in Dominorum Platea reversus populus, tanta multitudo fuit, ut omnis 
Platea densa stipatione teneretur, adeo ut puerj femineque plurime densitate exanimate nec 
se portantes sustinerentur.' Hec ideo annotavi, quia raro a nostro populo et maxime ab ho- e 'òr 
minibus hos suppliciorum concursus elTìciuntur, et nunc certo creditur aliquid presagire. 

Post haec fiorentine copie ex agro pisano in lucensem iverunt nonas iunias, ut segetem FiorenUniiucen. 

... ...... . . « -, r , seni agrum <le- 

20 messemvc ac omnia victui necessaria adimende spei gratia devastarent. Vero cum eo deve- vastant. 
nissent, Sigismundus imperator eis per numptium significat amirari se non parum cum a Flo- 
rentinis, quos amicissimos sui sperabat, ei bellum indicatur sua in civitate manenti. Ei a 
nostris responditur, Florentinos eum summa observantia diligere et omnes suam sibi potentiam 
polliceri: vero Lucensibus veteribus hostibus bellum portare, quorum provinciam omnem de- 

25 vastare intendunt, nisi Florentinis pareant recedantve ab iniquissimi tiranni potentia. Deinde 
per castra precone publicatur, ne aliqua vi Imperatorem et suos aggrediantur, sed prò benivo- 
lis et amicis habeantur. Ceterum in Lucensium bona sevitum et agrestia omnia devastata sunt. 

Dum hec geruntur legantur ad Imperatorem Palla Stroza et Franciscus Tornabonius, ^Jan^Vu's 
qui ab eo quid animi haberet acciperent et utrum vi vel amice transire Romani vellet. Ve- Tornabonius 

30 rum, dum iter faciunt, accidit, ut Imperator a nostris fidem liberam impetraret emittendi equi- 
tes ccc ', qui per agros herbas legerent ac prò victu deferrent; itaque dc 03 misit, qui ad no- 
stros libere venientes, per fraudem eos inermes invadunt, et primum aliquos obtruncant, deinde 
in urbem repulsi vieti fugierunt. Ex hac fraude evenit, ut hostis deinde existimaretur Impe- 
rator, ideoque legati non alocuti Imperatorem, Florentiam redierunt. Fiorentini vero exercitus 

35 per loca Lucensibus vicina m equitibus munierunt, deinde ad Pontem Saccum, inimicissimum 

oppidum, accederunt, eumque per aliquot expugnant dies. Postea vero mutato Consilio Senam senam itur. 
versus omnem multitudinem adducentes inter Collem Stagiamque oppida considerunt. Cum 
igitur hic essent, Eugenium, summum pontificem, cum Florentinis collegasse publicatur vij° iulias p °" a t l ifex colle - 
kalendas. Hinc in spem maximam adducta plebe in vadendi senensem agrum, suos exercitus' e iòv 

40 Senam mittunt, sperantes Nicholaum Fortebrachium, qui superioribus temporibus iuxta Aquam- 
pendentem consederat, a summo Pontifice missum in Senenses sevire et sic eos ex utraque 
parte agressos maxima damna suscipere. Nostri itaque circundata urbe per Orciam vallem ad 
Ombrenem atque Arbiam fiumina pervenerunt; deinde verso itinere versus arretinum se rece- 
perunt agrum, et sic octo dies omnia incendio et omni bellica vastatione, que in Senensium 

45 agro reperta sunt, consunserunt; oppidis vero et castellis tantum pepercere. Nicholaus vero 
Fortebrachius, dux exercitus Pontifìcis, per id tempus Castelli Civitatem aggreditur, ut eam 



4. itaque] segue al espunto — io. tabulo — 14. deambulata] precede ambit espunto — 16. exanimate] segue ac 
espunto — 17. nel margine superiore della pagina: f 1432 — 39. Con la parola Hinc cambia inchiostro - adducta] 
ms. aducta — 40. nel margine superiore della pagina: f 1432 — 40-41. qui.... consedeiat] aggiunta marginale — 
j.2. sucipere — 44. il primo et nel ms. e 



138 MATTHEI PALMERII [AA. 1432-1434] 



summo Pontifici recuperet ; quod Florentinis minime grattini fuit in ipsa prima collegatione, et 
quasi derisos se putabant, cum non Senenses, ut sperabant, invaderet ; sed per paucos dies 
effecit. 
'"'ènit"" Senas Inter hec Imperator Senas iter parabat; Fiorentini auxilia Pontificis expectabant, ut ei 

impedimento essent. Pontifex vero retardabat ob hoc maxime, quod quidam Imperatoris fau- 5 
tores callide persuadebant Pontifici transitimi Imperatoris Florentinos per se sustinere sine 
sua expensa posse. Quod Fiorentini cernentes, de industria per pisanum agrum liberum pene 
ei iter relinquere, et sic se Senas recepit, ibique a Senensibus amice susceptum ei claves por- 
tarum et primas sellas et omnia iuridicionis insignia concessere, suam esse urbem dictitantes. 
Pontifex ubi ea per numptium accepit, timuit ne Romam inimicus Imperator contenderet ad 10 
populum, qui eum convocabat; itaque suos duces in unum convocat ac per fines Senensium 
locat, simulque Florentinis suplicat, ut itidem faciant. Et sic ab arretino, multeplucianensi, pe- 
rugino ac romano agro circundati Senenses maximis equitum et peditum copiis in dies pre- 
mebantur, nec Imperatori progrediendi dabatur locus. 
fucensi™ ager Sic stabilita re, copiam milij crevisse lucensi in agro publicatur, unde spem victus habent; 15 

ptnm.Monte" itaque parata marni paucissimi ostantes devastantur. Ac deinde firmatis copiis Collodium arcem 
ptonf"' ° a expugnant paucisque diebus vi recipitur xvij septembris kalendas, eodemque die montefelta- 
riensem arcem captam in agro voluterano habuerunt. 

Per ea ipsa tempora a Venetis prospere in Cisalpina Gallia pugnatum contra mediola- 
nensem Ducem, ac omne, quod inter Olium flumen Cermonamque clauditur, Duci ademerunt 20 
et paulo post Suncinium munitissimum castellum vi superarunt ceperuntque. 

Imperator Senis commorabat,' nec satis quid agendum esset animadvertebat vel exequi 
valebat, sed a Pontifice Florentinisque legatos poscebat. Verum primum neutris placuit in 
alienam urbem legatos mittere; sed Fiorentini ad suos usque fines duos electos cives, Pallam 
scilicet Strozam equitem et Pierum Guicciardinum, misere, ut eis iam proprius accedentibus 25 
Imperator si quis vellet ediceret; at nihil gestum rediere. Deinde et Pontifex cardinales 
duos et Fiorentini Petrum Guicciardinum Senas usque ad Imperatorem miserunt. 



e. 1 7 r 



e. 30 r 



t434 Tandem Priores kalendis septembris accepto magistratu maximam spem novande rei de- 

dere illis, qui dudum per exilium Cosmi de republica declinarant. Igitur libere voces contra 
auctores reformandi status superioris anni iactabantur. Quod non obscurum habentes qui in 30 
re publica valebant, varia privatim inter se consultabant, ne de eorum manibus res publica 
tolleretur; tandem vi et armis agendam esse rem decreverunt et magistratui ac ceteris, qui 
adversa sentiebant, prevenire. Castellanorum familie primum demandatur, ut palatium adeant, 
celatis armis, quasi negotium privatum pertractantes, et cum amicis priores expellant, trucident 
aut capiant, palatium occupent et prò suis partibus tueantur. Qui cum id tentarent, iam suspecti 35 
demittuntur. Infecta igitur re vi et armis aperte decernere statuunt. vj° igitur octobris kalen- 
das publice armantur ex familiis nobilibus, Perutii, quorum princeps erat Ridolfus ex ea fa- 
milia, Bardus ac Bardorum domus alique, Rinaldus Albitius eques, Masi equitis filius, qui 
solus ex ea familia contra magistratum sentiebat; ex honestioribus vero populanis cum bis 
fuere Guasconi], Bartolomeus Crescius, Laurenti filius, qui, deinde captus et in aculeo tortus, 40 
post paucos dies se suspendit, Iohannes et Nicholaus scriba Biffoli, Tommas et Matteus 



i-2. Florentinis.... effecit] aggiunta marginale consegno di richiamo — S. recepit] segue: Pontifex accepto de 
ea re nnmptio timuit ne Ro espunto — 8. ei] p recede eum espunto — 9. et] segue insignes espunto - omnia] segue 
imp espunto — io. nuptium — 15. Sic] precede hec espunto — 16. manu] segue vi espunto — 17. recipitur] corre- 
zione di recipiuntur — 21. et paulo.... ceperuntque] aggiunta marginale con segno di richiamo - ceperuntque] nel 
ms. receperuntque col re espunto — 22. nel margine superiore della pagina: f 1432 ■ — 24. alianam — 27. il rima- 
nente della caria bianca; bianche pure le ce. 17 1, i8r e t, iqr et. — 29. 1434] nel ms. nelPaìto della pagina — 
37-38. quorum.... ac] aggiunta marginale — 40-41. qui.... suspendit] aggiunta marginale con segno di richiamo 
41. Nicolaus et] in margine 



[A. 1434] ANNALES 139 



Pansanij, Antonius et Angelus Businij, Domenicus Lambertensius, Nicolaus et Simon Fanij, 
Bernabas Bischerius, Antonius Rafacanus, Franciscus Guadanius, Terrinus Manovellus, et alii 
plures ex plebe ad numerum tricentorum. Hi omnes armati ex domibus Perutiorum Albitio- 
rumque contra rempublicam iiere. Priores iam dudum id spicientes' palatium munierant et e. aov 
5 fautoribus sue partis edixerant, uti se ad tutelam rei publice prepararent; ipsi rem suam curantes 
armatorum catervas domi continebant, quare adversarii, Plateam palatii adire timentes, viam, 
que est iusta Forum iuris et Plateam basilice Polinaris et Fiorenti, tenuere. Ubi postquam con- 
venere, alter alterum obsculatur, ut in gravi negocio maiori articulo tenerentur. Dicebatur ac 
certum erat cum iis insuper multos coniurasse, qui aut animi mollicie, aut rei desperatione, aut 

10 timore populi procedere neglexerunt, et se moltitudine armatorum propiis domibus servavere ; 
fuerunt hi Stroze, Gianiiliasij, Rondinelli et alij multi ex honestiori populo viri. Qui igitur 
contra rempublicam exierant relieti, cum socios venientes non sensissent et populum adversum 
vaticinare ntur, depositi spe se legato Eugeni] pontificis permiserunt. Degebat tunc pontifex 
Florentie. Legatus eis persuasit, uti arma deponerent et Pontificem suplicarent; qui Consilio 

15 obtemperantes arma exuunt, et auctores ad ipsum Pontificem fugiere, orantes ut ipsos foveret ac 
tutaretur. Ipse eos suscepit, sed facinoris magnitudinem intuitus, nec impunitatem eorum po- 
stulavit, nec puniri acerbe voluit, et eos apud se aliquot detinuit dies. Priores interim' et qui e. zt> 
rem publicam gubernabant, ex agro maximo hominum evocato numero, universam civitatem 
diu noctuque tenuere, et octingentos conductos equites per id tempus in suburbanis detinerunt, 

20 et tandem, preparata omnia ad defensionem status et civitatis, secundo ottobris kalendas po- 
pulum publice convocarunt. Tunc omnis illa multitudo armatorum in area, que publico pa- 
latio adiacet, se convenit, ibique, presente populo et alta voce assentiente, publica potestas 
tercentis civibus demandatur. Hi omnes postero die comitiis habitis Cosmam et Laurentium Laiìr*} restituit 
fratres Medices exilio liberarunt ac in pristinum honorem et in rempublicam posuerunt. Et 

25 non multo post omnem Medicorum familiam, Angelum Acciaiolum equitem et alios superiori 
anno damnatos restituere. Multa preterea ab his utiliter provisa et ordinata sunt. Primo tur- 
batores omnes rei publice et tranquilli status ad tempus relegantur, inter quos fuerunt Ri- 
naldus Albitius eques, Hormannus eius filius, Rodulfus Perutius; hi omnes extra centesimum 
lapidem relegati sunt, et eorum filij et nepotes republica depositi. Preterea multi variis in 

30 locis relegati ad numerum ... , qui publice favissent Rinaldo et Rodulfo contra magistratum; 
inter quos fuerunt Antonius Gezius Casensis, Antonius Pierotius scriba, Franciscus Bucellus,' 
Zanobius Belfredellus, Michael Arriguccius, Laurentius Giovanni filius Bulletta, Ioannes Pieri 
Arrigi filius Bartolus, Bernaba Bischerus, Oddo Boni, Bernardus Belfredellus, Antonius Alto- 
vita Vieri filius, Iohannes Biffoli, Terrinus Manovellus, Pierus Scambrilla; hi quinque ex col- 

35 legio erant. Per idem tempus civitas reformatur, non permutatis magistratibus nec guber- 
natione reipublice, sed tantum sacculis antiquis, unde magistratus sortiebantur, conbustis 
et novis refectis, qui in posterum perdurarent. Albertorum familie, que per xl annos exu- 
larant restituteque fuerant, in pristinam dignitatem reposite. 

Dum hec geruntur Antonius Rossus, eques senensis, tumultario milite Blolium arcem iusta Bioiiur 

40 eorum iines occupavit. Creditum primo Senenses bellum tentare, sed mox, habito nuntio con- 
tra voluntatem Senensium id factum esse, timor evanuit, et arces illa brevi recipitur, et per 
sufflagia populi Florentinis deditur, cum antea familie Ricasolensium fuisset. 

Eodem tempore Stefanus Salvius, Filippi filius, magistratum in Voluterranos Florentinorum 
nomine habebat, et Florentie cum ea parte civium, qui de republica declinabant, sentiebat. 



C. 21 V 



i. Fanij] correzione di Fanius — 2. Antonius.... Manovellus] aggiunta margina/e — 4. nel margine superiore 
della pagina: f 1434 — 8. ut] segue quasi espunto — 16. magnitudinem] precede ma espunto — 17. aloquot - nel 
margine superiore della pagina: f 1432 — 19. suburbanis] segue tenuere espunto — 27. status] segue exula espunto — 
30. numerum] segue nel ms. uno spazio bianco — 32. nel margine superiore della pagina: f 1434 — 33~35- Bernar- 
dus .... erant] aggiunta ; da Vieri in poi in margine — 38. restituteque] il que aggiunto posteriormente - fuerant] sovrap- 
posto a sunt et espunto - repositi — 40. abito — 41-42. et per. .. . fuisset] aggiunta marginale con segno di richiamo 



140 MATTHEI PALMERIJ LA. 1434] 



C. Ì2t 



Quare, timore perterritus, civitatem illam vacuam summo dedecore reliquit et postea absens 
exilio dannatur. Multi preter ipsos, quos superius adscrissi, damnati sunt, quorum nomine 
adponam, cum non historiam narrare, sed mee labenti memorie que vidi adnotare intendam. 
Perutiorum igitur familia tota fere damnata fuit, vario tamen discrimine, nam Rodulfus, quem 
superius relegatum ostendi, cum omnibus liliis prò potentibus adnotantur; qui sic notati sunt 5 
grandes vulgari nomine vocitantur et acrioribus legibus civi'tatis deprimuntur; reliqua eorum 
familia per xx annos reipublice muneribus privantur preter Ranerium, Ioannis Luisij filium, 
et alterum Ranerium, Nicolai filium, qui nulla in parte notati servantur. Cum iis eodem tem- 
pore omnes fìlii et descendentes Rinaldi Zanfiliacii, equitis fiorentini, grandes facti, et eorum 
Iacobum, Rinaldi filium, et Baldassarem, eius nepotem, per decem annos confinarunt. Gua- 10 
sconij insuper omnes ad unum usque xx per annos reipublice muneribus privati sunt, et per 
totidem tempus Veri] Rondinelli filios eadem privatione notarunt, addito decennale exilio An- 
dree, Verij Rondinelli lilio. E Bardorum familia Bardus, Francisci filius, qui olim per su- 
f ragia populi popularis devenerat, inter grandes reponitur; Simon Bindellus et Bernardinus 
Bardi pregrandes effecti sunt, et ex eadem familia Leonardus et Matheus exilio damnati sunt. 15 
Cavalcantem unum, quem Pierum vocitabant, pergrandem fecerunt cum omnibus nepotibus 
suis. Priores illos, qui superiori anno populum publice convocarant in arma, cum omnibus 
posteris suis magistratibus fiorentini populi privavere, preter duos, qui coacti assenscrant, Iaco- 
bum scilicet Berlingerium, Iorgi filium, et Pietrum Marchium, Marci iurisperiti filium. Damnati 
septem fuerunt, quorum hec sunt nomina: Iohannes Mathei filius Scelta, Donatus Seninius 20 
Cristofori filius, Cursius Lapi Cursio, Mariottus Baldovinettus, qui itidem exul factus per le- 
gem erat, Bartolomeus Spina, Iacobus Iohanni Luti Cerdo, Bemardus Vieri] Guadanius. Supra 
e. 32 v his exulati sunt: Pierus Vanni equitis filius, Otho Michelis equitis filius' Castellani]', Smeral- 
dinus Stroza, Pierus Ardinghellius Neri filius, Robertus Antellensis, Ricoldus Pauli, Pierus 
Chiari filius, Ludovicus Rossius, Nicolaus Bifolus notarius, Iacobus Salviatus Simonis filius, 25 
Michael Baroncius, et cum his Pierus Panciaticus pecunia mulctatur. Preterea post paucos 
dies relegarunt ad tempus Pallam Strozem equitem Honofrij filium, et cum eo Honofrium 
filium eius et cum his Matheum Simonis filium Strozem, Matheum Benitium, Matheum Pan ■ 
sanum, Otavianum Pepium, Iohannem Ianfiliazum Rinaldi equitis filium, Sandrum Altovita, 
Guidum Baldovinettum Soletti filium. 30 

fi?em a redm! " Per hec ipsa tempora Roma, que contra Eugenium pontifìcem sex menses senserat, 

eidem deditur. 

Provisum Florentiae fuit, ut Priores triduo omnes familias, viros et domus, que nomine 

n a i n factu° P " grandorum notabantur, populanos effìcerent, et sic restituti fuere preter quosdam in superiori 

factione adnotatos, qui privati omni munere reipublicae et graviori oppressi lege remanserunt. 35 
Viri igitur, quibus publica potestas data erat, hec fere instituere, que ad rempublicam spectent, 

mntatur S dils. e et multa privatis personis concessere civibus atque externis. Deinde nefastum diem mutare 
instituerunt, ut inj septembris kalendas Priores artium e sacculis sortirentur, posterum diem 
tanquam nefastum vetantes, eo quod duobus superioribus annis Priores, qui ilio die designali 
fuerant ; populum in arma publica advocatione commovissent; et in ceteris tamen sortitionibus 40 
consuetus dies servaretur, qui est nj° mensis kalendas vetusto ac servato more. 

Per isdem temporibus Franciscus comes, qui a mediolanensi Duce decesserat, tribus milibus 
equitum et duobus milibus peditum preficitur, a summo Pontifice conductus nomine, verum 
cum eo Veneti et Fiorentini stipendia solvebant, et tamen Pontifici optemperare tenebatur. 
Sub eodem tempore tres cives, qui novationem status meditati fuerant, perpetuo damnatur 45 
e 23 r carcere; fuerunt hi Franciscus Guadanius Vieri filius, Branca scriba Brancacius, et....' 
Mn/.ete diruta est Per isdem tempus Mozete Ricoldi exulis arcem in agro mugellano devastarunt. 



2. exilio] segue et espunto — 3. adponam] precede adscri espunto — 6. vicitantur - nel margine superiore della 
pagina: f 1434 — 13. Bardorum] ms. Bardolorum con il lo espunto — 15. Leonardus et] aggiunta marginale - da- 
mnati sunt] correzione di damnatus est — 20. Ihoannes — 21. itidem] segue priv espunto — 31. mutare] correzione 
di mutante — 42-46. Per isdem.... Brancacius et] aggiunta nel margine inferiore della pagina - hisdem — 46. Bran- 
cacius et] con tali parole termina la pagina restando mozzo il periodo — 47. nel margine supcriore della pagina: f 1435 



[A. 1435] ANNALES 141 



Principio insequentis anno mediolanensis Dux Nicolaum Talentinum, fiorentini exercitus uà 
duccm, quem captivum in custodiis habebat, veneno absumpsit, cuius funus deinde Florentiam 
vectus publico obsequio magnificentissime sepellitur. 

Per idem tempus fedus initum est cum Perusinis et in amicitiam societatcmque recepti "edus ictum? 1 " 
5 mutua sibi auxilia promisere. Sub idem tempus amicitia renovata est cum Venetis et denuo novatur e fedns] 
societas, que iam per decem durarat annos, per alios decem recepta, his fere conditionibus, 
ut ad servandam auctoritatem maiestatis quisque populus tria milia equites et mille pedites 
detineret stante pace; si bellum contra mediolanensem Ducem susciperetur, utraque civitas 
viij milia equites et duo milia pedites prò communi utilitate conductos haberet; et si per 

10 Padum fluvium scaphas galeasve armare conduceret, cum bellum essct, vel mari terrave prò 
Genuensium libertate contra Ducem pugnare pari etiam sumptu obeundum esset; et quisque 
alterum cum amicis et benivolis foveret et persequeretur hostes et in omnibus bona fide mu- 
tuarci utilitatem defenderent. 

Eadem tempestate oratores Ducis Florentiam ad Eugenium pontificem venerant pacem tra- 

15 ctaturi. Hi morabantur in edibus Capponorum; unde ex ea familia Capponcinus quidam domus ce „i. 
dominus, sive ut gratilìcaretur oratoribus, sive utilitatem proferens, persuadet ipsis ut Pontilìcem 
interi'mant, rem factibilem in libera et ociosa civitate ostentans. Deinde cum preberent aures e. Ri- 
legati, scribunt Nicolao Piccino, ductori exercitus mediolanensis, qui tunc in senensi agro 
ad Salubres Aquas morabatur, et rem pandunt, ut ipse quanta moltitudine posset Florentiam 

20 data die contenderet. Viro doctissimo rei bellice non placuit rem tantam temere incipere, 
ideo que, dum res disceptatur, intercepte littere pandunt omnia, qua re captus Capponcinus 
est et de eo capitis supplicium suntum. Legati Mediolanum redierunt intercedentibus patribus. 

Sub idem tempus capti sunt: Andreas Senninus, Ciprianus Mangionus, . . . Bordonius. time status. ~ 
Hi tres iuvanili temeritate adducti verba fecerant de novatione status. Quare Potestas, qui 

25 eos detinebat, capite dannare se eos velie asseverabat: id et Prioribus et omni fere populo 
gratum erat, maxime quia vicinis temporibus eadem re alij dannati carcere, alij exules facti, 
parum timoris fecisse videbantur. Sed Potestas pridie preparata omnia, que ad decapitationem 
pertinebant, et in dicto loco ante portam palatij sui cum expectationem populi fecisset, eis pre- 
ter omnium spem vitam donavit et perpetuo dannavit carcere. Hec res, quia per fraudem con- 

30 fecta videbatur, movit animos civium, quare Priores habitis populi suffragiis Potestatem mu- tur. ' 
nere privarunt, qui deposito officio recessit. 

Per hec tempora bellum inter Pontificem et mediolanensem Ducem vigebat, non sine su- 
spitione Venetum Florentinorumque, qui antea ' cum eo pacem indixerant, et Pontifici tamen e. *,r 
amicitiam et favorem prestiterant. Bellum erat imminens et non contennendum ; nam Flaminij, 

35 Xarsinates, Brutii et omnes populi, qui Mari Supero adiacent, divisi alter alteri favorem pre- 
stabant. Plures civitates et oppida Pontificis Mediolanensis occuparat; exercitus partium in 
Flaminia enixius ad prelium parati constiterant. Comes Franciscus preerat exercitui Ponti- 
ficis; Nicolaus Piccinus mediolanensi, qui et numero et potentia pares adinvicem imminebant; 
quare metu pares se quisque suis continebat castris, et sic nil prelii committitur. Interim 

40 consilium Ducis immutatur per hanc ferme causam : Regina, que Neapoli preerat, iam antea Regine mors. 
obierat diem; quare Regnum vacuum remanserat. Multi ad id dominium inihabant: catalani 
Reges tres fratres, Ranerius rex gallicus, qui et testamento heres erat et a populis vocabatur 
sed tunc captus in Hispania tenebatur, externi ; Itali maxime duo, mediolanensis Dux et ipse 
Pontifex; ob liane igitur causam res componitur inter Pontificem et Ducem. Pax dieta fuit Pax dieta. 



i. fiorentini] segue d espunto — 6. societas] segue inita espunto - per alios decem] aggiunta interlineare con 
segno di richiamo - recepta] segue est espunto — 9. pedites] segue ad espunto — io. galeasve] precede et gha 
espunto — 12. alterum] precede ad espunto; segue et espunto — 17. interimant] ms. intererimant. Xel margine su- 
pcriore della pagina: f 1435 — 23. spazio bianco nel ms. — 25. capite] precede d espunto — 32. di qui vi e una va- 
riazione nella scrittura - Pontificem] precede p espunto — 33. Florentinorumque] il que aggiunto ; precede et espunto - 
nel margine superiore della pagina: f 1435 - tamen] segue et espunto — 36. exercitus] segue utriu espunto — 42-43. 
qui.... tenebatur] aggiunta marginale con segno di richiamo — 44. res] precede omnis espunto 



142 MATTHEI PALMERII [AA 1435-1436] 



Florentie v° idus augusti. Condiciones fuerunt, ut occupata restituercntur Pontifici, qui om- 
nia paucis post diebus recepit. Et exercitus reducti sunt. 

Deinde ad bellum Regni versi animi; et iam Catalani classe imminebant. Dux medio- 
lanensis etiam Genuensium classem in altum emiserat, que cum se invicem servarent, paucis 
post diebus apud Gaietam implicatur prelium; ibi et Regni cupiditate et veterato inter eos 5 
riti?'" iamdiu odio et nationum inimicarum gloria tanto infesto atrocique prelio pugnatum est, quanto 

unquam alias sit memorie proditum. Catalani tandem superati, Jenuenses memorabilem qui- 
dem, sed multis luctuosam victoriam reportarunt. Duodecim naves longas et sex incurvas 
capiunt; capti preterea duo Reges, alter paucis navibus in Siciliam aufugit; capti sunt multi 
nobiles; et aliorum ad tria milia, quorum multi acceptis vulneribus periere: ad mille quin- 10 
gentos mare absumpti. Tanta Victoria elati Jenuenses domum rediere. Dux mediolanensis, 
postquam victoriam sue gentis accepit et Regum evenctum, ad se Reges et primiores ca- 
ptivos iubet ire. Ambigunt victores suam predam et gloriam insignem Duci concedere; 
tandem, cum enixius posceret, concesserunt. Ipse Dux, plura animo volvens, tandem de 
bello Regni cum eis convenit et deinde eos libere emittit. Hec res non immerito Jenuenses 15 
e 24 v offendit, qui inimicorum victoriam ingrato ' Duci concesserant, et ipse eos quasi in eorum 
pernitiem cxaltarat. Quare concepto odio remansere. Reges deinde liberi, auxilio et copiis 
Ducis potiti, se ad Regni prelium preparabant. 

Dum hec agebantur, Nicholaus Fortebraccius, vir vastus et atrox, suis copiis pacem etru- 

scam perturbare conabatur, et suspensos omnes tenebat, quasi non omnino sanatam malitiam 20 

etrusci belli. Sed Deus omnia sanare volens previdit paci, nam, dum hic suis copiis predo 

per agros .... debaccatur, quadam valle inclusus ab accolis auxilio quorundam equitum Fran- 

n.o«. " Cl) cisci comitis, cuius fratrem detinebat carcere, aggressus vulnere accepto interiit. 

1!o i''o°inirK"i cdilt Post hec, pacata omnia citra Romam, Bononienses, qui Batistam Cannetanum civem oppi- 

nione Mediolanensis quasi tirannum effecerant, eum expellunt et ad devocionem Eugenij 25 
pontificis rediere ; et exules reducti sunt, inter quos Antonius Bentivolius et Iambeccarius qui- 
dam. Hij paulo post Eugenium pontificem Bononiam ire orabant, et inclinabat ad iter iam 
Pontifex, nisi patefacte insidie retinuissent. Convenerant enim cum mediolanensi Duce Pon- 
tificem et urbem in suas manus tradere, quare Bentivolius Iambeccariusque capite damnati 
periere, et deinde evanuit seditio que ficta erat. 30 

Francìscus comes Per idem fere tempus comes Franciscus, dux etrusci exercitus, Florentiam venit, qui hono- 

ricentissime susceptus est, et ideo publica spectacula, ludi publici et ferie publice indicte sunt. 
Gcnua. In huius anni fine Jenua a Duce deficit; ob quam rem a Nicolao Piccinino varie habite 

sunt expugnati ones, quibus contra Ienuense parum proficit Florentinis iuvantibus. 

Ab exercitibus interim Pontificis, duce Patriarca, Sepulchrum obsidetur et recepti sunt. 35 
Post in Casentiniatem agrum suos duxit exercitus, ibique, Puppium et quasdam alias arces 
expugnans, nullam preter Veterem Pratum capit, quem castellum Florenl^nis donavit, et, quan- 
tum agri potuit hostilem in modum devastans, recessit. 

H36 Anni sequentis principio xiiij kalendas maias Eugenius pontifex Bononiam iter fecit, 

ibique per universum annum commoratur. In Etruria nihil memorabile fecit, preter quod Bu- 40 
drium, bononiensis agri divitem castellum, suorum militum predam fecit; quam rem crudelem 
e. 2.5 r et impiam quisque iudicans, merito dedignationem ' et odium vicinorum populorum in se movit. 
Exercitus suos Pontifex in Campania hoc anno detinuit. Ipse vero Bononia commorante, Fran- 
ciscum comitem maxima exercituum vi detentus est a collegatis, ne Piccino aliisve Ducis exer- 



I. ut] segue quisque espunto — 4. paucis] precede tam espunto — 6. nationum] segue gloria espunto - infesto] 
aggiunta interlineare - atrocique] il que aggiunta posteriore - prelio] segue infestoque espunto — 7-8. quidem] segue 
verum espunto — io. acepti — 16. nel margine superiore della pagina: f 1435 — 22. spazio bianco nel ms. — 24. cirem] 
ms. civvem col primo v espunto — 26. rediere] segue sed p espunto — 29. Bentivolius] segue et espunto — 30. que. . . » 
erat] agg. interlineare con segno di richiamo — 36. suos] precede du espunto — 37. capit] precede recepit espunto — v 5 
42. nel margine superiore della pagina: f 1436 — 43. Ipse] precede et espunto — 44. exercituum] nel ms, exercitù 



[AA. 1436-1437] ANNALES 143 



citibus ingredicndi Fhimineam et aliquid contra Pontificem machinandi esset facultas. I lis 
sic commorantibus, Pontifex per fraudem interficere Franciscum comitem pertcntavit. Huius 
facinoris causa erat, ut civitatcs Marchie, quas illi olim donarat, recipcret. Re patefacta ad 
irritimi rediit et in se incitavit Comitis animimi, nec non Venetis eum fecit infestimi, co quod 
5 idem assentirent eo quod liberius Florentinis quam sibi favisse videretur. Continuit tanien se 
Comes, ne stipendia, que sibi a Venetis Florentinisque debebantur, aliqua in parte fraudarentur. 
Dum hec Bononie tractabantur, Nicholaus Piccinus. . . . , genuensis agri marittimum ca- 
stellimi, enixe debellabat; verum nihil neque vi neque fraude valuit, Baldaccio, bellicosissimo 
milite, enixius defendente. His sic obsessis, Cristoforus Avellanus cum alio mediolanensis Cristofori mor« 

10 Ducis exercitu Sanctam Petram expugnabat, ubi a catapulte iaculo ienu transfissus exanimatus 
est; quo casu sublata per aliquot dies expugnatio est, donec Luisyum Sanseveritanum, alterimi 
mediolanensis exercitus ducerti, Filippus mitteret. Huius adventu reintegrata sunt castra et 
obsessio vehementer facta est. Cum igitur res deducta in eum discrimen esset, ut hostis ca- 
stellimi caperet nisi auxilium inferretur, Florentie de ea re consultum est ; et, ne inimicis via 

15 libera daretur ad Lucam et inde in agnini florentinum si id castellum cepissent, institutum 
est sub venire obsessis. Primum itaque, expiditis militibus ce, noctu per asperrimos colles in 
Petram presidium mittuntur, deinde ad Franciscum comitem missum, qui equites in eorum 
subsidium mitteret. Subito Talianum, conductorem suum, cum 1200 electis equitibus misit. 
Hi a Bononia per agrum mugellanum Florentiam, deinde Pisas et demum hostibus appropin- 

20 quant, et se amicis inimicisque ostentant. Sic constitutis rebus, varie consulitur, apertone 

prelio decernenda sit res; donec hostis a se ipso recessit et liberos ' reliquit obsessos. Circa e. 3 ;,v 
estatis fìnem Piccinus, apud.... tempore inane consumpto, late pervastatis agris in Lucenses 
venit; cuius adventu exercitus comes Franciscus cum toto exercitu Pisas venit. Fama varia 
vulgabat, et tamen se quisque suis finibus continebat nil h ostile gerens. Iam adventante ieme, 

25 Piccinus commeati penuria, qua Lucenses laborabant, coactus, arcem Sancte Marie, que in 
agro pisano erat, et multo frumento plenam,aggreditur; eam primo ingressu titubantibus custo- 
diis et male de se contìdentibus suscepit; frumentum in Lucensem deportatur et arcem pre- 
sidio munit. Postmodum, cum hiems horreret et nix atra esset, Bargam, nostrorum oppi- 
dum, obsidet, ibique frigore igne mitigante plurimos dies permanet, oppidanis se audacter 

30 tutantibus. Franciscus comes optimum quenque militem suum eligit et cum iis equites ali- 
quos, relictis equis, mittit, qui non maximo numero sed excelienti virtute per nivem et gla- 
ciem et asperrimos aditu colles ad hostes contendunt, et improviso nihil tale timentibus illis 
in summis se ostendunt iugis et, dato oppidanis signo, hostes a superiori invadunt. Oppidani 
contra infesti aggrediuntur; et sic, undique non sperantibus illis circumventis et a situ loci 

35 illius impediti, nec se tutari nec fugere potuerunt; sic superati victoriam et liberimi oppidum 
reliquere hostibus. Inde spe deiecti per totum hiemem se in lucensi agro continuerunt satis 
parce viventes, ob quod equos multos perdideiunt. 

Principio anni sequentis Franciscus comes alacri et bene munito exercitu ad arcem wzi 
Sancte Marie primum contendit, et eam paucis diebus, vi et machinis dirutis menibus, recipit 

40 et solo equat. Inde lucensem agrum superbus intrat et aliqua munita capit loca. Nicolaus 
Piccinus male hibernato exercitu in Ligures et per Macram fluvium in parmanum agrum con- 
tendit ibique ad reparandum exercitum considet. Franciscus comes per agrum lucensem 
duobus proximis mensibus universa castella arces oppidaque vi et machinis vicit, quorum 
aliqua ad solum diruta sunt. Inde, cum universus ager Florentinorum esset nec quicum bellari 

45 superesset, ad obsidendam urbem versi animi, ibique munitis undique castris tote vires adducte; Luca obsessa. 



2. comitem] ms. comite — 6. spazio bianco nel ms. — io. ubi] precede ubi sed espunto - Iaculo] precede ga espunto 
— 12. mediolanensi — 13. ostis — 21. nel margine supcriore della pagina: f 1436 — 22. spazio bianco nel ms. — 
24. adventante] ms. adventate — 38. anni] ms. annis colPs espunto -- 39. machinis] precede diruti espunto — 41. Man- 
cram colV 'n espunto — 44. dirute 



144 MATTHE1 PALMERII [AA. 1437-1438| 

nec dubium erat, quin proximis mensibus vieta civitas foret et dedita Florentinis, si colle- 
c. 76 r gati nostri contra ius et fas' non impedissent. Per Venetos tunc stetit, quin Fiorentini Lucani 
minime potirentur. Quare cum in longum tempus res protraili videretur, clam Venetis ob- 
scureque faventibus, a Francisco comite, exercituum populi fiorentini duce, cum mediolanensi 
Duce in fine anni concluditur. Huius pacis conditiones fuere, ut Mediolanensis extra Etru- 5 
riam exercitus contineret suos; castra et agrum lucensem, quem Fiorentini belli iure occu- 
parant, retinerent et haberent liberum suum; civitas libera remaneret, et extra menia ad 
tertium usque lapidem circumcirca ius et potestatem suam in agrum haberet; Franciscus 
comes Ducis iìliam uxorem duceret. Re sic composita, exerciti reducti sunt, et cum suis in 
Umbriam, cui provincie dominabatur, Franciscus comes ad suas res componendas vadit. Luca 10 
hoste liberata, uti convenerant, remansit. 
i-'hin.inc' 1 .!^ Per hec ipsa tempora Nicholaus Piccinus cum exercitu mediolanensi per Flamminiam 

vagabatur et iam arcem Oridanam flaude occuparat, que recepta brevi fuit, et suorum equites 
plurimi per modilianensem agrum predabundi incursitarant. Sed postquam rem iìrmam et 
pacem factam accepit in civitates romani Pontilicis exercitus impulit. Ipse, uti solitum ha- 15 
bent, nulla resistentes vi se dedunt, et in brevissimo tempore a Pontifice recesserunt: primum 
paté.' c Forum Iuli, deinde Imola, tum Ravenna et 'demum Bononia. His ita occupatis civitatibus ad 

venthfus? eorum tutelam, quasi presidi]' locum, prefecit Astorem, Faventie dominum, equitibus mille. Ipse 
vero cum exercitibus suis in ulteriorem partem Gallie proficiscitur. 

U38 Iam novi anni adventante vere Mediolanensis omnibus viribus in Venetos vadit, et, agro 20 

in'vcn'ctos?' 8 eorum in pluribus primum depredato locis pluribusque eorum oppidis captis, ad obsidendam 
Brixiam tandem contendit. Per totam ipsam estatem in ea obsidione permansit, multis viribus 
et pluribus expensis se Venetis tutantibus; nam et maximis per terram exercitibus et armata 
numerata classe per Padum fluvium tutari civitatem conantur. Omnia tamen in irritum eva- 
serunt, deficiente imperatore qui tanto exercitui preesset: classis igitur nulla gesta re do- 25 
munì rediit; terrestris vero exercitus, spe depositus, invadere castra minime est ausus; sed 

e. 2b v in Mantua'norum agrum, quorum tirannus cum Mediolanense senserat, predabudus pluries 
ingreditur, se potius ostentans, quam dignam rem aliquam perfìciens. Interim Brixia enixius 
obsidebatur in dies, et iam hiemps advenerat imbribus et continuis pluviis insignis. Ipsi tamen 
omni vi strumentis machinisque civitatem obsidebant, et partem meniarum ad solum ever- 30 
terant et ingressionem amplam confecerant. Res fere sic in desperatione deducta, omni vi 
Veneti subvenire parant, et data die egrediuntur qui intus erant et a tergo Venetorum exerci- 
tus offendunt una castra et vi maxima utrinque certatur. Tandem, non sine maximo utriusque 
partis danno, Nicholaus Piccinus cum universo exercitu se ab obsidione retraxit et se in munito 
loco longe milium passuum novem se communivit. Et per reliquum hiemis sic ibernarunt in 35 
hostium observationem dannum et predam. 
R ckFi S o?en°tUffl! Hoc anno Eugenius pontifex Ferrane degebat a Bononia ilio profectus; qui res tali or- 

dine compositas ispiciens, Florentiam redire statuit. Primum igitur oratorem suum ad com- 
ponendam rem Florentiam mandavit. Deinde, re composita, venire constituit cum Grecis 
omnibus, quos ibi habebat. Venerant enim superioribus mensibus ad Eugenium ipsum con- 40 
stantinopolitanus Imperator et Patriarcha Grecorum cum multis dignissimis Grecorum prelatis 
eorumque comitibus numero supra sexcentos ad concordiam et unitatem Eclesie componendam. 
Omnes simul Florentiam proficisci convenerunt, et ad sustentationem suam a fiorentino populo 
mille et septemeentos aureos singulo mense Graeci reciperant ex pacto, et domus et multa 
preterea eis postea superdonate sunt ad usum et commodum. Deinde honore maximo magni- 45 



2. nel margine supcriore della pagina: f 1437 — 5. Duci — 11. hostc — 13. que.... fuit] aggiunta marginale 
con segno di richiamo — 17. Imola] precede Rave espunto — 20. annis colPs espunto — 23. armanta col/'n espunto — 
25. exercitui] »is. exercutii — 27. nel margine supcriore della pagina: f 1438 — 29. pluvis — 31. amplam] precede 
satis espunto — 32. qui] segue in urb espunto — 35-36. in hostium. . . . predam] aggiunta marginale 



[A A. 1438-14391 ANNALES 145 



iicentissimoquc apparali! Pontifex Florentiam ingreditur vj° februarij kalendas. Postea vero 
Patriarcha Grecorum honorifice ingressus est idibus februarii et Ferrantinorum inhabitavit 
domum. Imperator ipse orientalis honore et magnificentia civitatem intravit xv° kalendas 
martias eique et suis Perutiorum edes ad habitandum date; Archiepiscopoque Rupsie, qui 
5 cum eo erat, domus Philippi Zenobi fìlij in via Romuleanea concessa est. 

Vere novo et Nicholao Brixiam cominus etiam obsidente, convenctiones reunite sunt a no- mj9 
stris, et Florentie fedus noviter ictum fuit idibus martij; in quo una' convenerunt Eugenius e.zyr 
pontifex, Veneti atque Fiorentini, et cum his Franciscus comes, Marchio ferrariensis, Dominus 
faventinus et alter dominus Malatesta. Cauta inter eos plura fuere, que Veneti trans Padum 

IO gerere tenebantur; cis Padum et per Etruriam Flaminiamque Ferrariensis conductus erat, mi- 
libus equitum tribus, peditibus vero mille, cum quo Faventinus esse tenebatur; comes vero 
Franciscus equiìes habebat v, pedites vero millia duo, cum quo erant Petrus Ursinus cum • 
equitibus mille et Malatesta simili ter cum mille; his omnibus a Venetis Florentinisque stipendia 
solvebantur. Tantis exercitibus tantoque apparatili primum impedimento fuit Dominus ipse 

15 faventinus, qui in ipso rerum apparatu cum Mediolanensi convenir, a quo, accepta Imola ci- 
vitate cum agro et quibusdam vicinis castellis, suis adhesit partibus. Per hec ipsa tempora 
Florentie decemviri designati sunt successores iis, qui decemviratum tenebant; et, ut melior Deccm facti. 
sors eligeretur, sublata vetita sunt et creati fuerunt Laurentius Rodulfus, eques et doctor, Ne- 
rius Capponius, Antonius Salvestri fìlius, Leonardus Arretir.us, vir eruditissimus, Petrus iudex 

20 Beccanucius, Leonardus Bartolus, Cosmas Medices, Alexander Alexandrius, et cum iis duo 
ex artificum genere. Apparatus erant ab utraque parte magni. Nicholaus, mediolanensis exer- 
citus dux, munita stationibus Briscia, ut longa obsidione premeretur, ad Veronam contendit et 
ipsam omni vi obsidere conatur, sperans, si eam caperet civitatem, una claudere agrum uni- 
versum, quem Veneti trans illam civitatem detinebant, in quo erat et ipsa Briscia, Berga- 

25 mumque et quam plura castella digna et monita. Per liane igitur causam Franciscus comes zeVn GaMam" 
cum exercitu suo per Flaminiam ferrariensemque agrum in Veronensem venit. Ibique per 
aliquot dies refectis castris primum, postea Lodoricum, monitissimum inimicorum castellum 
et bene presidiis monitum, vi summa recepit. Quinque milia passuum ab eo castello munierat 
se hostis, nec ausus est castra exire, sed se tuto continuit, que res et spem et auctoritatem 

30 maximam tribuit nostris. 

Per hec ipsa tempora Florentie synodus erat, in quo opiniones quedam Grecorum di- 
snutabantur, que erant de processione Spiritus Sancti,' quem a Patre tantum volebant. Tandem e. * 7 v 
convenerunt nostrisque cessere, unitaque greca cimi latina ecclesia est. Et statim Grecorum 
Patriarcha, religiosissimi^ vir annis plenus, in longeva senectute fidei nostre unitus interiit. ratriarce mors. 

35 Publicatum fuit fedus et conventione firmata solenniter est die lune pridie nonas iulias, in 

qua die universalis assessio facta est in catredali eclesia et missa a summo Pontifice decan- Assessio. 
tata; publicati canones sunt et stipulationes solenniter acte et omni auctoritate canones com- 
probati atque sanciti; nec multo post cum Armeniis convenctiones sancite, et privilegia atque 
universi harum convenctionum canones consensu partium in Palatio Florentinorum depositi ad 

40 rei perpetuam memoriam. 

Nono augusti kalendas exercitus mediolanensis obsidionem veronensem dissolvit et in 
mantuanum agrum se recepit primum, mox in Briscianum, Francisco continuo, nostrorum duce, 
eos prosequente. Stantibus tali conditione rebus, Nicolaus Piccinus per seditionem evocatus "t °q u* re " e pt *». 
Veronam festinans noctuque per arcem receptus ci vi tate poti tur. Quod, postquam Francisco 

45 Sforza nuntiatur, statini accelerans Veronam et ipse per arcem aliam, quam sui retinebant, 



7. nel margine superiore della pagina: 1439 — 26. ferrariensemque] ms. in veronensem corretto in ferrarien- 
semque; certo l'in non fu espunto per dimenticanza — 29. ostis — 32. nel margine supcriore della pagina: f 1439 
— 34. Fatriarcha] segue bone espunto — 35. solliniter — 42. mantuanum] ms. matuanum - duce] ms. dux 

T. XXVI, (Tartini, I), p. 1 — io. 



146 MATTHEI PALMERII [AA. i 439-1440] 



immissus est tertia die postquam hostis inreperat. Varie acriterque deinde pugnatimi est ab 
hora diei xx a usque ad septimam noctis, qua quidem hora inimicus superatus excessit 1 . 

Per reliquum vero temporis varie passimque belìatum, hostis Brixiam commeatu impe- 
diente, nostri spe et re subvenire curantes, donec hiems utrumque exercitum stationibus opor- 
tunis detinuit. 5 

Per extremum huius anni, medio iam mense martio, hiems enim fuerat acerrima nec adhuc 
quicquam veris aparuerat, cum in Gallia quicquam gerì hostile nequaquam posset, Nicolao 
Piccino duce, exercitus mediolanensis in Flaminiam venit. 
Maiateste. Cesenatis ariminensisque Dominus, ambo Malateste, cum in federe nostro essent, hosti 

lu™ 5 " cedentes nostre parti per fraudem inimicantur. Petrus Iampaulus, qui nostra mercede mili- 10 

tabat, cum illis consensit inimico, mox vero ad nos rediit non integre purgatus. 
tur?" Cardinalis, dux exercitus Pontificis, Rome in ponte capitur a custodibus arcis et ur.cis 

ferreis trahitur sublimis; ibique non multo post moritur. Hoc illi maxime contigit, quia in 
suspicionem venerat patribus et prelatis eclesie. 

c 'iIìo Sequentis anni principio cum Malatestis, ut dictum est, concordia inita ab hoste, cohor- 15 

tatione Rainaldi Albitii et quorundam aliorum nostrorum exulum in nos Nicolaus exercitum 
vertitur, et Porticum, Saccurn, Cerrum et Vechii arces parum munitas parva vi cepit. Et 
simul Pianectum Galeate expugnans, cum id castellum egregie tutaretur, inde movens Modi- 
lianam totis viribus cingit. Modilianenses per id tempus, ut puta mercatores et amicorum loco 
superiori tempore habitos, indubitata fide putabantur. Itaque et milites in sui tutelam et mu- 20 
nitiones eorum arbitrio receperant. Stantibus tali condilione rebus et statione nostrorum in 
Acerete iugo munita militum mcc, unde hostem impedirent et oppidanis opportuno adessent 
subsidio, continuo illi significabant se habunde munitos et nihil dubitandum esse. Tandem 
cum hoste secreto conveniunt et castellum dare paciscuntur. Hinc per litteras Florentinis 
significant, ne dubitent et integram habeant spem; omnia rite composita ad salutem; et si 25 
oportuerit paratos esse oppetere prò fide et salute. Hoc facto ex propinqua statione subsi- 
dium poscunt, persuadentes quod si primi ductores egregiique eant, inimico detrimentum 
inferent maximum. Non placuit nostris primiores mittere, ne forte maniplis centurionibusque 



Modiliane ani's- 
sio. 



4. hiens — 6. hiens — 15. 1440] nel ms. la data e nel mezzo della pagina — 23. continuo] ms. contunuo, se- 
gue qui int espunto — 27. persuadentes] ms. persueadentes 

1 A e. 7S r si trova: f 1439. A dì viiij di no- A dì 20 di novembre detto, in venerdì, a ore tre 

vembre in una valle presso al lago di Garza s'achozo- o circa di notte venne il conte Francescho colle bri- 25 

5 rono le brigate di Nicholò Piccinino colle genti del gate della lega da lungi miglia xl a rinfrancare Verona, 

conte Francesco Sforza, capitano della lega. Ferono et con grandissimo onore, favoreggiato dalla niagior 

fatti d'arme e furono rotti i nimici e ricevettono danno parte del popolo, cacciorono i nemici, vinsono e raqui- 

di circa a cavalli cinquecento. storono gloriosamente la città di Verona tre dì inanzi 

In detti dì venne novelle in Firenze, che lo Impe- perdutasi. 30 

io ratore nostro di ponente era morto. E pochi dì poi si A dì 22 di novembre si fé assessione in Sancta Ma- 

disse era morto lo Imperadore di Costantinopoli infra ria del Fiore. Vennevi Eugenio papa con circha di lxx 

via, ritornando da Concilio di Italia; non fu vero. mitere. Cantossi la messa, e fessi unione cogli Ermini 

E quasi in uno tempo giunse novelle, come pel e ritornarono in tutto fedeli figliuoli e devoti servidori 

Concilio di Basilea, il quale già più anni con fatica si della sancta Chiesa. 35 

I S sostentava, s'era eletto nuovo papa il Duca di Savoia, A dì 18 di dicembre in venerdì publicò il papa 

poche settimane inanzi dal medesimo Concilio eletto ve- Eugenio cardinali diciasette avea eletti di nuovo, fra 

scovo di Vercelli; e chiamaronlo Felice quinto. quali dua greci, cioè l'arcivescovo di Russia e quello 

A dì 17 di novembre Nicolò Piccinino colle bri- di Nicena. 
gate del Duca di Melano di nocte, sendo freddo e gran- A dì .... di gennaio 1440 morì il Signore di Piom- 40 

20 dissimi venti, scalorono la città di Verona e quella ot- bino, 
tennono e presono pel Duca. 

12. ritornando] stgut di qu espunto - non fu vero] aggiunta 20. xl] precede 40 espirilo — 37. cliard inali] precede quattor- 

antoiprafa posteriore — 14. Conscilio coli' s espunto dici espunto — 40. spazio 'fianco ne! ms. 



LA. 1440] ANNALES 1 1 ) 



nudarentur; tercentos miserunt pedites sub Gregorio de Anglarc, egregio militimi duce, et 
cum eis profectus est Dominicus Sapitius, civis ilorentinus, qui nomine florentini populi in 
castris preerat. Hi per evocatores immissi, continuo hostes assunt et ab oppidanis recipiun- 
tur; nostri utrinque inclusi capiuntur. Sic insigni fraude castrum et milites simul amisimus. 
5 Dominicus Sapitius et Gregorius sub custodiam Faventiam missi. Captum est castellum irj° 
nonas aprilis; arx per aliquot dies obsidionem tolleravi t, donec bombardis diruta et spe sub- 
sidij derelicta deditur. Inter hec, dum Faventinus ad expugnandam arcem remanserat, Ni- 
colaus cum omni reliquo exercitu per Amonem fluvium ad vicum Marradi contendit. Erant 
in eo loco milites circiter mille, qui ex Acerete statione post perditam Modilianam retraxe- 
10 rant. Hi, celeritatem advenlus hostium videntes, fraudem incolarum timuerunt, qua re, ne in- 
terciperentur, munita Marradensium arce, in agnini mugellanum se receperunt ad castellorum 
'tutelam. Hostis accelerans, Marradienses obviam assunt et prelium ineunt ad reprimendum e. zs v 
festinationem, donec suis familiis fugiendi daretur facultas, quo facto se in arcem tuto re- Piccinious in ;.- 

tt • • -i • i • ii i • ii gru ni iiiugclla- 

ceperunt. Hostis mde per aspernmos montes et devios colles et rupes ad ìuga nullo impe- num. 

15 diente contendit. Inde per universum fere mugellanum agrum usque ad iuga, que Florentie 

imminent, milites passim pandit. Clam inde signo dato ad Policìanum castra fecit, et sparsi Poiicianum. 
milites, omnia uno tempore pervadentes, homines pecudesque simul evadunt et maximam prede 
vim ad castra deducunt. Preda fuit ingens, quia maxime ager habundat bobus et homines 
agricole sunt imbelles, qui nunquam alias sua etate domi habuerunt hostes; quare passim 

20 ubique intercipiuntur pecudum more preter ij, qui castellis apprimc confugerunt. Reducta ad 
castra preda, statini moventes cquites ce et pedites circiter dc iuga Florentie imminentia su- 
perant et pari terrore fugientibus omnibus pervadunt usque ad Arnum fluvium; et trans 
Arnum etiam Fullonicas domus Remoli positas predavere et quedam etiam ex circunstantibus 
villis intercepere. Inde remenso amne, quantum agri est a ij° civitatis lapide ad Sevem fìu- 

25 vium et inde per Sevem ad Decomanum vicum omne id depredati ad castra rediere. In- 
tercepti sunt ab eis viri circiter duo milia agricole et vilis, ut puta, conditionis, boum ingens 
numerus et innumere greges per nemora et devios derelicte saltus, maximo nostrorum danno, 
hostium parva utilitate preter quam cibi ad escam usi, quia frumento maxime indigebant. In- 
gressus est mugellanum in agrum hostis vij° idus aprilis equitum milia quinque, peditum Tempus. 

30 mille. Fiorentini per id tempus Yenetis coniuncti maximos liabebant exercitus in Gallia contra 
Mediolanense et putabatur Nicolaus in Etruriam venisse, ut comes Franciscus Sfortia, qui in 
Gallia exercitui preerat, cum exercitu proficisceretur. Quare potius credebatur esse largius 
per Etruriam hostem vagare, quam e Gallia bellum revocare; maxime quia verisimile erat 
non multo post Nicolaum, non revocatis ex' Gallia nostris, etiam ipse revertere. Habebant e. 29 r 

35 preterea Fiorentini tunc per Etruriam conductos pedites milia quinque, equites vero mille, 
ad tutelam sui agri certe satis, si consuetudo temporum non officeret. Sunt enim hac tem- 
pestate qui castra secuntur pariter affecti ad propriam salutem et inter se alterutrum con- 
servantes, inimici nostrique simul hostes sunt ad preclam agrorumque directionem; hoc tantum 
nostri meliores, quod non faciunt capti vos sue partis homines, in ceteris inimicis fere pares, 

40 quando provinciis hostes insunt; inter se capti bona, ut aiunt, congregatione et fide amice 
remittuntur; si extra sui ordinem quemquam alium intercipiunt, ad redentionem servant; 
inter se de honore tantum, cum ceteris de bonis omnibus et de vita et sanguine concertatur; 
bine et agrestes et civici sine ordine et exercitatione a conductis contencti deceptique re- 
primuntur. Hec causa fuit, qua passim hostes vagabant, et nostri simul per universum agrum 

45 predam agerent: et si quis alterimi offendebat, nisi de preda esset contentio, quisque amice 
salutabatur; si contendebatur preda, qui erat imbecillior superatus relieta preda inoffensus 

1. pedites] sovrapposto ad cquites espunto — 5. est] segue opicl espunto — 9. post] sovrapposto a per espunto 

— 12. nel margine superiore della pagina: f 1440 — 19. agricole] segue s espunto — 23. et] segue non espunto — 

25-26. Iniercepti] precede Capti sunt espunto — 28. cibi] aggiunta interlineare — 34. nel margine superiore della 

pagina: y 1440 — 35. conductos] segue equites espunto — 35"4°- nn f eg?io marginale di attenzione, nel ms. — ; 1 . 

S hostes] segue ad espunto 



148 



MATTHEI PALMERII 



[A. 1440] 



ibat. Multi hostium munitioribus casis per agros ab accolis interclusi, enixe se tutabantur, 
donec conductus adveniret miles et illis venientibus se dabant et statim relaxati predam illieo 
agebant per agrum vicinum. Tali contagione infecti exercitut-, causa fuere ut hostis habunde 
popularetur agros, nec nostri minus agerent predam. Ingresso mugellano in agro hoste, iam 
antea evocati Florentinorum equites affuere. Primus venit Petrus Iampaulus Ursinus cum 5 
equitibus mille ; nulla ei demandatur opera, sed ìuxta menia urbis permanet. Ex Gallia Fran- 
ciscus comes mille equites misit, Troiolo duce, qui per ferrariensem mutinensemque agrum 
Pistorium devenere et inde Florentiam. Michelettus preterea cum mille equitibus per Um- 
briam veniens in aretinum devenerat agrum. Troiolus postquam Florentiam venit, inspccto 
mugellano agro militibusque preparatis, hostes aggredì parat. Continuo castra hostium Pulic- 10 
cianum urgebant et singulis diebus castellum debellabant, oppidani se enixe tutantes. Decem 
dies eo in loco castra habuit hostis, et tandem, cum nich.il proficeret nostrique ad aggressionem 
convenissent, nullo penitus sciente, movet castra, et ad Sevem fluvium descendens, per il'um 
vadens, Viculum primum, deinde ad Decemanum venit ibique pernoctavit. Primo mane iuxta 
e.ag-B Leoninum ascendens, superato com omni exercitu monte,' in casentiniatem agrum pervenit, ut 15 
postea aparuit, a Francisco comite, Puppio dominante, evocatus. Erat enim Franciscus ipse 
Florent'nis indubitata coniunctus fide, et adeo acceptus ut eidem curam omnium, que in eo 
agro habebant, Fiorentini commississent. Ipse contra fidem evocato hoste commeatu indi- 
i3ibien;i. gente, eum primum necessariis omnibus subvenit, et Bibienam, Florentinorum castellum, obsi- 

dent; diebus paucis id castellum per flaudem oppidanorum deditur, et maxime quia inter se 20 
Romena. non satis concordes erant. Nec multo post Romenam, Florentinorum oppidum, accepere, mi- 

litibus quibusdam ab illis acceptis tamquam amici, qui hosti iam ante consenserant. Arces 
preterea quasdam, quas per agrum casentiniatem non satis monitas fiorentino nomine tene- 
bantur, brevi cepit. Deinde ad Nicolai Castrum duxit et hostili adoritur more. Arx illius 
castelli munita natura et incole fidelissimi et quia conducto milite habundabant supra triginta 25 
dies obsidionem tollerarunt, hostes cunicolis, vineis, et tormentorum machinis urgentibus. Per 
hos dies Fiorentini exercitu iam pares erant hosti, sed iniquitate loci, illis castellis tenentibus 
inter rupes altissimosque montes, descendere non sine periculo ingenti poterant. Quare per 
vallem superioris Arni per mugellanum et aretinum agrum ad tutelam castellorum ceterorum 
permorantes facultatem dedere hosti urgendi obsidionem ; donec qui in arce erant, iam ne- 30 
cessariis deficientibus, deditionem paciscuntur infra dies tres si non daretur subsidium, et ob- 
sides utrinque dati Florentieque id numptiatum. Fides et incolarum devotio inclinabat fio- 
rentino populo, ut subveniretur, periculum et loci iniquitas et hostium munitiones tollebant 
Arx Nicolai, omnem spem subveniendi, donec tribus exactis diebus comes Franciscus arcem illam potitur 
Reggiuoium. xj° kalendas iunij. Post hec hostis Reggiolum aggreditur et directione et igne desolavit, inde 35 
Rassina. Rassinam arcem petens post aliquos dies cepit hostiliterque depredavit. Dum circa hec de- 

tinebatur hostis, exercitus Florentinorum congregatur et undique equites militesque conditeti 
per eos ipsos dies, quibus Rassina urgebatur, in aretino agro convenerunt et Petrum Iam- 
paulum universo exercitui prefecere; erant Florentinorum exercitus equites vi, pedites vero 
iiij, inter quos fuerunt romani Pontificis tunc Florentie degentis equites duo milia. Niccolaus 40 
Piccinus Rassina depredata per Corsolonem primo fluvium, inde superato monte in Tiberini 
descendere, et per id fluvium Perusium devenit; ibique amice receptus, qui civitatem guber- 
c 30 r nabant legatura Pontificis, qui urbi presidebat, 'demiserunt et commeatu pecuniaque Nicho- 
laum iuvere. Nostri interim Aretio moventes ad Anglare castra fecere et Burgi agrum de- 
predabant, quod castellum hostes tenebant; nostri vero tenebant Tifernium. Per aliquos 45 
dies sic perducta res, in quibus et exercitum reficiebat et Senenses ad movendum bellum 
hortabatur hostis, cuius rei gratia in cortonense usque devenit agrum. Senenses cum illis 



S. mille] segue et quia non integra habebatur fide espunto — 12. proficerent — 15. nel margine superiore della 
pagina: f 1440 — 20. diebus] pre-eie Que espunto — 23. fiorentino] prece le a espunto — 8-39. et.... prefecere] 
aggiunta marginale con segno di rie'iiamo — 42. id] precede eu espunto — 43. n»l margine superiore della pagina: -f 1440 



|A. 1440] ANNALES 149 



sentientes, aperte tamen non movebant bellum, expectantes vicinam messem et Aumenta primum 
sub specie pacis colligere. 

Dum hac conditione res etnisca esset, Franciscus Sforza, Comes et universi exercitus no- 
stre societatis imperator, per Citeriorem Galliam potentissimum paravit exercitum, Veneti ma- 
5 gno apparatu omnia procurantes; et primum veronensi movens agro per Mantuanum vadens 
Briscianum ingressus plura castella brevi cepit. Mediolanensis iuxta Olium flumen munita 
habebat castra; ea vi maxima Franciscus comes aggressus fregit dissipavitque pridie idus iunij, 
cepitque eo die equitum milia quatuor et plurima vicina castella; flumen per ceptum transiens 
pontem, usque Cremmam hostes prosequitur. Hec Victoria hostium animos fregit et causa 

10 fuit, ut omnia brixiani et nonnulla cremonensis agri castella brevi a Venetis caperentur. 

Victoria in Gallia habita, fama, per Etruriam volans, commotos iam multorum retinuit 
animos et opinio vulgarat Nicolaum Piccinum cum mediolanensi exercitu in Galliam ad 
Ducis tutelam esse profecturum. Quare iam omnia prosperitatem et sa'utem nostram pre- 
mostrabant. Quare in agro casentinate Porciani arx Florentinis deditur primo, et non mu'to Pordano 

15 post arx Nicolai paucis ante diebus tanto hostium labore erecta Florentinis redditur; et iam cepta" 
omnia in melius spectare videbantur. Nicolaus Piccinus hec intuens undique in animo ur- 
gebamr: Mediolanensem sedulo eum revocantem destitutum relinquere pericu'osum erat; ami- 
cos, quos iam in Etruria provocarat, vituperabile videbatur atque nocivum; intelligebat, si in 
Galliam reverteretur, Bononiam et quascumque per Flaminiam possidebat terras brevi ami- 

20 surum: infame et contra dignitatem' esse ducebat in Galliam redire, unde Franciscum comi- e 3 o v 
tem evocare propositum fuerat; his rebus ansius et salute quasi destitutus rem in discrimen 
ducere statuit. Secundo igitur iulij kalendas nostros ad Anglare commorantes, omni suorum giare, 
vi stnictis agminibus, agreditur. Pugnatur undique strenue et aliquibus horis audacter utrin- 
que gesta res; tandem nostri superarunt hostes et in fugam miserunt usque ad Burgi menia per- 

25 sequentes. Hostium equites ilj intercepti, pedites vero supra duo milia et cum his multi op- 
pidani burgienses et nonnulli ex Perusio ; signa eorum a nostris capta et postea in Reparatis 
ede suspensa, et eorum agminum omnes pene ductores; Austur, faventinus dominus, vulnere 
equo depositus capitur. Niccolaus Picinus festine fugiens et a suis strenue defensus intra me- 
nia se recepit cum omnibus illis qui evadere nostros potuere; menia fìnem persequendi fe- 

30 cere. Nicolaus ipse, intempesta nocte, que mox subsecuta est, cum omnibus illis qui supe- 

rerant relieto Burgo fugere. Sequenti inde die castellum nostri deditur, et tamquam Ecclesie "mi"!" 
fideles et subditi suum dominium recognovere, salvis omnibus suis, et captivos multos, quos ex 
Mugellano agro secum deduxerat hostis et in eo castello custodiri iusserat, remittuntur. 

Prospere inde undique successiones subsecute. Piccininus circa Perusium morans et eos 

35 retinere et pecuniam ab iis promere tentabat. Nostri vero illum prosequentes, eum recedere 
compellebant, quare secessit ad Fossatum castrum ibique dies aliquos commoravit. Interim 
Perusini se Pontifici purgantes in tìdem rediere. Fiorentini ob illatam iniuriam Francisco, co- 
miti puppiensi, infesti arces suas expugnabant, et uno post victoriam mense Leolinum, Mi- 
gnarium, Castagnarium, Battifollem et cetera omnia que possidebat castella cepere et tandem 

40 Puppium in potestatem acceptum. Ipso comite abire cum omni sua familia et reliqua su- Puppium captimi 
perlectile sunt passi; abiit pridie kalendas augusti. 

Dum hec agebantur composita iam Perusina res, Pontifex in agrum senensem exercitus 
ducere hostiliterque depredare volebat hac causa ductus : Cardinalis legatus Pontifìcis, quem senenses a fio- 
supra Rome captum atque interfectum ostendimus, nepotem habebat Episcopum cornetanum, ti. 

45 qui omnia sua gaza, maximi ut fama erat valoris, Senas aufugerat; Pontifex, tanquam bona 



3. universi] ms. euniversi — S. et] ms. e — 9. flegit — io. cremonensi — 20. ducebat] segue illue espunto — 
22. commorantes] segue agg espunto — 26-27. et postea.... suspensa] aggiunta interlineare con segno di richiamo — 
27. dominus] segue una cancellatura — 29. fìnem] precede i espunto — 30. nocte] segue cum espunto — 31. et] so- 
vrapposto ad eclesi espunto — 33. iuxerant — 35. iis] ms. is — 38. mensem — 41. abiit.... augusti] aggiunta in- 
5 terlineare - abiit] ms, habiit 



<:. 31 r 



Piccini nus Bono- 
noniam. 



150 MATTHEI PALMERII [AA. 1440-1442] 

Ecclesie omnia deposcens,' Senenses questus erat retinere; illi liberam ei impunitatem con- 
cessi co atra voluntatem Ponti ficis retinebant. Pontifex itaque sua reposcens lxxx nummorum 
auri edicebat aut illum illos emitiere. Mine motus contra Senenses exercitus volebat immit- 
tere; Fiorentini, vicinitatem et gratiam eorum curantes, omnino abnuebant. Ob hoc aliquan- 
tum temporis victrix exercitus supersedit, donec, legatione a Senensibus Pontifici missa, inter- 5 
cedentibus Florentinis convenere. 

Nicolaus Piccinus interim per urbinensem agrum vadens Flaminiam introit, et Bononiam 
veniens, nihil moratus, ad ferariensem Dominimi proficiscitur ; ibique cum eo convicium fecit, 
et statim Bononiam reversus quosdam cives securi percussit. Nostri qui Puppium ceperant, su- 
peratis collibus, in Flaminiam transiere, ibique quedam tantum castella expugnantes, ad autunni 10 
tempus deducti, cum assiduis pluviis gravarentur, ad ibernandum variis in locis sparsi mansere. 

1441 T Die xxvii marzii cum Lucensibus pax et amicitia firmatur per annos l. Dieta fuit Flo- 

Pax cum I.ucen- J J I ir 

sibus. rentie assentientibus eorum legatis. 

r.argiun ce P - j-^ XXVIII o marz jj Fiorentini possessionem Burgi ad Sanctum Sepulcrum ceperunt, con- 

cedente Eugenio pontifice, cui ob id Fiorentini ducatus de camera dederunt xxnj l . 15 

M "a! li Per id tempus nostri Modilianam receperunt et, dum prede intendunt, a contennendis 

hostibus expelluntur. 

Circa augusti kalendas cum Domino foroliviensi convenciones facte sunt. 
1 uae' aibitrium Martis die et augusti kalende, obsidente comite Francisco Sforza equites ottingentos in 

oppido Martiningo et victoriam ut credebatur in manibus habente, preter omnium spem in- 20 
dutie fiunt in vnj dies, et sequenti die Urbanus Ducis mandatus edixit Nicolaio Piccinino et 
omnibus suis Francisco Sforze parerent, et utrique exercitus amice permisti sunt et pacis con- 
ditiones in solo Comite concesse. 
Baidacìj mors. Sexto septembris Baldacius, militum bellicosus ductor, per fenestram Palatii in curiam Ca- 

pitani datus securi percutitur. 25 

sau. Die 25 ottobris Franciscus Sforza sposavit Blancham, mediolanensis Ducis filiam, et eadem 

die in Cremona ci vitate matrimonium consunsit; urbeni ipsam eadem die, Pontriemolum post 
dies pauces in dotem accepit. 
e 31 v Die 25 novembris laudavit Franciscus Sforza inter Ducam et ligam et Pontificem, cui 

Bononiam adiudicavit. 30 

U42 De mense aprilis duxerunt exercitum in Flamineam Nicolaus Piccinus, uti dicebatur 

Pontificis ductor, et per idem tempus venit et comes Franciscus, et in Marchia ac Piceno 
gesserunt bellum. 

De mense maj Eugenius pontifex cum Francisco comite amicitiam iniit et post paucos 
dies reiecta illa cum Nicolao Piccinino convenit. 35 

xeapoiis capitur Sabato die ij° maj Rex Raonensium urbem Neapolim diu antea obsessam cepit. 

De mense augusti Raenerius, Neapoli quondam rex, profugus Florenziam venit et amice 
honorificeque receptus cum Pontifice plura convitiavit ac inde xxij a ottobris recessit. 

Per hunc annum bellum atrox fuit inter comitem Franciscum et Piccininum et plura op- 
pida per Picenum et Unbriam depredarunt. Tandem Piccininus Ascesium cepit et ostilem 40 
in modum devastavit. 

Per idem tempus Eugenius pontifex, Florenzie degens, recedere contra comitem Franci- 



1. nel margine superiore della pagina: f 1440 — 12. 1441] nel ms. la data in mezzo alla pagina; varia V in- 
chiostro nel ms. — 29. nel margine superiore della pagina: f 1441 - DieJ segua de espunto — 31. 1442] nel ms. la 
data nel mezzo della pagina 

1 A. e. 82 v si troia : Nomi de' primi ambasciadori ta pe' Fiorentini, fu d'aprile 1441 : Francesco dell' Agine, 
5 vennono dal Borgo a Sancto Sepolcro, poi fu presa la temi- loro cancelliere, Antonio di Donderello, e mercatante. 



LAA. 1442-1446] ANNALES 1 5 1 



scum volebat. Fiorentini vero et Veneti et pars maxima prelatorum orabant ne id faceret, «a'abiìt. 
vaìde periculosum et sibi et suis id esse ostendens. Precibus igitur exortatus aliquanto per- 
mansit. Giovis tandem die, que fuit vij a marzi]', honoratus recessit Senam iturus. 

Rex Arragonensium, qui Neapolim tenebat, a Pontifice evocatus in agrum picenum venit ui3 
5 contra Franciscum comitem, et una cum copiis Pontificis eum varie iactavit atque Ariminum 
usque fugavit; tandem tepefacta re Neapolim revertitur. 

Agrum picenum Patriarca, Pontificis legatus, auxilio fretus equitum Mediolanensis, Ec- 1445 
clesie vindicavit primo, et in fine fere anni firmanam civitatem per proditionem accepit, te- Marca. 
nente arce Alexandro, Francisci comitis fratre, qui post duos menses illam dedit. 

10 Di giugno 1445. Fu morto in Bolognia Anibale Bentivoglia da parte Cannetola, et que- 

sto per trattato teneva el Duca di Melano, e doveasi fare el dì di san Piero, el Duca avere Bolognia. 
apresso sua gente d'arme; ma antecipossi perchè fu preso un Nicolò Baroncini per altre tri- 
stizie, el quale sapea el trattato. E per questo antecipare seguì, che morto ebbono Anibale, 
parte Bentivoglia si levò e corsono a casa Cannetoli, uccisono Batista da Canetolo et altri, e 

15 ruborono e arsono le case et ripresono la terra per loro e '1 reggimento, perseverando in 
amicitia della lega. Fuvi morto Antonio di Riccardo degli Alberti. 

c. 32 f 

Del mese di maggio mandò el Duca di Melano le sua gente d'arme a campo a Chermona. u*t> 

E in detto mese e dì parti el conte Francesco Sforza colle sua genti da Peserò et passò conte, 
in quel di Perugia per andare verso Roma. E dopo pochi dì si ritornò in quel di Monte dro! e 
20 Pulciano e di poi in quel d' Urbino, e messere Alexandro, suo fratello, s'accordò colla Chiesa. 

A dì 4 di luglio riebono e Bolognesi Castel Sancto Spirito et Castello Sancto Piero per Bologna. 
consentimento di messere Guglielmo di Monferrato condottiere, perchè gli fu promesso per Monferrato. 
la lega condotta di 1500 cavalli e così ebbe; fu mezzano Taddeo Marchese. 

Detto dì fu preso et ditenuto in Castel Santo Agnolo di Roma Bernardo d'Antonio de Bernadette 
25 Medici, imbasciadore dei Fiorentini, el quale andava a Napoli al Re di Raona. 

A dì 20 di luglio, essendo messere Francesco da Padova stimato cortigiano e di reputa- scTdaPadua". 
tione apresso al Papa e trovandosi a Firenze, fu sostenuto in Palagio, cioè preso a Sancto 
Antonio del Vescovo e menato in Palagio e ivi ditenuto alcun dì. 

Stette per più tempo detta state el conte Francesco nelle terre di messere Federigo, conte. 
30 signore d'Urbino, avendo a petto le genti della Chiesa col Patriarca, un Vece-re colle genti G ^ tldellaC 
del Re di Raona, e più gente d'arme del Duca di Melano capitanate dal Taliano con altri 
condottieri, genti molto più forte di lui; el perchè el Conte ridotto in luogo forte si con- 
servava. Sendo adunque le genti del Duca, capitano Francesco Piccinino, a campo a Cher- 
mona, et il Conte nella condizione detta, essendo stato certo ragionamento d'acordo col Re Pratica di pace. 
35 di Raona, lui mandò duo ambasciadori per praticare pace a Ferrara e per la lega vi si mandò 
e sanza alcuno effetto si ritornorono ciascuno a casa. 

Neri di Gino andò a Vinegia imbasciadore, e rimasesi che Veniziani, non si ritraendo el 
Duca da Chermona, rompessono, con certe convenzioni della spesa s'avesse a fare ; e fu con- 
fermo una condotta fatta di Guidaccio, signor di Faenza, et quella di messere Guglielmo di condotte. 
40 Monferrato e condotto Astore da Faenza con secento cavalli e più fanti e altre condotte di 
fanterie, et in tutto preparatosi al soccorrere Cremona e a fare forte el Conte. 

In questo tempo mandò el Duca Luigi da Sansoverino con sua genti e altre verso Pon- 
triemoli a campo a detta terra; el perchè vi si mandò fanterie per difesa. a Pontriemoii. 



4. varia V inchiostro nel ms. — 6. Neapolim] precede in espunto - seguono 4. J lince bianche. — 10-16. Di giu- 
gno.... Alberti] nel margine inferiore della pagina — 13. seguì] precede che espunto — 17. 1416] nel ms. neWalto 
della pagina — 22-23. perchè .... Marchese] aggiunta marginale — 29. varia inchiostro e foggia dì carattere - detta 
state] aggiunta intcrlivcare — 37. in margine dì mano del secolo XV exeunte: Andò a Vinegia imbasciadore 



152 MATTHEI PALMERII [A. 1446J 



El Ducha, sentendo questo, scripse a Firenze confortando la pace, la quale diceva vo- 
Letterc lerc obscrvare, et dicea maravigliarsi che sendo nella pace si mandasse genti controgli a 

e 32 v Pontriemoli,' la quale lui ridomandava legittime etc; et infine conchiudea, che, se non si ri- 
traevano e fanti vi s'erano mandati, lui ci manderebbe le sue genti in luogo che gli ci da- 
rebbe a pensare di difendere altro che Pontriemoli. Et risposesi confortando la pace, e scu- 5 
sando che fanti mandati a Pontriemoli non si poteano dire essere nostri soldati altrimenti 
che fussono sua Francesco Pitti, Nino e altri venuti a Serezano di qua dalla Macra, dove 
non si concedea ne' capitoli della pace; quando venne dicto Francesco disse Serezano es- 
sere suo. 

In questo mezo si missono a punto le genti condotte per la lega, e da Bologna andò 10 
gemi? " ' messere Guiglielmo, Taddeo Marchese e altre genti in Chermonese, et acozoronsi al signore 
Michele, capitano delle genti de Veniziani con molti condottieri e fanterie soldate de Veni- 
ziani. E di qua venne Guidacelo da Faenza, Simo i. etto con altre gente e Ghirigoro d'An- 
ghiari con altre fanterie e acozoronsi col conte Francesco. 
Morte di Taiiano Mentre si provedeano queste cose, el Patriarca fé publice tagliare el capo al Taliano, di 15 

B gUone mco C °* commessione, si disse, del Duca. E el Duca in Lombardia fé pigliare Bartolomeo Coglion, 
suo riputato condottiere, missegli le gente a sacco e lui in prigione. 

Proveduto com'è detto a magiore giustificazione, sendo ito Puccio imbasciadore de Fio- 
rentini a Vinegia, s'ordinò che insieme con uno imbasciadore veniziano andassono al Duca 
a persuadergli l'osservanza della pace in che dicea volere essere e richiederlo del ritrarre 20 
'Melano. delle genti, altrimenti intendessi per la parte della lega essersi giustificata la difesa e che sarc' 

riputato nimico. Andarono con salvocondotto e giunti furono all'oste in Milano, el Duca man- 
dò di poi lo altro dì certi del suo Consiglio a domandare la cagione di loro venuta. Ri- 
sposono per cose d'importanza e che voleano sapere quando piaceva al Duca dare loro 
udienza. Partirono e di poi l'altro dì tornarono e dissono el Duca avere occupationi e che 25 
a loro dicessono la cagione di loro venuta. Dissono per sapere se la intenzione del Duca 
era volere l'osservanza della pace e ritrarre le genti avea in Chermonese et a Pontriemoli 
fuori de capitoli etc. Partirono e poi ritornarono e dissono ch'el Duca non era in termine 
da udirgli in que' dì, e che conoscendogli cittadini riputati e intendenti nelle loro città, sanza 
e quali dette città riceveano impedimento, non volea desson disaggio alle loro città e per 30 
tanto partissono con presteza, acciò non ne seguisse a dette loro città magiore danno. 
Mossi da questo partirono e con sospetto e disagio studiorono infino in su quello di Ber- 
gamo a un loro castello cioè de Veniziani. El perchè seguì, che, avendo e Venitiani le 
loro genti in punto e mossi dal male vedere gì' imbasciadori, ruppono guerra in Cremonese, 
capitano messere Michele da Cutignola, dicto Micheletto. E difatto ferono levare le genti 35 
e 33r ciuchesche da Cremona, e ridussonsi in.su el Po di sotto verso el Mantovano in su certa' 
isoletta chiude el Po con un ramo dirivato da lui ; e quivi s'aff orzorono et, per avere 
cremonese. "' commodità d'andare in Mantovano per gli strami, ferono un ponte di legname in su dicto 
ramo e forzificoronlo da poterlo guardare. Micheletto gli seguì e accampossi presso a que- 
sto luogo circha a otto miglia di verso Cremona, e ordinò certe scocche, che l'avisassono 40 
ogni volta che fussono passati detto ponte più che 300 cavalli. E a dì 28 d'ottobre in mer- 
coledì, avendo aviso come erano passati più che 300 cavalli per andare a sacco a vettu- 
vaglie, fé di subito armare el campo e mosse e con presteza cavalcò verso detto ponte. E 
Ducheschi passati n'ebbono cenno da certa torre si tenea per loro, e veduto detto cenno, non 
sappiendo però che a punto s'era, si vollono ritrarre, ma le gente veniziane erano già sì presso 45 
che gli sopragiunsono e mescolatamente corsono al ponte, et insieme passando si cominciò 
zuffa intorno a detto ponte, perchè chi era alla guardia volea resistere, e Ducheschi dell'isola 
soccorrevano; e già erano de' Veniziani passati molti cavalli, in modo che dall'una parte e 



3. nell'alto della pagina: f 1446 — 5-9. Et risposesi.... suo] aggiunta marginale — 21. difese — 29. san/e 
35. dicto Micheletto] in margine — 37. nell'alto della pagina: f 1446 



|A. i44o| ANNALh'S 153 






dall'altra del ponte si combatteva. In fine e pochi combattevano el ponte furono vinti, e ri- 
mase el ponte libero a Veniziani, pel quale liberi passando nell'isola e Ducheschi resistendo 
circha a 4 horc durò la zuffa, e in 'fetto, rotti e messi in fuga e Ducheschi et chiusi nell' isola, 
tutti furono presi eccetto alcuni capi, che in su navette erano in Po si fuggirono, fra' quali 
5 fu Francesco Piccinino fedito secondo si disse a morte. Molti per fuggire mettendosi nel 
fiume affogorono. Tutti el resto degl'uomini, tutti e cavalli e ogni arnese rimase a vincitori, 
eccetto una parte di quegli, che in principio erano passati el ponte, e quali rimanendo di là 
si rifuggirono in Mantovano. E così in effetto rimase la Victoria alle genti della lega. 

In dicto dì Luigi da Sanseverino arse gli alloggiamenti e levossi da campo da Pontrie- 'trièmoi* 

10 moli per andare al campo di Francesco Piccinino, dove el Duca l'avea richiamato, ma trovò 
dato la rotta. 

Messere Alexandro, fratel del Conte, in questi dì s'era ritornato all'accordo col Conte, el ' dr" r 
perchè ne seguiva alle genti del Papa incommodità grande rispetto alla terra di Peserò, la 
quale teneva dicto messer Alexandro. El perchè avuto questa commodità il Conte e es- conte. 

15 sendo ingrossato di genti, seguì che essendo e nimici allogiati in su certo colle tra Peserò e 
la Cattolica, el Conte avea mandato loro el guanto della battaglia; e detto dì 28 schierato 
andò inlino in su gli alloggiamenti loro scernendogii e chiamandoli al campo etc, e niuno 
mai si mosse, che assai riputatione fu sanza fare altro frutto. 

e. 33 v 

A dì di novembre in domenica mattina le genti de Veniziani posono un ponte in su Passo u'Adda e 
20 l'Adda circa dua miglia sopra Lodi. El modo de porlo fu in sopra barche aveano fatte colle 
prore acute, acciò non fussono impedite da legname o altro venisse giù pel fiume; dette bar- 
che fermorono coli' ancore e su vi posono el ponte; e detto dì passorono in Melanese cir- 
cha persone 20 000 tr'a pie e a cavallo. Ruppono tre navili, e Ducheschi aveano armati in 
in Adda per riparare a detto ponte, e più ruppono le genti d'armi che il Duca avea riparate, 
25 missongii in fuga e presonne più che 600 chavalli, e in tutto trascorsono per Melanese met- 
tendo in fuga e depredando per tutto. Di poi non molti giorni presono Casciano in sull'Ad- casciano. 
da e ivi munirono el ponte. 

Di novembre detto el Patriarca tornando dalla Marca a Roma e avendo in sua com- 
pagnia Iacopo da Gaviano, per più tempo riputato condottiere duchesco e stato a sua favori '"vUno. a 
30 nella Marca, el fé pigliare alla rocca Contrara e fegli tagliare el capo, dissesi perchè tenea 
trattato contro la Chiesa. 

All'uscita di dicembre si condusse per la lega el Signore di Mantova con 400 lance e ^, °re di Man- 
400 fanti a tempo di guerra e capitano de' Fiorentini, e a tempo di pace 300 lance e 300 
fanti paghinsi per metà. 
35 All'uscita di gennaio certi usciti di Genova fatta conventione col Re di Francia, con Genova. 

suo favore venono con certe galee a Gienova capitano messere Giannus e entrorono drento 

e disposono il Doge e ferono doge 

In dicto tempo el Duca di Melano ottenne lega col Re di Francia e promisse dargli 'coi nuca.'" 1 

Asti e dua castella teneva in Genovese cioè Seravalle e , e per la parte del Re si pro- 

40 misse ch'el Daltìno, suo fratello, passerebbe in Italia in favore di dicto Duca, dichiarando 
non volea fare contro alla Chiesa, né contro ai Fiorentini, né contro al conte Francesco. 

In dicto tempo el Re di Raona era venuto a Tiboli e ivi fermossi con circha 800 cavalli Re l\ fuona. 
con assai f emine ; e questo avea fatto mosso dal Patriarca, ch'era ito a lui a Napoli, e quello 

avesse trattato colui l'avea condotto com'è dicto. Stettevi per spazio di 

45 Eugenio papa quarto morì a Roma a dì 23 di febraio 1446. Eugenii mors. 

A dì .... di marzo fu eletto papa maestro Tommaso da Serezano, el quale nel dicto Etectio Nicolai. 



3. Ducheschi] ms. Duchechi — 12. col] precede d espunto — 19. in capo alla pagina: f 1446 - cambia inchiostro 
e foggia di carattere — 32. cambia foggia di carattere — 37. seguono due righe bianche ■ — 38. Duca] ripetuto due 
volte nel ms. — 39. uno spazio bianco — 42. neWalto della pagina: f 1446 — 44. uno spazio bianco — 46. la data 
in bianco - maestro] precede messer To espunto 



154 MATTHEI PALMERIi [AA. 1446-1447] 



anno èva stato promosso al vescovado di Bologna, e di poi mandato imbasciadore nella Ma- 
gna, e tornato di decembre 1446 fu fatto cardinale e ora papa e chiamato papa Nicolò. 
conteFrancesco. Conte Francesco Sforza s'acordò col Duca di Milano, e dissesi a tempo nuovo con pre- 

steza passerebe in Lonbardia a favore del Duca e così fé. 

M47 In principio di detto anno fu condotto per la lega messere . . . , signore e marchese di 5 

Signore di Man- . _, . _ # t i i a r\r\ r • / nr\ * 1 • 1 1 1 • -i* -n« • 

tova. Mantova; dieghesi di soldo lance 400 e tanti 000, e l titolo del capitanato de Fiorentini. 

ai Papa. Mandossi a visitare al nuovo Pontefice sei imbasciadori : 

Messere Agnolo Acciaiuoli Messere Giovannozo Pitti 

Neri di Gino Capponi Giannozo di Bernardo Manetti 

Alexandro degli Alexandri Piero di Cosimo de Medici. IO 

CampodeiiaUga Di maggio uscì a campo le genti della lega, capitano generale messere Michele da Co- 

tignuola, e pe' Fiorentini el marchese di Mantova. Andorono in Chiara dAdda e presono 
Sunzino e altri luoghi. Poi di giugno passarono Adda pel ponte di Casciano e corsono infino 
su le porti di Melano, entrorono nel giardino del Duca e con scerno e parole di dilegione 
e 34 r saettorono molti con iscoppietti e balestre in nelle finestre del suo palazo. Et' per tutti 15 
que' piani scorrendo, sanza uscire mai loro a petto persona, ferono grandissime prede. Pre- 

Brievi. sono la roccha di Brievi in su lAdda sopra Casciano e prestissimamente gittorono un ponte 

in su pile erano in Adda al dirimpetto di detto luoghi. Di poi posono campo a Lecco, e 
scorsono infino a Como, presono e missono a sacco una valle presso a Como chiamata Brigan- 
sone, e in quella presono più che 15 000 anime e ferono gran bottino. El campo si dicea 20 
erano 14 000 di eh avalli e 10 000 fanti a soldo ordinario, e oltr'a questi grandissimo numero 
di partigiani e predatori, che traevano d'ogni luogo al guadagno etc. 

In detto tempo papa Nicolaio s'intermisse per fare la pace, e per detta cagione mandò 

Imbasciata di-»--» • i /~~i i • i i» e • . ,, ' t>» /-»• • 

pace. a rerrara monsignor lo Cardinale mulmense francioso; e stette in Firenze per san Giovanni; 

el dì dopo partì e andossene a Ferrara. Di poi a dì 28 di luglio andorono inbasciadori 25 
da Firenze Neri di Gino e Bernardo Giugni, e di proximo si ragunorono con gì' inbasciadori 
de' Veniziani e del Duca e dicto Cardinale. 

partita da Leco. Sendo stato a campo a Lecco più tempo e datovi battaglie, infine a dì 26 di luglio die- 

rono battaglia di nuovo e fuvi fediti molti di que' del campo e morti assai da molti uomini 
d'arme e fanti scelti, e quali el Duca v'aveva mandato per Adda. El perchè si partì detto 30 
campo da Lecco, e scorsono verso Como, e di poi si ritornorono presso a Sunzino poco 
d' acordo e mal ubidenti a chi governava. 

Ce tat'a in da fu fanti ^ cu nove d'agosto, sendo niuno sospetto, né guerra in Toscana, eccepto solamente che 

dei Re. s j dj ceva ch'e' Re di Raona, el quale era a Tiboli, usava dire di volere venire in Toscana e 

che avea mandato fanti verso Piombino e in quello di Siena, detto dì ante lucem entrorono 35 
circa di cl fanti in Cennina a capo a Val d'Ambra e quella, ch'era disabitata, presono gri- 
dando: Raona, Raona. E fanti vennono da Campiglia di Siena, e furono fanti venuti con 
messere Agnolo Morosini da Siena corsale e soldati del Re, e furono co loro più sbanditi 
e. ss r del Comune di Firenze, e quali erano di Val d'Ambra e stavano a detta Campiglia.' Seguì 

che prestissimamente vi fu gran fanterie di quelle del Comune e Simoneto condottiere e altri 40 
con 400 chavalli e posesi campo a detta Cennina. E più s'elesse al Re ambasciadore Gia- 
nozo Manetti. A Siena era già ito Alamanno Salviati e a Piombino andò Giuliano Ridolfi. 

Morte dei Duca. A dì 15 d'agosto venne lettera in Firenze da Neri Capponi e Bernardo Giugni, imba- 



4. seguono quattro righe bianche — 5. 1447] nel ms. nel mezzo della pagina - spazio bianco — 17« nell'alto 
della pagina: f 1447 — 18. posono campo a Lecco] scritto interlinearmente] al di sotto espunto: presono per forza 
le fortezze di {espunto) del ponte a Lecco e presono detto ponte — 25. 28 di luglio] precedi- 31 d'ago espunto — 
26. da] precede a espunto — 32. ubidentti — 40. nell'alto della pagina : f 1447 



|AA. i447| ANNALES 155 



sciadori a Ferrara, per le quali scrivevano avere di luogo degno di fede, che el Duca di 
Melano era chaduta la gocciola, e non pigliava, né parlava e stava in caso di morte. 

A dì 17 da loro detti venono lettere, che detto Duca era morto e dicevano averlo da 
Parma. 
5 A dì 18 venne lettera da Gienova e di Lunigiana e da Pontriemoli, che dicevano Filippo 

Maria, duca di Melano, essere morto domenica sera a dì 13 d'agosto a ore dua di notte di 
gocciola e agiunta di flusso. E così fu. 

E Melanesi, morto fu el Duca, ferono capitano di popolo Vitaliano Buonromei, e in 
sua mano ferono giurare le genti dell'arme, e dierongli certi al consiglio, cioè xxiiij cittadini, 
10 a quali dierono auctorità d'ordinare la terra. 

Non molti dì dopo la morte del Duca e Veniziani per via d' acordo presono Lodi con i.odi. 
certe castella vicine, e poco poi Piagenza, e a dì 24 se ne fé fuochi e festa in Firenze. piagenza. 

E in detto tempo venono in campo de Veniziani al loro imbasciadore imbasciadori da Pavia. 
Pavia, e richiesono a detto imbasciadore, che in nome de Veniziani gli pigliasse per raco- 
15 mandati. Rispose non avere mandato di pigliare se non per sudditi. El perchè poco poi, 
tornatisi detti imbasciadori a casa, fu eletto el figliuolo del conte Francesco duca di Pavia, 
e diegli gran principio di riputazione e di signoria. 

A dì 26 d'agosto e fanti erano entrati in Cennina s'acordorono e andoronsene eccetto connina. 
cinque, che ne vennono presi a Firenze, e per promessa loro fatta dal Commissario furono 
20 salvi eccetto uno. 

D'ottobre andò messer Angnolo Morosini senese con 400 fanti per scalare e f urtare Casti- pesfaTà? '' 
glione della Pescaia in nome del Re di Raona; e fu scoperto e ritrassesi. 

Era in dicto tempo venuto el Re di Raona tra Todi e Viterbo e infino a pie d'Orvieto Re. 
e diceva volere venire a danni de' Fiorentini. E scrisse volere circa 200 000 di fiorini di 
25 danni ricevuti per insulti fattigli a sua luoghi, già passati 25 anni, da messere Iacopuccio 
Caldoria e da Agnolo della Pergola e da Braccio a quali noi pagavamo certi soldi, e per 
difesa lui ebbe spese delle quali dimandava la ristitutione. E dissesi usava dire che ci do- 
vea disfare, se ci dovesse mettere sette reami avea e la vita. 

Providesi in Firenze d'agiugnere alle condotte usate cavalli 2000 e fanti 1500 e d'im- 
30 porre in sei mesi xij graveze. 

Partissi da nostri soldi in dicto tempo Simonetto .... condotti ere con 800 cavalli e fanti 
e andonne a detto Re. 

Mandossi a dicto Re imbasciadori messer Giovannozo Pitti e Bernardo d'Antonio de imbasciadori ai 
Medici per intendere sua intenzione; e a dì 18 d'ottobre furono a lui e rispose in questo 
35 efetto: 

Che venia contra a Veniziani, e quali gli occupavano in Lonbardia le sua terre, le quali 
gli erano sute lasciate per testamento dal Duca di Melano e che bene aveva da fare loro 
guerra per mare e per terra. Ma a noi cominciava prima, perchè eravamo loro collegali e 
davamo loro sussidio e aiuto in Lonbardia, e lui ci trovava prima, e non intendeva lasciarcisi 
40 adrieto, volendo passare in Lonbardia all'aquisto di quello era suo per testamento e a ven- 
dicare le ingiurie fattegli da detti Veniziani. 

Domandato s'avamo mezo a potere essere d'acordo elio lui, rispose di sì, con questo 

che noi lasciasono e Veneziani e entrassino in lega co lui, e ristituissingli gran somme di 

denari, e quali pretendeva dovere avere per spese ricevute a nostre cagioni, e preterea des- 

45 sino favore a lui e pagassongli parte della spesa farebbe all'aquisto di Lonbardia e contro a 

Veniziani, come facciavamo a dicti Veniziani contro al Duca di Melano. 



9. consiglio] segue etc. espunto; cambia poi inchiostro e foggia di carattere — io. auuctorità — 13-17. E in detto 

tempo signoria] aggiunta marginale — 24. scrisse] segue del espunto — 26. Braccio] aggiunta interlineare — 

Zi. parola in bianco — 31-33. Partissi.... Re] aggiunto nel margine inferiore delia pagina — 33. nell'alto della 
tagina: f 1447 — 40. suo] precede eh espunto — 45. pagansogli 



156 MATTHEI PALMERII [AA. i447-i448] 

Da Sanesi e Perugini si disse domandò essere ricevuto in loro terreni e castella, e che 
entrassono in lega co lui, dessongli numero di guastatori e comessario in campo. 

Domandato da nostri imbasciadori, se sarè modo a trattare conventione co lui insieme 
noi e Veniziani, disse da noi avere detto quello voleva, e da Veniziani volere tutto quello 
aveano preso del Duca e poi assai per restitutione di spese fatte a loro cagione, come disse 5 
da noi etc. 
Re. Furono tanto fuori di dovere le sua domande, che non seguì altra compositione. 

El Re con brievi giornate, stando alle volte fermo 5 o 6 dì, passò a pie di Monte Pul- 
ciano e andò verso Asciano, e poi poco di là della Castellina, e venne a Querciagrossa, e 
avvicinossi a Siena sanza alloggiare in su nostri terreni. 10 

E Sanesi si misono in arme e a guardia della terra e ferono circa 30 confinati; e di- 
ceano volere dare al Re vettuaglie per denari, ma non fare co lui altro acordo e così fa- 
cevano. E noi mandamo loro per confortargli imbasciadore, prima Pagolo da Ghiacceto, e 
poi Martino Lippi. 
cjór Stato el Re alquanti dì vicino a Siena, mosse e venne presso a Colle di Valdelsa a una 15 

villa chiamata Quartata, dove stette 5 dì; di poi partì e andò in quello di Volterra a Ripe- 
te™ 1 * ' marancie. El dì seguente, cioè venerdì a dì 10 di novembre, die battaglia a detto castello 
e per brieve spazio l'ebbe e misse a sacco. E questo fu, perchè dicto castello pare era 
senza fossi e poco alte le mura, in modo che colle lancie gittavano giù le vei.tiere. 

A dì 16 di novembre el conte Francesco Sforza, esendo rimaso dopo la morte del Duca 20 
piagenza. a soldo de Melanesi et poi pe' Melanesi più tempo a campo a Piagenza, la quale e Veniziani 

difendeano con molte genti d'arme, in fine detto dì el sopradetto Conte per battaglia la prese 
e misse a sacco. E Veniziani l'avevano presa del mese di settembre passato. 

Avuto el Re Ripemarancie prese più altre castelletta del contado di Volterra; poi seguì 
verso la marina, e con tutta sua gente si fermò a Porto Bai-atto, e ivi s' aforzò e stette per 25 
infino a dì 20 di dicembre. In nel quale tempo Neri di Gino e Bernardetto de Medici, ra- 
rfavut a r . anc gunato in quel di Pisa le genti del Comune, riebono Ripemarancie e altre castelletta; e mis- 
castigiione. sono sospetto al Re in modo partì da Porto Baratto, andossene a Castiglione della Pescaia 
e quello ebbe a patti. Eravi castellano Bernardo da Ringhieri e conestaboli Antonio della 
Piera e Cecherino da Villore, che per timidità el dierono. 30 

t i**s Per tutto el seguente verno si stette nelle circustanze di Chastiglione, e con noi più volti 

trattò di pace, andando ambasciadore a detto Re Bernardo d'Antonio de Medici, e infine al- 
l'entrata di maggio rispose el Re a detto Bernardo volere la pacie, ritenendosi Castiglione 
della Pescaia, Castelnuovo di Volterra e Giglio; l'altre cose restituirebbe; e oltre acciò volea 
fiorini 50 mila con altre conditioni. Infine non sendo cosa onorevole, né sanza sospizione, 35 
si lasciò. 
in Lonbar P dki! In dicto tempo si trattava pace in Lonbardia tra Melanesi e Veniziani, la quale non ebbe 

effetto, perchè credo e Veniziani non consentirono lasciare Lodi. 
'bino 6 J All'uscita di giugno publicò el Re di Raona volere venire a campo a Campiglia, e volse 

a Pionbino, credendo per trattato furtarlo sotto spezie d'amico, che così si riputava. Non 40 
gli riuscì e fermovisi a campo. 
e 3óv E Sanesi, di cui Pionbino era acomandato, s'intermissono di fare acordo tra loro e non 

di meno di continuo davano vettuvaglie al Re. 

Signore di Piombino era Rinaldo Orsini, el quale mandò per soccorso a Fiorentini. E 



3. mondo — S. brieve — 13. E noi] precede stato espunto — 15. neW alto della pagina: f 1447 — iS. brieve] 
aggiunta interlineare con segno di richiamo - spazio] segue di cinque ore espunto — 20. esendo] segue stato espunto 

— 20-31. rimase . . . poi] aggiunta marginale — 23. di settembre] sovrapposto a d'agosto espunto — 31. cambia foggia 
di carattere — 32. abasciadore — 33. rispose] vis. rimaspose col ma espunto — 37. Melanesi] segu* el Duca espunto 

— 38. eredo e Veniziani] sovrapposto a e' Milanesi espunto — 42. nell'alto della pagina: f 144S S 



[A. 1448] ANNALES 157 

Fiorentini armorono 4 galee grosse e altre fuste in tutto 8 e missono in Piombino fanti 300 
con detta armata, e di fatto tornorono a Livorno per fornirsi di vettuvaglia per portare 
al campo, el quale andava al soccorso di detto Pionbino. El campo era cavalli 4500 e 
fanti 3000, e primi condottieri Sigismondo de Malatesti, signore di Rimino, e signore Federigo 
5 da Urbino, e co loro Neri di Gino Capponi e Bernardo de Medici. E quali, partiti di quello 
di Volterra e passati in Ciecina, vennono presso a Campiglia a un luogo detto le Caldare 
presso al campo del Re, che asediava Piombino a miglia cinque. 

A dì 15 di luglio l'armala sopradetta carica di vettovaglie pel campo de Fiorentini 2 ghaiee prése, 
s' acostò a Sancto Vincento, e, aspettando la scorta venisse per dette vettuvaglie, fu asaltata 

10 da sette galee sottili e tre navette e dieci baleniere de Re, e dopo sei ore di battaglia fu- 
rono prese due galee grosse di quelle de Fiorentini e l'altre si ritrassono a Livorno. Capi- 
tano di detta armata era Bernardo Ventura. 

Non avendo noi alcuna guerra co' Sanesi, messere Antonio Rosso, cittadino di Siena, 
scudo nel campo del Re, scripse a Signori di Siena di propria mano lettere per le quali 

15 significava detta presura di due galeaze e cominciava el principio: Magnifici signori, si- 
gniori mie singularissimi. A contento e grandissima alegrezza della vostra Signoria vi signi- 
fico etc. 

A dì 17 di luglio dicto, essendo el conte Francesco Sforza pe' Melanesi a campo a Ca- So s L a ° 1 ^° or < e e £*; 
salmaore presso a Cliermona, e Veniziani mandorono armata di 60 galeoni per Po a soccor- ta '" Po - 

20 rere detto luogo, e giunti missono uomini, munitioni e vettuvaglie in dieta terra. Poi volen- 
dosi ritrarre con detti' galeoni, el Conte, avendo armata in Po di circa 30 galeoni, fé affon- e 37r 
dare molte mulina penzole in certo basso fondo di dicto Po, e alle ripe, sopra dette affondate 
mulina, al dirimpetto piantò molte bonbarde, e colla sua armata al di sopra alla corrente di 
Po constrinse e galeoni veniziani intr'alla sua armata e la traversa delle affondate mulina, 

25 e quivi costretti offendendo colle bombarde gli costrinse a perdere tutti detti galeoni, e quali 
lutti tra arsi e affondati perirono. 

Per tutto el verno passato s'era trattato pace tra detti Melanesi e Veniziani, confortan- i„ Lombardia! 
dola e Fiorentini a grande stanza, acciò la guerra si volgesse nel Reame adosso al Re di Raona 
e fusse costretto abandonare la 'npresa iniustamente fatta contro a detti Fiorentini. Ma el 

30 fine fu, che Venitiani, dandosi a intendere di farsi signori di Melano e di Lombardia e chosì 
intendendo, non vollono dirigersi a detta pacie, e però si fermorono a volere ritenere Lodi e 
i Melanesi a nollo volere loro lasciare, e così fu rotto detto trattato di pace. 

Del mese d agosto venono in F irenze pm signori di F rancia, e quali tornavano dal Papa C o* Franciosi, 
imbasciadori, e richiesono e trattorono donare aiuto e fare passare el re Renato in Italia a 

35 raquistare el Reame di Napoli contro al Re di Raona, e insieme co lo imbasciadore di Vinegia 
che era in Firenze si praticò acordo con loro, e ragionossi dare 4000 cavalli e Fiorentini, 
4000 e Veniziani, e 4000 el Re e per venire alla intelligenzia di questo co Venitiani si 
mandò a Vinegia imbasciadore Giannozo Manetti. 

A dì 14 di settembre essendo el conte Francesco Sforza colle genti de Melanesi a campo 

40 a Treccio e le genti de Veniziani a pettogli, volendo el Conte combattere detta terra, le 

genti de Veniziani venono per asaltare detto Conte. E seguine, che furono in lutto rotte le aViieravaggu!! 
genti di detti Veniziani e preso messere Amoro Donati, loro commessario, con buona parte 
de loro condottieri e le genti in tutto rotte. El signore messere Michele, capitano generale, 
e el signore di Mantova rifuggirono in Brescia, gli altri per la maggior parte furon presi, 

45 com'ò detto. 

A dì 29 d'agosto a hora di sesta scurò el sole pe' 2 / 3 in circa. scuro ei soie. 

In detto tempo essendo el Re di Raona a campo a Pionbino si trattò più volte co lui e. 37 v 

13. varia inchiostro e foggia dì carattere — 14. lettere] precede una espunto — 3f. neWalto della pagina: f 1448 
— 23. molti — 47. neWalto della pagina: f 144S: cambia foggia di carattere 



158 MATTHEI PALMERII [AA. i448-i449j 



' riolrbfnoemil- P ace > e lui diceva volere pace co Fiorentini rilenendosi Castiglione della Pescaia, Castelnuovo 
*o ragionameli- ^j Volterra e Giglio e avendo fiorini 50 000. E Fiorentini consentivano dargli fiorini 50 000 

co di pace. ° f 

riavendo le terre e ritornandosi el Re nel Reame. E stando questa pratica sanza conclu- 
sione, e el Re pure a campo a Pionbino, e Fiorentini mettevano a punto loro genti, capi- 
tano Sigismondo, signore di Rimino, e co loro si dovea acozare mille cavalli e 800 fanti, ch'el 5 
Conte Aversa e altri degl'Orsini mandavano in aiuto del Signore di Piombino ; e acozate in- 
sieme queste genti doveano asaltare dicto Re. Per la quale cagione e ancora pel disagio 
grande avea el campo di detto Re, seguì che in calen d'ottobre si levò da campo e con tutte 
sua genti si ritrasse verso Civita Vechia, onde in fine le sua genti a poco a poco si ritor- 
narono nel Reame dilegiati e male in punto. 10 

Quando el Re fu partito da Pionbino, mosse da Roma el Cardinale mulinense e venne 
a Firenze e offerse la pace con detto Re rendendoci tutte le terre e avendo fiorini 50 000 ; 
e così fu consentito a detto Cardinale, e al Re si disse fu scritto aspettasse. E così si 
fermò a un luogo chiamato Aquaviva, credo non molto passato Grosseto. El Cardinale partì 
da Firenze con detta commessione, e disse andare dal Re, da cui aveva consentimento di 15 
questo medesimo, e che poi andrebbe a Roma al Papa, el quale darebbe conclusione. Seguì 
el Cardinale con presteza dicto viagio e conclusione non seguì. Dissesi el Re non avea con- 
sentito. 
tfanieeVconte! El conte Francesco Sforza, rotto ch'ebbe le genti de Veniziani e asortito le prede, andò 

verso Brescia e ivi si fermò quasi assediandola. E così stando, seguì che a dì 11 d'ottobre 20 
si capitolò acordo tra Veniziani e dicto Conte. E fu in questo effetto: che in fra loro fusse 
vera pace per anni 25 ; el Conte lasciasse a Veniziani da Adda in qua ogni cosa eccetto 
Brescia col Bresciano, la quale rimanesse libera a dicto Conte; e più gli dessono e Veniziani 
Lodi con tutto el Lodigiano e fiorini 17 000 el mese, infino lui s'insignorisse di Melano o co' 
e 33 r loro fusse d'acordo; e non seguendo questo fusse dieta provisione a vita' del Conte; e in 25 
caso detto Conte volesse fare guerra al Re di Raona, e Veniziani non gli possano dare a 
dicto Re alcuno aiuto o favore ; ciascuno desse sua aderenti, e da ora e Venitiani davano noi 
per aderenti, e detto Conte ci confermava e diceva voleva noi fussono fideiussori di detta 
concordia. Dissesi el primo ragionamento di questo acordo naque da messere Pasquale Ma- 
lipiero, cittadino di Vinegia in campo, e da ser Agnolo d , cancelliere del Conte. 30 

1449 Per tutto el resto di detto anno 1443 e poi pel 1449 infino al settembre observarono e 

tunfeMeianTsì" Veniziani al Conte el pagamento promesso, e el Conte danneggiò Melano, e prese più sua città e 
terre, e infino in ne' borghi di Melano più volte alloggiò, e in gran parte asediò Melano, in 
modo che drento più volte romoreggiorono e ferono confinati et executioni a morte; e dicevasi 
aveano per poco tempo da vivere. E infine all'uscita di settembre 1449, credo a dì 26, si pu- 35 
blicò e Veniziani avere fatto acordo co Melanesi e capitolato pace in Lombardia, confinando 
quello rimanesse a loro, quello tenessono e Melanesi, e quello el Conte con più particolarità 
e di quanta gente d' arme avesse a tenere detto Conte e altro, ponendo pochi dì termine a 
retificare e poi al dare e collegati e aderenti; e a Firenze scrissono significando detto acordo 
e dicendo ci aveano lasciato el luogo nostro etc. Mandossi a Vinegia imbasciadori Luca 4U 
di messere Maso e messere Giovannozo Pitti per intendere loro intenzione e cercare lega 
co loro. 

Circa a dì 24 di novembre 1449 Giovanni delle Treccie con circa di mille fanti entrò 
^ùone. Cas " pel Comune di Firenze di nocte scalando in Castiglione della Pescaia e prese tutta la terra 

eccetto la rocca. E pochi dì di poi certa armata del Re, la quale andava verso Genova, pose 45 
gente a Castiglione e raquistò detta terra pel Re. 



23. in margine di mano del Palmieri: credo voglia dire Cremona — 25. nclValto della pagina: f 1448 — 
26-27. a dicto Re] interlineare con segno dì richiamo — 30. {puntini ne! vis. — 31. cambia inchiostro e foggia di 
carattere — 44. cambia inchiostro e foggia di caratine 



|AA. 1449-1450| ANNALES 159 



Essendo nostri inbasciadori a Vinezia, com'è detto, e Venitiani off erseno la lega con assai 
Iargheza, dando quasi el foglio bianco e dicendo facessimo e capitoli come ci parea ragione- 
vole. La quale risposta venuta in Firenze, s'intese tanta Iargheza venire per non avere ra- 
tificato, né volere ratificare el Conte a quanto per loro s'era fatto, e praticossi questa mate- 
5 ria.' E infine si conchiuse volere fare co loro lega, nella quale fusse la pace di Lonbardia, e. i 
che sarebbe quando v' intervenisse el Conte, e per questo volerci intermettere, che '1 Conte 
retificasse e fusse d'acordo con loro, e insieme loro, el Conte e noi facessono lega. Loro 
in principio mai vollono consentire lega, nella quale intervenisse el Conte, se non co capi- 
toli gli aveano dati nell'acordo fatto co Melanesi. E stando in questo di volere loro fare 

10 sanza el Conte e noi insieme col Conte, non ci spiscavano dalla pratica, ma stavano gl'im- 
basciadori a Vinezia e non molto accetti loro, in modo che el dì di sancto Stefano, convi- 
tando quella Signoria più imbasciadori v'erano, solo lasciorono e nostri; e poi andandovi im- 
basciadori sanesi molto più gloriorono che nostri; e di continuo facievano grande dimostra- 
tione di voler soccorrere Melano, e molte genti e vettuvaglie ragunavano per mandarvi, e più 

1 5 genti avevano in Chiara d'Adda e in que' luoghi vicini. 

Stando le cose in tale conditione, adì 25 di febraio el popolo di Milano si levò, e an- Milano ai conte 
dorono al palazzo, e presono e uccisono messer Leonardo Venereo, imbasciadore veniziano, 
e dissesi lo gittorono dalle finestre, e uccisono certi altri Venitiani erano co lui e gridorono : 
Viva el Conte. E per la Porta Bianca el missono dentro e dierongli la signoria etc. 

20 A dì ó di marzo, essendo prima venuti molti con dette novelle, venne un tronbetto del 

Conte proprio, e recò lettere alla Signoria e a più altri cittadini. E detto dì se ne fé in 
Firenze festa publica di suoni e fuochi. 

Di maggio mandarono e Fiorentini a visitare detto nuovo Duca e rallegrarsi etc. E fu- uso 
rono 4 imbasciadori, cioè Luca Pitti, Neri di Gino Capponi, Piero di Cosimo e Dietisalvi di visit ? ti0 novi 

' ' * r » Ducis. 

25 Nerone; e furono ricevuti con grandissime feste e onori. 

El dì dello Spirito Santo, sendo in Roma abondante numero di popoli pel giubileo correa Fr * le Bernardi - 
dicto anno, papa Niccola calonizò e descrisse nel cattalogo de Santi frate Bernardino da 
Siena, frate minore observante e stato gran predicatore; e in molti luoghi in Italia se ne fé 
processione e festa. 
30 In questo tempo si mandò a Vinegia imbasciatori per trattare acordo tra loro e '1 nuovo Pratica d'accor- 

Duca, e prolungossi assai detta pratica, prima per Giannozo Manetti, e poi per Neri di Gino ziani e Duca, 
e Piero di Cosimo ch'erano stati al Duca. 

Nel medesimo tempo per Giannozo d'Agnolo di Filippo e Franco Sacchetti, imbasciadori Pac |" c "^f Re 
al Re di Raona, si praticava pace con dicto Re, e infine a dì 20 di giugno si conchiuse a 
35 Castel di Sangue in Abruzi, e Giannozo dicto si fé cavaliere. 

D'ottobre si fermò pace e lega tra Veniziani e '1 Re di Raona. Pace tra >i Re e 

t o v euizin.ni. 

Di novembre in calendi fu morto a Vinegia messere Amoro Donato di notte con una :,r ° rt0 '" iessere 
partigiana in occulto usciendo di palazo; per allora non si seppe da chi. 

Circa a dì 20 di novembre el Duca di Melano fé pigliare messere Carlo da Gonzaga, Messere cario 
40 fratello del Marchese di Mantova e governatore in Melano per dicto Duca; e dissesi perchè preso. 
tractava co Veniziani contro al Duca predetto. 

In dicto tempo, essendo certe diferenze tra Marchesi di Lunigiana acomandati del Co- Ge "a l na in J ' ' " 
mime e avendosi tolte certe castella, vi si mandò Giuliano Ridolfi, perchè ristituissono l'un 
all'altro, e non ubidendo si mandò el capitano de fanti a Melano al Duca vi mandasse genti 
45 d'armi, e mandovi messere Alexandro, suo fratello, con circa a Ó000 tr' a cavallo e a pie, ed 
ebbono certo beveraggio da que' Marchesi offesi. 



J. nell'alto della pagina: f 1449 — 14. vole — 17. e uccisono| aggiunta Inter linea re - messer] segue Nicolò da 
Canale espunto - Leonardo Venereo] aggiunta marginale — 33. nel margine superiore della pagina: j- 1450 - camhia 
foggia di carattere — 42. cambia inchiostro e foggia di carattere — 43. Giuliano Ridolfi] aggiunta interlineare 



160 MATTHEI PALMERI1 la. 145oj 



Giubileo. Nel detto anno 1450 fu giubileo a Roma e durò dall'uno Natale all'altro. Andovi errandis- 

simo numero d'oltramontani e nostrali, e maxime aprile maggio e giugno, e poi dal settembre 
al Natale; in e qua' tenpi la strada in Firenze correa di continuo, quasi come andare a un 
perdono vicino. E molti di magio e di giugno ne morì per via e agli spedali, e fu dì a Santa 
Maria Nuova ne morì xxviij, ma di comunale ve ne moria xij per dì. Pel resto del tempo 5 
andorono assa' sani e con dovizia. Non obstante per Italia era lenta morìa in molti luoghi, 
e anche a Roma, in modo che per tutta state s'assentò e' Papa. E infine a dì 19 di dicem- 
bre la sera in sul fare della nocte, sendo a Roma grandissima ragunata di popoli e uscendo 
molti di San Piero e volendo passare el ponte chi a cavallo e chi a pie, s'annodò la mul- 
titudine in modo, che vi fu calpesti, sopressati e morti molti, de quali ne fu la notte portati 10 
in Sancto Celso più che cento cinquanta corpi; e morivi tre cavalli e una mula; e molti, 
che per scanpo saliano in su le sponde del ponte, pinti da chi rifugi va e insieme ripresisi 
e 39 v se n'andavano in Tevere, dove si dice che affogorono tanti quanti morirono di sopra.' 

In Firenze, fuori degli alberghi, spesono in ogni arte poco eccetto nella seta, nella 
quale arte si prese co' loro più che 40000 cioè xxxx migliaia di ducati, el forte di fette e 15 
lavorij minuti e alcuno taglio di brocatti d'otto in xij ducati el braccio e alcuni tagli di drappi 
d'opere minute. In altre arti poco spesono ecepto un poco di zafferano. 

In zecca di Firenze si lavorò circa a libre dumila cinquecento d'oro, del quale si battè 
250000 di fiorini larghi. 

Pionbino Di febraio morì Madonna di Pionbino, e gl'uomini elessono per signore Manuello di mes- 20 

sere Iacopo d'Apiano e dierongli la signoria. 

imbasciadorìdei A dì 14 marxo 1450, in domenica, entrorono in Firenze qT imbasciadori del Re di Raona 

Re <j di Vino- . . . & 

gin a Firenze, e insieme co loro uno inbasciadore di Vinegia, venia co loro da Napoli. E nomi di detti im- 
basciadori del Re furono dua, cioè frate Lodovico, cavaliere dell'ordine di santa Maria 
di..., detto credo frate Puccio, e messere Antonio da Bologna, sopranominato Panormita; 25 

e per la signoria di Vinegia Lunedì a dì 15 ebbono udienza, e spose messere Antonio 

in nome del Re dua parti: La prima in dimostrare el Re avea fatto guerra nel Reame a 
line di pace e così poi in nella Marca e Patrimonio per cacciare chi non legittimamente 
el possedeva e ristituirlo alla Chiesa; e poi co Veniziani fatto lega a difesa degli stati e non 
a offesa; e cosi col nostro Comune avea fatto pacie e intendea observalla, né avea fatto 30 
alcuno atto o cenno d'inpedirla; che forse si direbbe per molti che l'avere fatto passare el 
signore Alexandro Sforza in Lunigiana, benché si dicesse per fare l'acordo de Marchesi, 
pure sarè con sospetto della pacie ; e infine la prima parte di loro inbasciata fu in dimostrare 
ch'el Re era desideroso di volere pace. La seconda parte, che, per seguire nella buon'opera 
della pacie in nome del loro Re e della illustre Signoria di Vinegia, pregavano la nostra 35 
Signoria volere seguire i' nelle pacie, e non dare favore a chi s'intendeva benché non si no- 
minasse, che era cercatore di guerra; e che, seguendo nella pace come giustamente si dovea, 
dal loro Re s'aveva avere ogni commodità e benivolenzia; quando si seguisse in prestare fa- 
vore a cercatori della guerra, lui sarè necessitato a licenziare de' sua Regni e mercatanti 
fiorentini, che ne cavavano grandissimi emolumenti, e quali non volea fussono mezo a dare 40 
e. 40>- subsidio a chi non voleva godere la pacie.' Seguì lo inbasciadore veniziano e commendò quello 
s'era detto per que' del Re. E agiunse a pruova di quello aveano detto, che lui s'era tro- 
vato presente dove chi legittimamente poteva aveva offerto al Re la terra e signoria di Pion- 
bino, e che avea risposto niuno modo volere, né dare sospetto, né contraffare ad alcuna parte 
di pace. E poi ricordò già 27 anni avere provato la Signoria di Firenze quella di Vinegia, e 45 
così e' converso, ed essersi dati e ricevuti più benefici, e in ogni modo disiderare quella Si- 



6. Italia] preceda tota espunto — 13. aifogorono] precede altra espunto - la carta termina con la parola segue 
— 14. nel margine superiore della pagina: f 1450; in margine ripetuta la postilla Giub'leo — 15. 40000] correzione 
di 50000 — 20-21. Di febraio.... signoria] aggiunta marginale — 25. / puitini sono dell'origliale — 26. ì puntini 
sono dell'originale — 37. era] segue vio espunto — 42. nel margine superiore della pagina: f 1450 



|AA. 1450-1451] ANNALES 161 



gnoria continuare in sì fructuosa amicitia, e se alcuna rugine fusse accaduta purgarla e le- 
varla via, mentre era piccola. E per questo fare, volere concorrere observare ed ubidire ogni 
parere di questa Signoria; e con quella fare intelligentia e lega come a noi paresse. Bene 
richiedeva, che, con ciò fosse cosa che per tutta Italia e fuori d'Italia fosse in fra Principi 
5 oppinione ch'el conte Francesco avesse ottenuto el Ducato di Melano con nostro consiglio e 
favore, e veduto che lui non stava quieto ma monstrava volere molestare e fare guerra, che noi 
non volessono dagli subsidio, ma da lui separarci ; e quando così non facessino, che piglicrcb- 
bono partito di prohibire a nostri mercatanti, de quali aveano molti in nelle loro terre, la con- 
versatione e uso di quelle. Esaminata alcun dì la risposta fu commessa a' Cosimo de Medici, 
10 e fu in presenza de Signori e Collegi e di molti cittadini: rispose in questo effecto cioè: 






Di eiuerno, e credo per a dì 20, e Veniziani licenziorono tutti e Fiorentini de Vinegia e usi 

o fe ' x .... . ... Licenziati e Fio- 

dì tutte loro terre, e così sMOinoerorono tutti in fra detto tempo con danno assai di loro rentiui da vi- 

° negi:ie. 

mercatanzie e robe. 

El re di Raona fé il simile e disse el facea a richiesta de Veniziani e per obligo avea 
15 con loro. 

A dì credo 9 di giugno entrorono ante luccm certi usciti in Bolognia sotto nome et Us ^ a '" 
guida d'un figliuolo del Signore di Carpi; e armato el popolo, ne furono cacciati e mortine 
più che 100, in fra quali fu dicto figliolo del Signore di Carpi. Seppesi fu ordine de' Ve- 
niziani per mutare el reggimento de Bentivogli, ch'eran collegati e benivoli a Fiorentini, e 
20 per insignorirsene se fusse accaduto el dextro. 

Fessi in Firenze x di balìa e furono questi: x di Bai\a. 



Neri di Gino Capponi \ gancto gpiril0 
Castello Quaratesi ) 



Q 

Messere Otto Niccolini E p 

25 Francesco di Cambio Orlandi I 

Domenico di Lionardo 

Messer Angelo Acciaiuoli } Sancta Maria Novella 

Giuliano di Particino 

Cosimo de Medici 
30 Luca di messere Maso J Sanclo Spirito 

Bartolomeo di Francesco di ser Andrea 

Cominciò el loro ufìcio a dì 12 di giugno per 6 mesi, et furono poi prolungati dua volti 
6 mesi per volta; in tutto stettono mesi 18. 

Per queste novità s'elesse in Firenze imbasciadori al Re messere Giovannozo Pitti, al Ami>;i>ciadori 
35 Papa messere Donato di Niccolò di Cocco, al duca Dietisalvi di Nerone, a Genova messere 
Guiglielmino Tanaglia, a Vinegia messere Otto Niccolini; tutti andorono excetto messere 
Otto, perchè e Veniziani negorono dargli salvo condotto e non vollono v'andassono. 

A dì 7 d'agosto si fé lega col Duca di Milano a difesa degli stati. ^Genovesi" ' 

A dì 4 di novembre entrò in lega col Duca e co' Fiorentini e' Genovesi. Imbasciadore 
40 v'era messere Guiglielmino e fessi cavaliere. 

Federigo imperatore avea infino nel 1449 mandato imbasciadori in Italia a significare imperale. 
volea passare in Italia per la corona e venire al giubileo, e per questo domandato in più 
luoghi salvo condotto, e da Fiorentini l'ebbe per uno anno come chiesono, e dicea verrebbe 
pacifico e con 500 chavalli. 



io. segue un terzo della pagina hianca — il. 143 1] nel ms. nelValto della pagina — 14. richiesta] segw e 
obligo espunto — 21-33. Fessi.... mesi 18] aggiunta marginale d 1 inchiostro diverso 

T. XXVI, (Tartixi. I), p. 1 — 11. 



162 MATTHEI PALMERI1 [A. i45ij 



Di poi di gennaio 1450 mandò imbasciadori e dissono lo mperadore non era potuto ve- 
nire per certe occupationi e che sua intenzione era venire e ridomandando salvo condotto; 
e da Fiorentini l'ebbe libero, sanza tempo e sanza numero di genti, e per la città e nostre 
terre, come a lui parea. 

All'entrare di novembre non si sendo presentito altro che di sopra sia scritto di sua 5 
venuta, giunseno in Porto Pisano una nave di Portogallesi co 'mbasciadori, e dissono la Im- 
peradrice, la quale era credo sirocchia del re di Portogallo, era adrieto con dieci navi e altre 
fuste e venia a Talamone per essere a Roma, dove dovea essere lo 'mperadore e fare lo 
sponsalizio; e così vennono in Firenze detti imbasciadori e dissono a nostri Signori. 
e tir In detto tempo, cioè all'entrare di novembre, giunsono a Ferrara e poi vennono a Firenze 10 

e passorono a Roma imbasciadori dello Imperadore; e dissono veniano a significare la sua 
venuta in Italia, e che dovea partire da Vienna el dì dopo san Martino, e sarebbe a Ferrara 
per sancta Caterina, e verrebe con circa a 2500 cavalli di sua prelati e baroni e gente pa- 
cifica, e a Ferrara soggiornerebbe circa a 15 dì di poi a aspettare sopradette genti, le quale 
doveano venire di varij luoghi; e domandorono fusse proveduto di vettuvaglie e stanze, in 15 
modo che commodamente pe' loro ne potessono avere, e che si diputasse imbasciadori, che 
andossono in sua compagnia a Roma. 

Imbasciadori al- -r-» .. . • -,-v. -, . . 1 , • . . « . 

lo imperatore. rraticossi in jh irenze e conchmsesi avesse el passo come voleva, e elessesi tre ìmoascia- 

dori gli andassono incontro a Ferrara, e furono messere Donato di Nicola de Medici, vescovo 
di Pistoia, messere Bernardo Giugni e Carlo d'Agnolo di Filippo di ser Giovanni; e più 20 
s'elesse xrj cittadini a honorallo quando venisse. Cittadini dell'onoranza furono di poi cresciuti 
in fino in xvij. E messer lo Vescovo di Pistoia malo e non potè ire; e in suo luogo fu eletto 
l'Arcivescovo di Firenze e non andò; e dopo lui fu eletto el Vescovo di Fiesole e non andò; 
poi fu eletto messere Otto di Pagolo Niccolini e andò coi sopradicti dua in fino ritornoron 
collo Imperadore a Firenze; poi malo dicto messere Otto e in suo luogo andò a Roma Già- 25 
nozo Manetti. 

Del mese di novembre detto passorono per Firenze dodici tra madonne e damigelle, e 
co loro baroni e circa a lxx cavalli in tutto, andavano contro alla Imperadrice; alloggiorono 
alla Corona e furono assai onorati e presentati in Firenze dalla Signoria. 
imbasciadori di Di detto mese venne uno imbasciadore del Re di Raona e uno de Veniziani a Perugia, 30 

Vinetji;i e del 

Re a Perugia, e mandorono a Firenze per salvo condotto; e libero fu conceduto a quel del Re, a quel di 
Vinegia si disse ci si richiedeva conferillo col duca di Milano e Genovesi, co quali eravamo 
in lega, e questo per seguire l'exemplo di quello avear.o fatto a noi. Stettonsi a Perugia 
circa un mese e non s'ebbono appicco e partironsi. 
imbasciadori di Di dicembre andò a Genova imbasciadori di Vinegia e del Re di Raona, e non faccendo 35 

a Genova e a proficto, si disse che lo 'mbasciadore del Re tractava con certi cittadini contro al reggimento 
presente e però fu messo in prigione. Altri imbasciadori di Vinegia e del Re vennono a 
Bologna e avuto udienza con poco profitto si ritornorono a Vinegia. 
e 4iv All'uscita di dicenbre venne da Vinegia imbasciadore a Siena a domandare che, sendo 

Siena. in lega, s'accordassono bisognando a ricettare loro genti e del Re; e per significare loro no- 40 

stra buona volontà a stare in pace vi si mandò imbasciadore messere Otto Niccolini. 
imperadore. Domenica a dì 30 di gennaio partì Federigo imperadore dalla Scarperìa, e co' lui erano 

e prefati tre imbasciadori, e oltre a loro elesse la Signoria di nuovo venti altri imbasciadori 
gli andassono incontro con giovani. E venti furono: Gianozo Manetti e Gualterotto Ric- 
calbani collegi; messere Giovanozo Pitti, messere Giannozo Pandolfini cavalieri; messere To- 45 
maso Deti dottore, Alamanno Salviati, Alexandro degli Alexandri, Manno di Giovanni di 
Temperano, Lodovico di Cece da Verazano, Giovanni Bartoli, Bernardo Carnesecchi, Orlando 



io. nell'alto della pagina: j" I4Ó* — 2t-2Ó. cittadini.... Manetti] aggiunta marginale d' inchiostro diverso 
39. nel margine superiore, della pagina: f 1451 — 44. adassorto 



LAA. 1451-1452] ANNALES 10.3 



de Medici, Ugolino Martelli, Niccolò Soderini, Andrea Minerbetti, Matteo degli Alberti, 
Niccola Capponi, Giovannozzo Biliotti, Donato di messere Lionardo Bruni, Matteo Palmieri. 
Questi cavalcorono contro allo Imperadore in line al fiume di Carlone di qua da Taglia- 
ferro, e ivi el riscontrorono e fcrongli le debite riverenze e ferongli compagnia in fino a 
5 Santa Maria Novella dove alloggiò. L'ordine fu, che giunse a San Gallo, e ivi sotto el por- 
lieo dello Spedale era aparechiato ornato riseggio per lui, e ivi scavalcò e posesi a sedere, 
e della chiesa di san Gallo uscirono a processione frati e preti della città e volgendo inanzi 
a lui si dirizorono per la Porta a San Gallo al Duomo. Gli ufizi principali della terra, che 
erano alloggiati lungo la chiesa di san Gallo verso la Porta e al dirinpetto ripieni di cavalli, 
10 detti urici seguirono drieto alla processione e poi molta gente a cavallo. In su la porta 
stettono e Priori a riceverlo ed era gonfaloniere di giustizia Mariotto Benvenuti, che '1 prese 
per la briglia, e sotto lo stendardo procedette a Santa Maria del Fiore sanza entrare per 
San Giovanni, e visitato l'altare si cavalcò lungo e fondamenti al Canto de Guidalotti, e poi 
in Piaza, e per Por Santa Maria da casa e Buondalmonti alla piaza di santa' Trinità a Tor- .^ 

15 naquinci, e volsono a Santa Maria Novella, dove era magnifico aparecchio per lui, dove fu 
visitato a dì primo di febraio dalla Signoria acompagnata da più cittadini. 

A dì 2 febraio udì lo Imperadore solenne messa in Santa Maria del Fiore, e cantolla cavanti facti. 
l'arcivescovo di Firenze co cantori dello Imperadore, e finita detta messa lo Imperadore fé 
chavaliere messere Orlando de Medici, messere Alexandro degli Alexandri, e messere Carlo 
20 Pandolfini, e un figliuolo del potestà di Firenze, che era da Napoli. 

A dì 4 di febraio entrorono di nocte in Firenze con molti doppieri dua chardinali ve- chardinaiì. 
niano da Roma contro allo Imperadore; l'uno si disse era fratello del Papa: l'altro.... 

In questo dì smontò la Imperadrice in Porto Pisano e venne a Pisa, perchè disse la imperatine*, 
marina l'avea facto noia e non voleva ire più per mare. Mandò uno imbasciadore di Por- 
25 togallo, el quale era co lei, allo Imperadore in Firenze, e giunse a dì 5 di febraio, e doman- 
dava consentimento dello Imperadore di venire a Firenze. Lo Imperadore per non dare 
tanta spesa al Comune, che avea fatto e faceva le spese a tutta sua compagnia, non consentì. 
Mandossi 4 imbasciadori cavalieri, che facesscno compagnia a dieta Imperadrice per tutti 
nostri terreni, e andorono a Pisa, e co lei vennono al Ponte a Elsa; e per Val d'Elsa a Siena 
30 n'andò, e per tutto nostro terreno le feron compagnia. 

Domenica a dì 6 di febraio partì Federigo imperadore di Firenze onoratissimamente 
e cavalcò verso Siena, monstrando avere concetta grande benivolentia colla nostra città. 

Soggiornò lo Imperadore a Siena alquanti dì; poi seguì suo cammino a Roma, e dome- "^imperadore" 
nica a dì 19 di marzo, che fu la 4 a domenica di quaresima, fu solennemente e pacificamente 
35 coronato dal Papa in Roma. 

Di poi partì insieme colla Imperadrice e andò a Napoli a visitare el Re di Raona, e 1452 
da lui fu solennemente onorato, e mandonne la Imperadrice per mare, e lui ritornò a Roma, 
e indi partì col Re d'Ungheria, ch'era d'età circa a anni xiiij, e venne a Siena, e da Siena 
mandò a' Firenze per nuovo sal\-o condotto, e quello avuto venne, e venerdì a dì 5 di magio r. 43V 
40 1452 entrò in Firenze e fu aloggiato in Santa Maria Novella con grande onore. 

Dua dì inanzi era giunta in Firenze solenne imbasceria d'Ungari, che dicevano volere 
radomandare allo Imperadore e' loro Re e, in caso nollo licenziasse loro, protestargli etc. 
Lo Imperadore non die loro udienza, ond'eglino gli seguirono drieto. 

Domenica a dì 7 di magio, avendo lui detto volere partire alle 15 ore e avendo la Si- 

45 gnoria messo a ordine fargli onore e compagnia, lui anticipò, e con circa a trenta cavalli, 

avendo seco el re d'Ungheria, partì circa a ore xnj, e sanza alcuna solennità cavalcò al 



14. nel margine superiore delia fagina:^ 145 I — 15-16. dove.... cittadini] aggiunta marginale — 22. nel ms. 
il rimanente .Iella riga in bianco — 39. nell'alto della pagina: f 1452 



164 MATTHEI PALMERII |A. 11521 



L'unto alla Paglia e poi ritto alla Porta a San Gallo e seguì alla Scarperìa, e fu raestiero che 
de sua e de nostri erano a ordine per fargli compagnia gli cavalcassono drieto, e così fu fatto. 
Nel tempo stette in Firenze all'andare e al tornare stette con poca riputazione caval- 
cando in frotta co sua assai alla mescolata e sanz'ordine; e monstre essere misero e avaro 
principe togliendo ogni vile dono, e deziando, chieggiendo cose di pocha stima colla sua 5 
propria persona; mercatava infino a guarnelli a soldi el braccio. E mai si sentì donasse al- 
cuna cosa a persona, e portossene alcune cosette aparecchiate per sua onoranza, in modo 
monstre essere misero e vantaggioso. 

[ncentio°boiii b In calen di giugno uscirono a campo le genti venitiane e contro a loro el Duca di Mi- 

lano, e scorsono certi luoghi tra Cremonese e Bergamasco e Bresciano con pigliare ciascun di li) 

s memo. loro certe castella di poca stima eccetto Suncino, che fu dato a Venitiani per tradimento. E 

cercavano e Venitiani appiccare la guerra di là d'Adda in su el Ducato, e el Duca cercava 
apiccarla in su el Bresciano, e pure infine si fermò in Bresciana; et le gente venitiane s'afor- 
zorono in e paludi di Mattalo, e quanto potevano schifavano la zuffa; et el Duca s'era acam- 
pato loro vicino et cercava quanto poteva apiccare co' loro la zuffa, et in questo modo pas- 15 
savano tempo. 

'mTdi Molfer- Domenica a dì 23 di luglio, sendo el signore Guiglielmo di Monferrato a campo a Casina, 

el quale è uno castello vicino a Alexandria et era racornandato al Duca di Milano, el Duca 
vi mandò per soccorrerlo, e ruppeno detto ser Guiglielmo con 3500 persone avea seco, cioè 
2000 cavalli e 1500 fanti, et tutti furono presi eccetto detto signore Guiglielmo con 100 ca- 20 
valli si fuggì in un castello si chiama Rivolta, e dissesi era fedito d'uno scoppietto. 
"riaona" e In questo tempo venne Don Ferrando, duca di Calavria e figliuolo del Re di Raona, con 

circa 5500 cavalli et 2500 fanti contro a Fiorentini, et venne per la via dell'Aquila a Civita 
Ducata, a Rieti, a Terni, e poi in quel di Todi, et domandorono passo a Perugini, che erano 

.Arauco Palmieri nostri collegati. A Perugia s'era mandato ambasciadore Matteo Palmieri per confortargli al- 25 
l'osservanza della lega e non dare vettuvaglie, né passo ; et così f erono di non dare vettuva- 
glie, passo non potevano tenere a tanta gente. El perchè stati alcuno dì in su el Tevero a 
pie di Todi, feron fare pane in quel di Todi, e dissesi per 4 dì, e poi presono la via pel chiuso 
di Perugia, et passorono in quel di Cortona a dì 20 luglio, et di poi andorono in quel 

Foiano. d'Arezo, et volsono in Val di Chiana, et a dì 23 si posono a campo a Foiano. Era con 30 

igacwe ri- (j ett j Raoiiesi il signore Federigo d'Urbino; tutti altri erano del Reame, cioè Paolo da San- 
guine, Conte Aversa, Conte di Celano, Antonio Caldoria, Duca di Sori, e altri; principe capo 
di tutti, don Ferrando, duca di Calavria et figliuolo del Re di Raona. 

In questo tempo nostri cittadini principali tractorono in Firenze col conte Carlo di 
Braccio, soldato de Veniziani, et per mezo di suo cancelliere conchiusono torlo a soldo con 35 
certi vantagi et patti lui avesse avere certe terre del Conte d' Urbino aquistandosi, et soscrisse 
l'accordo Cosimo e Neri; di poi con questo mezo detto conte Carlo cercò fare certo trattato 
doppio in Lombardia et prese certe squadre del signore Alexandro Sforza e altro non seguì. 

provenienti Entrate le gente raonese in quel di Cortona, a Firenze si fé provedimenti di fare uo- 

mini di balìa, et imposesi assai graveze et ordinossi di riformare graveze nuove, in modo che 40 
in tutto gittavano fiorini 600 000, et ordinossi acozare le nostre genti d'arme, ch'era signor 
Michele da Cutignuola, signor Gismondo Malatesti, signor Astore da Faenza, signor Taddeo 
da Imola, Simonetto e molti conestaboli et fanti. 

Foiano perduto. Sendosi e Raonesi posti a campo a Foiano a dì 23 di luglio, vi dierono più battaglie, 

et i Foianesi si difendevano valentemente, e co loro era un maestro Giannone da Crema, co- 45 



8. ventaggioso - segicc un terzo di pagina in, bianco — 9. in testa alla pagina: j - 145 2 " nella prima riga: all'u- 
scita di maggio us espunto; cambia inchiostro e foggia di carattere. — 10. Bergamaschio — 11. castella .... tradimento] 
le parole dalla sillaba stella in poi in margine — 28. discesi — 31. dalia parola cioè cambia inchiostro — ■ 30. nelP al- 
to della pagina: f 1452 — 42. Gismondo] segue d espunto 



[A. 1452] ANNALES 165 



nestabole di 300 fanti, che v'acquistò grande fama. Infine a dì primo di settembre, sendosi 
alcuni dì inanzi acordati in caso non avessono soccorso, si dierono salvo l'avere e le persone, 
e così fu loro observato. 

Et poi andò detto campo verso Chianti et dierono certe battaglie manesche a Cacchiano 
5 de Ricasolesi, e poi andorono a campo a Rincine, et a dì 20 di settembre l'ebbono a patti, uincine. 
Et ivi a dua dì andorono a campo alla Castellina, dove stettono molti dì e non la vinsono. castellina. 

_ . , . . /-!• T« j ic « . t j* Cointnessari in 

In detto tempo andorono commessari in campo messere Gianozo randolnni et .Luca di can 
messer Maso degli Albizi; et prima v'era Bernardo d'Antonio de Medici, et stavasi el nostro 
campo presso a Poggibonsi. 
10 A dì 28 di settembre si ferono nuovi dieci di balìa doveano entrare di dicembre a dì Dieci nuovi. 

12; e furono questi cioè: 

Bernardo di messer Lorenzo 

Luca Pitti 

Messere Donato di Nicolò 
15 Messere Bernardo Giugni 

Giovanni Bartoli 

Pietro di Cardiale Rucellai 

Messere Alexandro Alexandri 

Messere Gianozo Pandolfini 
20 Francesco Corsellini 

Giovanni di Miniato. 

Era venuto in Firenze in questi tempi imbasciadori del Re di Francia e lettere da più Francia, 
persone et maxime dal Cardinale andagavense, et diceano el Re volere passare in Italia in 
favore nostro et per raquistare el Reame di Puglia, et che già avea mandato in Piemonte el 

25 bali di con 20 000 cavalli per significare al Duca di Savoia e al Marchese di Monfer- 
rato non facessono contro al Duca di Milano, et in caso non si ritraessono guerreggiargli, ac- 
ciò non dessono noia al decto Duca. Et di settembre di dicto anno passò per Firenze lo 
imbasciadore di decto Re, el quale andava a significare al Papa la sua passata in Italia et 
al Re di Raona el simile con protesto di trattarlo come nimico in caso offendesse noi o te- 

30 n esse el Regno. 

Avendo in questo anno mandato e Venizianiani loro ambasciadori a Svizi e offerto loro s J; i 44r 
00 000 ducati se rompessono al Duca di Milano, el Re di Francia sentendolo vi mandò e ob- 
viò non lo feciono. 

n . . . ii« • i « i • j • • tt> • Ai Ambasciatori in 

Per queste cagioni e pel bisogno avamo, si mando ambasciadori in r rancia messere Agnolo Francia. 

35 Acciaiuoli e Francesco Ventura, et partirono a dì 30 di settembre 1452, con questa commes- 
sione : che con più celerità poteano, faccendo la via dal Duca di Milano et co lui intendendosi 
et insieme co sua ambasciadori che volesse mandare, andassono in Francia dove fusse el Re. 
Et perchè ci rendevamo certi alla Serenità sua era notissimo el sincero amore et dilectione 
la nostra città et popolo lunghissimo tempo aveano portato alla sua serenissima casa, avendo 

40 prima salutatolo et raccomandata la nostra città, popolo et cittadini di quella, intralasciasson 
el raccontare quello avea fatto Carlo Magno per rilevare la Chiesa di Roma, per liberare 
Italia e riparare la nostra città, et poi quello fé Carlo primo, da chi furono rimessi e' Guelfi 
in nella nostra città et principiato lo stato et regimento de Guelfi, che continuo dura etc, 
Venissono al facto, ingegnandosi ottenere da lui passasse con exercito potente in Italia, dimo- 

45 strando questo essergli gloria et aquisto singulare per l'essere lui in pace ne' sua Reami, per 



2. soccorso] segue s'accordorono espunto — 12-21. i nomi in margine, d'inchiostro diverso — 14. Nicolò] ms. N. 
— 23. andagavense] in margine, precede espunto di Rens - Italia] segue cont espunto — 25. i puntini nei ms. — 31. nel 
margine superiore d?/i:i pagina:]- 1452 — 35. Ventura] segue con qu espunto — 37. andassono] segue co espunto 



lbo M ATTHEI P A LMERII I a. 1452] 



'•• 44 V 



avere parati gli eserciti, per obviare che una potenza a lui nimica non si facesse signora in 
Italia, per conservare una città et popolo a lui benivolo in Italia, per raquistare el Regno 
suo che ingiustamente gli è occupato. Et venendo al particulare, s'ingegnino ottenere che 
lui passi o mandi con xv cavalli pagati in Italia, o veramente con x, e tanti denari soldasse 
v Taliani, e questo per torgli a chi gli volesse essere nimicho. Et questo faccendo lui, consci:- 5 
tano agiugnere a sua 3000 de nostri, in caso sia contento el Duca darne almeno altri 3000, 
et se questo non si potesse consentano infino a 3500 o al più 4000, com' è detto. Et così 
faccendo stia all'elezione di decto Re cominciare la guerra in Lombardia, Toscana o Francia, 
come a lui parrà, parendo a noi che quello s'acquistasse in Toscana debba essere nostro. 
O veramente mandi 4000 cavalli pagati in favore nostro et della nostra lega, o mandi ca- 10 
valli x, a quali noi dobbiamo dare fiorini x el mese e quando tornassono in là gli abbiamo 
a pagare per dua mesi. E Genovesi si cerchi conservare in questa compagnia per la com- 
modità del mare. Pace s'abbia a fare di sua volontà, se lo domanda. Ringrazisi' di quello, 
ha fatto in favore del Duca e della lega con Monferrato et Savoia e Svizi. Et infine, ri- 
spetto al bisognio e lunga via, s'alarghi loro questa commessione, come in cosa grandissima 1 5 
che non si può in particulare discernere et maxime absente la parte principale. Et per que- 
sto stia a loro fare intorno alle predette cose come a loro parrà, riguardando sempre a con- 
sentire cosa sia onore e con più nostro vantaggio si può, et di permettere cose si possano 
observare, in modo non n'abbia a nascere ragionevole doglienza. 

castellina. A dì 23 di settembre posono e Raonesi campo alla Castellina et ivi stettono infino a dì 20 

7 novembre; difensonsi e salvoronsi. Eran dentro el Rosso Ridolfi, Manfredi Squarcialupi, 
e per conestabole Lione da Terni con 60 paghe, et poi vi fu el campo, v'entrò Travaglino, 
uomo del signore Gismondo da Rimini, con xx fanti e un suo nipote, e infine difesono detto 
castello e furonne rimunerati : Al Rosso Ridolil el capitanato di Livorno per uno anno, 
agl'uomini della Castellina exentione, a Lione da Terni paghe. E infine levato ci campo 25 
raonese andò verso Casoli di Volterra et fermossi presso a Colle. 
d <r Ungheria/ E di poi a dì 16 di novembre giunse in Firenze uno cavaliere araldo del Re d'Ungheria 

con lettera di detto Re e un'altra de prelati, consiglio e baroni del Regno, e in effetto conte- 
nevano : Ringratiare questo Reggimento dell'onore et buona racoglienza fatta a detto Re in Fi- 
renze, quando lui in puerile età passò collo imperadore Federigo terzo, che andava a Roma 3" 
per la corona, con dire che in dicto tempo lui era ditenuto come prigione fuori di sua libertà 
da dicto Imperadore. Et vedutosi onorare, stima certo che sendo stato in sua libertà molto 
magiori onori gli sarebbono stati attribuiti, et maxime per quello vide fu fatto agl'inbascia- 
dori de sua regni, che venono in fino in Firenze per ottenere da detto Imperadore la relaxa- 
tione di dicto loro naturale Re. Et per questo stimando 'gli questa città benivola, le signifì- 35 
cava la sua exaltatione, cioè come a dì .... di settembre 1452, sendo lui come prigione 
nelle forze dello Imperatore suo zio et nella sua tornata d'Italia, grandissimi exerciti de sua 
c.45r regni gli si ferono incontro, e armata mano' lo liberorono delle mani del dicto Imperadore, 
e ridussonlo in Vienna, nella sua principale città, sedia, onore e corona, con grandissima 
festa di tutti sua popoli etc. Et che di ciò dava notizia a questa Signoria, come a lui beni- 40 

vnadisiao. vola e grata, offerendosi con ogni sua forza a ogni favore e beneplacito di questa Signoria. 

Era detto re in decto tempo d'età d'anni xinj in circa; el suo titolo Vuadislao, re d'Ungheria, 
di Buemia, Dalmacia et Croatia etc. 
di P Franc?a. e Essendo gl'inbasciadori di Firenze mossi per andare in Francia, venne novella che la 

città di Bordea s'era ribellata al Re di Francia et data agi' Inghilesi. El di che seguì, che 45 



6. nostri] segue et cavalli 3000 del Duca espunto - in caso] segue lui espunto — 13. ncll'a'to della pagina: •{■ 1452 
— 17. parla — 22. et] segue partiti espunto - v'entrò] ms. ventre — 28. un'altra de] aggiunta interlineare - de] ripetuto 
due. volle — 36. spazio bianco nel ms. — 3^. nel margine supcriore della pagina: •)• 1452 — 40. che] nel ms. elio 



[AA. 1452-1453] ANNALES 167 



venuti detti imbasciadori al Re, lui rispose essere mosso a andare a ricuperare Bordea et 
però al presente non potere attendere a quanto si domandava pe' detti ambasciadori ; non 
di meno lui essere disposto alla impresa d'Italia, sì perchè nella lega avamo co lui n'era obli- 
gato, et sì perchè era impresa onorevole et apartenecte alla casa loro reale rispetto el Regno 
5 di Puglia, ch'era loro occupato; et però, se del mese di gennaio proximo si ritornava a lui, 
sperava potere dare executione a quello era nostro disiderio, et così intendeva di fare, se le 
conditioni del tempo el patissono. 

A dì 15 di dicembre venne una armata de lo Re di Raona a Vada e presonla. Era l'ar- vada perduta. 
mata fuste xviij , et in Vada era el Rosso Attavanti con 40 huomini et munizione et vettu- 

10 vaglia abastanza, et non di meno la dierono alla prima battaglia di mano, et uscironne salvi 
patteggiate; perchè si tenne certo vi fusse tristitia. 

Alandovi poi del mese di gennaio el Comune per riaverla, et acamporonvisi poco uniti 
e condottieri, et drento era de fanti 800 et per mare armata. El perchè infra 4 dì si levò 
el campo sanza avere facto alcuno fructo. 

15 A mezo gennaio vene lettere da Roma che vi s'era scoperto trattato contro al Papa, r a a i papa. 1 " ' 

cioè che el dì della Epifania, quando andava alla messa, dovea essere morto insieme ' con più e 4 jv 
cardinali et prelati. El principale executore di dicto tractato era messere Stefano Porcari, 
el quale era relegato a Bologna da dicto Papa, e venne nascosamente a Roma per decta 
cagione. Seguì fu preso detto messere Stefano et fu impiccato e di poi sei altri Romani e circa 

20 d'otto altri furono rilegati. Et el Papa richiamò a Roma le sua gente d'arme et stava con 
guardia. Dissesi era con conscientia del duca di Calavria, figliuolo del Re di Raona, et del 
Conte Aversa. 

Pochi dì poi scrisse el Papa a Fiorentini eleggessono ambasciadori di pace, che si rapre- p a-amba^dadow 
sentassono a Roma, et così disse avea scritto al Re, a Vinegia e al Duca, però che sua inten- fii pice - 

25 tione era che pace si facesse. Et furono eletti a Firenze messere Giannozo Manetti e mes- 
sere Otto Nic colini. Di poi riscrisse el Papa avere avuto lettere da e Veniziani e dal Re, le 
quali contenevano, che erano in lega e non poteano rispondere l'uno sanza l'altro ma che 
s'intenderebbono insieme e poi risponderebbono. 

In calen d'aprile 1453 morì Gentile, capitano de Veniziani, et morì d'uno scopietto ebbe H53 
30 a combattere un castello in Bresciana. 

All'uscita d'aprile venne lettere da messere Agnolo Acciaiuoli, ambasciadore in Francia, ne Renato, 
contenenti come lui avea fatto convention e col re Rinieri et che per tutto giugno detto Re 
sarebbe in Italia a favori della nostra città et del Duca con certi patti etc. 

A dì 12 di giugno entrorono Dieci di balìa nuovi: x di bali*. 

35 Messere Giannozo Manetti \ Alamanno Salviati » 

Francesco del Benino \ Mariotto Benvenuti 

Messere Piero Beccanugi | Piero di Cosimo de Medici 

Niccolo d'Andrea Carducci J Luca di messere Maso 

Domenico di Tano Niccolò Buonnanni. 



Rotta in Vero- 
nese. 



40 A dì 14 di giugno in giovedì el marchese di Mantova et messere Tiberto ruppono ca 
valli dumila de Veniziani in Veronese, e fuvi presi più che 260 huomini d'arme. Dissesi 
andò in questo modo, che sendo in Veronese messere Carlo da Gonzaga,' fratello del Signore e. 4 br 
di Mantova, et con detti 2000 cavalli, et in Mantoano stavano loro a petto el Signore 



12. muta foggia di carattere — 15. lettere] segue dal papa che espunto — 16. nel margine superiore della pa- 
gina: f 1452 — 25. Giannozo] scritto Giovannozo con le lettere ov espunte; segue Pitt espunto — 27. in lega] ms. 
illega — 3S. s'intenderebbono] nel vis. s'arebbono corretto in s'intenderebbono — 42. nell'alto fella pagina: f 1455 
— 43. spa~io bianco nel ms. 



L(ì8 MATTHEJ iWLMKRll ia. usai 



di Mantova e dicto Tiberto, Tiberio andò al Duca et, avendo le genti veniziane notizia dì 
questo, andorono a saltare el Signore di Mantova. Tiberto era tornato, e avcano aviso di 
questa venuta; et, esendo apiccata la zuffa tra le genti veniziane e '1 Signore di Mantova, Ti- 
berto uscì d'aguato co' sua gridando: Duca, duca. E nimici vedendo Tiberto, che sapeano 
era ito al Duca, et udendo gridare : Duca, duca, stimoron el Duca vi fussc venuto et sanza 5 
fare difesa si missono in volta et seguinne detta rotta. 

constàntinopoul In calen di luglio venne novelle in Firenze, et di poi si certificò essere vero, che all'uscita 

di magio, credo a di 29 di dicto mese, e Turchi, avendo dua dì prima preso Pera, vennono a 
Costantinopoli et per forza la presono con grandissima uccisione de Cristiani e gran preda. 
Dicesi erano più che 300 000 di Turchi, et in dieta città arivorono male molte famiglie di 10 
Veniziani mercatanti, in modo che in Vinegia fu stimata grandissima perdita di persone e 
d'averi, et molti Veniziani si vestirono di bruno per le morti di loro parenti. 

Di luglio detto certi navili raonesi, cioè di Catalani, presono una nave grossa di Geno- 

" fico genovese! vesi chiamata Squarciafico, in su la quale era tesoro per più che fiorini e mila. Et molte fa- 
miglie genovesi tornavano a Genova rispetto la perdita di Constantinopoli. 15 
in ie ? a" g ena Di luglio detto si rimase d'acordo col Re d'Ungheria di fare lega, in nella quale inter- 
venne el Duca di Melano et Fiorentini e el Re d'Ungheria; et dovea per infino a l / 2 ago- 
sto 1453 mandare Giovanni Vaivoda con xij mila cavalli in Frigoli a danno de Veniziani et 
noi pagare insieme col Duca fiorini xx mila, cioè x mila prima movesse e x mila venuto 
fusse in Frigoli, et poi x mila al mese in lino in 80 mila. Per la perdita di Constantinopoli 20 
non si seguì. 

Ghìeri. A dì pochi di luglio detto, el Duca di Milano prese per battaglia Ghieri, castello di Bre- 

sciano. 
c.4òv A dì primo d'agosto si riebbe pel comune di Firenze Rincine; dieronsi a patti salvo 

macine riavuto, l'avere e le persone. Eravisi stato a campo et bonbardatolo cinque dì. El campo era grosso 25 
di circa 10 000 persone tr'a pie e a cavallo; e condottieri principali erano: signore Alessan- 
dro Sforza, signore Gismondo Malatesti, signore Astore da Faenza, Simonetto. 

A pochi dì d'agosto detto, Grardo Gambacorti, el quale tenea Bangno con certe altre 
castelle vicine, s'acordò col Re di Raona et vendègli tutta sua signoria, dovendo avere per 
scambio certe terre in Calavria, secondo si disse Barletta et Tram", et oltre a questo fiorini 30 
4000 et lance cento a vita d'un suo figliuolo, et per questo avea dì prima dato per statichi 
dua sua figliuoli. Sentendo Fiorentini questa pratica vi mandorono ser Giovanni, capitano de 
fanti, a chi Grardo in tutto negò et diegli per statico un suo figliuolo. Et nondimeno pochi 
dì poi, venendo Fra Puccio con circa 1000 Raonesi, detto Grardo consegnò loro le sua terre, e 
die le chiavi, et fé giurare più sua uomini fedeltà et omagio al Re, e questo fé a Corzano dove 35 
lui habitava, e di poi andorono dicti Raonesi a pigliare Bagno, et Grardo dicto uscì di Corzano 
per vedere andare dieta gente; onde seguì che gl'uomini di Corzano serrorono di fuori detto 
Grardo et dissono volere tenere el castello a onore del comune di Firenze, et, veduto que- 
sto, que' di Bagno non vollono ricevere dicti Raonesi, et simile altre sue castelletta s'acordo- 
ron col Comune di Firenze, et Raonesi si partirono et co loro se n'andò Grardo dicto solo, et 40 
tutta sua famiglia rimase in Corzano presa et el figliuolo a Firenze. 
Castel Lione." D'agosto dicto, Sacramoro da Parma, condoctiere del Duca, ruppe a Castel Lione circa 



(irardo Gamba- 
corti si die a 
Kaonesi. 



e. 47 r 



a cavalli mille de Veniziani et rinfrancò dicto castello. El modo fu in questo effecto cioè: 
Castel Lione pare sia in Cremonese et avea gran morìa; el perchè' con salvocondotto de 



7. cambia inchiostro — 16. si rimase d'acordo] scritto sopra a si conchiuse espunto - di fare] aggiunta inter- 
lineare — 24. nell'alto delia pagina: -j- 1453 — 26. circa} segue mil espunto — 30. terre] segue in Puglia overo 
espunto — 34. e] segue seguì che espunto — 35. a Corzano] sovrapposto alle parole a Bagno espunte — 36. Bagno] 
sovrapposto a Corzano espunto - Corzano] sovrapposto a Bagno espunto — 37. Corzano] sovrapposto a Bagno espunto — 
39. Bagno] correzione di Corzano — 41. Corzano] sovrapposto a Bagno espunto — 44. nell'alto della pagina: f 1453 



[A. 14531 ANNALES LO'J 



Veniziani molti uomini di dicto castello erano fuggili la morìa per le ville. Le gente vc- 
ziane ruppono e salvicondotti, e presono circa cento di detti uomini, e con detti prigione et 
bonbarde n'andorono credendo pigliare decto castello. Sentendolo Sacramoro vi socorse, et 
ruppe dette genti, et tolse loro le bombarde, e prese più che 500 uomini. 
5 Mercoledì a dì 28 d'agosto riebbono e Fiorentini el castello di Foiano; el modo fu, che V. 1 " 

essendovi a campo et bonbardandolo, que' di dentro cominciorono a ragionar patti, et ter evasi 
el rao-ionamento col siiniore Sigismondo da Rimini, et trattavasi pigliare il castello salvi e 
Foianesi et gli altri a discretione. E Raonesi erano drento, non volendo essere in peggiore 
grado che i terrazzani, missono drento delle gente de' signore Alexandro Sforza, e quali, 

IO cominciando a gridare sacco, convocorono el campo e prcsono detta terra a sacco. Et fuvi 
presi 400 tra cavalli e muli et molti Raonesi di slima et da taglia, in modo si stimò fusse 
un bottino di fiorini 30 000. Di poi el secondo dì naque contesa per dicto bottino, e comin- 
ciorono a ardere le case, e arsono buona parte di detto castello, che agevole fu rispetto a 
molte strame aveano ragunato per dette case. 

15 Riavuto Foiano certi Raonesi furtorono la torre di Valiano, et stettevisi a campo pare- n ". e l 

chi dì prima si riavesse a patti, dando loro riorini 200. 

Andò poi el campo a riavere Vada, et stettevi con bombarde assai et in line, a dì ... . Vada riavuta. 
d'ottobre, s'ebbe a patti e disfessi. 

Prima s'andassi a canpo a Vada mandorono e Fiorentini in aiuto al Duca di Milano el sidii ai Duca" 

20 signore messere Alexandro Sforza, suo fratello, et e figliuoli di Micheletto, in tutto con circa 
persone 3000 tra a pie et a cavallo. 

Et prima era del mese di settembre passato el re Renato in Monferrato e facto acordo 
tra el Marchese di Monferrato et Duca di ' Milano, di poi passato a Milano et poi in Bresciano <-. , 7 » 
a subsidii del Duca et insieme seco menato Raffaello, credo così avesse nome el fratello del 

25 marchese di Monferrato, che prima faceano guerra al Duca. Et co loro ritornò Bartolomeo 
Coglion, capitano delle genti del Duca a detta guerra di Monferrato; in modo che per tutto 
ottobre s'agiunse alle genti avea el Duca in Bresciano più che persone x mila, cioè re Re- 
nato, Raffael di Monferrato, Bartolomeo Coglione, messere Alexandro Sforza, e que' del 
signore Michele. 

30 Era di luglio proximo passato venuto novelle, come a dì 28 di magio 1453 el Gran Turco ccnstanimopoii 

avea preso Constantinopoli, et con grande sterminio avea morto lo Imperadore et molti si- 
gnori et gentili huomini, et predato grandissimi tesori, et sfasciata Pera, e usato molte crudeltà 
a Greci et Cristiani, et che molto prosperava in quelle parti. Et dissesi, che sendogli per- 
saaduto, che in dicto aquisto pigliasse in Costantinopoli la corona dello Imperio, lui non 

35 consentì, dicendo Gonstantinopoli essere la figlia et egli voleva serbare a pigliarla a Roma 
che era la madre, et voleva profanare l'altare di san Piero e farvi su el vitio che i Cristiani 
reputano più pessimo. El perchè el Papa mandò el Cardinale di Santo Agnolo a Firenze, Et C e a t t at amba" 



x\ Duca et Vinegia per tractare pace, et infine elesse Roma per luogo, et scripse si mandasse 



sciadnri man- 
dati. 



imbasciadori, et così si fé. Et e primi partirono furono e Veniziani, cioè messere Orsatto 
40 Giustiniano et messere Cristofano Moro, et in fine giugnendo a Terni e Narni aspettarono 
circa 16 in 18 dì per non essere e primi giugnessono a Roma, et in fine a dì 24 d'ottobre 
entrorono in Roma e nostri, cioè messere Bernardo Giugni et messere Giovannozo Pitti, et 
dopo loro i sopradetti di Vinegia. Que' del Duca giunsono poi in Firenze a dì 30 d'ottobre 
e seguirono a Roma. Et così vi dovea mandare el Re di Raona e mandò. 
45 Venne in detti tempi, cioè del mese di settembre, in Firenze ambasciadorc del Re di ^èinedi a cipri! 

Cipri a condolere la mina de Cristiani, significare la potenza et grand'animo del Turco, do- 



15. camòin inchiostro — 17. spazio bianco nei ms. — 19. mandorono] precede and espunto — 20. suo] precede 
el espunto — 23. nel margine superiore della pagina: 1453 — 33*37- Et.... pessimo] aggiunta marginale 



170 MATTHEI PALMERII [A. 14531 



Ambasci adori 
di Papa, 



mandare per Italia soccorso, senza el quale era inriparabile lo sterminio de' Cristiani in 
quelle parti. 
Ambàs'ciadori Vennono in dicto tempo in Firenze ambasciadori stati dello Imperadore di Constanti- 

dore cu m con- nopoli, et andavano condolendo la perdita di dicto Imperio et il loro sterminio, e infine do- 

stantinonoli. j j v • r- 

mandando hmosine. 5 

Venne ancora di settembre detto in Firenze prima detto cardinale di Sancto Agnolo, 
persuasore della pace, e poi uno ambasciadore di Papa domandava non s'innovasse alcuna 
cosa di guerra co' Sanesi. 

Vennono dua ambasciadori del re Renato, e fu di dicto mese di settembre, e sposono 
A da ^Renato 1 e * ^ e essere venuto in Italia a richiesta de Fiorentini, e domandavano sua pagamenti et 10 
quello volevano decto Re facesse. Furono fatti e pagamenti per lettere si rimissono a Mi- 
lano, et di quello avesse a fare si rispose se ne intendesse col Duca et con messere Agnolo 
Acciaiuoli, che era co lui nostro ambasciadore. 
Dieci faci i. A dì 2 di novembre furono facti nuovi dieci di Balìa: Luca Pitti, Neri di Gino, Bar- 

tolomeo Michelozi, Messere Otto Niccolini, Carlo da Ghiacceto, Andrea Guardi, messere 15 
Agnolo Acciaiuoli, Simone Guiducci, Cosimo de Medici, Dietisalvi di Nerone, et debbono 
entrare a dì 12 di dicembre. 

Seguì el trattato della pace a Roma, benché in medesimo tempo se ne ragionava in 
Lombardia, per mezo prima d'un frate di sancto Spirito, et poi per mezo del podestà di...., 
ch'era veniziano et d'altri. Et infine a di 24 di dicembre, sendo già stati gì' inbasci adori in 20 
Roma dua mesi et poco operatosi, el Papa chiamò in disparte detti inbasciadori et disse loro, 
di per sé l'une parti dall'altre, questo effecto: La stanza vostra a Roma è infino a qui stata 
lunga et con poco fructo, et non seguendo altro sarebbe con poca reputatione, et però si 
richiede a me pigliare de dua partiti l'uno, cioè, o commendarvi dell' ubidienza dell'essere 
venuti e licenziarvi, et questo farei molto male volentieri et non sarebbe el bisogno di Italia né 25 
C4S-D sarò quello di che hanno bisogno e Cristiani' rispetto la prosperità del Turco, o veramente 
poi che si vede essere quasi impossibile acordare questa materia di consentimento delle parti, 
che io sia quello che pigli carico a fare quello è ragionevole et a ordinare ciascuna delle 
parti observi, significandovi, che Iddio sa che io puramente farò sanza alcuna inclinatione al 
favore o disfavore d'alcuna delle parti. Et die licenzia con dire che ciascuno si pensasse etc. 30 
'ETpace! apa El dì sequente rimandò per loro, et in disparte disse loro, che, di consentimento et unito 

parere de Cardinali, avea diliberato la pace per bene de Cristiani et quiete d'Italia seguisse, 
et le condizioni fusseno: Che in Lombardia e Veniziani rendessono al duca di Milano Crem- 
ma et concedessongli tutto al Cremmano con Chiara d'Adda et e' passi d'Adda, sì ch'el 
fiume d'Olio fusse el confine, et il Duca rendesse a Veniziani ciò che avea preso in Ber- 35 
ghamasco e in Bresciano; et a Fiorentini fusseno rendute le cose loro; et fra tutti si fa- 
cesse lega, i' nella quale egli volea intervenire et essere capitano, e fusse dieta lega solo a 
conservatione della pace et contro alla parte che contrafacesse. 

Significoro gli anbasciadori a Firenze detta significatione. Risposesi, che riavendo le 
cose nostre saremo contenti a quello avea detto el Papa, ma chiarissono bene che le cose 40 
nostre intendavamo Gavorrano, Chastiglione e Gilio, et dessono avi so, se così era intentione 
del Papa; et perchè noi disideravamo la pace, et dubitavamo ch'el Duca, sendo al di sopra 
in Lombardia e avendo asediato in isola Cremma et Bergamo stretto et tenendo el contado di 
Brescia infino su le porti, lui non stesse duro al consentire, noi manderemo ambasciadori a 
significarli nostra intentione et confortano alla pace. Et così vi si mandò messere Otto Nic- 45 
colini e Dietisalvi di Nerone. 



2. nel margine superiore della pagina: 1453 — 11. volevano] vis. volavano — 16. Dietisalvi] precede una linea 
nel ms. — 18. cambia inchiostro — 19. i puntini nel ms, — 33. poca] Stigue frutto espunto — • 26. nelValto della pa- 
gina: f 1453 — 30. disfavore] la sillaba vo aggiunta interlineare d^ inchiostro diverso — 36. renduto 



l a. 1453J ANNALES 171 



Andorono detti ambasciadori in Lonbardia, dove era messere Agnolo Acciauoli. Et 
molte cose praticate, s'ordinò ch'el re Renato passasse al Re di Francia a intendere di sua no Renato in 

, . , . , . . , , j" 1-» 1- Francia e l:i- 

ìntenzione al fare per lui la impresa a raquistarc al regno di J. ugna, et se potentemente sciò ei figliuolo. 
la volesse fare, quanto che no s'aspettasse tempo. Et interim el figliuolo, duca di Calavria, 
5 si rimanesse in Italia,' fussi capitano de Fiorentini et da loro avesse a tempo di pace fio- e. 4 or 
rini 1500 el mese et a tempo di guerra la condotta di cavalli 1500, e quali si mettessono 
sotto lui de nostri, et fusse capitano coni' è detto. Et di poi venne in Firenze per la via di 
Lunigiana et di Pisa, e in Firenze entrò a di.... di febraio. Et fessi balli et.... 

Erano in detto tempo ritornati in Firenze e tre ambasciadori stati in Lombardia, et con- Quello si con- 

.„ ,1 ti./- ii> 9i ili-» chiuse in Lom- 

10 clnusono col Duca, che bene che lui fusse al di sopra et per quanto s era detto dal Papa bardia. 
fusse quello avea a rendere più che cento terre, pure non di meno, veduto el desiderio et . 
conforti nostri, era contento rimettere in noi la pace e la guerra, et così commetteva a sua 
ambasciadori da Roma facessono quanto era di parere de' nostri. 

Seguia a Roma la pratica della pace, e e' dua nostri ambasciadori molto la sollecitavano, 

15 e nondimeno più volte richiesti che si chiarissono della intentione del Papa intorno al ren- 
dere le cose nostre, mai ne scrissono chiaro a Dieci; et a privati scrissono più lettere dove 
chiaro dicevano el Papa farci ristituire le nostre cose. El perchè infine, avendo e Dieci 
da loro che el Papa aconcerebbe le cose nostre in modo non ci potrebbono fare male, bia- 
simando gli ambasciadori dello scrivere fatto a privati, et per essere più chiari potevano, 

20 mandarono di nuovo a Roma messere Otto Niccolini, stato in Lombardia e bene informato " Roma, 
della intenzione del Duca, et co lui andò Niccodemo, anbasciadore et cancelliere del Duca 
di Milano. Et loro commessione fu con ogni 'stanzia richiedere el Papa volesse che al 
Duca rimanesse Bergamo, acciò che il fiume d'Olio fusse in tutto el confine, come lui avea 
detto, et ancora per rimuneratione di più che cento terre facea ristituire a Veniziani, mon- 

25 strando Cremma potersi dire del Duca, perchè a più che 50 miglia non v'era terra veni- 
ziana, et ancora Bergamo era assai assediato et così Brescia, et le genti duchesche al di sopra: 
el perchè detto Bergamo si dovea al Duca; et infine quando operato el possibile non fusse 
conceduto, non s'interlasciasse però la pace, quando noi liberamente riavessono Gavorrano, 
Castiglione et Gilio ; altrimenti non conchiudessono, ma di qua avisassono e sarebbe risposto 

30 quello avessono a fare; perchè' el vero era, che ritenersi le cose nostre era contro ogni do- e 49 * 
vere et monstrava la intenzione del Re non essere a pace. 

Giunti messere Otto e Niccodemo a Roma et exsposto al Papa, lui rispose non potere Quei che se gi ù 
fare tale chiarigione sanza licenzia delle parti, et scrissene lui e gl'inbasciadori veniziani a tessere 0« . 
Vinegia, e andò el fante a dì 9 febraio. Vero è che gl'inbasciadori veniziani dissono che 

35 di dare Bergamo non si ragionasse, però che, quando avessono perduto Padova, Verona e 
Vicenza e avessono gran bisogno di pace, non darebbono Bergamo per averla. Alla parte del 
riavere noi le nostre terre non ebbono dal Papa chiara risposta, ma affermò lasciarle in 
modo non ci potrebbono offendere. El perchè, inteso questo parlare non chiaro del Papa, e 
Dieci scrissono che non si conchiudesse sanza expressa chiareza per particulare capitolo 

40 che noi avessono a avere le nostre cose, et così furono confortati da pratica di più citta- 
dini, parendo che tre piccole cose non avessono a impedire la pace, in nella quale si re- 
stituiva in Lombardia città e castella più che cento. Avuto gl'inbasciadori questa lettera e 
narrato al Papa, dopo più giorni el Papa rispose el Re a gnun modo volere rendere le no- 
stre castella et che di questo non si ragionasse. El perchè, inteso in Firenze questa risposta 

45 et dubitando che, quando sanza le castella si consentisse la pace, e non fusse chiesto altro 
che desse sospetto in Toscana, si scrisse agi' inbasciadori si condolessono col Papa del non 
potere avere ragionevole pace et domandassono licenzia; et cosi ferono et tornorono in Fi- 



5. nelValto della pagina: ■(• 14,^3 — S. d\] segue uno spazio bianco nel ms. - dopo et la riga in bianco nel ms. — 
23. fi me — 30. nelValto della pagina: \ 1453 — 32. cambia inchiostro e foggia di carattere 



I 72 MATTI 1 EI I *A I /MERI! | aa. 1453-1454] 



renze a dì di marzo.... Fu chi stimò el Papa non avere appetito la pace, parendo l'avesse 
avuta in luogo, che, avendola pronuntiata, ciascuna delle parti retificava, benché non fusse 
stata in tutto secondo sua intenzione. 

[H54] Rotto detto trattato di pace et avendo le parli desiderio di conchiuderla, sì perchè e 

PacefactainLo- ... . »v i ,.• 1» • e 

di. Veniziani aveano a provedere a ripari del lurco, et ancora perche le genti d armi erano 5 

e sor a ciascuno molto importune, si rapiccò detto trattato di pace 1 in Lonbardia tra e Veniziani 
et el Duca di Milano, e fu da Vinegia mandato messere Polo Barbo, et infine a dì 8 d'aprile 
1454 si conchiuse in Lodi la pace, e a dì 1 1 ne furono le novelle in Firenze, e domenica a 
dì 14 d'aprile detto, che fu domenica d'ulivo, si bandì detta pace tra le 14 e 15 hore. Con- 
chiusesi detta pace solo per dicto messer Polo veniziano e lo imbasciadore del Duca sanza 10 
trovarvisi altro mandato da altre parti, benché tre dì inanzi v'era giunto Dietisalvi di Nerone 
di Nigi inbasciadore fiorentino; ma non volle lo 'nbasciadore di Vinegia acozarsi con lui 
inanzi la conclusione, dicendo non v'era persona per Re di Raona. 
Le condizioni di dieta pace furono:... 

Poi a dì di maggio si mandò a Vinegia a domandare lega co' loro, benché per espresso 15 
imbasciadore a non se ne desse commessione, ma, sendo così l'intenzione, si mandò a rallegrarsi della pace 

Vinegia. 7 ' 7 o x 

facta e a offerersi a ogni loro beneplacito et a fare tutte quelle cose, che avessono a es- 
sere conservatone et maggiore sicurtà della pace. Gl'imbasciadori furono messere Gian- 
nozo Pandolfini e Piero di Cosimo de Medici. 
Tarcuo e Veni- ^ mezo giugno venne in Firenze novelle, che Veniziani s'erano acordati col Turco, 20 

ziani scordati. <=> ° 

credo a dì 25 d'aprile 1454. Et prima che in dicto acordo detto Turco si titolava: Mau- 
metth Ugoli de Ottuman, imperadore di Constantinopoli, re de Romani, inimico di Cristo, 
Cesare secondo e vendicator de Troiani. In fra capitoli loro si disse erano questi cioè: 
che non s'offendino l'uno l'altro, né loro amici et aderenti; diano l'anno al Turco di 
censo ducati 9000; ogni legno de loro navicasse da Gostantinopoli per onore di dicto 25 
luogo debba surgere almeno per dua hore; et, se schiavi portassono in su loro legni voles- 
c so v sono diventare turchi, siano tenuti liberargli e rilasciargli ;' possano e Veniziani tenere balio 
in Gostantinopoli, el quale giudichi tra Veniziano e Veniziano, con questo che chi volesse 
apellare al banco de Turchi possa; fuste turchesche, che si rifuggissono in luoghi veni- 
ziani, debino essere ricettate et difese se bisognasse ; ogni mercatantio, che Veniziani navi- 30 
cassino, paghino fiorini 2 per capo, così allo in là, come allo 'nqua; avendo guerra co' Geno- 
vesi non possano danneggiare Siro, né Metellino, né altri loro luoghi di Levante. 
Rinovatione di Per san Giovanni 1454 si mutò forma di festa, la quale era usata a farsi a dì 22 la 

Giovanni e co- monstra ; a dì 23 la mattina la processione di compagnie, frati, preti e edifìci; la sera ì'of- 
a dì 2i. ferie; e el dì el palio. E riordinorsi in questo modo cioè: Che a dì 21 si facesse la mostra. 35 

A iì!!i 2J la " iat " -A- dì- 22 la mattina la processione di tutti gli edifici, e quali detto anno furono e andorono 
come apresso dirò: 
i El principio mosse la Croce di Santa Maria del Fiore con tutti loro cherici, fanciulli, 

e drieto a loro sei cantori. 

2 Le compagnie di Iacopo cimatore e Nofri calzaiuolo con circa 30 fanciulli vestiti di 40 
bianco e agnoletti. 

3 L'edificio di san Michele Agnolo, ai quale soprastava Iddio padre in una nugola, e in 
piaza al dirimpetto a Signori feceno rapresentagione della battaglia angelica, quando Luci- 
fero fu co sua agnoli maladetti cacciato di cielo. 

i Le compagnie di ser Antonio e Piero di Mariano con circa a 30 fanciulli vestiti di 45 

bianco e agnoletti. 



i. i puntini nel ms. — 6. nel margine superiore della pagina: f 1454 — 14. segue una riga bianca — 17. a fare] 
ms. affare — 22. Ugoli] aggiunta interlineare con segno di richiamo — 27. nell'alto della pagina: f 1454 — 43- piaza] 
ms. pianza coll'n espunto 



LA. i454j ANNALES 17.1 



L'editicio d'Adamo, che in piaza fé rapresentatione di quando Iddio creò Adamo e poi 5 
Eva, fé loro el comandamento, e la loro disubidienza in lino a cacciargli di paradiso, colla 
tentazione prima del serpente e altre apartenenze. 

Un Moisè a cavallo con assa' cavalleria de principali del popolo d'Israel e altri. 
5 L'editicio di Mxtyse, el quale in piaza fé la rapresentatione di quando Iddio gli die la legge. 7 

Più profeti et sibille con Ermestri megisto et altri profetezatori della incarnatione di 
Xristo. 

L'editicio della Nuntiata, che fé la sua rapresentazione. 9 

Optaviano inperadore con molta cavalleria e colla Sibilla, per fare rapresentazione, quando "'&* 
10 la Sibilla gli predisse dovea nascere Xristo e monstrògli la Vergine in aria con Xristo in braccio. 

Templum pacis coll'edilicio della natività per fare la sua rappresentazione. 11 

E avenne che, essendo l'edificio inanzi a Signori e scavalcato Ottaviano e salito in su 
l'edificio sotto, overo nel tempio, per cominciare la sua rapresentazione, sopragiunse un Tedesco s ',',. i r ;' ( ' '" : * 
pazo, che avea solo indosso una camicia molle, e a pie dell'edifìcio domando: Dov'è el Re 
15 di Raona? Fu chi rispose: Vedilo quivi, e mostrogli Ottaviano. Lui salì sull'edificio, multi cre- 
deano fusse di quegli avea a intervenire alla festa, e però non fu impedito. Lui prima prese 
l'idolo era in dicto tempio e scagliollo in piaza, e rivolto a Ottaviano, ch'era vestito d'un 
velluto paonazzo broccato d'oro, ricchissimo vestire, el prese et fello capolevare sopra '1 
popolo in piaza, poi s'appiccò supra una colonna del tempio per salire a certi fanciulli so- 
20 prastavano dicto tempio in forma d'agnoletti, et, qui sendo, sopragiunsono circustanti con 
maze aveano in mano e precotendolo gravissimamente con diticultà lo volsono a terra, donde 
rittosi e ingegnandosi risalire, percosso da molte mazate di sotto e di sopra fu vincto. 

Un magnifico et trionfale tempio per edifìcio de Magi, nel quale si copria un altro 12 
tempio ottangulare ornato di sette virtù intorno, et da oriente la Vergine con Xristo nato, e 
25 Erode intorno a detto tempio fé sua rappresentazione. 

Tre magi con cavalleria di più di 200 cavalli ornati di molte magnifìcenzie, et vennono 13 
a offere a Xristo nato. 

Iutralasciossi la passione et sepultura, perchè non parve si convenisse a festa, e seguì: 
Una cavalleria de' cavalieri di Pilato ordinati a guardia del Sepolcro. 11 

30 L'edificio della sepoltura onde risuscitò Xristo. 15 

L'edifìcio del Linbo, onde trasse e Padri sancti. 10 

L'edificio del Paradiso, dove misse dicti Sancti Padri. 17 

Gli Apostoli e le Marie, che furono presenti all'Asuntione. n 

L'edificio dell'Asuntione di Xristo, cioè come quando salì in ciclo. 19 

35 Cavalleria di re, re e reine, e damigelle e ninfe, con cani e altre apartenenze al Vivo c ' 2 o fV 

e Morto. 

L'edifìcio del Vivo e Morto. 21 

L'edifìcio del Giudicio, con barella de Sepolcri e Paradiso e Inferno, e sua rapresenta- 22 
sioni, come per fede si crede sarà in line de secoli. 
40 Tutti sopra detti editici ferono sua rapresentationi in Piaza inanzi a Signori e durorono 

intìno alle sedici hore. 

La sera di detti dì 22 andorono a offerere tutti gli ufìci della città, che in palagio si a di 22 u sera, 
diputòno, et furono urici quarantadue, numero di cittadini ducentottantotto. E dopo loro e 
Sei della mercatantia co' loro capitudini. 
45 A dì 23 la mattina la processione di tutte le compagnie de' fanciulli, di disciplina, e poi A t im 



A d'i 23 la mat- 

a. 



9. nel margine supcriore, della pagina: f 1454 — 11. pacis] segue in su espunto — 13. overo] precede el espunto 
— 17-19. e rivolto .... piaza] aggiunta marginale con segno di richiamo — 19-21. in margine di mano del secolo XVI : 
lusto l'ordine si tenne eli grado in grado — 35. nel P alto della pagina: j 1454 - nife — 43. ducentottantotto | 
scritto poco chiaramente sì che segue nel ms. cioè dugento ottanta otto 



174 MATTHEI PALMERII |A. m54| 



regole di frati e preti con loro stendardi e barelle di reliquie et con grandissima copia di 
paramenti, ricchi più che altra volta si ricordi. 

a >ii 23 in so. i. La sera l'offerta della Signoria, et poi xvj gonfaloni co loro compagnie al modo usato. 

* tina A dì 24 la mattina l'offerte usate, ciò è: Prima la Parte, e fu questo anno molta copiosa 

di cittadini più che 730. 2. E' palij. 3. E' ceri grandi di legname. 4. E' ceri di cera accesi. 5 
5. La zecca. 6. E' prigioni. 7. E' corsieri. E drieto a quegli el palio di sancto Giovanni e 
di sancto Lo. E ultimi e nostri Signori. 

La sera si corse el palio di ricco broccato al modo usalo. 

E fu questo anno messa in mezo questa festa dalle solennità del corpo di Xrislo, che 
furono, a dì 20 le festa di detto corpo di Xristo, e a dì 25 el dì di sancto Lo la festa del IO 
miracolo da sancto Ambruogio, la quale si celebra per l'Università dell'Arte de notai. 

In questa state feceno e Genovesi grandissima armata cóntro al Re di Raona, e funne 
capitano messere Giovan Filippo dal Fiesco. La cagione procedette per valersi della nave 
Squarciafico stata presa da dicti Catelani, e poi vilipesi nel radomandarla. E fu in questa 
armata sette navi grosse e undici galee e altre fuste. 15 

se, Walesa a. ì Del mese d'agosto venne da Vinegia lettere, ch'el Turco avea preso la Servia e preso 

più che 40 mila anime, molti morti, in fra quali furono molti mercatanti cristiani, che si tro- 
varono in decte parti. 

Lega. A dì 29 d'agosto gli anbascìadori fiorentini, ch'erano a Vinegia insieme cogT inbasciadori 

del Duca di Milano, dopo lunga pratica conchiusono lega in fra le tre potentie, cioè Veni- 20 
ziani, Duca di Milano et Fiorentini, per 25 anni, e quel più paresse alle parti, a difesa degli 
stati per loro e loro aderenti, complici et seguaci, e quali si dovessono dare etc. Detta di- 
fesa s'intendesse per quegli a chi non provocando fusse mossa guerra; et per terra s'avesse 
e dare ogni favore, sendo obligato ciascuna parte a tempo di guerra tenere cavalli 5000 e 
fanti...., e a tempo di pace cavalli 2000 e fanti....; alla guerra di mare sia obbligato eia- 25 
scuna parte a fiorini 2500 el mese d'aiuto. 

imperatore. In dicto tempo venne a Signori nostri lettere dello Imperadore, per le quali significava 

avere fatto una dieta, cioè concilio di più Principi oltramontani, per esaminare el riparo e 
difesa del Cristianesimo contro al Turco, e che in dieta dieta aveano examinato certi capitoli 
utili, de quali mandava la copia, acciò si potessono per ciascuno examinare, e che avea ordi- 30 
nato fare nuova dieta el dì di san Michele di settembre, per fare conclusione di quello che 
s'intendesse essere el meglio, et richiedeva si mandasse ambasciadori a detta dieta; et questo 
simile fece all'altre Signorie d'Italia. 

Mandò a detta dieta el Re di Raona per imbasciadori messere Francesco Damun et 

messere Michele Riccio. 35 

segno in cielo. Iufino a dì 3 d'aprile proximo passato, cioè nel 1453, aparve in Capo d'Istria un segno 

in ciclo riputato molto maraviglioso, e questo fu un cerchio di colori d'arco celeste e nel 
mezzo una f gialla e in mezzo della croce una luna rossa. 

Perchè nella lega fatta d'agosto a Vinegia per spresso capitolo s'ordinò, che ciascuna di dette 
tre potenze mandassono insieme al Papa e al Re di Raona a persuadere loro venissono in nella 40 

Ambasciadori pace et lega detta, seguì, che del mese d'ottobre si mandò detti ambasciadori, e que' di Vi- 
i'apa e Re. negia e del Duca vennono a Firenze, e furono pe' Veniziani messere Ieronimo Barbarico 
et messere Zacheria Trevisano, doctore e cavaliere, pel Duca messere B. Visconti, vescovo di 
Noara, et messere Alberico Maleta doctore, e ambo del consiglio del Duca, e seguendo loro 
camino entrorono in Roma la matina d'Ognesanti tutte e tre dette ambasciate, cioè Veniziani, 45 
duca di Milano, e Fiorentini, che furono e nostri: Bernardo d'Antonio de Medici e Dieti- 

4. ciò] ms. ci — 12. cambia inchiostro — 16. nel margine superiore della pagina: 1454 — 19. J^ega] segue 
di mano del 500 sempre in margine : fatta con Yinitiani et col duca di Milano e Fiorentini per 25 anni — 25. due 
spazi bianchi nel ms. — 33. Damun] segue uno spazio bianco net ms. — 35. Riccio] nel ms. seguono due righe bianche 
— 36. cambia inchiostro — 37. coleri — 43-4 y. vescovo... , Duca] aggiunta interlinea; e con segno ili richiamo 



IAA. 1454-14551 ANNALES 175 



Armata genovc- 



salvi di Nerone di Nigi. E di poi sposono al Papa; e lui rispose commendando la lega come 
proceduta da Dio; volere in quella intervenire e persuadere al Re v'intervenisse, e per più 
opera volere mandare a dicto Re a disporlo inanzi, acciò che venendo a lui gl'inbasciadori 
della lega el trovassono disposto. 
5 Sendo l'armata genovese divisa le navi dalle galee e le galee in spiaggia romana, el Re 

armò sedici fuste e mandò a asaltare diete galee, le quali si dierono a terra, e la maggiore 
parte degli uomini canporono de' corpi. Delle galee rimase sette al Re e el resto si ritor- 
norono a Genova, et così poi l'armata delle navi. 

Poco poi una fortuna di mare ruppe mura e più ripari avea fatto el Re nel porto di °o X'x ''. 

10 Napoli, et volse el muro del molo, e rovinorlo in gran parte nel porto, e ruppe una nave 
grandissima avea fatta el Re, la quale e Genovesi andavano per ardere, e più altre navi gli 
disarborò e guastò. 

El Papa inanzi agl'inbasciadori della lega mandò al Re el Cardinale di Fermo a per- carenale ai ile 
suadere al Re, come avea offerto agli ambasciadori. El Re mandò a dire volea dare 

15 udienza a Gaeta, et così andò a Gaeta el Legato, et poi gli 'nbasciadori della lega. Et 
ivi venne el Re e dette loro udienza, e disse volea venire alla pace et entrare nella lega 
con fare certe chiarigioni de capitoli fatti a Lodi, e quelle die per scripto con dire ciascuno 
n'avisassc la sua signoria, et in quel mezo se n'andassono a Napoli; e così ferono. Et el Re, t"» Nap 
andando cacciando e soprasedendo più dì per la via, infine venne a Napoli, dove, dopo più 

20 pratiche, infine a dì 27 di gennaio si conchiuse e confermossi la pace fatta a Lodi con limi- 
tazione o vero chiarigioni di certi capitoli date a Gaeta; et in tutto retificò el Re, come 
se infra '1 termine de 40 dì, come era ne' capitoli fatti a Lodi, l'avesse facto. Et più di 
nuovo si fé nuova pace a Napoli, co medesimi capitoli et altre apartenenze, et più si fermò 
nuova lega, in nella quale el Legato promisse entrerrebbe el Papa come principale. Et ri- 

25 masono venire tutte dette ambascierie a Roma, et così mandare el Re, et alla presenza del 
Papa tutto ratificare et consentire intervenendo lui come capo etc. Et così si fé. E gli 
'nbasciadori si tornorono alle loro signorie. 

Papa Nicola morì in Roma la notte de' dì 24 di marzo circa a ore 5 di nocte, che se- papaNicou 
condo el corso di Firenze fu l'ultimo dì dell'anno 1454. 



mo- 
li. 



30 Et di poi martedì a dì 8 d'aprile 1455 fu eletto papa Calisto III, el quale era vecchis- [i«5] 

. . •»• i t tr i l'ina Calisto 

Simo et cardinale di Valenza. detto. 

Del mese d'aprile 1455 fu mandato ambasciadore a detto papa Calisto e al Re di Raona, Ambasciadori. 
per rappresentare la ratificazione della pace et lega sopradette et per altre ragioni occorre- 
vono, Matteo di Marco Palmieri. 

35 Et più furono mandati ambasciadori di poi a Roma a dare l'ubbidienza, rallegrarsi etc: 

Messere Antonio, arcivescovo di Firenze, messere Giannozo d'Agnolo Paldolfìni cavaliere, 
messere Otto di Lapo Niccolini giudice, Antonio di messere Lorenzo Ri doln* et Giovanni di 
Cosimo de Medici. 

In questo tempo partì di Lombardia dal soldo de Veniziani Iacopo di Nicolò Piccinino Iacopo piccinino 

40 et venne per Romagna et passò per quel di Perugia et andò in quel di Siena. El Papa, du- 
bitando non danneggiasse le terre della Chiesa, richiese d'aiuto el Duca di Milano et e Fio- 



5. nel margine supcriore della pagina: f 1454 — 14. El Re] cambia foggia di carattere — 21-22. et.... facto] 
aggiunta marginala — 22. capitoli] vis. capitolo — 26-27. Et cosL... signorie] d'inchiostro diverso — z§. sei righe 
bianche fino al termine della pagina — 29. nel margine superiore della pagina : y 1455 - nel margine sinistro di mano 
del secolo XVI: a dì 5 d'aprile 1455 papa nuovo fu eletto Calisto III vecchissimo — 34-36. nel margina scritto di 
mano del secolo XVI: Imbasciadori di Firenze e papa Calisto — 35-38. nel fitarginc sinistro di mano del secolo XVI: 
Mons. Ant., arcivescovo di Firenze, messer Gianozo d'Angelo Pandolfini, m. Otto di Lapo Nlccholini, Antonio di 
m. Lorenzo Ridolfi, Giov. di Cos. dei Medici — 36. Pandolfini cavaliere] scritto dì mano del secolo XVI su spazio 
bianco del ms. — 39-40. noi margine scritto di mano dei Joo: Iacopo Piccinino andò ili Lombardia in quel di Siena - 
41-p. 176, I. 3. nel margine destro di mano del joo: Pontefice hebbe sospcto, ebbe aiuto dal Duca di Milano e Fiorentini 



l/i> MATTHEI PALMKRII iaa. 1455-14501 



rentini, et fugli mandato circa cavagli 3000, et da se n'avea circa 2000, et con queste gente 
si stette alle difese. Iacopo Piccinino avea circa persone 5000, tra a piò et a chavallo, et 
l'è guerra a Sanesi, et prese certe loro castella di Maremma, stando però assai con disagio e 
con pochi danari, eccetto solo dal Re di Raona avea vettovaglie per mare e anche ebbe de- 
denari, benché non gran somma. Infine all'uscita di maggio 1456 si fé accordo praticato 5 
assai prima a Roma et a Napoli, et fé detto Iacopo pace co' Sanesi et ebbe soldo fiorini 
50 000 l'anno, de quali pagavano e Sanesi fiorini 20 000 l'anno e '1 resto tra '1 Papa et el Re 
di Raona. 

'iuii] I 11 ca ^ en di giugno apparve una stella crinuta, cioè che avea un razo dinanzi, el quale 

cometa. si monstrò quando l'aria era ben chiara, lungo più che braccia cinquanta, non però molto lu 

pieno né grosso, ma più tosto sottile in forma di lungo razo, et certe volte monstrava assai 
minore, et era di colore di stella chiara. Cominciossi a vedere a greco dalla parte di verso 
tramontana, et verso tramontana seguì al suo levare, però che ogni mattina si levava più 
verso tramontana, et levavasi ore dua inanzi el levare del sole, cioè circa ore sei, et alzava 
assai meno che a terza. Durò dì quindici, et nella sua fine n'aparve un'altra colla coda di 15 
drieto, ed era assai minore ch'el crino della precedente; questa si vedeva la sera fra l'una 
e le dua ore di notte, et in principio si vide sotto tramontana et andò verso ponente; durò 
dì xv et il suo fine fu a ponente estivo. 

Fiaiumaperaria. In questa primavera fu più volte per l'aria veduto fiamme di fuoco andante, et a dì 14 

di giugno a ore 2 3 / t di notte se ne vidde una grande et spaventevole, la quale si racolse 20 
sotto la luna, che avea circa dì 9, et quivi ragunata stante pocco spazio andò verso ponente 
con gran romore et splendore, et di subito sparì, lasciandosi drieto nebulosità fummosa, con 
romore di tuono sordo che durò per spazio di dire dua paternostri. 

Rutta dei Tur. . A dì x d'agosto venne in Firenze lettere della Signoria di Vinegia, la quale mandava 

copia di lettere ricevute d'Ungheria dal Cardinale strigonense, legato apostolico, el quale avea 25 
scritto a Vinegia e mandato copia d' una lettera avea ricevuta da Giovanni Vaivoda, la quale 
lettera veniva a decto Cardinale, et era soscripta Iohannes de Uniat, comes bistriciensis, et diceva 
come a dì 22 di luglio, essendo lo 'nperadore de Turchi a campo al castello vandorabense 
presso al Danubio et avendo quello più tempo con gran forza et molti strumenti combatuto 
et sfasciato delle mura in modo più tosto si poteva chiamare campo che castello, finalmente 30 
dicto dì potentemente gli dierono battaglia, la quale durò tutta la seguente nocte e l'altro 
e 54 >■ di' infino a ora di desinare, in nel quale tempo dua volti entrorono dentro et tennono la 
punga in dicto castello, et finalmente ne furono con danno et vergogna cacciati et persegui- 
tati in fino a loro alloggiamenti; et seguinne, che la notte seguente abandonorono gli alog- 
giamenti et fuggironsi con molta vergogna et danno di dicto Turco: gl'Ungheri, ch'erano 35 
stati vincitori, andorono poi el seguente dì per asaltare un'armata dicto Turco avea lasciata 
nel Danubio, et non furono aspettati, perchè dieta armata si fuggì et misse in fuga ardendo 
certe galee, le quali non potevano menare. Et questo fu a dì 24, el quale dì dicto Giovanni 
Vaivoda scrisse detta novella a dicto Cardinale. Et dicto Cardinale per fante proprio la 
scrisse a Vinegia: et e Venetiani a Firenze mandando la copia scritta per dicto Iovanni 40 
Vaivoda, la quale conteneva soprascritto effetto. 

Lunedì mattina a dì 23 d'agosto 1456, in sull'aurora o poco prima, piove grandissimo ro- 

1 pu°su T'<-e'"tì vesc i° d'aque quasi per tutto el contado di Firenze, e fu con grandi venti e in alcuni luoghi 
per aria. grossa gragnuola benché rada e poca. E da Lucardo di Val d'Elsa overo di Val di Pesa si 



8. in fine alla pagina dicci righe bianche — 9. nel margine superiore della pagina: f 1456 — ■ 15-18. et nella 
sua fine.... estivo] aggiunta; da ch'el crino marginale — 32. neWalto della pagina: 1456 — 4 2 ~P- ^lli !• I2 « n(L l 
margine di mano del sec. XVI : Cosa orribile e magna di tempesta, che in Valdelsa et Valdipesa che per vento gran- 
dissimo si trovò che tronchi d'ulivi in.... {parola illegibilè) basso da Monte Morello in terra fitti e usciti di 
Valdelsa; et case et torri (?) andorono per terra, come tu leggierai (?) in questo capitolo. Fu verissimo. 



• / ■■ 

NovitÀ :i Siena, 



Treniuoto ;i Xa- 

P ' ■ 



I a. i456| ANNALES 177 

mosse notabile e potentissimo furore con grandissimi nodi di venti, e passò la collina di 
san Brancazio verso San Casciano infino a pie di Sancta Maria Impruneta, e di poi al Ponte a 
Grieve, e tirò alla via del Bagno a Ripoli, e passò Arno infino a pie di Castello di Poggio, e 
passò in Monteloro, e ivi finì suo empitio furioso. Per tutti sopra detti luoghi fé grandissimi e 
5 molto notabili effecti, con ronpere, frangere, aterrare, sbarbare e portare via molti arbori gros- 
sissimi, spianare siepi, vigne e ogni ragione di sterpi, fare ruinare case e torri forti, levare e 
portare via tetti interi in molti luoghi. E al castello di san Casciano aterrò mura e merli e 
rovinò case, in modo che più che 20 persone morirono di dicto castello, e molti si feciono 
male. E in line fu così molto notabile e di rado veduta. E per miracolo fu veduto ulivi e 

10 tronchi d'alberi essere stati portati nelle piagge di Monte Asinaio, e infino in Mugello. E ne' 
luoghi bassi fé peggio che ne' monti. 

Fu in questi tempi certe novità a Siena, e riformorono reggimento cacciando certi della 
parte di messere Antonio di Ceccho Rosso, e a tre tagliarono el capo, e poi andorono a campo 
a Perignano, castello di dicto messere Antonio, e quello infine presono e disferono. 

15 A dì 4 di dicenbre la notte tra le 10 e 11 bore, venendo e dì 5, fu a Napoli e per le 

circustanze, miglia cento et più al dintorno, un potentissimo tremuoto, el quale durò per spa- 
tio della dodecima parte d' un'ora, e fu di tanta forza, che in Napoli gittò per terra in tutto o 
per la maggiore parte tutte le maggiori et più principali chiese, cioè la 'piscopia, Sancta Chiara, 
Sancto Piero, Sancto Lorenzo, Sancto Agostino, et molte altre chiese, e fé rovinare per la 

20 maggiore parte la roccha e castello di Sant'Ermo et molti palazi et case private, in modo 
che per Napoli era difficile l'andare pello impedimento et pericoli delle materie rovinate ; et 
morì in Napoli più che dugento persone. Et simile in molti altri luoghi fé simile danno o mag- 
giori: però che per tutta Terra di Lavoro fé danni grandi; a Benevento ruinò più di 400 
case, morivi più che 800 persone; in valle di Mulisi ruinate otto castella; Palulle tutto per 

25 terra; Arriano presso che tutto ruinato e in parte profondato ; per tutto l'Abruzzi molte terre 
ruinate, e così in molti luoghi del Reame; in modo che per tutti s'afferma esservi morti più 
che 50 mila persone; et chi dice di più di 70 mila. Dicesi che innanzi detto tremuoto fu 
veduto alla via di tramontana per aria un grandissimo fuoco, et chi disse avere veduto un 
grande uomo portare in su ogni spalla un fuocho et un altro in capo. Continuorono di poi 

30 in dette parti molti tremuoti piccoli. Et a dì 30 di dicembre ne fu uno grande, benché molto 
minore del primo. 

In questo anno mandò el Papa molti predicatori a predicare la f contro al Turco, et P contro a afTurco 
seguinne che riscosse assai denari, ben fusse molte terre non pagorono; et infine dicti denari 
si spesono in altre faccende, non obstante el Papa facesse armare certe galee andorono in 

35 Levante et più tosto diventorono corsali che facessono altro frutto. 

Ne' detti tempi, presuponendo el Re, che un Fusciarra, el quale gli era molto fidato et e ss r 
servivalo a mensa et dera stato preso nella passata guerra da Giovanni Biliotti, vicario a Fi- ''l;'™':" 00 
renzuola, e fattogli pagare certa taglia, dovesse essere restituito e maxime perchè aveva una 
lettera di passo dal Duca di Milano, e avendo più volte dicto Re richiesto dieta ristitutione 

40 si facesse, e avendosi per la nostra Comunità per la dieta cagione mandato ambasciadore al 
Re Giuliano di Niccolò Ridolfi, trovandosi detto Re a Foggia giudicò la nostra Comunità es- 
sere obligata a ristituire a dicto Fusciarra per dieta cagione ducati 3300 ; credo per tutto el 
mese di marzo proximo avenire. 

A dì 22 di febraio essendo a Roma Piero di Grardo Gambacorti, mandato dal Re al Papa, K°"«ùjeviij „,i. 

' r ' la a (r r ardo 

45 perchè el Papa facesse el comune di Firenze satisfacesse a dicto Grardo per cagione delle Gambacorti. 



3-4. e passò in Monteloro] aggiunta interlineare con segno di richiamo — 5. sbarbare] in margine — 12. nel mar- 
gine superiore della pagina: f 1456 — 14. seguono due righe bianche — 17. terra] segue più espunto — 18. tutte] 
nel ms. tette — 22. in Napoli] scritto iapoli — 32. cambia inchiostro — 35. seguono tre righe bianche sino alla fine 
della pagina — 36. nel margine superiore della pagina: f 1456 

T. XXVI (Tartini I), p. 1 — 12. 



178 MATTHEI PALMERII |AA. 1456-1458] 



Novità a (icr.o 
va. 



terre toltegli quando lui s' acordò col Re, come apare in questo e. 62, seguì ch'el Papa a 
petizione di dicto Re, sanza avere fatto richiesta né alcuno ordine di giudicio, e sappiendo 
che maestro Guiglielmo de Becchi, frate di sancto Agostino et nostro cittadino, andava a 
Roma per questa cagione ambasciadorc, perchè s'era sentito dicto Piero Gambacorti solle- 
citava questa materia, et essendo già vicino a Roma el nostro ambasciadore a dua giornate, 5 
el Papa dicto dì 22 sentenziò la Comunità di Firenze essere obligata a dicto Grardo per ri- 
facimento delle terre toltegli in ducati xvnj mila di camera e così dovergli pagare per tutto 
el mese di marzo proximo avenire. Questa sentenzia fu fuori di sua auctorità et sanza niuno 
ordine di ragione et in favore, di chi avea voluto torci la libertà et fare vincitori Catalani. 
Et disesi ch'el Papa consentiva essere sentenzia iniqua, ma farlo stimolato et minacciato dal 10 
Re e solo per conservationc della pace, la quale vedeva in pericolo se questo non si faceva; 
quasi le paci si conservino faccendo iniustitia. In nella medesima sentenzia giudicò el Duca 
di Milano dovere restituire a messere Antonio da Pesaro ducati 3000 per danni fattigli in 
Lombardia e nella guerra passata. Furono acordati e fiorini 3300 di Fusciarra. 

c 'uÌt" In questo anno 1457 fu pestilenzia quasi per tutta Toscana, et fé in certi luoghi assai danno, 15 

altrove poco, et in certi luoghi nulla. Ver'è, che non fu luogo non avesse a poche miglia 
pestilenzia, et nelle terre di Firenze fé a Cortona, Arezo, et Prato et altre castella gran 
danno. In Firenze non passò 20 morti per di fuori de conventi et spedali. 

In dicto anno fu gran novità a Genova cercando gli usciti ritornare, de quali era capo 
Giovan Filippo dal Fiesco, et furono molto favoreggiati dal Re di Raona, el quale mandò loro 20 
un'armata di più di 30 galee: et el Doge reggeva mandò fuori gran numero di gentili uomini, 
et infine s'acordò co' Franciosi, e il Re di Francia mandò el Duca di Calavria, figliuolo del 
re Rinieri, e entrò dicto Duca in Genova a dì 9 di maggio 1458, e el Doge prese fiorini 30 mila 
e certe castella in Provenza. Era dicto doge stato messere Perino da Campo Fregoso. 

Ia v"rs°o Rimino. Et più in caleii di novembre mandò el Re di Raona Iacopo Piccinino con 1000 cavalli 25 

et molti fanti verso le terre del Conte d'Urbino per danneggiare el signore Sigismondo da 
Rimino, dicendo dovere avere da lui ducati xxvj mila, e quali già prese per andare a suo soldo 
et non v'andò. Et per simile cagione domandava al signore Astore da Faenza ducati xvnj mila, 
et fegli protestare per messere Matteo Malferuto, suo anbasciadore, di somma di più di du- 
cati 200 000 et che infra xv dì l'avesse acordato etc. Et venne prima messere Matteo a Fi- 30 
renze, e giustificò el Re domandare ragionevolmente, come s'era riservato nella pace, richieg- 
gendo che non fusse loro dato favore. Mandorono a Firenze detti Signori domandando 
consiglio e favore et furono confortati di buone parole. Seguì che il signore di Rimino 
perde più castella. 

M ge a a vinc^°" All'uscita d'ottobre di dicto anno e Venitiani disposono della sua degnità messere Fran- 35 

cesco Foscheri, stato lor doge circa d'anni 35, et disono per la sua decrepita età, et in suo 
luogo elessono doge messere Pasquale Malipetro, et di poi pochi giorni morì dicto messere 
Francesco stato doge. La dispositione di dicto Doge et electione del Doge nuovo fu sabato 
a dì 29 d'ottobre; et martedì a dì primo novembre morì dicto Doge vechio, et fu onorato 
nella sua sepoltura in ogni cosa come doge. Non vi si mandò da Firenze ambasciadoi - i, perchè 40 
non s'era usato altra volta farlo. 

i458 r ^ 1 ma ggi° 1458 messere Giovanni, titolato duca di Calavria et figliuolo del re Rainieri 

Duca di caiavria d'Angiò della casa di Francia, entrò luogotente e governatore in Genova, chiamato da mes- 

in Geneva. fc> » S> » » 

i. c. 62] corrisponde alla e. 46V nuova numerazione — io. farlo — 14. Fusciarra] segue el resto espunto — 15. 1457] 
ms. nel margine superiore della pagina — 22-24. et infine.... Fregoso] aggiunto posteriormente in due riprese — 
23. in margine di ma>w del secolo XVI: 1458 - prese] precede sip espunto — 25. in calcn di novembre] sovrapposto a nel 
principio del verno espunto — 27. ducati.... per] scritto in margine — 2S. domandava al signore] scritto in margine 
— 29. fugli. . .. Matteo Malferuto] scritto in margine — 30-34. infra .... castella] scritto in margine — 38. doge] segue: 5 
Fu notissimo dicto messere Francesco era di bonissimo sentimento infino alla sua morte espu-ito — 40-41. Non.... 
farlo] aggiunta posteriore — 42. 1458] ms. nel margine superiore della pagina - cambia inchiostro e foggia dì carattere 



|AA. 1458-1459J ANNALES lj { ) 



sere Pcrino da Campofregoso, stato doge più anni, et in dicto tempo molto oppressato da 
un'armata del Re di Raona, nella quale erano xxvirj navi et xxviij galee, capitano messere 
Bernardo Villa Marina. Et era ditta armata in favore di messere Giovanni Filippo dal Fiesco 
e altri usciti di Genova, che per terra oppressavano per ritornare in Genova. E oltre a questo 
5 v'era la morìa grandissima, per le quali cagioni chi reggeva prese dicto partito e dissesi tutto 
era di consentimento et acordo del Re di Francia, el quale a tutto avea dato e darebbe favore. 
A dì 27 di giugno in martedì circa a ore tre di uocte morì in Napoli Alfonso, re di 
Puglia, di Sicilia et di Raona etc. ; succedette in Sicilia et in Puglia don Ferrando non le- 
gittimo figliuolo di detto Alfonso, el perchè el Papa gli prohibì l'ubidienza, dicendo era feudo 

10 ricaduto alla Chiesa; et infine si disse s'era acordato pagarne l'anno alla Chiesa fiorini lx mila, 
et el Papa ci riconfermò. 

A dì lo d'agosto morì papa Calisto in domenica circa a hore 23, et pochi dì di poi fu 
eletto papa messere Enea, cardinale di Siena, et chiamato Pio ij°. Poi fu consacrato, detto Eietto papa 
Papa monstre essere disposto fare inpresa contro a Turchi, et per più commodità disse voleva 

15 andare a Udine, et ivi fare dieta per diliberare quello s'avesse a fare per riparare a Turchi 
et offendergli, dicendo quello luogo era commodo a Cristiani. E Venitiani non consentirono 
v'andasse, et dissesi perchè non volevano indegnare el Turco contro a di loro, et maxime 
inlìno non intendeano che effetto ne doveva uscire. Et per questo el Papa elesse venire 
per detta dieta a Mantova, et lunedì a dì 22 di gennaio partì da Roma per venire a Mantova, 

20 e venne a Spoleto, e di poi a Perugia, et da Perugia a Siena, et entrò in Firenze mercoledì 
a dì 25 d'aprile 1459, et di poi partì sabato a dì 5 di maggio, et per la via di Bologna andò 
ad Mantova. 

Circa a dì 20 di gennaio fu morto messere Giovanni Filippo da Fiesco per colpo d'una MesS er e 5 G*ova n 
spingarda in riviera. Era capo degli usciti di Genova et insieme con messere Perino da liVsc^morto! 

25 Campofregoso facean guerra a Gienova, dove era governatore messere Giovanni del re Re- 
nato di Francia, titolato duca di Calavria. 

In sopradetto tempo, essendo diferenzia tra '1 Prencipe di Taranto et el re Ferrando, et 
preparandosi a guerra intra loro, mandò papa Pio uno de sua cardinali nel Reame, et fé co- 
ronare ci re Ferrando re, di che seguì che Franciosi non renderono l'ubbidienza a detto 

30 Papa. El cardinale andò a coronarlo fu el Cardinale degli Orsini. 

Del mese d'aprile sendo papa Pio a Siena et dovendo venire a Firenze, venne a dì 17 1*59 
di detto mese in Firenze el conte Galeazo, conte di Pavia et figliuolo del Duca di Milano cioè ^Firenze. 6 * 
di Francesco Sforza, et fugli fatto grandissimo honore, et fu gratiosamente veduto da cittadini 
et da tutto el popolo, et fessi giostra, ballo in Mercato nuovo, armeggeria et una caccia di 

35 lioni in su la Piaza de Signori. Et tornò in casa Cosimo de Medici. Partì a dì.... 

La nocte de dì 14, vegnente e 15 di settembre, essendo giunto a Genova un'armata di 
15 legni mandava el re Renato in aiuto del Duca di Calavria, suo figliuolo, et quindi par- 
tita per andare a trovare certe galee del re Ferrando capitanate per messere Bernardo Villa 
Marina, sopradicta notte a ore sette messere Perino da Campo Fregoso, per l'adrieto fu 

40 doge di Genova, con circa persone 3000 tr' a pie e a cavallo, el forte sua partigiani, entrò 
in Genova sperando trovalla sfornita rispetto a esser montate gente in su l'armata; et così 
entrati presono certa parte più rialta, cercando romoreggiare la terra et mutare reggi'mento. e. S7r 
E Francesi v'erano col duca di Calavria si levarono, fra quali erano gran numero di bale- 
strieri, et durò in fra l'una parte et l'altra la zuffa infino a nona, et infine messere Perino 

45 fedito ad morte fu preso et di poco poi morì; et così morì un suo fratello et altri, et fuvi 



Entrò messere 
Perino in < ie- 
tto v a e f ii v i 

morto. 



21-22. Et per la v;a .... Mantova] aggiunta posteriore del Palmieri; segue l'indicazione autografa: segue a e. 73 
{nuova num. e. jy v) — 23. nel margine superiore della pagina : f 1458 — 25. dove] nel vis. dovere col re espunto — 
26. nel ms. seguono quattro rigate in bianco — 27. tempo] segue mandò papa espunto — 35. spazio bianco nel ms. 
— 36. cambia inchiostro e foggia di carattere — 38. capitanete — 42. nclVaìio della pagina i f 1459 



ISO MATTHEI PALMERJI ia. iisqj 



preso un iìgliuolo di messere Tiberto da Carpi, condottiere del Duca di Milano, el perchè 
alcuni dissono era el testimone ch'el Duca di Milano vi dava favore. 
jTcaiavria! 1 " Riunita poi detta armata a Genova, ch'erano diciannove galee sottili et cinque fuste mi- 

nori, vi montò su el Duca di Calavria, et partite per andare nel Reame vennono a Livorno, 
et ivi sursono, et furonvi visitati et presentati da tre ambasciadori, cioè messere Alexandro 5 
degli Alexandri, messere Otto Niccolini et Piero di messere Andrea de Pazi; et questo fu 
martedì a dì 9 d'ottobre 1459; et el dì seguente partirono per andare ad loro viaggio. Et 
seguì s'accordò con detto Duca certe castella, et infine all'uscita di dicembre si ritornò dieta 
armata a Gienova a disarmare, et sopradicto duca Giovanni si rimase a....; et di poi pochi 
Aquila. giorni si dette a lui l'Aquila con certe terre. 10 

Dieta a" Manto va Venuto papa Pio ad Mantova, come appare a e. 72, fé in dieta città dieta per fare pro- 

vedimento contro al Turco. Et vennono ad dieta dieta ambasciadori oltramontani di più 
luoghi, et simile di tutte le principali potentie di Italia, et non seguì alcuno provedimento di 
stima et maxime perchè era divisione tra lo 'mperadore et gli Ungheri et simile tra gli In- 
ghilesi e Francesi. Et ancora el Papa s'alterò con gl'inbasciadori franzesi, cioè del Re di 15 
Francia, et in publico ripetè overo racontò loro molti benifìci ricevuti et dati tra la Chiesa 
e loro, conchiudendo restavano molto obligati alla Chiesa; alle quali cose volendo rispondere 
gl'inbasciadori, el Papa non volle et partissi. Et di poi, domandando detti ambasciadori 
udienza pubblica, el Papa disse volerla dare, ma, se eglino parlassono non servata la degnità 
della Chiesa, responderebbe loro secondo a loro parlare si convenisse. El perchè furono 20 
detti imbasciadori confortati da prelati franzesi, che per onore della natione non parlas- 
sono overo rispondessono, e così ferono. Et di poi di proximo del mese di dicembre si par- 
tirono poco d'acordo et poco contenti. El Papa di poi publicò sua ritornata a Siena, et a 
dì 19 di gennaio si partì da Mantova, e per gran freddi et ghiacci et tempi cattivi per via 
di Ferrara ad Bologna et di poi a Firenze, non stando in luogo alcuno più ch'una sera 25 
eccetto due noeti in Firenze, giunse a Siena a dì ultimo di genaio 1459. 

Quello fé di conclusione mentre fu a Mantova, fu che richiese si facesse una imposta 
e ,,-sr per provvedere ripari contro al Turco, la quale imposta fusse a cherici la decima' delle 
loro rendite, a secolari el trentesimo, et a Giudei el ventesimo di loro rendite; et a questo 
effetto fé ordinare scriptura, alla quale alcuni si soscrissono, et altri a parole risposono quando 30 
l'altre Signorie facessono concorrerebbono per rata secondo le loro qualità; et questo è l'ef- 
fetto di quello a Mantova si provide, ordinando che per ciascuna Signoria s'eleggesse un 
cittadino et pel chericato un cherico et pel Papa un altro, et che ciascuno di loro tre tenesse 
una chiave d' un cassone dove stesse el denaro si ragunasse, tanto si diliberasse dove et come 
s'avesse a spendere per questa cagione. 35 

Ambasciadori In chalen di marzo vennono in Firenze ambasciadori erano stati a Siena al Papa e do- 

vennono a Fi- 
renze, veano andare a Vinegia et ad Milano, et furono messere Giovanni, vescovo di...., amba- 

sciadore del Re di Raona, el quale per parte del suo Re, el quale era zio del re Ferrando, 

re di Napoli e di Puglia, significava dicto Re di Raona essere disposto ad prestare toto posse 

favore a dicto re Ferrando, e che per l'obrigo della lega la nostra città dovesse prestare el 40 

suo favore a dicto re Ferrando, el quale era stato adsaltato dal duca Giovanni, figliuolo del re 

Renato etc. Pel re Ferrando vennono dua ambasciadori, cioè messere Valentino da Valenza 

e messere Cecco ..Antonio da Napoli, amendua dottori. Domandavano aiuto per loro Re, come 

per la lega s'era promesso etc. Risposesi quasi in uno effetto, che eglino aveano a andare 

all'altre potenze collegate, et che per quanto eravamo obligati concorreremo con gli altri etc. 45 

In questo tempo si trovò in Firenze uno ambasciadore del duca Giovanni, et domandò 

alla Signoria non si dovesse intermetter a favori del re Ferrando. 



9. spazio bianco nel ms. — io. la seconda metà della pagina bianca — li. nel margine supcriore della pagina: 
f 1459 - e. 72] corrisponde a e. Jó r nuova numerazione — 25. a Firenze) vis. affirenze — 26. a Siena] ms. assie- 
na — 27. fu] segue a Gen espunto — 35. cambia inchiostro — 36. venno — 37. Milino - di] i puntini nel ms. 



|AA. 1459-14621 ANNALES 181 



A dì 5 di marzo, che era el mercoledì delle digiuna quadragesimali, pronuntiò el Papa Car |taÌuVacti. 
in Siena 5 cardinali cioè.... 

Di dicembre 1461 furono fatti altri cardinali, cioè messere Iacopo da Lucha, cardinale 
di Pavia.... 

5 Nell'anno 1460 seguì la guerra nel Reame tra el duca Giovanni, iìgliuolo del re Rinieri, ubo 

et el re Ferrando, figliuolo del re Alfonso di Raona, et continuo prosperava il duca Gio- 
vanni ; et il re Ferrando era aiutato dal Papa e dal Duca di Milano, et continuo richiedeva 
e Veniziani et Fiorentini di favore, come diceva essere obligati per la lega; et così stando 
le cose a pochi dì di luglio el re Ferrando fu rotto presso a Napoli a miglia xvj et fug- B 5££| lreFei 

10 gissi in Napoli a stracca solo con otto cavalli. Seguendo detto re Ferrando el domandare 

favore alla lega, venne di nuovo in Firenze uno ambasciadore, et protestò di sua danni et Protesto. 
interessi in caso el favore non si prestasse. 

A dì 9 di marzo 1460 volendo e Genovesi crescere el pregio del sale e porre certa ga- Genova in arme. 
bella di contratti, el popolo si levò contro a gentili uomini; el governatore v'era pel Re di 

15 Francia rifugi in castelletto, fu rimesso 1" Arcivescovo che era fuori uscito, et fu fatto doge 
messere Prospero Adorno. 

A dì 17 di luglio 1461, sendo poco inanzi venuto el re Rinieri di Provenza a Saona con u&i 
xij galee, dua balenieri e una nave, e a sua petizione per terra molta gente per soccorrere 
el castelletto di Genova, che si teneva per dicti Franciosi, questa gente di terra dicto dì 
20 furono rotti a Sanpiero d'Areno presso a Genova ' a un miglio ; fuvi morti più di 2000, presi e. 59 r 
molti, e molti rifugirono all'armata ch'era alla riva, dove assai per fuggire afogorono. Quegli 
ruppono furono la parte fregosa con gente del Duca di Milano, et fu rimosso doge messere 
Prospero Adorno, et fatto messere Spinetta da Campo Fregoso, che era signore di Carrara. 
Di poi a dì 23 dì luglio, essendo el re Rinieri in porto, s'accordò con messer Lodovico da 
25 Campo Fregoso, e fegli consegnare el castelletto di Genova, et fu rimosso doge messere Spi- 
netta et facto detto messere Lodovico. 

Di luglio 1460 morì el re Carlo di Francia, et fu coronato re el primogenito suo figliuolo Re di Francia. 

era Dalfino di Vienna, chiamato 

Tutto detto anno furono novità a Genova e più volte mutato governo, e poi nel 1462 ri- Genova. 
30 mase doge .... 

Seguiva la guerra del Reame tra '1 duca Giovanni et re Ferrando, et avendo el duca 1402 
Giovanni condotto el signor Sigismondo da Rimino e dovendo andare nel Reame si fermò 
a Sinigaglia et quella prese. El signore messere Federigo d'Urbino colle genti della Chiesa R GiLiondo? 
sopravennono et presono un colletto sopra e borghi vecchi di Sinigaglia, dove tenevano molto 

35 stretti e nimici per non potere andare a saccomanno. El perchè volendo el signore Sigismondo 
partire, giovedì notte a dì 12 d'agosto a ore 5 di noctc mosse per levarsi, et fu rotto da 
dette gente della Chiesa et co lui furono rotti gente di Iacopo Piccinino venute a lui dal 
Reame. Di poi si disse el signore Gismondo, volendo per mare an'dare nel Reame, fu tra- e. jgv 
sportato in Schiavonia, dove soprastette smarrito circa mesi tre, in nel quale tempo le genti 

40 della Chiesa gli tolsono quasi tutte sue castella eccetto Rimino, Fano et Cesena. Di poi al- 
l'uscita di novembre Sigismondo tornò per la via di Vinegia, et venendo la vernata le genti 
della Chiesa si ridussono alle stanze nelle castella prese e tenevano stretti e Sigismondesi. 



1. nel margim superiore della pagina : 1459 — 2. cioè] segue uno spazio bianco nel ms. — 3-4. cV inchiostro di- 
verso dalle precedenti e seguenti; seguono due righe bianche — 5. re] segue di Franc'a espunto — 8. favere — io. 
ms. iapoli — 13. cambia inchiostro — 20. nel margine superiore della pagina: f 1461 — 28. chiamato] seguono 
tre riq'ie bianche nel ms. ; poi cambia inchiostro — 30. doge] il rimanente della riga in bianco nel ms. — 38. nel 
5 margine superiore d'Ha pagina: f 1462 - andare] le sillabe dare mancano nel ms. 



182 MATTHEI PALMERI1 |AA. i462-i465| 



Reame. Nel Reame in questa state rimase al di sopra el re Ferrando. 

El Turco credo del mese d'ottobre prese per forza l'isola d 
ucisione di ben 30 000 abitanti; aveanla tenuta più tempo e Genovesi. 



" Turco. in ° El Turco credo del mese d'ottobre prese per forza l'isola di Metellino e dissesi con 



H63 Xel 1463 avendo e Veniziani fatto armata di circa 80 legni, capitano di dieta armata 

messere Luigi Lordano con titolo di dettatore, maudorono per pigliare et insignorirsi della 5 
Morea, missono molta gente in terra, et presono el muro chiude lo stretto di terra. El Tur- 
che* vi mandò suo exercito, et del mese di novembre sentendo dicti Veniziani la venuta di 
dicti Turchi, benché anchora di lungi dua giornate, abandonoron detto muro et rifuggirono alle 
navi; onde e Turchi preso animo vennono al muro et buona parte di quello disferono et rup- 
pono, pigliando molti et buona parte di dieta Morea. 10 

P:tpae C si^smon- Nel dicto anno 1463, sendo el signore Gismondo di Rimino oppressato dal Papa et aven- 
dogli tolto più sue terre, ricevette d'achordo gli restasse la signoria di Rimino con cinque 
miglia di contado al dintorno, ogni altra chosa fusse del Papa. 

xei Reame. Nel Reame in dicto anno, seguitando la guerra tra '1 duca Giovanni, titolato duca di Ca- 

lavria, et el re Ferrando, seguì la morte del Prencipe di Taranto, clic era potente et riccho 15 
et dalla parte del duca Giovanni; rimasene rede el re Ferrando et dissesi di grande avere, 
che tra questo et la morte del nimico lo rilevorono et missono al di sopra. 

LegarReetDuca In calen di febraio si publicò una lega fatta tra '1 Re di Francia et Francesco Sforza, 

duca di Milano, nella quale decto Re concedeva in feudo al dicto Duca Saona et Gienova 
come sua terre. Et a dì 6 di dicto febraio gli fé consegnare Saona, che era nelle sue mani; 20 
Gienova l'aveva a adquistare el Duca. 

Gienova ai Duca D'aprile seghuì, che circa a dì 12 di detto mese el Duca o sua gente di buono acordo 

presono Gienova, et per dicto Duca con sua genti v'entrò el conte Guasparre et per lui la 
corsono. El castelletto si tenne insino in calen di giugno et diessi d'acordo. 

cosmi mors. Kalendarum augusti die, hora xxij a , obiit Cosma de Medicis apud villani suam Carigienscm. 25 

rape mors. Die xxinj a eiusdem mensis obiit apud Anconam Pius papa ij u<! ; fuit natione senensis et 

ante assuntionem vocabatur Eneas. Ancone parabat bellum contra Turcos. 

Paniì ij eiectio. Electus postea fuit Paulus ij u ' natione venetus. 

Decoxerunt Florentie plures inter quos Laurentius Larunis de Bardis cum fiorenis 160 000. 

sposa. Per san Giovanni di detto anno passò per Firenze et stette più dì Madonna Ypolita, 30 

figliuola di Francesco Sforza, duca di Milano, et andava ad marito ad Napoli a un figliuolo 
del re Ferando. Aveva in compagnia degna corte con più che mille cavalli. 

piccinino. El dicto dì di san Giovanni el re Ferrando sostenne per prigioni a Napoli Iacopo Pic- 

cino, figliuolo fu di Niccolò Piccinino, et co lui sostenne un suo figliuolo di piccola età et 
altri. Avea dicto Iacopo per donna una figliuola del duca di Milano non legiptima, et per 35 
questo soprastette madonna Ipolita in quel di Siena infìno a settembre, et poi seguì a Napoli, 
et fensi le noze assai temperatamente signorili. 
e óo v Di luglio di dicto anno tenendosi ancora a Napoli Ischia e Castel dell' Uovo pel duca 

Armata rotta. Iohanni di Calavria ed avendo bisogno di vettuvaglia, el detto Duca per fornirle vi mandò 

una armata di diciotto legni, et el re Ferrando n'armò altri diciotto per impedire detto for- 40 
nimento et misse in su detta armata più uomini d'arme; onde seguì che l'armata provenzale 
fu rotta et furono prese sette galee et dua altri navili, et pochi giorni poi dette dua forteze 
si dettono a detto re Ferrando. 



4. 1463 {postilla)] la data nel ms. si trova nel mezzo della pagina — II. nel margine superiore della pagina : 
f 1463 — 22. 1464] nel mezzo della pagina nel manoscritto — 24. El castelletto] di qui varia inchiostro — 29. cambia 
inchiostro — 30. 1465] nel mezzo della pagina nel ms. — 33. in margine espunto: Francesco Sforza — 35. Iacopo] 



segue Francesco espunto — 3S. nel margine superiore della pagina: f 1465. 



[AA. 1465-1466] ANNALES 183 



Novità in Firen- 
ze. 



Di detto mese di luglio el Papa, usando in favore certe genti d'arme del re Ferrando, 
prese dua figliuoli del conte Aversa et tolse loro la signoria et lor terre et robe et quasi in conti d-Aversa. 
tutto gli disfè. 

A dì 24 di settembre la sera in su el tramontare scurò el sole, et poi a dì 4 d'ottobre Eolisse. 
5 scurò la luna quasi che in su l'uscire del monte. 

Di settembre detto avendo el re di Francia guerra con sua parenti et prencipi, de quali 
eran capi el Duca di Borgogna et duca Giovanni di Provenza et altri, et avendo a campo 
tra l'una parte et l'altra circa a cento mila guerrieri, ferono zuffa presso a Parigi, nella quale Franciosi. 
zuffa morti assai dell'una parte et dell'altra, ciascuno si ritrasse, et dopo molte pratiche seguì 
10 tra loro acordo, nel quale el Re concedette o vero confermò più di detti Prencipi in loro 
signorie, et ciascuno consentì omaggio al detto Re etc. 

A dì 8 di marzo 1465 in sabato a ore 17 morì Francesco Sforza, duca di Milano, et Morte dei Duca, 
morì d'infermità corta di pochissimi dì. Mandovisi da Firenze ambasciadori messere Ber- 
nardo Giugni et messere Luigi Guicciardini. Nella Signoria succedette madonna Bianca, sua 
15 donna, et Galeazo lor figliuolo. 

Di maggio del sopradetto anno all'uscita, el Gran Turco con grande exercito entrò in "'uff 
Albania et ruppe Scanderbecch ivi signore, et rifuggissi con pochi compagni verso el golfo; "°o. a 
et dissesi avea carico ogni suo miglioramento et che veniva in Puglia ; et dissesi avea morto 
ben quattordici mila Albanesi. 

20 In detto anno a dì 27 di settembre venne lettere dalla signoria di Bologna, come in 

nelle terre del Duca di Modona s'era ragunato molta gente per venire a Firenze per certe 
novità " que parabantur in pernitiem libertatis „. La qual novità non sendo nota, nostri Signori 
ragunorono molti cittadini, et intendendo per la montagna di Pistoia venian detti genti et 
erano cavalli 1200 et fanti 6000 et continuo crescevano et erano già a Fiumalbo in detta mon- 

25 tagna, ferono molto sollecita la città, et presesi per alcuni l'arme, et maxime per Piero di Co- 
simo de Medici et messere Lucca Pitti, et fu oppenione fussono adversi, benché ciascuno di 
loro dicesse pigliare l'arme in favore della Signoria et del Palagio. Et pubblicossi dette 
genti erano state mosse da nostri cittadini contro a Piero di Cosimo et sua amici. Seguì a 
dì 28 la tratta de nuovi Signori, et stette la città assai sospesa infino a dì primo di settem- 

30 bre, che entrorono deti nuovi Signori, et molti fanti et cerne concorsono di tutto el contado 
et circunstanze. Infine a dì 2 di settembre, sendo la parte di Piero più potente, messere 
Luca Picti venne a lui et consentì generale parlamento, el quale detto dì dua si fé in piaza, 
con ordine si desse balìa a tutti e veduti gonfalonieri di giustitia dando loro el raguaglio 
dell'arte minore, et più s'eleggesse 25 cittadini per quartiere dando la rata agli artefici, che 

35 in tutto furono circa a cittadini 300. E quali diputati et ragunati a dì 5 di settembre ferono 
a un partito: 

1. Che domenica a dì 7 di detto mese si facesse solenne processione et cantassesi in <-. ójv 
Sancta Maria del Fiore la messa dello Spirito Sancto, rendendo gratie a Dio dell'avere li- 
berata la città da sopradetto pericolo. 

40 2. Ordinossi che per anni dieci si diputassono a mano gl'otto della guardia et avessono 

balìa non si potendo intermettere al civile et faccendolo ne fussono sottoposti agl'ufìci delle 
leggi. 

3. Avessono auctorità e Signori, che pe' tempi saranno, di dare balìa a uno de' rettori. 

4. Potessono e Signori et Collegi et gli Otto eleggere insino in fanti 1000 per guardia 
45 della piaza et altri luoghi dove fusse bisogno. 

5. Facessesi per detti dieci anni, el primo anno dieci accoppiatori, et ciascuno degli altri 



13. doJ>o Mandovisi cambia ìnchiosiro e foggia di carattere — 16. 1466] nel ms. Nel margine supcriore della 
paghia — 19. quantordici — 24. a Fiumalbo] ms. afnumalbo — 37. neWalto della pagina : f 1466 — 40. mono 



184 MATTI 1EI PALMERII |A. i466i 



nove anni 5 accoppiatori avessono le borse a mano, con divieto di loro et loro consorti l'anno 
fussono, et anni tre da l'ima volta all'altra al potere essere accoppiatori, 
ó. Diputassesi uliciale d'abondanza per uno anno. 

7. Avendo a fare squittinio si potesse eleggere insino in 20 per quartiere dando la rata 
agli artefici, et fussono allo squittinio oltre a quegli della balìa ; et non si potessi torre alcuni 5 
delle case di chi fosse di detta balìa. 

Di poi furono per detta balìa confinati: Messere Agnolo Acciaiuoli et Neri suo figliuolo 
a Barletta, potendo ire per tutto el Reame, non uscendo d' Italia, né appressandosi a Firenze 
più sia a Barletta; messere Dietisalvi, Francesco et Agnolo di Nerone di Nigi in Cicilia, 
Niccolò di Lorenzo Soderini et messere Gerì suo figliuolo in Provenza, non uscendo di quel 10 
del re Rinieri. E più altri furono amoniti et condanati in pecunia. Non observorono sopra- 
detti confini e detti confinati. 

iustificatione del El Duca di Modona a sua scusa fé di poi significare, come aveva creduto venire in fa- 

Duca di Modo- vore della Signoria et de cittadini dello stato, perchè n'era stato richiesto per scripta, alla 

quale erano soscritti cinque cittadini cavalieri de' principali della città, e quali nominò essere 15 
stati: messere Luca Pitti, messere Giovannozzo Pitti, messere Agnolo Acciaiuoli, messere 
Dietisalvi di Nerone di Nigi e messere Manno Temperane 

oratores missi. Pacata post superiora civitate, oratores missi sunt ad significandum quietem et pacem ci- 

vitatis et civium unionem et ierunt: Antonius Rodulfus eques et Iohannes Carisianus ad 
Paulum pontificem et Ferdinandum regem ; Thommas Soderinus eques et Iacobus Guiciardi- 20 
nus ad Venetos et ad Duces mediolanenses ; Bernardus Buongirolamus legum doctor ad Lio- 
nellum, Ferrane dominum; Matteus Palmerius ad Bononienses. 

Oratores, qui Romam profecti fuerant, persolutis cum Pontifice que in mandatis habe- 
bant, antequam Neapolim proficiscerentur, de communi consensu Regis et Mediolanensium 

dererenòvando" egerunt cum Pontifice de renovando federe inter Italie civitates, quod fedus antea confectum 25 
fuerat vivente Francisco Sforza, Mediolanensium duce, et per eius mortem fìnitum esse vide- 
batur. Et hoc idem dicebat Pontifex procurare, misso Venetias Sancti Angeli Cardinale, et 
itidem nostri oratores Tommas et Iacobus Venetiis procurabant. Tandem post diutinam mo- 
ram hoc de federe Venetiis convocium evanuit, quia cum Cardinale tractabant de dando Ve- 
netis subsidio contra Turcum, quod nullo modo ab aliis assentiretur; et nostris verba dabant 30 
in longuni trahentes, quia cum Dietisalvio et Nicolao Soderino de invadendo urbem nostrani 
tractabant. Rome interim Pontifex procrastinabat responsum, et tandem dixit oratoribus no- 
c ò2 v stris, ut Neapolim ad Regem irent et animum suum cognosce'rent. Inter hec Mediolanensis 
Orpheum Florentiam misit, lioc idem de communi federe persuadens; et hoc idem, auditis 
oratoribus nostris, per literas et per oratorem fecit Rex. Venetiis interim, auditis oratoribus 35 
nostris, crebris consultationibus responsum procrastinabant, et interea cum Dietisalvio relegato 
nostro tractantes, una cum ilio Gerolamum Barbarigum, civem suum, Malpagam, in agrum bri- 
xiensem, ad Bartolomeum Colionem exercitus ducem miserunt, et de agrediendo et inferendo 
contra nos bellum pensitabant. Venetiis tandem, honoratis apprime oratoribus nostris, illos 
generali responso dimiserunt. Illi Mediolanum profecti magnifice recepti sunt et, prehabitis 40 
que Rome et Venetiis Neapolique acta erant, convenerunt, ut apud summum Pontificem prò 
italica pace de communi amicitia, colligatione et federe tractaretur, et, si Veneti assentire 
nollent, convenirent cum Pontifice ut italica pax sequeretur ipse Pontifex caput existens; et, 
si itidem Pontifex noluisset, ibidem in Pontificis presentia convenirent Rex, Mediolanensis et 
Fiorentini cum ceteris Italie Principibus populisque, qui ingredi vellent, reservando semper 45 
Pontifici introire volenti primum et digniorem locum; et oratoribus Romam venientibus ex 



7. cambia inchiostro — o. Nigi] segue et espunto — 11-12. non.... confinati] aggiunta posteriore autografa — 
13. nel margine superiora delia pagina: f 1466. — 33. nel margine superiore dei/a pagina! f 1466 — 36. crebis — 
42. itilica 



|AA. 1466-1467! ANNALKS 185 



communi concordia Regis et Mediolanensis et nostra scriptum fuit. Qui Rome conveniente*, 
cum Veneti renovare fedus nollcnt et Pontifex medium se esse debere diccrct, fedus initum Fedus Rome. 
Rome est et a Pontihcc benedictum intcr Ferdinandum regem et Galeatium, .Mediolanensium 
ducem, et Florentinos, et locus reservatus est introire volentibus, quod postea requisiti Senenses 
5 negarunt, Lucenses vero assentiti sunt et ingressi, Bononienses itidem consenserunt. Contrac- 
tum fuit fedus die iuj a ianuarii 1406. 

Dum liec aguntur Iiuolensis et Faventinus, audito federe, cum confederatis amicitiam con- 
traxere et ab illis stipendium receperunt conditionibus inter partes lìrmatis. Et hec per an- 
nuivi 1466 facta sunt. 

10 Secundo kalendas aprilis 1467 Faventinus, pactionibus ruptis, ad Venctos se totum tran- Faventinus ad 

stulit; quare Fiorentini Bernardum Corbincllum ad cum miserunt, qui fere inauditus recessit Bernardo borbi- 
et domum revertitur. 

Die xvij a iunii, cum pallium sancti Iohannis per urbem traheretur ad spectaculum populi, cum iohannis! a ' 
ad pratum supra edes Omnium Sanctorum esset, revoluto curru concidit et puerum cxanimavit. 

15 Fiorentini conduxerunt Robertum de Sansoverino, natum ex Luysio et sorore Francisci, „ , c \ ó3 1 e 

7 j 7 j»onertus uè san- 

ducis mediolanensis, et conduxerunt eum tandem cum mille equitibus. s , ov " in0 con - 

' 1 ducitur. 

Confederati, Rex Dux et Fiorentini, conduxerunt Federicum, Urbini comitem, famosissimum Urbini Comes. 
Italie ducem, ut esset totius eorum exercitus ductor, et una cum Pontifice talem conductam fe- 
cerunt. In pacem debet recipere singulo anno ducatorum 25 millia, in bello 60 millia. 
20 Conventio itidem facta est cum Galeatio mediolanensi, ut ad nostrani requisitionem in Conventio cum 

, . .. . ........ . ... .. Duce de equi- 

nostrum subsidium mitteret equites duomiha infra annum ineeptum che prima marti], et prò- tibus 2000. 
pter hoc soluti sunt ei ducatos triginta millia. 

Uuctorcs quidam equitum Mediolanensis ad diversas partes trasfugere et non multo post Transfngia. 
redierunt; inter quos fuerunt Donatus quidam et Troyolus et Sforzinus, Galeactij ducis non 
25 legitimus frater etatis agens annos xxxij. Dux vero rune cepit Petrum Luisii de Vermo, con- 
gnatum Sforzini predicti. 

Mense februarii venerunt oratores Regis Francie persuadentes Sebaudie Duci, ut Jiliam Matrimonium. 
suam Regis ex sorore nepotem in uxorem daret Galeactio mediolanensi, quod cum non as- 
sentiretur, re infecta domum redierunt. Sed postea sequenti anno conclusimi est et domum 
30 illam duxit. 

Alexander Sforza, qui longa militia cum rege Ferdinando militaverat, ab eodem Rege J yZ " 
recessit, et ^equites suos septingentos in agrum pesauriense duxit, causam dicens esse propter 
non solutas sibi pecunias. Tandem in proximo vere cum Venetis convenit provisionem eorum 
accipiens. Recesserunt ab eo quidam ductores, quorum Iacobum Sassetanum Fiorentini con- 
35 duxerunt. 

Per hec tempora cum Antonius Rodulfus eques Rome orator esset, et Priores ei scriberent, x f„° m 
ut rebus sic urgentibus Neapolim se ad Regem trasferret, sive non receptis literis, sive alia 
vocante causa, nullo pubblico consensu privata voluntate se Florentiam ad portas transtulit, 
unde ab amicis monitus, antequam urbem intraret, versus Neapolim ad Regem revertitur. 
40 Mense februarii 1466 littere venerant a rege Ferdinando dicentes Turcos Ungariam in- e 63 v 

vasisse et cepisse Croiam cum milibus hominum quadraginta. croia capta. 

Rex Francorum per oratores signilicavit Venetis, ne contra Mediolanenses bellum mo- r a u °, r 
vcrent, edicens quod in eo casu illi favorem prcstaret. 

Circa idem tempus Turcus oratores suos Neapolim mandavit ad Regem, et illuni donavit D Regèm. ur ' 

5-6. Contractura . . . . 1466] aggiunta posteriore autografa — io. 1467] correzione di 1466- 1467 (postilla)] ms. 
nel mezzo della pagina preceduto da 1466 espunto — 13-14. Die.... esamina vit] aggiunto posteriormente dal Pal- 
mieri nel margine ittferiore della pagina — Ijj. nel margine superiore della pagina: j 14667; il secondo 6 è corre- 
zione, di 7 — 19. In pacem.... millia] aggiunta marginale — 25. frater] precede filiu espunto — 40. nel margine 
superiore della pagina: j* 1466 (espunto, 1467 - 1466J aggiunta interlineare — 44. idem] veramente eundem colPu espunto 



186 MATTHEI PALMERII [A. 1467] 



equos tres, arcus duos pulcritudine insigncs et canes oto. Oratores vero post secretissimum 
convocium recesserunt. 
Beiiu.» assumi- Circa kalendas aprilis 146/, cum omnia suspitionibus redundarent, Federicus, Urbini comes, 

neam. a collegatis dux belli factus, cum Equite Ursino, regii exercitus duce, Flaminiam ingreditur, 

equites ducens 2800, pedites ad 1500, et in agro faventino castra metatus est. Et hoc ut tran- 5 
situm impediret Bartolomei bergamensis, qui Collio dieebatur et magnum in agro brixiensi 
paraverat exercitum favore et pecunia Venetum, licet suo nomine, et contra conlegatos agebat. 
Propterea Urbini Comes exercitum ducebat, ut Collioni ad cogitandum causam daret et Bo- 
noniensibus et ceteris amicis bonam spem. Astorgius hinc faventinus ad Venetos versus, 
rupto collegatis federe, cum illis convenit, asseverans damna mititum ferre non posse. Hinc 10 
aperte suscipitur bellum, quia Urbini Comes liberius per agrum faventinum tanquam inimicum 
vagabatur. Bartolomeus Collio, qui iam antea ad Malpagam et per brixiensem agrum exer- 
citum paraverat, inde movens et ad Ficherolum, iacto super Padum ponte, fluminem transiens, 
per ferrariensem agrum in imolenscm duxit equites 5000, pedites vero ad 6000. Federi- 
cus in Bononiensem suos traduxit, unde factum est, quod Collio castella quedam imolcnsis 15 
agri occuparet, et Imolam etiam prelio aggrederetur, qui sese audacia summa tutati sunt ; et hec 
facta sunt circa dimidium mensis mai 1467. Cum hec fierent Galeactius, Mediolanensium dux, 
comparato exercitu in agro parmensi per Bononiensem in Imolensem conduxit equites 5000, 
pedites vero ad 3000, et cum Urbini Comite coniunxit. Collio ab Imola exercitum suum ad 
Salarolum reduxit. Astorgius Faventinus inter hec Tosinianum, Imolensis castellum, per prò- 20 
ditionem aggressus a nostris militibus est repulsus. Postquam Galeactius in castra cum Urbino 

fiiins! ' convenit, inter paucos dies Alfonsus, Ferdinandi regis Appulie primogeni tiis filius et Calabrie 

e b 4 r dux, et don Alonsus, sui exercitus dux, in castra cum Urbini comite convenerant, ' et itidem 
Fiorentini in eos exercitus premiserant Robertum de Sansoverino et alios equitum ductores 
ad equites 2500 et totidem pedites. Qui omnes Imolensi convenientes ingentem exercitum con- 25 
fecere, cui principes preerant magni viri, Federico, Urbini comite, primo exercitus duce et 
t'ama et reputatione singularis, adeo ut valde formidarentur hostes et nostros timerent. Sed 
auxit illis animum Mediolani Dux, qui statini post suum iu castra advenctum de recedendo 
cogitavit, publice dicens stare in castris non velie et Bononiam vel Mediolanum aut Florentiam 
proficisci, et tamen cum stare ortaretur, petiit auri nummos quinquaginta milia preter omnes 30 
conventiones, quos eidem Fiorentini persolverunt. Dum hec fierent Pontifex medius cona- 
batur ostendere se, licet nostris aliquanto esset suspectior, et exercitus suos in agro pesau- 
riensi continebat. Thesaurarius piceni agri, qui in castris Pontifìcis preerat, scripsit nostris 
ex Pontifìcis precepto velie cum exercitu equitum 2000 et peditum 1500 in auxilium nostrorum 
devenire; quod non sine pericolo nostro fieri videbatur, medio stantibus Flolivium, Faventia, 35 
Ravennaque nimecissimas urbes; quare responsum est Thesaurario, quod eligeret, quod illi 
magis iustum esse videretur; et sic evanuit illa petitio. Urbini tunc comes inter Faventiam et 
Castrum Bononiensem continebat castra, et singulo die invadebat levibus preliis hostes, qui 
circa menia pene faventine urbis se continebat. Sic stantibus rebus Galeactius, dux Medio- 
lani, Florentiam venit. Urbem est ingressus die xxij iulii. Die xxv iulij nostri aggressi sunt 40 
liostes, et iuxta Budrium prelium inierunt hora diei fere ottava, et duravi t usque ad horam 
primam noctis. In eo prelio pauci interfecti sunt; eques perforati. Exitus prelii fuit cum 
magno honore nostrorum, qui aggressi sunt et in stationibus inimicorum continuo pugnarunt. 
Pugna tamen magis illis adversa, qua propter cum suspectionibus vacillarent, redire in Galliam 
cogitarunt, et iam ad Mulinellas se per tutissima loca reduxerant, niunitionibus Ferrariam remissis. 45 
Eo in loco cum essent, Dux Mediolani, timens ne hostes preoccuparent iter, per bononiensem 



3. cambia inchiostro e foggia di carattere — 12. Malpaga — 14. per] ms. et per — 23. nel margine supcriore 
della pagina: f 1467 — 30-31. preter.... conventiones] aggiunta marginale — 38. castro — 4 r >. Urbem] frrcedr 
et dum ibi esset espunto — 43. statinibus 



[A. 1467] ANNALES 187 



Dovado'. :i 

sa. 



1 



exercitum trans opidum Francum ad Panarium iluvium suos conduxit ad locum dictum Sc- 
mogium. Hostes post hec apud Molinellas se in paludibus muniere, steteruntque ibi usque ad 
finem augusti. Dux interim cum exercitus parte in Vcrcellensem contra Sebaudienses recessit; 
hostes, recesso Duce, al"» stationibus Mulinellarum in Imolensem redierunt, et itidem fecerunt 
5 nostri, ibique per mensem fere steterunt. Bartolomeus inde Collio ad Villam'francam suos e b 4 v 
conduxit. Nostri vero, liberiori utentes campo, per vallem Amonis ac Senni fluminis predas 
agunt, donec circa lìnem octobris, exaustis equorum commeatibus, penuria rerum ad hiber- 
nandum abierunt videlicet: 

Mediolanensis exercitus in Galliam abiit Cisalpinam; 
10 Federicus, Urbini comes, remansit in agro bononiensi; 

Alfonsus, Calabrie dux, in agrum pisanum trans Arnum; 

Robertus de Sansoverino in agrum pisanum cis Arnum; 

Don Alonsus et Miles Ursinus, regii exercitus duces, in Aretinum. 

Cum ad loca non adhuc pene devenissent, die quarto novembris Collio, ducentibus Die- 
15 tisalvio et Niccolao Soderino, cum 1000 equitibus, peditibus vero ad 4000, Dovadovam profectus 
id oppidum cepit, dedentibus se opidanis, qui pedites nostros id opidum custodientes emiserunt: 
arcem deinde opidi suffocatam cepere. 

Per hec ipsa tempora Veneti armata classe navim anchonitanam, in qua nostri mercato- " cnpitm-, ° 
res erant Constantinopoli sua reducentes, ceperunt, et illam Venotias cum 30 000 ducatorum 
20 mercium nostrorum conduxerunt, et quosdam nostros cruciarunt, ut nonnulli expirarent. Et 
propterea Tommas Soderinus Venetias profectus est, et tandem post longas disceptationos 
navim et merces hominesque restituere. 

Bartolomeus Collio ad hibernandum suos in Brixiensem conduxit. 

Romani post hec oratores convenerant omnium potentiarum, ut de pace tractarctur, et nuntut»! ' 
5 cum non adhuc convenissent, Paulus pontifex, sua propria auctontate sine aliqua partium 
commiss'one, in Sancta Maria Araceli pacem pronuntiavit et scriptam dedit in hunc modum 
videlicet: Et fuit die ij februarii, soplicantibus oratoribus federis, hoc est regii, Ducis Medio- 
lani, et nostri, ne talis pronuntia fieret: 

Quod confìrmata intelligatur et sit liga sive confederatio facta tempore Niccolai pontificis 
30 et ratificata per potentias Italie. 

Bartolomeus Collio bergamensis sit capitaneus Italie, et solvantur ei ducati aurei centum- 
milia videlicet: 

Pontifex cum apostolica Camera ducati 19 000 

Venetorum Dominium „ 19 000 

35 Rex Ferdinandus 19 000 

Dux Mediolani 19 000 

Fiorentini „ 1 5 000 

Dux Mutine, Ferrane Marchio „ 4 000 

Senenses „ 4 000 

40 Lucenses „ 1 000 

100 000 

Bartolomeus Coilio personam suam cum tertia parte suorum contineat extra Padum in e t>sr 
Venetorum agro, aliam tertiam in terris Ducis mediolanensis, cum alia tertia in terris Ecclesie 
per Flammineam; et possit ire in Albaniam contra Turcum cum certis conditionibus. 
45 Restituatur infra dies xl, Doadola Florentinis, Imolensi Burbanum et Mordanum, que 

oppidula Bartolomeus Collio occupaverat. De Bagnara, alio amisso Imolensis opido, nil cau- 
tum habuit, et Burbanum iam antea acceperat Imolensis per dies aliquos. 

5. nel margine superiore della pagina: f 1467 — 42. nel margine superiore della pagina: j 1467 



188 MATTHEI PALMERII ìaa. i467-i469i 

Post lice cum predicte conditiones non vidcrentur eque et ideo non accettande, omnes 
Pax Rome facta. de liga conveneruiit mittere ad Pontificem novos oratores, qui dicerent pacem et confede- 
rationem omnibus esse acceptarn; nonnulle vero inesse conditiones repudiande aut corri- 
gende. Et nomine Regis missus fuit Ioliannes Cola, legum doctor, et alter Rome prò Rege 
erat dominus Episcopus de Roccho; prò Mediolanensi missus fuit Laurentius pisauriensis, 5 
doctor, et antea Rome aderat prò ipso Duce dominus Augustinus de Rossis de Parma; Fio- 
rentini miserunt Mattheum Palmerium, unum de decemviris bello prepositis, et antea erat 
Rome Octo de Niccolinis, eques et doctor. Hi tandem post longas cum Pontifice discepta- 
tiones, et die sancti Marci 1468, in ecclesia sancti Marci, Paulus pontifex pacem publicavit 
conditionibus equis, persuadente Petro Mero, oratore Venetorum, qui, cum Pontifex rem in 10 
longum protraheret, dixit se recepisse literas, quod si Pontifex non firmaret pacem, ipsi sine 
Pontifice pacem conficerent; et sic facta fuit et postea publicata. 

H6s Galeactius, Mediolanensium dux, uxorem duxit...., Sabaudie Ducis iiliam, sororem credo 

('■uleactius UXO- Ti • T7> 

rem duxit. Regine r rancorum. 
''",„, ipri Per hec tempora rex Cipri uxorem sumsit venetam civem, iiliam.... 15 

cometes. Cometes circa kalendas octobris apparuit crinibus non multum insignibus, et circa horam 

noctis tertiam occidebat sub estivo occidente, et statini secuta est mors Plance Marie, iilie 
olim Filippi, ducis Mediolanensis, et uxor olim Francisci Sforze itidem ducis et mater Ga- 
leatii ducis. 
"uà,™ °' Federicus nj us imperator per mensem decenbris in Italiani venit, et per Flamineam pc- 20 

regre profectus est Romani, ac deinde ad Sanctam Mariani Oreti, et postea Venetias, et inde 
reversus est in patriam per hiemem. Oratoribus Mediolanensis titolos Ducis petentibus, re- 
spondit, ut Ducatum dimicteret ac deinde postularci. 



Fedus 



c 'uJ) V Circa lineili maii 1469 publicatum est fedus inter Pontificem et Imperatorem et Venetos, 

et creditum est ad ostentationem potius quem ad rem. 25 

' gMtu™ Circa iulii calendas Pontifex suos ad expugnanduni Ariminum misit, et prope urbem ca- 

stra metatus est, et bombardis offendebat, et adeo enixe, ut legatus Pontificis per preconem 
diem diceret, antequam si sese non darent, in predam militum post illam diem urbem conce- 
debat cum suis omnibus bonis, et liomines dabat in preda, et nominatim dicebat usque ad fc- 
minarum honestatem, milia quinque dragmarum auri promittens danti captimi Robertum Ma- 30 
latestam, qui Riminum possidebat. Robertus Malatesta favore colligatorum urbem tutabatur; 
et per oratores suos significarunt Pontifici, quod nisi desisteret ab obsidione, susciperent eius 
tutelam. Pontifex colligationem fecit cum Venetis. Unde factum est, quod hic et inde mit- 
tcrentur auxilia, et castra ab utrisque pararentur. Colligatorum caput erat Federicus, Urbini 
comes. Die autem xxx augusti Pontifici exercitus castra movit, ut propinquus se nostris 35 
collocaret. Urbinensis obviam suos misit, et circa horam dodecimam convenientes pugnam 
susceperc, que usque ad horam decimam ìionam duravit. Tandem superati Pontificis exercitus 
victoriam Urbinensis adeptus est, in qua xx ductores capti sunt, bellatores vero supra tercentos, 
equi et gregarii milites passim et ubique intercepti, insignia quoque Pontificis et romane Ecclesie 
cum vexillis capta, et Victoria maxima consecuta. Colligati post hec, cognoscentes bellum con- 40 
tra Pontificem neque contra romanam Ecclesiam gerere, sed Ariminenses tantum tutari, victo- 
riam non persequuntur ; sed Robertus ariminensis solus cum suis militibus recuperare castra pro- 
curabat, et sic factum est, nani per ariminensem agnini et per fanenseni plura expugnavit et 
adeptus est castra. Et per totani statem hec sunt acta, donec ad hibernandum milites processero. 



Victoria Urbi- 
nensis. 



io. persuadente] segue domino espunto — 13. 146S] ms. nel mezzo della pagina - cambia foggia di carattere 
- nel vis. uno spazio bianco — 15. nel ms. uno spazio bianco — 20. per Flamineam] aggiunta marginale — 24. 1469] 
ms. nel margine superiore della pagina — 30-31. milia.... possidebat] aggiunta in arginale autografa posteriore con 
segno di richiamo — 31. resisterei — 36, collocarent — 44. adectus 



|AA. 1469-14701 ANN ALES 189 



Convii I Flo- 
rc:i!ie. 



Inter hec colligati orato rcs suos Romam miscrunt ad Pontificem pacem procurantes, quam De pace u 

Pontifex longis procrastinationibus prolongavit; cuius rei gratia Rex et Dux suos legatos Flo- 

rentiam misere, ut una nobiscum convenirent ad pacem curandam, existimantes in urbe fere 

in medio sita talis conventus commodius faveret omnibus quo Rome tractarentur. Tandem 

5 post longas disceptationes, cum ncque Rome ncque Florentie aliquid firmaretnr, sed continuo 

diflìcultates sequerentur et iam appropinquarct' ver, Mediolanensis legatos suos Florentia in- c.ùòr 
sperato revocavit, et cclerrime recesserunt die xxinj a martii salutis anni 1469. 

Dum hec fierent Urbini Comes, colligatorum dux, Mediolanensis licentiam requisivit; il le u <'e" 
vero insciis sociis licentiam conecssit non sine cuntorum amirationem, quarc Rex et Florcn- 
10 tini reintegrare Urbinensem in communem colligatorum stipendium et gratiam procurabant. 
Et interim finitus est annus 1469. 

Circa finem martii, qui in carcere Stincarum scrvabantur, fregerunt carccrcm domus, in carceVfra 
quibus recludebantur, et, venientes ad menia forinsecus carceres recingentia, vi conabanlur 
menia illa perforare nocte intempesta. Auditi tamen fit concursus ad resistendum illis, qui 

15 iam foramen humani capitis instar perf oraverant ; quo in loco renitentes qui foris stabant, unus 
carceratorum catapulta pcrcussus interiit, alter vulncratus est; tamen se usque ad tertiam ho- 
ram dici continerunt, tandem sese victos reddidere et in carcerem retrusi. Posteris diebus tres 
eorum antea ad mortem dannati per pretores urbanos decapitati sunt, quidam alii sunt aculeo 
commoniti, ceteris indultum est, qui minori delieto aut privatis debitis claudebantur. 

20 Die 6 a aprilis Bernardus Nardius exul cum circa triginta condemnati iudiciis aut male Pratum invasimi, 

conditionis homines Pratum ingreditur paululum post ortum solis, et palatium Potestatis inva- 
sere, et iam officiales Potestatis comprehenderant. Potestas se intus anxie tutabatur per tres 
horas; interim Pratenses arma sumentes, et Potestatem tutati sunt, et hostes captos fecero, de 
quibus supplicium est ad mortem sumtum. Bernardus vulneratus Florentiam deductus postri- 

25 die ante portam Capitanei capite truncatur. 

Die xj a aprilis litcre a Rege neapolitano venerunt indicentes Antonio Ciminello, oratori Pc e : 6 £f- 
suo, ut post quasdam de lentitudinc conquestiones Florentia discederet, protestans de finita 
conligationc etc. Et sic factum est mirantibus fere omnibus civibus nostris. Et liane eandem 
sententiam scripsit Mcdiolanensi, revocans Turcum, oratorem suum Mediolani iam diu commo- 

30 rantem, et hec omnia facta esse dicebat, quia fedus finitimi esse reputabat, quia a Mcdiola- 
nensi non observatum crat, ncque integre a Florentinis. 

Post hec Fiorentini Othonem Niccolinum, qui Rome orator crat, Neapolim festinanter ad otbo ad r 
Regem miserunt, sciscitantes quid illa protestatio protcnderet. 

Inter hec in fine mensis mai orator Rcgis Ungarie Romam proficiscens Florentiam venit, °u^ s , u " gil ' 

35 Dominos visitavit, et regio nomine de federe requisivit; responsum ei est florentinum populum 
propersissimum ad amicitiam Regis, sed diligenti examine maturandum et idem in tempus 
differendum. 

Hoc idem anno post dicm sancti Iohannis per tres dies proxime continuos milites con- Ludi, 
ducti a fiorentino populo sub duce Roberto Gaiazi, comite sansoveriniensi, ludos publicos ante 

40 edes Sancte Crucis exercuerunt: prima die equitum torniamentum f ecere, representatìonem 
scilicet equestris prelij ; sequenti die equites, citatis equitibus, se se longis astis competebant ; 
tertia vero die ligneum, quod struxerant, castellum in earundem edium Plateam expugnarunt, 
ponentes ante oculos populi vere expugnationis similitudinem, que omnia facta sunt magna po- 
puli expectatione et letitia magna Roberti ducis, qui exercitum suum populo ostendere cupiebat. 

45 Post longas Neapoli disceptationes confederatio et liga, que exoleta iam pluribus de causis 'la'tio™ 



6. nel margine superiore della pagina: f 1469 — 12. 1470] ms. nel mezzo della pagina Anno MCCCCLXX — 
19. cladebantur — a'S. canuta foggia di carattere - nel margine superiore della pagina: f 1470 — 27-2S. de.... 
conligationel aggiunta marginale — 38. Ilioannis — 41. equites] frecede una cassatura — 45. cambia inchiostro 



190 MATTHEI PALMERII |A. i4?oi 



esse dicebantur, tandem reformata est per Othonem Niccolinum florentini populi nomine et 
per Iohannem Andream, Mediolanensis oratorem, cum Ferdinando rege die vuj a iulii liora 
n^mors,""' xxrj a . Post que Otho Niccolinus Romani reversus, diem Rome obiit xxvj a die settembris 
hora fere xij\ 
'. o?r Dum hec in Italia traqtabantur Sholias Ottomannus, aliter Ugoli, et est proprium nomea 5 

Ottomannus vero est nomen familie, Turcorum impcrator, bellum contra Venetos preparans, 
classem armavit naviuin quadringentorum et magnum preterea exercitum hominum circiter 
centum quinquaginta milia; et circa kalendas iunias omnem liane terrestrem multitudinem per 
Grecos et Athenienses maxime agTos ad litus Euboico sinu adiacentes premisit, classem 
omnem ad Euboiam insulam expugnandam et opidum capiendum misit. Veneti, et opidum 10 
militibus ad tutelam compleverunt, et classem armaverunt navium centum, que, licet numero 
longe minus essent quam turce, tamen valitudine prestantiores erant: et cum utrinque niteretur, 
tandem Turcus circa kalendas iulias, opidum espugnare adorsus, innumeris pene bombardorum 
ictibus menia pluribus in locis confregit, deinde, oppidum oppugnans et die noctuque insi- 
stens, sexta autem die defensoribus omnibus fessis aut interfectis, potitur die xi iulii. Ferunt 15 
illuni supra bonbardas mdc ad liane expugnationem preparasse, et dies duodecim obpugnasse 
primo ictibus bombardorum, postea vero obpugnatione continua; quod et temporibus nostris 
inauditum est et raro alias legitur contigisse. 
/o„i. 1 ' 1 Circa kalendas settembris Cariadmus, Turci orator, Neapolim venit, et Ferdinandum, Si- 

cilie regem, quatuor equis canibusque donavit; et exposuit ad gaudium dicti Regis significare se 20 
insulam Negropontem accepissc. Respondit Rex: donum non ingrato animo accepisse; de 
expugnatione Negropontis letari non posse, primo propter Christiane religionis reverentiam, 
ad quam semper affectus fuit et est, deinde propter amicitiam Venetorum, quibus opitulari 
merito tenebatur et iam suam classem in e orimi tutelam emiserat; et ad hoc idem tenebatur 
ad defensionem italicam, quibus de causis Turcum ammirari non decet, si ad eum suos ora- 25 
tores Rex ipse non mitteret, quemadmodum alias fecerat, quando itidem Turcus ad eum ora- 
tores misisset; veruni in futurum sciret se et prò Christiana religione et prò amicis et prò 
Italie defensione esse bellaturum. Mahaumet, Dei gratia Turchie Grecieque imperator, erat 
titulus literarum suarum. 
e 6 Post longas disceptationes, tandem die xxij a decembris diei liora xxij a Rome apud Pontili- 30 

FcJus universale ccm fedus universale unitum est magna unione inter Paulum ij, pontificem maximum, et Ve- 
netos ex una parte colligatos, et Ferdinandum, Appulie regem, et Galeaz Maria, Mediolani 
duccm, et Florentinos ex altera parte antea colligatos. Conditiones diete sunt, ut, firmis ma- 
nenti bus utriusque partis colligationibus, unaqueque pars prò se et suis aderentibus etc. reformant 
et resumunt atquc confirmant eandem illam colligationem et fedus, quod unitum fuit Venetiis 35 
de mense augusti 1454, in quanto a e. 68, et postea Neapoli confirmata de mense ianuarii, 
in (pianto a e. 68. Et factum hoc fedus fuit cum eisdem capitulis et conditionibus. 

In huius federis stipulatone, cum oratores partium mandata publicarent, nostri bimestre 
mandatimi ostenderunt iam ante iinitum, qua re nccesse fuit retificationeni offerre, et sic infra 
mensem promiserunt, quod et missum est. 40 

Longis cunctationibus de huius federis subscriptione tractatum est, et longum res pro- 
trac ta est. 

" FiOTentiam." 5 Inter hec Galcactius, Mediolani Dux, in principio mensis martii Florentiam insigni pompa 

per lunensem, lucesemque ac pistoriensem agnini venit ad solvendum, ut dixit, votimi quod 
fecerat ad Virginem Nuntiatam, et, perhumaniter se in omnibus cum Prioribus civitatis ac pò- 45 



3-4. Post.... xij u J aggiunta autografa posteriore - xxvj a ] precede xij espunto — 5. nel margine superiore delta 
pagina: f 1470 — 5-6. aliter.... familie] aggiunta marginale — 3. centum] aggiunta interlineare — 15. die xi 
iulii] aggiunta interlineare — 2S-29. Mahaumet.... suarum] aggiunta posteriore autografa — 30. nel margine su- 
periore della pagina : f 1470 — 33. Fiorentino — 36-37. e. 68] corrisponde a ce. 52 r-t nuova numerazione — 
41. camita inchiostro — 44. venit] precede Fi espunto 



[AA. 1470-1472] ANNALES 191 

pulo universo se gerens, tandem quibusdam e primoribus civitatis ad se cvocatis longa nar- 
ratione condoluit de actis a Ferdinando, Appulie ac Sicilie rege, in se et contra cius personali 1 
et contra statum suum; tandem post aliquot dies per pisanum agrum Genuam est profectus, 
clucens continuo secus suam uxorem et suos fratres; exivit ex urbe Florentia die xxmj a martii, 
5 maximo comitante civium numero. 

Die xxj a martii, persistente adlvuc Florentie Mediolani duce, ecclesia Sancti Spiritus trans 
Arnum penilus combusta est, exustis solum menibus relictis. Causa fuit, quia ad honorem 
Ducis representationem Cliristi cmittentis Spiritum Sanctum in discipulos simulantes, multos 
ignitos radios proiecerunt et lucernas insuper multas inccderunt, que, neglegentia curatorum 
10 non penitus extincte, sequenti noctc tale incendium cmiserunt, adeo ut 1 ignorimi nihil penitus 
remaneret. 

Circa kalendas iunias Turci exercitus usque ad iìnes Fori lulii cuncta pervadens, magna 
cxacta preda et supra xx hominum milia interceptis, domimi revertitur. °„* Uo lul 

Florentie, per lulii mensis principium, quedam in rcpublica provisa, et, auctoritatc reasunta, «epTofi 
15 ad unius consilii auctoritatem omnia per quatuor menscs sunt redacta, que prorogata fuerc. 

Die xxvj a iulii inter sccundam et tertiam noctis horam Paulus ij u * pontifex maximus Rome ' m Ìs. P ° 
subitanea morte improvvise defunctus est, et de cius morte litere Florentiam delate sunt die 
xxviij eiusdem mensis hora xxj a in horis xviiij. 

Die vinj a augusti inter xv a et xvj a hora electus fuit Sistus mj u \ et litere Florentiam per * cièctìo" ' 
20 societatcm Medicorum venerunt in horis xviiij, videlicet ad horam xj am diei decimi, quod inau- 
ditum alias fuit tantum iter proficisci in una quaque hora milia passuum septem. Fuerat hic 
generalis Fratrum sancti Francisci, poslea vero per biennium cardinalis et, ut dictus est, pon- 
tifex. Credo erat nationc saonensis. 

Die xx augusti Borsius, Ferrarle dominus, longa egritudine defunctus est, reliqucns sibi ^""«ors."' 
25 successorem Herculem, fratrem suum. Suspitio fuit an temporali veneno perierit. 

Ante calendas ienuarias, procurante Galeatio, Mediolanensium duce, Guidaccius, Taddei '"° e s. 
imolensis Domini filius, patrem in arcem reclusit et, sue partis faventibus civibus et Medio- 
lanensis militibus, dominium civitatis in se se convertit. Post vero paucos dies, peditibus 
cquitibusque Ducis mediolanensis urbem ingressis, exacto ex arce Taddeo et in palatium resti- 
30 tuto, Guidaccius in eadem ipsa arce, in qua pater fuerat, recluditur, et arcis custodia Medio- 
lanensis militibus conceditur, et quidam etiam ex primoribus civibus retinentur. 

Per eosdem dies cometes visa est, que oriebatur sub estivo solis ortu hora noctis fere iv a cometès. 
et usque ad diem elevabatur per estivum solis circulum sopra meridiem; in capite stellam non 
demostrabat, sed quasi cuspidem prò capite ferens longos emittebat radios, quasi equinam 
35 spartani caudam subclaram longitudine cubitorum xv, duravitque die xxx. 

Apud Volaterranos per eadem tempora mutationes quedam exorte sunt, ob quam dicemus voiìterrl. 
causam:' Apud Volaterranos iam pridem discordie exorte erant ob mineram aluminum nuper in ,. '• u3v 

*■ r -^ \ olater rar u ni 

eorum agro invenctam. His contentionibus eo devenerunt, ut duo ex primariis civibus interfi- °bsì<Ho. 
cerentur, quapropter summota civitas inter se contendebat. Fiorentini, ut rem componerent, 
40 nonnullos Volaterranos Florentie retinebant. Qui Volaterris preerant ciani suos Florentia re- 
vocabant. Quod cum tabellarius non caute curasset, litere, quas dctulerat, in manum nostro- 
rum civium devenerunt. Capti tunc hi Volaterrani, qui Florentie detinebantur, fuerunt, et in 
deambulatorio palatii Priorum reclausi. Velaterrani manifeste rebelles se munierunt, et po- 
tentatus pene omnes italicos requisiverunt, civitatem eisdem conditionibus, quibus Fiorentini 



2. rege] segue in espunto — 12. 1471] ma. nel margine superiore della pagina — 15. que prorogata fuere] aggiunt<' 
autografa posteriore — iS. in horis xviij] aggiunta autografa posteriore — 26. cambia inchiostro — 36. cambia in- 
chiostro — 37. ne! margine superiore della pagina: f 1^72 — 39. componereat] segue q espunto 



192 MATTHEI PALMERJI LAA. 1472-1474: 1438-1439| 



illam habuerant, off erentes. Inauditi pene ab omnibus redierunt; Senenses taraen viciniorcs et 
transitum et commeatus prestabant. Obsessa demum a Florentinis est civitas, cuius obsidionis 
princeps fuit Federicus urbinensis dominus, confederationis nostre prepositus. x\uxilia missa 
sunt a summo Pontifice, a Ferdinando, Appulie rege, a Galeactio, Mediolanensium duce, et ab 
aliis etiam amicis nostre reipublice ; tandem die xvirj' iunii in aurora urbs est expugnata et 5 
sunt Volaterrani devicti, cum rebellionis manifestatio fuerit de mense aprilis proxime elassi. 
Convenerant in deditione salvas res esse atque personas, quod tamen fieri non potuit, quia 
armati intus agricole et externi milites, cum civitatem in potestatem nostrorum devenire cogno- 
verunt, depredationem incipientes, res omnes mobiles subripuere auxilio depravatorum hominum, 
qui idem cupiebant; persone tamen omnes salvate mulieresque et sacra, ut plurimum, loca. 10 
Sponsaiitia. Circa kalendas novembris desponsationes facte inter Ferdinandum regem et Galeatium, 

Mcdiolanensium ducem, publicantur et fuerunt liec: Iam antea desponsata fuerat Dianora, regis 
Ferdinandi filia, fratri minori secundogenito mediolanensis Ducis; hec desponsatio irritata est, 
et ipsam Dianoram, Regis filiam, desponsatam Herculi, ferrariensium Duci, publicarunt; et in- 
super filiolam etate parvulam Alfonsi, Calabrie ducis et regis Ferdinandi fìlii, filiam filio primo- 15 
genito Galeazii, mediolanensis ducis, desponsarunt, ut puta puellam parvam parvo puero etc. Et 
fuerunt simul affinitate iuncti tales principes per filios, sorores atque nepotes. Deus bene vertat. 



C. Òl) f 

1473 
Dianora nova 
mipta. 



Dianora, regis Ferdinando filia, Herculi, Ferrariensium duci, desponsata, ingenti pompa 
equorum supra mille associata ad ipsum Herculem proficiscens, Florentie festum Ihovannis 
Baptiste celebravit mansitque dies. ... 20 

d°ii. pa De mense ottobris, cum de possessione presidii iuxta ripas Panari fluminis contentiones 

vigerent inter Bononienses et Ferrariensium Dominum, Mediolanensis per suos equites sub 
Roberto Sansovcrino conductos id presidium occupavit situm in ripa versus Ferraram. 

1*7* Die xxvinj a martii Rex Datie Florentiam ingreditur cum equitibus circa centum. Venerat 

uo-c Datie. per Cisalpinam Galliam Mediolanum, deinde Mantuam petit atque Bononiam, peregre Romam 25 
profecturus. 
gnatùr!"' Circa augusti kalendas Sistus pontifex suum exercitum ad obsidionem Trifernii misit. 

Niccolaus Vitellius id opidum regebat, licet romane Ecclesie nomine, tamen preter Pontificis 
voluntatem multa exequebatur et plures cives exules fecerat, quos Pontifex restituere niteba- 
tur. Circa menses duos duravit obsidio, tandem per Federicum urbinensem rebus compositis, 30 
Nìcolaus Romam ad Pontificem proficiscitur prestita sua vite fide; oppidum Pontifici traditur; 
exules in bona redeunt extra urbem remanentes. 
i onfederatio j)j e iT a novembris Venetiis confederatio firmatur, in qua Veneti, Mediolanensis et Floren- 

Cll 111 \ CllC'tlS J ' 1 ' 

ci Duce. tini convenerunt per annos xxv bis fere conditionibus, quibus preterita confederatio firmata 

fuit, et additimi etiam est, quod infra duos menses Sixtus pontifex ac etiam Ferdinandus rex 35 
possint eandem ligam ingredi paribus conditionibus. Tomraas Soderinus eques, Florentinorum 
orator, Venetiis conclusit. 



e. 77 r 



La sementa asciutta. Il verno piovoso e di continuo regnò marino con dolco. 

H39 Fu la primavera primaticcia, humida e ventosa. La state asciutta e calda. L'autunno 

in principio temperato e humido, da mezo inanzi asciutto e freddo con tramontana. Il verno 40 



7. cambia inchiostro - Convenerant] ms. ha Convc — io. tamen] ms. tamens colPs espunto — 13. secundo- 
genito] aggiunta interlineare — 14. desponsatam] segue fuit espunto — 15. Alfonsi] sovrapposto a Federici espunto 
— 17. iucti — 18. 1473] tns. nei margine superiore delia pagina - cambia foggia di carattere — 20. dies] segue uno 
spazio bianco — 21. cambia inchiostro — 24. 1474] ms. nel mezzo della pagina — 27. cambia inchiostro — 29. exe- 
quebatur] segue qua pr espunto — 37. cinque righe bianche fino al termine della pagina — 40. e humido] aggiunta 
interlineare - freddo] precede asciutto espunto 



[AA. 1439-1444] ANNALES 193 

tutto freddissimo asciutto, che mai piove e potentissima di continuo regnò tramontana. E 
in fine cioè da mezo febraio al marzo, grandissime e alte nevi, e così procedette freddo in 

primavera. 

In detto anno poca ricolta di grano e meno di biade. Fave sterile e quasi perdute. 
5 Gli altri legumi mezani. Vino ragionevole ricolta. Ulive pochissime. Frutte poche. Di 
castagne ricolta comune. Ghiande poche. I mandorli quasi senza fructo. Mele poco. Zaf- 
ferano ragionevole ricolta. Infermità di bestie minute nella state. Nel verno abondanza d'uc- 
cegli e maxime tordi e uccegli d'aqua. Pesci molti e mancamento di cacio. 

La primavera fredda e serotina e quasi piovosa. La state temperata e non secca, ma mo 
10 più volte piove. L'autunno continuo quasi ognindì piovo, e spesso dì e noeti continuo o quasi. 
El verno in principio piovoso, e in fine humido; pochi dì ebbe d'asciutto e pochi freddi. 

In detto anno fu buona ricolta universale d'ogni cosa, cioè di grano, biade, vino, olio, 
zaferano, frutti, e quasi d'ogni altra cosa. 

Marzo humido. Aprile asciutto. Maggio infino a mezo asciutto, di poi continuo piove mi 
15 ciascun dì e spesso aque grandissime. Giugno asciutto. Luglio primo mezo asciutto, di poi 
humido. Agosto piovoso. Settembre humido. Ottobre per mezo humido di poi il resto se- 
reno e bel tempo. 

In dicto anno cattivissima ricolta quasi d'ogni cosa eccepto castagne. Poco grano, po- 
che biade, poco vino e meno olio. 
20 Seguì novembre tutto sereno ; bellissimi dì, radi con vento e non freddo. Dicembre pio- 

voso e gennaio quasi continuo ognindì piovve. Febraio molto piovve. Marzo in principio dì 
otto belli, il resto piovoso. 

Aprile piovoso in dì 22, di poi sereno continuo in fino ad tutto maggio. Giugno più volti 1442 
piovve. Luglio temperato e infine piove grandi aque.' Agosto tutto sereno e grandi caldi e. 771 
25 con secco. Settembre piovve un dì, tutto il resto sereno e chaldo. Ottobre humido. No- 
vembre freddo e molle. Dicembre ghiacciato con grandi venti e nevi. Gennaio sidoso e 
abrividato co molte nevi e gran venti. Febraio freddo e asciutto. Marzo il simile. 

Aprile fresco e certi dì freddi chon vento e aqua. Maggio quasi in simile modo e spesso 1443 
piovve. Giugno fresco e alle volti piovve. Luglio infino a V 2 temperato e alle volte aque 
30 grandissime ; di poi fu chaldo grande il dì. Agosto tutto asciutto e chaldo, e infine seccho ; 
l'ultimo dì piovve aque grandissime e poi entrò settembre con gran vento tramontana. 
Ricolti habondanti universalmente d'ogni cosa e olio assai. 

Settembre asciutto con alcuni dì piovosi. Ottobre asciutto in tutto. Novembre humido e 
dicembre piovoso tutto. Gennaio tutto piovoso eccetto dì sei, cioè da 19 a 25 fu sereno. 
35 Febraio in principio dì 8 nevosi e freddi, poi dì 10 piovosi e il resto sereni. Marzo poco 
piove e il resto sereno. 

Aprile asciutto. Maggio sereno e asciutto e caldo. Giugno secco con caldi grandissimi. 1444 
Luglio seguì chome giugno e alle volti meno chaldo, ma di continuo secco e asciuttissimo. 
La ricolta in detto anno chomunale di grano, di biade grosse, e legumi meno che mezza 
40 ricolta. Biade minute quasi tutte perdute pel seccho. Poco mele. Vino assai e buoni. Za- 
ferano assai. Olio poco e assai pascione da porci. 

Agosto asciutto e caldo. Settembre asciutto. Ottobre umidetto, alle volti ma poco piove. 



9. varia inchiostro — 14. negli anni 1441, 1442, 1443 cambia inchiostro quasi ogni mese - Marzo] segue asciut 
espunto — 16. Settembre — 19. meno] segue biade espunte — 24. caldi] precede soli espunto. — 42. cambia V inchio- 
stro a mese a mese 

T. XXVI, (Tartini I), p. 1 — 13. 



194 MATTHEI PALMERII [AA. 1444-14471 

Novembre chome ottobre e poco freddo e così in fino a mezo dicembre; alora fu parecchi 
dì freddissimi e poi nevicò, e radolcato seguì tempi grassi e piovegginosi in sino in primavera. 

1445 Primavera e state asciutta. 

Ricolta mezzana d'ogni cosa. 
e 7$ r Agosto asciutto. Settembre asciutto. Ottobre infino a mezo asciutto, da mezo inanzi 5 

piovoso, e chosì novembre e dicembre piovosi, numidi e dolchi. Gennaio e febraio numidi. 



1440 



Marzo et aprile temperati. Maggio piovoso di continuo. Giugno e luglio numidi. Ago- 
sto non molto chaldo. Settembre humido con alcuni dì freddo. Ottobre in principio neb- 
bioso e sereno con dolcho, di poi piovoso in fino a tutto novembre et decembre. Gennaio 
in principio freddi grandissimi con ghiacci e molto ventoso di tramontana. E chosì febraio 10 
e intìno al '/s di marzo. 

1447 Marzo seguì freddo e aprile cominciò sereno con temperata aria e così seguì tutto di 

maggio; spesso piovve e infino a '/2 S^ n S n0, Di poi sereno in fino in calen di luglio. In 
principio di luglio piove aque grandi con gragnuola. Poi seguì sereno. 



7. e luglio] in margine 



INDICI 






AVVERTENZE PER GLI INDICI 



Le indicazioni in carattere tondo rimandano al testo della cronaca, quelle in carattere cor- 
sivo alle varianti o alle note illustrative, quelle comprese fra virgolette alle prefazioni 
o alle appendici. Le notizie che il contesto del discorso permette di riferire a un 
dato personaggio, sebbene questo non sia nominato espressamente, si troveranno sotto 
il nome del personaggio stesso, ma distinte dalle altre per caratteri spazieggiati. 

Il punto esclamativo (!) indica le lezioni o varianti errate. 

Il numero in carattere più grande indica la pagina, quello in carattere fin piccolo la riga. 

Nell'INDICE ALFABETICO DEI NOMI E DELLE MATERIE, accanto a ciascun nome, 
ridotto alla forma italiana più comune nell'uso moderno, sono poste fra parentesi quadre 
tutte le altre forme sotto le quali esso figura nel testo e che per ragioni ortografiche, 
di dialetto o di lingua sono diverse da quella prescelta. Di queste diverse forme figu. 
rano al loro posto alfabetico neh" indice e con richiamo alla forma italiana prescelta 
soltanto quelle nelle cui prime quattro lettere si riscontra qualche differenza dalle pri- 
me quattro lettere della forma prescelta. 

Nell'INDICE CRONOLOGICO si tien conto soltanto dei fatti posteriori alla nascita di Cristo. 
Ciascuna data, qualunque sia lo stile secondo cui è computata nel testo pubblicato, si 
trova ricondotta nell'indice allo stile comune o del Calendario romano; ma accanto ad 
essa fra parentesi rotonde, è registrata anche quale figura nel testo. 

Con asterisco sono segnate le date che si possono desumere dal contesto del discorso, sebbene 
non siano espressamente dichiarate nel testo della cronaca. 

Fra parentesi quadre sono poste le date errate con richiamo alla data vera, la quale a sua 
volta ha un richiamo alla data errata. 

Tavola delle -principali abbreviazioni che s' incontrano negli indici 



ab. 


abate 


gen. 


generale, generali 


an. 


anno 


imp. 


impero, imperatore 


arciv. 


arcivescovo 


leg. 


legato, legati 


b. 


battaglia 


ms. 


manoscritto 


cap. 


capitano, capitani 


march. 


marchese, marchesi 


card. 


cardinale 


m. 


moglie 


cav. 


cavaliere, cavalieri 


mon. 


monastero 


eh. 


chiesa, chiese 


tnons. 


monsignore 


e. 


città 


n. 


nato 


cod. 


codice 


or. 


ordine religioso o cavali. 


cotn. 


comune, comuni 


t> 


padre 


cf. 


confronta 


pp. 


papa o papato 


consac. 


consacrato, consacrati 


pod. 


podestà 


cons. 


console, consoli 


pop. 


popolo 


conv. 


convento 


pr. 


presso 


cor. 


coronato 


pred. 


predetta, predetto, predetti 


d. 


del, dello, della, delle, dei 


rie. 


ricordato, ricordati 


el. 


eletto, eletti 


sec. 


secolo 


f. 


fiume, fiumi 


V. 


vedi, vedasi 


frane. 


francese 


vesc. 


vescovo 


fr. 


frate, frati 


t 


morte, morto, muore 



[Abilio-Adaloaldol 



INDICE ALFABETICO 

[a cura della dott. Maria Melchiorri'J 



Abilio [Abilita] secondo vesc. d'Alessandria, 16, 31-32. 

Abramo [Abraham, Habraam, Habrahà\ rie, 7, 4, 7, 8, 
10; 62, 39. 

" Abruzzo [Abrut iuni\ è danneggiato dal terremoto, (an. 
1456), 177, 25-26 „; rie, 27, 23; "159, 35 „. 

[Abu-Bkcr] [Calipha] succede a Maometto, 63, 22-23. 

[Abusir] v. Busirile. 

Acaia [Achaia] è ridotta a provincia romana, 15, 40-42. 

" Accattabrtga Iacopo [Catabliga, Cathabligha, Catta- 
bliga\ con Rinieri del Frogia attacca i Senesi per 
ordine di Niccolò da Tolentino (an. 1432), 135, 31- 
32; ma è superato dal numero d. nemici, 136, 1-3; 
è fatto prigione dai Senesi, 6 „. 

"Acciaioli Angelo [Angelus Acciaiolus, Agnolo Ac- 
ciainoli, Angelo Acciaiuoli, ambasciatore] cav. fio- 
rentino è richiamato dall'esilio (an. 1434), 139,25-26; 
è mandato, con altri, amb. a Niccolò V (an. 1447), 
154, 7-»; è fatto d. Dieci di balìa fra quelli d. quar- 
tiere di Santa Maria Novella (an. 1451), 161, 27; 
amb. in Francia per incitare Carlo VII a scendere 
in Italia, deve prima, passando per Milano, accor- 
darsi col Duca (an. 1453), 165, 34-166, 14; gli si 
lascia facoltà di esporre l'ambasciata a seconda 
dell'opportunità, 15-19 ; " XXXI, 24-25 „ ; mentre parte 
per la Francia, riceve notizia che Bordeaux s'è ri- 
bellata a Carlo e data agli Inglesi, 44-45 ; Carlo gli 
risponde che a cagione di quella ribellione non può 
stabilir nulla, ma gli promette di venire in Italia 
e lo invita a tornar di nuovo da lui, 167, 1-7; ri- 
ceve da Renato d'Angiò la promessa di venire in 
Italia in favore di Firenze e di ciò avverte i Fio- 
rentini (an. 1453), 31-33; è incaricato di rispondere 
a nome di Firenze a Renato, 170, 12-13; è fatto d. 
Dieci di balìa, 16; in Lombardia, con altri amb. 
venuti da Firenze, stabilisce di mandare Renato in 
Francia per conoscere le decisioni di Carlo VII in 
riguardo al regno di Napoli, trattenendone intanto 
in sua sostituzione il figlio Giovanni in Italia agli 
stipendi di Firenze (an. 1454), 171, 1-7; porta a Fi- 
renze la risposta d. Sforza disposto ad accettare la 
pace, 9-13; è confinato col fratello Neri a Barletta, 
con facoltà di muoversi pel regno di Napoli, ma 
non d'uscire di Italia (an. 1467), 184, 7-8; rie, 16 „. 



" Acciaioli Nbri, figlio di Angelo, è con lui confinato a 
Barletta (an. 1466), 184, 7-8 „. 

Acciaioli Niccolò [JVicolau< Acciaiolus] cav. fiorentino 
e gran siniscalco d. regno di Puglia, f a Napoli, 
«XI, 14 „', 117, 21-23. 

Accona [Accon] v. Acri. 

" Accoppiatori v. Firenze (accoppiatori) „. 

Accursio [Accursus] giureconsulto famoso, rie, 103, l. 

Acefali (eresia degli) [Ackiephalorum hnresis] si sol- 
leva contro il concilio di Calcedonia, 50, 16-17. 

"Acereta (giogo dell') [Acerete iugum, proprinqua sta- 
tio]\ un presidio di milizie fiorentine vi chiude il 
passo al Piccinino (an. 1440), 146, 22; rie, 26; 
147, 9„. 

Achaia v. Acaia. 

Achaly [ma Ali] è espulso dal califfato, 63, 23-24. 

Aciiiephalorum HERESis v. Acefali (eresia degli). 

Achilleo (Elpidio Lucio) [Ac'tillcus] usurpatore del- 
l'imp. in Egitto, è vinto, 30, 9-10. 

Achon v. Acri. 

"Acquapendente [Aquapendens] vi è accampato Nic- 
colò Fortebraccio (an. 1432), 137, 40-41 „. 

" AcqUAVivA [Aquaviva] rie, 158, 14 „. 

Acquedotti v . Ceruleo {/onte), Curzio (font^) t fìoma (ac- 
quedotti). 

Acri [Accon, Achon] vi si radunano i capi d. Crociati, 
101, 36-38. 

Actalus v. Aitalo. 

Acuto Giovanni [Iohannes Acutus] famoso cap. di ven- 
tura, f a Firenze, 119, 36-39. 

Adalberto [Albertus] regge l'Italia insieme al p. Be- 
rengario, 83, 30-31. 

Adalgiso [Auldalisius] duca di Benevento, insieme coi 
Campani, coi Lucani, coi Sanniti, si ribella all'imp. 
Lodovico IT e ne invade le terre, 78, 41-79, 3: asse- 
diato da Lodovico in Benevento, è liberato dietro 
pagamento di una somma, 4-7; avendo tentato d'uc- 
cidere l'imp. è scoperto e fugge in Sardegna, 7-9. 

Adaloaldo [Adoloaldus] è fatto re d. Langobardi dal 
p. Agilulfo che gli dà in m. la figlia di Teodeperto, 
re d. Franchi, 61, 25-28; tiene il regno per dieci 
anni sotto la reggenza d. madre Teodolinda, 62, 
27-29; è deposto, 63, 11-12. 



1 Vedi anche osservazione a p. xxxviir e xxxix. 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 — 14. 



1 ( *S 



INDICE ALFABETICO 



[Adalvida- Agilulfo] 



Adalvida v. Adelaide. 

Adamo [Adam] rie, 7, 2, 27; "rie. nella processione di 
san Giovanni, d. 22 giugno 14S4 in Firenze, 173, 1 „■ 

Adda [Addua, Adda]; Veneziani e Fiorentini vi gettano 
sopra un ponte per invadere il Milanese, 126, 11-15; 
"rie, 153, 20; 154, 13, 17, 30; 158, 22; 164, 12; 170, 
34 „. 

Addua v. Adda. 

Adelaide [Adalvida] vedova di Lotario, è imprigionata 
da Berengario, 83, 32-34; presa in isposa da Otto- 
ne I, è da lui condotta in Germania, 84, 6-8. 

Adelchi [Anielgisius] figlio di Desiderio, fuggito in Gre- 
cia, coll'aiuto dell' imp. d'Oriente torna in Italia e 
vinto f in b., 71, 5-8; v. anche Adalgiso. 

Adiabene (abitanti di) [Adiabeni] sono vinti da Setti- 
mio Severo, 24, 12. 

Adoardus v. Edoardo. 

Adolfo di Nassau (imperatore) [Athaulfhus, Athaul- 
phus imperator] è vinto e ucciso da Alberto d'Au- 
stria, 109, 15-17: rie, 108, 33. 

Adoloaldus v. Adaloaldo. 

" [Adorno Barnaba] c el. doge in Genova da fuoru- 
sciti rientrati con l'aiuto di Carlo VII di Francia 
(an. 1447), 153, 35-37 „. 

"Adorno Prospero è el. doge di Genova (an. 1461), 
181, 15-16; è deposto, 23 „. 

" [Adorno Raffaele] [il Doge] doge in Genova è de- 
posto dai fuorusciti rientrati con l'aiuto di Carlo VII 
di Francia (an. 1447), 153, 36-37 „. 

Adriana Mole {Adriani moles] v. Roma {Castel ò'an- 
t* Angelo). 

Adriano (imperatore) [Hadrianus, Helyus Adrianus] 
fa restaurare a pubbliche spese Alessandria, 19, 
12-13; vince i Giudei ribellatisi per la seconda 
volta a Roma, 14-15; rinuncia a parte d. reddito 
d. tributi e assolve i debitori, 16-18; provvede alla 
restaurazione di Nicomedia e Nicea devastate dal 
terremoto, 24-25; manda colonie nella Libia deva- 
stata dai Giudei, 26-27 ; assegna leggi agli Ateniesi, 
scegliendole fra quelle di Solone e di Dracone, 28-30; 
consultate le opere di antichi medici, stima che il 
parto umano possa avvenire entro il termine di un- 
dici mesi, 31-33 ; gli sono dedicati libri di religione 
cristiana da Quadrato e da Aristide Ateniese, 34-36; 
scrive a Minucio Fondano, proconsole dell'Asia, che 
i Cristiani non debbono essere condannati senza ac- 
cuse specificate, 37-39; compone nuove leggi e ordina 
che siano osservate, 40-41 ; è chiamato p. d. patria e la 
ni. di lui prende il titolo d'Augusta, 42-43; fa innal- 
zare numerosi edifici in tutto l'orbe romano, 20, 5-6; 
manda un esercito in Palestina ad opprimere un'in- 
surrezione di Giudei, 9-10; adotta Lucio Aurelio Vero 
e lo fa Cesare fra grandi feste, 21-23; fonda Elia 
Capitolina in Giudea, 24; f a Baia, 25-26; rie, 19, 11. 

Adriano I (papa) [Hadrianus] chiama in Italia Carlo 
Magno, 72, 29-30; lo onora di privilegi e di titoli, 
34-37; rie, 18. 

Adriano II (papa) [Hadrianus II] rie, 79, 12. 

Adriano III (papa) [Hadrianus III] rie, 80, 25. 

Adriano IV (papa) [Hadrianus IV] incorona in Roma 
Federico Barbarossa, 96, 25-26; rie, 22. 

Adriano V (papa) [Hadrianus V] rie, 107, 4. 

Adriatico (mare) [Adriaticum mare, mare Supcrum]\ i 



Genovesi vi riportano una vittoria sui Veneziani, 
109, 10-12: "rie, 141, 35 „. 

Adkiaticus sinus -v. Venezia {Golfo di). 

AeGYPTI MAXIMUS PRINCEPS v. Alkamit. 

Aegyptii v. Egiziani. 

Aegyptius quidam pseudo-profeta suscita tumulti in 
Giudea ed è ucciso dall'esercito di Felice, 13, 17-21. 

Aegyptus v. Egitto. 

Aeneas v. Enea. 

Aerarius v. Uraia. 

Aetius v. Ezio. 

Afri v. Saraceni, Arabi, Mori. 

Africa [Africa, Africa provincia] è governata da Co- 
stanzo I, 31, 28-29; vi fiorisce il retore Arnobio, 33, 
36-37; vi si diffonde la setta d. Donatisti, 34, 1-2; 
vi si recano i Vandali provenienti dalla Spagna, 
46, 31-32; ne è concessa ai Vandali la parte attorno 
a Ippona, 47, 18-20; vi si reca Sebastiano, 43-44; 
Teodosio vi manda una flotta contro i Vandali gui- 
data da gen. che coi lunghi indugi riescono piutto- 
sto di danno alla Sicilia che di aiuto all'Africa, 
48, 2-6; è divisa fra Valentiniano e Genserico, 10-12; 
vi torna Genserico, reduce da Roma, con Eudossia 
e molti prigionieri, 49, 42-44 ; ne sono esiliati molti 
vese dagli Ariani, 52, 40-41; altri vesc. cattolici ne 
sono espulsi e sono relegati in Sardegna da Trasi- 
mondo, re d. Vandali, 53, 10-12; Belisario, manda- 
tovi con un esercito da Giustiniano, vi distrugge i 
Vandali, 55, 20-21 ; Giovanni, prefetto di Giusti- 
niano, vi doma i Mori che la infestavano, 57, 17-18; 
la dottrina di Maometto vi fa proseliti, 62, 35-37; 
i Saraceni ne occupano la maggior parte, 64, 30-31 ; 
è invasa dagli Egiziani, 66, 40-41; le parti occupate 
dagli Egiziani sono riguadagnate all' imp., 67, 15- 
16; ne provengono in Italia cavallette in gran nu- 
mero, 75, 23-24; ne partono i Saraceni diretti verso 
l'Italia, 76, 23: ne partono di nuovo con gran flotta, 
78, 33-34; ne partono di nuovo alla volta di Genova, 
83, 11-12; vi compie imprese Ruggero II, re di Pu- 
glia e di Sicilia, 96, 6-8; vi si reca Carlo d'Angiò 
in aiuto d. Crociati, 106, 17-19; vi f Luigi IX, 109, 
3-4; invasione di locuste, 116, 15-18: rie, 43, il; 47 t 
10; 79, 39; 81, 21; 82, 19. 

Agabo [Agabus] predice una carestia, 10, 24-25; che si 
avvera, 12, 13-14. 

Agapito I (papa) [Agapitus 1] recatosi da Giustiniano 
a Costantinopoli, vi f, 56, 7-8; rie, 1. 

Agapito II (papa) [Agapitus II] rie, 84, 3. 

Agatobulo [Agatobulus] filosofo rie, 19, 20. 

Agatone (papa) [Agato] manda illustri teologi al con- 
cilio di Costantinopoli, contro Macario, 66, 33-34 ; 
rie, 19. 

Agelmondo [Agelmundus] figlio di Aione, primo re d. 
Langobardi, 42, 33-35. 

Agilulfo [Agilnlphus] re d. Langobardi, 60, 20; conce- 
de la pace al re degli Unni, 30-32; fa pace con 
Teoderico II, re d. Franchi, 36-37; ne sono fatti 
prigionieri la figlia e il genero Godescalco pr. Parma 
dall'esarca Callinico, 61, 2-4; combatte vittoriosa- 
mente in più luoghi contro i Bizantini e prende 
Mantova e Cremona, 12-14 ; pacificandosi con loro, 
riottiene la figlia, 22-24 ; elegge re il proprio figlio 
Adaloaldo e, datogli in m. la figlia di Teodeperto, 



[Agine-Albizzil 



INDICE ALFABETICO 



199 



riconferma la pace coi Franchi, 25-28; rie, 62, 28. 

" Agink (dell') Francesco [Francesco dell' Agine] can- 
celliere degli amò. venuti a Firenze per la cessione 
di Borgo Santo Sepolcro (an. 144'), 150, n. 1 „. 

[Agnese di Franconia] [Henrici mater] tiene sotto tu- 
tela il figlio Enrico IV minorenne, 90, 15-16. 

Agnoli) v. Angelo. 

Agnolo (cardinale di Sant') v. Carvajal Giovanni. 

" Agnolo d. . . . v . [Simonetta Ange/o] „. 

"Agnolo di Nerone di Nigi x>. /Veroni Angelo „. 

Agostino (Sant') [Augustinus] discepolo di sant'Am- 
brogio, è el. vesc. di Ippona in Africa, 43, 9-11; t» 
47, 1-5. 

"Agostino (chiesa di Sant') [Sancto Agostino] v. .Vii- 
poli (chiese), {Sant 1 Agostino) „. 

" Agricola annata v. Firenze (annata agricola) „. 

Agricolae v. Firenze (abitanti del territorio). 

A grippa v. Erode Agrippa I. 

Agrippa figlio di Giulia maggiore e di M. Agrippa è 
adottato come figlio da Augusto, 8, 12. 

Agrippa II [Agrippa] figlio di Erode Agrippa I, suc- 
cede allo zio Erode nel governo d. Calcide, 12, 15- 
17; in sua presenza l'apostolo Paolo espone gli ar- 
gomenti d. propria fede, 13, 27-30. 

Agrippa Castore [Agrippas] scrive in difesa d. Cri- 
stianesimo contro Basilide Gnostico, 20, 2-3. 

Agrippina v. Giulia Agrippina. 

Agrippina [Agrippina], madre di Traiano, rie. 18, 1. 

'Ayvì) owcpui'] v. Costantinopoli (Chiese), (Santa Sofia.) 

Aionb [Aion] condottiero d. Langobardi durante la loro 
discesa in cerca di nuove sedi, 41, 25; rie, 42, 34. 

Aithanaricus v. Atanarico. 

Aitone [./tyto] re dell'Armenia, f e gli succede Livo- 
nio o Leone III, 106, 29-31. 

(Akwood GiovanniJ v. Acuto Giovanni. 

[AladId] [Calypha Aegyptium] è ucciso da Saladino, 97, 
34-35. 

Alamanni [Alamanni, Alexandrini /| devastano la Ga!- 
lia invadendo poi l'Italia fino a Ravenna, 28, 14- 
16; Costanzo I Cloro li sconfigge nel te. rilorio d. 
Lingoni pr. Langres, 30, 42-43; sono vinti da Giu- 
liano Cesare ad Argentarla (secondo Palmieri, ma 
ad Argentorato) in Gallia, 38, 4-6; ad Argentana 
dall'esercito dell' imp. Graziano, 41, 7-9. 

"Alamanno [Alamannus] v 4 Salviati A. „. 

Alani invadono la Gallia insieme ai Vandali, 44, 1-2; 
il loro re Beorgaro è vinto e ucciso pr. Bergamo, 
50, 19-21; rie, 44, 10. 
-- (re degli) [Alanorum rex] v. Beorgaro. 

Alarico [Alaricus] conduce i Goti in Italia insieme a 
Radagasio, 43, 27-28 : successo a Radagasio come 
capo d. Goti, va nella Gallia col consenso di Ono- 
rio, ma, giunto a Pollenza, è, contro i patti, assa- 
lito dalle milizie imperiali, 44, 8-14; prende Roma 
e la mette a sacco. 31-33; f a Cosenza ed è sepolto 
nel letto d. f. Busento, 37-39. 

Alba Fuckntia (territorio di) [Albanus ager] rie, 

106, 4 7. 
"ALBANESI [Albanesi] 14000 sono uccisi dai Turchi 
(an. 1466), 183, 16-19 „. 

"Albvnia [Albania]; Maometto II vi sconfigge Giorgio 
Scanderbeg e vi uccide 14000 Albanesi (an. 1466), 
183, 16-19: rie, 187, 44 „. 



Albano (sant') [Albanus] martire in Inghilterra, 31, 5-6- 

"[Albenga) [genuensis agri maritimum castellimi], assa- 
lita da Niccolò Piccinino, è strenuamente difesa da 
Baldaccio d'Anghiari (an. 1436), 143, 7-9 „. 

Alberico v. " Maiella A. „. 

Alberico (marchese di Camerino) [Albericus] aiuta il 
pp. contro i Saraceni, 82, 28-30; chiama in Italia 
gli Ungari contro i Romani, 37-38. 

Alberico da Romano [Albertus] fratello di Ezzelino, 
dopo aver esercitato crudeltà d'ogni specie, f uc- 
ciso, 105, 13-17. 

" Alberti (famiglia degli) [Albertorum familia] dopo 
quarantanni torna a Firenze dall'esilio ed è resti- 
tuita nella primiera dignità (an. 1434), 139,37-38,,. 

" Alberti (degli) Antonio di Riccardo [Antonio di 
Riccardo degli Alberti] è ucciso in Bologna, durante 
la lotta fra i Bentivoglio e i Da Canneto (an. 1445), 
151, 16 „. 

" Alberti (degli) Matteo [Matteo degli Alberti] fioren- 
tino è mandato con altri a incontrare l' imp. Fede- 
rico III (an. 1451), 163, 1: l'accompagna sino a 
Santa Maria Novella, 3-5 „. 

Alberti imperatoris nepos v. Giovanni di Svevia. 

Alberto T (d'Absburoo) (imperatore) | Albertus] figlio di 
Rodolfo, vince e uccide Adolfo di Nassau e diventa 
imp., 109, 15-17; recatosi al di là d. Reno, è ucciso 
dal nipote Giovanni di Svevia, mentre scende dalla 
nave, 110, 31-32; rie, 109, 18. 
— (nipote di) v. Giovanni di Svrvia. 

" Alberto II (d'Absburgo) (imperatore) [Albertus Il\; 
giunge a Firenze la notizia d. sua f, 146, 9„; rie, 
124, 33. 

Alberto Magno [Albertus Magnus] vesc. di Ratisbona, 
f, 107, 25-26: rie, 104, 38. 

Albertus v. Adalberto, Alberico. 

Albino [ Albinus] succede a Porcio Festo nel governo d. 
Giudea, 13, 44; rie, 14, u-15. 

Albino (Claudio Decimo) [Clodius Albinus] proclamato 
Cesare nella Gallia, è ucciso a Lione, 24, 27-28. 

Albinus v. Balbino (Celio Decimo). 

" Albizzi (degli) (famiglia) [familia] rie, 138, 39 „. 

" Albi zzi (degli) Luca [Luca di mescer Mata, imbascia- 
lore. Luca di messer Maso degli Albizi] mandato 
amb. da Firenze a Venezia, per conoscerne le in- 
tenzioni e chiedere alleanza (an. 1449), 158, 40-41 • 
gli si risponde lasciando ampia facoltà di stabilirne 
i patti al com. di Firenze, 159, 1-3: mal visto in 
Venezia, contraria alla lega con lo Sforza, non è 
invitato al banchetto offerto il giorno di Santo Ste- 
fano, 159, 9-13; è fatto d. Dieci di balìa fra quelli 
d. quartiere di Santo Spirito (an. 1451), 161, 30; è 
mandato commissario al campo pr. Poggibonsi nella 
guerra con Alfonso V (an. 1452), 165, 7-9; è fatto 
di nuovo d. Dieci di balìa in Firenze (an. 1453), 
167, 38 „. 

"Albizzi (degli) Ormanno i Hormannus] figlio di Ri- 
naldo è con lui esiliato da Firenze (an. 1434), 139, 
27-28 „. 

" Albizzi (degli) Rinaldo [Renallns Albizus, Raynaldus 
Albizus, Rinaldus Alhitius eques, Masi equitis filius, 
Rinaldus]: con Palla Strozzi è messo a capo d. 
guerra di Firenze contro Volterra (an. 1429), 132, 
1-2; e l'assedia, 2: è consapevole d. spedizione miii- 



200 



INDICE ALFABETICO 



[Albizi-Alfonso "V] 



tare nel contado di Lucca sotto la guida di Niccolò 
Fortebraccio, 10-11; unico d. sua famiglia si arma 
contro la parte reggente (an. 1434), 138, 38-39; è esi- 
liato, .139, 27-28; incita il Piccinino contro Firenze 
(an. 1440), 146, 16; rie, 139, 30 „. 

" Albizi (degli) (casa della famiglia) [Albitiorum do- 
mas] ; ne escono i congiurati contro il coni, di Fi- 
renze (an. 1434), 139, 3-4 „. 

Alboino [Alòuimes] figlio di Audoino, è el. re d. Lon- 
gobardi, 57, 1-2; i quali egli guida in Italia coi figli, 
le m. ed altri barbari, 58, 40-43; dopo aver con- 
quistata l'Italia dalle Alpi a Ravenna, è ucciso a 
Verona per tradimento d. moglie, 59, 6-8. 

Albuinus v. Alboino, 

Alcinnus v. Alenino. 

Alcuino [Alcinnus], precettore di Carlo Magno, fonda lo 
studio di Parigi, 74, 13-15. 

Aleratense oppidum v. Arles. 

Alessandria d'Egitto {Alexandria} ; San Marco vi fonda 
la prima eh. d'Egitto, 13, 4-5; vi passa Vespa- 
siano, 15, 25; devastata dai Romani, è poi restaurata 
a pubbliche spese per ordine di Adriano, 19, 12; 
Origene vi frequenta le scuole, 24, 37; è colpita da. 
grave pestilenza, 27, 26-27; ribellatasi con tutto 
l'Egitto al dominio Romano, è presa per assedio da 
Diocleziano, 30, 33-35; vi è prete Ario, 33, 3-4; vi 
torna Atanasio il Grande, 36, 15; vi torna Atana- 
sio dopo la cacciata degli Ariani dalle eh., 38, 22-33; 
vi è trasportato il corpo di sant'Antonio monaco, 
57, 21-23; vi tornano i Saraceni carichi di preda, 
dopo aver saccheggiata la Sicilia, 66, 11-12; rie, 11, 
U; 26, 1, 8. 

— (chiesa) [Alexandria ecclesia] rie, 14, 4-5; 16, 31- 
32; 27, 7-8; 34, 11. 

— (chiese) [Alexandrinae ecclesiaè] ; ne sono cacciati 
gli Ariani, 38, 22. 

— (vescovi) [qui Alexandrinae ecclesiae praesident epi- 
scopi, Alexandrinae urbis episcopus, episcopus] v. Abi- 
lio, Ammiano, Atanasio, Cirillo, Dioscoro, Eraclio, 
Marco (san), Pietro (san), Teofilo (san), Timoteo. 

Alessandria (della paglia) [Alexandria] è edificata 
contro i Pavesi, ai piedi d. Alpi, di fronte a Pavia, 
sul Tanaro, e così chiamata dal nome di pp. Ales- 
sandro III, 96, 43-97, 3; "rie, 164, 18 „. 

Alessandro [Alexander, Alexandro] v. Sforza A., Ales- 
sandri (degli) A. 

Alessandro [Alexander] zio paterno di Costantino VII, 
regge l'imp. d'Oriente col nipote Costantino, 81, 
36-39. 

Alessandro I (papa) [Alexander] rie, 18, 34-35. 

Alessandro II (papa) [Alexander II] combattuto dal- 
l'ant. Ghiberto, è finalmente confermato, per intro- 
missione dell'imp., 90, 40-91, 3; rie, 90,36. 

Alessandro III (papa) [Alexander III] perseguitato dal 
Barbarossa, si rifugia in Francia ; e, essendogli op- 
posti da Federico quattro antipapi, riesce vittorioso 
con l'aiuto d. re di Francia e d. re d'Inghilterra, 
96, 35-42; da lui prende nome Alessandria, 97, 2-3; 
rifugiatosi a Venezia per timore dell' imp. è da co- 
stui mandato a cercare con una fiotta guidata da 
Ottone, 97, 40-98, 1 ; si pacifica con Federico e onora 
i Veneziani in modo speciale, 98, 4-8; rie, 96, 34. 

Alessandro IV (papa) [Alexander UH] riprova certi li- 



belli asserenti che non si possono salvare i religiosi 
che vivono di elemosina, 105, 11-12; rie, 104, 32. 

Alessandro V (papa) [Alexander V, Alexander Cretensis] 
è el. dal concilio di Pisa, 121, 39: concede il regno 
di Napoli a Luigi II d'Angiò, 41-42: rie, 40. 

Alessandro (vescovo di Gerusalemme) [Alexander] el. 
vese di Gerusalemme mentre era ancora vivo il 
predecessore Narciso, regge la Ch. con lui, 24, 43- 
25, 2; mari., 27, 19-21. 

Alessandro Severo (Alessiano Bassiano Aurelio 
Marco) (imperatore) [Alexander imperator] vince 
Ardaserse, re d. Persiani, 30-31 ; ha per tutore il 
giureconsulto Domizio Ulpiano, 37-38; la sua cle- 
menza e bontà lo rendono gradito al pop., 26, 4-7 ; 
è ucciso in un tumulto militare pr. Magonza, 13-14; 
rie, 25, 29; 26, 10. 
(terme di) [tkermae Alexandrinae] v. Roma (terme). 

"Alessandri (dlgli) Alessandro [Alexander Alexandrius, 
Alexandro degli Alexandri ] è fatto d. Dieci di ba- 
lìa in Firenze (an. 1439), 145, 20; è mandato con 
altri amb. a pp. Niccolò V (an. 1447), 154, 7-10; è 
mandato con altri a incontrare l' imp. Federico III 
(an. 1451), 162, 46; l'accompagna sino a Santa Ma- 
ria Novella, 163, 3-5; è creato cav. da Federico III 
(an. 1452), 19; è fatto di nuovo d. Dieci di balìa, 
165, 18; va amb. a Livorno a visitarvi Giovanni 
d'Angiò (an. 1459), 80, 5 „. 

Alessio IV (imperatore) [Alexius] figlio di Isacco, el. 
imp. di Costantinopoli, è tosto ucciso dai Greci, 
100, 22-25. 

Alessio V (Murzuflo) (imperatore) [Mortulphus] rie 
dal Palmieri come imp. d'Oriente, senza indicazione 
di data dopo Niccolò Canabe, 85, 41-45. 

Alexander v. Alessandro. 

"Alexandri (degli) v. Alessandri „. 

Alexandria v. Alessandria d'Egitto, Alessandria della 
paglia. 

Alexandrina ecclesia v. Alessandria (chiesa di). 

Alexandrini 1 v. Alamanni. 

Alex^ndrini v. Alessandrini. 

"Alexandrius v. Alessandri (degli) „. 

" Alexandro v. Alessandro ,. 

Alexius v. Alessio. 

Alfonso v. Pietro Alfonso. 

[Alfonso V (re d'Aragona e di Napoli) (il Magna- 
nimo)] [Arragonensis rex, rex Catalanus, rex, rex Rao- 
ncnsinm, rex Arragonensìum, el re di Raona, Arrago- 
ncnsium et Apuliac ac Siciliae rex, potenza nemica a 
Carlo VII di Francia] "pretende il trono di Napoli, 
dopo la f di Giovanna II (an. 1435), 141, 41-42 „; è 
fatto prigioniero dai Genovesi pr. Gaeta ma, con- 
dotto a Filippo Visconti, è rilasciato (an. 1435), 124, 
22-25; "142, 9-15 „ ; con sdegno d. Genovesi, 124, 
26-28; "con l'aiuto d. Visconti si accinge col fratello 
alla conquista d. regno di Napoli, 142, 17-18 „; prende 
Napoli dopo lungo assedio e occupa il regno (an. 
1442), 124, 37-39; " 150, 36 „; " per invito di Euge- 
nio IV combatte nella Marca contro Francesco Sfor- 
za, e, messolo in fuga, torna a Napoli (an. 1443), 
151, 4-6; Firenze gli manda un ambasciatore (an. 
1446), 151, 24-25; due gliene manda lo Sforza a Fer- 
rara per la pace, ma non si conchiude nulla, 34-36; 
va a Tivoli in aiuto d. patriarca Lodovico Sca- 



[Alfonso V] 



INDICE ALFABETICO 



201 



rampi (an. 1447), 153, 42-4*; va dicendo di voler 
passare in Toscana e di aver già mandati) fanti 
verso Piombino e nel territorio di Siena, 154, 33- 
35 ; Firenze gli manda l' amb. Giannozzo Marietti, 
41-42; Angelo Morosini assale in suo nome Casti- 
glione della Pescaia, 155, 21-22; viene fino ai piedi 
di Orvieto, dicendo di voler muovere contro Fi- 
renze, 23-24; scrive a Firenze chiedendo 200000 fio- 
rini come risarcimento di danni ricevuti venticinque 
anni addietro e si protesta fermo nel proposito di 
distruggere quel com., 24-28 „ ; senza esser provocato 
muove guerra a Firenze e occupa castelli lungo il 
Mar Tirreno, 124, 24-27; "passa a lui Simonetto 
da Castel San Piero, 155, 31-32; risponde agli am- 
basciatori fiorentini d'aver rivolto le armi contro 
Venezia, usurpatrice d. terre da lui ereditate in 
Lombardia dal Visconti, e contro Firenze, alleata 
di Venezia; di esser deciso a riconquistar quelle 
terre, ma disposto, dietro gravissime condizioni, ad 
accordarsi con Firenze, 36-46; fa proposte di alleanza 
ai Senesi e ai Perugini a cui chiede anche il pas- 
saggio pei territori e l'aiuto di guastatori, 155, 1-2; 
si protesta risoluto a pretendere da Firenze i patti 
già da lui proposti e da Venezia la restituzione di 
tutto il suo e il rifacimento d. danni, 156, 3-6; 
marcia verso Siena, senza alloggiar mai in territo- 
rio fiorentino, 8, 10; fermatosi cinque giorni in quel 
di Siena, muove quindi verso Val d' Elsa e si ferma 
a Quartaia, prosegue per Volterra e Pomarance 
il quale ultimo prende e saccheggia, 15-19; prende 
alcuni castelli nel territorio di Volterra, indi s'af- 
forza in Porto Baratto, 24-26 ; ma, essendo in breve 
privato di quelle conquiste, lo abbandona e s'im- 
padronisce di Castiglione della Pescaia, 26-28; a Ber- 
nardetto de' Medici venuto a lui per trattar di pace 
in nome di Firenze, propone troppo gravi patti 
(an. 1448), 31-36; va dicendo di voler metter campo 
a Campiglìa e si volge a Piombino sperando otte- 
nerlo sotto apparenza d'amico, ma, non riuscendovi, 
vi pone il campo, 39-41 „; 126, 33-40; "i Senesi lo 
forniscono di vettovaglie, 156, 43 ; è accampato a 
cinque miglia da Piombino, 157, 7; i Fiorentini 
cercano di costringerlo ad abbandonare 1' impresa 
contro Firenze, 28-29; si stabilisce di far scendere 
contro di lui Renato d'Angiò, 33-37; i Fiorentini 
non riescono ad accordarsi con lul„, 47-158, 4; sic- 
come Firenze, anche con l'aiuto di milizie mandate 
dal conte Everso Orsini e di altri di quella fami- 
glia, prepara un esercito contro di lui, trovandosi già 
senz'altro in cattive condizioni, leva il campo da 
Piombino e si ritira verso Civitavecchia, e quindi nel 
suo regno, scornato e male in arnese, 126, 34-40; 
" 158, 4-6 „; " non consente ai patti fissati per la pace 
fra lui e Firenze, dal card. Morinese, 158, 17-18; ri- 
conquista Castiglione della Pescaia che gli era stato 
tolto da Giovanni delle Treccie in nome di Firenze 
(an. 1449), 43-46; tratta con gli ambasciatori di Firenze 
d. pace che vien poi conchiusa in Castel di Sangro in 
Abruzzi (an. 1450), 159, 33-35; fa pace con Venezia, 
36; fa noto al com. di Firenze di aver fatto guerra 
nel regno di Napoli a fine di pace, nella Marca e 
nel Lazio per restituire i suoi diritti alla Ch.; d'aver 
fatto lega con Venezia a difesa e non ad offesa degli 



stati: di desiderare conservata la pace; di voler 
allontanare tutti i mercanti fiorentini da' suol stati, 
qualora Firenze seguiti a favorire chi desidera la 
guerra (an. 1451), 160, 27-41: rifiuta l'offertagli si- 
gnoria di Piombino per non contravvenire ai patti 
d. pace, 41-45; espelle dalle sue terre tutti 1 Fioren- 
tini, dicendo di fare ciò per obbligo verso i Ve- 
neziani, 161, 14-15; Firenze gli manda l'amb. Gio- 
vannozzo Pitti, 34: manda a Perugia un amb. il 
quale ottiene il salvacondotto da Firenze, 162, 30- 
31 ; un suo amb., andato a Genova e ivi incolpato 
di segreti trattati, è imprigionato, 35-37 ; altri ne 
manda a Bologna d'onde partono con poco profitto, 
37-38; visitato in Napoli dall' imp. Federico III e 
dall'imperatrice, li accoglie con grandi onori (an. 
1453), 163, 36-37; Carlo VII di Francia l'avverte 
che gli muoverà guerra se offenderà i Fiorentini e 
continuerà a tenere il regno di Napoli, 165, 28-30; 
s'impadronisce di Vada, 167, 8-11; Niccolò V gli 
chiede ambasciatori per conchiudere la pace (an. 
1453), 23-25 ; risponde al pp. che non potrà dargli de- 
finitiva risposta se non quando si sarà accordato coi 
Veneziani, 26-28; Gherardo Gambacorta viene a patti 
con lui per cedergli, in cambio di altre terre in Pu- 
glia, Bagno di Romagna e altri piccoli castelli, 168, 
28-31; manda a Roma un'ambasciata per trattar d. 
pace, 169, 44; non vuol saperne di restituire Gavor- 
aano, Castiglione e Gello ai Fiorentini (an. 1454), 
171, 43-44; guerreggia per mare coi Genovesi, 174, 
12-15; manda gli ambasciatori Francesco Damun e 
Michele Riccio alla dieta indetta da Federico III per 
la difesa contro i Turchi, 34-35 : gli mandano amba- 
sciatori Firenze, Venezia e lo Sforza per Indurlo a 
entrare nella loro lega, 39-46; manda ad assalire la 
flotta genovese, conquistando sette navi, 175, 5-6; 
il mare abbatte d. ripari che aveva fatto costruire 
nel porto di Napoli e gli guasta parecchi navigli, 
9-12; gli è mandato da Niccolò V l'amb. Bartolomeo 
Capranica per convincerlo a entrare nella lega, 13- 
14; gli dà udienza a Gaeta, 15; gli consegna per 
iscritto la relazione di certi particolari che vuole 
aggiunti ai capitoli d. pace di Lodi, pregando gli 
ambasciatori di parteciparli ai loro governi e in- 
vitandoli nel frattempo a Napoli, 15-18; conchiude 
in Napoli la pace e l'alleanza (an. 1455), 18-24; Fi- 
renze gli manda Matteo Palmieri per notificare la 
ratificazione d. pace e d. lega, 32-34; manda aiuti 
di vettovaglie e di danari a Iacopo Piccinino che 
combatte contro Siena, 176, 4-5; paga insieme col 
pp. 30000 fiorini all'anno a Iacopo Piccinino, 7-8; 
giudica che i Fiorentini debbano pagare, 3 300 fio- 
rini a un tal Fusciarra, suo fidato, il quale, preso 
nella precedente guerra e obbligato a pagare una 
taglia, sebbene munito d' una lettera di passo d. 
Sforza, era stato da lui invano più volte richiesto 
a Firenze (an. 1437), 177, 36-43; manda a pp. Cal- 
listo III Pietro Gambacorta, perchè induca Firenze 
a restituire a Gherardo Gambacorta le terre tolte- 
gli, quando si volse alla sua parte, 44-178, 1; mi- 
naccia il pp., perchè condanni Firenze, 10-11: manda 
trenta galee in aiuto d. fuorusciti genovesi, 20-21; 
manda Iacopo Piccinino con mille cavalli ai danni 
di Sigismondo Pandolfo Malatesta di cui si diceva 



1-S2 



INDICE ALFABETICO 



[Alfonso V-Amalasunta] 



roditore per 26000 ducati, 25-28; per pretesi anti- 
chi danni chiede 18000 ducati ad Astorre II Man- 
fredi, 178, 23-30; f in Napoli (an. 1438), 179, 7-8; 
gli succede il figlio illegittimo Ferdinando, 8-9: rie, 
154, 38; 150, 12; 157, M; 158, 3, 11, 12, 25, 27; 162, 
40; 166, 1; 168, 35; 171, 31; 172, 13; 173, 14-15: 
175, 1, 2, 25; 178, 9, 31; 179, 2; 181, 6; 
Alfonso V " (ambasciatori di) [JVuncii regis, amba- 
sciadore] v. Fra Puccio Frierio da Monteza, Becca- 
delti Antonio détto il Panormita „. 

— " (armata di) [Navili raonesi, armata, armala del 
re, dicti Catelani, Catalani, navili raonesi] avviata 
verso Genova, passando per Castiglione della Pe- 
scaia, vi lascia gente che riconquista quella terra al 
re (an. 1449), 158, 45-46; certi navigli si impadro- 
niscono d. nave Squarciando di Genova, su cui erano 
più di 100 000 fiorini d'oro (an. 1453), 168, 13-14; 
rie, 167, 13; 174, 14 „. 

— " (figlio di) [el figlio del re di Raona] v. Ferdi- 
nando I d' Aragona „. 

— " (milizie) [i raonesi, i Catalani, le gente raonese, 
l'esercito del re, el campo raonese] contro lo Sforza 
(an. 1446), 151, 29-31; i fanti entrati in Cennina, 
venuti ad accordo, la lasciano restando a loro volta 
liberi, all' infuori di pochi che poi si salvano (an. 
1447), 155, 18-20; nella guerra contro Firenze son 
con esse Federico II di Montefeltro, Paolo da San- 
guine, Everso Orsini, il conte di Celano, Antonio 
Caldora, il duca di Sori, e, a capo di tutte, sta 
Ferdinando d'Aragona (an. 1452), 164, 30-33; en- 
trano nel territorio di Cortona, 39 ; accampatesi 
a Foiano, dopo parecchi scontri, occupano quella 
terra, lasciando salve le persone e le robe, 44-165, 
3; entrate nel Chianti combattono a Cacchiano e 
prendono Rincine, indi s'accampano alla Castellina 
senza riuscire ad occuparla, 4-6; perciò levano il 
campo e si fermano a Colle Val d'Elsa, 166, 20-26; 
ottocento fanti sono a difesa di Vada, 167, 13; 
prendono la nave Squarciafico ai Genovesi, 168, 13; 
andate a Corzano per ricevere Bagno di Romagna 
e altri castelletti, secondo i patti fatti con Gherardo 
Gambacorta, questi consegna loro le chiavi (an. 
1453), 168, 34-35; gli abitanti di Bagno non li vo- 
gliono ricevere e così fanno altri castelli, così che 
se ne vanno senza aver nulla ottenuto, 36-41: lasciati 
a discrezione d. nemico dai Foianesi introducono 
gente di Alessandro Sforza che mette a sacco Foia- 
no, 169, 7-10; molti di essi sono fatti prigionieri, 
11; prendono la torre di V aliano che restituiscono 
poi a patti ricevendo 2000 fiorini, 15-16; rie, 162, 
40; 178, 9 „. 

Alfonso VII (re di Castiglia e Leon) [Alfonsus, Hispa- 
niae rex] f tornando dalla Palestina, e gli succede 
il figlio Sancio III di Castiglia, 96, 15-17. 

Alfonso IX (re di Leon) [Alfonsus] figlio di Ferdinan- 
do II di Leon, gli succede, 96, 19. 

" Alfonso II (d'aragona) (re di Napoli) [Alfonsus, Ca- 
labrie dux, Alfonsus, Ferdinandi regis Apulie primo- 
genitus filius] primogenito di Ferdinando I e duca 
di Calabria, si congiunge con l'esercito d. p. agli 
eserciti d. collegati (an. 1467), 186, 22-26; contro 
Taddeo Manfredi, 27; si accampa nel territorio di 
Pisa oltre Arno, 187, 11 „. 



— (figlia di) [filiola etate parvula Alfonsi, Calabrie 
ducis] v. Isabella d'Aragona. 

"[Alfonso V (di Borgogna) (re di Portogallo)] [il 
re di Portogallo] fratello di Eleonora di Borgogna, 
sposa dell' imp. Federico III (an. 1451), rie, 162, 6-7 „. 

Alì [Haly, Achaly\ regna sul trono di Maometto, 63, 
22-23; è cacciato, 23-24; contro di lui si solleva 
un nuovo Califfo, Al-Moavia, 24-27. 

Aliuolfo [Alidulpkus], re d'Inghilterra, rende le sue terre 
tributarie al pontefice, 77, 38-41. 

Alighieri Dante [Dantes Aligherius] nasce a Firen- 
ze, 105, 38; f a Ravenna in esilio, 112, 9-10; rie, 
109, 35. 

[Alkamil] [maximum princeps Aegypti, Soldanus] sultano 
d' Egitto viene a patti con Federico II e gli per- 
mette l'ingresso in Gerusalemme, 102, 36-40. 

"Alleanze: (an. 1435), 141, 4-14: (an. 1439), 145, 7-9; 
(an. 1441), 150, 12-13; (an. 1442), 35; tra Milano 
e Francia (an. 1446), 153,38-40; tra Firenze e il re 
di Francia (an. 1448), 157, 33-38; tra Firenze, Mi- 
lano e Venezia (an. 1454), 174, 19-26; tra Venezia, 
il pp. e Alfonso V, 175, 15-28; tra la Francia e Mi- 
lano (an. 1463), 182, 18-21 ; (an. 1466), 185, 1-6; tra 
l'imp. Federico III, il pp. e Venezia (an. 1469), 
188, 24-25; (an. 1470), 189,45; tra Firenze, Milano, 
Napoli, il pp. e Venezia (an. 147 1), 190,30-37; tra 
Venezia e Milano (an. 1474), 192, 33-37; richieste 
di alleanza fatte a Firenze dal re d' Ungheria (an. 
1470), 189, 34-37; trattative d'alleanza (a. 1466), 184, 
27-29 „ ; v . anche Diete, leghe, paci, trattati. 

Alletto [Alletus] occupa, dopo Carausio, la Brettagna, 
30, 38. 

[Allucingoli Ubaldo] v. Lucio III. 

Almea (monte) [Alinea mons] nella Pannonia, è pian- 
tato di viti per ordine dell' imp. Probo, 29, 26-28. 

Al-Moavia [Calipha] si solleva contro il Califfo Alì, 
63, 24-27. 

" Alò (Sant') [Sancio Lo] rie, 174, 7, 10 „. 

" Alonso (don), comandante di forze aragonesi, s'accam- 
pa in quel d'Arezzo (an. 1467), 187, 13; rie, 186, 23 „. 

[Alp-Arslan] v. Belzethus. 

Alphonsus v. Alfonso. 

Alpi [Alpes] vi f,- mentre le passa per recarsi in Fran- 
cia, Carlo il Calvo, 80, 1-2; rie, 56, 30; 59, 2, 6, 
31; 96, 43; 117, 20; 120, 8, 33. 

— Cozie [Alpes Coctiae] sono ridotte a provincia ro- 
mana dopo la f di Cozio, 14, 20-21. 

[Altavilla] v. Roberto Guiscardo, Guglielmo il Malo, 
Ruggero conte di Sicilia, Ruggero II. 

Altino [Altinum] rie, 22, 13. 

Altisidoriensis comes v. Pietro di Courtenay. 

" Altoviti Antonio [Antonius Altovita Vieri filius] figlio 
di Vieri, è confinato per aver favorito i perturba- 
tori d. repubblica fiorentina (an. 1434), 139, 30-33 „. 

" Altoviti Sandro [Sandrus Altovita] fiorentino è con- 
finato (an. 1434), 140, 29 „. 

Alvise [Luigi] v. Loredano A. 

Amadeus v. Amedeo Vili duca di Savoia. 

Amalasunta [Amalasuntha, regina] succede a Teodorico 
come reggente pel figlio Atalarico ancora fanciullo, 
54, 29-31 ; morto il quale, si associa nel regno il cu- 
gino Teodato, dal quale è tosto uccisa, 55, 16-19; 
rie, 38-42. 



[Amalasunta-Autefario] 



INDICE ALFABETICO 



203 



Amalasunta (FIGLIA di) \rcginae Jìlia] v. Malasunta. 

Amalrico (re di Gerusalemme) [Amaricus], succede al 
fratello Baldovino III e vince Dargonte, capo degli 
Egiziani, 97, 14-17; rie, 98, 10. 

Amanati Iacopo [Iacopo da Lucha, cardinale di Pavia\ 
è fatto card. (an. 1461), 181, 3-4. 

Amando [Amandus] capo di ribelli in Gallia; contro di 
lui per ordine di Diocleziano va in Gallia Massi- 
miano, 30, 6-8. 

Amaricus v. Amalrico. 

Amasia o Amasia (vescovo di) \Amasiae cpiscopus] v . 
Basilio (San). 

Ambasciatori [nuncii, oratores, ambasciatori] v. Alfon- 
so V d' Aragona (ambasciatori), Carlo VII di Fran- 
cia (ambasciatori), Ferdinando I d'Aragona (ambascia- 
tori), Firenze (ambasciatori), Sforza Galeazzo (amba- 
sciatori), Venezia (ambasciatori). 

Ambiani v. Amiens. 

Ambrogio (Sant') [Ambrosius, beatus Ambrosius]; mentre 
è vesc. di Milano, si converte tutta Italia alla re- 
ligione cattolica, 40, 34-35; maestro di sant'Agosti- 
no, 43, 9. 

— (festa del miracolo di Sant') " rie, 174, li „. 
Ambrogio il Camaldolese [Ambrosius Camaldolensis] 

dottissimo nelle lettere greche e latine, 125, 9-12. 

Ambruogio [la festa del miracolo del Sanclo] v. Firenze 
(festa di Sant' Ambrogio). 

[Amburgo] \apud Saxones]; vi f in esilio pp. Bene- 
detto V, 85, 8-9. 

Amedeo Vili di Savoia (duca) [duca di Savoia, Ama- 
deus Sebaudiae dux\ " è el. prima vesc. di Vercelli, 
poi pp. col nome di Felice V dal concilio dì Basilea 
(an. J440), 146, 13-17 „; 124, 38-39. 

" [Amedeo IX di Savoia (duca)] [Sebaudie dux, Sebau- 
diensis] ; il cognato Luigi XI manda a lui perchè 
voglia dare la figlia Bona in m. a Galeazzo Sforza, 
ma egli non acconsente (an. 1467), 185, 27-29; ac- 
consente l'anno dopo (an. 1468), 29-30; è assalito 
nel Vercellese da Galeazzo Sforza (an. 1467), 187, 
3; sua figlia Bona sposa Galeazzo (an. 1468), 188, 
13-14 ,. 

— (figlia di) v. Bona di Savoia. 

Amiens [Ambiani]; vi è proclamato imp. Graziano, 39, 
25-26. 

Ammiano [Ammianus] succede a san Marco evangelista 
come vesc. di Alessandria, 14, 5. 

Ammonio [Ammonius] filosofo cristiano, maestro di Ori- 
gene, rie, 24, 18-19. 

Amonis fluvius v. Lamone. 

Amonis Vallis v. Lamone ( Val di ). 

Amoraus Donatus v. Donato Almorò. 

Amphitheatrum v. Roma (Colosseo). 

Anacleto [Anacletus] in alcuni scrittori si trova anno- 
verato fra i pp. (dice il Palmieri che lo esclude dalla 
serie), "XX, 11 „; 18, 9-10. 

Anacleto (antipapa) [Anacletus antipapa] è favorito 
dai Romani contro Innocenzo II, 94, 35-36. 

Anagni [Anania], Sciarra Colonna vi imprigiona Boni- 
facio Vili, 109, 40-110, 2. 

Anania v. Anagni. 

Anastasio I (imperatore d'Oriente) [Anastasius] f col- 
pito dal fulmine, 54, 16; rie, 53, 5. 

Anastasio II (imperatore d'Oriente) [Anastasius], de- 



pone Filippico e gli succede sul trono, 68, 41-42; è 

deposto e cacciato da Teodosio III, 69, 6-7; rie.» 

69, l. 
Anastasio I (papa) [Anastasius] rie, 43, 22-24. 
Anastasio II (papa) [Anastasius II] rie, 53, 21. 
Anastasio III (papa) [Anastasius III] rie, 82, 19. 
Anastasio IV (papa) [Anastasius UH] rie, 96, 20. 
Anchonitana (navis) v. Ancona (nave di). 
"Ancona; vi f pp. Pio II (an. 1464)' 182, 26; che vi 

preparava la guerra contro i Turchi, 27 „. 

— (da) v. Cirillo da Ancona. 

— (nave di) [navis Anchonitana] u carica di mercanti 
fiorentini tornanti da Costantinopoli con le loro 
merci, è presa dai Veneziani (an. 1467), 187, \%-v> „. 

Andagavense cardinale V. Estontville (d') Guglielmo. 

Andegavia v. Angiò. 

Andegavie dux v. Angiò (duchi di). 

Andelgisius v. Adelchi. 

" Andrea [Andreas] v. Baldesi A. di Sennino, Giugni A., 
Guardi A., Minerbetti A., Rondinelli A. „. 

Andrea (Sant') [Andrea apostolus] ; se ne trasportano le 
ossa a Costantinopoli, 38, 7-9. 

Andrea (d'Ungheria) (re di Napoli) [Andrea] marito 
di Giovanna I, è designato successore da Roberto di 
Puglia, 114, 28-32; è strangolato con la complicità 
d. parenti, 37-40. 

Andrea I (re d'Ungheria) [Andreas, Pannoniae rex] già 
vecchio, abdica col consenso d. fratello Bela, in fa- 
vore d. figlio Salomone e poco dopo f, 89, 3-6. 

Andronico (imperatore) [Andronicus] regna in Oriente, 
dopo Giovanni Zimiscè, 85, 41-45. 

Andronico II (imperatore) [Andronicus] succede a Mi- 
chele Paleologo, 110, 19-20. 

" Angelo [Agnolus, Agnolo, Angelo, Angnolus] v. Ac- 
ciaioli A., Busini A., Morosini A., Pergola A., Simo- 
netta A. „. 

Angelo (Sant') (cardinale di) v. Carvajal Giovanni. 

" Anghiari [Anglares] ; vi pongono gli accampamenti 
le milizie fiorentine (an. 1440), 148, 44; il 39 giu- 
gno il Piccinino vi è vinto dalle milizie di Firen- 
ze, 149, 22-25 „. 

— " (d') v. Baldaccio d' Anghiari, Gregorio d'A. „. 
Angiò (d') [Andegaviae dux] v. Carlo I d'A., Carlo II 

d'A., Giovanni d'A., Luigi I d'A., Luigi II d'A., 
Renato d'A., Roberto d'A. 

" Anglares v. Anghiari „. 

Angli v. Inglesi. 

Anglia v. Inghilterra. 

Angnolo v. Angelo. 

Anibale v. Annibale. 

Aniceto (papa) [Anicelus] rie, 21, 16-17, 19. 

Aniene [Anienis rivus] portato a Roma con un acque- 
dotto al tempo di Claudio, 12, 4-6. 

Annales v. Palmieri Matteo. 

Anneo Seneca v. jVovato Anneo Lucio, Seneca Annco Lucio. 

Annibale [Anibale] v. Bcntivoglio A. 

Anselmo di Canterbury (Sant') [Anselmus canturien- 
sis] rie, 92, 10-1 1. 

Ansprando [Asprandus] è assegnato come tutore da Cu- 
niperto al proprio figlio Liutberto. 68, 24-25; è vinto 
da Ragimberto, 26-27 ; regna per tre mesi sui Lon- 
gobardi, b9, 27-28. 

Antefario [Anthefarius]; secondo Palmieri un duce d. 



204 



INDICE ALFABETICO 



LAntella- Appiano] 



Langobardi di questo nome porta aiuto a Grego- 
rio II contro Leone Isaurico, 69, 37-39. 

" Antella (dell') Roberto [Robcrtus Antellensis] fioren- 
tino è esiliato (an. 1434), 140, 24 „. 

Antemio- (Flavio) (imperatori;) [Anthewnius] ordina che 
Servando sia mandato in esilio, 50, 25-27; fa deca- 
pitare un pretendente all' imp., 28-29 ; è ucciso da 
Recimero, 38-39 ; rie, 23-24. 

Antemio (vescovo Ariano) [Anthennius] è condannato 
da pp. Giovanni II, 55, 34-35; rie, 56, 15. 

Antero (papa) [Atherus] rie, 26, 26-27. 

Anthefarius v. Ante far io. 

Anthemnius v. Antemio. 

Anthennius v. Antemio. 

Antiani v. Firenze (Anziani). 

Antiochia di Siria [Antiochia, Antiochia Siriae, Antio- 
chena civiias] è colpita dal terremoto, 19, 1; vi sono 
costruite le terme Severiane durante l'imp. di Set- 
timio Severo, 24, 14-15 ; vi si tengono concili du- 
rante le lotte fra Ariani e Cattolici, 36, 4-8; vi si 
aduna un sinodo, 38, 33 ; è distrutta dal terremoto 
in gran parte, 54, 35-36 ; è presa dai Saraceni, 63, 
33-34 ; i Cristiani la occupano, 92, 25 ; presa, sac- 
cheggiata e quasi spopolata da Bendocnar, 106, 1-3; 
rie, 15, 16; 17, 23: 28, 43. 

— (chiesa di) [Antiochena ecclesia] è fondata da san 
Pietro Apostolo che la occupa per sette anni, 11, 
3-5; rie, 18, 26. 

— (vescovi) [episcopus] v. Ignazio (San), Gerone, Ma- 
cario, Pietro (san), Serapione, Zeno. 

Antiochiae (princeps) v. Federico d'Antiochia. 

Antisidorensis o Antisiodorensis episcopus v. Ger- 
mano vescovo d' Auxerre, Remigio vescovo d' Auxerre. 

" Antonino (Sant') (arcivescovo di Firenze) [l'arcive- 
scovo di Firenze, monsignor Antonio arcivescovo di 
Firenze] el. in luogo d. vese di Pistoia ad andare 
ad incontrare a Ferrara l'imp. Federico III, non va 
(an. 1451), 162, 22-23; canta la messa in Santa Ma- 
ria del Fiore in presenza dell' imp. Federico III (an. 
1452), 163, 17-18; è mandato a rallegrarsi in nome 
di Firenze con Callisto III per la sua elezione (an. 
H55). 175, 35-36; rie, 6; XIV, 23 „. 

Antonino (Tito Aurelio Pio) (imperatore) [Antoni- 
ntis, Titus Antoninus, Antoninus cognomento Pius] tiene 
l'imp. insieme coi figli Aurelio e Lucio, 20, 27-29; 
è chiamato p. d. patria, 32; il filosofo Giustino gli 
dedica un libro d'argomento religioso, 35-36; prov- 
vede piuttosto a difendere le provincie che a guer- 
reggiare, 37-38; per l'onestà è paragonato a Numa 
Pompilio, 21, 9-10; si mostra libéralissimo d. pro- 
prio, ma arricchisce intanto l'erario, 21-23; deposte 
le armi, molte nazioni ricorrono al suo giudizio 
nelle loro contese, 21, 24-26; fa Lorio, 29-30. 

Antoninus v. Marco Aurelio (Elio Vero Antonino). 

Antoninus Caracalla v. Car acalla. 

" Antonio v. Altoviti A., Beccadclli A., Bentivoglio A., 
Busini A., Caldora (da) A., Casa (della) A., Checco 
A. da Yapoli, Cincinello A., Fani A., Mannucci A., 
Ordelajjì (degli) A., Petrucci A., Polentone A., Raf- 
facani A., Ridolfi A., Serristori A.; v. anche Anto- 
nino (Sani 1 ) „. 

Antonio (Sant') [Antonius, Antonius monacus, beatus An- 
tonius monacus] nasce in Egitto, 27, 22 ; eremita, f 



in età di centosei anni, 43-44; ne è miracolosamente 
scoperto il corpo che è trasportato ad Alessandria, 
57, 21-23; rie, "X, 11 „. 

" Antonio (Ser) (compagnia di) v. Firenze (festa di 
san Giovanni) (Processione del 22 giugno) (Compa- 
gnie) „. 

" Antonio da Bologna v. Beccadelli Antonio „. 

Antonio da Padova (Sant') [Antoninus] discepolo di 
san Francesco, f a Padova, 102, 31-32. 

"Antonio da Pesaro; per condanna d. pp., lo Sforza 
deve restituirgli 3000 ducati per danni recatigli in 
Lombardia (an. 1457), 178, 12-14 „. 

" [Antonio I degli Ordelaffi] [Dominus Foroliviensis] 
v. Ordelaffi (degli) Antonio I „. 

Antonio del Vescovo (Sancto) v. Firenze (conventi) 
(convento di sant'Antonio del Vescovo). 

" Antonio di Checco Rosso v. Petrucci A. „ . 

" Antonio di Donderello amò. da Borgo San Sepol- 
cro a Firenze, 150, 4-5 „. 

" Antonio di Mario amanuense fiorentino, rie, VIIT, 22 „. 

• Antonio di Niccolò di Ser Pierozzo [Antonius Pie- 
rotius scriba] fiorentino è confinato per avere favo- 
rito Rinaldo degli Albizi e Rodolfo Peruzzi (an. 1434), 
139, 30-31 „. 

"Antonio di Riccardo degli Alberti v. Alberti (de- 
gli) Antonio di Riccardo. 

Antonius v. Caracalla. 

u Antonius Gezius Casensis v. Casa (della) Antonio di 
Ghezzo „ . 

" Antonius Salv estri filius v. Serristori Antonio „. 

Aper v. Apro. 

Apiano (d') v. Appiano (d'). 

Apocalissi [apocalipsis] ; san Giovanni ne ha la visione 
nell'isola di Patmos, 17, 28-29. 

Apollinare (San) (vescovo di Gerapoli) [Apollinarius] 
rie, 22, 19-20. 

Apollinare (vescovo di Laodicea) [Apolinarius laudi- 
censis] suscita l'eresia che prese il suo nome, con- 
dannata poi da pp. Damaso, 40, 39-42. 

Apollonio (senatore romano) [Apollonius] per aver 
letto al Senato un suo libro sulla fede di Cristo, è 
decapitato, 23, 19-21. 

Apollonio (vescovo di Efeso) [Apollonius qui contra 
Montanum hereticum scripsit] rie, 22, 31-32. 

Apollonio di Calcide [Apollonius stoyeus natione chal- 
cidicus] rie, 21, 7-8. 

Apollonio Tianeo [Apollonius Thianeus] filosofo rie, 

17, 19-20. 

Apostoli [discipuli, Apostoli] v. Filippo, Giacomo, Gio- 
vanni, Luca, Marco, Matteo, Paolo, Pietro ; " rie, 
nella processione d. 22 giugno in Firenze (an. 1454), 
173, 33; rie, 191, 8 „. 
— (atti degli) [apostolorum acta] v. Atti degli Apo- 
stoli. 

Appennino pistoiese v. Pistoia (Appennino di). 

" Appiano (d') Emanuele [Mannello di messer Iacopo 
iPApiano] è el. signore di Piombino alla f di Ca- 
terina d'Appiano Orsini (an. 145 1), 160, 20-21 „. 

Appiano (d') Iacopo [Iacobus Appianensis] cancelliere di 
Pisa tenta usurpare il dominio d. e, uccidendone il 
signore, Pietro Gambacorta, 119,32-35. 

" [Appiano (d') Iacopo II] [Piombini dominus. Signore di 
Piombino] congiura con Martino V contro Firenze 



[Appiano- Ariani] 



INDICE ALFABETICO 



205 



(an. 1431), 133, 34-36; f («»■ I44*)t 146, 40-41 „■ 

" [Appiano (d') Orsini Caterina] [Madonna di Piom- 
bino] f (an. 145 1), 160, 20 „. 

Appulie ac Sicilie rex v. Napoli e Sicilia (re di). 

Apro [Aper] suocero di Numeriano lo uccide, 29, 42-44; 
è ucciso da Diocleziano, 30, 4-5. 

Apuli; muove loro guerra Ottone II, perchè non vo- 
gliono ribellarsi all'imp. di Costantinopoli, 86, 7-9. 

Apulia v. Puglia, Italia Meridionale. 

AquAE salubres v. Bagno di Petriolo. 

AquAPENOENs v. Acquapendente, 

Aquila [Aquila urbs, Aquila]: vi è vinto e ucciso dalie 
milizie d. pontefice Braccio da Montone che l'aveva 
assediata, 123, 28-30; " si dà a Giovanni d'Angiò 
(an. 1459), 180, 10; rie, 164, 23 „. 

Aquileia [Aquilegia, Aquileia]; vie ucciso l'imp. Mas- 
simino, 26, 22; vi è ucciso Quintilio. fratello di 
Claudio il Gotico, dopo diciassette giorni di regno, 
28, 39; è assediata da Attila, 48, 40-41 ; e da lui presa, 
49, 7-8; vicino ad essa, sull'Isonzo, Teodorico scon- 
figge l'esercito di Odoacre, 52, 18-21. 

— " (patriarca di) v. Scarampi Lodovico „. 

— (vicinanze di) [non longe ab Aquileia, apud Aqui- 
leiam]; vi è ucciso Costantino II, 35, 19-20; vi è spo- 
gliato d. insegne e condannato a morte l'usurpatore 
Massimo da Teodosio e Valentiniano, 42, 27-29. 

AquiSGRANA [Aquisgramim] : Carlo Magno vi fa traspor- 
tare opere d'arte da Roma e da Ravenna, per ornarne 
la basilica, 74, 24-27 ; Carlo Magno vi f, 75, 33-36. 

Aquitania è assegnata a Vallia dal gen. Costanzo, 45, 
38-40; Carlo Magno ne caccia il re Unaldo e la oc- 
cupa, 72, 16-17. 

— (re dell') [Aquitaniae rex\ v. Unaldo. 

Arabi [Arabes, Saraceni, Mauritae, Afri, Egyptiì] sono 
vinti da Settimio Severo, 24, 12-13; si combatte con- 
tro di essi in Siria, 63, 9-10; ribellatisi a Eraclio, 
saccheggiano Gerusalemme e prendono Antiochia, 
33-34; cacciato Ormisda, re d. Persiani, occupano la 
Persia, 35-36; occupano la maggior parte dell'Asia, 
64, 29-30; invasa e saccheggiata la Sicilia, tornano 
ad Alessandria carichi di preda, 66, 11-12; gli Arabi 
Egiziani invadono l'Africa e saccheggiano Carta- 
gine, 41-42; dopo dieci anni dacché tenevano la 
Spagna, invadono la Gallia, ma sono sconfìtti, 69, 
20-22; assediano Costantinopoli, 23-25: dall'Africa 
vanno in Ispagna e ne occupano una parte, 70, 
24-26 ; v. anche Maomettani, Saraceni. 

Arabia; vi nasce Maometto, 60, 39-41; rie, 25, 35; 96, 18. 

Aragona [Raona, Aragona] rie, 154, 37; 179, 8. 

— (i)') v. Alfonso II d'A., Ferdinando I d , A., Leono- 
ra d'A. 

— (re di) [Arragonensis rex, Arragonensium rex, Re di 
Raona, Raonensium re\\ v. Alfonso V, Ferdinando II, 
Giacomo II, Giovanni II, Giovanni I V, Pietro d'A. 

Aragonesi [ Arragonenses, Raonenses, Raonesi, Catalani, 
Aragonesi, nobilcs] "si preparano alla guerra per la 
successione al trono di Napoli (an. 1435), 142, 3„; 
vincono la flotta di Carlo II d'Angiò nelle vicinanze 
di Napoli, 108, 11-12; sono vinti per mare pr. Gaeta 
dai Genovesi, 113, 28-29; "142, 7 „; "molti nobili 
sono fatti prigionieri con altri tremila, mentre un 
gran numero ne perisce in mare, 9-11 „; rie, 110, 
25; 125, 37; 126, 24; "142, 16; 168, 13 „. 



— (re DEGLI) v. Aragona (re d y ). 
Araisius v. Aricki. 

Aratore [Arator] canta gli Atti degli Apostoli in esa- 
metri, 58, 3-5. 

Arma [Arbia flumen] ; Manfredi coi Senesi vi sconfigge 
i Fiorentini, 105, 1-4: "rie, 137. 43 „. 

Arbitrato, 150, 19-30; v. anche Paci. 

Arbogasto [Arbogastes, magister militiae] uccide Vit- 
tore, figlio di Massimo, in Gallia, 42, 30-31 ; procura 
l'imp. in Gallia a Eugenio, 41-42. 

Arcadio (imperatore) [Archadius] figlio di Teodosio 1, 
prende il titolo di Augusto, 42, 7-8; è fatto imp., 43, 
14-16; f a Costantinopoli, 44, 18-19. 

Arcaraganti [Arcar a gante s] sono cacciati dai Sarmati, 
34, 34-35. 

Arciiadius v. Arcadio. 

Archelaide [Archelaides]; vi è ucciso l'imp. Macrino, 
25, 12-13. 

Archelao \Archelans\ figlio di Erode il Grande è da 
Augusto designato successore d. p. nel governo d. 
Giudea, 8, 25-26; è relegato a Vienna nella Gallia, 44. 

Archiepiscopi^ Rupsie v. Isidoro di Kiew. 

"Arcivescovo (l') v. Campofregoso Paolo „. 

Aruaserse Babegan [Xerxes] re d. Persiani, è vinto 
da Alessandro Severo, 25, 30-31. 

"Ardinghelh Piero [Picrus Ardinghcllius Neri filius] 
fiorentino, figlio di Neri, è esiliato (an. 1434), 
140,24,,. 

Arduino (marchese d'Ivrea) [Arduinus] è vinto da En- 
rico II, 87, 29-30. 

Areopagita v. Dionigi Areopagita. 

Aretini [Arretini] sconfitti a Campaldino dai Fioren- 
tini, 108, 18-20; " scoperta una loro trama col Picci- 
nino, i complici sono messi a f (an. 1430), '33, 26 „. 

Aretino [Aretinus] v. Guido A., Bruni Leonardo. 

Aretinus ager v. Arezzo (territorio di). 

Aretium v. Arezzo. 

Arezzo [Arretium, Aretium, Arezo];vi nasce Leonardo 
Bruni, 117. 28: viene in potere di Firenze, 118, 39-40; 
" vi si reca per una congiura Niccolò Piccinino (an. 
1430), 133, 23-26; pestilenza (an. 1457), 178, 17; rie, 
148, 44 „. 

— " (territorio di) [aper arretinus, aretinus ager, quel 
d'Arezo] è invaso da Micheletto da Cotignola (an. 
1431), 134, 6-7; di nuovo vi entra Micheletto da 
Cotignola (an. 1440), 148, 8-9; vi si recano in difesa 
milizie da Firenze, 29; vi si radunano tutte le mi- 
lizie fiorentine, 36-38; vi passa con l'esercito Ferdi- 
nando d'Aragona (an. 1452), 164, 29-30; vi si ac- 
campano gli Aragonesi (an. 1467), 187, 13; rie, 134, 
1; 137, 43: 138, 42 „. 

Argentaria [Argentarium, Argentarla]; Giuliano vi 
sconfigge gli Alamanni (secondo il Palmieri, anziché 
ad Argentorato), 38, 4-6; vi sono sconfitti gli Ala- 
manni dall'esercito di Graziano, 41, 7-9. 

[Argentorato] v. Argentaria. 

Arianesimo [Arrianornm dogma, Arrianorum impictas] 
suscitato da Ario, è causa di discordia nella Ch., 
33, 3-8; è favorito da Genserico, re d. Vandali, 47, 
27-28; rie, 63, 41. 

Ariani [Arriani, Arriana factio]; contro di essi si aduna 
in Nicea un concilio di 318 vescovi; che fu il primo 
concilio, perchè prima, al tempo d. persecuzioni, i 



206 



INDICE ALFABETICO 



| Ariani- Ascanio) 



Cristiani non potevano liberamente radunarsi, 33, 
12-15; perseguitano Atanasio, vesc. di Alessandria 
e danno occasione alla convocazione di un concilio 
in Elea, 34, 11-17; sostituiscono Macedonio a Paolo, 
donde l'eresia Macedoniana, 35, 33-35; fanno stran- 
golare Paolo vesc. di Costantinopoli a tradimento, 
35-36: nella lotta coi Cattolici sono sostenuti da Co- 
stanzo, 37-36, l : ne sta a capo Eusebio, vesc. di 
Emesa, 26-27; invadono la Ch. di Gerusalemme, 32-33: 
cacciano in esilio Liberio ed eleggono pp. in sua 
vece un certo Felice (cioè pp. Felice II), 36-38: sono 
cacciati dalle Ch. di Alessandria, 38, 22; esiliano 
molti vescovi cristiani dall'Africa e li mandano in 
Sardegna, 52, 40-41 ; rie, 39, 23. 

Ariani (vescovo degli) [Arrianorum episcopus] v. Eti- 
ci 'ossio. 

"Ariano di Puglia [Arriano] danneggiato dal terremoto 
(an. 1456), 177, 25 „. 

Aribkrto I [Aripertlius], re d. Langobardi, regna nove 
anni, 65, 12-13. 

Ariberto II [Aripertus] figlio di Ragimberto, re d. Lan- 
gobardi, regna undici anni, 68, 32-33. 

Arichi [Araisius] duca di Benevento, è assalito da Carlo 
Magno, 73, 24-26. 

Ariminenses v. Rimini {abitanti). 

Ariminensis ager v. Rimini (territorio). 

Ariminensis dominus v. Rimini (signore di). 

ArimINUM v. Rimini. 

"Aringhieri (d') Bernardo [Bernardo da Ringhieri\ ca- 
stellano di Castiglione della Pescaia, cede per pusil- 
lanimità quella terra ad Alfonso V (an. 1448), 156, 
29-30 „. 

Ario [Arrins] prete in Alessandria, diffonde la sua eresia, 
33, 3-8; richiamato dall'esilio, dona a Costantino il 
libro da lui scritto sulla sua fede, 34, 20-22. 

Arioaldo [Ariovaldus] è el. re dai Langobardi, 63, 11-12. 

Aristide (san r') [Aristides Atheniensis] dedica ad Adriano 
un'Apologia d. Cristianesimo, 19, 34-36. 

Aristobulo [Aristoboles] figlio di Erode il Grande e p- 
di Erode Agrippa I, rie, 10, 34. 

Aristotele (etica di) [Aristotelis Et hi e or um libri] è tra- 
dotta da Leonardo Bruni, 122, 15-16. 

Aristotele (politica di) [politicorum libri] è tradotta 
da Leonardo Bruni, 122, 16-17. 

Arles [Aleratense oppidum] ; vi è ucciso l'usurpatore Co- 
stantino dai soldati di Onorio, 44, 34-36. 
— (di) v. Favorino di Arles. 

Arma ENI a v. Armenia. 

Armagnac (conte di) Giacomo [Iacobus Armeniaci co- 
rnei] viene dalla Francia in Lombardia agli stipendi 
di Firenze contro Filippo Maria Visconti, e, scon- 
fitto pr. Alessandria, f, 119, 23-27. 

Armata v . Alfonso V (armata di), Firenze (armata di), 
Genovesi (armata di), Maometto II (armata di). 

Armeni [Armeni, Ertnini] accettano pubblicamente la 
religione cristiana, 59, 1; sono debellati dai gen. 
dell' imp. Maurizio, 42-43; assaliti dal sultano Ben- 
docnar, 106, 1-3; insieme coi Tartari vincono i Ba- 
bilonesi (così Palmieri), 107. 30-32; sono vinti da 
Tamerlano, 121, 1-2; nel concilio di Firenze si uni- 
scono alla Ch. di Roma (an. 1439), 125, 13-14; " 146, 
33-35 \ nel medesimo concilio stabiliscono canoni e 
convenzioni con la Ch. romana, l'atto d. quali viene 



poi deposto, col consenso d. parti, nel palazzo d. 
Signoria, 145, 38-40 „. 
Armenia [Armaenia, Armenia] è ridotta a provincia da 
Traiano, 18, 41-42; è invasa dagli Assiri, 81,33-35; 
vi passano i Tartari, 100,32-33; sotto il re Livonio 
è devastata dagli Egiziani, 106, 29-31; è di nuovo 
invasa da Bendocnar, 40-43; è saccheggiata dai Siri, 
112, 13-15; rie, 106, 29. 

— (re di) [Armenia* rex] v. Aitone, Livoni*. 
Armeniaci Comes v. Armagnac (conte di) Giacomo. 
Armo [Arnus, Arnus Jlumen, Amnis] straripa, devastando 

Firenze, 113,30-33; "rie, 135, 18, 30, 34, 36; 136, 4, 
15, 16: 147, 22,23, 24: 148, 29; 177, 3; 187, 11, 12 „. 

— (rive dell') [iuxta Arnum]\ vi si accampano milizie 
fiorentine (an. 1432), 136, 28-29. 

Arnobio [Arnobius] retore, in Africa rie, 33, 36-37. 

Arnolfo (di Carinzia) (imperatore e re di Germa- 
nia) [Arnulphus] figlio di Carlomanno, mantiene 
Carlo il Grosso dopo che ha abdicato al trono, 80, 
30-34; secondo Palmieri regna sui Franchi per un 
anno, 80,36-37; gli succede Oddone, 38-40; fatto imp., 
81, 2-3; è chiamato in Italia da pp. Formoso per- 
seguitato, e, restituitolo nella primiera dignità, ne 
ottiene i titoli e privilegi imperiali, 5-S; sconfigge 
i Magontini, 40; f nella guerra contro i Normanni, 
43-44; dopo di lui la dignità imperiale passa ai prin- 
cipi germanici, 82, 3-5.; rie. 37. 

Arnulphus ». Arnolfo. 

ArquÀ [Arquada] vi f Francesco Petrarca, 117, 37-38. 

Arragonenses v. Aragonesi. 

Arragonensis rex v. Aragona (re di). 

Arragonensium rex v. Aragonesi (re degli). 

Arras [Trabates ma errore invece di Atrabates] ; vi cade 
lana mista a pioggia, 39, 30-31. 

Arretini v. Aretini. 

Arretinus ager v Arezzo (territorio di). 

Arretium v. Arezzo. 

Arriana factio v. Ariani. 

Arriani v. Ariani. 

Arriano (città) v. Ariano di Puglia. 

Arriano (Flavio) di Nicomedia [Arrianus fhilosophu* 
commedensis] rie, 21, 5-6. 

Arrianorum dogma v. Arianesimo. 

"Arrigucci Michele [Michael Arriguccius] è confinato 
per aver favorito Rinaldo degli Albizi e Rodolfo 
Peruzzi contro il com. di Firenze (an. 1434), 139, 
30-32 „. 

Arrius v. Ario. 

Artaserse [Xerxes] v. Ardaserse Babegan. 

Artefici v. Firenze (artefici). 

Artemidoro di Tarso [Arthenodorus Tharsensis] filosofo 
stoico, scrisse intorno alla tranquillità dell'anima, 
8, 19-20. 

Arthenodorus v. Artemidoro. 

Arx Sancte Marie v. Castello Santa Maria. 

[Arzano (da) BartolommeoJ V: Colleoni Bartolomeo da 
Arzano. 

Ascalona [Ascalona maritima] e d. Giudea, è presa dai 
Cristiani, 95, 21-22; Baldovino IV vi riporta una 
vittoria su Saladino, 98, 14-16. 

— (sultani di) [Ascalonitarum reges] sono sconfitti da 
Baldovino II, 94, 6-7. 

Aicanio v. Sforza A. 



[ Ascesium-Attendolo] 



INDICE ALFABETICO 



207 



Ascesium v. Assisi. 

Asciano [Ascianus] ; 1 Fiorentini vi riportano una vit- 
toria sui Senesi, 97, 36; rie, 9. 

[Ascida] v. Teodoro di Cesarea {detto Ascida). 

Asclepiodoto [Asclepiodus] prefetto d. pretorio, ricon- 
quista la Rrittania, 30, 40-41. 

Ascod[us v. Asconìo. 

Asconio Pedi ano (Quinto) [.^uintus Ascodius Pedianus\ 
storico rie, 16, 1-2. 

Asia [Asia, Asya]', Traiano ne sottomette molte regioni, 
18, U; vi rovinano quattro e. pel terremoto, 21; è de- 
vastata dai Goti, 28, 17-18; è retta da Galerio, 31, 
28-29; la dottrina di Maometto vi fa proseliti, 62, 
35-37 ; è corsa dai Mongoli, avidi di preda, 103, 6-7 ; 
rie, 13, 15; 17, 42; 19,37; 22, 1; 23, 1;24, 6; 115, 15. 

— (proconsole dell') [Asiae proconsul\ v. Mi/tucio 
Fondano (Caio). 

"Asinaio (Monte) rie, 177, lo „. 

Asinio (Caio) [Caius Asinius] figlio di Caio Asinio Pol- 
lione è ucciso per ordine di Tiberio, 9, 6-7. 

Asinio Pollione (Caio) | Asinius Polito] insigne ora- 
tore f, 8, 25; rie, 9, 6-7. 

Aspare [Aspar patritius] fa eleggere Cesare in Oriente 
il proprio figlio, 50, 34-35. 

Aspranous v. Ansprando. 

Assiri [Assyrii ] invasa l'Armenia e la Cappadocia, sì 
spingono saccheggiando sino al Ponto Eusino, 81, 
33-35; contro di essi combatte Bendocnar ed è ferito 
mortalmente, 107, 21-23; rie, 7, 7. 

Assiria [Assyria] è ridotta a provincia da Traiano, 18, 
41-42; vi passano i Tartari, 100, 32-33. 

"Assisi [Ascesium] è preso dal Piccinino e saccheggiato 
(an. 1442)^ 150, 40-41 „. 

— (da) v. Francesco (san) d'Assisi. 
Assyria v. Assiria. 

Assyrii v. Assiri. 

Asti è promessa dal Visconti a Carlo VII di Francia 
in pegno d'alleanza (an. 1447), 153, 38-39. 

Astolfo [Astulphus] re d. Langobardi, succede al fra- 
tello, 70, 41-71, 1; tenta rendersi tributari i Roma- 
ni, 6-7; è assediato da Pipino in Pavia, 11-13; è 
colpito dal fulmine, 29-30. 

"Astore da Faenza v. Manfredi Astorre II signore di 
Faenza „ . 

"Astorgius Faventinus v. Manfredi Astorre II „. 

Astulphus v. Astolfo. 

Asya v. Asia. 

Atalarico [Athalaricus], re degli Ostrogoti, nipote di 
Teodorico, gli succede ancora fanciullo nel regno 
con la madre Amalasunta, 54, 29-31; f diciottenne, 
55, 15-16. 

Atanarico [Aithanaricus, Harthanaricus\, re d. Visigoti, 
perseguita i Cristiani e li caccia dalle sue terre, 39, 
38-41; è ucciso 15 giorni dopo il suo arrivo a Co- 
stantinopoli, 42, 1-3. 

Atanasio [Athanasius] rese di Alessandria, perseguitato 
dagli Ariani, ricorre a Costantino che convoca il 
concilio di Elea, 34, 11-17 ; è perseguitato da Co- 
stanzo II, 35, 17-18; torna ad Alessandria, 36, 15; 
dopo che gli Ariani sono cacciati dalle Ch. d'Ales- 
sandria, torna in quella e, 38, 22-23; f e gli suc- 
cede Pietro, 40, 3-5. 

Atarico [Alharicus] secondo alcuni succede a Ilde- 



baldo, invece di Uraia, sul trono degli Ostrogoti, 
56, 36-40. 

Atmjlfo [Athanlphns] è el. re d. Visigoti, 44, 40: sposa 
Placidia, 45, 21-22; è ucciso a tradimento da' suoi, 
13-14. 

Atijlla [Athella] vi f Augusto, '*, 1-2. 

ATENE (DUCA i>') [duv Athenarum] v. Gualtieri di Brienne. 
— " (territorio) [A the, 11 i cu se s agri] b attraversato dalle 
milizie turche dirette contro Venezia (an. 1470), 
190, 8-9 „. 

Ateniesi [Athenienses] ordiscono novità contro Roma e 
sono scoperti e puniti, 8, 32-33; chiedono un cod. 
di leggi, e lo compila per essi Adriano, 19, 28-30. 

A 1 -iiALARicus v. Atalarico. 

Athanasius v. Atanasio. 

Atharicus v. Atarico. 

Athaulphus v. Adolfo di Xassait, Ataulfo. 

Athella v. Atella. 

Athenienses v. Ateniesi. 

Atiienienses agri v. Atene (territorio). 

Atherus v. Antero. 

[Atrabates] [Trabates] V. Arras. 

Attalo (Prisco) (imperatore) [Attalns, Actalus] fatto 
imp. è subito dopo deposto, 44, 29-30; con l'aiuto d. 
Goti ottiene l' imp. in Gallia, ma poi abbandonato, 
è fatto prigione dal gen. Costanzo. 45, 9-12; precede 
il carro trionfale di Onorio, 25-26; è mandato in 
esilio, 27. 

"Attavanti Rosso [Rosso Attavanti] con quaranta uomi- 
ni è alla difesa di Vada, contro l'armata degli Ara- 
gonesi, ma si arrende alla prima b. (an. 1452), 167, 
8-11 „. 

"ATTENDOLO MlCilELETTO DA CoTIGNOLA [MichelettllS , 

Michelectus, el signore Michele, Michele da Cutignola, 
Michelelto, Michele da Colignola, messer Michele], 
dopo esser stato agli stipendi di Martino V, è as- 
soldato da Firenze (an. 1431), 134, 3-5; recatosi a 
Firenze con mille e duecento cavalli, è nominato 
cap. gen., 5-6; entra nel territorio d'Arezzo e con- 
quista fortezze prese dal Piccinino, 6-7; occupati ca- 
stelli nel Pisano, fra cui Santa Maria al Trebbio, 
sverna a Pisa (an. 1432), 7-9 ; mentre è accampato 
pr. Cascina, riceve avviso da Niccolò da Tolentino 
di raggiungerlo sul far d. giorno con le sue truppe, 
135, 19-20; Niccolò da Tolentino gli manda ad an- 
nunciare la sua discesa in campo, pronosticando 
certa la vittoria, se egli vorrà assalire i Senesi 
alle spalle, 42-136, 1; venendo da Cascina ed evi- 
tando Pontedera, sopraggiunge nel combattimento 
tra Fiorentini e Senesi sotto Montopoli, con mille 
cavalieri, 15-17; si reca per l'Umbria con mille ca- 
valli nel territorio di Arezzo (an. 1440), 148, 8-9; 
cap. d. milizie d. Veneziani; si uniscono a lui altre 
milizie (an. 1446), 152, 10-12, 35; s'accampa vicino 
al Po, a otto miglia da Cremona, ordinando vedette 
che l'avvisassero d. mosse d. nemico, 39-41; saputo 
che trecento e più cavalli erano passati per andare 
a sacco, accorre co' suoi al ponte di legno che era 
stato gettato su un ramo d. Po dalle milizie viscon- 
tee, 41-43; è cap. gen. d. lega contro il Visconti (an. 
1447), 154, 11-12; dopo la sconfitta di Trezzo d'Adda 
si rifugia a Brescia (an. 1448), 157, 43-44; rie, 134, 9; 
135, 25; 136, 8, 21, 24; 164, 42 „. 



208 



INDICE ALFABimCO 



[Attendolo-Baldovinetti] 



"Attendolo Micheletto (figli di) I figliuoli di Mi- 
cheletto] aiutati da Firenze (an. 1453), 169, 19-21 „. 
— "(milizie di) rie, 169, 29 „. 

Attendolo Muzio v. Sforza M. A. 

Atthila v. Attila. 

Attico [Altictts] filosofo platonico, rie., 22, 33. 

Atti degli Apostoli [Actus Apostolorum] sono cantati 
in versi esametri da Aratore, 58, 3-5; rie., 10, 31. 

f Attignoli (degli) Giacomo ] v. Sforza {Muzio Atten- 
dolo). 

Attila [Attinia'] uccide suo fratello e s'impalroniscc d. 
regno, 48, 23-24; rinnovato l'esercito in Pannonia, 
invade l'Italia e assedia Aquileia, 39-41; la prende 
e devasta Vicenza, Verona, Milano e Pavia, 49, 7-10; 
tornato nel suo regno dopo la strage d. Veneto per 
le preghiere di pp. Leone, mentre sta per tornare 
in Italia, f, 25-29; rie, 31. 

Audefleda [Audephleda] figlia d. re d. Franchi, va sposa 
a Teodorico, 52, 44-53, l. 

Audiìo [Audeus] provoca l'eresia audiana, 35, 27-28. 

Audoino [Audoinus] re d. Langobardi, vince i Gepidi e 
conduce i Langobardi in Pannonia, 54, 37-39; rie., 
57, 1. 

Augusta [Augusta] v. Mammea A., Placidia A., Verino A. 

Augusta (città) v. Saragozza. 

Augustinus v. Agostino. 

"Augustinus de Rossis de Parma v. Rossi (de 1 ) Ago- 
stino „. 

Augusto v. Arcadio, Carlo Magno, Commodo, Costante, 
Costantino, Costante, Lodovico I, Lotario, Massenzio, 
Ottone, Quintilio, Valentiniano I, Valentiniano III t 
Valeriano. 

Augusto (Caio Giulio Cesare Ottaviano) (impera- 
tore) [Ottavianus, Caesar Augustus, Ottavianus Cas- 
sar, Augustus, Optaviano]; nel 42 anno d. suo imp. 
nasce G. Cristo, 7, 25-26; 8, 5-6; per ordine suo si 
fa il censo in tutte le terre soggette a Roma, 8; 
adotta come figli Tiberio e Agrippa, 13; sua fruga- 
lità, 15-18; elegge Archelao a succedere nel governo 
d. Giudea a Erode, 25; f ad Atella, ed è sepolto in 
Campo Marzio a Roma, 9, 1-2; rie, 8, 1-14; "rie. 
nella processione del 22 giugno 1454 in Firenze, 
173, 9, 12 „. 

Augustolo [Angustulus] v. Romolo Augustolo. 

Augustorum FAMILIA v. Giulia (gente). 

Auldalisius v. Adalgiso. 

Aulo Gellio v. Gè ilio Aulo. 

Aulo Persio Flacco v. Persio Fiacco. 

Aulo Vitellio v. Vitellio (Aulo). 

Aureliano (Domizio Lucio) (imperatore) [Aurelianus] 
vince Tetrico e occupa le Gallie, 28, 41; Tetrico 
e Zenobia lo precedono durante il trionfo, 29, 1-2; 
circonda Roma di più forti mura, 7 ; mentre inizia 
una persecuzione contro i Cristiani, cade vicino a 
lui un fulmine; e, non molto dopo, è ucciso fra 
Costantinopoli e Eraclea, 8-11; rie, 28, 40. 

Auriìo (Monte) [Aureus] nella Mesia superiore, è pian- 
tato di viti per ordine dell' imp. Probo, 29, 26-28. 

"Austur v. Manfredi Astorre II „. 

Autari [Autharis] re d. Langobardi, figlio di Clefi, è el. 
e prende il nome di Flavio, che da lui poi passò 
a tutti 1 successori, 60, 2-5; regna sei anni, 5-6. 

Autharis v. Autari. 



Auxerre (conte di) [altisiodorensis comes] v. Pietro di 
Courtenay. 

— (vescovo di) [anli<iodorensis, antisidorensis] r. Ger- 
mano, Remigio d 1 Auxerre. 

Avari | Hunni] sono spogliati e distrutti da Carlo Magno 
dopo una guerra di otto anni, 73, 36-74, 3; rie, 72, 22. 

— (re o Cacan o Khan dkgli) [Cacanus, Unnorum res] 
chiede e ottiene pace da Agilulfo, 60, 30-32; raccolto 
un esercito in Pannonia, entra in Italia e fa pri- 
gionieri alcuni prefetti d. Langobardi, 61, 41-62, 2. 

"Avellanus Cristoforus v. Cristo/oro da Lavello „. 

" [Avenza]: vi si indugia invano il Piccinino (an. 1436), 
143, 22 „. 

"Aversa (conti di) v. Orsini Francesco, Orsini Dei/060, 
Orsini Everso „. 

Avignone [Aviniones] ; vi f Giovanni XXII, 113,40-41. 

Aviniones v. Avignone. 

Ayto v. Aitone. 

Azof (mare di) \Maeotis palus\\ vi si stanziano popola- 
zioni tartare venute dai monti dell'India, 100, 29-34. 

Azolinus v. Ezzelino. 

Babilonesi [Babyloni] sono vinti da Baldovino III, 96, 
11-12; sono vinti da Tartari ed Armeni, 107, 30-32. 

Babla v. Bleda. 

Babyloni v. Babilonesi. 

Baccillus v. Badilo. 

Bacillo [Baccillus] vese di Corinto, rie, 24, 6-7. 

" Bagnara di Romagna \ Bagnara] rie, 187, 46 „. 

"Bagno a Ripoli rie, 177, 3 „. 

" Bagno di Petriolo [Salubres Aquae] vi sì trova Nic- 
colò Piccinino (an. 1435), 141, 18-19». 

" Bagno di Romagna [Bangno, Bagno] è ceduto da Ghe- 
rardo Gambacorta ad Alfonso V d'Aragona in cam- 
bio d'altre terre in Puglia (an. 1453), 168, 28-32; ma 
gli abitanti respingono gli Aragonesi andati colà 
per occuparlo, 36-39 „. 

— " (abitanti di) [abitanti] saputo della ribellione di 
Corzano, si rifiutano di accogliere le milizie arago- 
nesi e s'accordano col com. di Firenze (an. 1453), 
168, 36-40 „. 

Baia [Baiae] ; vi f Adriano, 20, 25-26. 

[Bajazet I] [imperalor Teucrorum] sultano d. Turchi, è 
vinto da Tamerlano e legato al cocchio d. vincitore 
con catene d'oro, 120, 41-42. 

Balbino (Celio dkcio) [Albinus] usurpatore dell' imp. 
è ucciso all'entrata di Gordiano in Roma, 26, 24-25. 

* Baldaccio d'Anghiari [Baldaccius, BaUacius, mili- 
timi bellicosus dt/ctor] difende strenuamente Albenga 
dagli assalti d. Piccinino (an. 1436), 143, 7-9; è uc- 
ciso e gettato da una finestra d. palazzo d. Signoria 
a Firenze (an. 1441), 150, 24-25 „. 

Baldassarre [Baldassar] v. Gianfigliazzi B. 

" Baldesi Andrea figlio di Sennino [Andreas Senninus] 
fiorentino, è imprigionato per aver parlato di mu- 
tamenti di governo (an. 143S), 141, 23-24; corre ri- 
schio di essere giustiziato, ma il podestà gli com- 
muta la pena nel carcere perpetuo, 25-29 „. 

" Baldovinetti Guido [Guidus Baldovinettus Soletti fi- 
lius\ fiorentino, è confinato (an. 1434), 140, 30 „. 

" Baldovinetti Mariotto [ Mariottns Baldovinettus] fio- 
rentino, priore d. 1433 è condannato (an. 1434), 
140, 31 „. 



[Baldovino-Basilio] 



INDICE ALFABETICO 



209 



Baldovino I (di Fiandra) (imperatori; d'Oriente) 
[Balduinus Gallus, Blandonius[ alla f di Alessio, 
procura l'unione fra la Oli. orientale e la romana, 
100, 25-27; gli succede il fratello Enrico I, 39-40: rie, 
85, 44. 

Baldovino 1 (d'Edessa) (ri; di Gerusalemmi.) [Baldui- 
nus] succede al fratello Goffredo di Buglione nel go- 
verno di Gerusalemme e, vinti tre volte gli Egi- 
ziani, ne uccide il re, 92, 36-39; f, 94. 

Baldovino II (del Borgo) (re di Gerusalemme) [Bal- 
duinus II] succede a Baldovino I, uccide il re d. 
Persiani e abbatte quelli dì Damasco e di Ascalona, 
94, 3-7; chiama molti fedeli d'oltre li Giordano da 
abitare in Gerusalemme, 15-18 ; rie, 95, 2. 

Baldovino III (re di Gerusalemme) [Balduinus III] 
succede al p. Folco, 95, 26-28; vince gli Egiziani e i 
Babilonesi, 96, 10-12; gli succede il fratello Amal- 
rico, 97. 14. 

Baldovino IV (re di Gerusalemmi:) [Balduinus IV] 
succede al p. Amalrico, 98, 9-10; vince Saladino pr. 
Ascalona, 14-16; non essendosi ammogliato no ninii 
suo successore il nipote Baldovino, sotto la tutela 
di Raimondo, conte di Tripoli, 22-26; f, 26.7. 

Baldovino V (re di Gerusalemme) [Balduinus] figlio 
di Sibilla, succede allo zio Baldovino IV, sotto la 
tutela di Raimondo conte di Tripoli, 9S, 23-26; poco 
tempo dopo f, 27-28. 

" Balia v. Firenze (balìa) „. 

" Balìa (Dieci di) v. Firenze (Dieci di Balìa) „. 

" Bangno V, Bagno di Romagna „, 

Battisterium v. Firenze (san Giovanni'). 

" Barbaiugo Girolamo [Gerolamus Barbarigns, Icronimo 
Barbarico] amb. di Venezia al pp. e ad Alfonso V 
per attirarli nella lega, si ferma a Firenze e prose- 
gue quindi per Roma (an. 1454), 174, 42-J6; il pp. 
gli risponde che entrerà nella lega e cercherà predi- 
sporre a parteciparvi anche Alfonso, 175, 1-4; è 
preceduto pr. Alfonso dal card. Capranica, 13-14 ; Al- 
fonso, ricevutolo a Gaeta, gli consegna la relazione 
scritta di certi patti da far conoscere alla Signoria, 
15-18; torna a Venezia dopo aver conclusa l'alleanza, 
:5-27: rie., 184, 37 „. 

" Barbo Paolo [Po/o Barbo] è mandato a Lodi da Ve- 
nezia a concludere la pace con l'amb. d. Sforza 
(an. 1454), 172, 7-10; cercando di partecipare a tale 
conclusione anche Dietisalvi Neroni, amb. di Fi- 
renze, non lo accetta, perchè neppure re Alfonso 
era rappresentato, 12-13,,. 

[Barbo PietroJ v. Pasquale II. 

Gardesane [Bar lasanes] in Mesopotamia confuta gli 
eretici e diventa poi eretico egli stesso, 22, 27-^9; 
scrive all' imp. Marc'Aurelio un libro sul fato, 29-30. 

" Bardi (oe") (famiglia) (Bardorum domus, Bardorum fa- 
milia] si arma contro la parte reggente a Firenze 
(26 settembre 1434), 13cS, 38; rie. 140, 13 ... 

"Bardi (de') Bardo [Bardus, Francisci Jilius, Bardus] 
si arma contro la parte preponderante a Firenze 
(26 settembre 1434), 138, j» ; fatto prima di pop. 
è di nuovo ascritto ai grandi, 140, 14-15 „. 

" Bardi (de') Bernardino [Bérnardinus Bardus\ iìoren- 
tino è fatto d. sopragrandi (an. 1434), 140, 14-15 „. 

" Bardi (di,') Leonardo [Leonardus] fiorentino è con- 
dannato all'esilio (an. 1434), 140, 15 „. 



"Bardi (di;') Matteo [Malheus] fiorentino e condan- 
nato all'esilio (an. 1434), 140, 15 „. 

"Bardi (db') Simone | Simon Bardus, Bindelli Jilius, 
Simon Bindelli! s] fiorentino è d. Dieci di balìa (an. 
1432), 131, 27-23: è fatto d. sopragrandi (an. 1434), 
140, 14-15 ,,. 

Bardis (uh) Laurentius v. Larioni Lorenzo. 

Bardo | Bardus] v. Bardi (de*) B. 

Bardo \Bardus] rie. come p. dell' imp. Leone V l'Ar- 
meno, 75, 28. 

" Barra castello d. Fiorentini è assediato dal Piccinino 
(an. 1437), 143, 28-30; che poi l'abbandona, 35-36 „• 
— " (abitanti di) [oppi la ni] si difendono strenuamen- 
te dall'assedio d. Piccinino (an. 1437), 143, 29-30; 
lo vincono, 32-35; rie, 33 „. 

"Barletta; vi sono confinati Angelo e Neri Acciaioli 
(an. 1467), 184, 7-8; rie, 168, 30 „. 

" Barnaba [Bernabas] v. Adorno B., Bischeri B. „. 

"Baronci Micheli; \ Michael Bar oncius] fiorentino è esi- 
liato (an. 1434), 140, 26 „. 

"Baroncini Niccolò [JViccolò Baroncini] conscio d'una 
congiura tramata in Bologna dal Visconti, essendo 
arrestato per altra causa, la svela (an. 1445), 151, 
12-13 „. 

" Bartoli Giovanni [Johannes Pieri Arrigi Jilius Barto- 
lus, Giovanni Barloli] fiorentino figlio di Pier Arrigo, 
è confinato per aver favorito i perturbatori d. re- 
pubblica (an. 1434), 139, 30-33; un cittadino di que- 
sto nome è mandato con altri a incontrare l' imp. 
Federico III (an. 145 1), 162, 47; l'accompagna fino 
a Santa Maria Novella, 163, 3-5: è el. d. Dieci di 
balìa in Firenze (an. 1452), 165, 16 „. 

"Bartoli Leonardo [Leonardus Bartolus] è fatto d. 
Dieci di balìa in Firenze (an. 1439), 145, 20 „. 

Bartolo da Sassoferraco [Bartolus de Saxofcrrato] 
illustre giureconsulto, f, "XVIII, 14 „ ; 116, 28-30. 

"Bartolomeo [Barlolommens, Bartolomeo] v. Capranica 
B„ Colleoni B., Cresci B., Michelozzi B., Ridolfi B., 
Scala B., Spina B., Visconti B. „. 

Bartolomeo di Francesco [Bartolomeo di Francesco 
di ser Andrea] d. quartiere di Santo Spirito, è fatto 
d. Dieci di balìa (an. 1451), 161, 31 „. 

" Bartolomeus bsrgaMbnsis v. Colleoni Bartolomeo da 
Bergamo „. 

Basentus v. Busento. 

Basilea (concilio di) [conci lium, concilio di Basilea] 
secondo i termini usati dal Palmieri, il concilio 
depone Eugenio IV ed elegge pp. col nome di Fe- 
lice V Amedeo di Savoia, già prima eh vesc. (an. 
1440), 124, 35-39; " 146, 13-17 „■ 

Basilide Gnostico [Basilides]; contro di lui scrive Agrip- 
pa Castore, 20, 2-3. 

Basilide ScitopOlii ano [Basilides scythopolitanus], rie. 
21, 7-s. 

Basilio [Basilius] rie. dal Palmieri come imp. d'Oriente 
senza indicazione di data dopo Isacco II, 85, 41-45 
(errore evidente che forse non si può correggere). 

Basilio I (imperai ori; d'Oriente) [Basilius] rie, 79, 13. 

Basilio (san) (vescovo di Amasia) [Basileus] mart., 
33, 9-11 

Basilio (il Grande) (san) (vescovo di Cesarea) [Ba- 
silius] rie soggiungendo che fu educato insieme a 
Gregorio Nazianzeno, 39, 19-22. 



210 



INDICE ALFABETICO 



[Basilio-Benedetto XII] 



IiAsir.ro (vescovo di Tessalonica) [Basilius] battezza 
l' imp. Teodosio a Tessalonica, 41, 34-36. 

Basilisco (imperatore) [Basiliscus patritius, Basiliscus] 
vince Genserico, 50, 30-32; el. imp. dalla sorella Ve- 
rina Augusta durante un'assenza di Zenone, nomina 
Cesare il proprio figlio Marco, ma al ritorno di 
Zenone è cacciato con lui e con la sorella in Cap- 
padocia, ove termina la sua vita, 52, 7-11. 

Bassiano v. Alessandro Severo B., Blagahalo Vario 
Avito B. 

Bastarni [Basternanae gcntes] trasmigrano su suolo 
rom., 30, 27-28. 

Batista v. Battista. 

" Battifolle [Battifolles] è occupato dai Fiorentini 
(an. 1440), 149, 39 „. 

" Battifolle (da) Francesco (conte di Poppi) [Franci- 
scus co;nes, Puppio dominans Franciscus, Franciscus, 
comes Puppiensis\ chiama Niccolò Piccinino nel Ca- 
sentino (an. 1440), 148, 16; e provvistolo di vetto- 
vaglie assedia con lui Bibbiena, tradendo Firenze 
che. in lui fiduciosa, l'aveva colà nominato commis- 
sario, 17-19; occupa la rocca di Castel San Niccolò, 
34-35; privato in breve dai Fiorentini di tutto il 
suo dominio, ottiene salva la vita e le robe e con 
la sua 'amiglia parte da Poppi, 149, 37-41 „. 

* Battista da Cannetolo [Batista Cannetanus] v. Can- 

ne tolo (da) Battista „. 

B avaria v. Baviera, 

Bavaro [Baverius] v. Lodovico il B. 

Baverius v. Bavaro. 

Baviera [Bavarià] rie, 112, 23; 119, 20. 
— (di) v. Roberto di Baviera. 

Bebla v. Bela. 

" BrìCCADr.LLi Antonio [Antonio da Bologna sopranomi- 
nato Panormita] va a Firenze amb. di Alfonso V 
(an. 1451), 160, 22-25; in nome d. re dissuade i Fio- 
rentini dal rompere la pace prestando orecchio allo 
Sforza e annuncia che, se ciò facessero, il re farebbe 
allontanare dal suo regno tu f ti i mercanti fiorentini, 
26-41; con le sue concordano le parole dell'amb. di 
Venezia, 42 „. 

" Bkccanugi Pietro [Petrus iudent Bcccanucius, Pirro 
Beccanugi] giudice, è fatto d. Dieci di balìa in Fi- 
renze (an. 1439), 145, 19-20; è fatto di nuovo d. 
Dieci di balìa (an. 1453), 167, 37 „. 

" Becchi (de') Guglielmo [Guglielmo de Becchi'] frate 
di Sant'Agostino, fiorentino, amb. di Firenze al pp. 
circa un compenso dovuto a Gherardo Gambacorta 
(an. 1457), 178,3; prima ch'egli giunga a Roma il 
pp. emana la sentenza. 5-6 „. 

Beda il Venerabile [Beda] erudito scrittore di cose 
sacre " fonte d, Ckronicon di Sozomeno da Pistoia, 
IV, 13 „; rie, «III, 7 „• 67, 20-22. 

Bela [Bebla] fratello di Andrea re d'Ungheria, rie, 
89, 4, 6. 

* Belfradeli.i Bernardo [Bernardus Belfredellus] fio- 

rentino, è confinato per avere favorito i perturba- 
tori d. repubblica (an. 1434), 139, 30-33 ,.. 

" Belfradelli Z anobi [Zanohius Bel/redclltis\ è confi- 
nato per aver favorito Rinaldo degli AlbUszi e Ro- 
dolfo Peruzzi contro il coni, di Firenze (an. 1434), 
139, 30-32 „. 

Bklgae v. Fiamminghi. 



Belgio [apud Belgas]; Filippo II Augusto vi sconfigge 
Giovanni Senzaterra e Ottone IV di Brunswich, 
101, 21-23. 

"Belgrado [Vandorahensc, ma Nandoralbense castel- 
lo\\ pr. il Danubio, i Turchi vi sono gravemente 
sconfitti dagli Ungheresi (an. 1456). 176, 28-34 „. 

Belisario [Belitarius patritius, Belisarius] per ordine di 
Giustiniano va contro i Persiani e ne trionfa, 55, 
8-9; mandato in Africa contro i Vandali, li di- 
strugge, 20-21; mandato a liberare l'Italia, prende 
Napoli, 36-37 ; turbati d. sue vittorie, i Goti eleg- 
gono re Vitige, 38-41; entrato in Roma col consenso 
d. pop., vince più volte Vitige ed è da lui assediato, 
56, 3-6; piegano in suo favore i Milanesi, 14; oc- 
cupa Roma, fatta deserta dal saccheggio d. Goti, e 
la fortifica, 19-20 ; le sue forze sono distrutte da 
Teodeberto I nell'Italia settentrionale, 25-28; con- 
duce da Ravenna prigionieri a Giustiniano Vitige 
con la m. e i più illustri Goti, 31-35: torna in'Italia 
a dirigere la guerra, 57, *-5; richiamato da Giusti- 
niano torna in Grecia, 25-26; rie, 55, 39; 56, 37. 

Belo [Belns] rie, 7, 6. 

Belus v. Belo. 

Belzethus Theucrorum rex; a lui Palmieri riferisce 
l'imprigionamento di un imperatore d'Oriente (an. 
1093), 92, 13-15; (si tratta evidentemente di Alp 
Arslan, che nel 107 1 imprigionò Romano IV). 

Bendocnar [Bondogodar Soldanus] Soldano di Babilo- 
nia sconfigge i Cristiani in Siria, 105, 36-37 ; invade 
l'Armenia, saccheggia Antiochia, 106, 1-3; invade 
di nuovo e devasta l'Armenia, e con prigionieri si 
ritira in Egitto, 40-43; ferito in b. dagli Assiri, f a 
Damasco e gli succede Melechsavth, 107, 21-23. 

Bi;n:detto (San) [Benediclus] fondatore e abate d. mon. 
di Monte Cassino, 55, 23-24; Mauro è detto suo di- 
scepolo, 28-29; f e n'è segretamente trasportato il 
corpo da Cassino in Francia, 68, 4-8; rie, 55, 28; 
58, 13. 
— (basilica di San) v. Montecassino. 

Benedetto I (papa) [ Benedictus] rie, 59, 11. 

Benedetto II (san) (papa) [Benedictus II] rie, 66, 39. 

Benedetto HI (papa) [Benedictus III] rie, 78, 21. 

Benedetto IV (papa) [Benedictus IV] rie, 81, 32. 

Benedetto V (papa) [Benedictus V] è el. dal pop. contro 
Leone VIII el. dall' imp., 85, 1-2; è deposto per la 
rielezione di Leone, 3-4 ; f in esilio ad Amburgo, 
8-9; rie, 5. 

Benedetto VI (papa) [Benedictus VI, Benedictus] è stran- 
golato in Castel Sant'Angelo, 85, 33; rie, 31. 

Benedetto VII (papa) [Benediclus VII, Benediclus] in- 
corona Ottone II, 86, 2-3; rie, 85, 39. 

Benedetto VIII (papa) [Benedictus Vili]; sotto di lui 
avviene un grande scisma, 87, 38-39; rie. 36. 

Benedetto IX (antipapa) (Teofilatto di Tuscolo) 
[Benediclus IX, T'ieophilatus] vende il pontificato a 
Giovanni de' Graziani, 89, 24-25; rie, 88, 36. 

Benedetto X (papa) [Benedictus X] ; durante la sua ele- 
zione avvengono corruzioni e lotte, per cui viene 
stabilito un nuovo modo di eleggere il pp., 90. 18- 
22; nel catalogo cronologico d. Palmieri è rie come 
pp., 17. 

Benedetto XI (papa) [Benediclus XI] rie, 110. 7. 

Benedetto XII (papa) [Benedictus XJI] rie, 114, 3. 



[Benedetto XIII-Bertarido] 



INDICE ALFABETICO 



211 



Benedetto XIII (antipapa) [Benedictus XIII] succede 
nello scisma a Clemente VII, 119, 15-16 ; viene a 
parlamento a Savona con Gregorio XII, 121,29-31; 
con lui contribuisce ad aggravare lo scisma, 32-34; 
con lui è deposto dal concilio di Pisa sotto l'accusa 
di collusione, 37-39 ; sostenendo egli il proprio pon- 
tificato, è di nuovo disapprovato e condannato dal 
Concilio di Costanza, 122, 25-27; rie, 121,26-27. 

Beneventani [Beneventani]; ne è duca Grimoaldo, 65, 
42; due volte si ribellano coi Campani e coi Lucani 
all'imp. Lodovico II e sono da lui l'una e l'altra 
volta sottomessi, 78, 41-79, 7, 23-26; rie, 73, 25; 78, 41. 

Beneventani^ ager v. Benevento (territorio). 

Benevento [Bencventum] ; vi f Grimoaldo, re d. Lan- 
gobardi. 66, 20-21 ; Lodovico IT vi assedia Adalgiso, 
79, 4-7; parteggiando pei Greci, cade in potere di 
Ottone II, 86, 13-14. 

— (ducato di) [principatus Bcnev enti] è retto da duchi 
Langobardi, 72, 43-73,5; " danni e morti pel terre- 
moto (an. 1456), 177, 23-24 „. 

— (duchi di) [Bcncventanomm dux, l.angobardorum dnx] 
v. Adalgiso, Aricki, Antefatto. 

— (territorio di) [ager beneventanus, Beneventanorum 
fincs, non longe a Benevento] ; Costante II vi combatte 
coi Langobardi, 65, 16-17; è saccheggiato da Gi- 
sulfo, 67, 43-68, 1; è invaso dai Saraceni, 78, 34-36' 
Carlo d'Angiò vi sconfigge Manfredi, 105, 41-42. 

" Benino (del) Francesco [Francesco del Benino] è fatto 
d. Dieci rli balla in Firenze (an. 1453), 167, 36 „. 

" Benizzi Matteo [Matheus Benitius] fiorentino, è con- 
finato (an. 1434), 140, 28 „. 

" Bentivoglio (famiglia) (V Bentivoglio]; i Veneziani 
tentano di far cadere la sua supremazia in Bologna 
perchè è amica di Firenze (an. 1451), 161, 18-20„. 

" Bentivoglio Annibale [Anibale Bentivoglio] è ucciso 
in Bologna da quelli Da Canneto, per una trama 
col Visconti (an. 1445), 151, 10 „. 

" Bentivoglio Antonio [Antomus Bentivolius] è richia- 
mato dall'esilio (an. 1435), 142, 26; prega Eugenio IV 
di recarsi a Bologna, ma avendo con un tal Zam- 
beccari congiurato di consegnare Bologna e il pp. a 
Visconti, viene scoperto e condannato a f, 27-30 „. 

" [Bentivoglio Giovanni II] [signoria di Bologna] av- 
verte il coni, di Firenze che nelle terre d. duca Borso 
d'Este si è radunata gente congiurante contro di 
esso (an. 1466,1, 183, 20-22,,. 

" Bentivoglio (parte dei) [parte Bentivoglio] sapula la 
uccisione di Annibale Bentivoglio, assalgono le case 
d. Da Canneto, le ardono e uccidono Battista e altri 
Da Canneto, riconquistando così il potere e mante- 
tenendosi l'amicizia della lega (an. 1445), 151, 13-16 „ 

" Benvenuti Mariotto [Mariotto Benvenuti] fiorentino 
gonfaloniere di giustizia, prende per la briglia \\ 
cavallo che portava l' imp. Federico ch'era andato 
ad incontrare (an. 1451), 163, 11-12 ; è fatto d. Dieci 
di balìa (an. 1453), 167, 36 „. 

Beorgaro [Biorgiu*] re degli Alani, entrato in Italia con 
un esercito, è vinto e ucciso pr. Bergamo, 50, 19-21. 

Berengario I [Berengarius primus, Berengarius li, Be- 
rengarius III] regna in Italia per quattro anni, 82, 
11-12; tiene il governo in Italia per nove 
anni, 18; e ancora per sette anni, 83, 8-9; 
rie, 82, 8 (v. però sotto Berengario II). 



BERENGARIO II \ Berengarius II, Berengarius, Berenga- 
rius IV] tiene il governo in Italia per quattro anni 
[ma I> :RBNGARIO I), 82, 18; contro di lui viene in 
Italia Ugo di Provenza [ma Berengario I], 83, 16; 
regna in Italia col figlio A d al ber to, 30-31 ; 
fa imprigionare Adelaide vedova di Lo- 
tario, 32-34; contro di lui è chiamato in 
Italia Ottone, 37-38; che lo vince a Pavia, 
84, 5-6; col suo malgoverno cagiona una 
seconda guerra con Ottone ed è vinto 
ed espulso dal regno, 13-16; rie, 82, 8. 

Berengario III [Berengarius III, ma Berengario I| 
regna in Italia per sette anni, 83, 8-9. 

Berengario IV [Berengarius UH, ma Berengario II] 
regna in Italia col figlio Adalberto, 83, 30-31 ; fa 
imprigionare Adelaide vedova di Lotario, 32-34; 
contro di lui è chiamato in Italia Ottone, 37-38; 
che lo vince a Pavia, 84, 5-6; col suo malgoverno 
cagiona una nuova guerra con Ottone ed è vinto 
ed espulso dal regno, 13-16; rie, 82, 8. 

BERENGARIO DI Tours [Berengarius turonensis] è con- 
dannato dal Concilio di Vercelli, 89, 40-42. 

Bergamo [Pergamum, Bergamum, Bcrgomuvi, Bergamo] 
viene in soggezione di Giovanni di Boemia, 113, 
25-27; è ceduta ai Veneziani da Filippo Maria Vi- 
sconti, 123,39-40; "è stretta d'assedio dallo Sforza 
(an. 1453), 170, 43; lo Sforza vorrebbe che restasse 
a lui, nel trattato di pace fissato da Nicolò V (an. 
I4S4), 171, 23-27 „', rie, 124, 24; " 171, 26, 27, 35, 36 „. 

— " (territorio di) [quel di Bergamo, il Bergamasco, 
Bergamascho] è corso da milizie Veneziane (an. 1452), 
164, 10; 170, 35-36; rie, 152, 32 „. 

— (vicinanze di) [non longc a Pergamo] vi è ucciso 
Beorgaro re degli Alani, 50, 19-21. 

Berillo [Berillits, bostraniensis epi*copus, Bostrcnus] vesc. 
di Bostra, disputa contro Origene, sostenendo ne- 
fande eresie. 25, 32-34; famoso scrittore. - 35-36. 

" Berlinghieri Iacopo [lacobns Berlingerius Iorgifiliu \ 
figlio di Giorgio, fiorentino, rie, 140, 18-19 „. 

" Bernaba v. Barnaba „. 

Bernabos v. Barnaba. 

Bernabò [Bernabos] v. Visconti B. 

" Bernardetto v. Medici (dei) Ber nar detto „. 

a Bernardino [Bernardìnus] v. Bardi (de') B., Carda 
(della) B. ». 

" Bernardino (san) da Siena francescano, gran predi- 
catore, è santificato da Niccolò V in occasione d. 
giubileo, onde si fanno poi processioni e feste in 
molti luoghi d'Italia (an. 1450), 159, 26-28 „. 

Bernardo [Bernardus, Bernardo] v. Aringhieri />., Bcl- 
fradelli B., Bttougirolami B., Cor ne secchi B., Cor- 
binelli B., Giugni B., Guadagni B. t Medici (de') B., 
Nardi B., Paganelli B., Ridolfi B., Ventura B„ 
Villa Marina B. 

Bernardo (re d'Italia) [hemardus] è vinto e fatto uc- 
cidere da Lodovico il Pio, mentre tenta occupare 
il regno d'Italia, 76, 2-3. 

Bernardo di Chiaravalle (san) [Bemardus monacus 
claravallensis] rie, 93, 8. 

BertArido [ Bcrtarius, Pertaritus | re d. Langobardi, 
lotta col fratello Gondeberto, ed essendo costui stato 
ucciso, fugge in Pannonia, 05, 40-44; succede a Ga- 
ribaldo nel regno d. Langobardi e nomina dopo 



212 



INDICE ALFABETICO 



[Bessarione-Bologna] 



sette anni suo coreggente il figlio Cuniberto, 66, 
36-27: 67, 12-14. 

[Bessarione Giovanni] [arcivescovo di iVicena] vesc. di 
Nicea, è el. card, da Eugenio /(^(an. 1440), 146, 38-30- 

Bethleem v. Betlemme. 

BETLEMME [Bethleem Iudcae, Bethleem]; vi nasce Cri- 
sto, 7, 25; 8, 4; vi si compie la strage degli inno- 
centi, U; vi abita san Girolamo, 42, 21-23. 

Biagio v. Guasconi B. 

Bianca [Bianca, madonna Bianca] v. Visconti B. Maria. 

Bianchi (compagnia dei) [Dealbatorum peregrinano] 
dalle Alpi si diffondono per la Lombardia in tutta 
Italia, 120, 7-17. 

" Bibbiena [Bibienà] assediata dal Piccinino e da France- 
sco da Battifolle si arrende (an. 1440), 148, 15-21 „. 
— " (abitanti di) [opj>idani\ ; per tradimenti e discor- 
die sorte tra di essi, Bibbiena è costretta ad arren- 
dersi al Piccinino (an. 1440), 148, 20-21 „. 

" Bibiena v. Bibbiena „. 

u Biffoli Giovanni [Johannes Biffoli] a Firenze si arma 
contro la parte reggente (36 settembre 1434), 138, 
41; è confinato, 139, 30-34 „. 

" Biffoli Niccolò [Nicolaus Bifolus, Nicholaus scriba 
Biffoli] notaio, si arma contro la parte reggente 
a Firenze (an. 1434), 138, 41; è esiliato, 140, 25 „. 

"Bifolus v. Biffoli k . 

u Biliotti Giovannozzo [ Giovannozzo Biliotti, Giovanni 
Bilioni] fiorentino è mandato con altri a incon- 
trare l'imp. Federico III (an. 145 1), 163, 2; l'ac- 
compagna sino a Santa Maria Novella, 3-5; vicario 
a Firenzuola, prende in guerra un tal Fusciarra, 
fidato di re Alfonso (an. 1453), 177, 36-38 „. 

Bindellus Simon v. Bardi (de') Simone. 

Biorgius v. Beorgaro. 

Bisanzio [Bizantium] e privato d. sua autonomia e ri- 
sottomesso a Roma, 15, 40-4 2; Costantino vi stabi- 
lisce la sede principale dell' imp., 32, 32-40; v. anche 
Costati tinopoli. 

u Bischeri Barnaba [Bernabas Bischerius, Bernaba Bi- 
scherus] si arma contro la parte reggente a Firenze 
(an. 1434), 139, 2; è confinato, 30-33,,. 

" Bisticci (da) Vespasiano; suo giudizio sul De Tem- 
poribus, XVI, 20-23; rie, IX, 4, 8; XXXII, 27 „. 

" BiSTRICIENSIS COMES (cioè CONTE DI BoSZTRIz) V. Hu- 

nyadi Giovanni. 

Bithinia v. Bitinia. 

Bitinia [Bythinìa, Bithinia] scossa da terremoto, 10, 3- 
4 ; rie, 33, 14. 

Bizantini [Romani, Graeci]; contro di essi combatte 
felicemente Agilulfo, 61, 12-14; fanno pace coi Lon- 
gobardi e restituiscono la figlia di Agilulfo da essi 
fatta prigioniera, 22-24; perdono alcune province in 
Oriente, 37-39; è tolta loro la Giudea da Cosroe II, 
re d. Persiani, 62, 9-10; Sisibuto toglie loro molte 
terre d. Spagna che erano passate al loro dominio, 
18-21; Sisibuto finisce di conquistarne tutti i domini 
in Ispagna, 63, 37-39; pr. di essi si rifugia Adelchi 
e ne ottiene aiuto per tornare in Italia, 74, 5-7; 
muovono contro Ottone II in Italia e sono vinti, 
86, 10-12; sono cacciati dal ducato di Puglia da Ro- 
berto Guiscardo, 89. 43-90, 3; uccidono l'imp. Ales- 
sio IV, 100, 24-25; nel concilio di Lione convengono 
con la Ch. romana circa la processione d. Spirito 



Santo, 106, 35-37; muovono guerra ai Turchi inva- 
sori, 113, 15-16: in loro aiuto pp. Giovanni XXII e 
i Veneziani armano una flotta, 37-39 ; " alcuni di essi 
si recano col loro imp., col Patriarca di Costanti- 
nopoli e con Eugenio IV a Firenze per comporre 
la unità d. Ch. (an. 1438), 144, 39-42; e ricevono dal 
com. di Firenze 1700 fiorini d'oro al mese, l'allog- 
gio e molte altre comodità, 43-45 „ ; nel concilio di 
Firenze s'accordano con la Ch. romana circa la 
processione d. Spirito Santo, 124, 40-43; " (an. 1439), 
145, 31-40; soffrono crudeltà durante l'invasione d. 
Turchi (an. 1453), 169, 32-33 „; rie, 79,2; " 144,41 „; 
V. anche Greci, Impero Romano d'Oriente. 

— (imperatori) v. Imperatori romani d'Oriente. 

— " (patriarca dei) [ Graecorum patriarca] v. Giusep- 
pe II {patriarca di Costantinopoli). 

Bizantium v. Bisanzio. 

Blanca v. Bianca. 

Blandonius v. Baldovino I di Fiandra. 

Bleda [Babla] fratello di Attila, da lui ucciso, 48, 23-24. 

" Blolium v. Broglio „ . 

Boccaccio Giovanni [lohannes Boccaccius] f, 117, 41-43. 

Boemi [Boemmi] combattono per ragioni di confine con 
gli Ungari e li vincono, 105, I8-21 „. 

" Boemia (milizie) [grandissimi exerciti di Ladislao] libe- 
rano Ladislao V, prigioniero dell' imp. Federico III, 
(an. 1452), 166, 37-38. 

— (re di) [Boemiae rex] v.. Giovanni IV conte di Lus- 
semburgo, Ladislao V il postumo, Ottocaro II, Sigi- 
smondo di Lussemburgo, Venceslao di Lussemburgo. 

— (regno di) [Boemiae regnum] ; morto Venceslao, l'oc- 
cupa il fratello di lui Sigismondo di Lussemburgo, 
122, 41-42. 

Boetius v. Boezio Anicio Manlio Torquato Severino. 

Boezio (Anicio Manlio Torquato Severino) [Boetius] 
incolpato di tradimento, è mandato in esilio da Teo- 
dorico, e, cacciato poi in carcere, scrive molte opere, 
54, 2-5; richiamato dall'esilio ed el. prefetto d. pre- 
torio, è fatto uccidere da Teodorico insieme a Sim- 
maco e ad altri illustri cittadini, 23-26. 

" [Boffilo Cincinello da Napoli ] [il podestà di Firen- 
ze] pod. di Firenze; un suo figlio è creato cav. dal- 
l' imp. Federico III (an. 1452), 163, 20 „. 

Bolis v. Fenomeni metereologici. 

Bologna [Bononia, Bologna, Bolognia] ; Federico II non 
riesce a conquistarla, 103, 4 ; "vi è invitato Euge- 
nio IV (an. 1436), 142, 27; vi si scopre una con- 
giura per consegnarla insieme con la persona d. 
pontefice al Visconti, 28-29; vi si reca il 18 aprile 
Eugenio IV che vi dimora tutto l'anno, 39-40; si dà 
a Niccolò Piccinino (a. 1438), 144, 17; che a tutela 
sua e d. altre e occupate lascia Astorre Manfredi 
da Faenza con mille cavalieri, 18; ne parte Euge- 
nio IV, 37; il Piccinino vi passa andando a Fer- 
rara, poi, tornatovi, vi fa giustiziare parecchi cit- 
tadini (an. 1440), 150, 7-9: è assegnata ad Euge- 
nio IV nell'arbitrato pronunciato dallo Sforza fra 
il Visconti, il pp. e la lega (an. 1441), 150, 29-30; 
vi è ucciso Annibale Bentivoglio da quelli d. parte 
d. Da Canneto (an. 1445), 151, 10; vi entrano certi 
fuorusciti guidati da Angiolo Pio, figlio d. signore 
di Carpi Alberto Pio, ma ne sono tosto cacciati 
(an. 1451), 161, 16-18; vi si recano amb. di Venezia 



[Bologna-Borso] 



INDICE ALFABETICO 



13 



e di Alfonso V e ne partono con poco profitto, 162, 
37-38; Niccolò V vi relega Stefano Porcari, 167, 18; 
rie, "XII, 7 „; 134,4, 15; 142,43; 143,7, 19; 149, 19; 
152, 10; 179, 21; 180, 25; 186, 29; 192, 25. 
Bologna (da) Antonio v. Beccadelli Antonio. 

— (signori di) [signori] v. Bentivoglio Giovanni II. 

— " (territorio) [bononiensis ager, bononiensis] ; vi si reca 
Federico di Montefeltro col suo esercito (an. 1467), 
186, U-15; che vi sverna, 187, 16; rie, 142, 41; 186, 
18, 46 „. 

— (vescovi) [bononiensis episcopus, vescovo di Boiogna] 
v. Petronio (San), Parentuccelli Tommaso da Sarzana. 

" Bolognesi [Bononienses, cives quidam, certi usciti, si- 
gnoria di Bologna] cacciano Battista da Canneto 
che avevan fatto quasi signore d. e, e tornano a 
sottomettersi al pp., richiamando gli esuli in patria 
(an. 1435), 142, 24-26; alcuni sono fatti giustiziare 
dal Piccinino (an. 1440), 150, 8; riottengono Castel 
Santo Spirito e Castel San Pietro, per consenso di 
Guglielmo di Monferrato a cui promettono la con- 
dotta di mille e cinquecento cavalli (an. 1446), 151, 
21-23; certi fuorusciti sotto la guida d. figlio d. si- 
gnore di Carpi, entrano in Bologna, pare per ordine 
d. Veneziani, allo scopo di abbattere la signoria d. 
Bentivoglio, amica a Firenze, ma sono cacciati e 
uccisi in gran numero (an. 1451), 161, 16-20; avver- 
tono Firenze che molta gente s'è radunata negli 
stati Estensi con l'intendimento di muovere contro 
di essa (an. 1460), 183, 20-22; è inviato loro amb. 
da Firenze, Matteo Palmieri, 184, 22; s'alleano con 
Napoli, Milano, Firenze e Lucca (an. 1467), 185, 
4-5; sono in lotta con Ercole I d' Este (an. 1473), 
192, 21-22; rie, 184, 22; 186, 8-9 „. 

Bona (città) v. Ippona. 

" [Bona di Savoia] [Sabaudiae Ducis filia, uvor Medio- 
lanensis] richiesta come sposa di Galeazzo Sforza 
dallo zio Luigi XI re di Francia, è negata dal p. 
(an 1467), 185, 27-29; ma l'anno dopo si conclude 
il matrimonio (an. 1468), 29-30; e 188, 13-14; ivi è 
ricordata come sorella della m. di Luigi XI (Car- 
lotta di Savoia) va a Firenze e a Genova col marito 
Galeazzo Sforza e i cognati Ascanio e Lodovico 
(an. 1471), 191, 3-4 „. 

Bonaventura (san) da Bagnoregio [Bonaventura] rie, 
105, 26-28. 

Bondogodar v. Bendocnar. 

" Bonicio [Bonicium]; vi si accampano le truppe fioren- 
tine contro Siena (an. 1432), 135, 4-5; rie, 135, 6-7 „. 

Bonifacio [Boni/acius] ; il Palmieri lo pone nel catalogo 
d. pp. fra pp. Severino e pp. Giovanni VI, 63, 28; 
ma nel testo poi fa notare che molti non lo nume- 
rano nella serie d. pontefici, "XX, 14-15 „; 63,29-31. 

Bonifacio (generale romano) [Boni/atius] venuto dal- 
l'Africa in Italia, vince Ezio e poco dopo f, 47, 
10-12. 

Bonifacio I (san) (papa) [Boni/atius] rie, 45, 36-37. 

Bonifacio lì (papa) [Boni/atius] rie, 55, 22. 

Bonifacio III (papa) [Boni/atius III] rie, 61, 31. 

Bonikacio IV (papa) [Boni/atius fili] rie, 61, 36. 

Bonifacio V (papa) [Boni/atius V] rie, 62, 23. 

Bonifacio VI (papa) [Boni/atius VI] rie, 81, il. 

Bonifacio VII (papa) [Boni/atius VII] rie, 85, 37. 

Bonifacio VIII (papa) [Boni/atius VITI] canonizza Lui- 



gi IX di Francia, 109, 2-5 ; condanna l'eresia d. Fra- 
ticelli, 23-24; «XVII, 12 „; indice il Giubileo, 109, 
25; dice i Fiorentini essere in politica il quinto ele- 
mento, 26-33; « XVIII, 13 „; è imprigionato da Sclarra 
Colonna in Anagni, 109, 40-110, 2; liberato dal pop. 
torna in Roma e vi f poco dopo, 2-6; rie, 109, l. 

Bonifacio IX (papa) [Boni/atius Villi] rie, 119, 14. 

Bonifazio (san) (vescovo di Magonza) [Boni/atius] 
unge e consacra Pipino 11 Breve, 71, 23-26. 

" Boni Oddo | Oddo Boni] fiorentino è confinato come 
perturbatore d. repubblica (an. 1434), 139, 30-33 „. 

Boninsegni v. Buoninsegni. 

Bononia v. Bologna. 

Bononienses v. Bolognesi. 

Bononiensis EPiscoPus v. Bologna (véscovi). 

Bonoso [Bonossus] usurpatore dell' imp., è vinto dall'imp. 
Probo, 29, 22-23. 

"Bonromei Vitaliano v. Borromei Vitaliano „. 

"Bordeaux [Bordea] si ribella a Carlo VII e si dà agli 
Inglesi (an. 1452), 166, 44-45; rie, 167, 1 „. 

— (Concilio di) [sinodus burdegalensis] vi si condan- 
nano i seguaci di Priscilliano, 42, 24-25. 

" Bordoni Niccolò [Bordonius] fiorentino, è imprigio- 
nato per aver parlato di novità riguardo la repub- 
blica (an. 1435), 141, 23-24; dopo aver corso il ri- 
schio di esser giustiziato, gli è commutata la pena 
nel carcere perpetuo, 25-29 „. 

Borgogna [Burgundià] ; terremoto, 103, 16-18; rie, 82, 
41; 83, 16. 

— (duca di) [Burgundiae dux] v. Filippo III di Bor- 
gogna, Rodolfo duca di Borgogna, Ugo di Provenza. 

Borgogna Cisiurana (re della) [Burgundia, Burgun- 
diae dux] v. Ugo di Provenza. 

Borgognoni [Burgundiones] dalla Germania centrale 
vanno a stabilirsi sulle rive d. Reno, 40, 30-32 ; oc- 
cupano parte d. Gallia vicino al Reno, 44, 42-43; 
sono distrutti dagli Unni, 47, 21-22. 

" Borgo San Sepolcro [Sepulchrum, Burgus, castellimi, 
Borgo a Sancto Sepolcro] è assediato e preso da Lo- 
dovico Scarampi, patriarca d'Aquileia e card, legato 
(an. 1436), 142,35; mentre il Piccinino ne tiene il 
castello, le milizie fiorentine ne devastano il contado 
(an. 1440), 148, 44-45; vi ripara il Piccinino con altri 
pochi sfuggiti ai nemici, 149, 28-30; la notte dipoi 
il Piccinino ne fugge coi pochi rimastigli, 30-31; si 
arrende ai Fiorentini e riconosce il dominio d. Ch., 
salve le robe e le persone, 31-32: vi sono liberati i 
prigionieri fatti sul territorio di Firenze dal Picci- 
nino che erano stati colà custoditi, 32-33; viene in 
potere di Firenze che paga per averlo 23 000 ducati 
ad Eugenio IV (an. 1441), 150, 14-15; invia amba- 
sciatori a Firenze, 150, 3; rie, 149, 24 „. 

— " (abitanti) [oppidani Burgenses] ; ne sono fatti pri- 
gionieri molti nella b. d'Anghiari (an. 1440), 149, 
25-26 „. 

"Borromei Vitaliano [Bonromei Vitaliano] è el. cap. 
d. pop. in Milano alla f di Filippo Maria Visconti 
(an. 1447), 155, 8; in mano sua giurano le milizie 
e gli sono dati altri ventiquattro cittadini per con- 
siglio, 9-10 „. 

* Borso d' Este [duca di Modona, dux Mutine, Ferrane 
marchio, Borsius, Ferrariensis dominus]', nelle sue terre 
si raduna gente con l'intendimento di nuocere alia 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1, — 15. 



214 



INDICE ALFABETICO 



| Bosone-Britannia] 



libertà di Firenze (an, 1466), 183, 20-22; giustifica 
questo fatto dicendosi di ciò richiesto da cinque d. 
principali cittadini di Firenze, 1S4, 13-17 ; gli viene 
inviata ambasceria da Firenze, 22; f con 
sospetto di veleno e gli succede il fratello Ercole I 
(an. 1472), 191, 24-25; rie, 1S7, 38 „; v. Lionello. 

Bosone [Boso] tenta di costituirsi un dominio in Fran- 
cia, 79, 45-46. 

Bostra (vescovo di) [bostraniensis cpiscopus] v. Berillo. 

Bostrknus v. Berillo. 

" Bosztriz (CONTE dj) [cotnes bistriciensis] v. Hunyadi 
Giovati» i „. 

Bourdain (di) Maurizio [Mauritius] v. Gregorio Vili. 

[Bouvines] [apud Belgas]; Filippo II Augusto vi scon- 
figge Giovanni Senzaterra e Ottone IV di Brunswich, 
101, 21-23. 

Brabanzoni [Bramanzones]-. ne sono uccisi centomila pr. 
il Reno dai Fiamminghi, e le principali loro e. sono 
prese, 116, 34-36. 

Braccio Andrea da Montone [Braccius] valente cap., 
si fa nemico di Muzio Attendolo Sforza, e, compiute 
imprese memorabili, f all'assedio di Aquila, 123, 
21-30; * rie. come cognato di Fortebraccio Niccolò, 
132, 19; rie, 155, 26 „. 

"Braccio Carlo da Montone [Carlo di Braccio] assol- 
dato dai Veneziani, passa al soldo di Firenze che 
gli promette con altri vantaggi certe terre d. duca 
d'Urbino, quando le abbia conquistate (an. 1452), 
164, 34-37; cerca fare un altro trattato in Lombar- 
dia e prende squadre di Alessandro Sforza, 37-38 „. 

"Bracciolini Poggio; sua Silloge d'iscrizioni, XV, 35- 
XVI, 25; sue Historiae Fiorentini pop ., XXVII, 18-20 „. 

Bramanzones! v. Brabanzoni. 

Branca v. Brancacci B. 

" Brancacci Branca [Branca scriba, Brancacius] è im- 
prigionato per avere con altri meditato novità nella 
repubblica (an. 1434-1435), 140, 45-46 „. 

" Brancazio (san) v. Pancrazio (san) „. 

" Brandolino Tiberto [messere Tiberio, Tiberio da Car- 
pi, Tiberio] sconfigge i Veneziani nel Veronese (an. 
1453), 167, 40-41 ; recatosi dallo Sforza, improvvisa- 
mente ritorna mentre i Veneziani assaltavano le 
milizie di Luigi III Gonzaga e li sconfigge, 168, 1-6; 
un suo figlio, condottiero agli stipendi d. Sforza, è 
fatto prigione a Genova (an. 1459), 180, 1-2 „. 

[Bregezio] v. Brigezione. 

Brescia [Brinda, Briscia, Brescia]; vi piove sangue per 
tre giorni, 79, 15-16; viene in soggezione di Giovanni 
di Boemia, 113, 25-27; cade in mano d. Veneziani che 
a stento ne espugnano la rocca, 123, 37-38; " XII, 23 „; 
" assediata per tutto l'estate dalle milizie d. Visconti, 
è difesa dai Veneziani per terra e sul Po (an. 1438), 
144, 21-24; ma invano per mancanza di un condot- 
tiero che ne guidi gli eserciti, 24-25; è ogni dì più 
stretta dall'assedio, 28-29 ; una parte d. sue mura è 
abbattuta e vi entrano numerosi i nemici, 29-31 ; è 
assediata da Niccolò Piccinino (an. 1439), 145, 6, 21- 
22 „ : 125, 16-17 ; " vi si ritirano le milizie d. Visconti 
incalzate dallo Sforza, 41-43; vi si rifugiano, dopo 
la sconfitta di Trezzo d'Adda, Attendolo Micheletto 
da Cotignola e Luigi III Gonzaga (an, 1448), 157, 
43-44 ; vi si ferma io Sforza, quasi assediandola, 158, 
19-20; nei patti d. pace fra 1 Veneziani e lo Sforza 



tocca a quest'ultimo, 158, 23; è minacciata dalle 
milizie d. Sforza (an. 1454), 171, 26; rie, 145, 24 „. 
— " (territorio di) [il Bresciano, brivicnsis ager, Bre- 
sciano, ci contado di Brescia] • entratovi lo Sforza, vi 
occupa in breve parecchi castelli (an. 1440), 149, 
5-6; i Veneziani vi occupano tutti i castelli, 10; nei 
patti d. pace fra i Veneziani e lo Sforza tocca a 
quest'ultimo (an. 1448), 158, 23: è corso da milizie 
veneziane (an. 1452), 164, 10; Francesco Sforza, ten- 
ta, fermandovisi, di farne campo d. guerra coi Ve- 
neziani, 12-13; vi si reca Renato d'Angiò in aiuto 
d. Sforza (an. 1453), 169, 23-24; vi si raccolgono 
in favore d. Sforza, Renato d'Angiò, Guglielmo 
del Monferrato, Bartolomeo Colleoni e Alessandro 
Sforza con le loro milizie e quelle di Attendolo Mi- 
cheletto da Cotgnola, 25-29; è invaso dallo Sforza, 
170, 43-44; vi sverna Bartolomeo Colleoni con le 
sue milizie, 187, 23; rie, 167, 30; 168, 22-23; 170, 36; 
186, 6, 12; 187, 23 „. 

Brettagna francese (re della) [Brittonum rex] v. Sa- 
lomone III. 

Brettoni [Britlanni, Brittones] vinti da Carlomagno, 
72, 22-26; vittoriosi contro i Franchi persistono 
nella guerra, 77, 27-29; invadono la Gallia e la sac- 
cheggiano, 78, 24-25 ; cessano dalle invasioni, occu- 
pati in lotte civili, 79, 29-31. 

" Brievi v. Brivio „. 

a Brigansone (valle) [una valle presso Como chiamata 
Brigan$one]\ è saccheggiata dalle milizie fiorentine 
e veneziane che vi imprigionano quindicimila uomini 
e vi fanno gran bottino (an. 1447), 154, 19-20 „. 

Brigezione [Brigitium] in Pannonia, vi f Valentinia- 
no I, 40, 37-38. 

Brigida (santa) [Brigida] f in Iscozia, 54, 33-34. 

Brigida (santa) [Brigida] svedese, principessa di Ne- 
ricia, viene in pellegrinaggio a Roma e acquista 
fama in Italia, 117, 24-26; «XI, 14; XVIII, 16 „. 

Brigitium v. Brigezione. 

Brindisi [Brundisium] ; ne parte Filippo II Augusto per 
recarsi in Siria, 99, 20. 

" Briscianus ager v. Brescia (territorio di) n . 

Britanni [Britlanni] sono vinti da Claudio, 12, 18; si 
danno al cattolicismo e continuano a seguirlo sino 
ai tempi di Diocleziano, 23, 8-10; sono sotto la pro- 
tezione romana, 45, l ; pp Celestino I manda Ger- 
mano vese d'Auxerre affinchè richiami alla retta re- 
ligione cattolica quelli di essi che si sono dati al pe- 
lagianismo, 46, 42-44 ; v. anche Inglesi. 

Britanni A [Brittannia, provinciae apud Britannos, provin- 
cia]; l'imp. Claudio vi manda Vespasiano, 12,30-31: 
Settimio Severo vi fa costruire un vallo per difen- 
derla dai Barbari, 24, 29-31; Settimio Severo vi f, 
38; Marco Aurelio Carausio vi usurpa l'imp., 30, 
9-10; dopo di lui fa altrettanto Alletto, 38; Ascle- 
piodoto la riconquista all'imp., 40-41; vi f Costan- 
zo I Cloro, 31, 34-35; vi è ucciso Valentino, 40, 7; 
Massimo II Magno vi è ei. imp., 42, 13-14 ; vi è el. 
l' usurpatore Costantino, 45, 5-8 ; è invasa e depre- 
data dai Galli, 48, 42-43; è convertita al cattolici- 
smo da san Gregorio Magno, 60, 43-44 ; vi si diffonde 
una pestilenza che, venuta dall'Oriente s'era sparsa 
per tutta l'Europa, 115, 14-20; rie, 12,31; 31,5; v. 
auche Inghilterra. 



[Britannia-CalabriaJ 



INDICE ALFABETICO 



215 



Britannia (re di) [Britanniae re.\[ v. Lucio di Coirà 
(san); V. anche Inghilterra (re di). 

Britannico (Tiberio Claudio) | filius Claudi] è così 
chiamato dal p. in memoria del trionfo riportato 
sui Britanni, 12, 20. 

Brittania v. Britannia. 

BrITTANNI v. Britanni, Brettoni. 

Brittannos (provinciae apud) v. Britannia. 

Brittones v. Brettoni. 

" Brivio [Brievi] sull'Acida è presa dalle milizie d. lega 
avversa a Filippo Maria Visconti (an. 1447), 154, ì7„. 

BRIXIA v. Bresci". 

" Broglio (castello di) [Blolium arti] è occupato da Pe- 
trucci Antonio del Checco Rosso (an. 1434), 139, 39- 
40; è ripreso e dato, per desiderio degli abitanti, al 
coni, di Firenze, mentre prima era d. Ricasoli, 41-42 „. 
— " (abitanti di) [populus] danno la loro terra al 
com. di Firenze (an. 1434), 139, 41-42 „. 

Brunkllkschi Filippo [Phi/ippus Florentinus arc'iitectus, 
Pìppus architectus] costruisce la cupola di Santa Ma- 
ria del Fiore, 124,28-30; "gli si affida l' incarico dì 
allagare Lucca, secondo una proposta da lui fatta 
(an. 1430), 132, 37-38 „. 

"Bruni Donato [Donato di messere Lionardo Bruni] è 
mandato con altri a incontrare l'imp. Federico 111 
(an. 145 1), 163, 2; l'accompagna sino a Santa Maria 
Novella, 3-5 ,,. 

Bruni Leonardo [Leonardus arrelinus, Ltonardus Bru- 
•ius\ storico, nasce ad Arezzo, 117, 28; traduce in 
latino l'Etica e la Politica di Aristotele, 122, 15- 
17 ; storiografo di Firenze, 125, 44; "è fatto d. Dieci 
di balìa in Firenze (an. 1439), 145, 19 „ ; f, 125, 44- 
45 ; le sue Storie e il suo Commentario fonti d. Ckro- 
nicon di Sozomeno Pistoiese e d. De Temporibus, 
XI, 21-XII, 19: XV, 25-295 XVII, 7-XVIII, 17; rie, 
XXVII, 11, 16 „. 

" BrUTII V. Marchigiani „. 

* Buccelli Francesco [Franciscus Bucellus] fiorentino, 
è confinato per aver aiutato Rinaldo degli Albizzi 
e Rodolfo Peruzzi contro la repubblica (an. 1434), 
139, 30-31 „. 

Bucelino [Bucitlinus\ duce d. Galli, invasa l'Italia, è 
vinto pr. Taranto da Narsete, 58, 9- il. 

Bucellus Franciscus v. Buccelli Francesco. 

Bucillinus v. Bucelino. 

" Budrio [Budrium] ricco castello d. Bolognese, è dato 

dal pontefice in preda alle sue truppe (an. 1436), 

142, 40-44 „. 

— " (vicinanze di) [invia Budrium] vi sì azzuffano i 

Fiorentini e restano vincitori (an. 1467), 186, 40-41 „. 

Bueiuia v. Boemia. 

" Buggiano [Buggianum oppidum] è occupato dallo Sfor- 
za (an. 1430), 133, 15-16 „. 

" Bulletta (del) Lorenzo [Laurentius Giovanni filius 
Bulletta] fiorentino, è confinato per aver favorito i 
perturbatori d. repubblica (an. 1434), 139, 30-32 „. 

" 13uonanmi Niccolò [Muoio Buonanni] è fatto d. Dieci 
di balìa in Firenze (an. 1453), 167, 39 „. 

Buonconvento [Buoncouventus]: vi f l'imp. Enrico VII, 
111, 12-13. 

Buondelmonti (casa de') (casa e Buon Ialino viti), rie, 
163, 14. 

" Buongirolami Bernardo [Bernardus Buongirolamus] 



dottore in legge, va amb. di Firenze a Ferrara (an. 

1466), 184, 21-22 „. 
" Buoninsegni Domenico | Domenico di Lionardo] d. 

quartiere di Santa Maria Novella a Firenze, e fatto 

d. Dieci di balìa (an. 1451), 161, 26 „; le sue Istorie 
fiorentine servirono di fonte al De Temporibus, XII, 

19-24; XIII, 1-4; XVIII, 27-XIX, 2; giudizio sulle /sto 

rie, XXVII, 27-XXVIII, 5; rie, XXXII, 12, 31 „. 
"Buonsignori Francesco di Giovanni, banchiere in 

Roma, rie, XXX VII, 2 „. 
u Burbano [Burbanus] cast, di Romagna, rie, 187, 15, M „. 
Burdegalensis sinodus v. Bordeaux (concilio di). 
BURGENSES v. Borgo San Sepolcro (abitanti di). 
Burgum v. Borgo San Sepolcro. 
Burgundi [Burgunda]-, ne sono mandati diecimila da 

Teodeberto I in aiuto d. Goti, 56, 19-20. 
Burgundia v. Borgogna. 
Burgundiones v. Borgognoni. 

Busento [Bascntus amnis]'. nel suo alveo è sepolto Ala- 
rico, 44, 38-39. 
" Busini Angelo [Angelus Businius] si arma contro la 

parte preponderante a Firenze (26 settembre 1434', 

139, 1 ,. 
" Busini Antonio [Antonius Businius] si arma contro la 

parte preponderante a Firenze (26 settembre 1434), 

139, 1 „. 
Busiride [Busiris] ribellatasi a Roma, è rasa al suolo, 

30, 25-26. 
Bythinia v. Bitinia. 

Cacan o Khan Djjgli Avari [Cacanus Unnorum re.\\ v. 
Avari (re degli). 

" Cacchiano [Cacchiano de Ricasolesi] terra appartenente 
ai Ricasoli; vi combattono le forze d'Alfonso V 
d'Aragona contro le fiorentine (an. 1452), 165,4-5 „. 

[Caccianemici dall'Orso Gerardo] v. Lucio II. 

Cadalo Pietro [Episcopus parmensis] el. pp. contro Ales- 
sandro III, va due volte armato fino a Roma contro 
di lui, 90, 40-42. 

CaelestINUS v. Celestino. 

Caesar v. Cesare. 

Caesarea v. Cesarea. 

Caesarea Philippi v. Cesarea di Filippo. 

Caesariensis episcopus v. Cesarea (vescovi). 

Caesarinus Iulianus v. Cesarini Giuliano. 

[Caetani Giovanni] v. Gelasio II. 

Caieta v. Gaeta. 

Caio [Caius, Gaius] ». Asinio (Pollione C), Caligola 
(Giulio Cesare Germanico C), Cesare (Giulio C), 
Decio (Messio Quinto Traiano C), Diocleziano (Aure- 
lio Valerio C), Licinio (Flavio Valerio Liciniano C), 
Mario (Vittorino C), Massimiano (Galcrio C), Mas- 
simino (Giulio Vero C), Minucio (Fundano C), Musonio 
(Marco Rufo C), Ottaviano (Giulio Cesare Augusto 
C), Pisone (Calpurnio C), Tacito (Marco Claudio C), 
Triboniano (Gallo Vibio C), Valeriano (Publio Lici- 
nio C), Volusiano ( Vibio Gallo Veldumiano C). 

Calabresi [Calabri]-. muove loro guerra Ottone II, perchè 
non vogliono ribellarsi all' imp. d'Oriente, 86, 7-9. 

Calabria [Calabria, Calavria] rie, 98, 39. 
— (duca di) [Calahriae dux, duca di Calavria] v. Al- 
fonso II P Aragona, Ferdinan lo d'Aragona, Gio- 
vanni (PAngiò; v. anche Puglia (duca di). 



I 



INDICI', ALFA ITTICO 



[Ca!ahorra-Candido| 



Calaiiorra [Calagora]; vi nasce San Domenico, 100, 43. 

* f Calandrimi Filippo] [fratello del papa] card., fratello 
di Niccolo V, è Inviato a Firenze ad incontrare 
l'imp. Federico III insieme con un altro card., 163, 
;i-22„. 

Cali- :j>o\ti\ [Calchiedona] rie, 40, 22-23. 
— (sinodo di) [C'>alchi lon^nsis sinolns]; vi sono con- 
dannati Eutiche e Dioscoro, e sono annullate le de- 
liberazioni del conciliabolo di Efeso, 49, 20-21. 

Cat.cide (re di) \qiii regnabat in Calcile] v. Erode di 
Calcidc, Agrippa li. 

" Caldane (lei [le Cai lare] ; vi si fermano le milizie fio- 
rentine, contro Alfonso V accampato a cinque mi- 
glia da Piombino (an. 1448), 157, 6-7 „. 

Caldora (da) Antonio [Caldoria Antonio] va con le mi- 
lizie aragonesi contro Firenze (an. 1452), 164, 32. 
' C vldora (da) Iacopo [lacopuccio Caldoria]; Alfonso V 
d'Aragona chiede a Firenze il risarcimento di danni 
da lui recati venticinque anni prima (an. 1447), 155, 
25-26 „. 

Caligola (C. Giulio Cesare Germanico) (imperatori ) 
[Gttius, Gaius Cesar, Caius, Gaius Gallicula] libera 
Agrippa le lo fa re d. Giudei, 11, 12: ascrive sé 
stesso fra gli dei, 13; va a lui amb. Filone in occa- 
sione d'una sollevazione d. Giudei, 14: Erode Antipa 
gli chiede il regno d. Giudea, ma per le trame di 
Agrippa è da lui esiliato, 16-19; ordina a P. Petronio, 
prefetto d. Siria, che la sua immagine sia posta in 
Gerusalemme fra quelle degli altri dei e adorata 
sotto il nome di Giove Ottimo Massimo, 23-25; le 
immagini e gli altari a lui consacrati vengono collo- 
cati in tutto l'orbe romano, all' infuori che nella 
Giudea, 26-28 ; fa uccidere molti patrizi, 29; stupra le 
sorelle e le condanna poi all'esilio, 30; è ucciso da' 
suoi partigiani, 32-33; rie, 10, 41; 11, io. 

Calipha v. Abu-Becr, Alalid, Al-Moavia, Egitto (ca- 
liffo di). 

Calisto I (san) (papa) [Callisius] rie., 25, 22. 

Calisto TI (papa) [Calistus IT] ottiene pace da Enrico V, 
94, 9; rie, 8. 

Calisto III (antipapa) (Giovanni di Sirmio) [Calistus] 
creato antipapa dal Barbarossa contro Alessandro 
III, 96, 37-39. 

" Calisto III (papa) [Calisto, papa Calisto III, Pontefice, 
il papa] card, di Valenza, vecchissimo è el. pp. (an. 
1455), 175, 30-31, 4; Firenze gli manda Matteo Pal- 
mieri per notificarci' la ratificazione d. pace e del- 
l'alleanza, 32-34; e nello stesso tempo gli sono man- 
dati altri ambasciatori da Firenze a congratularsi e a 
promettergli ubbidienza, 35-38; avuti aiuti dallo Sfor- 
za e da Firenze, si pone sulle difese, 175, 40-176, 2; 
paga 30 000 fiorini all'anno insieme con Alfonso V a 
Iacopo Piccinino, 7; manda a predicare la croce con- 
tro il Turco ottenendo molti danari che poi spende 
in altre cose, pur armando alcune galee che manda 
senza alcun frutto in Oriente (an. 1456), 177, 32-35; 
Alfonso gli manda Pietro Gambacorta, perchè con- 
danni Firenze a restituire le terre tolte a Gherardo 
Gambacorta (an. 1457), **-178, 5; la condanna a pa- 
gargli 18000 ducati per tutto il mese di marzo, 6- 
8; conviene d'aver emanata una sentenza ingiusta, 
ma afferma d'esservi stato costretto da Alfonso e dal 
desiderio di conservare la pace, 10-12; condanna nel 



medesimo tempo Francesco Sforza a restituire ad 
Antonio da Pesaro 30 000 ducati per danni recati- 
gli in Lombardia, 12-14; alla f di Alfonso, dichiara 
ricaduto sotto la Ch. il regno di Napoli e Sicilia, 
e, venuto ad accordi, esige da Ferdinando di Napoli 
60000 fiorini all'anno (an. 1 45S), 179, 8-10; f, 12; 
rie., 175, 5 „. 

Calli.nico i;sarc \ [Gallicinus, Italiae e\arehus] fa pri- 
gionieri pr. Parma la figlia d. re Agilulfo col ma- 
rito Godescalco e li conduce a Ravenna, originando 
così una nuova guerra coi Longobardi, 61, 2-6. 

Callistus v. Calisto. 

Callyopa V. Teodoro Calliopa. 

Calogero [Calocerus] è vinto mentre tentava novità in 
Cipro, 34, 37-3S. 

* Cambassium v. Gambassi „. 

"Cambi Giovanni; il primo libro d. sue Istorie, XXVII, 

22-27; rie, XXXLT, 31-33,,. 
Camerino (da) v. Simone (fra) da Camerino. 

— [(marchese di)] v. Ugo il Grande. 
[CAMPALDlNo] [in Casentiniati agro]; i Fiorentini vi 

sconfiggono i Ghibellini, 108, 18-20. 
Campania; vi f Tiberio, 11, 7-9: molte e. vi sono 
distrutte dal terremoto, 36, 16-18 ; è depredata da 
Gisulfo, 68, 1-2; vi è mandato in esilio pp. Gio- 
vanni XIII, 85, 18-20; " vi si trattengono le truppe 
d. pp. (an. 1436), 142, 43 „; rie, 9, 1-2. 

— (abitanti della) [Campani] si alleano con Adal- 
giso, duca di Benevento, contro l'imp. Lodovico li, 
78, 41-79, 3; per incitamento d. Beneventani si ri- 
bellano di nuovo all' imp., 23-24. 

[Campanile di Giotto] v. Firenze (edifici). 

Campidoglio [Capitoli nm] v. Roma (edifici). 

"CampIGLIA marittima [Campiglia di Siena, Campiglio]; 
ne partono soldati di Alfonso V condotti da An- 
gelo Morosini da Siena con fuorusciti fiorentini che 
ivi abitavano (an. 1447), 154. 37-39: rie, 156, 39; 
157, 6„. 

Campo (el) v. Firenze (milizie). 

" Campofregoso Giano [Giannus] a capo di certi fuo- 
rusciti entra in Genova (an. 1447), 153, 35-37 „. 

* Campofregoso Lodovico [Lodovico Campofregoso] ac- 

cordatosi con Renato d'Angiò, ne ottiene il Castel- 
letto di Genova ed è el. doge (an. 1461), 181, 25-26 „. 

" [Campofregoso Paolo] [l'Arcivescovo] fuoruscito, è 
rimesso in Genova (an. 1461), 181, 15 „. 

" Campofregoso Pietro [el Doge, Pcririo 'la Campo Fre- 
goso, Piero Campofregoso] allontana da Genova 
molti nobili e s'accorda con Carlo VII di Francia 
(an. 145S), 178, 21-23; doge da più anni, impaurito 
dalle forze navali mandate da Alfonso V, invita in 
suo aiuto G ovanni d'Angiò, 44-179, 3; con Filippo 
Fieschi combatto contro Genova (an. 1459), 25; en- 
tra di notte in e con tremila uomini tentando sol- 
levarla a tumulto, e, appiccata la zuffa, f, 39-45; 
rie, 45 „. 

u Campofregoso Spinetta [Spinetta Campofregoso] si- 
gnore di Carrara, è fatto doge di Genova (an. 1461), 
181, 23; è deposto, 25-26 „. 

Campo Marzio [Campus Martius] v. liotna (Campo Mar- 
zio). 

Candido (san) [Candidius, Candìlus] dottore d. Ch. rie, 
24, 3-4; mart. sotto Diocleziano. 31, 1-4. 



[Canigiani-Cardinalis ] 



INDICK ALFABKTICO 



217 



* Canigiani Giovanni [lohannes Canisianns, orator no- 
ster\ va amb, di Firenze a pp. Paolo II (un. 1467), 
184, 19-20; rie, 35 „. 
" Canneto (oa) Battista [Batista Cannelanus, Batista 
da Canetolo] fatto dai Bolognesi, per consiglio ci. Vi- 
sconti, quasi signore d. e, è cacciato (an 1435)1 142, 
24-25; è ucciso dai Bentivoglio (an. 1445), 151, 14 „. 
"Canneto (da) (parte dei) {pars Cannelola]; avendo 
ucciso Annibale Bentivoglio, sono assaliti dai Benti- 
voglio che ne rovinan le case (an. 1445), 151, 10-16 „. 
Cannusium oppidum v. Canossa (castello ili). 
Canossa (castello di) [Cannusinm oppidum}; vi si ri- 
conciliano Gregorio VII ed Enrico IV, 91, 28-30. 
Canterbury (di) [Canturiensis] v. Anselmo di C. 

— (vescovo di) v. Lanfranco da Pavia. 
" Canto alla Paglia v. Firenze (vie), (Canto alla Pa- 
ffuta) „. 
" Canto de' Guidalotti v. Firenze (vie), (Canto de' Gui- 
da/olii) „. 
Capeto Ugo (conte di Parigi poi re di Francia) 
[Ugo cognotnenlo Caputimi] lotta per quattro anni 
con Carlo, duca d. Bassa Lorena, 86, 29-32; fatto re 
di Francia, regna quattro anni, 37-39. 
Capitolium v. Campidoglio. 
"Capo d'Istria; vi appare un segno maraviglioso in 

cielo (an. 1454), 174, 36-38 „. 
Cappadocta è saccheggiata da Sapore I, re d. Persiani, 
28, 10-11; vi terminano la vita Verina Augusta, Ba- 
silisco e il figlio di costui, Marco, cacciati colà da 
Zenone, 52, 10-11; è invasa dagli Assiri, 81, 33-35; 
rie.. 9, 19; 38, 16; 39, 20. 
" Capponi Capponcino [ Capponcinns] fiorentino, ospite 
degli amb. del Visconti, li consiglia ad uccidere il 
pontefice Eugenio IV, dimostrando la facilità d. 
cosa (an. 1435), 141, 15-17; essendo scoperta per let- 
tere intercettate la trama da lui ordita, è preso e 
suppliziato, 20-22 „. 
"Capponi Neri [Nerius Ginifilìus Capponius, .Verius Cap- 
ponius, Neri di Gino Capponi, Neri di Gino, Veri} è 
consapevole d. spedizione militare mandata da Fi- 
renze nel contado di Lucca sotto la guida di Nic- 
colò Fortebracci (an. 1430), 132, 10-11; è fatto d. 
Dieci di balìa (an. 1439), 145, 18-19; mandato amb. a 
Venezia, conclude il patto che i Veneziani rompano 
guerra al Visconti, se questi non si ritirerà da Cre- 
mona (an. 1446), 151, 37-38; è mandato con altri 
cinque amb. a pp. Niccolò V (an. 1447), 154, 7-9; 
è mandato amb. da Firenze a Ferrara per trattar 
d. pace, 25-26; riconquista Pomarance e altri castelli 
d. Volterrano occupati da re Alfonso, 156, 26-27; 
condottiero d. truppe contro Alfonso V nella guerra 
di Piombino (an. 1448), 157, 5; con gli altri con- 
dottieri e con le truppe, passando per Cecina, va 
alle Caldane, pr. Campiglia, pr. il campo di Al- 
fonso V, 5-7; mandato con altri amb. a Milano per 
congratularsi col nuovo duca Francesco Sforza, è 
accolto con feste ed onori (an. 1450), 159, 23-25; 
va amb. a Venezia per trattare degli opportuni ac- 
cordi con lo Sforza, 30-32 ; è fatto d. Dieci di balìa 
fra quelli del quartiere di Santo Spirito (an. 1451), 
161, 22; sottoscrive l'accordo con Braccio Carlo da 
Montone (an. 1452), 164, 36-37; di nuovo è fatto d. 
Dieci di balìa (an. 1453), 170, 14; suoi Commentari, 



, XXVII, 11-12; XIX, 33-34; XXXII, 9-10; rie, 
XXIV, l ; XXX, 2 „. 
" Capi'oni Niccolò [Niccolo Capponi] fiorentino è man- 
dato con altri a incontrare l'imp. Federico III (an. 
1451), 163, 2; l'accompagna sino a Santa Maria No- 
vella, 3-5 „. 
"Capponi (case dei) [Capponorum edes\; vi albergano 
gli amb. del Visconti venuti a Firenze per trattare 
d. pace col pontefice (an. 1431;), 141, 15 „. 
" Capponcino [Capponcinns] v. Capponi Capponano „. 
" [Capranica Bartolommeo] [el Cardinale di Fermo, el 
Legato] card, di Fermo precede per ordine di Nic- 
colò V, gli amb. d. lega pr. Alfonso, per persua- 
derlo ad entrare nella lega stessa secondo i capitoli 
stabiliti l'anno stesso a Lodi (an. 1454), 175, 13-14; 
ed è ricevuto dal Re a Gaeta, 15; dopo aver pro- 
messo al re che Niccolò V entrerà nella lega come 
capo, torna a Roma, 24-25 „. 
Capri v. Carpi. 
Capua; vi giunge Carlo Magno in guerra contro Arichi, 

73, 24-26. 
Caputius v. Capeto Ugo. 

Caracalla (Aurelio Antonino Bassiano Marco) (im- 
peratore) \Anto?iinus, Caracalla, Antonini, Antoninus 
Caracalla] prese tale soprannome da certe vesti che 
aveva distribuito al pop. in Roma, 24, 41-42 ; edifica le 
terme che portano il suo nome, 25, 4-5; sposa la ma- 
trigna Giulia, 6-7; è ucciso a Carré mentre sta pre- 
parando la guerra contro i Parti, 8-9; è ritenuto p. 
di Elagabalo, 16-17; rie, 24, 39. 
Carausio (Aurelio Valerio Marco) [Carausius] usurpa 
V imp. in Britannia ed è sottomesso dopo molti 
combattimenti, 30, 9-10; rie, 38. 
Caravaggio (vicinanze di) [iuxta Claravagium] Fran- 
cesco Sforza vi sconfigge i Veneziani, 126, 42-127, l. 
" [Carda (della) Bernardino] [Bernardinus] va ad Ur- 
bino con la sua compagnia, agli stipendi di Guidan- 
tonio da Montefeltro, suo parente, abbandonando 
Firenze (an. 1431), 134. 11-12; condottiero d. Senesi 
è intimidito dall'assalto d. Fiorentini (an. 1432), 
136, 11-13; all'arrivo di Micheletto fugge con altri 
capi, 17-18 „. 
Cardinale Morinense v. Morinense Cardinale. 
Cardinali [universi ecclesiae praclati, patres, pars mavi- 
ma praelatorum, patres ci praclati Ecclesie] sono fatti 
prigionieri e spogliati d. beni da Enrico V, 93, 21-26; 
si oppongono all'incoronazione di Enrico V, 35-38; 
in discordia sull'elezione d. successore di Clemen- 
te IV, lasciano vacante la santa Sede due anni, 106, 
9; pp. Urbano VI si mostra crudele con essi e ne fa 
carcerare ed uccidere sei in una volta, perciò tutti 
l'abbandonano e ritiratisi a Fondi eleggono pp. Cle- 
mente VII, dando principio allo scisma d'Occidente, 
118, 5-10; "XVIII, 1-7; essendo venuto in loro so- 
spetto il card. Vitelleschi è fatto uccidere (an. 1440), 
146, 12-14; la maggior parte dissuade Eugenio IV 
dal tornare contro lo Sforza (an. 1442), 151, 1-3 „ ; 
"rie, 170, 32 „; v. anche Amanati Iacopo, Capranica 
Bartolomeo, Ccsarini Guglielmo, Estontvìlle Gugliel- 
mo, Isidoro di Kiev), Scarampi Lodovico, Szcch Dio- 
nigi, Vitelleschi Giovanni. 
" Cardinalis legatus Pontificis v. Vitelleschi Gio- 
vanni „ . 



218 



INDICE ALFABETICO 



[Carducci-Carlo VII| 



" Carducci Filippo [Filippus Carduccius] è d. Dieci di 
balla in Firenze (an. 1432), 134, 27 „. 

" Carducci Niccolò [Niccolò d'Andrea Carducci] è fatto 
d. Dieci di balìa in Firenze (in, 1453), 167, 38 „. 

" Careggi (villa di) [Carigiensis villa]; vi f Cosimo 
de' Medici (an. 1464), 182, 25 „. 

Carestia [fames, cgcstas, caristia], 8, 27-29 ; universale, 
profetizzata da Agabo e verificatasi sotto l'imp. di 
Claudio, 10, 24-25; 12, 13-1*; in Grecia, 42; in Cilicia 
e Siria, 34,31-33; in Italia, 56, 11-12; in Italia, 60, 
25; in Italia e quasi universalmente, 61, 19; a Roma, 
68,20; in Francia, 79, 17-19; in Italia. 80, 15-17; in 
Francia, 84, 1-2; universale, 87, 33; universale, 90, 
38; in Francia, 102, 42-43; in Italia, 115,1-3; " (an. 
1432), 137, 3; a Lucca (an. 1436), 143, 25; v. anche 
le notizie sui raccolti de 1 vari prodotti agricoli dal 1438 
al 1446, 192, 38-194, 13 „. 

" Cariadino [Cariadinus] ; un amb. di Maometto II, di 
questo nome, secondo Palmieri, porta doni a Ferdi- 
nando d'Aragona re di Napoli e nello stesso tempo 
gli reca la nuova d. presa di Negroponte, ma il re 
gli risponde che egli non poteva di ciò rallegrarsi, 
poiché sempre avrebbe combattuto per la religione 
di Cristo e per l'Italia (an. 1470), 190, 19-29 „. 

Carigiensis villa v. Coreggi (villa di). 

Carino (Aurelio Marco) (imperatore) [Carinus] regge 
l'imp. insieme al p. Caro e al fratello Numeriano, 
29, 35-36 ; è vinto e ucciso pr. Margo, 30, 1. 

C arisi a n us v. Canigiani. 

Carlo [Carolus] v. Braccio C. da Montone, Pandoljini C. 

Carlo (duca della Bassa Lorena) \ Carolus], fratello di 
Lodovico V il Neghittoso, el. re di Francia, regna 
quattro anni, 86, 27-28; durante i quali lotta con 
Ugo Capeto, 29-32; f, 37. 

Carlo (Magno) (imperatore) [Carolis, Carolus Magnus, 
Carolus cognomento Magnus] succede al p. sul trono d. 
Franchi e lo tiene per quarantasette anni, 72, 10-13; 
vince Unoldo, re dell' Aquitania e, cacciatolo, s'im- 
padronisce d. suo regno, 16-17; combatte felicemente 
i Sassoni per trentatre anni, e, per mezzo d. suoi figli 
e d. suoi condottieri, vince gli Slavi, gli Avari, gli 
Arabi di Spagna, ; Britanni e riporta grandi vit- 
torie in Italia, 20-26; chiamato in Italia da pp. Adria- 
no, vince i Langobardi, assedia Desiderio in Pavia 
e lo conduce con la m, e i figli in Francia, rice- 
vendone privilegi e onori dal pontefice, 29-37 ; tor- 
nato dall'Italia, riprende la guerra contro i Sassoni, 
73, 6-7 ; devasta Saragozza e Pamplona che non ave- 
vano voluto accettare la fede di Cristo, 14-16; viene 
in Italia contro Arichi, duca di Benevento e giunge 
sino a Capua, 24-26; in otto anni di guerra di- 
strugge gli Avari, arricchendo con l'enorme bottino 
il suo esercito, 36-74, 3; ebbe a precettore Alcuino, 
15; fa trasportore da Roma e Ravenna opere d'arte 
per ornarne la basilica di Aquisgrana, 24-27 ; resti- 
tuisce Leone III nella pristina dignità e, da lui no- 
minato Augusto, restaura l'imp. d'Occidente, 34-39; 
diventando per primo imp. dopo Romolo Augustolo, 
40-43; passando per la Toscana nel tornare in Fran- 
cia, fa restaurare Firenze e vi riconduce la nobiltà 
sparsa pei vicini castelli, 44-75, 5; emana nuove 
leggi che vuole osservate in tutto l'imp., 6-7; ter- 
mina la guerra coi Sassoni, 11-13; designa suo suc- 



cessore il figlio Lodovico e, ritiratosi in Aquisgranai 
vi f, 31-36; rie, 80, 40. 

Carlo II (il Calvo) (imperatore) [Carolus, Carolus co- 
gnomento Calmai] dopo la f d. p„ lotta a lungo coi 
fratelli Lotario e Lodovico, finche ottiene il regno 
d. Francia, 77, 4-12; ottiene l'imp. corrompendo il 
pop. rom. e pp. Giovanni VIII, 79, 33-35; interviene 
al concilio di Troyes, 40-41; tenta impadronirsi d. 
regno di Germania a danno d. figli d. defunto imp. 
Lodovico II, 36-38; mentre passa le Alpi per recarsi 
in Francia, f di veleno, 80, 1-2; rie, 79, 31; " 165, 
41 „. 

Carlo III (il Grosso) (imperatore) [Carolus cognomento 
Crossus, Carolus III] el. dopo che già Lodovico il 
Balbo era stato assunto a tale dignità, alla f di co- 
stui regna solo, 80, 7-11 ; dopo aver sostenuto alcune 
guerre contro gli abitanti d. Pannonia, indebolito 
di corpo e di mente, fattosi privato, è mantenuto 
dal duca Arnolfo di Carinzia, 31-35; rie, 12, 41. 

Carlo IV (di Boemia) (imperatore) [Carolus IV, Caro- 
lus, Carolus imperatot] è incoronato in Roma, 116, 
22-23: viene in Italia a trattare segretamente con Ur- 
bano V e poi ripassa le Alpi, 117, 18-20; elegge re 
d. Romani il figlio Venceslao, duca di Lussemburgo 
e lo designa suo successore, 29-32; "XI, 14; XVIII, 
24 „; f, 118, 19-20; rie, 115, 7; 118, 21. 

Carlo (Martello) (maestro di palazzo in Austrasia 
e Neustria) [Carolus] re d. Franchi, secondo Pal- 
mieri, e p. di Pipino il Breve, è chiamato in aiuto 
da Gregorio III contro Liutprando, 70, 12-13. 

Carlo IV (il Semplice) (III re di Francia) [Carolus 
cognomento Simplex] figlio di Lodovico il Balbo, re- 
gna, 81, 27-29; rie, 82, 44. 

Carlo IV (il Bello) (re di Francia) [Carolus] fratello 
di Filippo V, gli succede sul trono, 112, 11-12. 

Carlo V (re di Francia) [Carolus] rie, 115, 18. 

Carlo VI (re di Francia) [Carolus], rie, 115 18. 

" Carlo VII (re di Francia) [Carlo di Francia, el re di 
Francia, Carlo, la Serenità sua] aiuta certi fuoru- 
sciti genovesi a rientrare in patria (an. 1447), 153, 
35-37 ; concede alleanza, ottenendo Asti e due ca- 
stelli d. Genovese, a Filippo Maria Visconti a cui 
promette di mandare in aiuto il Delfino in Italia, 
dichiarando di non voler combattere né contro la 
Ch., ne contro Firenze, ne contro lo Sforza, 38-41; 
manda amb. a Firenze ad annunciare che verrà in 
Italia in favore d. Fiorentini e d. Sforza, per to- 
gliere il regno ad Alfonso (an. 14^2), 165, 22-24; 
manda a Lodovico di Savoia e a Giovanni IV d 
Monferrato l'intimazione di non osteggiare il duca 
di Milano, minacciandoli, in caso contrario di guer- 
ra, 25-27; manda ad Alfonso dichiarandosi a lui 
nemico ove continui a tenere il regno, 29-30; fa sì 
che gli Svizzeri non accettino le proposte d. Vene- 
ziani contro lo Sforza, 31-33; Firenze gli manda gli 
amb. Angelo Acciaioli e Francesco Ventura per in- 
citarlo a scendere in Italia o a mandare un esercito, 
lasciando a lui di cominciare la guerra in Lombar- 
dia, Toscana, o Francia, e ringraziandolo di quanto 
fino allora aveva fatto con Giovanni di Monferrato, 
Lodovico di Savoia e gli Svizzeri, 34-166, 14; gli si 
ribella Bordeaux. 44-45; tutto intento alla riconquista 
di Bordeaux non può dare agli amb. una risposta 



[Carlo Vii-Casentino] 



INDICE ALFABETICO 



219 



definitiva, ma promette di venire in 'talia e li in- 
vita a tornare da lui nel prossimo gennaio, 167, 1-7; 
si manda a lui Renato d'Angiò per conoscerne le 
decisioni in riguardo al regno di Napoli (an. 14.I4), 
171, 2-4; manda Giovanni d'Angiò In aiuto di (io- 
nova (an. 1458), 178, 21-23; favorevole a Genova, 
179, 6; il suo rappresentante fugge da Genova per 
una sommossa (an. 1461). 181, M-15; f> 2l "> ric > 
165, 28, 38 „. 

Carlo VII " (ambasciatori di) [signori di Francia, Fran- 
ciosi, a»ibasciatori\ reduci da un'ambascieria al pp., 
si fermano a parlamento col com. di Firenze a cui 
propongono di far venire in Italia il re Renato per 
conquistare il regno di Napoli contro Alfonso d'Ara- 
gona; e, accordatisi anche con l'amb. di Venezia che 
era a Firenze, stabiliscono che il Re debba dare 
quattromila cavalli e altrettanti Firenze e Venezia 
(an. 1448), 157, 33-38; alla Dieta di Mantova ven- 
gono in discordia con pp. Pio II (an. 1459), 180, 
15-18; chiestagli un'udienza l'ottengono, ma sono 
poi consigliati a non andare, 18-22 „. 
— (risami di) v. Francia. 

Carlo I (d'Angiò) (re di Napoli) [Carolus, Carolus Abu- 
lie rex, Carolus Siciliae rex] segue il fratello Lui- 
gi IX nella settima crociata in Egitto, 103, 12; è 
chiamato in Italia da Urbano IV che gli dà il regno 
di Sicilia, 105, 29-32; vince Manfredi a Benevento, 
41-42; vince Corradino a Tagliacozzo e lo fa deca- 
pitare, 106, 4-7; alla f di Luigi IX va in Africa in 
aiuto d. Crociati, ma la violenza d. peste lo costringe 
a tornare, dopo aver imposti patti ai Mussulmani, 
17-22; riceve in dono da Maria d'Antiochia il regno 
di Gerusalemme, 107, 15-17: gli si ribella la Sicilia, 
27-28; f e gli succede il figlio Carlo II, 43-44; rie, 
38; "rie. come restauratore di Parte guelfa in Fi- 
renze (an. 1452), 165, 42 „. 

Carlo II (d'Angiò) (re di Napoli) [Carolus, Carolus resi] 
succede al p. nel regno di Napoli, 107, 43-44; la sua 
flotta è vinta dagli Aragonesi nelle acque di Napoli, 
108, H-12; f e gli succede il figlio Roberto, 110, 
39-40; rie, 108, 21. 

Carlo III (di Durazzo) (re di Napoli e u' Ungheria) 
[Carolus regio Francorum genere, natns, Carolus, Apu- 
Uae rex] chiamato in Italia da Urbano VI, aiutato 
da Luigi di Ungheria, s' impadronisce d. regno di 
Puglia e fa uccidere la regina Giovanna, 118, 26-30; 
contro di lui combatte per il regno di Napoli Luigi I 
d'Angiò che f a impresa incompiuta, 31-35; prende 
la corona d' Ungheria ed è fatto uccidere dalla re- 
gina, 44-119, 5; rie, 6; "XVII, 20-25 „. 

Carlo (Martkllo) (re d'Ungheria) [Carolus, Ungarìae 
rex] primogenito di Carlo II d'Angiò, riceve per 
eredità materna il regno di Ungheria, 108, 21-23; 
rie, 114, 29. 

Carlo da Diacceto v. Diacceto (da) Carlo. 

Carlo da Ghiacceto v. Diacceto (da) Carlo. 

Carlo d'Agnolo di Filippo di ser Giovanni v. Pan- 
do Ifini Carlo. 

Carlo da Gonzaga v. Gonzaga Carlo. 

Carlo di Braccio v. Braccio C'irlo da Montone. 

Carlomanno II [Carolusmannns] figlio di Ludovico il 
Balbo e di madre illegittima, regna sui Franchi col 
fratello Lodovico III, 80, 35-36. 



" Carlone (i'iume di) rie, 163, 3 „. 

"[Carlotta di Savoia] [regina Francorum] m. di Lui- 
gi XI di Francia, sorella di Bona di Savoia, rie 
188, 13-U „. 

" Carnesbcciii Bernardo [Bernardo Cartiesccchi] fioren- 
tino è mandato con altri a incontrare l'imp. Fede- 
rico III (an. 1451), 162, 47; l'accompagna sino a 
Santa Maria Novella, 163, 3-5 „. 

Caro (Aurelio Marco detto il Partico) (imperatore) 
[Carus] regna con i figli Carino e Numeriano, 29, 35; 
mentre sta combattendo i Sarmati, avuto sentore 
di una sollevazione di Persiani, vi accorre, vince l 
Parti e i Persiani, e, accampatosi sul Tigri, f col- 
pito dal fulmine, 37-41. 

Caroli Magni genus v. Carolingi. 

Carolingi [genus Caroli Magni]; ne termina il dominio 
in Francia, 86, 39. 

Carolus v. Carlo. 

[Carpi] [Caprorum gentes] sono mandati a colonizzare 
terre romane, 30, 27-28. 

Carpi (da) Tiberto *. Brandolino Tiburto. 

— " (signore di) v. Pio Alberto, Pio Angelo „. 
Carrara (signore di) [signore di Carrara] v. Spinetta 

Campofregoso. 

Carré [Carrae] in Mesopotamia, vi f Caracalla, men- 
tre sta preparando la guerra contro i Parti, 25, 9-10. 

Cartagine [Carthago, Cartago] è presa dai Vandali e 
saccheggiata, 47, 38-41; vi torna Genserico alla no- 
tizia che Sebastiano era passato in Africa con un 
esercito, 42-44; è saccheggiata e quasi distrutta dagii 
Arabi Egiziani, 66, 40-42; rie, 47, 44; 49, 38; 50, 
32; 53, 41; 70, 24; v. anche Tunisi. 

— (concilio di) [concilium apud Cartaginem] ; vi si con- 
danna l'eresia di Pelagio, 45, 28-31. 

— (vescovi di) [episcopus cartaginensis] v. Cipriano 
(san). 

Cartusiensis or do v. Certosini (ordine /et). 

Carus v. Caro. 

" [Carvajal Giovanni] [cardinale di Sant'Agnolo, cardi- 
nale di Sant'Angelo] è mandato da Niccolò V a Fi- 
renze, Milano e Venezia, per trattare d. pace (an. 
I 453)> 1^9, 37-38; è mandato amb. a Venezia da pp. 
Paolo II per trattare di alleanza (an. 1466), 184, 
27-29; rie, 170, 6; 184, 30 „. 

"Casa (della) Antonio di Ghezzo [Antonius Gczius 
Casensis] è confinato per aver favorito Rinaldo degli 
Albizi e Rodolfo Peruzzi contro il Com. di Firenze 
(an. 1434), 139, 30-31 „. 

" Casalmaggiore [Casalmaore[\ vi si accampa Francesco 
Sforza pei Milanesi contro Cremona (an. 1448), 157, 
18-19 „. 

Casano [Casanus] re d. Tartari, vince i Saraceni e s'im- 
padronisce d. sepolcro di Cristo, 109, 21-22. 

" Casciano (san) soffre enormi danni pel maltempo (an. 
1456), 177, 7; rie, 2 „. 

* Casciano d'Adda v. Cassano „. 

" Cascina [Cascia oppidum] vi è accampato Micheletto 
da Cotignola (an. 1432), 135, 19; rie. 35; 136, 15 „. 

Casentino [Casentiniatis ager, is ager\\ i Fiorentini vi 
sconfiggono i Ghibellini, 108, 18-20; "vi entra il 
card. Lodovico Scarampi con le truppe pontificie 
(an. 1436), 142, 36; è invaso da Niccolò Piccinino 
(an. 1440), 148, 15; ne è commissario per Firenze 



220 



INDICE ALFABETICO 



[CasiDa-Cathabligha] 



Francesco da Battifolle, conte di Poppi, 16-18; il 
Piccinino vi occupa alcune fortezze, 22-24; rie, 149, 
14 „; v. anche Campaldino. 

" Casina castello vicino ad Alessandria, raccomandato a 
Francesco Sforza, è assalito da Guglielmo di Mon- 
ferrato e soccorso da milizie milanesi che mettono 
in fuga Guglielmo (an. 1452), 164, 17-21 „. 

Casinum v. Cassino. 

* Casoli di Volterra rie, 166, 26 „. 

" Cassano d'Adda [Casciano] è preso dai Veneziani che 
muniscono il ponte (an. 1446), 153, 25-27; rie, 154, 
13, 17 „. 

" [Cassbretti Giovanni] „ [ser Giovanni] cap. d. fanti è 
mandato dal com. di Firenze a Gherardo Gamba- 
corta, per sapere qualche cosa intorno al trattato 
da lui fatto con Alfonso, ma egli nega ogni cosa 
e gli dà in ostaggio un suo figlio (an. 1453), 168, 
32-33 „. 

Cassiano Giovanni [Iohannes cognomento Cassianus] mo- 
naco e scrittore di Marsiglia, 47, 14-15. 

Cassino [Casinum] ne sono segretamente asportati i 
corpi di san Benedetto e di santa Scolastica, 68, 4-8. 

Cassiodoro (Magno Aurelio) [ Cassiodorus] rie, 58, 1-2. 

" Castelbolognese [Castrum Bononiensis] ; tra questo 
luogo e Faenza s'accampa Federico da Montefeltro 
(an. 1467), 186, 37-38 „. 

Castel Castagnaio [Castagnarium] è occupato dai Fio- 
rentini (an. 1440), 149, 39. 

Castel dell'Uovo v. Napoli {Castel dell'Uovo). 

" Castel di Sangro [Castel di Sangue] negli Abruzzi, 
vi si conclude la pace fra Firenze e Alfonso V (an. 
1450), 159, 33-35». 

"Castelfranco dell'Emilia [opidum Francum] rie, 
187, 1 „. 

Castelfranco di sopra [castellum Francum] è edifi- 
cato dai Fiorentini nella valle superiore dell'Arno, 
109, 6-7. 

" Castellani (famiglie) [Castellano? um familie] rice- 
vono incarico di andare con armi nascoste al pa- 
lazzo d. Signoria di Firenze come per trattare un 
affare privato, e di uccidere o imprigionare i priori, 
occupando poi e difendendo il palazzo, 13$, 33-35; 
ma avendo ciò tentato, sono sospettati e perciò ri- 
mandati, 35-36 „. 

" Castellani Ottone [ Otko Michelis equitis filius Ca- 
stellanis] fiorentino è esiliato (an. 1434), 140, 23». 

* Castelleone [Castel Lione] nel Cremonese; Sacramoro 

da Parma, condottiero d. Sforza, vi sconfigge i Ve- 
neziani e lo affranca (an. 1453), 168, 42-43; afflitto 
da pestilenza, 44 ; i Veneziani tentano occuparlo, ma 
sono vinti da Sacramoro, 169, 1-4 „. 

— " (abitanti) [molti uomini di dicto castello] fuggono 
a cagione d. peste (an. 1453), 168, 44-169, l „. 

" Castelli Civitas v. Città di Castello „. 

" Castellina in Chianti [la Castellina] ; vi s'accampano 
le milizie aragonesi, ma non riescono a prenderla 
(an. 1459), 1^5, 6; è difesa da Rosso Ridolfi, Man- 
fredo Squareialupi, Lione da Terni e Travaglino di 
Cola dall'Aquila contro gli Aragonesi così da co- 
stringerli a levare il campo, 166, 20-24 ; rie, 156, 9 „. 

— " (abitanti) [li uomini della Castellina] per la loro 
valorosa difesa ottengono l'esenzione dalle tasse (an. 
1452), 166, 25 „. 



Castel Lione v. Castelleone. 

"Castello v. paratesi C.„. 

" [Castello a mare del Volturno (?)] vi si ferma Gio- 
vanni d'Angiò (an. 1459), 180, 8 „. 

" Castello di Poggio rie, 177, 3 „. 

Castello di Porta Giovia v. Milano (Castello di Porta 
Giovid). 

" Castello di San Niccolò [Nicolai Castrum, art Ni- 
colai, castellum] assediato per trenta giorni dal Bat- 
tifolle e dalle milizie d. Piccinino (an. 1440), 148 
24-26; è costretto ad arrendersi, 34-35; torna in po- 
tere di Firenze, 149, 15 „. 
— " (abitanti) [iucole, qui in arce erant] resistono per 
più di trenta giorni agli assalti d. milizie d. Picci- 
nino (an. 1440), 148, 25-26; vengono a patti pro- 
mettendo di arrendersi se non ricevessero aiuti da 
Firenze, 30-32 „. 

— " (rocca di) [arx castelli] per la naturale fortezza, e 
per avere abbondanza di mercenari, dà modo a quei 
d. Castello di resistere per trenta giorni e più agli 
assalti d. milizie d. Piccinino (an. 1440), 148, 24-26 „. 

"Castello Santa Maria [arm Sancte Marie] v. Maria 
del Giudice (Santa) „. 

" Castello Santo Spirito [Castel Sancto Spirito] ritorna 
in potere d. Bolognesi per consentimento di Gu- 
glielmo di Monferrato e intromissione di Taddeo 
marchese d'Este (an. 1446), 151, 23 „. 

" Castelnuovo di Val di Cerino [Castelnuovo di Vol- 
terra] rie, 158, 1-2 „. 

" Castelnuovo di Volterra [Castelnuovo di Volterra] 
rie, 156, 34 „; v. anche Castelnuovo di Val di Cerino. 

Castel San Giovanni [Castellum jfoiiannes] è edificato 
dai Fiorentini, 109, 6-7. 

"Castel San Pietro [Castello Sancto Piero] ritorna in 
potere d. Bolognesi per consenso di Guglielmo di 
Monferrato e intervento di Taddeo marchese d'Este 
(an. 1446), 151, 21-23 „. 

"Castiglione della Pescaia [Chastìglione, Castiglione 
della Pescaia] ; tenta assalirlo Angelo Morosini in 
nome d. re d'Aragona (an. 1447), 155, 21-22; perla 
debolezza d. castellano Bernardo d'Aringhieri e d. 
connestabili Antonio della Piera e Ceccherino da 
Villore, è ceduto a patti ad Alfonso, 156, 28-30; le 
milizie fiorentine restano per tutto l'inverno in 
quelle vicinanze (an. 1448), 31-32; vi entra in nome 
di Firenze Giovanni delle Treccie con mille fanti 
e tutto lo occupa fuorché la rocca (an. 1449), 158, 
43-45; pochi dì dopo, certa flotta di Alfonso V vi 
pone sua gente che lo riconquista all'Aragonese, 
45-46; rie, 156, 33; 158, 1; 170, 41; 171, 29 „. 

Castino [Castinus] pare ordinasse a Giovanni di occu- 
pare il regno alla f di Onorio, 46, 12-14; è esiliato 
per aver favorito Giovanni, 24-25. 

Castruccio Castracani [Castrucius] v. Interminelli. 

Catabligha v. Accattabriga Iacopo. 

Catalani v. Aragonesi. 

"Catalani reges tres fratres v. Alfonso (V il Ma- 
gnanimo d'Aragona), Giovanni <P Aragona (re di Na- 
varro (/), d'Aragona (II), Pietro d'Aragona, viceré 
di Sicilia „. 

Catalanus rex v. Alfonso V d'Aragona. 

" Caterina v. Appiani Orsini C. „. 

" Cathabugha v. Accattabriga Iacopo „. 



[Catholica-Cbiesa] 



INDICE ALFABETICO 



221 



Catholica ecclesia v. Chiesa Romana. 

Catholici v. Cattolici. 

" Cattabmga v. Accatla^riga Iacopo „. 

Cattolicesimo o Cristianesimo [Coristi fides, Chri- 
stianorum dogma, dogma noster] è predicato da Dio- 
nigi rese, di Corinto, 22, 17-18; è accettato da Lucio 
di Coirà re di brettagna e da' suoi sudditi, 23, 7-10; 
ne sono distrutti i libri e le eh., 31, 20-21; è gua- 
stato da discordie, 36, 9-10; è abbracciato dagli Ar- 
meni, 59, 1; è abbracciato dagli Ostrogoti, 60, 19; 
ad esso si converte la Britannia per opera di san 
Gregorio Magno, 43-44; è abbracciato dai Germani, 
69, 15-16*. per non averlo voluto accettare, le e. di 
Pamplona e Saragozza vengono distrutte da Carlo 
Magno, 73, 16; è abbracciato dai Sassoni, 75, 12; 
dagli abitanti d. Mesopotamia, 95, 33-34; rie, 10, 43; 
24, 1, 22; 46, 44; 47, 5: 62, 21 ; v. anche Chiesa Greca, 
Chiesa Romana. 

"Cavalcanti Giovanni; giudizio sulle sue Istorie Fio- 
rentine, XXVII, 13-17 „. 

* Cavalcanti Piero {Cavalcane quem Pierum vocitahant] 
fiorentino è fatto de' sopragrandi con tutti i suoi 
nipoti (an. 1434), 140, 16-17 „. 

Cavallette (invasione di) [locustarum agmina, locuste} 
in Italia, 60, 22-25; in Italia provenienti dall'Africa, 
75, 23-24; in Francia, 79, 17-19; in Africa e a Ci- 
pro, 116, 15-18. 

" Caviano (da) Iacopo v. Iacopo da Cariano „. 

" Ceccherino da Villore [Cecherino da Vittore] cone- 
stabile di Castiglione della Pescaia, cede per timidezza 
quella terra ad Alfonso V (an. 1448), 156, 29-30 „. 

"Cecco Antonio da Napoli dottore; un uomo di que- 
sto nome, secondo Palmieri, va amb. di Ferdinando I 
re di Napoli, a Firenze (an. 1459), 180, 43 „. 

" Cecherino v. Ceccherino da Villore „. 

"Cecina [decina]; vi passano le milizie fiorentine (an. 
1448), 157, 6„. 

"Celano (conte di) va con le milizie aragonesi contro 
Firenze (an. 1452), 164, 32 „. 

Celestino I (san) (papa) [Caelestinus, Celestinus] si op- 
pone all'eresia di Nestorio, 46, 37-39; manda Germa- 
no, rese. d'Auxerre fra i Britanni corrotti dall'eresia 
di Pelagio, per ricondurli alla fede cattolica, 42-44; 
manda Palladio vesc. in Iscozia, 47, 8-9; rie, 46, 8. 

Celestino II (papa) [Celestinus II] rie, 95, 30. 

CELESTINO III (papa) [Celestinus] incoronato, il giorno 
dopo, incorona Enrico VI, 99, 30-32; rie, 28. 

Celestino IV (papa); dopo di lui la sede resta vacante, 
103, 15; rie, 13. 

Celestino V (papa) (Pietro di Morone) [Petrus de 
Murrone, Caelestinus V, Celestinus V] abdica al pa- 
pato cinque mesi dopo l'elezione, 108, 41-43; è santi- 
ficato, 113, 7-9; rie, 108, 37; "IX, 4, 11; X, 14 „. 

" Celso (chiesa di San) v. Roma {chiese) (San Celso) „. 

" Cennina, a capo di Val d'Ambra, è presa al grido 
di "Aragona, Aragona,, dai fanti di Alfonso V 
(an. 1447), 154,36 37; vi si accampano le milizie di 
Firenze condotte da Simonetto di Castel San Piero, 
40-41; è abbandonata dai fanti che l'avevano invasa, 
155, 18-19 „. 

Ceno (dux) v. Corrado II il Giovane, duca di Franconia 
e Carinzia. 

Cenomaus v. Enomao. 



Censimenti [census] nel mondo rom., 8, 7; a Roma, 40; 
a Firenze, 114, 14-15. 

8 CbrmONA v. Cremona „. 

" Cerro [Certuni] <• preso dal Piccinino (an. 1440), 
146, 17 „. 

Certosini (ordine dei) [Cartusiensis ordo] rie, 92, 4. 

Ceruleo fonte [Cernleus fons] con un acquedotto è 
fatto venire a Roma dall' imp. Claudio, 12, 4-6; 
"XVI, 5-9 ,,; v. Roma {acquedotti). 

Cesare \Caesar, Cesar] v. Augusto C, Caligola C- Clau- 
dio C., Dalmazio C., Druso C, Gallo C, Giuliano C, 
Licinio C, Petroni C, Tiberio C. 

Cesare | />cr il titolo li Cesare assunto per onorificenza, 
elezione od usurpazione V. Clodìo Albino, Costanti- 
no I, Costantino II, Costanzo I Cloro, Crispo, Decen- 
zio, Gallieno, Lucio Vero, Massimiano, Patricio, Se- 
vero, Valentiniano]. 

Cesare (Caio Giulio) [Caius lulius Caesar], secondo il 
Palmieri, primo imp. rom., rie, 7, 21, 23. 

Cesarea di Cappadocia [Caesar ea]; così è chiamata da 
Tiberio la e di Mazaca, 9, 19-20. 

— (vescovo di) [caesariensis episcopus] v. Basilio il 
Grande (san). 

Cesarea di Filippo [Caesar ea Philipp:'] ; è così chiamata 
da Filippo tetrarca la e. di Panea, 9, 27-28. 

Cesarea di Palestina [Caesarea Palestinae]\ grande se- 
dizione che cagiona la rovina di moltissimi Giudei. 
13, 25-26; vi muoiono ventimila uomini in una b. 
fra Giudei e Romani. 14, 16-17; è devastata dal ter- 
remoto, 19, 44; rie, 26, 8-9. 

— (vescovo di) [C .csareae Palestinae episcopus] v. 
Eusebio. 

Cesarini Giuliano [Iulianvs Caesarinus] card, e pre- 
fetto d. pontefice nella guerra contro i Turchi, f 
combattendo, 126, 2-4. 

"Cesena rie, 181, 40 „. 

— (signore di) [cesenatis dominus] V. Malatesta Pa?i- 
dolfo IV. 

Cestius Festius v. Cuspio Fado. 

Cestius Florus v. Gessio Floro. 

Chalchidonensis sinodus v. Calecdonia (sinodo di). 

Chalchiedona v. Calcedonia. 

[Chazari (Khan dei)] [Persarum rex] accoglie onorevol- 
mente l'imp. Giustiniano II Rinotmete, a cui dà in 
m. una propria sorella e lo aiuta a riconquistare 
il trono, 68, 10-14. 

" Chastiglione v. Castiglione della Pescaia „. 

" Chermona v. Cremona „. 

" ChermonesE v. Cremona (territorio di) „. 

" Chianti rie, 165, 4 „. 

'' Chiara (Santa) ». Napoli (chiese) (Santa Chiara) „. 

"Chiara d'Adda v. Ghiaia d'Adda „. 

"Chiaro (del) Matteo, fiorentino, rie, XXXVI, ll„. 

Chiesa (stato della) [ecclesia, romana ecclesia, ro- 
mana sedes, civitates et oppida Pontificis, civilates 
romani pontificis, bona ecclesiae] combattuto da Fe- 
derico II di Svevia, 103, 28-32; "le milizie del Vi- 
sconti vi occupano e e castelli (an. 1435), 141, 36; 
è invaso da Niccolò Piccinino, agli stipendi del 
Visconti, che in breve occupa molte e (an. 1438), 
144, 14-16; gli si sottomette per mezzo d. Fiorentini 
Borgo San Sepolcro (an. 1440), 149, 31-32; il card. 
Scarampi gli riconquista le Marche (an. 1445), 151, 



222 



INDICE ALFABETICO 



[Chiesa-Clcfi] 



7-S ; s'accorda con esso Alessandro Sforza, 20: si dice 
faccia trama contro di esso Iacopo da Gaviano (an. 
1446), 153. 31; rie, 150, 1; 153, 41; 160, 29; 179, 
10; 180, 17, 20; 187, 43 .. 

Chiesa (stato della) " (insegne dello) [insigniti pon- 
tifici* et romane ecclesie] rie. 188, 39 „. 
— "(milizie dello) [genti della Chiesa] guidate dal 
card. Scarampi combattono contro lo Sforza nel 
territorio d'Urbino (an. 1446), 151, 29-30 „. 

Chiusa d 1 Alessandria, di Antiochia di Costantinopoli, di 
Gerusalemme, di Ravenna ; v. sotto le voci delle, sin- 
gole citta. 

CHISSÀ greca [orientalis ecclesia, costantinopolitana ec- 
clesia, greca ecclesia] : vi sorgono divisioni fra i Cri- 
stiani, 35, 37-39-, tenta invano di avere il primato 
sulle altre eh., 61, 34-35; si unisce alla romana per 
opera di Baldovino di Fiandra, 100, 26-27: poi nel 
sinodo di Firenze (an. 1439), 124, 40-43; " 145, 31-33 „• 

Chiesa Romana [uiiversalis ecclesia, romana ecclesia* 
ecclesia Dei, cattolica ecclesia, Sancla Chiesa] è col - 
pita dagli eccessi d. persecuzione di Diocleziano, 31, 
20-21: l'Arianesimo suscita discordie nel suo seno» 
33, 7: pubblica il simbolo niceno. 21; gravi dissensi' 
35, 39-40: scismi, 36, 36; nuove discordie sotto pp' 
Simmaco, 53, 29: sta a capo di tutte le di. cristiane^ 
61, 32-35: discordie sotto pp. Costantino, 71, 43; che 
vengono composte, 72, 2; scismi sotto Benedetto Vili, 
87, 38-39: sotto Gregorio VI è indebolita da nuovi 
scismi, 89, 20-23; Enrico IV torna nel suo seno, 
91, 29, 30; per intervento di Baldovino di Fiandra 
si unisce ad essa la Ch. orientale, 100, 26-27: perse- 
guitata da Federico II di Svevia, 103, 28-32: i Bi- 
zantini convengono con essa intorno al dogma d. 
Spirito Santo nel Concilio di Lione, 106, 35-37: alla 
f di Giovanni XXII è al colmo d. sua ricchezza, 114, 
1-2; scisma d'occidente, 118, 9-13: " per ricomporne 
l'unità vanno ad Eugenio IV l'imp. d'Oriente Gio- 
vanni Vili Paleologo e il patriarca di Costantino- 
poli (an. 1438), 144, 40-42 „\ nel concilio di Firenze 
si unisce ad essa la Ch. greca, 124, 39-42 : " (an. 1439), 
145, 31-33 „ ; ad essasi uniscono nel concilio di Fi- 
renze anche gli Armeni e gli Etiopi, 125, 13-14; 
" 145, 38-40; 146, 33-35 „ ? rie, 42, 23; 46, 34; ■ 165» 
41 „; v. anche Cattolicesimo, diesa (stalo della), Cri- 
stiani, Concili, Eresie, Papi, Sede (santa). 

Chiese [ecclesia] r. Alessandria (chiese), Costantinopoli 
(chiese), Firenze (chiese), Gerusalemme (chiese), \ T apoli 
(chiese), Rotna (chiese). 

Chrisostomus v. Grisostomo. 

Christiani v. Cristiani. 

Christi (Iesu domini nostri sepulcri ecclesia) v. Ge- 
rusalemme (chiese). 

Christi fides v. Cattolicesimo. 

" Christjern, re di Danimarca [rex Datie] v. Cristia- 
no I, re di Danimarca „. 

Christophorus v. Cristo/oro. 

Christus v. Cristo. 

" Cicilia v. Sicilia „. 

" ClECINA v. Cecina „. 

Cilicia [Cilicio] è ridotta a provincia rom., 15, 40-42; 
è saccheggiata da Sapore re d. Persiani, 28, 10-11: 
peste e carestia vi fanno strage, 34, 31-32: rie, 38, 15. 

'CiMiNKLLO Antonio [A/itonins Ciminellus] amb. di Fer- 



dinando a Firenze, è richiamato a Napoli (an. 1470), 
189, 26-28 „. 

"Cipriano | Ciprianus] v. Mangioni C. „. 

Cipriano (Tascio Ceciuo) (san) [Cyprianus] vesc. di 
Cartagine, f mart., 28, 4-5. 

Cipro [Cyprus\\ vi cadono tre e pel terremoto, 16,5; 
Calocero vi tenta novità, 34, 37-38: è invasa da lo- 
custe, 116, 15-18: rie, 19, 7. 

— (re di) [re di Cipri] v. Giacomo Lusignano, Giovan- 
ni UT Lusignano di Cipro, Ugo III di Cipro. 

" Ciriaco da Ancona, rie, XV. 35-36 .,. 

Cirillo [Quirillus] vesc. di Alessandria si oppone al- 
l'eresia di Nestorio, 46, 37-39. 

Cisalpina Galli a v. Gallio Cisalpina, Italia Settentrio- 
nale. 

Cistercensi; ordine [cislerciensis religio] ; se ne fonda il 
primo mon., 92, 28-29. 

* Città di Castello [Castelli Civitas, Tri/ernium] è as- 
salita da Niccolò Fortebraccio che tenta riconqui- 
starla al pontefice (an. 1432), 137, 45-138, 3; è te- 
nuta dalle milizie di Firenze (an. 1440), 148, 43: è 
assediata, perchè Niccolò Vitelli che la reggeva in 
nome d. Ch. non ottemperava ai voleri d. pp., ma, 
intromessosi Federico di Montefeltro, torna in po- 
tere di Sisto IV (an. 1474), 192, 27-32 „. 

" Civita Ducata v. Città Ducale „. 

" Civitates Romani Pontificis v. Chiesa (stato della) „. 

"Civitavecchia (vicinanze) [Civita Vecchia]; vi si ri- 
traggono Alfonso e il suo esercito di ritorno da 
Piombino (an. 1448), 158, 9 „. 

Claravagium v. Caravaggio. 

Claudiano (Claudio) (poeta) [Claudianus], secondo Pal- 
mieri, fiorentino, 43, 12: "XIV, 15 „. 

Claudiano (vescovo) [Claudianus episcopus] rie, 58, 22-23. 

Claudio v. Galeno C. 

Claudio I (Tiberio Druso Nerone) (imperatore) [Clau- 
dins, Cliudius Caesar] ; durante il suo imp. si verifica 
la carestia predetta da Agabo, 10, 25: regge l'imp. 
per tredici anni e dieci mesi, 11, 34: ricusa i troppi 
onori, 35-36; non usa il prenome di imp. e dà grande 
autorità al senato e ai consoli, 16-38; interviene ai 
giudizi d. magistrati come se ne fosse un semplice 
collega e allontana da se ogni pompa acquistandosi 
affetto e favore, 38-42; fa venire in Roma per mezzo 
di acquedotti le acque d. fonti Cerulea e Curzia e 
dell'Aniene, 12,4-6; " XVI, 5 9 „ ; riduce a provincia 
la Giudea e vi manda come governatori successiva- 
mente Cuspio Fado, Tiberio Alessandro, Cumano, 
Felice, 9-12; nomina Erode Agrippa II successore di 
Erode nel regno di Calcide, 17; trionfa sui Galli, 
sottomette le Orcadi e in memoria di ciò dà il nome 
di Britannico al figlio suo, 18-20; prosciuga il lago 
di Fucino, 21-23; fa costruire il porto di Ostia, 24- 
25: manda Vespasiano in Britannia, 30-32; f, 13, 
22; rie, 10, 37; 15, 37; " XVI, 5 „. 

— (figlio di) [filius Claudi] v. Britannico Tiberio 
Claudio. 

Claudio II (Aurelio Marco detto il Gotico) (impera- 
tore) [Claudius] vince i Goti, e in onore di tale 
vittoria gli è dedicato un clipeo d'oro nella Curia e 
una statua d'oro in Campidoglio, 28, 33-36; f a Fer- 
mo (ma a Sirmio), 37; rie, 32, 38; 30, 11. 

|Clffi] [Daffon, Daphon] re d. Langobardi, regna per 



[Clemente I-Corbinelli] 



INDICE ALFABETICO 



223 



un anno e sette mesi, 59, 9-10; f, 20: rie, 60, 3. 

Clemente I (san) (papa) [Clemens] rie, 17, 8-9. 

Clemente II (papa) [Clemens TI] rie., 89, 30. 

Clemente III (papa) [Clemens III] re, 99, 5. 

Clemente IV (papa) [Clemens IIII\ f a Viterbo, e dopo 
di lui resta vacante la sede per due anni, 106, 8-10; 
rie., 105, 39. 

Clemente V (papa) [Clemens V] conferma re di .Sarde- 
gna Federico II d'Aragona, 110, 25-26: interdice i 
Veneziani per aver presa Ferrara, 35-36; rie, 23. 

Clemente VI (papa) [Clemens VI\', in suo nome è con- 
sacrato re di Napoli Luigi di Taranto, 116, 3-6; rie, 
114, 23. 

Clemente VII (antipapa) (Roberto di Ginevra) [C/e- 
mens VII] è el. antipp. dai cardinali contro Urba- 
no VI, 118, 8-10; rie, 29-30; 119, 16. 

Clemente Alessandrino (Flavio Tito) [Clemens alexan- 
drinae ecclesiae presbiteri eloquentissimo dottore d. 
Ch., 23, 43-24, 2; scrive opere teologiche, 24-25. 

Cleofa [Cleopha] p. di Simone vesc. di Gerusalemme, 
18, 24. 

Clero romano v. Romani {Clero). 

Cleto (san) (papa) [Cletus] rie, 16, 12. 

Climatologia v. fenomeni me lereo logici, siccità ecc. 

Clodio [Clodius] retore, tiene scuola in Roma, 12, 28. 

Clodio Albino (Decio) [Clodius Albinus] usurpatore in 
Gallia, è ucciso pr. Lione, 24, 27-28. 

Clotario II [Lotharius], re d. Franchi, lotta coi fra- 
telli Teodeberto II e Teoderico II, 61, 15-18. 

" Cocchi Donato [Donato dì Niccolò di Cocco] è man- 
dato da Firenze amb. a Niccolò V (an. 1451), 161, 35 „. 

Coctiae v. Alpi. 

Coctius v. Cozio. 

" Coglion Bartolomeo v. Colleoni Bartolomeo „. 

" Cola Giovanni [Iohannes Cola] dottore di leggi, amb. 
di Ferdinando I d'Aragona a pp. Paolo II a Roma 
(an. 1468), 188, 4. 

Colagora v. Ca/a'wrra. 

"Colle di Val d'Elsa [Colle, Collis]: vi si accampano 
le milizie di Alfonso V (an. 1452), 166, 26; rie, 137, 
37; 156, 15 „. 

u Colleoni Bartolomeo [Bartolomeo Coglion, Bario- 
lomeus bergamensis qui Colilo dicebatur, Bartolomeus 
Collto, capo delle milizie veneziane] condottiere di 
Filippo Maria Visconti è da lui imprigionato, e i 
suoi soldati sono spogliati (an. 1446), 152, 16-17 ; cap. 
d. milizie dello Sforza nella guerra d. Monferrato, si 
unisce co' suoi a Renato d'Angiò (an. 1453), 169, 
25-26; a lui che prepara nel Bresciano un grande 
esercito a spese di Venezia , chiudono il passo 
accampandosi nel Faentino le milizie d. collegati 
contro Venezia (an. 1467), 186,5-7; conduce il suo 
esercito, passando per il Po su un ponte provviso- 
rio, nel Ferrarese e poi in quel di Imola, 12-14; oc- 
cupa castelli nell' Imolese e assale Imola che si di- 
fende strenuamente, 15-16; all'arrivo di Galeazzo 
riduce il suo esercito da Imola a Solarolo, 19-20; 
conduce le sue milizie a Villafranca, 187, 5-6; sotto 
la scorta di Neroni Diotisalvi e di Niccolò Sode- 
rini, prende il castello di Dovadola, 14-17 ; conduce 
i suoi a svernare nel Bresciano, 23: secondo la pace 
fissata da Paolo III fra i Veneziani e la lega contro 
Venezia dovrebbe essere nominato condottiero di 



tutte le milizie con un determinato stipendio e con 
l'obbligo di tenere un terzo d. milizie nel territorio 
veneziano, un terzo nelle terre dello Sforza, e un 
terzo in quelle d. Ch. (an. 1468), 41-44; rie, 169, 28; 
184, 38; 187, 46 „. 

" Collodi [Collodium arx, Collodium] è preso dai Senesi 
(an. 1432), 138, 16-18 „. 

[Colmar] v. Argentarla. 

Colonia rie, 97, 22. 
— (ARCIVESCOVI) [Colonicnsium archiepiscopus] v. Ro- 
dolfo arcivescovo di Colonia. 

" Colonna (da) Giovanni, autore di un Marc //istoria- 
rum fonte d. Chronicon di Sozomeno da Pistoia, 
XIV, 27-XV, 25 „. 

Colosseo v. Roma {edifici). 

Colosso v. Roma {monumenti). 

"Comes v. Gnidantonio da Montefeltro conte d" 1 Urbino,,. 

Comes palatinus v. Wittelsbach (di) Ottone. 

Comete [cometa, fulgor quem cometem dicunt, cometes, 
stella quam comcten Greci vocant] rie, 49, 5; 60, 26; 
70, 1-3; 87, 12-13, 31; 91, 6; 92, 26; 105, 33, 35; 109, 
34: 111, 21-22: 114, 10-11, 18; 115, 42-43; 116, 12-14; 
120. 34; «176, 9-16; 178, 17; 188, 16; 191, 32 „. 

Commodo (Elio Aurelio Lucio) (imperatore) [Commo- 
dus] è nominato collega nell'imp. dal p., 22 35-36: in- 
sieme ai p. condona alle provincie i denari che spet- 
tavano al fisco e fa abbruciare le tabelle d. debitori, 
39-42; è nominato Augusto dal Senato, 43; imp., 23, 
5; celebra il trionfo sui Germani, 6; dà il suo nome 
al mese di settembre, 13-14; combatte coi gladiatori, 
15-16; per la sua nequizia è chiamato nemico del- 
l' uman genere, 17-18; fa sostituire alla testa d. co- 
losso di Nerone l'immagine d. propria, 24-25: fa 
uccidere molti nobili, 27; è strangolato, 30. 

" Como [Como] rie, 154, 19, 31 „. 

Compagnie v. Firenze (compagnie). 

Compagnia dei Bianchi [Dealbatorum peregrinano] v. 
Bianchi (compagnie dei). 

Comune (ei.) di Firenze v. Firenze (comune). 

Conciliabolo v. Efeso (conciliabolo). 

Concili [concilium, si'iodus, conciliaris congregatio] v. An- 
tiochia, Basilea, Bordeaux, Calcedonio, Cartagine, Co- 
stantinopoli, Costanza, Efeso, Firenze, Francia, Geru- 
salemme, Lione, Mantova, Milano, Nicca, Pisa, Rimini, 
Roma, Sardi, Troyes, Vienna del Delfinato (concilio di). 

Concordia rie, 22, 13. 

[Condulmer o Condulmier Gabriele] v. Eugenio IV. 

Conone (papa) [C<?»0] rie, 67, 3. 

Consoli v. Firenze (consoli). 

Constantia V- Costanza. 

Constantinopolis v. Costantinopoli. 

Constantius v. Costanzo. 

Consulta v. Firenze (priori e collegi). 

Contagi v. Mortalità e pestilenze. 

u Contrara (rocca); in una rocca di questo nome se- 
condo Palmieri è arrestato Iacopo da Caviano (an. 
1446), 153, 30 „. 

" Contratto Ermanno „ v. Ermanno Augiense. 

Corbara (di) Pietro [Petrus Corbariensis] v. Niccolo V 
(antipapa). 

" Corbinelli Bernardo [Bemardus Corbinellus] man- 
dato amb. da Firenze ad Astorre Manfredi, torna 
quasi senza esser ricevuto (an. 1467), 185, 10-12 „. 



224 



INDICE ALFABETICO 



[Cordova-Costantino] 



Cordova [Corduka] è danneggiata dal terremoto, 116, 

37-38. 
Corinto [Coryntus] è presa dai Veneziani, 101, 2. 

— "(istmo di) [lo stretto di terra] rie, 182, 5 „. 
Corinzi [Corinthii] rie, 22, 17. 

Cornelio (san) (papa) [Cornelius] è mar't., 27, 30-31; 
rie, 24. 

CORNELIO SlLLA LUCIO V. Stila. 

" [Corner Caterina] [veneta civis] figlia di Marco, sposa 
Giacomo Lusignano, re di Cipro (an. 1468), 188, 15 „. 

Corneto (VESCOVO di) [ Cornetanus episcoptis\ v. Vitel- 
leschi Bartolommco. 

Cornuto (Lucio Anneo) [Comulus] filosofo e precet- 
tore di Persio, è mandato in esilio, 14, 32-33. 

* Corona (la) ». Firenze (albergo della Corona) „. 
Corpus Domini (festa di) v. Firenze (feste). 
Corradino di Svevia [Corradi/ius] figlio di Corrado IV 

e nipote di Federico ir, è vinto a Tagliacozzo e 
fatto decapitare da Carlo d'Angiò, 106, 4-7. 

[Corrado II (il Giovane) (duca di Franconia e Ca- 
rinzia)] [Ceno dux] fatto imp., è deposto, 88, 16-17. 

Corrado (di Franconia) (duca di Lorena e re d'Ita- 
lia) [Corradus Henrici impcratoris Jilius] t a Firen- 
ze, 93, 1-2. 

Corrado II (il Salico) (imperatore) [Conralus, Conra- 
dns II]; per l'usurpazione di Corrado II il Giovane, 
si ritarda di due anni la sua elezione, sebbene fosse 
stato designato successore da Enrico II. 88, 17-19: 
è incoronato in Roma da Giovanni XIX (XX se- 
condo il Palmieri), 26-27; vince Dalmati e Pannoni, 
32-33; sottomette i popoli dell'Italia settentrionale 
che si erano ribellati, 38-41: "XIV, 33; XV, 16-20,,; 
rie, 24. 

Corrado III (di Hohenstaufen) (imperatore) [Corra- 
dus III] si lascia indurre da Luigi VII a parteci- 
pare alla seconda crociata, 95,39-40; rie, 20. 

Corrado I (di Franconia) (re di Germania) [Corra- 
dus] rie, 82, 17. 

Corrado IV (di Hohenstaufen) (re di Germania e 
Sicilia) [Corradus], figlio di Federico II, f di vele- 
no, per colpa, dicesi, di Manfredi, l'anno dopo aver 
assunto il trono di Puglia, 104, 17-20; rie, 106, 4. 

* Corsalone [Corsolonis fluvius] rie, 148, 41 „. 

" Corsellini Francesco [Francesco Corsellini] fioren- 
tino è fatto d. Dieci di balìa (an. 1452), 165, 20 „. 

"Corsi Corso [Cursius Lapi Cursio] figlio di Lapo, fio- 
rentino, è d. priori d. 1433 che furono condannati 
(an. 1434) 140, 21 „. 

Corsica [Corsica]; se ne traggono colonie per popolare 
Ostia, 78, 5-7. 

* Corso [Cursius] v. Corsi C. „. 

" Cortese Paolo ; suo giudizio sul De Temporibus, 
XXI, 15 „. 

" Cortona [Cortona urbs, Cortona] è venduta da Ladi- 
slao di Napoli ai Fiorentini, 121, 43-44; pestilenza 
(an. 1457), 178, 17». 

— "(territorio) [cortonense (sic!) ager, quel di Cortona]; 
vi entra il Piccinino allo scopo di incitare Siena alla 
guerra (an. 1440), 148, 46-47: vi entrano le milizie 
aragonesi (an. 1452), 164, 39; vi passa con l'esercito 
Ferdinando d'Aragona, 29 „. 

" [Corvino Mattia] [re* Ungarie]; il suo amb. diretto a 
Roma, passa per Firenze a cui chiede alleanza, che 



è da quel com. rimandata a tempo indeterminato, 
(an. 1470), 180, 34-37 „. 

Coryntus v. Corinto. 

"Corzano; Gherardo Gambacorta che vi abita, vi ri- 
ceve le milizie aragonesi e ordina alle sue genti di 
giurare fedeltà ad Alfonso V (an. 1453), 168, 34-36; es- 
sendone uscito Gherardo per seguire gli Aragonesi, 
gli si ribella e si dà a Firenze, 36-38 ; vi rimane pri- 
gioniera tutta la famiglia di Gherardo, 41 „. 
— (abitanti di) [gl'uomini di Corzano] si ribellano al 
Gambacorta e si danno a Firenze (an. 1453), 168, 
37-38. 

Cosalai [vìctis Cosalai non longe Calchiedona] ; vi si fer- 
ma miracolosamente il veicolo con cui si traspor- 
tava il capo di san Giovanni a Costantinopoli, e 
perciò vi si edifica una eh. per custodirvi tale re- 
liquia, 40, 19-26; rie, 42, 36-39. 

Cosdra v. Cosroe II Parviz. 

Cosenza [Cosentia] ; vi f Alarico, 44, 37-38. 

Cosimo [Cosma, Cosmns] ». Medici (de'') Cosimo. 

Cosma v. Cosimo. 

Cosma (san) [Cosma] è mart., 31, 1-4. 

Cosmus v. Cosimo. 

Cosroe II Parviz [Cosdra] re d. Persiani, toglie la Giu- 
dea all'Impero romano d'Oriente e, saccheggiata 
Gerusalemme, conduce in Persia molti prigionieri, 
fra cui il patriarca Zaccaria, e porta via con se 
anche il sacro legno d. Croce, 62, 9-15. 

[Cossa Baldassare] ». Giovanni XXIII. 

Costante [Constans] figlio di Costantino il tiranno, è 
ucciso in Ispagna, 44, 35-36. 

Costante (Flavio Giulio) (imperatore) [Constans] alla 
f d. p. riceve coi fratelli il titolo di Augusto, 35, 4-5; 
e insieme ad essi regge l' imp., 6-8; dopo la f d. fra- 
tello Costantino, governa l'Occidente, 21-22; vince i 
Franchi e fa pace con essi, 25-26; sostiene i catto- 
lici nella loro lotta contro gli Ariani, 41-36, 1; è uc- 
ciso, 37, 3-5. 

Costante II (Flavio Eraclio) (imperatore) [Constans] 
fratello di Flavio Eraclio Costantino, occupa il trono 
d'Oriente, 64, 15-I6; manda Teodoro Calliopa come 
esarca in Italia, 22-24 ; divenuto avverso a pp. Mar- 
tino e all'esarca Teodoro per la condanna di Paolo, 
richiama Teodoro e al suo posto manda Olimpio 
contro il pontefice, 39-42; manda in esilio pp. Mar- 
tino I, 44-45; manda di nuovo in Italia Teodoro Cal- 
liopa, 65, 1-2; sua spedizione in Italia contro i Lan- 
gobardi, 14-23; fermatosi nel ritorno in Sicilia, è 
ucciso nel bagno da' suoi pr. Siracusa, 30-31 ; rie, 
64, 18; 65, 34. 

Costantino (il Grande) (imperatore) (Flavio Vale- 
rio) [Constantinus, Constantìnus imperator] tiene per 
quattro anni l'imp. insieme a Galerio, 31, 26-27; figlio 
di Costanzo I, 34; e di Elena, 36-39; contro di lui 
trama insidie Massimiano Erculio, 32, 2-3; vince Mas- 
senzio al Ponte Molle, 19-20; muove guerra a Licinio, 
21-22; ed è aiutato in ciò dai Goti, 23-24 ; tollera la 
religione cristiana, 32; date certe insegne d. potere 
a pp. Silvestro I, si stabilisce in Bisanzio e vi co- 
stituisce la sede principale dell' imp., 32-40; regge da 
solo tutto l'imp., 33, 1-2; restaura la e di Drepano 
e la chiama Elenopoli, 38-40; uccide la m. Fausta, 
41-42; riceve un libro da Porfirio, 34, 6-7; pr. di lui 



[Costantino H-Costanza] 



IN D1C E ALFABETICO 



225 



si rifugia Atanasio vesc. di Alessandria, persegui- 
tato dagli Ariani, 11-13; nel crescere d. dispute con- 
voca il concilio di Elea, affidandogli l' incarico di 
risolver la questione fra quel vesc. e gli Ariani, 
13-17; riceve da Ario il libro scritto da costui sul- 
l'Arianesimo, 20-22; per ordine suo templi pagani 
sono distrutti, 27-28; ammalatosi a Nicomedia, ri- 
ceve il battesimo dal vesc. Eusebio e poco dopo f, 
35, 1-3; i suoi tre figli da Cesari diventano Augusti, 
4-5; destina a succedergli coi figli anche il nipote 
Dalmazio, 11-12; rie, 30, 21; 31, 34; 32, 13, 28; 33, 
22, 28, 33; 34, 33, 39; 35, 21. 

Costantino II (Flavio Claudio) (imperatore) [Constan- 
tinut, Constautini ji/ius\ prende il titolo di Cesare, 32, 
28-30; 33, 28-29; è assunto al trono, 34, 33-34; alla f 
d. p., è nominato Augusto insieme coi fratelli, 35, 
4-5; e insieme con essi regge l'imp., 6-8; i suoi par- 
tigiani uccidono suo cugino Dalmazio Cesare, 12-13; 
è ucciso pr. Aquileia mentre muove guerra al fra- 
tello, 19-20; rie, 21. 

Costantino III (Flavio Eraclio) (imperatore) \Con- 
stantittus] regge l'imp. di Oriente insieme al p. Era- 
clio, 62, 4-6; alla f d. p., regna solo, 64, 3-5; è av- 
velenato dalla matrigna Martina, 6-7; rie, 16. 

Costantino IV (Pooonato) (imperatori-;) [Constantinus, 
Constantis Jilius] recatosi in Sicilia vi uccide l'ar- 
meno Miziz e gli uccisori d. proprio p., 65, 33-35; 
imp. d' Oriente, 36-3S ; si associa nel governo i fra- 
telli Eraclio e Tiberio, 66, 3-4 ; f a Costantinopoli, 
07, 2. 

Costantino V (Co proni vi o) (imperatore) [Constant i- 
nus\ figlio di Leone Isaurico, 70, 30-31; perseguita i 
Cristiani ed ordina l'abolizione d. immagini, 71, 14- 
16, 18-19; innalza al pontificato il la : co Costantino, 
suscitando discordie nella Ch., 42-43; gli succede il 
figlio Leone IV, 73, 8-9. 

Costantino VI (Porfirogenito) (imperatore) [Con- 
stantinus] tiene V imp. con la madre Irene, 73, 20-23 ; 
secondo un'iscrizione trovata a Costantinopoli, Cri- 
sto doveva nascere sotto l'imp. suo e di Irene, 27-31, 
41-44 ; priva violentemente d. governo la madre e 
regna solo, 74, 16-17; fa accecare molti nobili sotto 
l'accusa d'aver congiurato, 19-21 ; è fatto accecare da 
Irene, 28-29. 

Costantino VII (Porfirogenito) (imperatore) [Con- 
stantinus, Constantinus a/ter] regge l'imp. sotto la 
tutela d. zio Alessandro, 81, 36-39; governa da solo, 
42 ; si associa nel regno il figlio (ma genero) Ro- 
mano II, 83, 40. 

Costantino (Vili?) (imperatorio) [Constantinus]; il Pal- 
mieri lo pone senza indicazione di data, dopo Gio- 
vanni I Zim'scè, 85, 41. 

" [Costantino XIIJ (imperatore) [lo Impcradore] è uc- 
ciso nella presa di Costantinopoli (an. 1453), 169, 
31; rie, 170, 3 „. 

Costantino I (papa) [Constantinns, Constantinns ponti- 
/ex] chiamato da Giustiniano II a Costantinopoli, 
ne torna dopo poco, 68, 29-31; rie, 17. 

Costantino II (antipapa) [Constantinns] laico, è el. pp. 
dall' imp. Costantino V Copronimo, 71, 41-42; ma 
in breve è deposto, 72, 2-3; da alcuni scrittori non 
è nominato nella serie dei papi, 4-5; ne sono abro- 
gati i decreti in un sinodo in Roma, 8-9; tutto ciò 



dice il Palmieri che però lo enumera nel catalogo 
cronologico de' pp., 71, 40. 

Costantino il tiranno [Constantinus] soldato usurpa- 
tore dell' imp. in Britannia donde passa in e in 11 a, 44, 
3-5; è preso dai capitani di Onorio ad Arles, 33-35. 

Costantinopoli | Bizantium, Con<tantino/>o/is, Costantino- 
poli, Gostantinopoli\\ si spogliano di monumenti le 
altre e per ornarla, 34, ls-19; la popolazione vi uc- 
cide Ermogene. prefetto d. milizia, che dietro ordine 
di Costanzo II tentava di cacciare il vesc. Pa /io dalla 
e, 35, 29-32 ; vi sono trasportate le ossa di sant'An- 
drea e di san Luca, 38, 7-9; vi è consacrata la ch. 
principale, 13-14; Procopio vi usurpa l'imp., 39, 11-12; 
vi cade grandine grossissima che uccide parecchie 
persone, 27-29; vi sorge l'eresia di Eunomo, 40, 17-18; 
vi f l'imp. /. rcadio, 44, 18-19; vi è ucciso Atana- 
rico, re d. Goti, 42, 1-3; è distrutta in buona parte 
da un incendio, 47, 16-17; vi sorge l'eresia di Euti- 
che, 48, 25-26; vi f Teodosio II, 49, 1-2; vi f l'imp. 
Zenone, 53, 4; vi f pp. Agapito, 56, 7-8; Belisario 
vi conduce prigioniero Vitige con la m. e i prin- 
cipali personaggi Goti, 31-33-, grave pestilenza, 34-35; 
vi è condotto pp. Vigilio, 57, 38-39; Giustiniano vi 
edifica il tempio di santa Sofia, 42-44; vi è traspor- 
tato il cadavere di Narsete, 58, 44-45; Eraclio vi fa 
trasportare il sacro legno in occasione d. guerra 
combattuta in Giudea contro gli Arabi, 63, 8-10; vi f 
l'imp. Costantino Flavio Pogonato, 67, 2; vi si reca 
pp. Costantino, chiamato da Giustiniano II, 68, 
29-30; assediata per tre anni dagli Arabi, è colpita 
da pestilenza, 69, 23-25; nuova peste che provoca 
grande mortalità, 70, 22-23; secondo scrive Sigeberto 
di Gemblours vi fu trovata una lamina d'oro con 
un'iscrizione profetica, 73, 27-31; vi giungono i Cro- 
citi in viaggio per Terra Santa, 92, 24; è presa 
dai Crociati latini aiutati dai Veneziani, 100, 22; 
"cade in potere d. Turchi (an. 1453), 168, 8-9; 169, 
31; il gran Turco non vi vuol prendere la corona, 
dicendo esser questa e la figlia di Roma e volerla 
perciò prendere in Roma stessa, 35 „: rie, 29, 10: 
38, 38-39: 40, 21; 42, 37; 47, 30; 104, 41; "168, 15, 
20; 172, 22, 25, 28; 187, 19 „: V. anche Bisanzio. 

— (chiesa di) [costantinopolitana ecclesia] tenta invano 
di usurpare la suprema autorità su tutte le altre 
eh., 61, 32-35; v. anche Chiesa greca. 

— (chiese di) [ecclesia maxima, àyvì] 2oqpuq (sic)]; è 
consacrata la ch. principale, 38, 13-14; Giustiniano 
edifica il tempio di Santa Sofia, 57, 42-44. 

— "(cittadini di) [signori e gentili huomini] molti d. 
più nobili sono uccisi durante la presa d. e per 
parte d. Turchi (an. 1453), 169, 31-33 „. 

— (concili) [concilium, sinodtts\ contro Macedonio, 41, 
39-41; contro le pazze teorie di Teodoro di Cesarea, 
57, 29-30; contro il vesc. Macario, 66, 31-33. 

— (imperatori di) \constantinopolitanus imperator, grae- 
cornm imperator, imperator Constantinopoli, impera- 
tor e] v. Imperatori d'Oriente. 

— (patriarca di) v. Giuseppe fi patriarca. 

— (vescovi di) [episcopus Constantinopoli, constantino- 
politunu* episcopus] v. Flaviano, Giovanni Crisostomo 
(san), N'estorto, l'aolo di Costantinopoli. 

Costanza [Constantia]', vi è el. pp. Martino V, 118, 13- 
14; rie, 122, 24; " XII, 16 „. 



226 



INDICE ALFABETICO 



[Costanza-Cristiani] 



Costanza (concilio di) [concili uni Constanti ae] dura tre 
anni, 122, 18-20. 

Costanzo (generali; e poi coreggente di Onorio) 
[Constantius, Constantius palritius\; gli è consegnato 
Attalo prigioniero, 45, 11-12; sposa Placidia, 22-23; 
è p. di Valcntiniano, 32; firma la pace con Vnllia, 
assegnandogli l'Aquitania e alcune e. ai confini d. 
province per abitazione, 38-40; nominato coreggente 
da Onorio, f l'anno seguente, 41-42. 

Costanzo I (Flavio Valerio Cloro) (imperatore) [Con- 
stantius] è nominato Cesare e come tale assunto nel 
regno, 30, 11-12; vince gli Alamanni e ne fa grande 
strage, 15-17 ; è costretto a ripudiare la propria m., 
1S-19; prende in ra. la figliastra di Massimiano, Teo- 
dora, e ne ha sei figli, 20-22 ; sconfigge con grande 
strage 40 000 Alamanni nel territorio d. Lingoni pr. 
Langres, 42-43 5 regge per due anni l'irnp. con Ga- 
lerio, 31, 25-26; e gli sono assegnate l'Italia, l'Africa 
e le Gallie, 28-29; f in Britannia, 34-35. 

Costanzo II (Flavio Giulio), (imperatore) [Constantius] 
alla f di Costantino succede coi fratelli nell' imp., 
35, 6-8; perseguita Atanasio e tutti i vesc. alla sua 
parte contrari, 17-18; dopo la f d. fratello Costan- 
tino, ottiene l'imp. d'Oriente, 21-22; ordina a Er- 
mogene di cacciare il vesc. Paolo da Costantinopoli, 
29-32; sostiene gli Ariani nelle loro iotte coi Catto- 
lici, 41-36, 1 ; entrato in Roma, fa trasportare le ossa 
di sant'Andrea apostolo e di san Luca evangelista 
a Costantinopoli, 38, 7-9; f a Mopsucrene, 15-17; 
rie, 34, 4; 37, 22. 35. 

Co zie v. Alpi. 

Cozio [Coctius] f, e le Alpi Cozie sono ridotte a pro- 
vincia romana, 14, 20-21. 

"Crema [Cremino] è assediata dallo Sforza (an. 1453), 
170, 43; rie, 33; 171, 25 „. 

— (territorio) [Cremmano\ rie, 170, 34. 

— (da) v. Gian/ione da Crema. 
" Cremma v. Crema „. 

" Cremmano (il) v. Crema (territorio) „. 

Cremona [Cremona, Chermona, Cermona] è presa da Agi- 
lulfo, 61, U; è data in dote a Bianca Visconti pro- 
messa sposa di Francesco Sforza, 125, 35-36; "150, 
28; lo Sforza vi sposa Bianca Maria (an. 1441), 27-28; 
il Visconti vi manda le sue milizie (an. 1446), 151, 
17 ; in suo aiuto i Veneziani assoldano molte mili- 
zie, 41 ; gli eserciti d. lega di Venezia e Firenze co- 
stringono le milizie milanesi a lasciarla, 152, 35-36; 
contro di essa si accampa a Casalmaggiore France- 
sco Sforza e perciò i Veneziani le mandano aiuti 
per il Po e vettovaglie (an. 1448), 157, 18-20; rie, 
138, 20; 151, 38 „. 
— ■ (territorio) [Cremonensis ager, Ckermoncse, Cremo- 
nese, Cremona] ; " vi accorre il Piccinino contro i 
Veneziani (an. 1431), 133, 28-30; ne sono occupati 
alcuni castelli dai Veneziani (an. 1440), 149, 9-10; 
vi si accampano le milizie d. Visconti guidate dal 
Piccinino (an. 1446), 151, 33-34; vi convengono le 
milizie d. lega contro il Visconti, 152, io-i:; i Vene- 
ziani vi dan principio alla guerra contro il Visconti, 
33-34; e ne cacciano le milizie, 35-36; è corso dai 
soldati di Venezia, 45-48„; rie, 126,9; "168, 44 „. 

Crescente [Crescens] filosofo cinico, rie, 21, 12. 

Crescenzio (Giovanni) [Crescens\ avendo assunto il 



principato in Roma, è vinto e ucciso da Ottone III, 
87, 13-14. 

"Cresci Bartolomeo [Bartolomeus Crescius, Laurcnti 
fìlius] fiorentino si arma contro la parte reggente 
(26 settembre 1434), 138, 40; preso e torturato, po- 
chi giorni dopo si impicca, 41 „. 

Creta [Creta] è presa dai Veneziani, 101, 2: rie, 1 15, 38. 

— (di) v. Alessandro V, Mesomede di Creta, Paolo di 
Creta. 

Crisolora Emanuele [Grysoloras] bizantino, risuscita in 
Italia gli studi greci, da sette secoli dimenticati, 
120, 3-6; «XI, 27-38,,. 

Crispo [Cris/us] figlio di Costantino, è istruito nelle 
lettere latine da Lattanzio Firmiano, 32, 12-14; pren- 
de il titolo di Cesare, 28-30; è ucciso, 33, 33-35. 

Cristianesimo v. Cattolicesimo. 

Cristiani [Chris tiani, Cristiani, Christì fides, Catiolici]; 
Tiberio li tollera, 10, 43-44; e minaccia di morte i 
loro accusatori, 11, 1-2; Traiano scrive a Plinio che 
non si devono ricercare per processarli, ma punir 
quelli che si scoprano tali, 18, 29-33; Adriano non 
li vuol condannati senza determinazione di cri- 
mine, 19, 37-39; i Giudei ne uccidono molti perchè 
si rifiutano di aiutarli contro i Romani, 20, 14-15; 
con Costantino cessano le persecuzioni contro di 
essi, 32, 32 ; durante le persecuzioni non era loro 
permesso di congregarsi, 33, 15-18; molti di essi 
si lasciano convertire al Paganesimo da Giuliano 
l'Apostata, 38, 19-21 ; sono perseguitati da Valente, 
39, 23-24 ; sono perseguitati da Atanarico re d. 
Goti, 39, 38-41; perseguitati sotto Costantino V 
Copronimo in Oriente, 71, 14-16; perseguitati in 
Ispagna da Memellino, re d. Mori, si alleano coi 
Franchi e lo vincono, 103, 36-33; perseguitati dal 
Sultano Seraph, 108, 28-29; "soffrono crudeltà du- 
rante l'invasione d. Turchi nell'impero d'Oriente 
(an. 1453), 169, 32-33; Giovanni III di Lusignano 
chiede aiuto all'Italia per essi, straziati e minacciati 
dai Turchi, 45-170, 2 „; rie, 8, 7; 12, 38; 22, 255 
35, 41; 94, 15; 112, 14; 121, 33; 122, 32; "169,36; 
170, 1, 26, 32 „ ; v. anche Cattolicesimo, Chiesa greca. 
Chiesa romana. 

— (persecuzioni di) [persecutio christianorum] sotto 
Nerone, 13, 39-40; di nuovo, 14, 38; sotto Domiziano, 
17, 14-15; sotto Traiano, 18, 23; in Gallia, 22,5-7; 
nuova persecuzione, 24, 20-22; sotto Massimino, 26, 
19-21; sotto Decio, 27, 14-18; sotto Valeriano, 43-28, 
2, 6; sotto Gallieno, 12-13; sotto Aureliano, 29, 8-9; 
sotto Diocleziano, 31, 1-4; sotto Massimino, 32, 16; 
sotto Licinio, 33, 9-11; persecuzione fatta da Sa- 
pore, re d. Persiani, 36. 13-14; da Valente, 39, 23-24; 
da Atanarico, re d. Goti, 39, 38-41; da Costantino V 
Copronimo, 71, 15; da Memellino re d. Mori in 
Ispagna, 103, 36-38; dal Sultano Seraph, 108, 28-29; 
rie, 33, 16. 

— (crociati) [Ckristrani, Galli] incitati da Pietro 
l'Eremita, intraprendono la prima crociata, con a 
capo Goffredo di Buglione e prendono Nicea, An- 
tiochia e altre e d. Maomettani. 92, 20-26; prendono 
Gerusalemme sotto la condotta di Goffredo che essi 
vogliono incoronare re, 30-33; prendono Tiro, 94, 
20-21; assaliti dagli Egiziani, riprendono la guerra 
e, impadronitisi di molte e, le rendono tributarie, 



[Cristiano I-Datniata] 



INDICE ALFABETICO 



227 



95, 6-10; prendono Ascalona, 21-22; vanno in loro 
aiuto, con un numeroso esercito, Luigi VII e Cor- 
rado III, 39-42; i Veneziani mandano in loro aiuto 
una flotta, 96, 3-4; ne fa strage Saladino durante 
la presa di Gerusalemme, 98, 42; la qual e. essi ave- 
vano governato per ottantotto anni, 99, 1-3; in loro 
aiuto Enrico VI manda un esercito, ma essendo 
questo poi retrocesso per la f di Enrico stesso, per- 
dono ogni dominio in Siria, 100, 7 11; occupano 
Costantinopoli e nominano imp. Alessio IV figlio di 
Isacco li, ma poi, essendo questi ucciso, nominano 
Baldovino di Fiandra, 23-27 ; si radunano a San Gio- 
vanni d'Acri per la quinta crociata, 101, 36-38; con- 
quistano e riperdon Damiata, 40-41; ottengono in- 
decorosamente Gerusalemme con Federico II, 102, 
36 39; vincono i Mori nella Spagna, 103, 36-40; pas- 
sano In Oriente con Luigi IX, 41-44 -, riconquistano 
e riperdon Damiata, 104, 2-4; sono espulsi da Co- 
stantinopoli da Michele Paleologo aiutato dai Geno- 
vesi, 40-44: sconfitti in Siria dal Sultano Bendocnar, 
105, 36-37; operano una spedizione contro Tunisi con 
poco resultato, 106, 11-22; perdono Tripoli d'Asia, 
10S, 15-16; avendone i Mussulmani fatto enorme 
strage, abbandonano la Siria, 24-26; occupano Rodi, 
110, 38; sconfitti e depredati dai Mammalucchi, 112, 
13-15; rie, 99, 15; 102, 38; 103, 41. 

" [Cristiano I, RE di Danimarca] [rea Dalie] passando 
per Milano, Mantova e Bologna, accompagnato da 
cento cavalli, viene a Firenze, avviato a Roma in 
pellegrinaggio (an. 1473). 192, 24-26 ,,. 

Cristo [Fesus Christus, Xrislus] nasce, 7, 25; 8, 4; di- 
sputa fra i dottori, 35-36; è battezzato, 9, 31-33; pre- 
dica e fa miracoli, 34-35; ordina agli apostoli di dif- 
fondere la sua dottrina, 39-40: è crocifisso e risorge, 
41-43; è crocifisso durante i giorni degli azimi, 15, 
27-28; in un'iscrizione trovata a Costantinopoli su 
una lamina d'oro, ne era predetta la rinascita sotto 
P imp. di Costantino VI Porfirogenito e di Irenei 
73, 27-31, 41-44; rie, 7, 28; 8, 1, 13; 9, 36; 12, 26; 
13, 14: 18, 32: 21, 37; 25, 33; 27, 9, 18, 30; 28, 2. 
31, 4; 32, 4; 33, 24; 41, 12; 44, 45; 46, 35; 47, 8.' 
88, 1-2; 89, 35; 91, 15; 92, 33; 100, 43; 102, 12; 117,' 
24; 126, 4; " 172, 22; 173, 7, 10; rie. molte volte 
nella processione d. 22 giugno 1454 in Firenze, 24, 
27, 30, 33; rie, 191, 8 „. 
— (religione di) rie, 23, 9, 20 ; 33, 4; v. anche Catto- 
licesimo, Cristiani. 

" Cristo pano Moro v. Moro Cristoforo „. 

Cristoforo (papa) [Cristophorus] rie, 81, 42. 

" Cristoforo DA LAVELLO [Cristoforus Avellanus] v. La- 
vello {da) Cristo/oro „. 

" Croazia (re di) v. Ladislao V il postumo „. 

Croce (qUARTiER!> DI santa) \sancta Croce] v. Firenze 
{quartiere di santa Croce). 

Croce (sancta) ». Firenze {quartiere di santa Croce). 

Crociati v. Cristiani {Crociati). 

"Croia [Croia\ è presa dai Turchi (an. 1467), 1S5, 41 „. 

Crucis (ANTE eDES sancte) v. Firenze {piazza di santa 
Croce). 

Crux (sancta) v. Firenze {chiesa di santa Croce). 

Cumano [Cumanus] è mandato da Claudio a reggere la 
Giudea, 12, 9-12; sotto di lui avviene in Gerusa- 
lemme una grave insurrezione, 33-35. 



[CUNIBERTO] [Fttmiperlus] regna sui Langobardi insieme 
al p. Bertarido, 66, 26-27; 67, 13-14; regna solo, 34-35: 
j^li succede il figlio Liutberto a cui aveva dato come 
futore Ansprando, 68,23-25. 

Cursio v. Corsi Corso. 

CURSIUS v. Corsi Corso. 

Curtius fons v. Curzio fonte. 

Curzio poni e [Curtius fons] è fatto venire in Roma per 
mezzo d'un acquedotto per opera di Claudio 1 
12, 4-6: "XVI, 5-9 „ : v. Roma {acquedotti). 

Cuspio Fado [Cestius Festius] è mandato da Claudio 
governatore in Giudea, 12, 9-12. 

CyPRIANUS V. Cipriano. 

Cyprus v. Cipro. 
Cyrinus V. Quirino. 

Daces v. Daci. 

Dachi v. Daci. 

Daci [Daces, Dachi] sono vinfi dai Romani, 16, 42; Do- 
miziano celebra il trionfo su di essi, 17, lo; cosi 
pure Traiano, 18, 13; sono combattuti dai Romani, 
22, 11-12. 

Dafhon r. Clefi. 

D alpino di Francia v. Luigi XF {re di Francia). 

Dalmati [Dalmatae] sono sottomessi a Roma da Ti- 
berio, 8, 29-30; contro di essi combatte Corrado II 
il Salico, 88, 32-23. 

Dalmazia [Dalmatia, Dalmacia, Lìburnia, Schiavonia]; 
vi si ritira Glicerio, cacciato da Giulio Nepote, 51, 
6-7; è sottomessa da Teodorico, 54, 7-10; è invasa 
da Mundo, generale di Giustiniano, 55, 30-31 ; è in- 
vasa da un esercito di Veneziani, 93, 31-33; "vi è 
condotto Sigismondo Pandolfo Mahitesta che vi 
resta prigioniero tre mesi (an. 1462), 181, 39; rie, 
136, 39 „. 

— "(re di) [Dalmacie re.\\ v. Ladislao V il Postumo „. 
Dalmazio (Cesariì) [Dalmatius, Dalmatius Caesar] figlio 

di Dalmazio e nipote di Costantino il Grande, 
prende il titolo di Cesare, 34, 39-40: secondo il vo- 
lere d. zio doveva succedergli come coreggente d. 
cugini, ma è ucciso dai partigiani di Costantino II, 
35, 11-13. 

Damasceni [Damasceni] rie, 94, 5. 

Damasco [Damascus]; vi è trasportato Bendocnar mor- 
talmente ferito, 107, 21-23; è quasi distrutta dai Tar- 
tari condotti da Tamerlano, 121, 3. 

— (di) Giovanni v. Giovanni Damasceno. 

— (sultani di) [Damascorum reges] sono vinti da Bal- 
dovino II, 94, 6-7. 

Damaso i (San) (papa) [Damasus]; durante il suo ponti- 
ficato è el. antipp. Ursicino e da ciò nascono divi- 
sioni e lotte, 39, 15-18; elegge Zanobi vesc. di Fi- 
renze e metropolitano d. Toscana, 42 44; condanna 
in un concilio tenuto in Roma l'eresia di Apolli- 
nare, 40, 41-42; rie, 39, 14. 

Damaso II (papa) [Da masus FF] rie, 89, 33. 

Damiano v. Pier Damiano. 

Damiano (San) [Damianus] mart., 31, 1-4. 

Damiata [Damiata] presa dai Cristiani, è poi restituita 
pel riscatto d. prigionieri nobili, 101, 40-41; è presa 
da Luigi IX, ma poi, essendo egli fatto prigioniero, 
è restituita per riscattarlo, 104, 2-4; Margherita di 
Provenza, m. di Luigi IX vi dà alla luce Tristano, 5-7. 



228 



INDICE ALFABETICO 



[Damun-Dominicus] 



" Damun Francesco [Francesco Damun] amb. di Alfon- 
so V alla dieta d. 29 settembre indetta da Fede- 
rico Ili per la difesa contro il Turco (an. 1454)1 
174, 34-35 „. 
Danesi [Dani] saccheggiano coi Normanni la Francia, 

80, 22-24. 
Dani v. Danesi. 

Danimarca (rk di) [Datic rcx[ ;•. Cristiano I, re di Da- 
nimarca. 
Dante Alighieri [£><z*fe5 Aligherius\ v. Alighieri Dante. 
"Danubio [Danubio] rie, 176, 29 „. 
Daphon v. Clefi. 
Dargam [Dargon] visir d'Egitto, è vinto da Amalrico, 

re di Gerusalemme, 97, 15-17. 
Dati e rex v. Danimarca (re di). 
Dati us v. Dazio. 
Dazio (San) [Datius] vesc. di Milano, rie, " VI, 28 „ ; 

56, 12-13. 
Davide (stirpe di) [«7«/ de genere Davit crani]: Domi- 
ziano, ordina che tutti i discendenti di Davide siano 
uccisi, perchè non ne rimanga alcuno al regno dei 
Giudei, 17, 25-27. 
Dealbatorum peregrinatio v. Bianchi {compagnia dei). 
Decemanum v. Decornano. 
" Decemviri v. Firenze (dieci di Balìa) „. 
Decenzio [Decenlius] fratello di Magnenzio, è fatto Ce- 
sare e, mandato a difendere le Gallie, è appiccato, 
37, 31-33. 
Decimo v. Giovenale Giunio D. 

Decio [Decius] v. Balbino Celio D., Clodia Albino D. 
Dbcio (Caio Messio Traiano Quinto) (imperatore) 
[Decius] fa uccidere l' imp. Filippo l'Arabo e il di 
lui figlio e perseguita i Cristiani, 27, 14-18; è uc- 
ciso, secondo il Palmieri, nell'Abruzzo, 23; rie, 
27, 13. 
* Decomano [Decemanum, Decomanus vicus] : vi pernotta 
il Piccinino con le sue milizie (an. 1440), 148, 14; 
rie, 146, 14; 147, 25 „. 
Decretali [Decretale*] ; Innocenzo III le compone e le 

sancisce, ordinando d'osservarle, 100, 35-36. 
Defectio lunae v. Eclissi. 
Deeectio solis v. Eclissi. 

Delfinato [viennense principatum] è comprato da Fi- 
lippo VI di Francia, 115, 21-22. 
Delfino di Francia v. Luigi XI (re di Francia). 
u [Della Torre (famiglia)] v. Torre (della) (famiglia) „. 
Deodato (papa) [Deodatus] rie, 66, 7. 
Desiderio (ri; dei Langobardi) [ DeHderius] succede 
ad Astolfo, 71, 30-31; è assediato in Pavia e poi 
condotto con la m. e coi figli in Francia da Carlo 
Magno, 72, 29-34; rie, 74, 5. 
De temporibus (liber) v. Palmieri Matteo. 
" Dììti Tommaso [Tommaso Deli] dottore fiorentino, è 
mandato a incontrare l' imp. Federico III (an. 1451;, 

162, 45-46; l'accompagna sino a Santa Maria Novella, 

163, 3-5 „. 

Deusdedit (San) (papa) [Deusdedit] rie, 62, 16. 

" Diacceto (da) Carlo [Carlo da Ghiarccto] è fatto d. 
Dieci di balìa in Firenze (an. 14=53), 170, 15 „. 

" Diacckto (da) Paolo [Pagolo da Ghiacce to] è man- 
dato con Mariotto Lippi amb. da Firenze a Siena 
^an. 1447), 156, 13-14 „. 

[Diana (di) Gaspare] [Legatus Pontificis] arciv. di Na- 



poli, a lui i maggiorenti di Perugia mandano Nic- 
colò Piccinino (an. 1440), 148, 42-43. 
Dianora v. Leonora. 

Didimo Alessandrino [Didimus Alexandrinus] privato d. 
vista, scrive di religione per mezzo di segretari, 
40, 9-11. 
Didio Giuliano [lulianus] giureconsulto, uccide Perti- 
nace, 23, 35-36; tenta usurpare l' imp., ma, avversato 
da tutti, è ucciso da L. Settimio Severo al ponte 
Molle, 37-39? rie, 41. 
Dieci di Balìa v. Firenze (Dieci di balìa). 
Diete; per trattare della difesa contro i Turchi (an. 
1454), 174, 26-34; progettata per la stessa ragione a 
Udine (an. 1458), 179, 15-16; ma tenuta poi a Man- 
tova (an. 1459), 180, 11-35; v. anche Alleanze, leghe, 
paci, trattati. 
Dietisalvi v. Neroni D. 
Dino da Mugello [Dinas Mugellanus] giureconsulto rie, 

109, 8-9. 
Dino Fiorentino [Dinus Florentinus] v. Garbo (del) Dino. 
Dinus v. Dino. 

Diocleziano (Caio Aurelio Valerio) (imperatore) 
[Dioclilianus], 30, 3; uccide Apro, uccisore di Nume- 
nano, 4-5; si associa nel regno Massimiano e lo 
manda in Gallia contro Amando e Lucio Eliano, 
6-8 ; dà sua figlia Valeria in isposa a Galerio Ce- 
sare, 23-24 ; si fa adorare come dio e per primo in- 
troduce l'uso di pompose vesti imperiali, 29-32; ri- 
prende per assedio Alessandria ribellatasi con tutto 
l'Egitto e proscrive, esilia e uccide molti Egiziani, 
33-36; accoglie con grande onore Massimiano, reduce 
dalla guerra contro Narsete, 31, 7-9; celebra con lui 
il trionfo, 13-16; depone la porpora a Nicomedia, 
23-24; f pr. Salona, ed è, unico d. privati, ascritto 
al numero degli dei, 32, 25-27 ; rie, 23, 10. 
"Dionigi v. Sxech D. „. 

Dionigi I (San) (papa) [Dionisius] rie, 28, 24. 
Dionigi (il Grande) (San) (vescovo di Alessandria) 

[Dyonisius] dottore d. Ch. e mart., 27, 7-9. 
Dionigi (San) (vescovo di Corinto) [Dionisius] inse- 
gna elegantemente al popolo la religione di Cristo, 
22, 17-18. 
Dionigi Areopagita (San) [Dyonisius Ariopngita[ chiaro 
filosofo, battezzato dall'apostolo Paolo, scrive cose 
sublimi intorno alle gerarchie celesti, 13, 5-10. 
Dioscoro [Dioscorus] vesc. di Alessandria presiede il 
conciliabolo di Efeso in cui è assolto Eutiche e 
condannato san Flavlano, 48, 29-32; è condannato 
insieme a Eutiche nel concilio di Calcedonia, 49, 

20-24. 

Discipuli v. Apostoli. 

" Doadola v. Dovadola „. 

u Dogi [el doge] v. Genova (dogi), Venezia (dogi) „. 

" Domenico [Dominicus, Domenico] v. Lambertenghi D., 
Sapizzi D. „. 

Domenico (San) [Dominicus] fondatore dell'ord. d. Pre- 
dicatori, nato a Calahorra in Ispagna, 100, 43-45: 
ottiene da Onorio III la conferma d. suo ordine, 
101, 34-35; f 102, 5-6. 

a Domenico di Lionardo v. Buoninsegni Domenico „. 

u Domenico di Tano, d. Dieci di balìa a Firenze (an 
1453), 167, 39 *. 

Dominicus v. Domenico. 



I Dominorura-Egiziani] 



INDICE ALFABETICO 



2J9 



" Dominorum platea v. Firenze {Piazza della Signoria)». 
[Domizia] [soror patris Neronìs] sorella di Gn. Domi- 
zio Enobarbo e zia di Nerone, è da quest' ultimo 
fatta uccidere, 13, 37-38. 
Domiziano (Tito Flavio) (imperatore) [Domilianus[ fra- 
tello minore di Tito, è eh, 16, 23; si divertiva a in- 
filzar le mosche, 26-28; fa incendiare il Campidoglio 
e altri edifici e li riedifica apponendo a tutti il suo 
nome, 33-36; vuole essere adorato, chiamato dio e 
onorato di statue di gran valore, 37-41; ordina che 
il mese di settembre prenda il nome di Germanico e 
quello d'ottobre di Domiziano, 43-44 ; fa esiliare e 
uccidere molti nobili, 17, 4-5; caccia i matematici 
da Roma, 6-7 ; celebra il trionfo sui Daci e sui Ger- 
mani, 10; proibisce di seminare la vite nelle e, 11; 
perseguita i Cristiani, 14-15; s' impadronisce indebi- 
tamente di eredità, 16-18; comanda che s'uccidano 
tutti quelli d. stirpe di Davide aftinché non rima- 
nesse alcun pretendente al regno d. Giudei, 25-27; 
è ucciso, 30-32; le sue immagini sono abbattute e 
distrutte, 33-35; il senato ordina che se ne cancelli 
ogni titolo e che siano annullati i suoi decreti, 37-40. 

Donati Almorò [Amoraus Donatus, Amoro Donati] è 
fatto prigioniero nella b. di Caravaggio (an. 1448), 
127, 2-4; " 157, 42; mentre esce dal palazzo ducale è 
ucciso di notte a Venezia, né si sa da chi (an. 1450), 
159, 37-38 „. 

u Donati Donato [messere Donato di Nicolb\ è el. d. 
Dieci di balla in Firenze (an. 1452), 165, 10-14,,. 

Donatisti [Donatiani]-, la loro eresia è iniziata in Africa 
da Donato, 34, 1-2. 

Donato [Donatus, Donato] v. Donati D., Elio D., Sen- 
nini D. 

" Donato [Donatus quidam] condottiero agli stipendi di 
Galeazzo Sforza, lo abbandona (an. 1467), 185,23-24,,. 

Donato di messer Leonardo v. Bruni Donato. 

Donato di Niccolò di Cocco v. Cocchi Donato. 

Donato di Nicola du' Mudici v. Medici (de') Donato. 

Donato il Grande [Donatus] fonda in Africa la setta 
d. Donatisti, 34, 1-2. 

Dono I (papa) [Donus] rie, 66, 15. 

Dono II (papa) [Donus II] rie. come pp. (benché con- 
troverso per i moderni), 85, 35. 

Donus v. Dono. 

" Dovadola [Dovadova, Doadola] assalita dalle milizie 
di Bartolomeo Colleoni, si arrende, dopo aver la- 
sciati uscire i fanti fiorentini che vi erano a difesa 
(an. 1467), 187, 14-17; ne è occupata la rocca dalle 
milizie del Colleoni, 17; rie, 45 „. 

Dracone (leggi di) [libri Draconis] ; vi attinge Adriano 
per formare un codice agli Ateniesi, 19, 29. 

Drepano di Bitinia [Drenano] ; Costantino la chiama 
Elenopoli in onore d. madre, 33, 38-40. 

[Drusiana Sforza] v. Sforza Drusiana. 

Druso (Cesari;) [Drusus] figlio di Tiberio é dal p. as- 
sociato nel regno, 9, 22; f di veleno, 23. 

Drusus v. Druso. 

" Ducato (el) v. Milano (ducato di) „. 

" Ducis FILIA v. Visconti Bianca Maria „. 

Ductores zi. Firenze (capitani delle milizie). 

Durazzo [Durachium]: un terremoto la fa rovinare, 36, 16. 
— (di) v. Carlo III di D., Ladislao I di Napoli. 

Dyonisius v. Dionigi. 



Ebrei | IIef>rei, gens hebraica, popolo d'Israel] ; loro esodo 
dall'Egitto, 7, 11; " nella dieta di Mantova si pro- 
pone di imporre loro il pagamento d. ventesimo d. 
rendite, 180, 29 „; rie, 7, 5; " rie. nella processione 
d. 22 giugno 1454 in Firenze, 173, 4„; v. anche 
Giudei. 

" Eccardo, cronista, rie, III, 7 „. 

Ecclesia Dei v. Chiesa romana. 

Ecclesia greca v. Chiesa greca. 

Ecclesia orientalis v. Chiesa greca. 

Ecclesia romana v. Chiesa romana. 

Ecclesie patres v. Romani (Clero). 

Eclissi [defectio lune, solis defectio], 8, 46; 10, 2; 13, 
35; 36, 28; 75, 15-16; 99, 33; 103, 8; 113, 17; 116, 
19; 123, 43; 126, 31-32; "157, 46; 183, 4-5 „. 

Edictum v. Editto. 

Editto di Rotari [edictum] v. Rotari (editto di). 

Edoardo I (re d'Inghilterra) [Adoardus[ f e gli suc- 
cede il figlio Edoardo II, 1 10, 29-30. 

Edoardo II (re d'Inghilterra) [Adoardus] succede al p. 
sul trono d'Inghilterra, 110, 30. 

Edoardo III (re d'Inghilterra) [Adoardus, Adoardus 
rex] vince Filippo VI di Francia, 115,4-6; libera a 
certi patti Giovanni II di Francia, fatto prigioniero, 
ma non essendo poi osservati i patti, invade la 
Francia, 117, 1-6; assedia Parigi, 7. 

Efeso [Epkcsus] rie, 17, 41. 

— (Concilio u Conciliabolo di) [Ephesina sinodus, 
sinodus apud Ephesum] contro i Nestorianl e i Pe- 
lagianisti (an. 431), 47, 6-7; avendo Flaviano con- 
dannato l'eretico Eutiche, l'imp. d'Oriente Teodo- 
sio II fa radunare un sinodo ad Efeso in cui è con- 
dannato Flaviano e riabilitato Eutiche (an. 448), 
48, 29; ma poi nel sinodo di Calcedonia le delibe- 
razioni prese in quest' ultimo sinodo di Efeso sono 
annullate e l'eresia di Eutiche condannata, 49, 23-24. 

Egesippo [Egysippus] autore d'una storia ecclesiastica, 
va a Roma, 21, 37-39. 

Egidio [Egidius] rie, 69, 2. 

Egitto [Aegyptus, Egyptus, apud Egyptos] : San Marco 
vi predica, 13, 4; vi nasce sant'Antonio, 27, 22; 
grave peste, 26-27; Lucio Elpidio Achilleo vi usurpa 
l'imp., 30, 9-10; ribellatosi é risottomesso da Diocle- 
ziano, 33-35; vi si ritira Bendocnar dopo aver de- 
predata l'Armenia, 106, 40-43; rie, 7, 11; 13; 43, 19; 
102, 37. 

— (Califbo di) [Calipka] secondo il Palmieri è ucciso 
da Baldovino d' Edessa, re di Gerusalemme, 92, 38-39. 

Egiziani [Aegyptii, Egyptii] molti sono esiliati, pro- 
scritti, uccisi per ordine di Diocleziano, per aver 
tentato sottrarsi al dominio rom., 30, 33-36; eleg- 
gono loro Califfo Al-Moavia, contro Ali, 63, 24-27 ; 
invadono l'Africa e saccheggiano e distruggono 
Cartagine, 66, 40-42; perdono le terre occupate in 
Africa e fanno pace con Giustiniano II, 67, 15-16; 
sono vinti tre volte da Baldovino I da cui è ucciso 
il loro Califfo, 92, 37-39; muovono guerra ai Cri- 
stiani di Gerusalemme e perdono molte e, 95, 5-10; 
sono vinti da Baldovino III, 96, 10-12; il loro duce 
Dargan è sconfitto da Amalrico re di Gerusalemme, 
97, 15-17 ; il loro re Saladino è sconfitto ad Asca- 
lona da Baldovino IV, 98, 14-16; devastano l'Arme- 
nia, 106, 30-31 ; sono abbattuti da Tamerlano, 121, 



T. XXVI (Tartini, I), p. 1 — 16. 



230 



INDICE ALFABETICO 



[Egiziani- iZnrico] 



2; uno di essi, pseudo profeta, tenta ingannare il 
pop. giudeo ed è fatto uccidere da Felice, 13, 17-21. 

Egiziani (capo degli) v. Dargan. 

EGYPTII v. Egiziani. 

Egyptus v. Egitto. 

Egysippus v. Egesippo. 

Elagabalo (Dio) (tempio di) [Heliogaholi templum]; ne 
è sacerdote Vario Avito Bassiano Elagabalo, 25, 17; 
e edificato in Roma, 22. 

Elagabalo (Vario Avito Bassiano Marco Aurelio 
Antonino) (imperatore) [Marcus Aurclius Antoni- 
mi s] presunto figlio di Caracalla e sacerdote d. tem- 
pio d. .Sole, conduce vita licenziosissima, 25, 16-18; 
è ucciso con la madre in Roma durante un tumulto 
militare, 27-28; rie, 15. 

Elea [Ilelia]; Costantino vi convoca un concilio per de- 
cidere d. controversia sorta fra Atanasio, vesc. di 
Alessandria, e gli Ariani, 34, 15-17. 

Electores v. Impero {elettori dell'). 

Elena (Sant') [Helena, mater Costantini} madre di Co- 
stantino, in seguito a visioni divine, trova presso 
Gerusalemme il sacro legno, 33, 22-25 : dal suo nome 
è chiamata Elenopoli la e. di Drepano in Bitinia, 
38-40; rie, 31, 36. 

Elenopoli [Hclenopolis]\ cosi Costantino chiama Dre- 
pano di Bitinia, in onore d. propria madre, 33, 38-40 

" [Eleonora di Borgogna moglie di Federico III im- 
peratore] [la Imferadrice] sorella di Alfonso V 
di Portogallo; sbarca a Talamone diretta a Roma 
per sposarvi Federico III d'Absburgo (an. 1451), 
lo-, 6-9; sbarca a Porto Pisano e va a Pisa decisa 
a proseguire per terra perchè il mare le fa male 
(an. 1452), 163, 23-24; manda un amb. a Firenze a 
chiedere all' imp. che le consenta di venirvi anch'ella, 
ma egli non consente, 25-27 ; il com. di Firenze le 
manda quattro amb. per farle scorta nel territorio 
fiorentino; essi vanno con lei da Pisa a Val d'Elsa 
verso Siena, 28-30 ; va a Napoli con l' imp. e torna per 
mare, 36-37 „. 

Eleuterio (sant') (papa) [Eleuferius] rie, 22, 34; 23, 7. 

Elia Capitolina [Hclya]: con questo nome Adriano ri- 
costruisce Gerusalemme, 20, 24. 

Eliano (Lucio) [Elianus] usurpatore nella Gallia; va 
contro di lui Massimiano per ordine di Diocleziano, 
30, 6-8. 

Elio Donato [Donatus] grammatico, precettore di San 
Gerolamo, 37, 37-38. 

Ellesponto [Hellespontus] rie, 92, 24-25. 

Elmo (Sant') [Sant'Ermo] v. Napoli (caste/ Sant'Elmo). 

"Elsa (fiume) [Elsa jluvius] rir., 136, 31 „. 

Emanuele [Manuello] v. Appiano (d') E. 

Emaus v. Emmaus. 

Emesa (vescovo) [episcopus emesenus] v. Eusebio. 

Emilia [Emilia, ager etnilianus, togata Gallia] ; vi piove 
sangue, 93, 29-30 ; Ezzelino ed Alberico da Romano 
vi esercitano crudeltà, 105, 13-17; rie, 88, 39; " 136, 
35 „ ; v. anche Italia settentrionale. 

Emiliano I (Marco Emilio) (imperatore) [Emilianus] 
regna per tre mesi, 27, 36-37. 

Emilianus ager v. Emilia. 

Emmaus [Emaus] e. d. Palestina, fu poi chiamata Ni- 
copoli, 25, 23-24. 

" Empoli [Empolium castellimi]: vi sono incarcerati cento 



cav. senesi sfuggiti ai Fiorentini e poi ripresi (an. 
1432), 136, 32-33 „. 

Enea [Aeneas] primo re d. Latini, 7, 17. 

Enea Silvio Piccolomini v. Piccolomini Enea Silvio. 

Enomao [Ccnoniaus\ filosofo rie, 19, 21. 

Enrico (duca di Svevia) [Henricus] figlio di Federico II, 
è imprigionato dal p. per sospetto ch'egli volesse 
impadronirsi d. potere, 102, 33-34. 

Enrico II (il Santo) (imperatore) [Henricus II, Hen- 
ricus]; da lui in poi si stabilisce che l'imp. debba es- 
sere non ereditario ma elettivo, 87, 22; vince Ar- 
duino, march. d'Ivrea, 29-30; è incoronato, 88, 5; 
designa come successore Corrado il Salico, 18-19; 
rie, 87, 21; 88, 18-19. 

Enrico Iti (il Nero) (imperatore) [Henricus IH] re- 
catosi in Roma per sedare le fazioni colà sorte, vi 
è incoronato, 89, 26-28; f lasciando il figlio ancora 
bambino, 90, 15; rie, 89, 8; 90, 14. 

Enrico IV (di Franconia) (imperatore) [Henricus II II, 
Henricus imperator] figlio dell' imp. Enrico III, ri- 
masto orfano bambino, regna sotto la tutela d. ma- 
dre, 90, 15-16; si intromette per la cessazione d. 
scisma fra pp. Alessandro III e Ghiberto antipp., 91, 
1-3; spogliato da Gregorio VII d. dignità impe- 
riale, viene ad accordi col pp. a Canossa e riassume 
l'imp., 24-30; assedia Firenze, 33; combatte il pp. 
e, occupata Roma, lo assedia in Castel Sant'Angelo, 
finche i Gregoriani, con l'aiuto di Roberto Guiscardo, 
riescono a cacciarlo, 40-44; assedia di nuovo Firenze 
per la sua fedeltà al pontefice, 92, 6-7 ; gli f a Fi- 
renze il figlio Corrado, 93, 1-2 ; fattosi incoronare 
da pp. Pasquale II, poco dopo lo fa imprigionare con 
cardinali (Palmieri), 3-6; è imprigionato dal figlio 
Enrico V e così lasciato morire, 15-17 ; rie, 90, 13. 

Enrico V (di Franconia) (imperatore) [Henricus V, 
Henricus] figlio di Enrico IV, imprigiona il p. e 
così lo fa morire, 93, 15-17; accolto con sommo 
onore in Roma, fa prigione pp. Pasquale II e i car- 
dinali e ne confisca i beni, 21-26; tornato in Italia 
e recatosi a Roma si fa incoronare dall'arciv. Mauri- 
zio di Bourdain, suo partigiano, antipp. col nome 
di Gregorio VIII, contro il volere d. cardinali e col 
favore d. popolo, 35-39; continua a perseguitare in 
Italia il pp. Gelasio II e quelli d. sua parte, 43-94, 
1 ; fa pace con pp. Calisto II e torna in Germania, 
9-10; rie, 93, 14, 40. 

Enrico VI (di Svevia) (imperatore) [Henricus VI, Hen- 
ricus] è incoronato da Celestino III in Roma, 99, 
30-32; entra in possesso d. regno di Sicilia, 42; manda 
un esercito in aiuto d. Crociati, ma, f lui a Palermo, 
l'esercito retrocede, 100, 7-11; rie, 99, 16; 100, 16. 
Enrico VII (di Lussemburgo) (imperatore) [Henri- 
cus VII, Henricus] è incoronato in Milano, 110,45; 
presa indecorosamente la corona a Roma in Late- 
rano, muove contro Firenze e s'accampa a San Salvi, 
111, 5-8; arruolate nuove milizie a Pisa evenuto a 
patti coi Genovesi e con Federico II d'Aragona, si 
apparecchia a muovere contro re Roberto, quando, 
ammalatosi, f a Buonconvento, 9-13; rie, 110, 34- 
35, 42. 

Enrico (di Fiandra) (imperatore latino d'Oriente) 
[Henricus] succede a Baldovino I, 100, 39-40; rie, 
85, 45. 



[Enrico I-Eudossia] 



INDICE ALFABETICO 



231 



Enrico I (01 Borgogna) (re di Frangia) [Henricus], 
figlio di Roberto II il Santo, tiene per trentanni il 
trono, 88, 31-32-, si associa il figlio Filippo, 90 29-31. 

[Enrico II (Plantag-snsto) (re d' Inghilterra)] [rex 
Anglorum], aiuta Alessandro III contro gli antipapi 
e Federico Barbarossa, 96, 39-42. 

Enrico I (r.' Uccellatore) (re yi Germania) [ffenricus] 
secondo Palmieri imp. d'Occidente, 82, 31 ; rie, 83, 22- 

EPHESINA sinodus v. Efeso (Conci/io) ecc. 

EPHBSUS V. Efeso. 

Epifanio (Sant') (vescovo di Pavia) [Epifanius] inter- 
cede pr. Giulio Nepote per l'alleanza con Enrico, 
re d. Visigoti, 51, 11-13. 

Epifanio (vescovo di Salami va ui Cipro) [Epyphanins\ 
p. d. Ch scrive contro gli eretici, 43, 35-37. 

Epyphanius v. Epifanio. 

" Era v. Pontedera „. 

Eracla [ fferacleas] vesc. di Alessandria, 26, 2-3. 

Eraclea | fferaclea | rie, 29, io. 

Eracle ine (imperatore) [ fferacleonas] regna con la 
madre Martina, 64, 8-9; 10-11; è mandato in esilio 
con la madre, 14-15. 

Eraclio [Heraclius], fratello dell' imp. d'Oriente, Co- 
stantino IV Pogonato, è da costui associato nel go- 
verno, 66, 3-4. 

Eraclio (imperatore) [HeracUus patritius, Heraclius] 
uccide l'imp. Foca, 62, 3; occupa il trono d'oriente col 
figlio Costantino III, 4-6; vinti i Persiani, riscatta il 
patriarca Zaccaria e riconduce in Gerusalemme il Sa- 
cro legno. 41-63, 2; che fa poi trasportare a Costan- 
tinopoli in occasione della guerra combattuta in 
Siria contro i Maomettani, 8-10; a lui si ribellano 
gli Arabi, 33; f di idropisia, 64, 1-2; rie, 4-16. 

Ercolano (Sant') [Herculanus] vesc. di Perugia, è de- 
capitato dai Goti, 57, 15-16. 

" [Ercole I d' Este] [Ferrariensis dominus, Ferrariensium 
dominus] succede al p. Borso (an. 1473), 191, 24-25: 
fidanzato con Leonora d'Aragona (an. 1472), 192, 
12-14; la sposa poi in Ferrara (an. 1473), 18-20; è 
in lotta con Bologna, 21-22 „. 

Erculio [Herculeus] v. Massimiano Aurelio Valerio Er- 
culto Marco. 

Eresie [heresis, impietas, diabolica pravilas] v. Acefali 
{eresia degli), Apollinare (eresia di), Arianesimo, Au- 
diana (eresia), Donatisti (eresia degli), Eunomiana 
(eresia), Eutichianismo, Fraticelli (eresia dei), Mace- 
doniana (eresia), Manichei (eresia dei), Xestoriana (ere- 
sia), Pelagianismo, Priscilliana (eresia), Simon Mago 
(eresia di). 

"Ermanno Augiense (vulgo Contratto) cronista, 
rie, III, 7 „. 

" Ermes Trimegisto [Ermestri megisto] profeta rie. nella 
processione d. 22 giugno 14S4 in Firenze, 173, 6-7 „. 

" Ermini v. Armeni „. 

" Ermo (Sant') v. Elmo (Sani 9 ) „. 

Ermogene I ffermogencs] è ucciso per aver tentato, dietro 
ordine di Costanzo, di cacciare il vesc. Paolo da 
Costantinopoli, 35, 29-32. 

Erode (il Grande) [Heroles, Erode], saputa la nascita 
di Cristo, ordina la strage di tutti i bambini di 
Betlemme, 8, 13-14; f di schifoso morbo, 23-24; rie, 
8, 25; 9, 37; 10, 33; " rie. nella processione d. 22 giu- 
gno 1454, 173, 25 „. 



Erode Agrippa I [Agrippa] figlio di Aristobulo, nipote 
d'Erode il Grande, fratello di Erode di Calcide, 
nipote di Erode Antipa, f secondo Giuseppe Flavio, 
per divino giudizio, improvvisamente nel terzo anno 
dell' imp. di Claudio, 10, 33-37; è imprigionato per 
aver pubblicamente augurata la f a Tiberio, 39-42; è 
liberato e fatto re d. Giudei da Caligola, 11, 12; 
venuto a Roma, riesce a far mandare in esilio Erode 
Antipa e a impadronirsi d. tetrarchia, 16-19; f, 12, 
7-8; rie, 9, 16; 13, 28-29. 

Erode Antipa [ fferodes, Iferodes tetrarcha, fferodes rex, 
Iferodes qui decollavit fohannem] figlio di Erode il 
Grande, governa la Giudea, 8, 44-45; fonda Tiberiade 
in Galilea, 9, 30; ordina che san Giovanni Battista 
sia decapitato, 36-37 ; fa decapitare Giacomo fratello 
di san Giovanni Evangelista, 10, 26-27; fa impri- 
gionare l'apostolo Pietro, 28-29; secondo san Luca 
è tocco da un angelo mentre con regia maestà sta 
parlando al pop. e tosto f corroso dai vermi, 30-32; 
zio di Erode Agrippa I, 35-36; è accusato da Agrippa, 
39; venuto a Roma a chiedere a Caligola il regno 
d. Giudea, per trame di Erode Agrippa, è mandato 
in esilio, 1 1, 16-19. 

Erode di Calcide [fferodes qui regnabat in Calcide] re 
di Calcide e fratello di Erode Agrippa I, 10, 34-35; 
f e gli succede il nipote Agrhjpa II, 12, 15-17. 

Erodiade [ Heroliades] per consiglio d. madre, chiede a 
Erode Antipa il capo di Giovanni Battista, 9, 37-38. 

Eruli [Heluri, iferuli] invadono coi Turcilingi l'Italia, 
capitanati da Odoacre, 51, 22-23; sono distrutti da 
Tato, re d. Langobardi, che ne uccide anche il 
re Rodolfo, 53, 7-9. 

— (re degli) [Herulorum rex] v. Rodolfo, re degli Eruli. 
Esarcato ed Esarchi [Exarcus] v. Italia (Esarchi). 
"Esecutori di giustizia [prctores urbani] v. Firenze 

(esecutori di giustizia) „. 

Este (d') [Ferrariensis dominus, Ferrarle dominus, Fer- 
rariensium dux] v. Eorso d , E., Ercole d , E., Leonello 
d'E. Niccolò d'E., Taddeo d'E. 

" [Estontville (d') Guglielmo] [cardinale andagavensc\ 
rie, 165, 23 „. 

[" Esztergorm (vescovo di)] [cardinale strigoncnsé] v. 
Szech Dionigi „. 

Ethicorum libri v. Etica di Aristotele. 

Etica di Aristotele [Aristotelis Ethicorum libri] v. Ari- 
stotele [Etica di]. 

[Etiopi (Giacobiti)] v. indi. 

Etruria [ffetruria] rie, 57, 13; 59, 6; v. anche Toscana. 

Eubea [Euboia] " è assalita dai Turchi (an. 1470), 190, 
10 „; rie, 115, 39. 

Euboia v. Eubea. 

Euboicus NicoLAUs v. Segundino Niccolò. 

" Euboicus sinus v. Euripo golfo (di) „. 

Eucherio [Eucherius] figlio di Stilicone, è ucciso col p. 
per ordine di Onorio, 44, 26-28 ; " XVI, 29 „• 

Eude v. Oddone conte di Parigi. 

Eudossia [Eudoxia, ftlia Tkeodosii] figlia di Teodosio, 
va sposa a Valentiniano III, 47, 31-32; rimasta ve- 
dova e costretta con la violenza a sposare Petronio 
Massimo, chiama i Vandali in Italia, 49, 34-41. 

— (figlia di) [Valentiniani imperatoris captiva filia] 
prigioniera di Trasamundo ha da lui il figlio Ilde- 
rico, 56, 20-22. 



232 



INDICE ALFABETICO 



[Eudossio-Eusebio] 



Eudossio [Eudosius] vesc. ariano, battezza Valente, 39, 
23-2«. 

Eufrate di Tiro [Eufrate*] .filosofo rie, 17, 19-20. 

Eugenio [Eugenius] con l'aiuto di Arbogasto usurpa 
l'imp. in Gallia, 42, 41-42; è vinto e ucciso da 
Teodosio, 43, 7-8; rie, 5. 

Eugenio I (Sant') (papa) [Eugenius] rie, 65, 3. 

Eugenio II (papa) [Eugenius II] rie, 76, io. 

Eugenio III (papa) [Eugenius III] rie, 95, 25. 

Eugenio IV (papa) (Conuulmer Gabriele) [Eugenius 
ponttfex, Eugenius IIII, ponti/ex, Eugenius quartus, 
Eugenius, sumtnus ponti/ex] è el. (an. 1431), 124, 3; 
"133, 33-34; s'accampa in suo favore fra Imola e 
Porli Niccolò da Tolentino (an. 1432), 134, 16; si 
allea con Firenze, 137, 38-39 ; indugia a mandare 
aiuti a Firenze, perchè alcuni partigiani dell' imp. lo 
vanno persuadendo che i Fiorentini hanno suffi- 
ciente forza per opporsi da soli al passaggio di 
Sigismondo, 138, 5-7 ; ma saputo ch'era giunto a 
Siena, temendo che proseguisse per Roma, manda i 
suoi soldati ai confini del territorio senese suppli- 
cando i Fiorentini di fare altrettanto, 10-12; è ri- 
chiesto di ambasciatori da Sigismondo, 23; dopo 
qualche titubanza, manda due cardinali a Siena, 23- 
27 „ ; incorona in Roma Sigismondo di Lussem- 
burgo, 124, 15; "era in Firenze nell'an. 1434, 139, 
13-14; richiesto d'aiuto e di difesa dagli avversari d. 
Medici che avevano congiurato contro la repubblica 
fiorentina, 15-16; li difende e li trattiene per alcuni 
giorni pr. di se, affinchè non siano colpiti da troppo 
grave pena, 16-17; dopo sei mesi di ribellione Roma 
torna in sua soggezione, 140, 31-32; stipendia, con 
contributo d. Veneziani e di Firenze, Francesco 
Sforza il quale è tenuto ad ubbidire a lui solo (an. 
1435), 42-44; il Visconti gli manda ambasciatori per 
trattar d. pace, 141, 14-15; Capponcino Capponi con- 
siglia gli ambasciatori d. Visconti a ucciderlo, 15-17; 
continua la guerra col Visconti, 32; dopo la f di 
Giovanna II intende revocare a sé il dominio di Na- 
poli, 43-44 ; viene a pace col Visconti, segnata in 
Firenze il 9 agosto 1435, per la quale riottiene tutte 
le terre che gli erano state prese, 44-142, 2; torna 
in sua soggezione Bologna, 25-26; è invitato a Bo- 
logna da Antonio Bentivoglio e da un tal Zambec- 
cari che avevano congiurato di consegnarlo con Bo- 
logna al Visconti, ma, scopertasi la trama, desiste 
da tale viaggio, 27-29 „; consacra solennemente il 
Duomo di Firenze, 124, 28-31; " si reca a Bologna il 
18 aprile e vi dimora tutto l'anno (an. 1436), 142, 
39-40; manda le sue truppe in Campania, 43; tenta 
di far uccidere Francesco Sforza coli' Intento di riot- 
tenere le e d. Marca che aveva a lui donate, 143, 
2-3; i suoi stati si danno a Niccolò Piccinino che li 
aveva invasi (an. 1438), 144, 14-16; passato da Bo- 
logna a Ferrara, stabilisce di tornare a Firenze a 
cui manda prima un amb. per comporre le cose (an. 
1439), 37-39; si recano da lui a Ferrara per ricom- 
porre l'unità d. Ch. Giovanni VIII Paleologo imp. 
e Giuseppe patriarca di Costantinopoli, con più di 
seicento fra i più nobili d. Greci, 40-42; stabilisce 
di recarsi a Firenze con essi, 43 „ ; è deposto dai car- 
dinali d. concilio di Basilea (Palmieri dice sempre 
dal concilio), 124, 37-38; " 146, 13-17; entra solenne- 



mente in Firenze il 27 gennaio, 144, 45-145, l : stringe 
alleanza il 15 marzo con Firenze, lo Sforza, i Ve- 
neziani, Niccolò III d' Este, Guidantonio Manfredi 
e Pandolfo Malatesta, 7-9 „ ; presiede il concilio di 
Firenze, 124, 40-44; " 145, 31-40; 146. 31-35-, pub- 
blica diciassette nuovi cardinali, fra cui l'arciv. di 
Kiew e quello di Nicea (an. 1440), 36-39; Perugia 
gli torna fedele, 149, 36-37; minaccia di guerra 
Siena ove essa non gli paghi So 000 fiorini o non 
espella il vesc. di Corneto 11 quale s'era colà rifu- 
giato col tesoro d. card. Giovanni Vitellesdii che, 
secondo Eugenio, spettava alla Ch., 150, 2-3; manda 
perciò l'esercito nel Senese, con qualche vantaggio, 
ma poi riceve ambasciatori da Siena e viene ad 
accordi, 3-6; cede Borgo San Sepolcro a Firenze, 
ricevendone 23000 ducati (an. 1441), H-15; Fran- 
cesco Sforza pronuncia l'arbitrato fra lui, la lega e 
il Visconti, 29-30; stringe alleanza con lo Sforza e 
poco dopo, rompendo questa, ne stringe un'altra col 
Piccinino (an. 1442), 34-35 „; rioccupa la Marca Bassa 
già da lui concessa allo Sforza, 126, 5-7 ; " stabilisce 
segreti accordi con Renato d'Angiò in Firenze, 37- 
38; vuol andare contro lo Sforza, ma, dissuaso dal 
com. di Firenze, dai Veneziani e da molti d. Curia 
Romana, si ferma ancora alquanto, 42-151,3; parte 
alla volta di Siena, 151, 3; chiama nella Marca con- 
tro lo Sforza Alfonso V d'Aragona (an. 1443), 4 " 5 ? 
f a Roma (an. 1447), 153, 45 „ ; 126, 16; rie, " 137, 
38, 41; 138, 4; 139, 14; 141, 33; 143, 1, 35; 148, 
40, 43; 150, 31; 151, 27 „. 
— " (esercito di) [exercittis, copia pontifici*, exercitus, 
pontificis]; il condottiero Niccolò Fortebraccio tenta 
riconquistare al pp. Città di Castello (an. 1432), 
137, 45-138, 3; l'esercito pontificio si prepara a com- 
battere in Romagna contro il Visconti (an. 1435), 
141, 36-37; è guidato da Francesco Sforza, 37-38; in- 
dugia a venire a b. con le milizie viscontee, 38-39; 
duemila cavalli vanno in aiuto di Firenze (an. 1440), 
148, 40; l'esercito pontificio va nel Senese e vi ri- 
porta buoni risultati, 150, 5-6; con Alfonso V d'Ara- 
gona mette in fuga lo Sforza fino a Rimini (an. 1443), 
151, 4-6; per l'accordo fra Alessandro Sforza che 
occupava Pesaro e il fratello Francesco, teme di 
perdere quella e. (an. 1446), 153, 12-14; accampato 
fra Pesaro e Cattolica, riceve da Francesco Sforza la 
sfida di b., 15-16. 

— — " (capitano dell') [dux exercitus pontificia] v. Vi- 
telleschi Giovanni „. 

— (legato di) [Pontifici* legatus] v. Diana (di) Ga- 
spare, Scarampi Lodovico patriarca (PAqui/eia, Vi- 
telleschi Giovanni. 

Eumonia v. Eunomia. 

Eunomia (Eumonia] vergine cristiana, eloquentissima, 
rie, 34, 42. 

Eunomiana eresia [Eunomiana heresis] sorge a Costan- 
tinopoli, 40, 17-18. 

" Euripo (golfo) [Euboicus sinus] rie, 190, 9 „. 

Europa è invasa dagli Slavi e dai Turchi, 122, 33-34. 

[Euse Giacomo (di)] v. Giovanni XXII. 

Eusebio (sant') (papa) [Eusebius] rie, 31, 30. 

Eusebio (vescovo di Em^sa) [Eusebius] capo d. setta 
Ariana, scrittore, 36, 26-27. 

Eusebio (vescovo di Laodicea) [Eusebius] rie, 29, 6. 



I Eusebio-Federico III] 



INDICE ALFABETICO 



233 



Eusebio (vescovo dt Nicomedta) [ Eiisebiu<s] battezza Co- 
stantino T, 35, 1-2. 

Eusebio Pamfii.o [Euscbius] vesc. di Cesarea di Pale- 
stina, storico, "in. 5„; 9, 15-16; 36, 23-25. 

Eusebio vercellese (sant') [Eusebius] vesc. di Vercelli, 
t, 40, 1-2. 

Eustachio o Eustazio [Bnstachius] prete costantinopo- 
litano, rie. 34, 44-45. 

Euthitius v. Eutizio. 

Eutianus v. Entichiano. 

Eutiche [Eutices] fonda 1' Eutichianismo ed è condan- 
nato da san Flaviano, vesc. di Costantinopoli, 48, 
25-27; è assolto nel conciliabolo di Efeso, 28-32; è 
condannato nel Concilio di Calcedonia, 49, 20-24. 

— (eresia di) [Euticiana heresis] sorge in Costantino- 
poli, 48, 25. 

Eutichianismo [Euticiana heresis] V. Eutiche {eresia di). 

Eutichiano (sant') [Eutianus] pp., 29, 29-30. 

Euticiana heresis v. Eutichianismo. 

Eutizio [Euthitius] succede a Paolo nell'esarcato e come 
lui va contro il Pontefice, 69, 35-36. 

Eutropio (console romano) [Eutropius eunuchus] è uc- 
ciso, 43, 25-26. 

Eutropio (prete) [Eutropius presbiteri storico, "fonte 
d. Sozomeno, Xrv, 9„; rie, 40, 43-44. 

Euxinus Pontus v. Ponto Eusino. 

" Eva [.£#«] rie. nella processione di san Giovanni del 
22 giugno 1454 in Firenze, 173, 2 .,. 

Evagrio lo scolastico [Evagrius] monaco eruditissimo 
in gran fama fra gli Egiziani, 43, 19-21. 

Evangeli [evangelium, evangelia] sono messi in versi 
da Giovenco, 34, 8-10; v. anche Giovanni Evangeli- 
sta (san), Luca (san), Marco (san), Matteo (san). 

Evaristo (sant') (papa) [Evaristus] rie, 18. 3 ; " XX, 11 „. 

Exercitus v. Alfonso V (milizie), Eugenio TV (milizie), Fer- 
dinando T (milizie), Firenze (milizie), Sforza Francesco 
(milizie), Sforza Galeazzo (milizie), Veneziani (milizie). 

Ezio [Aetius comes, Aetius, Aetius patrictus] riacquista la 
parte d. Gallia lungo il Reno, 46, 40-41; è vinto da 
Bonifacio, 47, 10-12; è ucciso per ordine di Valen- 
tiniano 49, 30-32. 

Ezzelino III da Romano [Azolinus] crudelisssimo ti- 
ranno di Verona, è ucciso, 105, 13-17. 

Fabiano (San) (papa) [Favianus] mart., 27, 17-18; rie, 
26, 27-28. 

" Faenza [Faventia, Faventina urbs] ; vi sono mandati 
prigionieri Gregorio d'Anghiari e Domenico Sapizzi 
(an. 1440), 147,5; nemica d. lega fra Firenze, Mi- 
lano e Napoli (an. 1467), 186, 35-36; rie, 37 „. 

— (da) Astorre v. Manfredi Astorre li da Faenza. 

— "(dintorni di) [circa /nenia faventine urbis]; vi si ac- 
campano le milizie d. Veneziani (an. 1467) 186,38-39„. 

— (signori di) [F'aventie dominus, Faventinus dominus] 
V. Manfredi Astorre II, Manfredi Guidantonio. 

— "(territorio) [ager faventinus] : vi si accampano le 
milizie d. collegati (an. 1467), 186, 5: è corso dalle 
milizie d. lega, 11-12 „. 

Falcucci Niccolò [ÌViccolns medie us], medico insigne f 
a Firenze, 122, 7-9; rie. " Xr, 17„; 120, 2-3. 

Faliero Marino [Marinus Falieranus] doge di Venezia, 
avendo cercato di usurpare la signoria d. e, è de- 
capitato, 1 16, 24-27. 



Fames v. Carestie. 

" Fanensis ager v. Fano (territorio) „. 

" Fani Niccolò [JVicolaus Fanius] si arma contro la parte 
reggente a Firenze (36 settembre 1434), 139, 1 „. 

" Fani Simone [Simon Fanius] si arma contro la parte 
reggente a Firenze (an. 1434), 139, l „. 

"Fano rie, 191, 40 „. 
— "(territorio di) [fanensis ager] rie, 188, 43 „. 

Fausta (Flavia Massimiana) [Fausta] m. di Costanti- 
no I, è da lui uccisa, 33, 41-42. 

Faventia v. Faenza. 

" Faventine urbis (circa mignia) v. Faenza (dintorni). 

" Faventinus dominus v. Faenza (signori di) „. 

Favianus v. Fabiano e Flaviano. 

Favorino di Arles [Favorinus] retore rie, 20, 6. 

Federico I (Barbarossa) (imperatore) [Fedcricus I, im- 
perator, Federicus] h incoronato in Roma da Adria- 
no IV, 96, 25-26; suscita quattro antipapi contro pp. 
Alessandro III, ma poi, osteggiato dal re di Francia 
e dal re d'Inghilterra, pon fine alla lotta, 35-42; è 
favorito dai Pavesi, 97, 2; dopo sette anni di assedio 
prende e devasta Milano, "X, 25 „; 4-6; durante 
l'assedio di Roma il suo esercito è colpito da pe- 
stilenza, 18-19; manda una flotta con a capo il figlio 
Ottone a chiedere ai Veneziani il pp. che essi ave- 
vano accolto fuggitivo, 41-98, 1 ; fa pace col ponte- 
fice, 4-6; priva tutte le e di Toscana all' infuori di 
Pistoia, d. giurisdizione sul contado, 34-35; col pp., 
con Filippo II Augusto e con Riccardo Cuor di 
Leone prepara la terza crociata, 99, 7-11 ; f improv- 
visamente mentre sta bagnandosi in un f. quando 
era ormai sul punto d'occupare la Siria, 14-17; rie, 
96, 14; 98, 4. 

Federico II (di Svevia) (imperatore) [Federicus II, 
Federicus, Federicus imperator] perseguita pp. Ono- 
rio III, sebbene da lui consacrato imp. ed usurpa 
i beni d. Ch., 102, 1-4; continua la lotta con Gre- 
gorio IX, 28-29; imprigiona per sospetto il proprio 
figlio Enrico, 33-34: mosso alla volta di Siria, viene 
a patti con Almakil, sultano d'Egitto, e col con- 
senso di costui entra in Gerusalemme e vi prende 
la corona, 36-40; conduce in Italia un elefante, 41; 
saccheggia Milano e s'impadronisce dell' Italia set- 
tentrionale eccetto Bologna e Parma, 103, 2-4; è 
condannato e spogliato d. potere imperiale da In- 
nocenzo IV nel concilio di Lione, 28-32; lui depo- 
sto, l'imp. resta vacante, 34; dopo aver seminato 
discordie in tutta Italia e specialmente in Toscana, 
f scomunicato nel castello di Fiorentino pr. Lucerà 
nelle Puglie, 104, 8-14; rie, 100, 3; 101, 8; 104, 15, 
17, 22; 106, 4. 

" Federico III (d'Absburgo) (imperatore) [Pimperadore, 
Federigo imperatore, lo 'mperadore] chiede salva- 
condotti per passare in Italia a prendervi la corona 
e partecipare al giubileo, e, avendo assicurato di 
venire con intenzioni pacifiche, l'ottiene da Firenze 
per un anno (an. 1451), 161, 41-44; non avendo po- 
tuto venire in Italia, se ne scusa coi Fiorentini a 
cui manda a chiedere nuovo salvacondotto che gli è 
concesso, 162, 1-4; deve raggiungerlo a Roma Eleo- 
nora di Portogallo per le nozze, 8-9; i suoi amba- 
sciatori ne preannunciano l'arrivo a Ferrara, Fi- 
renze e Roma, determinando l' itinerario che sarà 






234 



INDICE ALFABETICO 



[Federico li-Ferdinando I| 



da lui tenuto, e pregando di preparare le vettova- 
glie e gli alloggiamenti necessari e di eleggere gli 
ambasciatori che dovevano accompagnarlo a Roma, 
10-17; parte dalla Scarperia accompagnato dagli am- 
basciatori fiorentini Bernardo Giugni, Carlo Pan- 
dolfini e Otto Niccolini; e gli sono mandati a in- 
contrarlo altri venti ambasciatori da Firenze, 42-44; lo 
vanno ad incontrare e lo accompagnano fino al conv. 
di Santa Maria Novella, ove prende alloggio, 163, 3-5; 
accolto sulla porta San Gallo dai priori è preso alla 
briglia dal gonfaloniere Mariotto Benvenuti e pro- 
segue quindi per Santa Maria del Fiore donde, pas- 
sando pel canto de' Guidalotti e per porta Santa Ma- 
ria arriva al conv. di Santa Maria Novella ove tutto 
era apprestato a riceverlo magnificamente e dove 
riceve il i° di febbraio la visita della Signoria e di 
molti cittadini (an. 1453), 10-16; ascolta in Santa Ma- 
ria del Fiore la messa cantata dall'arciv. e fa poscia 
cav. Orlando de' Medici, Alessandro degli Alessan- 
dri, Carlo Pandolfini e un figlio d. pod. Cincinello 
Boffilo da Napoli, 17-20; non vuole che l'Imperatrice 
lo raggiunga a Firenze, per non procurare troppe 
spese a questa e., 22-27 ; parte da Firenze con grandi 
onori mostrando nutrire per essa sentimenti di be- 
nevolenza, 31-32; fermatosi alcuni giorni a Siena, 
va a Roma ove è incoronato da Niccolò V la dome- 
nica 19 marzo, 33-35; con l'Imperatrice va a Napoli 
a visitare Alfonso V ed è accolto con onore, 36-37: 
mandata l' imperatrice per mare, torna a Roma, e, 
venuto a Siena conducendo seco Ladislao V il Po- 
stumo, re d' Ungheria, manda a chiedere il salva- 
condotto a Firenze e, ottenutolo, vi entra il 5 mag- 
gio e alloggia in Santa Maria Novella, 37-40; non 
dà udienza agli ambasciatori ungheresi venuti per 
chiedere Ladislao, per cui è da essi seguito, 41-43: 
anticipa la sua partenza, e se ne va senza alcuna 
solennità con trenta cav. e il re Ladislao, passando 
pel canto alla Paglia e per porta San Gallo, diretto 
verso Scarperia, 44-164, 2; durante il suo soggiorno 
in Firenze si mostra avaro, destando cattiva Opinione 
di sé, 3-8; ritiene come prigioniero il nipote Ladi- 
slao di Ungheria, 166, 31-32; al suo ritorno dall'Ita- 
lia gli Ungheresi, armata mano, glielo tolgono e lo 
pongono sul trono, 36-38 ; annuncia a Firenze e alle 
altre Signorie italiane certi progetti di difesa contro 
il Turco fissati in una dieta da lui indetta, invitan- 
dole a far conoscere i loro pareri in una dieta che 
egli indirà (an. 1454), 174, 27-33; entra in lotta con 
gli Ungheresi (an. 1459), 180, 14; attraversandola 
Romagna si reca a Roma (an. 1468), 188, 20-21; poi 
passando per Loreto e Venezia, torna in patria 
(an. 1469), 21-22; agli ambasciatori milanesi chie- 
denti per Galeazzo Maria Sforza titoli d. duca, ri- 
sponde che il duca deve chiederli dopo aver abban- 
donato il ducato, 22-23 ; stringe alleanza con Venezia 
e con pp. Paolo II, 24-25; rie, 162, 25; 163, 21; 166, 
30, 34, 37 „. 

(Federico II (d'Aragona)] (re di Sicilia) [Aragonen- 
sium re.x] è confermato re di Sardegna da Clemen- 
te V, 110, 25-26; stabilisce patti con Enrico VII di 
Lussemburgo, 111, 10-11. 

[Federico d'Antiochia] [princeps Antiochìae] rie, 107, 
15-17. 



Federico d'Austria [Federicus] lotta col competitore 
Lodovico il Bavaro ed è superato, 111, 15-19. 

Federico d'Ukhtno v. Montefeltro ('fa) Federico II /lotto 
ti' Urbino. 

Felice | Felix] è mandato da Claudio a reggere la Giu- 
dea, 12, 10-12; 13. 11; davanti a lui compare, a di- 
fendersi da accuse fattegli, l'apostolo Pietro, 11-13: 
opprime col suo esercito i tentativi di un falso pro- 
feta egiziano, 17-21 ; gli succede Porcio Festo nel 
governo d. Giudea, 27. 

Felice I (san) (papa) [FeUii] rie, 29, 19. 

Felice II (san) (papa) [Felix] è el. dagli Ariani durante 
l'esilio di Liberio ed è deposto dopo un anno pel 
ritorno di L ; berio stesso, 36, 37-39 (omesso dal Pal- 
mieri nell'elenco d. papi). 

Felice III (s,\n) (papa) [Felix ir] rie, 5?, 36. 

Felice IV (san) (papa) [Felix III] rie, 55, 6. 

Felice V (antipapa) (Amedeo VIU di Savoia) [Amaedus 
Sebaudiae dux, Felix HIT, il duca di Savoia] è el. vesc. 
di Vercelli e poi pp. col nome di Felice V (ma IV se- 
condo Palmieri) dal concilio (cosi si esprime il Pal- 
mieri) di Basilea (an. 1440), 124, 37-39; " 146, 13-17 ,.. 

FeLICIS (edes) v. Firenze (chiesa di San Felice). 

Fenestella (Lucio) [Fenestella] poeta e storico f, 9, 17. 

Fenici [Phenices] rie, 94, 20. 

Fenomeni celesti (ottici, astronomici, soprannatu- 
rali ecc.) (soles tres), 13, 1; 97, 23-26 (signa varia), 
49, 5 (igneae arie*), 58, 33-37 (igni* in ccelo), 66, 8-9 
(sol sanguinerà emanans), 83, 25-26 (ignis immensus), 
94, 12-14, 29 (tres lunae). Ili, 20 (io-neus vapor), 115, 
8-10 (caelestis fiamma. ... murmitre magno), 116, 7-10 
" (cerchio e nel mezzo una croce gialla e una luna rossa) 
(an. 1454), 174, 36-38; fiamma per aria (an. 1456), 
176, 19-23 „; v. anche Comete, fenomeni meteorologici, 
prodigi e miracoli, ecclissi ecc. 

Fenomeni meteorologici [imber, turbo, gr andò, pluvia, 
bolis, lapidei] a Roma e in Italia. 58, 33-37 ; 60, 8-13, 
22; in Gallia, 76, 13-17; 83, 34-35: "a Firenze e in 
Toscana (an. 1456), 176, 42-177. li; XXXII, 29-35,,: 
rie, 93, 29-30; 94, 13-14; 95, 12-16: 100, 5-6; 110, 41; 
v. anche Firenze (fenomeni meteorologici), Roma (feno- 
meni meteorologici). 

" Ferando v. Ferdinando „. 

Ferando (re) ». Ferdinando I d* Aragona. 

Ferdinando II (re pi Leon) [Fernandus] succede al fra- 
tello Sancio III di Castiglia e f combattendo contro 
gli infedeli in Oriente, 96, 17-19. 

"Ferdinando I (d'Aragona) (re di Napoli) [don Fer- 
rando, duca di Calabria e figliuolo del re di Raona, 
don Ferrando, el re Ferrando, re Ferando, re.x, Fer- 
dinanda Apulie ac Sicilie rex, Ferdinandus Sicilie 
rex] va contro i Fiorentini, passando per Aquila, 
Cittaducale, Rieti, Terni e pel territorio di Todi, e 
domandando quindi il passo ai Perugini, alleati di 
Firenze (an. 1452), 164, 22-25: non avendo ottenute 
vettovaglie da Perugia, si ferma in quel di Todi per 
far fare il pane, e, proseguendo per i territori di Pe- 
rugia, Cortona e Arezzo, entra in Val di Chiana e si 
pone a campo a Foiano, 27-30; con lui sono altri Ara- 
gonesi, ma egli è a capo dell'esercito, 31-33: pare fosse 
a conoscenza d. congiura di Stefano Porcari (an. 
1453), 167, 21; essendo figlio illegittimo di Alfon- 
so V, gli succede nel regno di Napoli e Sicilia, con 



[Ferdinando I-Fiamminghi] 



INDICE ALFABETICO 



235 



malcontento d. pp. (an. 1458), 179, 8-10; deve pagare 
60000 fiorini l'anno alla Ch., 10; sul punto di far 
guerra con Giovanni Antonio Orsini, principe di 
Taranto, è coronato re a nome d. pp. dal card. La- 
tino Orsini (an. 1459), 179, 27-30; suo zio Giovanni IV 
d'Aragona decide di aiutarlo contro Giovanni d'An- 
giò e incita Firenze a fare altrettanto, 180, 37-42: 
manda ambasciatori a Firenze a chiedere aiuto se- 
condo i patti d. lega, 42-44 ; aiutato dal pp. e dallo 
Sforza nella guerra con Giovanni d'Angiò, chiede 
aiuti a Venezia e a Firenze secondo i patti d. lega 
(an. 1460), 181, 5-8; è sconfitto pr. Napoli, 9-10; 
manda un amb. a Firenze a chiedere aiuti, Il- 
la; resta vincitore su Giovanni d'Angiò (an. 1462), 
182, 1; eredita dal suo nemico Giovanni Antonio 
Orsini, principe di Taranto, d. cui f si avvantag- 
gia (an. 1463), 15-17; suo figlio Alfonso sposa Ip- 
polita Sforza (an. 1465), 31-32; fa prigione a Na- 
poli Iacopo Piccinino con un suo figliuoletto e con 
altri, 33-35; manda ad aggredire le navi angioine 
portanti vettovaglie a Ischia e Castel dell' Uovo ; e 
perciò questi due castelli si danno a lui, 39-43; in 
suo favore combatte Paolo II, 183, 1; Antonio Ri- 
dolfi e Giovanni Canigiani gli annunciano essere 
stata ristabilita la quiete in Firenze (an. 1466), 184, 
19-20; stabilisce col pp., i Milanesi e i Fiorentini di 
rinnovare l'antica lega che s'era sciolta con la f d. 
Sforza (an. 1467), 23-27; ricevuti gli ambasciatori 
fiorentini manda i suoi a Firenze per trattare d. lega, 
35; stipula la lega con Galeazzo Sforza e con Firenze, 
185, 3-4; con essi, richieste, entrano in lega Bologna 
e Lucca : Siena si rifiuta, 3-5 ; con gli altri d. lega e 
con Paolo II assolda Federico II di Montefeltro, 17- 
19 ; è abbandonato da Alessandro Sforza perchè non 
lo paga, 31-33; a lui si reca l'amb. fiorentino Anto- 
nio Ridolfi, 39; scrive a Firenze che i Turchi hanno 
invaso 1' Ungheria e presa Croia, 40-41; è abbando- 
nato dal condottiero Astorre Manfredi che passa 
agli stipendi di Venezia, 186, 9-10; all'offerta di 
Paolo II di mandare aiuti risponde con la lega di la- 
sciare a lui di farlo o no, 33-37; i suoi ambasciatori 
recatisi a Roma per trattare d. pace, si oppongono 
ai capitoli fissati da Paolo II (an. 1468), 187, 24-28; 
manda ambasciatori al pp. a dire che accetta la pace 
a patto che vi si facciano opportune modificazioni, 
188, 1-5; dopo aver aiutato Rimini contro il pp. 
(an. 1469), 31-42; manda ambasciatori a Roma per 
fare la pace, 189, l; ma, indugiando il pp., ne trat- 
tano a Firenze, senza nulla conchiudere a cagione 
d. Sforza (an. 1470), 2-7; cerca con Firenze di ri- 
chiamare agli stipendi d. lega Federico di Monte- 
feltro che s'era licenziato, 9-10; richiama a Napoli il 
suo amb. da Firenze, 26-28; e il suo amb. da Milano, 
giudicando sciolta la lega per essere lo Sforza ve- 
nuto meno ai suoi patti, 29-32: a lui Firenze manda 
Ottone Niccolini a chiedere spiegazioni, 32-33: rin- 
nova la lega con Firenze e lo Sforza, 190, 1-2; al- 
l'amb. di Maometto II recante doni e annunciante 
la presa di Negroponte, risponde non potere di 
ciò rallegrarsi come cristiano e amante d. difesa 
dell'Italia: non mandare perciò i suoi ambasciatori 
al Turco come usava fare con gli altri ; e volere in 
avvenire combattere solo per la religione di Cristo 



e per l'Italia, 19-28; già alleato con Firenze e con 
lo Sforza, s'allea ora anche rol pp. e con Venezia 
(an. 1471), 30-37: di lui si lagna Galeazzo Sforza 
con certi fiorentini, 191, 1-3; manda aiuti contro 
Volterra a Firenze (an. T472), 192,4-5: dà la figlia 
Leonora, promessa già a Lodovico il Moro, in isposa 
a Ercole d' Este, e promette la bambina Isabella, sua 
nipote, al giovinetto Gian Galeazzo Maria Sforza, 
11-17; gli è data facoltà di entrare entro due mesi 
nella confederazione stretta in Venezia fra lo Sforza, 
Firenze e Venezia (an. 14.74), 35-36; rie, 179, 38; 
180, 47; 181, 31; 184, 33,44; 185,1,37; 187, 35 „. 
Ferdinando I (d'Aragona rk di Napoli) " (figli di) 
[regis Ferdinandi filia, regis Ferdinand/ filius\ v. 
Alfonso II di Napoli, Leonora d'Aragona „. 

— " (milizie) [exeteitus regius, hosles] capitanate da 
Orso degli Orsini si accampano con le milizie d. 
collegati nel Faentino (an. 1467), 186, 3-5; sotto la 
scorta di don Alfonso e di Alfonso II si eongiun- 
gono alle altre d. lega, 21-23; tornano nel territorio 
di Imola, 187, 4-5 „. 

— " (nipote di) [filiola parvula Alfonsi Calabrie ducis 
et regis Ferdinand Jìlii\ v. Isabella d'Aragona. 

Fermo [Firmum, Firmana civilas] vi f l' imp. Claudio 
il Gotico [ma a Sirmio], 28, 37 ; " è presa per tra- 
dimento dal card. Scarampi ad Alessandro Sforza 
che la difendeva da due mesi (an. 1445), 151, 8-9„. 

— " (cardinale di) v. Capranica Bartoiommeo „. 
Fernandus v. Ferdinando. 

Ferrando (don oppure et. re) v. Ferdinando I d 1 Aragona. 

"Ferrantjni (case dei) [Ferrantinorum domus], in Fi- 
renze; vi prende dimora il patriarca di Costantino- 
poli (an. 1439), 145, 2-3 ... 

Ferrara [ Ferrarla, Ferrara] è presa dai Veneziani, e 
poco dopo da essi perduta, 110, 35-37; "vi dimora 
Eugenio IV (an. 1439), 144, 37; lo Sforza vi manda 
due ambasciatori per trattare d. pace (an. 1446), 151, 
35; vi si recano il card. Morinense e gli amb. di Fi- 
renze, d. Veneziani e d. Visconti per trattare d. pace 
(an. 1447), 154, 23-27; di là gli ambasciatori annun- 
ciano la f d. duca, 155, 1-4 ; vi giungono amb. del- 
l' imp. Federico III (an. 1451), 162, 10; il quale sta- 
bilisce di fermarvisi quindici giorni, 14; vi si recano 
tre ambasciatori fiorentini ad incontrare l'imp., 18- 
19; i Veneziani vi lasciano le munizioni (Rn. 1467), 
186, 45; rie, 180, 25; 184, 22; 186, 14; 192, 22 „. 

— * (sig n'ori di) [Ferrariensis marchio, Fcrrariensis do- 
minus] v. Borso d* Este, Ercole I d' Este, Leonello 
d'Este, Niccolò III cPEste „. 

— "(territorio) [ferrariensis ager] rie, 148, 7 „. 

Ferrariensis dominus v. Este (a") Niccolò IH. 

Feste, 20, 21-22: "155, 11-12; 159, 20-22, 23-25; corona- 
zione di Federico III imp. (an. 1451), 163,34-35; 
174, 9-11; 179, 31-35; 183, 37-38; v. anche cortei, pro- 
cessioni, spettacoli, tornei, Firenze {feste, processioni, 
spettacoli ecc.) „. 

Festus v. Porcio Feslo. 

Fesulae v. Fiesole. 

Fiamminghi [Belgae] una parte d. jjopolazione si ribella 

alla Francia e si costituisce in nazione libera, 109. 

36-39 ; sono vinti dai Francesi e vengono a una pace, 

110, 12-18; invadono la Germania e fanno strage d. 

Brabanzoni, 116, 34-36. 



236 



INDICE ALFABETICO 



lFlcherolo-Fiorentini| 



" Ficiierolo [Ficherolus] rie, 186, 13 „. 

"Pibschi (de') Giovan Filippo [Giovan Filippo dal Fie- 
sco] cap. dell'armata genovese contro Alfonso V 
(an. 1454), 174, 12-13; a capo d. fuorusciti tenta di 
entrare in Genova, col favore di Alfonso di Napoli 
(an. 1457), 178, 19-21; Alfonso gli manda navi in 
aiuto (an. 1458), 179, 3-4; mentre combatte contro 
Genova f (an. 1459), 23-26 „. 

Fiesole [ / 'esulani monles]: Stilicone vi sconfigge Rada- 
gasio, 43, 40-43; rie, 7,19. 
— " (vescovo di) v. Salutati Leonardo. 

Filbteo [Filecteus] re d. Rugì, è vinto e ucciso da Odoa- 
cre in Germania, 51, 40-52, 2. 

Filippico Bardane (imperatore) [Philippus] el. dal- 
l'esercito nel Ponto imp. d'Oriente, uccide Giusti- 
niano II e il figlio di lui Tiber o, 68, 34-36; è de 
posto da Anastasio II, 41-42, rie, 37. 

Filippo [P/iilippus, Filippus] ». Brunelleschi F., Car- 
ducci F, t Solari F. 

Filippo [Philippus tetrarcha] figlio d'Erode il Grande, 
dà alla e. di Panea il nome di Cesarea di Filippo, 
9, 27-28. 

Filippo (san) (Apostolo) [Philippus, apostolus Christt] è 
crocifisso a Ieropoli, ove predicava il Vangelo, 13, 
14-16. 

* [Filippo III (duca di Borgogna)] [e/ duca di Borgo- 
gna] combatte contro il re di Francia Luigi XI, fino 
a che venuti ad un accordo, è riconfermato nella 
signoria (an. 1465), 183, 6-11 „. 

Filippo (imperatore) [Philippus, Philippus iunior] figlio 
di Filippo l'Arabo tiene l' imp. insieme al p. per 
sette anni, 26, 37-38; è ucciso a Roma dai satelliti 
di Decio, 27, 11-12; rie, 14. 

Filippo (l'Arabo) (imperatore) [Philippus] procura l'uc- 
cisione di Gordiano, 26, 36; tiene l' imp. con suo figlio 
Filippo per sette anni, 37-38; fu il primo imp. cri- 
stiano, 39-40; fa costruire Filippopoli in Tracia, 27, 6 5 
è ucciso a Verona dai satelliti di Decio, 11-12; rie, 14. 

Filippo I (re di Francia) [Philippus] regna in Francia 
col p. Enrico I e gli succede, 90, 29-31; rie, 93, 18. 

Filippo II (l'Augusto) (re di Francia) [Philippus], na- 
sce quando suo p. era più che sessantenne, 97, 8-12; 
succede al p. sul trono 98, 11-12; concorre col pp., 
con l'imp. e con Riccardo Cuor di Leone alla terza 
crociata, 99, 7-11; conduce in Siria un esercito, e 
con Riccardo vince il Saladino, ma poi, sorte discor- 
die, torna in Francia, 20-27; vince a Bouvines Gio- 
vanni Senza Terra e Ottone di Brunswich, 101, 
21-23; f e gli succede il figlio Luigi Vili, 102, 8-9. 

Filippo III (l'Ardito) (re di Francia) [Philippus] suc- 
cede al p. Luigi IX 106, 23-24; f e gli succede il figlio 
Filippo il Bello, 108, 1-3. 

Filippo IV (il Bello) (re di Francia) [Philippus co- 
gnominatus Pulcher], succede al p., 108, 1-3; manda 
Sciarra Colonna a imprigionare Bonifazio VIII, 109, 
40-110, 2; rie, 111, 23. 

Filippo V (il Lungo) (re di Francia) [Philippus] 111, 
41-42; rie, 112, il. 

Filippo VI (di Valois) (re ni Francia) [Philippus], 112, 
41-42; insieme col pp. e coi Veneziani, arma una 
flotta contro i Turchi, 113, 37-39; è vinto da Edoar- 
do III, 115, 4-6; compra il Delfinato, 21-22; f e gli 
succede ii figlio Giovanni, 27-28. 



Filippo (antipapa) [Philippus] è el. pontefice dai Romani 
contro Costantino el. dall' imp., ma è in breve de- 
posto, 72, 1-3. 

Filippo di Svevia [Philippus Henrici frater, Philippus] 
secondo il Palmieri imp. d'occidente, 100, 16; è uc- 
ciso dal conte Palatino Ottone di WUtelsbach, 101, 
2-3; rie, 12. 

Filippo di Taranto [Philippus tarentìnus princeps] rie, 
116, 3. 

Filippo di Valois [Philippus] è fatto prigioniero col p. 
Giovanni il Buono, dagli Inglesi, a Poitiers, 116, 
39-40. 

"Filippo di Z anobi (casa di) \ Philip pi Zenobi filii do- 
mus], a Firenze; vi prende dimora l'arciv. di Russia 
Isidoro di Kiew (an. 1439), 145, 4-5 „. 

Filippo Maria Visconti [Philippus, Mediolanensium dux, 
Mediolanensis] v. Visconti Filippo Maria. 

Filone (ebreo) [Philo] insigne scrittore; in occasione 
di sommosse e stragi pr. i Giudei, assume l'incarico 
di un'ambasceria a Caligola, 11, 14-15; rie, 26. 

Fiorentini [Fiorentini, forentinus populus, vulgus, hone- 
stiores cives, quidam cives, pauci, honestorum civium 
pars maxima, plebs, nobiliores, multitudo, omnes, civi- 
tas, noster populus, qui per exilium Cosmi de republica 
declinar ant, qui in republica valebant, honestiores pò- 
pulares, fautores partis priorum, multi qui contra rem- 
publicam extiterant, adversarii , populus, perturbatores 
omnes reipuhlicae et tranquilli status, viri et domus 
que nomine grandorum notabantur, cives, sbanditi dal 
comune dì Firenze, altri cittadini, mercatanti, citta- 
dini, nostri cittadini principali, privati, qui in carcere 
Stincarum servabantur, nostri, molti cittadini, uni- 
versus populus ; nostri exules, e te] sono assediati per 
la seconda volta dall' imp. Enrico IV, perchè fedeli 
al pontefice^ 92, 6-7 : vincono i Senesi ad Asciano, 
97, 36; è restituito loro il dominio a dieci miglia 
intorno, 99, 12-13; sino alla f di Federico II si 
reggono con un console el. ogni anno, 100, 1-4; 
di poi riformano la repubblica e creano dodici an- 
ziani, 104, 15-16; concedono pace ai Pisani ottenen- 
done privilegi commerciali, 25-27; sono vinti all' Ar- 
ida dai Senesi e dalle truppe di Manfredi, 105, 1-4; 
vincono a Campaldino, 108, 18-20 : edificano il duomo, 
38-40; edificano Castelfranco di Sopra e San Gio- 
vanni in Valdarno, 109, 6-7; pp. Bonifacio Vili, 
narrando d'aver ricevuto in un anno dodici lega- 
zioni guidate da Fiorentini, dice esser costoro il 
quinto elemento nel governo d. mondo, 26-33; insieme 
coi Lucchesi prendono Pistoia, 110,27-28; contro di 
essi muove Enrico VII di ritorno da Roma, 111, 7-8; 
guerreggiano con Castruccio, 112, 7; si alleano coi 
Veneziani contro Mastino II della Scala, 114, 5-6; 
comprano Lucca, ma dopo nove mesi è loro tolta dai 
Pisani, 23-24 ; occupano Pistoia, 1 15, 31 ; Giovanni Vi- 
sconti muove loro guerra, 32-34 ; tornano in guerra 
coi Pisani, 117, 8-9; riprendono Volterra, 10-11; 
fanno guerra con pp. Gregorio XI, 39-40; sono afflitti 
da pestilenza, 118, 38; viene in loro potere Arezzo, 
39-40; guerreggiano per dodici anni con Gian Ga- 
leazzo Visconti, 119, 17-18; e contro costui chiamano 
in Italia Stefano III duca dell'alta Baviera, 20-22: sti- 
pendiano Giacomo d'Armagnac per la guerra contro 
il Visconti, 23-24 ; sopportano enormi spese per que- 



f Fiorentini I 



INDICE ALFABETICO 



237 



sta guerra, 28-31; pagano una grossa somma all'imp. 
Roberto di Baviera, perchè venga in Italia contro 
Gian Galeazzo, 120, 30-33; prendono Pisa, 121, 21-22: 
comprano da Ladislao di Napoli la e di Cortona, 
«3-44; incominciano la guerra contro Filippo Maria 
Visconti durata fino alla f di quest'ultimo, 123, 
9-16; sono sconfitti a Zagonara, 31-34; s'alleano coi 
Veneziani contro 11 Visconti, 35-36; "i maggiorenti 
danno la colpa d. ribellione di Volterra al basso po- 
polo (an. 1429), 131, 31-3J; alcuni di essi mandano, 
senza interrogare i consigli, Niccolò Fortebraccio 
nel contado di Lucca con un forte drappello, 132, 
7-9; il basso popolo è favorevole alla guerra intra- 
presa nel Lucchese, pochi le sono contrari, 14-15; 
interrogato in proposito il consiglio, la plebe e la 
maggior parte d. magnati si dichiarano favorevoli 
alla guerra contro Lucca, 30-32 ; i pochi contrari si 
ritengono pagati da Guinigi e nemici di Firenze, 
32-33,,; intraprendono apertamente guerra, 123. 42: 
sconfiggono nelle acque di Genova, la flotta del Vi- 
sconti (an. 1431), 124, 4-7; " 134, 16-21 : la plebe sparla 
d. magnati a cui ia guerra con Siena era affidata (an. 
1432), 134, 40-41; sono esasperati per le crudeltà d. 
Senesi che uccidono i prigionieri e rubano le donne, 
51-135, 1; per eccitarli in occasione dell'arrivo d. 
flotta veneziana nel porto pisano si accendono fuo- 
chi in e, 12-13 „ : sconfiggono e fan prigionieri a Mon- 
topoli i Viscontei, 124, 8-10; "135, 19-136, 28„; e 
depredano coi Veneziani il Milanese spingendosi fin 
sotto Milano, 126, 8-15; " festeggiano tutti la vittoria 
riportata, e la plebe ne esulta fuor di modo, 136, 
29-30 ; la plebe oppressa da carestia e dai pericoli d. 
guerra fa pubbliche supplicazioni alla Divinità, 137, 
2-4; si dà ordine che gli ecclesiastici facciano pubbli- 
che processioni, alle quali tutto il pop. partecipi, 4-5; 
assistono alla messa celebrata nella piazza d. Signo- 
ria e seguono poi la processione con grande e raro 
entusiasmo, benché raramente partecipino, secondo 
Palmieri, a pubbliche manifestazioni religiose, 13-18; 
per l'elezione d. priori d. secondo semestre 1434, 
riprendono speranza i partigiani di Cosimo de' Me- 
dici (an. 1434), 138, 28-29; venuto ciò all'orecchio 
degli avversari d. Medici, tengono privati consigli 
per non lasciarsi sfuggire il potere e stabiliscono 
di difendersi anche con la violenza e di prevenire i 
priori e gli altri ad essi contrari, 30-33; gli avver- 
sari di Cosimo, essendo andata a vuoto l'impresa 
del Castellani, stabiliscono di por mano aperta- 
mente alle armi, 36; si armano contro la Signoria 
i Peruzzi, i Bardi, Rinaldo Albizi, e, d. popolani 
grassi, i Guasconi, Bartolommeo Cresci, Giovanni 
e Niccolò Biffoli, Tommaso e Matteo da Ponzano. 
Antonio e Angelo Busini, Domenico Lambertenghi, 
Nicola e Simone Fani, Barnaba Bischeri, Antonio 
Raffacani, Francesco Guadagni, Manovelli Terrino 
ed altri d. pop. basso in numero di trecento (26 set- 
tembre 1434), 36-139, 3; tutti i congiurati escono 
dalle case d. Peruzzi e degli Albizi per muovere 
contro il com., 3-4; i partigiani d. Medici sono in- 
citati dai priori a prepararsi alla difesa d. com., 4-5; 
gli avversari d. Medici, temendo d' accostarsi alla 
piazza d. Signoria passano per la via che si trova 
tra il palazzo d. pod. e la eh. di San Firenze, 6-7; ra- 



dunatisi, si baciano quasi a meglio stringere la loro 
solidarietà nel pericolo. 7-8; molti d. congiurati o 
per debolezza o per timore d. pop. si ritirano dall'im- 
presa e stanno cosi armati nelle proprie case, 9-11; 
molti congiurati d. pop. grasso rinunciano all'im- 
presa, li; quelli invece che intendevano agire, ve- 
dendosi abbandonati e presentendo avverso il pop. 
minuto, perduta ogni speranza, danno ascolto al 
leg. di Eugenio IV, 11-13: gli armati di piazza San- 
t'Apollinare si lasciano persuadere dal leg. d. pp. a 
deporre le armi e a supplicare Eugenio TV il quale 
allora era a Firenze. 14-16: Eugenio IV trattiene pr. 
di se quelli che erano a lui ricorsi per aiuto, af- 
finchè non fosse loro inflitta una pena troppo grave, 
16-17: ne sono relegati parecchi per aver favorito 
Rinaldo degli Albizi e. Rodolfo Peruzzi, 29-35: per al- 
cuni condannati l'anno prima, e revocato il bando 
dai trecento di balìa, 25-26: sono confinati dalle 
'■cn(o miglia in là tutti i perturbatori, e sono esclusi 
dal com. ; loro figli, 26-29: molti altri sono condan- 
nati che Palmieri non enumera, 140, 3-4; alcuni 
che sono ascritti ai grandi sono puniti con leggi 
più aspre, mentre gli altri grandi sono tutti fatti 
di pop., 5-6, 33-35; tre cittadini meditano novità 
contro la repubblica e sono condannati al carcere 
perpetuo (an. 1434), 45-46; essendo altri tre impri- 
gionati per Ja medesima ragione, il pop. è d'av- 
viso che si debbano loro infliggere condanne capi- 
tali per intimorire i macchinatori di novità (an. 
1435), 141, 25-27: stanno in attesa di esecuzioni ca- 
pitali davanti al palazzo d. pod., 28; ma il pod. 
commuta ai condannati la pena capitale nel carcere 
perpetuo, 29; di ciò il pop. si adira come d'una 
frode e d'un' ingiustizia, 29-31; aiutano i Genovesi 
contro Niccolò Piccinino, 142, 34; ricevono in dono 
Pratovecchio da Lodovico Scarampi card. leg. (an. 
1436), 37: alcuni esuli incitano il Piccinino a muo- 
vere contro Firenze (an. 1440), 146, 15-17; ricevono 
gravi danni dai saccheggi che le milizie d. Picci- 
nino fanno nel contado, 147, 26-27 ; parecchi banditi 
ritiratisi in Canapiglia Marittima, si uniscono a 
milizie aragonesi, contro Firenze (an. 1447), 154, 
38-39 „; Alfonso V d'Aragona muove loro guerra, 
126, 24-27 : a alcuni fiorentini ricevono da Francesco 
Sforza per lettera l'annuncio d. sua nomina a Signore 
di Milano (an. 1450), 159, 21; i Veneziani minac- 
ciano di espellere i mercanti fiorentini dalle loro 
terre se Firenze non abbandonerà Francesco Sforza 
(an. 1451)» 161, 7-9; sono espulsi da Venezia e da 
tutte le terre di Venezia con grave loro danno, 11-13; 
sono cacciati dal regno di Napoli, 14-15: ne sono eletti 
diciassette per tributare onori all'imp. Federico III 
al suo arrivo, 162, 20-22; parecchi accompagnano i 
signori nella visita all'imp. Federico III nel con- 
vento di Santa Maria Novella (an. 1452), 163, 15; 
alcuni d. principali trattano in Firenze con Braccio 
da Montone e lo prendono a soldo accordandogli 
in più certe terre d. duca d'Urbino quando le abbia 
acquistate, 164, 34-36: cittadini privati sono infor- 
mati da lettere degli ambasciatori che erano a Ro- 
ma, che il pp. intendeva restituire tutto il suo a 
Firenze (an. 1454), 171, 16-17; si dice che gli av- 
versari di Piero de' Medici gli abbiano mosso con- 



238 



INDICE ALFABETICO 



[Fiorentini-Firenze] 



tro un esercito (an 1466), 183, 27-28; i carcreati d. 
Stinche tentano evadere ma sono scoperti e alcuni 
decapitati, altri torturati, altri perdonati (an. 1470), 
189, 12-19; con essi Galeazzo Visconti, recatosi a 
Firenze, si lagna d. contegno di Ferdinando d'Ara- 
gona a suo riguardo (an. 1471), 191, 1-3 „ ; rie, 43, 
34; 45. 34; 114, 12; 117. 14-15: 120, 36; 125, 21 ; 126, 
36; "136,37; 137, 2,39: 139,44; 141,17,26; 143,4, 
6. 23: 150, 4: 153. 33, 41; 158, 2; 160, 39; 161, 10, 
14-15; 165, 40: 189, 28; 191, XI, 29, XII, („; v. an- 
ch'* Firenze (cornute) e J>assi>n anche nella Prefazione. 

Fiorentini (el campo dei) v. Firenze (milizie). 

" — (ot; .1. fi), perdura il loro governo a Firenze (an. 
1452), 165, 43: rie, 42 „. 

Fiorentino (castello di) [Florentinum opidum] vi f Fe- 
derico II di Svevia, 104, 12-14. 

Firenze (prospetto delle voci): 

— Abitanti del territorio, Accoppiatori, Alber- 
ghi, Ambasciatori, Annata agricola, Anziani, 
Arcivescovi, Armata, Balìe, Capitani delle mili- 
zie, Carceri, Carestie, Case, Censimenti, Chiese, 
Città, Climatologia, Collegi, Colline (di), Com- 
pagnie, Comune, Concilio. Consigli, Consoli, 
Contado, Conventi, Cortei, Dieci di balìa, Do- 
minio, Ecclesiastici, Edifici, Esecutori, Feno- 
meni meteorici, Feste, Gonfalonieri di Giusti- 
zia, Magistrati, Magistrati di parte Guelfa, 
Mercato Nuovo, Milizie, Mura. Ospedali, Otto 
della Guardia, Palazzi, Pestilenze, Piazze, Po- 
destà, Ponti, Porte, Pratiche, Priori, Priori e 
Collegi, Processioni, Quartieri, Raccolte, Rap- 
presentazioni sacre, Sei della Mercatanzia, Si- 
gnori, Signori e collegi, Spettacoli, Sudditi, 
Territorio, Tornei, Università dei Notai, Vi- 
cari e rettori, Vie, Zecca. 

Firenze " (abitanti del territorio) [homines, homines 
agricole, agricole] non abituati a scorrrerie di ne- 
mici si lasciano imprigionare in gran numero (an. 
1440), 147, 17-20; ne sono fatti prigioni duemila 
dalle milizie d. Piccinino, 26 „. 

— " (accoppiatori) [accoppiatori J ; se ne debbono eleg- 
gere prima dieci, poi, per nove anni, cinque, e ad 
essi devono affidarsi le borse d. sorteggi e non per- 
mettere che alcuno di loro che sia stato tale o abbia 
avuto in tale carica un consorte, possa essere el. 
ancora accoppiatore se non dopo tre anni (an. 1466), 
183, 46-184. 2„. 

— " (alberghi): albergo della corona [La Corona]: 
vi alloggia il corteo di gentildonne che passavano 
per andare a incontrare l'imperatrice (an. 1451), 
162, 28-29 „. 

— "(ambasciatori) [nuncii, legati, am^axatorcs, amha- 
sciatori, nostri otatores] recatisi a Roma per trattare 
d. pace non si possono accordare cogli altri e si 
oppongono ai patti proposti da pp. Paolo II (an. 
1468), 187, 24-28 ,-,; v. Acciaioli Angelo, Attizzi (degli) 
Luca, Antonino (Sant 1 ), Buongiovanni Bernardo, Ca- 
nigiani Giovanni, Capponi Xeri, Cocchi Donato, Gni- 
gni Bernardo, Guicciardini Iacopo, Guicciardini Lui- 
gi, Manetti Giannotto, Medici (de') JVicola, Medici 
(de') Pietro, Xeroni Dietisalvi, Xiccolini Otto, Pal- 
mieri Matteo, Pandolfini Carlo, Pandolfini Giannozzo, 
Pezzi (de') Piero, Pitti Giovannozzo, Pitti Luca, 



Pucci Puccio, Ridolfi Antonio, Sacchetti Franco, Sa- 
lutati Leonardo, Soderini Tommaso, Tanaglia Gu- 
gliclmino, Ventura Francesco. 

— "(annata agricola) (an. 1438- 1446),,, 192, 38- 
194. 13 „. 

— (anziani) \antiani\ sono el. a capo d. repubblica 
dalla f di Federico H in poi, 104, 15-if. 

— (arcivescovi) \episcopus Fiorenti no rum, Florentie epi- 
scopus, archiepiscopi Florentie] v. Zanobi (San), Xic- 
colò li, " Antonino (Sant') Pierozzi Forcilioni „. 

— (armata) [armata] sconfigge la flotta di Filippo Ma- 
ria Visconti nelle acque di Genova, 124,4-7; "otto 
galee sono mandate a raccogliere vettovaglie da re- 
care a Piombino (an. 1448). 157, 1-3; ma mentre 
s'accostano a san Vincenzo per consegnarle, sono 
assalite dalle galee di Alfonso V e s'impadroniscono 
di due di esse, mentre le altre si ritirano a Livorno, 
811; ne era cap. Bernardo Ventura, H-12„. 

— " (artefici) [artejici] fanno parte d. balìa d. 1466, 
183, 34-35; si delibera (an. 1466) che dovendosi fare 
scrutinio saranno chiamati a parteciparvi, 184, 4-6 „. 

— (balìe) v. Dieci di Balra : 

— — " balìa dei trecento DEL 1434 [pubblica potestas 
ter centi s civibus, viri quibus puVica potestà» data erat] 
è accettata dal pop. raccolto a parlamento sulla 
piazza d. Signoria (an. 1434), 139, 21-23; il giorno 
dopo l'elezione richiama dall'esilio Cosimo e Loren/.o 
de' Medici ridonandoli all'antica dignità, 23-24; poco 
dopo richiama in Firenze tutta la famiglia de' Me- 
dici, il cavaliere Angelo Acciaioli e altri condau- 
nati l'anno prima, 25-26: fa molte e utili prov- 
visioni, 26: confina dalle cento miglia in là i per- 
turbatori, fra cui Rinaldo degli Albizzi e Rodolfo 
Peruzzi ed esclude dal Com. i loro figli e nipoti, 
26-29: confina molti altri che avevano favorito Ri- 
naldo degli Albizi e Rodolfo Peruzzi, 29-35; ri- 
forma il Com., conservando i magistrati, ma fa- 
cendo abbruciare le borse contenenti i nomi desti- 
nati ai sorteggi. 35-37: richiama gli Alberti, 37-38; 
condanna quasi tutti i Peruzzi, ma con vari crite- 
ri : colpendo principalmente Rodolfo e i figli che 
considera come grandi : condannando gli altri alla 
privazione d. diritti pubblici per venti anni e la- 
sciando immune da ogni pena Renato di Giovanni 
e Renato di Niccolò, 140, 4-8; colpisce con simili 
pene i discendenti di Rinaldo Gianfiliacci, 9-10; così 
pure i Rondinelli e i Guasconi, 11-13: ascrive ai 
grandi Bardo de' Bardi, ai sopragrandi Simone Bin- 
delli e Bernardino Bardi, e condanna all'esilio Leo- 
nardo e Matteo Bardi. 13-15; ai sopragrandi ascrive 
anche Piero Cavalcanti, 16-17; priva i priori del- 
l'anno precedente d. pubblici uffici insieme con tutti 
i magistrati venuti dopo di loro , all' infuori di 
Iacopo Berlinghieri e Piero Marchi, 17-19: condanna 
Giovanni dello Scelto, Donato Sennini, Corso Corsi, 
Mariotto Baldovinetti, Bartolommeo Spina, Iacopo 
Susi, Bernardo Guadagni, 19-22; manda in esilio 
Piero Vanni, Otto Castellani, Smeraldino Strozzi, 
Piero Ardinghelli, Roberto dell' Antella, Riccoldo 
Riccoldi, Pietro Chiari, Lodovico Rossi, Niccolò 
Biffoli, Giacomo Salviati e Michele Baronci e con- 
danna a una multa Piero Panciatichi, 23-25; relega 
Palla Strozzi, Onofrio Strozzi, Matteo Strozzi, Mat- 



I Firenze) 



INDICK ALFABETICO 



239 



teo Benizzi, Matteo da Panzano, Ottaviano Pepi, 
Giovanni Rinaldi, Sandro Altoviti e (Judo Bal- 
dovinefti, 26-30; provvede a che i priori facciano 
di pop. tutti i grandi, all' infuori di alcuni che sono 
privati d. diritti pubblici e oppressi da ieggi molto 
aspre, 33-35: fa molte concessioni a privati tanto 
cittadini che forestieri, 36-37; stabilisce che il sor- 
teggio d. Priori d. Arti si faccia il 29 agosto e che il 
30 sia giudicato nefasto perchè i Priori el. il 30 ago- 
sto dei due anni precedenii avevano ec -itato il pop. 
a prendere le armi, ma che per gli altri sorteggi si 
conservi il giorno 30 agosto come di consueto (an. 
1435), 140, 37-41 „. 
Firenze (Balìe) "balìa del 1466 [balìa] è costituita da 
tutti quelli che erano stati gonfalonieri dal 1434 al 
1466 con una rappresentanza d. Arti Minori; più 
venticinque cittadini per quartiere, di cui una parte 
artefici, in tutto circa trecento cittadini (an. 1466), 

183, 31-36; radunatisi stabiliscono: che si rendano 
solenni grazie a Dio per lo scampato pericolo d. e.» 
37-39; che per dieci anni si eleggano a mano gli otto 
d. guardia i quali abbiano balìa all' infuori che per 
affari civili, 40-42: che i Signori possano dare batta a 
uno d. rettori, 43 ; che i Signori e i Collegi e gli Otto 
possano eleggere sino a mille fanti a difesa d. e, 
44-45; che si facciano il primo anno dieci accoppia- 
tori e poi per nove anni cinque accoppiatori a cui 
siano affidate le borse d. sorteggi e nessuno di loro 
e d. loro consorti possa essere rieletto prima di tre 
anni, 46-184, 2; che si elegga per un anno l'ufficiale 
d'abbondanza, 3: che, dovendo fare scrutinio, si pos- 
sano eleggere sino a venti per quartiere lasciando 
una percentuale agli artefici e che non possano essere 
el. parenti di quelli che sono di balìa, 4-6: confina 
Angelo e Neri Acciaioli a Barletta, Angelo, Dieti- 
salvi e Francesco Neroni in Sicilia, Niccolò e Neri 
Soderini negli Stati di Renato d'Angiò; ammonisce 
molti altri, e altri condanna a multe (an. 1466), 

184, 7-12 „. 

— — "balìa del 147 i, rie, 191, 13-14., 

— " (capitaci dell'armata) [capitano di detta armata] 
v. Ventura Bernardo „. 

— " (capitani delle milizie) [ductores] ; la loro discor- 
dia dava agio ai nemici di avvantaggiarsi (an. 1430), 
133, 19-20; fanno prigionieri settecento cavalieri, 
duecento militi fra Senesi e Pisani, molti merce- 
nari e altri fuggitivi presi di qua e di là (an. 1432), 
136, 25-27 „. 

— "(carceri): carcere delle stinche [career Stin- 
carum]\ i carcerati tentano evaderne (an. 1470), 189, 
12-19 ,,. 

— "(carestie), 137, 24: v. Notizie sui raccolti dal 1438 
al 1447 alle pagine iq2-ig4; v - anche alla voce Ca- 
restie „. 

— (case); v. Buondclmonti (case dei), Capponi (case dei), 
Ferrantini (case dei), Filippo di ZanoM (case dei), 
Per uzzi (case dei), Tornaqninci (case dei). 

— (censimenti), 114, 14. 

— (chiese): 

— — Duomo [ecclesia maxima, cathedralis ecclesia, /<*<?- 
paratae templnm, Reparatis edes, il Duomo, Santa 
Maria del Fiore] vi è sepolto pp. Stefano IX, 90, 
11-12; s'incomincia la costruzione di Santa Maria 



del Fiore in marmo con gran magnificenza, 108, 
37-39; pr. di essa s'incomincia la costruzione d. 
Campanile di Giotto, 113,34-36: il Brunelleschi ne 
costruisce la cupola senza armatura, 124,29-31: Eli- 
ci IV consacra con gran solennità Santa Mara 
del Fiore (an. 1436), 31-32; " XII 26; vi sono appese 
le insegne rapite ai nemici ad Anghiari (an. 1440), 
26-27; è visitato dall' imp. Federico III (an. 1452), 
103, 12; l'ìmp. vi ascolta la messa solenne cantata 
dall'arciv. e dai cantori imperiali, 17-18; rie, 146, 
38: 163, 8; 183, 38 „. 

— — ■ " Ognissanti [edes Omnium Sanctorum] rie, 185, 
14 „. 

— — "San Felice [Felicis edes] rie, 137, 13 „. 

— — " San Firenze [basilica Polinaris et Fiorenti] rie., 
139, 7 „. 

— — "San Gallo rie, 163, 5-7, 9 „. 

— — San Giovanni \ Baptisterinm, San Giovanni]; ne 
sono inaugurate le porte in bronzo raffiguranti scene 
d. Nuovo Testamento e si dà principio a quelle raf- 
figuranti scene d. Vecchio Testamento, tutte opera 
di Lorenzo Ghiberti, 122, 44-123, 4; "rie. 163, 13 „. 

— — "Santa Croce [Sancta Crux] rie, 189, 40 „. 

— — Santa Maria del Fiore t>. Duomo. 

— — Santa Reparata v. Duomo. 

— — " Santo Spirito [ecclesia Sancii Spiriti \ è quasi 
interamente distrutta dall' incendio provocato da 
razzi e illuminazioni fatte per una sacra rappresen- 
tazione in onore di Galeazzo Sforza (an. 1471), 191, 
6-11 „. 

— (città) [Fiorenti a, Fluentia, fiorentina urbs, civitas, 
urbs, città] fondata col nome di Fluentia dai soldati 
condotti a Fiesole da Siila, 7, 18-20; vi nasce Zanobi 
che poi ne è el. vese, 34, 3-5; è liberata dall'assedio 
d. Goti da truppe di Giustiniano venute da Raven- 
na, 50, 41-43; è saccheggiata da Totila, 57, 12-13; è 
fatta restaurare e circondata di mura da Carlo Ma- 
gno, 74, 44-75, 5; "vi f, secondo il Villani, Ugo il 
Grande, march, di Toscana, XI, 8 „: si celebra il mil- 
lesimo anniversario d. sua fondazione, secondo Pal- 
mieri all'an. 912, 82, 15-16: vi f pp. Stefano IX ed è 
sepolto nel duomo, 90, 10-12; vi si costruisce un muro 
continuato all'intorno, dalle rive dell'Arno alla eh. 
di san Lorenzo, 91, 10-12: è assediata da Enrico IV, 
33-34; vi f Corrado di Franconia, duca di Lorena e 
re d' Italia, 93, 1-2 ; è in gran parte distrutta da due 
incendi, 97, 38: vi nasce Dante Alighieri, 105, 38: 
la si circonda di più ampie mura, 109, 19-20; è inon- 
data dall'Arno che travolge tre ponti e una parte 
d. mura, 113, 30-33; vi si innalza il campanile di 
Giotto, 34-36; fattovi il censo, risultano novantamlla 
abitanti, 114, 14- lb; è colpita da pestilenza, 21-22: 
vi ottiene la Signoria Gualtieri di Brienne, 26-27 ; 
vi si diffonde un contago venuto dall'India, 115, 
14-20; è turbata dalle lotte fra pop. grasso e pop. 
minuto, 118, 15-18: vi f Giovanni Akwood, 119, 
36-39; la colpisce una terribile pestilenza, 120, 17-19; 
Giovanni XXIII vi si rifugia con tutta la sua corte, 
122, 11-12; è colpita da pestilenza, 35-36 ; vi dimora 
per due anni Martino V, 39-40; vi si modifica il conio 
d. fiorino, 123, 17-19: " vi si sparge la nuova d. guerra 
intrapresa nel Lucchese (an. 1429), 132, 14; vi si re- 
cano gli ambasciatori di Lucca a chiedere alleanza 



240 



INDICE ALFABETICO 



| Firenze] 



(an. 1430), 133, 10-12: vi si reca Micheletto ria Co- 
tignola con mille e duecento cavali: e vi è nomi- 
nato cap. gen. (an. 143 i). 134. 5 6; vi si accendono 
fuochi per festeggiar^ l'arrivo d. flotta veneziana 
nel porto Pisano (an. 1432), 135, 12-13; vi si re- 
cano prima e dopo la \ : ttoria sui Senesi, messi di 
Sigismondo di Lussemburgo con differenti amba- 
sciate, J36. 43-44; vi si fanno processioni, 137,4-9: 
vi si trasporta un dipinto raffigurante la Vergine, 
che prima si venerava nella eh. di santa Maria del- 
l' Imprunefa, 10-11 ; vi tornano Palla Strozzi e Fran- 
cesco Tornabuoni senza aver fatto l'ambasciata al- 
l' imp., 34 „: ne è cacciato Cosimo dei Medici (an. 
1433), 124, 17-18; "vi si parla apertamente contro i 
Priori deli'an. 1433 (an. 1434), 138, 29-20- vi si trova 
Eugenio IV, e accoglie pr. di se alcuni colpevoli 
di cospirazione e ribelli .me, 139, 13-14: la si costu- 
disce dì e notte. 19; si provvede alla sua difesa. 20 „; 
vi ritorna Cosimo dei Medici e ne sono espulsi i 
suoi principali avversari, 124,19-21; " vi è traspor- 
tato e solennemente seppellito Niccolò da Tolentino 
(an. 1435), 141. 2-3: vi giungono ambasciatori d. Vi- 
sconti a trattare d. pace col pontefice, 14-15; vi è 
accolto con grandi feste e onori Francesco Sforza, 
142,31-32: Eugenio IV, avendo stabilito di ritornarvi, 
vi manda prima un amb. (an. 1439), 144, 38-39; vi 
si reca Eugenio IV con Giovanni Vili Patologo e 
Giuseppe patriarca di Costantinopoli, 43; Eugenio IV 
entra solennemente il 27 gennaio, 45-145, l ; il pa- 
triarca vi entra il 13 febbraio, 2-3; e il 15 febbraio 
con magnificenza orientale l'imp., 3-4: vi si stipula 
un'alleanza tra il Coni., lo Sforza, il Pontefice, i Ve- 
neziani, Niccolò III d' Este. Guidantonio Manfredi e 
Pandolto Malatesta, 6-9: vi si tiene il concilio, 31-33: 
vi si pubblicano i patti e le convenzioni stabilite 
nel concilio e, vi si fa solenne cerimonia nella cat- 
tedrale, con intervento d. pp., 35-38; vi giunge no- 
tizia d. f dell' imp. d'Occidente e poi la falsa notìzia 
d. f deli' imp. d'Oriente, 146 0-/2 : vi giungono, gui- 
dati da Troilo Orsini, mille cavalli inviati dallo 
Sforza (an. 1440), 148, 6-8; vi è pubblicata l'alleanza 
coi Lucchesi (an. 1441), 150, 12-13: vi è accolto con 
onore amichevolmente Renato d'Angiò, profugo, il 
quale vi ordisce accordi col pp. (an. 1443). 37-38 „ i 
125, 40-42; " Eugenio IV ne parte, 151, 3: vi è tratte- 
nuto per alcuni giorni Francesco Zabarelli (an. 1446), 
26-28: vi si trattiene per la festa di san Giovanni 
il card. Morinense avviato a Ferrara (an. 144"), 
154, 24: vi si fanno fuochi e feste per avere i Ve- 
neziani preso Lodi, Piacenza ed altri castelli, 155, 
11-12; vi giunge la notizia che Filippo Visconti è mo- 
rente, 43-156, 2: e subito dopo la notizia d. f, 3-7; 
vi si tiene consiglio con gii ambasciatori di Carlo VII 
di Francia (an. 1448), 15/, 33; vi si reca il card. 
Morinense per trattare d. pace con Alfonso d'Ara- 
gona e ne parte coli' incarico di stabilirla a patto 
che il Com. fiorentino dia 50000 fiorini al re e che 
il re restituisca tutte le terre, 158, 11-15 : vi giunge 
notizia dell'elezione d. Sforza a Signore di Milano 
e lo Sforza stesso vi manda un trombettiere con 
lettere, per cui si fanno pubbliche feste in segno 
di allegrezza (an. 1450), 159, 20-22: vi entrano 
Fra Puccio Frlerio da Monteza e Antonio Becca- 



dclli detto il Panormita, ambasciatori d. re Alfonso 
e Matteo Vettori an.b. d. repubblica di Venezia (an. 
14:1), 160, 22-23: vi giunge l'imp. Federico III. 162, 
25: 'ina solenne processione va ad incontrare Fede- 
rico III. 163. 7: vi passa un corteo di gentildonne 
che vanno ad incontrare l'imperatrice, 27-29: vi 
entrano due cardinali venuti da Roma incontro al- 
l' imp. Federico III (an. 1452), 21-22; ne parte l'imp., 
31 : che mostra serbare per essa sentimenti di be- 
nevolenza, 32: vi entra di nuovo Federico III, 40; 
vi giunge una solenne ambasceria d'Ungheresi per 
chiedere il loro re LadishTo all' imp., 41-42; nuovi 
provvedimenti. 164, 39-40: vi si recano ambasciatori 
d. re Carlo VII di Francia, i 65, 22; vi passa l'amb. 
di Carlo VII di Francia avviato a Roma, 27-28; vi 
giunge la notizia d. caduta di Costantinopoli in 
mano d. Turchi fan. 1453), ^°^> 7 " 9 > v * SI i" eca per 
trattar d. pace il card. Giovanni Carvajal, 169, 37-38; 
vi resta come ostaggio il figlio di Gherardo Gamba- 
corta, 41; vi giunge l'amb. di Giovanni III Lusi- 
gnano, re di Cipro, 45-46: vi giungono ambasciatori 
dell' imp. Costantino XII già morto, 170, 2-4: vi en- 
tra Giovanni d'Angiò (an. 1454), 171, 7-8; vi giunge 
notizia d. trattato d. Veneziani con Maometto II, 
172, 20-21: vi appare una cometa (an. 1456), 176, 
9-18: è poco colpita dalla pestilenza (an. 1457), 178, 
17; vi falliscono parecchi fra cui Lorenzo Larioni 
(an. 1464), 182, 29: di passaggio, vi si ferma Ippo- 
lita Sforza (an, 1465), 30: vi si reca l'amb. di Mat- 
tia Corvino (an. 1470). 189, 34; vi si reca con gran 
solennità Galeazzo Sforza (an. 147 1), 190, 43-45; ne 
parte Galeazzo Visconti con la m. e i fratelli Asca- 
nio e Lodovico, 191, 4-5; vi brucia la eh. di santo 
Spirito, 6-7; vi si ferma per la festa di san Gio- 
vanni Leonora d'Aragona diretta a Ferrara per le 
nozze con Ercole d' Este (an. 1473), 192, 18-20; vi 
entra Cristiano I di Danimarca, avviato a Roma 
in pellegrinaggio (an. 1474), 24; rie, 117, 15, 35; 120, 
2-3: 122, 7; 125, 44; «131, 13; 132,1; 135,36; 136, 
31: 137, 4; 139, 44: 140, 33; 141, 19; 143, 14, 19: 
146, 0: 147, 24: 148, 6, 9,40; 150, 42; 160, 14; 162, 10; 
163, 25, 26; 164, 34; 165, 42; 166, 27, 30, 34; 169, 
43; 171, 9, 47; 175, 5: 176, 19-23: 180, 46; 184, 8, 
31; e passim anche nella Prefazione „\ v. Firenze 
(comune). 
Firenzi-; (Climatologia) v. Firenze (annata agricola) Fi- 
renze {fenomeni) e la voce Climatologia. 

— (collegi) ['/««' ex collegio sunt] v. Altoviti Antonio, 
Belfradelli Bernardo, Biffbli Giovanni, Manovelli 
Ter vino, Scambrilla Piero ; v. anche Signori e Collegi. 

— " (colline ni) \iuga Florentie, iuga que Florentie 
imminente sono oltrepassate dalle milizie d. Picci- 
nino (an. 1440), 147, 21 -. rie, 14, 15 „. 

— (compagnie) v. Firenze (festa di san Giovanni del 
1454) (processione). 

— (comune) \respublica, civitàs, Fiorentini, florentinus 
populus, Florentta, status, Signoria, el comune di Fi- 
renze, el comune, noi, città et popolo] sino alla f di 
Federico II si regge con un console el. ogni anno, 
100, 1-4: se ne riforma l'ordinamento, 104, 15-16; è 
turbato dalle lotte fra pop. grasso e pop. minuto, 
118, 15-18: "i Volterrani gli si ribellano, 131, 31 ; 
poi gli si risottomettono, 132, 3-4; gli è annun- 






[Firenze] 



INDICE ALFABETICO 



241 



ciata la guerra di Lucca dai vicari d. regioni vi- 
cine, 13-14; riceve lettere da Paolo Guinigi che gli 
si raccomanda, 16-18; Niccolò Fortebraccio dichiara 
di stare a' suoi ordini e di riconoscere come sue 
tutte le conquiste che potrà fare nella guerra di 
Lucca, 20-21 ; risponde ai Lucchesi che li terrà per 
nemici finché ubbidiranno al Visconti, 133, 14; gli 
muovono guerra i Senesi per incitamento d. Picci- 
nino (an. 1431), 27-28; Martino V gli prepara gravi 
danni insieme col Visconti, coi Senesi, con Iaco- 
po Il Appiani con Guidantonio Manfredi d'Urbino 
e con molti altri, ma è sorpreso dalla f , 34-37 ; 
partito il Piccinino, volendo cambiare le proprie 
milizie tenta assoldare Niccolò de' Marucci da To- 
lentino che era al soldo d. Visconti, 39-42; assolda 
Attendolo Micheletto da Cotignola, 134, 4; è abban- 
donato da Niccolò Fortebraccio, 10-11 ; è abbandonato 
da Bernardino d^lla Carda, 12; Niccolò da Tolentino 
si offre di passare a' suoi stipendi, 13-15; coi Ve- 
neziani arma una flotta e sconfigge a Portofino i Ge- 
novesi, 16-20; si fanno accender fuochi in e. in oc- 
casione dell'arrivo d. flotta Veneziana nel porto Pi- 
sano affine di eccitare la popolazione (an. 1432), 
135, 12-13; gli è annunciata la vittoria contro i Se- 
nesi, 136, 29; manda Biagio Guasconi amb. a Sigi- 
smondo di Lussemburgo, 44-45; Sigismondo si mera- 
viglia che gli muova guerra, credendo averlo amico, 
137, 20-22; amico all'imp. muove guerra a Lucca mi- 
nacciandola di devastazione, se non gli si sottomette 
cessando di ubbidire al Visconti, 23-25 ; si allea con 
Eugenio IV, 38-39; si lagna che Niccolò Fortebrac- 
cio assalga Città di Castello, anziché aiutarlo contro 
i Senesi, 138, 1-2; aspetta aiuti da Eugenio IV per 
poter impedire a Sigismondo di recarsi a Siena, 
4-5; vedendo che il pp. non manda aiuti, a bella 
posta lascia aperto il passo all'imp. pel territorio 
di Pisa, 7-8; Eugenio IV lo supplica di impedire a 
Sigismondo di proseguire verso Roma, 12; richie- 
sto d'un'ambascieria dall' imp. Sigismondo, avverso 
dapprima a mandarne in e. nemica, si decide a in- 
viare il cav. Palla Strozzi e Piero Guicciardini sino 
ai confini fiorentini, 23-26; manda a Siena Piero 
Guicciardini all'imp., 27 „; con la cacciata di Co- 
simo dei Medici subisce mutamenti, 124, 17-18; 
* contro di esso muovono i congiurati , uscendo ar- 
mati dalle case d. Peruzzi e degli Albizi (an. 1434), 
139, 1-4; si provvede alla sua difesa, 20; ne sono 
confinati i perturbatori, 26-27; vi si bruciano le 
borse antiche che servivano per l'estrazione d. ma- 
gistrati e se ne fanno d. nuove, 35-37 „; mutamenti 
avvenuti al ritorno di Cosimo, 124, 19-21: " per 
la presa d. castello di Broglio, teme che i Senesi 
tentino una guerra, ma poi, svanito ogni timore, 
ottiene pel voto degli abitanti quel castello che 
era stato ripreso dai Ricasol i i quali lo possede- 
vano anche prima, 40-42; contribuisce coi Veneziani 
e col pp. a stipendiare Francesco Sforza che tutta- 
via è tenuto ad ubbidire solo ad Eugenio lV r , 140, 
43-44 ; devasta una rocca d. Casentino appartenente 
all'esule Riccoldo Riccoldi (an. 1435), 47; stringe 
alleanza coi Perugini, 141, 4-5; rinnova l'alleanza 
già durata dieci anni, con Venezia a questi patti: 
che entrambe le parti tengano tremila cavalli e mille 



fanti in tempo di pace; se si farà guerra col Vi- 
sconti ciascuna abbia a stipendiare ottomila cavalli 
e duemila fanti e a sostenere uguale spesa se la 
guerra si svolga sul Po, per terra, o per mare, per 
la libertà di Genova, e che ciascuna d. due parti 
aiuti gli amici e combatta i nemici dell'altra, 5-13 ; 
scoperta per lettere intercettate la congiura tramata 
contro il pp. dagli ambasciatori d. Visconti e da 
Capponcino Capponi, fa uccidere questo e rimanda 
quelli a Milano, per intercessione d. Magistrati, 20- 
22: amico al pontefice e pacificato col Visconti, vede 
di ni.il occhio la guerra fra essi, 32-34 ; stabilisce di 
mandare aiuti a Pietra Santa per non lasciare li- 
bera al Visconti quella via verso Lucca e il terri- 
torio fiorentino (an. 1436), 143, 14-16; prima vi 
manda di nottetempo un presidio e avverte quindi 
lo Sforza perchè vi invii d. cavalieri, 16-18; essendo 
in suo potere tutto il territorio lucchese, si volge 
ad assediare con tutte le sue forze Lucca stessa 
(an. 1437), 44-45; che sarebbe caduta in suo potere 
qualora i Veneziani non l'avessero impedito, 144, 
1-3; per la pace conclusa col Visconti conserva il 
potere sui castelli e sul territorio occupato in quel 
di Lucca mantenendo libero il proprio (an. 1438), 
5-7; stabilita così la pan.-, ritira i suoi eserciti, 9; 
secondo i patti stabiliti, passa 1700 fiorini d'oro al 
mese ai Greci recatisi a Firenze con Eugenio IV, e 
inoltre l'alloggio e molte altre cose (an. 1439), 43- 
45; stringe alleanza col pp., i Veneziani, lo Sforza, 
Niccolò III d'Este, Guidantonio Manfredi e Pan- 
dolfo Malatesta, 145, 6-9; ritenendo gli abitanti di 
Modigliana suoi fidi amici, manda in loro aiuto 
soldati e munizioni (an. 1440), 14ó, 19-J1 ; riceve 
assicurazioni di fedeltà dagli abitanti di Modiglia- 
na, 24-25; per tradimento perde Modigliana e tre- 
cento soldati che aveva mandato in aiuto di quel 
castello, 147, 4; alleato coi Veneziani, tiene un 
forte esercito nell'Italia Settentrionale contro il Vi- 
sconti e pensa essere il Piccinino disceso in To- 
scana al fine di fare allontanare di là le milizie fio- 
rentine guidate dallo Sforza. 30-32; preferisce perciò 
che il nemico devasti e scorra il territorio, piut- 
tosto che ritirare le truppe dall'Italia Settentrio- 
nale, tanto più potendo supporsi che il Piccinino 
ciò vedendo, abbia a tornare lì donde era ve- 
nuto, 33-34; stipendia cinquemila fanti e mille ca- 
valli in Toscana a tutela d. suo dominio, 34-36; 
nomina Francesco da Battifolle suo commissario 
nel Casentino, 148, 16-18; per la fedeltà e devozione 
degli abitanti vorrebbe soccorrere i difensori di Ca- 
stel San Niccolò, ma per la difficoltà d. luogo ne è 
impedito, 32-34; avuta notizia d. vittoria riportata 
nell' Italia Settentrionale dalle milizie d. lega, spera 
che il Piccinino debba accorrere colà in aiuto del 
Visconti, perciò pensa ormai sicura la salvezza, 

149, 11-14; gli si dà PorCiano nel Casentino e poco 
dopo Castel San Niccolò ; onde si rianimano le spe- 
ranze, 14-16; si propone di richiamare lo Sforza in 
Toscana, 20-21 ; intercede pr. Eugenio IV perchè 
venga a un accordo coi Senesi, su una vertenza ri- 
guardante Bartolomeo Vitelleschi vesc. di Corneto, 

150, 5-6; stabilisce pace ed alleanza con Lucca per 
cinquantanni (an. 1441), 12-13; prende possesso di 



242 



INDICE ALFABETICO 



[Firenze] 



Borgo San Sepolcro pagando 22000 ducati ad Eu- 
genio TV, u-15: viene a patti con Antonio I de- 
gli Ordelatiì, 13; dissuade Eugenio IV dall'andare 
contro lo Sforza, giudicandolo pericolosa (an. 1442), 
151, 1-3; manda Bernardetto de' Medici amb. ad 
Alfonso a Napoli, ma Bernardetto è arrestato a Roma 
(an. 1446), 24-25; manda milizie in aiuto di Pontre- 
moli, 43; avendogli il Visconti scritto lagnandosi per 
questo, e minacciando pel caso che non le ritirasse, 
gli risponde confermando la pace e scusandosi, 152, 
5-8; manda un amb. a Venezia, 18-19; ha per suo 
cap. nella guerra contro il Visconti il march, di 
Mantova (an. 1447), 154, 10-11; manda a Ferrara 
amb. per trattare d. pace Neri di Gino Capponi e 
Bernardo Giugni, 25-26; raccoglie molte milizie e le 
manda sotto la scorta di Simonetto di Castel San 
Piero a campo a Cennina, 39-41; manda amb. a 
Napoli Giannozzo Manetti, 41 ; a Siena, Alamanno 
Salviati, a Piombino, Giuliano Ridolfi, 41-42; Al- 
fonso d'Aragona venuto sino a Orvieto dice di voler 
muovergli contro, 155, 24; e gli scrive di voler 
200 000 fiorini per risarcimento di danni ricevuti 
venticinque anni addietro, protestandosi fermo nel 
proposito di distruggerlo, 24-28; si affretta ad as- 
soldare milizie e ad imporre nuove imposte, 29-30 . 
è abbandonato da Simonetto di Castel San Piero, 
31-32; manda Giovannozzo Pitti e Bernardetto de' 
Medici amb. ad Alfonso V per conoscerne le inten- 
zioni, 33-34 ; Alfonso V si dichiara deciso a muo- 
vergli guerra come ad amico d. Veneziani e per 
aprirsi il passaggio in Lombardia, dicendosi tutta- 
via disposto a venire con esso ad accordi, ma a 
patto che abbandoni i Veneziani, si metta in lega 
con lui, gli risarcisca danni a lui recati altre volte 
e contribuisca alla spesa per la prossima spedizione 
in Lombardia, 36-46; manda Paolo da Diacceto e 
Mariotto Lippi amb. a Siena perchè non venga ad 
accordi con Alfonso, 156, 13-14; tratta più volte di 
pace con Alfonso, mentre i Fiorentini sono in armi 
pr. Castiglione della Pescaia, ma finalmente avendo 
il re proposti all'amb. troppo gravi patti, non se 
ne fa nulla (an. 144S), 31-36; Rinaldo Orsini, signore 
di Piombino gli chiede aiuti, 44 ; manda trecento 
fanti a Piombino con otto galee che poi tornano per 
vettovagliare a prò d. milizie che andavano in aiuto 
di Piombino, 157, 1-3; perde due galee prese da Al- 
fonso, il ; sollecita quanto più può la pace fra Mi- 
lano e Venezia allo scopo di volgere la guerra al 
reame di Napoli, in modo che Alfonso sia costretto 
ad abbandonare l'impresa iniziata contro Firenze, 
27-32; s'accorda con gli ambasciatori d. re di Fran- 
cia, per far scendere Renato d'Angiò con quat- 
tromila cavalli a conquistare il regno di Napoli, 
obbligandosi a sua volta a provvederne altri quat- 
tromila e inviando Giannozzo Manetti a Venezia 
per vedere d: far convenire anche questa in quei 
medesimi parti, 33-38; cerca trattar di pace col re 
Alfonso, ma non possono accordarsi nei patti, 46- 
158, 4; perciò prepara l'esercito con a capo Sigi- 
smondo Malatesta, per assalire il re, 4-7; è dato 
come aderente dai Veneziani nelle trattative con lo 
Sforza, è da costui dichiarato fideiussore d. pace, 
27-29; gli scrivono i Veneziani annunciando la pace 



da essi stabilita in Lombardia (an. 1449), 39-*°; 
manda perciò Luca degli Albizzi e Giovannozzo 
Pitti a Venezia per sapere le loro intenzioni e cer- 
• carne l'alleanza, 40-42; in suo nome Giovanni delle 
Treccie prende Castiglione della Pescaia, 43-44; ri- 
sponde a' Veneziani voler fare lega con loro, ma 
solo quando anche Francesco Sforza intervenga nella 
pace e stringa seco al eanza, 159, 5-7; riceve lettere 
da Francesco Sforza (an. 1450), 21 ; manda a Mi- 
lano quattro ambasciatori a visitare il nuovo duca 
Francesco Sforza e a rallegrarsi con lui, 23-24 ; manda 
ambasciator. a Venezia per trattare accordi con i 
Veneziani e il duca Francesco Sforza, 30-32; essen- 
dosi ; marchesi di Lunigiana portati via 1' un l'altro 
certi castelli, manda ad essi Giuliano Ridolfi, per 
accomodare le cose: e, non ubbidendo quelli, manda a 
Francesco Sforza perchè a sua volta vi spedisca ar- 
mati, 42-46; Alfonso V dice di voler conservare con 
esso la pace e lo minaccia, nel caso che dia ascolto 
a chi tenta suscitar guerre (lo Sforza), di cacciar dal 
suo regno tutti i mercanti fiorentini (an. 145 1), 160, 
30-41 ; i Veneziani gli si offrono pronti ad accettare 
i suoi patti pur di restare in pace ed alleanza, ma 
minacciano, nel caso che aiuti lo Sforza, di cac- 
ciare dalle loro terre tutti i mercanti fiorentini, 161, 
2-9; dopo alcuni giorni è affidato l'incarico di ri- 
spondere loro a Cosimo de' Medici, 9- 10; elegge am- 
basciatori ad Alfonso, Giovannozzo Pitti ; a Nicco- 
lò V, Donato Cocchi; a Francesco Sforza, Diotisaivi 
Neroni; a Genova, Guglieimino Tanaglia; a Venezia, 
OttoNiccolini; 34-37; si stringe in alleanza con Fran- 
cesco Sforza, 38; e coi Genovesi, 39-40; concede il 
salvacondotto per un anno all'imp. Federico III 
d'Austria, desideroso di venire in Italia. 41-44; con- 
cede un nuovo salvacondotto a Federico III senza 
limiti di tempo, né numero di genti per la e. e pel 
territorio, 162, 1-4; amb. dell' imp. gli annunciano la 
sua imminente venuta in Italia, con tutti i partico- 
lari, e chiedono che gli si preparino alloggi e vetto- 
vaglie e si eleggano ambasciatori per accompagnarlo 
a Roma, 10-17; gli lascia libero il passo; elegge tre 
ambasciatori ad andarlo ad incontrare a Ferrara e 
dodici e poi diciassette cittadini per fargli onore al 
suo arrivo, 18-22; richiesto di salvacondotto dall'amb. 
di Alfonso V, lo concede; lo nega invece all'amb. 
di Venezia, rispondendo dover prima parlarne allo 
Sforza e ai Genovesi, per seguire l'esempio dato dai 
Veneziani, 30-34 ; manda a significare a Siena il suo 
desiderio di mantenere la pace, 40-41 ; Federico III 
per non dargli troppa spesa, nega all' Imperatrice 
il permesso di raggiungerlo a Firenze (an. 1452), 
163, 26-27; manda quattro ambasciatori a fare scorta 
all'Imperatrice pel territorio fiorentino, 28-30; con- 
cede di nuovo il salvacondotto a Federico, 39-40; 
gli muove guerra Ferdinando d'Aragona figlio d. re 
Alfonso. 164, 22-25; avuta nuova che gli Aragonesi 
sono entrati in quel di Cortona, si eleggono uomini 
di balìa, si impongono e riformano imposte, in modo 
da riscuotere in t